• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Categories

Protecting the wolf… (& the sheeps) * proteggere il lupo… (e le pecore)

(images from the web – interview with F. Maggi responsible of WWF Ticino)

Il WWF Svizzera apprende con gioia della presenza di una lupa con i suoi cuccioli in Valle Morobbia. Ora tocca alle autorità: è urgente sostenere gli allevatori e proteggere le greggi.
Il WWF saluta l’arrivo della prima cucciolata di lupi in Ticino. Il ritorno spontaneo dei grandi predatori nelle Alpi è un fenomeno naturale e inevitabile, in atto già da decenni . Esso rappresenta un contributo indispensabile per il riequilibrio delle popolazioni di ungulati.

Il lupo è una opportunità per l’agricoltura
II lupo, come tutti i predatori,è un regolatore naturale della selvaggina. La sua presenza è una chance per agricoltura e viticoltura. Infatti l’abbandono di vaste aree alpine da parte dell’uomo, ha creato le condizioni per la crescita delle popolazioni di animali selvatici.
Di conseguenza ci troviamo ora confrontati con un numero elevato di ungulati che causano danni a boschi, colture e vigneti.
Il lupo, predando gli ungulati ma soprattutto modificando il loro comportamento, contribuisce a ridurne i danni. Non è un caso se la Società forestale svizzera, in una lettera datata aprile di quest’anno, destinata alla Consigliera Federale Doris Leuthard, si è detta favorevole alla presenza del lupo, sottolineandone l’importante funzione per le foreste.

Il fucile non risolve i problemi
In Ticino sono stati fatti finora solo timidi passi per gestire il ritorno del lupo, il cui arrivo era certo già dagli anni ’90. Il “Gruppo cantonale grandi predatori” dovrebbe essere più attivo. Per questo motivo il WWF lancia un appello alle autorità: è necessario attuare celermente le misure necessarie per promuovere la convivenza con i grandi predatori.
Dal profilo biologico il ritorno del lupo rappresenta un arricchimento a favore della diversità biologico.
Ma il WWF è ben conscio che esso può rappresentare una fonte di problemi
per gli allevatori delle nostre valli.
È necessario, pertanto, cercare una soluzione in grado di bilanciare gli interessi naturalistici e quelli agricoli: le greggi vanno protette meglio, come già viene fatto in altri cantoni e all’estero

Convivere con il lupo è un dovere, le soluzioni ci sono
Recentemente anche il Papa nella sua Enciclica ha ricordato che ogni
specie va protetta e preservata:  “possiamo lamentare l’estinzione di una specie come fosse una mutilazione”.
Il rispetto della natura e la conservazione delle specie è ormai un valore morale universalmente riconosciuto.
Il WWF invita le autorità e i cittadini a cogliere questa occasione per mostrare di essere degni di tale valore.

Per maggiori informazioni o interviste:
Francesco Maggi, responsabile WWF Svizzera italiana
Massimo Mobiglia, presidente WWF Ticino

.

HOMEPAGE_LOGO-HQ

.

In questo link trovate delle linee guida per la  Custodia, allevamento e utilizzo dei cani da protezione delle greggi  (italian language)

(cani pastori maremmani abruzzesi)

 

.

WWF Switzerland learned with joy of the presence of a wolf with her cubs in the Valley Morobbia (Ticino, south part of Switzerland) . Now it’s up to the authorities: it is urgent to support milk farmers and protect their flocks.

WWF welcomes the arrival of the first litter of wolves in Ticino. The spontaneous return of large predators in the Alps is a natural and inevitable, in place for decades. It is an indispensable contribution to the rebalancing of ungulate populations.

The wolf is an opportunity for agriculture
The wolf, like all predators, is a natural regulator of the game. His presence is a chance for agriculture and viticulture. In fact, the abandonment of vast alpine areas by humans, has created conditions for the growth of wildlife populations.
As a result we are now confronted with a large number of ungulates that cause damage to forests, crops and vineyards.
The wolf, preying on ungulates but also changing their behavior, helps to reduce the damage. It is no coincidence that the Swiss Forestry Society, in a letter dated April this year, for the Federal Councillor Doris Leuthard, were in favor of the presence of the wolf, underlining the important role for the forests.

The gun does not solve problems
Ticino has been made so far only tentative steps to manage the return of the wolf, whose arrival was not since the 90s. “Gruppo cantonale grandi predatori” should be more active. For this reason the WWF appeals to the authorities: it is necessary to quickly implement the necessary measures to promote coexistence with large predators.
From the biological point the return of the wolf is an enrichment in favor of biological diversity.
But the WWF is well aware that it can be a source of problems for breeders of our valleys.
You must, therefore, look for a solution that would balance the interests of natural and agricultural ones: the flocks must be protected better, as is done in other cantons and abroad.

Living with the wolf is a duty, there are solutions
Recently, the Pope in his encyclical reminded that every species should be protected and preserved: “we can lament the extinction of a species like a mutilation”.
Respect for nature and the conservation of species is now a universally recognized moral value.
WWF calls on the authorities and citizens to seize this opportunity to show that they are worthy of that value.

For more information or interviews:
Francesco Maggi, responsible for WWF in the italian part of Switzerland
Massimo Mobiglia, President WWF Ticino

Dog_sheeps

Leave a comment

13 Comments

  1. What a wonderful post! So good to see the wolves back, I have been fascinated by them since I was a child. They were hunted to extinction here….what a sad loss for all of us! xxx

    Reply
  2. Oh Dina, I’m afraid in Great Britain there won’t be any more wolves, not even the chance to get them back one day…
    The reason? Very simple… I was there couple years ago and I saw all over the country (going from Wales up to Scotland) huge amount of sheep, all color and size, completely alone!!! I didn’t see a singular sheep-dog or sheep-guardian (unless they were hidden somewhere of reach).
    This is a singular way to make money (wool and maybe some meat) without have expenses to guard the flock. All the poor animals we saw where left to themselves, sometimes in very scary places on top of the coast with the obvious dangers. Reintroduce the wolves means having control over the flock with watch-dogs or people… gather them in specific areas… and so on.
    This require a great money investment and unless there is some governments help, I don’t believe there is enough “compassion” and environmentalism among the flock’s owner to move toward having special watch dog like the Maremmans I showed in the pictures.
    Do you have any idea what environmentalists in the UK think about that?
    Have a lovely afternoon :-)c

    Reply
  3. equinoxio21

     /  October 9, 2015

    A nice blog. Totally in favour of the return of wolves. (il mio italiano non basta per capire tutto) I found interesting that the white shepherd dog, I assume is italian (Abruzzi?) looks very much like a berger des Pyrénnées.
    (There. I managed to mix three languages in on text. Tss.)
    Arrivederci

    Reply
    • The second part of the text is written in english… and yes, these are “maremmani abruzzesi” (Maremman’s dog from Abruzzo)… but very interesting is the quite very hard farming method, to get the dog used to the herd, detached from the love of a human, as the dog becomes the “devoted protector” of his flock… and there is no space for all the confort and tenderness a human can give him… 😦 c

      Reply
      • equinoxio21

         /  October 10, 2015

        Non sapeva. 🙂
        Kind of sad for the dog, isn’t it?

      • I think the dog is happier with the love he receives from his flock… when he get used to it, for him is a gratifying responsibility… but I’m not really good with dog’s psychology, sorry!

      • equinoxio21

         /  October 12, 2015

        It’s all right. Dogs tend to have a happy and responsible nature. 🙂
        (As long as there’s food and water on the plate)
        re-:)

  4. Interessante. Il fatto che certi animali ritornino nella Alpi e in questo caso vicino a noi è una buona notizia. Fra l’altro proprio il lupo mi ha sempre affascinato. Ma come persona che ama camminare nei boschi, passeggiare nella natura penso sarebbe utile ci fossero da parte di chi ne sa di più, immagino WWF in questo caso istruzioni di comportamento per evitare incontri troppo ravvicinati, o almeno sapere come comportarsi. Oltre alla sopravvivenza del lupo o dell’orso sarei interessato anche alla mia 🙂
    Ho saputo per esempio che in alcuni parchi USA i rangers tengono briefing ai turisti su questo, con mini corsi. In certi parchi d’Alaska sono addirittura obbligatori per avere il permesso di entrarci. Saper cosa fare e soprattutto cosa non fare credo sia importante. Non so se ci sia qualche cosa di simile anche da noi, questo post mi da l’occasione per una ricerca al proposito. Grazie
    robert

    Reply
  5. Grazie Massimo,
    leggerò le pagine che mi hai lincato.
    robert

    Reply
  6. Ogni animale, anche il più feroce, è parte di un delicato equilibrio naturale. Senza, la nostra amata terra potrebbe solo soffrirne.
    Un sorriso per una serena giornata.
    ^____^

    Reply
  1. We stole their land, their home… | Claudine Giovannoni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: