• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

London

Actually, between 1985 and 1997 I had been hundred of times in London! When flying with the Airbus 310 (Swissair), the night’s stop in LHR were the great occasion to visit the city and attend to many musicals, or classical music concerts. I loved (and still love) London! It’s a cosmopolite city, full of interesting places to visit, without getting bored.

My daughter Sara Luna (for obvious reasons related to the Harry Potter saga) wished to see London, Station King Cross’s platform 9 3/4 and much more. The 2018 year-end holidays were the perfect opportunity! For me it was also the opportunity to meet Marianne… whom I had long wanted to meet in person. Unfortunately, Dina and her husband could not reach us because their lovely Sam was sick and had urgent surgery,  I was very sorry, but I’m sure there will be other occasions. England is a nation to be discovered… and you never have enough of it (Brexit apart)!!!

The best way to take advantage of London is to take the “Oyster Card or the London Pass”. However, we walked about 10 km each day (on Christmas day, we walked for 17 km especially in the Parks and along the Thames), since the weather was mostly cloudy but not cold, we enjoyed sightseeing.
More or less, this was our itinerary day after day: December 23dt from the metro station Oxford Circus towards Soho and Carnaby Steet with all the lovely phrases in neon colors from the “Bohemian Rapsody”. We walked quite long along the small ways to find a place to eat; finally, we got to the Wagamama a chain restaurant with good Asiatic food.
Next day December 24th we arrived at Green Park and through the park which bears the same name, we arrived at the Buckingham Palace to assist at the “changing the guards”. It was awfully crowded, almost unbearable with people pushing around to get a better place to see the guards coming by feet preceded by police on horses. I guess 30 years ago there weren’t so many people, or maybe, the visitors were less rude… We walked then through St. James Park with the enchanting many ducks of many types, black and white swans and a lot of squirrels. I love it! Just as I remembered the many times I was eating some food inside  Hyde Park (as well full of small animals), near the Hotel Sheraton Kensington where I used to have my night-stop. From the Trafalgar Square, a few minutes walk, we’re at the Saint Martin-in-the-Fields Church. This is a well-known church because of his Chamber Orchestra bearing the same name. From there, we reached Covent Garden with its lovely shops and stalls with all kind of stuff from antiques to original handmade curiosities (but not as special as Portobello). We did stroll around the river banks of the Thames; we reached Westminster Abbey (which was actually already closed) and unfortunately, the Clock Tower was wrapped for refurbishing. From there, over the Westminster Bridge, we saw London Eye.
On Christmas day, the city was “shut down” without public transportation, we had to take a cab to reach downtown.
No way to enter St. Paul Cathedral for the mass, it was packed with 2.500 people (since it was quite late)… the only way to see the interior without having to pay the fees!
From there, we crossed again the Thames from the Millennium Bridge: I was quite thrilled by the crazy idea of some artist to paint the chewing gums which were on the pedestrian walk… well, in truth, it would be a lot better if people wouldn’t throw them on the floor since these not only appear disgusting, but chewing gums are as well dangerous for animals! Since the Tate Modern was closed (as well as all the rest points of interest) we took a really long walk along the Thames which was a quiet moment, because only fewer people were as well strolling around (or maybe on Christmas day, the locals prefer to stay home). We saw the HMS Belfast and after we crossed again the river on the huge massive Tower Bridge and followed the river on the other bank towards Somerset House, Lyceum Theater and Royal Opera House. Quite tired we finally decided to take a cab back to West Hampstead at the B&B “Charlotte Guest House”.
On December 26th, again we ride the tube to Piccadilly Circus and the Palace Theater where, for a few years, it’s on the billboard “Harry Potter and the cursed child”… unfortunately, the same thing as the Warner Bros. Studio London, you need to buy tickets months ahead! Massimo and the kids went to see Madame Tussaud for a couple hours (I was there twice, more than enough); later we hurried to the Lyceum Theater for the Musical The Lion King… which was really amazing and spectacular.
On December 27th we walked around West Hampstead to find a post office, we got, by the way, the opportunity to stop at a bookstore (ah the joy of real books!) where son and I did some buying. We reached the Blavatnik Building and the Tate Modern Art Gallery; from the top floor, we could take some lovely pictures of the city. In a Gallery, you know, you can spend a whole day, so we had to hurry up to meet Marianne at Chancery Lane (Sir Christopher Hatton). Meeting her, after so many years was thrilling and I was so abashed to realize it was like I was knowing her since always. These are the extraordinary things happening thank’s internet.

The penultimate day, on the to-do-list, was the Sherlock Holmes House and museum, which was especial, but the one most exquisitely enchanted, was my daughter since she is a movie’s specialist, saw all the episodes and films. After we went to see the “City” where are all the high skyscrapers and very modern buildings (husband and son had their adventure). Next was King Cross Station and the famous platform 9 3/4 from the Harry Potter Saga; but daughter didn’t want to take a picture with the trolley going trought the wall… but rather she spent quite few minutes inside the shop. Next stop was The House of Illustration and near by we had dinner in a trendy restaurant nearby. We were expecting much from the night: a concert at the Barbian Hall (Beethoven Piano Concerto Nr. 5 and Emperor Nr 9) unfortunatelly didn’t turn out our expectatives, the pianist was “much too light” and the chorus “over the lines”. Still, is a personal judgement…
The last day, December 29th, we had just time for a turn-around for shopping: Green Park, The Ritz, Floris Fragrance shop, Fortum & Mason, Selfridges and Harrods…. and then, unfortunately, the time was over.

The last joke: Airport LHR – security control.
Did you know? It may seems a stupid joke but a muslim Security lady , with niqab and an awful makeup good for a disco drag-queen, considered the pots of marmelade to be “liquids”… (I buyied them from Fortnum&Mason).
Actually, maybe I’m wrong, but for me “liquid” means “fluid” and marmelade is “solid”.
It looks like that for the muslim officer is different, or maybe she only was frustrated of her job and wanted to show her “woman’s-power”, the one which isn’t allowed in her culture.

 

 

 

 

(inserire foto)

 

 

 

 

In realtà, tra il 1985 e il 1997 ero stata centinaia di volte a Londra! Quando volavo con l’Airbus 310, il lay-over degli equipaggi Swissari a LHR era la grande occasione per visitare e vedere molti musical o concerti di musica classica. Ho amato (e amo ancora) Londra! È una città cosmopolita, piena di luoghi interessanti da vedere, senza mai annoiarsi.

Mia figlia Sara Luna (per ovvie ragioni legate alla saga di Harry Potter) desiderava vedere Londra, il binario 9 3/4 della Station King Cross e molto altro. Le vacanze di fine anno 2018 sono stata la perfetta occasione! Per me è stata anche l’opportunità di incontrare Marianna… che da tempo desideravo conoscere di persona. Purtroppo Dina e suo marito non hanno potuto raggiungeci poiché il loro Sam ha dovuto avere un’operazione d’urgenza, e questo mi è molto dispiaciuto, ma sono sicura che ci saranno altre occasioni. L’Inghilterra è una nazione tutta da scoprire… e non ne hai mai abbastanza (Brexit a parte)!!!

Il modo migliore per approfittare di Londra è quello di prendere la “Oyster Card opppure la London Pass”. Comunque noi abbiamo camminato circa 10 km ogni giorno (il giorno di Natale, abbiamo passeggiato per 17 km soprattutto nei Parchi e lungo il Tamigi), dal momento che il tempo era prevalentemente nuvoloso ma non freddo, ci siamo goduti le attrazioni.
Più o meno, questo era il nostro itinerario giorno dopo giorno: il 23 dicembre, dalla stazione della metropolitana di Oxford Circus verso Soho e Carnaby Steet con tutte le belle frasi in colori al neon del “Bohemian Rapsody”. Abbiamo camminato piuttosto a lungo lungo i piccoli modi per trovare un posto dove mangiare; finalmente, siamo arrivati al Wagamama una catena di ristorante con buon cibo asiatico.
Il giorno 24 dicembre, siamo arrivati alla fermata di Green Park e attraverso il parco che porta lo stesso nome, siamo arrivati al Buckingham Palace per assistere al “cambio delle guardie”. Era terribilmente affollato, quasi insopportabile con persone che si spingevano intorno per trovare un posto migliore per vedere le guardie che arrivavano a piedi precedute dalla polizia sui cavalli. Immagino che 30 anni fa non ci fossero così tante persone, o forse i visitatori erano meno maleducati… Andammo poi a St. James Park con le innumerevoli anatre di molti tipi, cigni bianchi e neri e molti scoiattoli. L’ho adorato! Proprio come ricordavo le molte volte che avevo mangiato un panino nel Hyde Park (anche quello pieno di piccoli animali), vicino all’Hotel Sheraton Kensington dove avevo la mia sosta notturna. Da Trafalgar Square, a pochi minuti a piedi, arriviamo alla chiesa di Saint Martin-in-the-Fields. Questa è una chiesa ben nota a causa della sua orchestra da camera che porta lo stesso nome. Da lì, abbiamo raggiunto Covent Garden con i suoi bei negozi e bancarelle con ogni genere di roba, dall’antiquariato alla curiosità originale fatta a mano (anche se non così speciale come Portobello Market). Abbiamo fatto una passeggiata fino al Tamigi; abbiamo raggiunto l’Abbazia di Westminster (che in realtà era già chiusa) e sfortunatamente la Torre dell’Orologio pure chiusa, impachettata, per essere restaurata. Da lì, oltre il Westminster Bridge, abbiamo visto London Eye.
Il giorno di Natale, la città era “spenta” senza i mezzi pubblici, abbiamo dovuto prendere un taxi per raggiungere il centro.
Non c’era modo di entrare nella cattedrale di St. Paul per la messa, era pieno di 2.500 persone (dato che era piuttosto tardi)… l’unico modo per vedere l’interno senza dover pagare l’entrata!
Da lì abbiamo attraversato di nuovo il Tamigi dal Millennium Bridge: ero abbastanza eccitata dalla
folle idea di un artista di dipingere le gomme da masticare che erano sulla passeggiata pedonale… beh, in verità, sarebbe molto meglio se la gente non li buttasse sul pavimento poiché questi non solo appaiono disgustosi, ma le gomme da masticare sono anche pericolose per gli animali! Dato che la Tate Modern era chiusa (così come quasi tutti i punti d’interesse turistico) abbiamo fatto una passeggiata lungo il Tamigi che era un po’ più tranuqillo del solito poiché c’erano meno persone a passeggio (o forse il giorno di Natale, la gente del posto preferisce rimanere casa). Abbiamo visto l’HMS Belfast e dopo aver attraversato di nuovo il fiume sull’enorme massiccio Tower Bridge e seguito il fiume sull’altra riva verso Somerset House, il Lyceum Theatre e la Royal Opera House. Abbastanza stanchi abbiamo finalmente deciso di prendere un taxi per tornare a West Hampstead al B & B “Charlotte Guest House”.

Il 26 dicembre torniamo in metropolitana a Piccadilly Circus e al Palace Theatre dove, per alcuni anni, è sul cartellone “Harry Potter e il bambino maledetto”… e sfortunatamente, la stessa cosa dei Warner Bros Studio London, devi acquistare i biglietti con mesi di anticipo! Massimo ed i bambini sono stati a vedere Madame Tussaud per un paio d’ore (io ci ero già stata due volte e mi era sufficiente); più tardi ci siamo affrettati al Lyceum Theatre per il musical The Lion King… che è stato davvero incredibile e spettacolare.
Il 27 dicembre abbiamo girato West Hampstead per trovare un ufficio postale, abbiamo a proposito avuto l’opportunità di fermarci in una libreria (ah la gioia dei libri veri!) Dove io e mio figlio abbiamo fatto qualche acquisto. Abbiamo raggiunto l’edificio Blavatnik e la Tate Modern Art Gallery; dall’ultimo piano, abbiamo fatto delle belle foto della città.È per scontato che in una galleria ci puoi passare un’intera giornata, quindi nel tardo pomeriggio abbiamo dovuto sbrigarci a raggiungere Marianne a Chancery Lane (Sir Christopher Hatton). Incontrarla, dopo tanti anni è stato elettrizzante ed ero così imbarazzata da rendermi conto che era come se la conoscessi da sempre. Queste sono le cose straordinarie che accadono grazie a internet.

Il penultimo giorno, nella lista delle cose da fare, c’era una visita alla Sherlock Holmes House e museo, che era speciale, ma quella più squisitamente incantata era mia figlia da quando è specialista di  film, lei ha visto tutti gli episodi e i film del famoso detektiv. Dopo siamo andati a vedere la “City” dove ci sono tutti gli alti grattacieli e gli edifici molto moderni (marito e figlio hanno avuto la loro avventura). Poi c’era King Cross Station e la famosa piattaforma 9 3/4 della saga di Harry Potter; ma la figlia non ha voluto fare una foto con il carrello che attraversava il muro… ma piuttosto ha passato svariati minuti all’interno del negozio. La tappa successiva è stata The House of Illustration e nelle vicinanze abbiamo cenato in un ristorante alla moda. Ci aspettavamo molto dalla serata: un concerto al Barbian Hall (Concerto per pianoforte di Beethoven Nr. 5 e Imperatore n. 9) sfortunatamente non ha appagato le nostre aspettative, il pianista era “troppo leggero” e il coro “oltre le righe”. Sebbene questo sia un giudizio personale…
L’ultimo giorno, il 29 dicembre, abbiamo avuto il tempo per un giro di shopping: Green Park, The Ritz, Floris Fragrance, Fortnum & Mason, Selfridges e Harrods…. e poi, sfortunatamente, il tempo era finito.

L’ultimo scherzo: Airport LHR – security control.
Lo sapevate? Può sembrare uno stupido scherzo, ma un’agente della sicurezza (donna musulmana) con tanto di niqab e un trucco orribile più adatto per una drag queen, ha considerato i vasi di marmellata come “liquidi”… (comprati da Fortnum & Mason).
In realtà, ma forse mi sbaglio, per me “liquido” significa “fluido” e la marmellata è “solida”.
Sembra che per l’ufficiale musulmana sia diverso, o forse era solo frustrata dal suo lavoro e voleva mostrare il suo “potere di donna”, quello che non è permesso alle femmine nella sua cultura.

 

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in the spring of 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 49,764 hits
%d bloggers like this: