• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Purity of the rain…

  • Categories

Desert Dunes * Dune nel Deserto

** Testo in lingua italiana in fondo  **

The look runs, following the thought’s outlines, driven down from the barren hill rolls up to reach the shores of the lake. On a late winter morning that still has the bitter taste of coffee, sipped with pleasure; it’s a new day in which the mind trapped in this body, will find its limits, fears… and will compare against the ancestral muse.

But for me everyday it’s like that. Rays imbued with soft amber, injure the eyes that shouldn’t look at those shiny swords made of flickers and dances among the palms’ branches.

But how to hold on your thought? It flies, fast, beyond the lake’s shores that now quiet as a mirror of slate, also disdain the wind blowing. Then passes through time and space, escapes to rummage through where memories are waiting of being awakened and then led out by the hand. Crosses the boundaries dictated by human dimension, there beyond, the infinite space of perceptions oblivious of constituency. Thus radiant, so hungry to relive feelings, the thought pushes me to grasp the emotion and then throw my conscience into the cheering arms of a dream of the past.

At first I rebelled, then I let myself be seduced by the sweet and passionate numbness that only the thought knows how to transmit. I smile to myself, aware, once again, to give in too easily to its flattery that inevitably bring me back to suffering. Every memory, carries with it the ineffable duality of good and evil. Both traces marked into focus on the skin of all Beings, sometimes handled inconsistently since they do not follow the course of virtuous wisdom but to the dissolute and disrespectful of the Passion. We are unable to learn from the mistakes of the past, we tend to always persevere in the dullness in a pattern that we carry saddled to our spirit… But already the thought starts to fly with the proper dignity of its nature, I abandon myself for a moment in a initial panic but then, as light as the inconsistency of the air, I grab it holding me clutched to its many nuances…

I close my eyes, I entrust to the its scent of fear and boundless pleasures as oblivion and peace of mind penetrates into myself. Then the memories of previous lives returns, scenes ever forgotten from my mind assume consistency; slowly I let myself enthrall, drag and gently fall asleep.

And in the dream, the sun arabesque the coolness of the palm trees embroidering on the sand long shadows. Resurface the horses with the manes to the wind and the knights-errant owners of the endless stretches of sand.

I observe the scene from a respectful distance, trying to hide the face with the long blue gauze wisely wrapped around the head. A single tiny slit, so that the eyes can look with marked amazement and curious admiration.

I should not be here. I was banned several times to move up the east bank of the Euphrates in search of hidden treasures. But my rebellious spirit makes no compromises, the pungent desire of escape and emotion is the price with which to pay a life of luxury and quirks between marble’s walls of the palaces with thousand rooms.

I’m what I’m, blessed with noble rank, but in these places I’m just a woman, who in the eyes of my people means submission.

The breeze has turned into piercing wind that with each gust fills with sand the folds of my dress, blinding me. But it’s too exciting to watch the riders, hear their cries praise “bism Allah” and “Allah Akbar” (God is great) I feel as if paralyzed and my eyes follow the frantic racing horses. Freedom at last! This sublime indescribable feeling that can’t be bought or bargained for, but rather only conquered with determination… and sometimes with death.

Higher than human flattery, above the leaden clouds surrounded by scarlet flashes, twirl in elaborate performances of perfect majesty the Saker falcons.

Their masters, the falconers, solemnly observe them in their sophisticate robes embroidered with gold and silver, the left arm covered with a special thick skin glove on which the birds of prey rests when they are called.

Everything looks wonderful in my eyes, of inquisitive and intriguing nature, aware that my presence can be discerned and condemned.

I’m still believing myself well hidden behind a thick bush of tamarisk, but with dismay I realize that one of the  raptors start circling right above my head. Without having time to make myself perfectly aware, the hawk swoops down stabbing with naturalness his claws into my shoulder. Frightened and in pain, I get up with one sudden snap, but the Saker falcon doesn’t give the impression of wanting to give up its prey albeit too big to vaguely resemble a wild rodent. Panicked of not being able to detach the bird from my flesh, I get upset and I find myself out of the bush into the open.

– Who are you! Answer me, I order you!

A male voice mighty thunders. I try to hold back a cry of terror and while turning the head I found myself in the presence of a thin gray horse with his rider armed with a saber.

– Why are you spying on us? No one is allowed to enter on these lands, all as far as your eyes reach, belongs to the Caliph al-Musta’sim.

The man looked at me with tar’s semblance eyes. The thick dark beard, well cared for and shiny, makes it look even more menacing.

– Have scorpions bitten your tongue? Or you don’t you know my language?

I’m staying still, trying in some way to protect my face from the sandy wind. The hawk is always clinging to my arm and no way to remove him. A few minutes later comes another rider who keeps tight Nazir al-samt’s rein, my capricious horse.

– I see that Nisibis want to adopt you! You must be a very brave young… my hawk has never behaved like this before. And this is your horse? Answer me! That’s an order otherwise I’ll have to kill you.

I feel dazed aware that this time I can’t just run away to go to take refuge among the arms of my father, the Caliph. I try to stay calm, I change my voice when I left the bush of tamarisk:

– My name is Khalid, I haven’t done anything wrong. Seeing you arriving I hid myself and I let loose Nazir al-samt.

The horse neighs slightly and gives a strong tug on the reins to try to get rid of. The saker falcon, however, doesn’t let go even thought, oddly, he no longer uses his claws but he’s simply resting on the shoulder and I occasionally perceive his head rubbing against the turban concealing my real features.

– Ah, I see it’s love out of the blue. Nisibis doesn’t want to leave you… I think this is somewhat a peculiar behavior, Khalid. Are you sure you’ve never seen before my falcon? It’s not normal that a falconer is ignored by “his” protégé. Nisibis is the most skilled and valuable of my Saker falcon. Of all the land between the Tigris and Euphrates rivers there is no equal bird of prey!

I realize that the man is wounded in his pride, with a gesture of annoyance he throws his glove on the ground and walks to his horse.

– Come Khalid. Grab your horse, we go back to town… try to set free Nisibis… basically he has wings and I find it ridiculous that he should be perched on your shoulder while you ride!

There is a tone of mockery in his voice, little by little I realized that this man can be very dangerous. They don’t take rivalry and he’s certainly of noble blood. But I hadn’t ever seen him at my father’s court, because apparently I’m not allowed to stroll around when there are men. This formality has always annoyed me, even more now that I can’t really know who I had in my presence.

The coal’s eyes alights above mines, a grim and severe look that penetrates to my bones. But the man is fascinating, however, I observe him as he rode with dexterity along the crest of the dunes windswept which has risen again. His embroidered clothes with sun and moon are shining in this day that has marked my meeting with Nisibis. At this time I cann’t imagine that the friendship that I would have tied to the Saker falcon would be indissoluble until death would be supervening.

Since Nisibis doesn’t want to get away from my shoulder-perch, the coal-eyed man feels obligated to intervene. He puts on the head of the bird of prey a small leather hood and gently detaches him from my shoulder.
– I hope heI didn’t hurt you too deep, let me see!

With a leap I can avoid his hands which almost grab me: all I need is to remove the tunic! They would have noticed that I’m not a boy, but a woman. I could risk of being stoned and murdered, without having a way to explain who I truly was and why I was among the desert’s sands.

With trembling hands I hold on to the mane of Nazir al-samt, the poor beast is very excited and I feel his fear turned into tiny droplets of sweat on his nose and the lower part of the neck. The eye is dilated and alert, the ears are slightly lower and from the nostrils comes out excited puffs. I gently caress him, detaining me on the head between the ears:

– Be good, my darling one – I whisper him lowering down to touch his mane with the turban – it’s all right, we now return home. I think this time my father will give me a fine free-kick… damn, damn my curiosity I dare not think how he will be angry.
During the journey back into town I know better than uttering a word, I fear the wrath of the man and on the one hand I’m curious about his falcon Nisibis. It was almost the sunset and the air became crisp whilst along the Euphrates can be seen boats with deployed sails and some barge carrying construction material and huge bundles of raw cotton to the Persian Gulf. The temptation to stop and take a refreshing bath is very big, but afraid I continue to follow the caravan trying not to lose their rhythm.
Arrived at the Caliph’s palace, the coal’s eyed man yells at me to dismount. The palace guards came up and take our horses, one of them looks strangely at Nazir al-samt rubbing his eyes:

– Hey, that son of a gun… but this is one of the horses of Caliph al-Musta’sim stables! But what is he doing with the falconers out of the stable? No, it can’t be, surely it is a misunderstanding!

– Your Excellency … – the coal’s eyed man bowed in front of my father while I writhe the hem of my robe looking desperately for a possible excuse to be taken for the protection of my behavior.
– Prince Aziz, come on, avoid that bowing and scraping. I don’t have time to waste on trifles, my daughter Samirah has disappeared from the palace! And she is missing from this morning, all my men are desperate to find her. They searched every corner of the court, gardens, aviaries and horse stables. Moreover it seems that even her favorite horse has fled with her. I ask Allah’s protection on my line!
The poor Caliph crouches over the myriad of pillows that are scattered everywhere in the great audience hall, holding his head in his hands and staring into space.

– Your Excellency… I’m very sorry for this misfortune, surely Allah watches over your Family, Your Excellency!
“The man with the eyes of coal is therefore a prince! The Prince Aziz son of the powerful ally of my father, the Caliph Izmal al Ben Saffid ”

I feel like sinking into a flood of thoughts when suddenly I hear a flurry of wings and then I perceive the well-known narrow claws on my shoulder. Taken from the heat, I forget “who I should have been” and I ignore the serious situation in which I gotten myself into.

– Nisibis! There you are again escaped from the falconer, you really want to throw me in a lot of troubles. But do you realize? He is a prince

I can’t finish the sentence because two powerful hands lift me a few feet off the ground and then, in mid-air, take me to the presence of the Caliph. But the reaction of the hawk to these events is rather bizarre: as if to protect me, he pounced with beak and claws against my jailer throwing piercing shrieks. In all that pandemonium my father finally notice the presence of a figure the whole wrapped in blue cloth, on whose shoulder after a first attack, the beautiful Saker falcon went gently back to rest.

– Prince Aziz, who the hell is this apparition? Who is the young owner of this magnificent specimen of a hawk, so devoted to defend him in this manner?

The coal’s eyed man stammered something softly and then with a mighty voice he adds:

– It ‘s definitely a foreigner, perhaps a spy, he was hiding in a bush and was watching my moves and those of other falconers. I just know that he’s called Khalid, but did not tell us anything else. It is not his hawk in fact is my Nisibis but apparently this noble bird of prey prefers him to me!
His voice is indignant and I have to stop myself from laughing.

His hawk but since when has the man the right of ownership over a free and majestic creature? Well, not because now I feel Nisibis’ nails of on my shoulders, but I do believe that a bird of prey can choose his master… if he wants to have one”.

The Caliph is watching me with a grim look, this time I don’t try to avoid it, and finally my eyes stare intensely into his. At first, I notice a slight tremor of his mustache, then hands that were quietly drawing circles in the air will tend towards me :

– That son of a gun! I knew that my wife was stubborn, curious, intriguing , disobedient… I could even doubt that my unfortunate daughter had at least partly inherited these lowly qualities. But this time… this time… I swear on the Koran that is not gonna get away. S m i r a h ! May I know what the hell you have in state of the brain?

My father had made ​​a couple of steps closer but suddenly stopped: Nisibis had ruffled his feathers, spread his wings in the maximum amplitude and screamed like crazy. It was enough to create around me a nice emptyness a few feet in circumference, the hawk would put between me and any person who had even tried to touch me.

For a incalculable moment, time seemed to freeze, prince Aziz’ face was livid, he only managed to stammer:

– Khalid? Nooo, not a young boy… but he’s a… a woman! The Princess Samirah! What disdainful behavior! Which ostentatious arrogance… by a woman… a woman!
In response to his slurred, I take off the turban quickly releasing my amber hair in the light of the lanterns that illuminate the room. I try not to laugh and I avoid my usual stinging jokes, my eyes full of pride is veiled for a moment at the thought of my mother dead since few months.

– Father, forgive me. I have gone beyond the control of the palace guard adopting this disguise, I take all the blame and I don’t want them to be punished. As for the rest, only I moved away from the city a little bit following the falconers. You know what I’m curious but certainly I would come back long before the sun goes down only if this friend of yours, Prince Aziz, he hadn’t taken me prisoner. He was angry because of his hawk, but I think it is right that the raptor chooses his master… it’s more convenient, really! So it was also with Nazir al-samt, remember father?

The Caliph absorbed listen to my words. My father is a very powerful man but also insightful and fair. I was conscious of having committed a serious mistake and I knew that I should be punished for this. But my father’s wisdom would also have found a solution to the pissed Prince, which to me is not at all friendly. A sort of subliminal communication with the hawk Nisibis dictates to me prudence: now I was afraid that Aziz could recover the hawk by force and it was my intention to prevent it, at any cost.
– Father, I beg you to allow me to reach my rooms. Actually I’m tired and the emotions of the day have worn my soul. I apologize… I’ll receive tomorrow your punishment.

I walk over and kiss my father on the cheek.

– Hmmm, okay. Be that as Allah has provided, Samirah. So tomorrow we’ll talk about, although I realize that since your mother died, in this family seems I don’t count anything.

The voice of the Caliph is sad and sincere and I feel a pang of grief, I take his hands in mine whilst I whisper softly in his ear:

– I miss mother too… but I feel that she’s still here with us, I don’t know why but today I feel her presence with even greater intensity. Forgive me father, I would like to be the son that you have longed for… I understand that a daughter is not of great help to you but I’m glad you understand me… good night!

I walk away patting the head of Nisibis, and feel the penetrating gaze of Aziz through my flesh. He smiled, mischievously, but behind that white teeth, I’m sure is hidden a treacherous nature of a unscrupulous, greedy and ruthless predator. I shudder at the thought of facing him in the darkest night, even though I now have a reliable bodyguard : the saker falcon Nisibis who has chosen me as his new master.

Reached my rooms I call my favorite servant:

– Sibilla, please, put some guards as well on the terrace and double those on the entrance.

I smile while I’m certain that the night would elapse without unwanted appearances, but with the Prince Aziz and his men is better to be on the alert. I feel obliged to protect Nisibis, as he already protects me. This is love and faithfulness, for the first time in my life I’m responsible for a living creature that needs my help, a bit like with my thoroughbred Nazir al-samt… even if my horse is quite capable of defending himself! Or maybe not? Of course it depends on the context and of the dangers that may come in his path.

Exhausted I let Sibilla help me to undress, a pair of servants prepare me for the night while others lay on the low table fresh fruit and a mint tea with spices. After I washed, redressed and refreshed, I put splipped under the silk covers.

– Good night Nisibis! May Allah protect your sleep!

The Seaker falcon ruffles and puffs out his feathers, he emits a slight trill and looks at me from the side of my canopy bed.

– See, it’s best that you stay there on that support, I don’t think you may like to have a pillow under the head. Amused, I smile, trying to imagine a hawk who falls asleep on my pillow. But little by little the lights are even dimmed; the aroma of burned sandalwood and myrrh in the censer, expand fragrances which reconcile my sleep, my body is relaxed in the meantime I feel safe, than I soundly fall asleep.

The next morning, a catty ray of sunshine slips between the cracks of the heavy damask, in the dim light I can see the outline of Nisibis.

– Good morning, my precious! Did you sleep well? Nice to have you here beside me! I have had wonderful dreams, feeling so secure because of your presence. I figured I fly with you beyond the boundaries dominated by my father, I fantasized about reaching the sea and fly over its immeasurable surface. Have you already seen the sea, Nisibis? Did you find out what lies beyond its borders to the south? They told me of other vast deserts, of immense stone constructions built by men… similar to the mountains. Nisibis Oh, how I wish I could fly through the ether to see all these beautiful places!

I shut up, doubtful that the hawk could understand me as a kind of anguish is born in my heart. Why does my father keeps me locked up in this huge building? I would like to travel the world, follow the caravans that go to Samarkand to buy spices in exchange for gold, fragrant resins and other trade goods. But my father, the Caliph, he don’t even want to hear my thoughts. He strictly adheres to what is required by the ancient laws of the Koran and then the woman is not allowed to conduct the same kind of life authorized to men.

Already it was difficult to argue with him about my future: he set out to marry me before the end of the year with a prince son of a friend of his who owned a huge amount of lands and cities to the north of the country, all the way up the mountain ranges that house the white snows. I asked for time, I feel too young to get married, after all I am only 17 years old. I look with eyes full of tears, my new friend, but now he’s there, Nisibis my beloved falcon to listen to me.

– You know, things got even worse after the death of my mother, Nisibis. Mom at least listened to me and she understood. See, in my heart, however, I’m convinced that she didn’t approve everything that dad decided. I read the pain in her eyes and many times it was wonderful when we could both ride out of the property and although there were always too many soldiers following us, we could occasionally with a subterfuge escape their control. I miss my mom, Nisibis. You would’ve liked her! She also loved animals… she had left broaden large aviaries so that the pigeons would feel at ease. Many times we opened the doors and all the birds came out in the wild, it was wonderful to see them circling in the sky, even though they always came back because they felt more secure behind their aviaries.

I look at my new friend with the critical eye.

– Yeah, forgive me Nisibis, I know that you are a bird of prey… but I also learned the Law of Nature! God has provided so that each animal had its place on this planet. Be done Allah’s will. The animals only kill to feed on or to protect their offspring, then applies the indwelling instinct in animals. While the human being kills without reason, the men act very poorly against their own offspring and against their fellows. They are at war killing without reason, and only for greed and desire for power. This is evil, it’s shameful and should be punished. My father says that the law of Allah is well and good, but then why does evil exist? Why there is pain? Why men do not know how to love one another as if they were all brothers?

The hawk moves away from the perch on which he slept, and with a pair of wing beats was approaching Samirah. Leaning with dexterity on the edge of the bed while the young woman moves the canopy’s gauze, looking with curious eyes by moving the head a few degrees with surprise and at the same time curiosity. Then as if it were the most normal thing on this earth, he opens his wings and from his slender body comes a melodious and sweet voice:

– Samirah, fear not. I’m not simply a Saker falcon, Princess, but I have special powers… I knew your mother. It really was a beautiful woman, but you’re still more, believe me. Everything you just said it burns like fire in my heart. But it is not all revealed! Every living thing follows a distinct path, this for good men and bad ones, but also for the animals of the earth, water and air .

I rub my eyes in disbelief, I swallow a couple of times before I could speak again.

– Hey, but you’re talking! It isn’t possible that you can speak my language…

“Maybe I have a fever”… I think to myself, trying not to scream out a little for joy and of fear. I wait for a long moment, as I look deep into his eyes, that in response Nisibis turns the head in the other direction.

– Come on, Princess. You have always known that animals talk, many times, however, humans are too involved in their problems and their selfishness to be listening to us. So what? What do you want to do? Stay here all morning looking at me with that stunned face? I thought you wanted to go on adventures! Do you trust me? So hurry up… remember, however, one small detail Samirah, only YOU can hear my voice … So it’s better if we keep this thing hidden, it will be a secret just for you and me, you promise me?

Certainly it was the most amazing thing I had ever imagined: my Nisibis is a speaking hawk and maybe he’s hiding me some other secret… but now I don’t want to disappoint him, he talks about “adventures” and that’s what I think of too often!

– Are you happy to be with me?

I whisper softly while approaching my hand to pet him on the head.

– Ahhh, because you doubt that it was myself who had chosen you as a friend? Samirah, intriguing little Princess! See what I mean when I say that sometimes men are too absorbed by other trifles? Your problem was that you were caught spying falconers, so you couldn’t hear what I’ve been revealing you. Well, today is a new day, we look to move before all the servants and all the guards are wandering through the palace. Even with that dude Prince Aziz, sometimes it was a hassle having all those toadies among the feathers. Hurry up. Look to use a good disguise if you want to wriggle out of here without getting caught! Don’t forget that the Caliph your father has got smart and put other people to control you. Hurry and follow me on tiptoe and without saying a word!

Still in confusion I put a sand-colored tunic, the leather shoes that cover the ankles and wrap my head in 5 meters of gauze the same color of the dress. I look in the mirror, smiling: I stole one of the servants’ robes which were hung to dry in the servitude court. The confirmation of my cunning are the eyes peeking out from under the crack of gauze!

– Dad will not appreciate this new disguise. If he knew that I steal the clothes of the maids, he would severely punish me.

But Nisibis doesn’t listen to me, he already flies over the yard on patrol to make sure that no one is guarding the gates of the Fifty fountains Garden. I see him appear after a couple of minutes:

– Princess, go ahead but quickly! The guards are about to have the change and we must take advantage of the confusion to slip behind that huge bougainvillea. There is a hole in the wall by about a foot, the other night I saw a servant coming out there to be with her ​​lover…

Amused by the expression of Nisibis I realize how this hawk can be a real nosy! And luckily I’m supposed to be the only one able to hear his voice, I guess which potential gossip telling could have been for prying ears and curious. However this time I avoid to refute Nisibis’ assertion and I follow him like a cat follows its prey.

Is shaping up a scorching day, although some clouds to the east portends a possible change of weather. In the spring often happens that it rains for a few hours, allowing it to spray at least a little the land planted with cotton and cereals. In the gardens of the great palace grows every kind of fruit tree and an endless amount of flowers and decorative plants. I love the greenhouse where they’re lovingly grown some wonderful orchids from mysterious countries to the east; many times I’ve fantasized observing their shape and bright or faded colors. But now there is no time for daydreaming!

“Where did Nisibis go to hide?”

I think, looking around. The idea that the hawk had been able to leave me alone, increases the emotion that makes me heart flutter with greater speed. I hear a loud trill coming from the ether, I look up and I see him swooping down just directly above me.

– Hey, snail. Are you going to wait until everybody had woken up to give you the “good morning”? Have you forgotten that we’re trying to sneak away on the sly for a ride out of your “golden cage”?

Nisibis was resting lightly on my shoulder and whispers in my ear.

– Well, to be honest, I’ve lost sight of you… you’re scooted away so quickly that I thought you left me for minding your own business for a while.

I smile, noticing the funny expression of the hawk who apparently can’t stand not to be taken seriously.

– You’ll have to get used to it, Nisibis: you heard what my father said about my temper? Terrible… indeed, very bad… but I realized that your not then so much the better. Luckily you’re not a human, you could have big trouble with me.

The hawk spreads its wings hitting me directly in the face and making me find some small little feather in the mouth.

– Yeah… so tragic it would be if I were… a human?

Nisibis issue a new trill and then throw himself toward the solar disk with a mighty blow of wings.

– Hurry, Samirah-snail. We have to go behind the stables, but don’t take Nazir al-samt, not today, over those piles of straw there is a huge bougainvillea great to stand on it and slip to the other side of the wall, if you’re too fat to pass through the breach!

I make a couple of math in my head, then I realized with a groan the reality that take shape in front of my poor knees and hands already battered.

– Hey, but it is more than six meters high! And I don’t know what’s on the other side, and then if there is no foothold to go down to the ground? You forgot that the bougainvillea has many long sharp thorns?

The hawk apparently hadn’t even heard the phrase, he already was in the vicinity of the stables. I careful move with agility trying to hide, always remaining beside the thick bushes or trees. When I saw a person, I flatten behind these bushes and waited for a while. After about ten minutes, I reach the wall and see the thick load of climbing purple flowers; as Nisibis stated, is pretty solid and can easily support my weight. I can’t find the gap and then I just have to climb over the wall.

In no time, I’m at the top and then down the other side over the obstacle.

– First proficiency test passed with flying colors!

Comes the shrill voice of the hawk as he curls up on my arm.

– Yeah, but you little bird: did you thought I was a chick full of fear? I am a reck – less.

I laugh heartily while carelessly I put a foot wrongly and then find myself face down in the ground arid and brittle. The urge to laugh immediately passed but obviously Nisibis now had a point in his favor.

– Ahhh, but lo and behold, a snail crawling over a wall with difficulty and then found to nose down into the earth. Her Highness! The “reck – less” Princess… you’re too heavy for me, I could not lift you up.

My eyes fill with tears of anger, not of pain, as with an out bursting gesture I take a handful of dirt and threw in the direction of the hawk that appears gleeful and amused. He unwraps a few inches, bristling pretty well his feathers and then chirps:

– Co-co-co-deee cooo. So do fattened chicken, or am I wrong?

When I straightened on my legs, lI ook at him menacingly:

– Look, “business associate” I don’t like jokes, as I can not stand those who scoff at me. You, as far as I’m concerned, you can go back to your dude Prince Aziz. You know what? I think you’re cut out for each other! Both of you strut about as birds do, both of you have a forked tongue, both of you are full of… full of…

But I cannot finish the sentence because the tears begin to drenched my half undone turban. What the hell is wrong with me? Why I cannot take an innocent jokes of Nisibis and maybe I give him one back? The hawk is watching me, keeping a safe distance.

Obviously I was being studied, he observed every movement and seeks to know my next move. I curl up on the ground again by tightening my arms around the knees. After a moment, I feel the claws of the hawk on my arm:

– I’m sorry Samirah. I’m mortified, but it was stronger than me… well, I enjoy it when I see that someone is angry and so I continue to harass. Come on, we have something in common, you and me. Here I don’t think I could bear to be without you, you are right to say that Aziz is crabby and strutting around. But my story is very different, Samirah. The truth is that…

I slowly lift my head, intrigued by Nisibis’ claims.

– And what is the truth? I hear you…

But the hawk was already raised in the air and only I do hear the echo of his last words,

– … terrible story. I will tell you…

For a moment, think back to what I said, maybe I’d gone too far.

– I beg your pardon, Nisibis. Come back to me, please!

I cry out sobbing and then I wait for a long time, watching the sky which became ashy, hoping from the bottom of my heart to see soon the dark shadow rocked by gusts of wind. But only after an hour I decided to retrace my steps, I feel death in my heart and I no longer desire to go to the adventure. With my face streaked with tears and dirty ground I find myself walking along the aviaries, in solitude.

– Her Highness, for the immeasurable goodness of Allah, don’t go in the sight of your father dressed with those rags! But where have you ended?

Sibyl, my most trusted maid, takes me by the arm and literally drags me in the direction of my rooms. I feel particularly annoyed by what happened with Nisibis and the problem is that I cannot unburden myself to anyone. Whom would believe me if I confide of having been chosen as a friend from a speaking falcon, a bird of prey so full of himself that didn’t find anything better to do than try to make fun of me by teasing me? From Sibilla’s inquisitive look, I realize that the woman didn’t let anything escape:

– Her Highness, but where is the beautiful bird that yesterday was with you? You seemed really inseparable, as long date friends!

I mull over these last words: “friends of long date,” this is just how I perceive it in my most intimate, yet… no it can not be. It’s entirely not conceivable, I have seen that bird for the first time a couple of days ago. But something dark isn’t coming to terms with me, but basically it’s also unthinkable that a bird can speak or rather that a human can understand the language of birds.

– Sibilla, I must ask you an indiscretion but you have to promise not to reveal to anyone. I become serious and fixed the woman straight in the eye while trying to snatch her every minimal hesitation or doubt. – I need your help. From the speeches that sometimes I’m listening… in short, when you women sit for your own business telling each others indiscretious, I heard that you were talking of the Grand Vizier and a strange woman he attends regularly, she would have extraordinary powers. What can you tell me about her? It’s true that she knows the future by reading from tea leaves the true nature of Men?

Sibilla pales and beads of sweat glisten on her forehead, she nervously rubs a piece of the long veil holding her lips tightly. She try to escape my inquisitive eyes.

– It’s an order, Sibilla. You have to answer respecting the rank to which I belong! I don’t want the details, but do I need a confirmation. This witch could help me… well… I have to see her urgently, let me ask you a couple of little things that I can’t argue with my father, much less with some other male.

Sibilla puts her hands before her face, and for a long moment she remains silent as if weighing what to tell.

– Okay, I’ll tell you what I know… but it’s dangerous to know… it can be hazardous for your life, Samirah .

Sibilla starts telling me about great secrets and, before my eyes, it takes shape arcane figures; by the mouth of my servant I’m aware of the many mysteries that would forever change my life. Then Sibilla shuts up, trembling she tries to collect the flowers that she dropped to the ground.

– Her Highness, I don’t think it is wise… I’m afraid for you, I can well imagine what your father the Caliph would be capable to do to you if he realizes that we talked of these dark secrets. Samirah, there are things of which it is better not to know the existence!

Sibilla picks up the last red lily and leaves running toward the east wing of the building, in the air remains the scent of freshly cut flowers. I look at my hands and clothes full of reddish dust, “It’s better if I quickly get cleaned up and then I reach my father in the hall of the Four Winds, perhaps he haven’t yet realized that I was not in my rooms”. I let myself help from a couple of my other maids, but Sibilla’s last sentence is thundering in my mind. From the terrace in front of the water-rooms, I can see a part of the garden, the aviaries and the lower part of the building used as stables. I was hoping to catch a glimpse of my Saker falcon, but not even a shadow of him. A sort of deep sadness takes my heart. “Where has Nisibis gone? Damn me, with this my bad habit of not being able to control my tongue. I offend people without really meaning to, I’m surly and rude, then I repent and doubly suffer. I care a lot about that charming little bird of prey.

My father is already waiting since a while and to see him all dolled up in his luxurious vestments, it escapes me a smile. Only the big turban, fifty feet long, engages him for almost half an hour each time he have to “roll it” around the head. My smile becomes a loud laugh:

– Dad, the color saffron looks good on you! Beautiful, is it new?

I jump at his neck, ignoring the label that would prohibit me to do so, especially in the presence of the Grand Vizier and his advisers.

– Samirah, how many times do I have to tell you… – then with a low voice he whispers in my ear,  – damn you, where have you been back into? Is it possible that I cannot get your obedience?

He smiles in return, while with his right hand upward smooths his mustache and with his left he readjusts the turban on his head.

– Can I stay here a little bit with you, I promise that I will not bother, I begin to be interested in political issues related to your kingdom. Considering that I don’t have a brother… and that you want me to soon take a husband… it’s wise to have some clearer ideas on what are the duties of Power. Isn’t it, Dad?

The face of the Caliph becomes very serious for a moment the doubt of having said something out of place assails me, but after a few minutes of reflection my father brightens:

– Of course, by Allah! You’re absolutely right, my daughter. I have no male heirs and because of that, is you that one day will reign on my land. It’s therefore wise and prophetic keen from now on if you get involved in all these matters concerning the State.

With curiosity my eyes are probing the faces of those present, all men, of course! The face of the Grand Vizier became the color of stale blood and with a fit of nerves he jumped in the air gesturing:

– His Gracious Majesty! I hope this is one of the usual bad jokes of your silly daughter the Princess Samirah! It’s unheard of, unacceptable, brazen and obscene… a female, in short, someone belonging to the “weaker sex” can’t and should not meddle in things designed just for men! I object, I insist that the other councillors do not take seriously this idiocy…

I can not see from anger, with which boldness that sort of blockhead wrinkled from time allows himself to insult me ​​so openly? I take a deep breath and with fatigue I control myself not to respond in the wrong way, then make eye contact with my father denoting the same embarrassment and discomfort. I trust in his wisdom sure he would have opted for a diplomatic and regal answer. I’d like to tell him all those things I heard secretly, about the secret meeting of the Grand Vizier with the strange woman, the sorceress. But what good would that do? No, definitely I have to stay quiet and rather bite my tongue. The next day Sibilla is very early in my quarters:

– Her Highness, I have something for you. Wake up, quickly. I don’t have much time today because I have to go to the souks to buy the food with the kitchens’ employees. There will be a big party tonight in honor of Prince Aziz…

Sibilla coveres with the veil of her mouth to hide a giggle that Samirah perceived as mocking.

– Oh, yeah, that kind of torturer! I got to know him personally, the “Prince Aziz”… and he also threatened to get me beaten up by his underling’s guards. But perhaps you don’t know this story, my dad is always trying to hide my messes, basically he loves me infinitely.

I feel a little sleepy, apparently the events of the day before had worn me out, especially the disappearance of Nisibis has left an immense void in my heart. While I think at the hawk, a veil of sadness covers my eyes, Sibilla is obviously aware of it.

– Her Highness you are thinking about the beautiful bird of prey, isn’t it? Fear not, I’m sure he will return. Basically he is still a wild animal in its nature, and I can understand that he prefers freedom. But now look, I brought you something!

With a quick and cautious movement, the servant draws from under her clothes a bundle of red silk rewound with care. Inside there is a kind of necklace of woven coconut fiber and a centralpiece of motherpearl with depicted an human with a falcon head. With an odd feeling at the heart, I turn this strange jewel between my hands, my eyes gazing at the perfect features of undeniable sophistication.

– It’s an amulet portraying the God Horus, son of Isis and Osiris. He’s revered across the sea, in the land of the pharaohs, my Lady!

The eyes of Sibilla are two sparks of amber staring at me from under the veil, a few strands of rebellious curly hair make her look even more circumspect.

– Horus? A man-hawk? Sibilla, what does this mean? Why do you give me this so strange object?

– The servant bows then softly whispers in my ear:

– You have asked me the information about the seer with which the Grand Vizier has regular appointments. This is a tribute from her part: it’s a gift of Nekhbet, this is the name of the sorceress, she is the “Lady of the White Crown”… She’s gone abroad for a few days but when she returns to the city she will be very happy to meet you. I have not said anything… apparently she already knows everything, Nekhbet speaks with the elements of Air, Water, Fire and Earth. She is very powerful, your Highness. Terribly powerful!

From the sincere look of Sibilla, l understand that she’s telling the truth, of course I’m amazed by this strange coincidence, but where dark forces governs you can not explain everything. In the deepest of my heart, I perceive that Nekhbet is in some way involved with the disappearance of my friend Nisibis. I hold the amulet in my hands, the amulet of the hawk takes a golden color and glows spread into the room. I close my eyes while the maid walks away leaving a slight hint of herbs that always betray her presence. I sit for a moment on a big pillow, the arabesques carved into the wood of a screen placed in front of a window hide my presence while I can observe what happens in the central court. The preparations for the feast are in fervor, wherever the buzz of the busy servants underlines the importance that these celebrations will take. “Let him be sized by the devil, that obnoxious of Aziz. By Allah… hell I can’t stand him! The very idea of having him before me make me sick! The anger interferes with my already blackened mood, what to do? I think at the opportunity to go to bed pretending to be sick, but this meant having to take some kind of disgusting concoction usually administered as a medicine by the astronomer as well as royal physician. No, better to look for another excuse. Mhhhhmmmm think that you think back, I don’t get any ideas in my head.

– Well, then, I’ll address the topic in a direct way with my dad! And if I doesn’t want to listen, I’ll keep the muzzle for the rest of the month!

The sentence comes out of my mouth clear and with a tone of voice that makes it possible to hear me up in the hallways. I’m not much astonished by finding myself at my father’s door who was obviously looking for me:

– You want to “face things”… with me? My daughter, do you speak for youself or you hide somewhere… that bird, the hawk that belongs to the Prince Aziz…

We just needed this. I fixed dad with flaming eyes while I snap in a real tormented outburst:

– Don’t pronounce it, Dad. Don’t utter anymore than damn name of that being so vile that if it were up to me I’d give it fed to the tigers that live in the northern woods of the Kingdom! He’s infamous, petty and arrogant, father. I think I know what you’re both confabulating… and my answer is NO! I never will consent, you know? Never ever I’ll let me marry such a person. Rather I will stay unmarried and one day I will reign over your lands alone. I will be a Califfa, dad, Califfa Samirah.

I throw myself on the bed with such terrible sobs and groans that even my father feels compassion, I know him well and this is the only way to soften him and get everything you want from him.

– My darling, come on, don’t be like that. My precious Samirah don’t pining, okay, I’ll not give hopes on the possibility of giving you as wife to the Future Caliph Aziz Ben Saffid! I thought it could be a good match for you, but it all started with the wrong foot, I realize that isn’t possible to put remedy on it! Perhaps all because of that wonderful hawk! But tell me, beloved daughter, my precious gem… where did you hide him? Be careful because the Prince Az… well, his previous owner is looking for him like a possessed man. This behavior, however, seems strangely nagging to me, I’m old and I think there is something hidden, Samirah. Be cautious and tonight you shall always remain close to me, I forbid you to get away from youself! I’ll put more guards in your protection. You know, I really feel that your mother is still among us… I had a strange dream last night. I have not spoken with either the Grand Vizier, nor with the Hajib. In the dream, your mother told me that it was a secret and that only the “Lady of the White Crown” could help me.

The quote of the Caliph my father, paralyzes my body, I’m choking my the last sobs while I hug him with trembling hands:

– Allah Akbar! Father… I found out who this lady is… her name is Nekhbet, Father!

The Caliph emits a cry, then he takes both my hands in his and squeezes them with great force:

– Isn’t possible, Nekhbet… she’s not… she no longer belongs to the world of the living!

Throughout the duration of the festivities, Samirah is pretty much stuck to her father’s tunic, prompting even the surprise of the parent, far too accustomed of having to look for her at all the time. The young woman has put all her effort into the fun activities to be proposed at a banquet: balancing and hovering of tablespoons above mountains of couscous, valleys crossed by rivers of hot sauce where your fingers ended with smearing and leaving traces on an immaculate tablecloth. In short, the princess just gave clear signs of uncontrollable boredom. She even managed to overturn a tray with some thirty mugs filled with mint tea and spices.

The Prince Aziz was draped in silk and organza embroidered with pearls and precious stones, the great turban is fastened with a brooch set with diamonds of great beauty in shape of a hawk. His presence is certainly of great charm and nobility, but Samirah carefully avoided looking at him in the face and she even hidden her eyes under a very thin veil that prevents prying eyes to recognize her. However, secretly, the Princess observes Aziz having noticed the brooch on his headgear that has brought back memories of Nisibis. The Prince appears mollified and in a certain way now Samirah feels compassion for him.

The Prince made ​​hand over to her from one of his toadies, ​​a huge bouquet of real lilies of intense and inebriating perfume, with the flowers there is a box of burl wood with an inset of carved pink coral on the lid. Samirah has caught a glimpse of the features of a woman’s face with tiny pearls and diamonds in her hair while the lips are made ​​from a single ruby at least 4 or 5 carats. The resemblance is striking with her own features and the Princess wonders how the author of the carving could have produced such a prodigy without requiring the presence in the flesh of the model.

But Samirah firmly refuses gifts praying the servant to bring them back to his master. Obviously this attitude annoys the Prince Aziz, who returns laconic a look at Samirah while keeping quiet.

The Princess listens to the stories of the few women there, trying to steal any information that could be useful to her. She had not seen her favorite servant: Sibilla perhaps had the day off, because there was no trace of her. But that annoyed a lot the Princess: because of the rumors of the servant and the gift of the lady with the white crown, Samirah has become even more restless endeding up daydreaming. Under her robes and veils, Samirah wore the fibers’s collar with the image of Horus. The presence of the Egyptian God instills her a sense of security and protection. She stretches leaning against the multitude of pillows exquisitely embroidered and after a while she falls into a deep sleep. The dream is disturbed only by the icy hands of the wind which allow her to fly high in the sky.

In the dream, as if by magic, Samirah finds her hawk Nisibis and she let her be guided over the horizon into the crimson left by the setting sun and then even further, to the impenetrable dark curtain coming from the East.
Never before had the young woman felt such intense and sublime emotions. Already be able to hover in the air is an indescribable perception that always, in the depths of her heart, she wanted to try. At a subliminal level, Nisibis encourages her, explaining how the mechanism of aerodynamics allows a body to soar and Samirah, enchanted, listens and remembers his teachings. It feels like belonging to the Air element, in her deepest she becomes convinced that she actually belongs to that world made ​​of feathers and updrafts that carry you higher and higher. She isn’t afraid. She feels protected, as she never before had felt!

With Nisibis she flies over the beautiful landscapes of which she had only heard about from the rare travelers who came to visit her father the Caliph. When something was interested and made them curious, Nisibis felt Samirah’s desire and he started diving towards the mainland. Then they roamed over the desert’s plains or the expanses of  blue and turquoise rivers and seas; they admired the small villages and towns surrounded by high walls and learned about the different physiognomies of the inhabitants of those places. From the ether, they glimpsed the many animal species, from those who lived on earth, on the water and of course of those who lived in the air.

But suddenly the dream dissolves and the Princess is brought back into reality by the voice of his father, who calls her:

– My daughter! It ‘s very late, I think that very soon the sun will rise, therefore, it is wise if you go to your rooms. I shall go to sleep too, I am very tired and unfortunately age doesn’t allow me anymore to exaggerate.

The Caliph accompanies her daughter to the wing of the building where there are her many rooms. He gives her a gentle kiss on the forehead while gently stroking her hair.

– Sweet dreams, dad. You’ll have time for me during the day? There are a couple of things I want to discuss… I’ll also tell you about the dream I just had. It was weird, dad. I’ve never had a dream that could fill me with happiness like that one.

The Caliph smiled, moving away surrounded by his guards.

– See you later, my daughter, I wish you many more of such beautiful dreams.

Days went by, weeks and at each chirp or flurry of wings in the sky, I feel paralyzed for a few seconds before I could realize that it is only a dove or a heron. Nisibis has not returned and his abandonment keeps me deep in the darkest sadness. To no avail were the comforting words of my father:

– You’ll see, my child, when there will be the hatching of the hawks sacred… I’m sure my falconers will help you choose a small falcon chick. It’ll all be yours and you’ll breed him with love. The falconers have revealed to me that to make them “special” it’s necessary that their future owner is present at the time that the chick pierces the shell. The small falcon will recognize later that person as his parent, this is the “imprinting”.

But I felt no consolation, I felt like dying inside. I didn’t want another small falcon, I craved for the return of Nisibis. It was that hawk and he alone who longed from the depths, unable to understand the reason of this so intense bond.
After another week passed to spy on the aviaries and falconers, sometimes refusing food and the presence of my father, I get surprised with a message from Sibilla scrawled on a piece of parchment rough and of poor quality. “Your Highness, please don’t say anything to anyone, reach behind the stables where there is a large bougainvillea covering the whole wall. I’ll wait for you after sundown.

The message put me on such an excitement that even in the presence of my father’s I struggle to remain quiet. Fortunately he’s too happy to see me smile that he didn’t ask anything.
When the shadows began to lengthen in the park and the clouds on the horizon are tinged with warm reddish colors, I eagerly dressed in robes of fine linen wrapping my hair in a long brown veil. I picked up some money and a couple of my trinkets which I can, if necessary, use as a bargaining chip. I find myself daydreaming, wandering through strange worlds or rather, seen in flashes during those times that I was able to sneak out of the palace following my adventures.

“Who knows what Sibilla wants to tell mel! Maybe she found Nisibis, perhaps he’s seriously injured and he needs my help. O Allah, let it not be so!”

I open with extreme care the little drawer hidden on the bottom of the canopy bed: it’s a hiding place where I put my most precious and secret belongings. There are a couple of Nisibis’ feathers, the casing in which I wrapped the fiber necklace with the effigy representing Horus, a strange stone that I see for the first time… I wonder how it was ended  there. Following my instincts, I also grab the stone and slip it into a bag that I carry around my neck. On tiptoe and holding my breath I walk along the corridors avoiding any light and hiding whenever I hear voices coming in my direction.

After what seems interminable, I reached the stables. Seeking to curb the desire to greet my horse, though a strange feeling impels me, making my steps to find myself infront of his box.

– Psss my beloved Nazir al-samt! It’s me, I want to say hello and tell you where I’m going, although I’m not sure what will happen.

Like this strange event was almost predestined, my little Arabian horse turns around and joins me in a few steps. He rests his head on my shoulder, giving me then few patting with his nose.

– Yes, my precious, I’m going to seek Nisibis. I feel that is going to be like that, maybe this is the fate?

The horse snorts vehemently from his nostrils and repeatedly thrust with force the right hoof into the ground, almost he wants to make me understand that he wants to get out of there to experience the freedom and follow me wherever I went.

– You can’t come with me, Nazir al-samt! You may not pass through the breach in the wall, or even jump over. Wait here, I give you a solemn promise that I’ll return. I would never leave you alone, I love you so much!

The horse neighs faintly, the huge eyes seem to fill with tears… but horses don’t cry! I leave the stable without making any noise, I reach the wall and to look for Sibilla. The maid is curled up on the ground, she appears as if she was asleep but as soon as she notices my presence, she gets up with a jerk.

– Come Her Highness, Nekhbet is awaiting us not far from here.

The temperature is cool and the evening’s breeze wraps with the flowers’ fragrances the two women. Sibilla follow the path that leads from the back of the gardens to the fabric market, after two or three turns among the tents, she stops in front of one with the color of the setting sun.

– She’s here, I’m not allowed to enter. I’ll wait outside-.
I step in, with a strange feeling in the pit of the stomach, but isn’t fear. Strangely I’m not afraid… everything looks like woven in the plots of my life, it’s as if this was planned all along, since my conception. Many questions follow each other in my mind, I feel that the soul is in fervor, I sense that soon I’ll find out the truth. My true nature, that of Nisibis, the reason of Life.

The woman is wrapped in a blue dress that reminds me of the Tigris and Euphrates’ flow, she’s wearing a turban of the same color of the deserts shifting sands, in the dim light that dances in braziers around a low tea table.

– Come on Samirah! It’s since a very long time I’m waiting for you. Our meeting was written in the mists of time, where only the stars were witnesses. You fear to lift the veil of truth? Do you know what this can mean, venerated Princess?

– Nekhbet, The lady with the White Crown stands with both arms outstretched toward me. I feel his presence penetrate my flesh, while the Amulet of Horus is heavy around my neck. I shift off the veils and take the effigy with the right hand, the surface of nacre appears cold to touch but a dim silver light is given off gradually.

I remain as petrified realizing that the medallion releases a mist that materializes in a tall male figure, whom hips are covered with strange golden and ashes color vestments. The figure wears bracelets and anklets of gold and on his head is resting a strange hat which shape is dissimilar to those used in Mesopotamia. At first the man looks ethereal and only a few minutes later the appearance takes texture, he turns to me bowing his head.
– Thank you, sweet Samirah, for having looked for me. And thanks to the powerful Nekhbet, revered and acclaimed among the Gods, for agreeing that the prophecy came true.

I remain astonished to observe on the one hand, the transfiguration of the deity Horus which from the medallion becomes human and the other hand the one of Nekhbet that from human turns into a white vulture. The voice of the man continues:

– Don’t you recognize me Princess? Leave it to the eyes of your heart to look at and forget about being in a material form. We’re only energy, divine energy which must be able to follow the course of the prophecies, we’re only human and divine… we’re being at one and nothing is avoidable.

He  approaches, without needing to move the limbs, as if his metaphysical structure would shift in our dimension thanks to the power of thought. I feel weird, I close my eyes and “perceive” using the eyes of the heart. Then Iunderstand: everything becomes clear and my mind opens, allowing to rearrange the thoughts of doubt to be deleted.
– Nisibis! My beloved Nisibis… how much I looked for you, how much I suffered for your disappearance!

Tears burned my cheeks, come down to wash a face that glows with emotion while an immense joy wraps me.

– Samirah, I’ve never left  you  since I’m “inside” you. This was a test of love built by my mother Isis… is a painful legend in which was predestined that only the unconditional love of a girl could free my spirit. So they wanted the Gods, this is the mystery which binds me to you … for Eternity! –
And I finally understand: I get closer to Horus-Nisibis, I look at him one last time kidnapped by the deep love I feel and the beauty of his human features. I stroke his  raven hair while my tears wet his cheeks, in that embrace, in which our essences of Light join my voice became authoritative:

– Lady of the White Crown, mighty Nekhbet, then be fulfilled the prophecy of the Gods . I made ​​my choice.

Everything suddenly happens, embraced between the powerful arms of Nisibis I look for the reddish stone that I found hidden in the drawer where I kept my secrets. Shaking I search Nisibis’ hand: we both shake it vigorously . I don’t feel pain, but I sense that my body becomes lighter, more and more tenuous.
In the darkness, finally only two wonderful  Saker  hawks soars towards the dunes of the desert… on earth, before the feet of the sorceress Nekhbet a rose of the desert of considerable size.
A pledge… of the immeasurable power of Love… and dreams that always can come true.

…o”O”o…

Lo sguardo corre, seguendo i contorni del pensiero, sospinto giù dalla brulla collina rotola fino a raggiungere le rive del lago. In un mattino di fine inverno che ha ancora il sapore del caffè amaro, sorseggiato con gusto e diletto; è un nuovo giorno dove la mente imprigionata in questo corpo, ritroverà i suoi limiti, le sue paure e si confronterà con le muse ancestrali.
Ma per me è così ogni giorno. Raggi intinsi di tenue ambra, feriscono occhi che non dovrebbero osservare quelle lucenti spade fatte di guizzi e danze tra le fronde delle palme.
Ma come poter trattenere il pensiero? Esso vola, veloce, oltre le sponde del lago che ora pacato come specchio d’ardesia, anche il soffio del vento disdegna. Poi attraversa tempo e spazio, sfugge a rovistare dove ricordi attendono d’esser risvegliati e poi condotti fuori per mano. Varca i confini dettati dalla dimensione umana, là ben oltre, lo spazio infinito delle percezioni dimentiche di circoscrizione. Raggiante quindi, assetato di sensazioni da rivivere, il pensiero mi sospinge ad afferrare l’emozione per poi scagliare la mia coscienza tra le braccia acclamanti d’un sogno del passato.

Inizialmente mi ribello, poi mi lascio sedurre da quel torpore dolce e passionale che solo il pensiero sa trasmettere. Sorrido a me stessa, conscia, ancora una volta, di troppo facilmente arrendermi alle sue lusinghe che inevitabilmente mi riconducono alla sofferenza.
Ogni ricordo, trascina con sé la dualità ineffabile del bene e del male. Entrambe tracce marcate a fuoco sulla pelle d’ogni Essere, gestite a volte in maniera incoerente dacché non seguono il corso virtuoso della saggezza ma bensì quello dissoluto ed irriverente della Passione.
Non possiamo imparare dagli errori del passato, sempre tendiamo a perseverare nelle ottusità seguendo uno schema che portiamo accollato al nostro spirito… Ma già il pensiero inizia a volare con dignità propria della sua natura, mi abbandono per un attimo in preda al panico iniziale ma poi, leggera come l’inconsistenza dell’aria, lo afferro trattenendomi avvinghiata alle sue molteplici sfumature…
Chiudo gli occhi, mi affido al suo odore di paure e piaceri sconfinati mentre penetra in me l’oblio della pace dei sensi. Ritornano quindi i ricordi di esistenze precedenti, scene mai obliate dalla mia mente assumono consistenza; lentamente mi lascio stregare, trascinare e dolcemente mi addormento.

E nel sogno, il sole arabesca la frescura delle palme che ricamano ombre allungate sulla sabbia. Riaffiorano i destrieri dalle criniere al vento ed i cavalieri erranti padroni delle distese di sabbia sconfinate.
Osservo la scena da rispettosa distanza, cercando di nascondere il viso con la lunga garza azzurra saggiamente avvolta attorno al capo. Un’unica fessura minuta, affinché gli occhi possano guardare con marcato stupore ed ammirazione curiosa.
Non dovrei trovarmi qui. Mi è stato più volte vietato di risalire la sponda orientale dell’Eufrate alla ricerca di tesori nascosti. Ma il mio spirito ribelle non accetta compromessi, il desiderio pungente di evasione ed emozione è lo scotto col quale pagare una vita di vezzi e lusso tra mura marmoree di palazzi dalle mille stanze.
Sono quella che sono, baciata da nobiltà di rango, ma in questi luoghi resto una donna, che agli occhi del mio popolo significa sottomissione.
La brezza si è trasformata in vento pungente il quale con ogni folata riempie di sabbia le pieghe del mio abito accecandomi. Ma è troppo eccitante guardare i cavalieri, sentire le loro grida inneggiare “Bism Allah”e “Allah Akbar” (Dio è grande) mi sento come paralizzata ed i miei occhi seguono concitati le corse dei destrieri. Libertà, infine! Questo indescrivibile sublime sentimento che non può essere acquistato o mercanteggiato, ma bensì unicamente conquistato con determinazione e… talvolta con la morte.

Più alti dell’adulazione umana, sopra le nuvole plumbee e contornate da guizzi scarlatti, volteggiano i falchi reali in elaborate esibizioni di perfetta maestosità.
I loro padroni, i falconieri, li osservano solenni nelle loro elaborate tuniche ricamate d’oro e d’argento ed il braccio sinistro ricoperto da uno speciale guanto in pelle dura sul quale il rapace si poggia quando richiamato.
Il tutto appare meraviglioso ai miei occhi, di indole curiosa ed intrigante, conscia che la mia presenza può essere scorta e condannata.
Sono immobile credendomi ben nascosta dietro un folto cespuglio di tamerice, ma con sgomento noto uno dei rapaci iniziare a volteggiare proprio sopra la mia testa. Senza che io avessi il tempo per rendermi perfettamente conto, il falco mi si avventa contro infilzando con naturalezza i suoi artigli nella mia spalla. Impaurita e dolorante, con uno scatto subitaneo mi alzo, ma il falco sacro non da l’impressione di voler mollare la sua preda seppure troppo grossa per assomigliare seppur vagamente ad un roditore selvatico. In preda al panico nel non riuscire a distaccare dalle mie carni il volatile, mi agito e mi ritrovo allo scoperto fuori dal cespuglio.
– Chi sei! Rispondi, te lo ordino – tuona possente una voce maschile.

Cerco di trattenere un grido di terrore e mentre giro il capo mi trovo al cospetto di un esile cavallo grigio con in sella un uomo armato di sciabola.

– Perché ci stai spiando? Nessuno ha il permesso d’entrare su queste terre, tutto fin dove il tuo sguardo giunge appartiene al Califfo al-Musta’sim.

L’uomo mi scruta con due occhi dalla parvenza del catrame. La folta barba scura, molto curata e lucida, lo fa apparire ancora più minaccioso.
– Ti hanno morso la lingua degli scorpioni? Oppure non conosci il mio idioma?

Io resto immobile, cercando in qualche maniera di proteggermi il viso dal vento sabbioso. Il falco è sempre avvinghiato sul mio braccio e nessun tentativo riesce a farlo allontanare. Dopo qualche minuto giunge un altro cavaliere il quale tiene strette le redini di Nazìr al-samt, il mio cavallo capriccioso.
– Vedo che Nisibis vuole adottarti! Devi essere un giovane molto coraggioso… il mio falco non si è mai prima d’ora comportato così. E’ questo il tuo cavallo? Rispondimi! E’ un ordine altrimenti ti dovrò uccidere.

Mi sento frastornata conscia che questa volta non posso semplicemente scappare via per andare a rifugiarmi tra le bracci di mio padre il Califfo. Cerco di restare calma, modifico la mia voce allontanandomi dal cespuglio di tamerice: – Il mio nome è Khalid, non ho fatto nulla di male. Vedendovi arrivare mi sono nascosto ed ho lasciato libero Nazìr al-samt -. Il cavallo nitrisce lievemente e dà un forte strattone alle redini per cercare di liberarsi. Il falco sacro però non molla la presa anche se, stranamente, non utilizza più i suoi artigli ma è semplicemente poggiato sulla spalla ed ogni tanto percepisco il suo capo strofinarsi contro il turbante che cela le mie reali fattezze.
– Ah, vedo che è amore a ciel sereno. Nisibis non vuole lasciarti… penso che è alquanto peculiare questo suo comportamento, Khalid. Sei certo che non hai mai visto prima d’oggi il mio falco? Non è normale che un falconiere venga ignorato dal “suo” pupillo. Nisibis è il più abile e prezioso dei miei falchi sacri. Su tutta la terra tra il Tigri e l’Eufrate non vi è uguale rapace!
Mi accorgo che l’uomo appare ferito nel suo orgoglio, con un gesto di stizza getta in terra il guanto e si avvicina al suo cavallo:

– Vieni Khalid. Prendi il tuo destriero e torniamo in città… prova a lasciar libero Nisibis… in fondo lui ha le ali e trovo ridicolo che debba restare appollaiato sulla tua spalla mentre tu cavalchi!
C’è un tono di scherno nella sua voce, a poco a poco mi accorgo che quell’uomo può essere molto pericoloso. Non accetta rivalità e certamente è di sangue nobile. Non lo avevo però mai visto alla corte di mio padre, poiché evidentemente non mi è permesso passeggiare quando sono presenti gli uomini. Questa formalità mi ha sempre indispettita, ancora di più ora che non posso sapere chi veramente avessi al mio cospetto.
Gli occhi di carbone si posano sopra i miei, uno sguardo truce e severo che mi penetra fino alle ossa. Ma l’uomo è però affascinante, lo osservo mentre cavalcava con destrezza lungo la cresta delle dune sferzate dal vento che si è nuovamente levato. I suoi abiti ricamati di sole e luna brillavano in questa giornata che ha segnato il mio incontro con Nisibis. In questo momento non posso immaginare che l’amicizia che mi avrebbe legato al falco sacro sarebbe stata indissolubile, fino a quando la morte sarebbe sopraggiunta. Siccome Nisibis non vuole allontanarsi dalla mia spalla-trespolo, l’uomo dagli occhi di carbone si sente obbligato ad intervenire. Egli pone sul capo del rapace un piccolo cappuccio in pelle e con delicatezza lo stacca dalla mia spalla.
– Spero non ti ha ferito troppo in profondità, fammi vedere!

Con un balzo riesco a schivare le sue mani che per poco non mi afferrano, ci manca solo di dover levare la tunica! Si sarebbero acconti che non sono un ragazzo ma bensì una donna. Posso rischiare d’essere lapidata e trucidata senza neppure avere modo di spiegare chi veramente fossi e perché mi trovassi tra le sabbie desertiche!
Con le mani tramanti mi aggrappo alla criniera di Nazìr al-samt, la povera bestia è molto agitata e percepisco la sua paura trasformatasi in minuscole goccioline di sudore sul muso e parte inferiore del collo. L’occhio è dilatato e vigile, le orecchie sono leggermente abbassate e dalle narici fuoriescono sbuffi concitati. Lo accarezzo con dolcezza soffermandomi sul capo tra le orecchie:

– Buono, tesoro – gli sussurro abbassandomi fino a toccare con il turbante la sua criniera – va tutto bene, ora rientriamo a casa. Penso che questa volta mio padre mi darà una bella punizione… accidenti alla mia maledetta curiosità non oso pensare come egli potrà essere adirato.
Durante il viaggio per ritornare in città mi guardo bene dal proferire verbo, temo l’ira di quell’uomo e da una parte mi incuriosisce il suo falco Nisibis.

Il sole volge al tramonto e l’aria si è fatta frizzante mentre lungo l’Eufrate si scorgono barche con le vele dispiegate e qualche chiatta che trasporta materiale di costruzione ed enormi fagotti di cotone grezzo verso il Golfo Persico. La tentazione di fermarmi per prendere un bagno rinfrescante è molto grande, ma impaurita continuo a seguire la carovana cercando di non perdere il loro ritmo.
Arrivati al palazzo del Califfo l’uomo dagli occhi di carbone mi grida di smontare da cavallo. Sopraggiungono le guardie del palazzo e ci prendono i cavalli, uno di loro stranamente guarda Nazìr al-samt strabuzzando gli occhi: – Hei, che mi pigli un colpo ma questo è uno dei cavalli delle scuderie del Califfo al-Musta’sim! Ma che ci fa fuori con i falconieri? No, non può essere, sicuramente è un equivoco -.

– Vostra Eccellenza… – l’uomo dagli occhi di carbone si è inchinato al cospetto di mio padre mentre io mi contorco un lembo della tunica cercando disperatamente una possibile scusa da adottare a tutela del mio comportamento.
– Principe Aziz, su su, evitiamo questi salamelecchi. Non ho tempo da perdere con quisquilie, mia figlia Samirah è sparita dal palazzo! E’ da questa mattina che manca, tutti i miei uomini sono alla sua disperata ricerca. Hanno setacciato ogni angolo della corte, dei giardini, delle voliere e delle scuderie. Per di più pare che anche il suo cavallo preferito si è dileguato con lei. Chiedo la protezione di Allah sulla mia stirpe!
Il povero Califfo si accovaccia sopra la miriadi di cuscini che sono sparsi un po’ ovunque nella grande sala delle udienze, tiene la testa tra le mani e lo sguardo fisso nel vuoto.

– Vostra Eccellenza… sono molto rammaricato per questa sventura, certamente Allah vigila sulla vostra Famiglia, Eccellenza!
“L’uomo dagli occhi di carbone è dunque un principe! Il principe Aziz figlio del potente alleato di mio padre, il Califfo Izmal al Ben Saffid!”

Mi sento sprofondare in una marea di pensieri quando all’improvviso odo un frullare di ali e poi percepisco la ben conosciuta stretta di artigli sulla mia spalla.
Presa dalla foga, mi dimentico “chi avrei dovuto essere” ed ignoro la grave situazione nella quale mi sono cacciata.

– Nisibis! Sei di nuovo scappato dal falconiere, proprio vuoi cacciarmi in una marea di guai. Ma ti rendi conto? Lui è un principe…

Non riesco a finire la frase poiché due mani possenti mi sollevano da terra di mezzo metro per poi, a mezz’aria, portarmi al cospetto del Califfo. Ma la reazione del falco a questi eventi è alquanto bizzarra: quasi volesse proteggermi, si avventa con becco ed artigli contro il mio carceriere gettando strilli acuti e penetranti. In tutto quel pandemonio mio padre finalmente si accorge della presenza di una figura tutta avvolta in teli azzurri, sulla cui spalla dopo un primo attacco, torna a poggiarsi con dolcezza il bellissimo falco sacro.
– Principe Aziz che diavolo di apparizione è questa? Chi è il giovane proprietario di questo stupendo esemplare di falco così a lui tanto devoto da difenderlo in questa maniera?

L’uomo dagli occhi di carbone balbetta qualcosa sommessamente e poi con voce possente aggiunge:

– E’ sicuramente uno straniero, forse una spia, si era nascosto in un cespuglio e stava spiando le mie mosse e quelle degli altri falconieri. Solo sappiamo che si chiama Khalid, ma non ci ha detto null’altro. Non è il suo falco in effetti è il mio Nisibis ma a quanto pare questo nobile rapace preferisce lui a me!
La sua voce appare indignata ed io devo trattenermi dal ridere. “Il suo falco ma da quando in qua ha l’Uomo il diritto di proprietà su di un animale libero e maestoso? Beh, non perché ora sento le unghie di Nisibis sulle mie spalle, ma ritengo sia giusto che un rapace possa scegliere il suo padrone… se egli desidera averne uno”.

Il Califfo mi osserva con uno sguardo bieco, questa volta non cerco di evitarlo ed infine i miei occhi fissano intensamente i suoi. Dapprima noto un leggero tremore dei baffi, poi le mani che stavano tranquillamente a disegnare cerchi nell’aria si tendono nella mia direzione:

– Che mi pigli un colpo! Sapevo che mia moglie era ostinata, curiosa, intrigante, disobbediente… potevo anche dubitare che quella sciagurata di mia figlia avesse almeno in parte ereditato queste sue infime doti. Ma questa volta… questa volta… giuro sul Corano che non la passerai liscia. S a m i r a h !!! Posso sapere che cosa diavolo hai al posto del cervello? – Mio padre aveva fatto un paio di passi nell’atto di avvicinarsi ma si bloccò di scatto: Nisibis aveva arruffato le piume, aperto le ali nella massima ampiezza e strillava come un forsennato. Era bastato per creare attorno a me un bel vuoto di qualche metro di circonferenza, il falco si sarebbe messo tra me e qualsiasi persona che avesse anche solo cercato di toccarmi.

Per un attimo incalcolabile il tempo parve congelarsi, il viso del principe Aziz era livido, solo riuscì a balbettare:

– Khalid? Nooo, non è un giovane ma è una… ragazza… una donna! La principessa Samirah! Che sdegnoso comportamento! Quale ostentata arroganza… da parte di una donna… una donna!
In risposta alle sue farfugliate, mi tolgo velocemente il turbante liberando i miei capelli d’ambra alla luce delle lanterne che rischiarano a giorno la sala. Cerco di non mettermi a ridere ed evito le mie solite battute pungenti, il mio sguardo pieno di fierezza si vela per un attimo al pensiero della mamma morta da pochi mesi. E’ vero, da lei avevo ereditato la bellezza e tutte quelle altre cose che a mio padre il Califfo non andavano a genio. Lui aveva sempre desiderato un figlio maschio, un erede insomma, ma si era ritrovato a condividere la vita di ogni giorno con due donne dal carattere autorevole e poco propense a lasciarsi trattare come prevedeva la legge esplicata nei testi sacri.
– Padre, perdonami. Ho esulato il controllo delle guardie di palazzo adottando questo travestimento, mi assumo ogni colpa e non desidero che loro vengano punite. Per quanto concerne il resto, solo mi sono allontanata dalla città un pochino seguendo i falconieri. Lo sai quanto sono curiosa ma certamente sarei ritornata molto prima del calar del sole se solo questo tuo amico, il Principe Aziz, non mi avesse fatta prigioniera. Lui si è stizzito a causa del suo falco, ma ritengo è giusto che il rapace si scelga lui il suo padrone… è più confacente, insomma! Così era stato anche con Nazìr al-samt, ricordi padre?
Il Califfo ascolta assorto le mie parole. Mio padre è un uomo molto potente ma anche perspicace e giusto. Ero consapevole di aver commesso un grave errore e sapevo che avrei dovuto per questo essere punita. Però la sagacia di mio padre avrebbe anche trovato una soluzione all’arrabbiatura del Principe, che a me non sta per nulla simpatico. Una sorta di comunicazione subliminale con il falco Nisibis mi detta prudenza: ora avevo paura che Aziz potesse riprendersi il falco con la forza e quindi era mia intenzione impedirlo, a qualsiasi costo.
– Padre, ti prego di permettermi di raggiungere le mie stanze. Effettivamente sono stanchissima e le emozioni del giorno mi hanno logorato l’animo. Chiedo venia… domani accoglierò ogni tua punizione.

Mi avvicino e bacio mio padre sulla guancia.
– Hmmm, va bene. Sia come Allah ha previsto, Samirah. Comunque domani ne riparliamo, anche se mi accorgo che da quando la mamma è deceduta in questa famiglia sembra io non conto più nulla. La voce del Califfo è triste e sincera ed io provo una stretta al cuore, prendo le sue mani tra le mie mentre gli sussurro dolcemente all’orecchio:

– Anche a me manca la mamma… ma sento che è ancora qui con noi, non so perché ma oggi percepisco la sua presenza con ancora maggiore intensità. Perdonami padre, vorrei essere quel figlio che tu hai tanto desiderato… comprendo che una figlia femmina non è di grande aiuto per te ma sono felice che tu mi comprendi… buona notte.
Mi allontano accarezzando il capo di Nisibis, mentre sento lo sguardo penetrante di Aziz attraversarmi le carni. Mi sorride, maliziosamente, ma dietro quella dentatura bianchissima sono sicura si cela l’indole perfida di un predatore senza scrupoli, avido e spietato. Rabbrividisco al pensiero di trovarmelo di fronte nella notte più buia, anche se ora dispongo di una guardia del corpo affidabile: il falco sacro Nisibis che mi ha scelta come suo nuovo padrone.

Arrivata nelle mie stanze chiamo la mia serva preferita:

– Sibilla, ti prego, fai mettere delle guardie anche sul terrazzo e raddoppia quelle all’entrata!

Sorrido mentre ho la certezza che la notte sarebbe trascorsa senza apparizioni indesiderate; ma con il Principe Aziz ed i suoi uomini è comunque meglio stare all’erta. Mi sento in obbligo di proteggere Nisibis, quanto lui già protegge me. Questo è amore e fedeltà, per la prima volta nella mia vita sono responsabile di una creatura vivente che necessita il mio aiuto, un po’ come con il mio purosangue Nazìr al-samt … anche se il mio destriero è perfettamente in grado di difendersi da solo! O forse no? Certo diipende dal contesto e dai pericoli che può incontrare sul suo percorso.
Stanchissima mi lascio aiutare a togliermi le vesti e veli nei quali sono avvolta, un paio di serve mi preparano per la notte mentre altre depongono sulla bassa tavola della frutta fresca e un tè alla menta e spezie. Dopo essermi lavata, rivestita e ristorata, mi infilo tra le coperte di seta:

– Buona notte Nisibis! Possa Allah proteggere il tuo sonno!

Il falco reale arruffa e gonfia le sue piume, emette un lieve trillo e mi osserva dal lato del mio letto a baldacchino.

– Vedi, è meglio che tu resti lì, su quel sostegno, non penso che gradiresti avere un guanciale sotto il capo.

Sorrido divertita, cercando di immaginare un falco che si addormenta sul mio cuscino. Ma a poco a poco le luci diventano ancora più soffuse; l’aroma di sandalo e mirra bruciate nell’incensiere espandono fragranze concilianti il sonno, il mio corpo si rilassa e sentendomi in sicurezza, mi addormento profondamente.

Il mattino seguente, un raggio di sole dispettoso si insinua tra le fessure del pesante tessuto damascato, nella penombra scorgo la sagoma di Nisibis.

– Buongiorno, prezioso! Hai dormito bene? Bello averti qui accanto sai? Ho fatto dei sogni stupendi, sentendomi così protetta grazie alla tua presenza. Ho immaginato di volare con te oltre i confini dominati da mio padre, ho fantasticato di raggiungere il mare e di sorvolare la sua incommensurabile superficie. Hai già visto tu il mare, Nisibis? Hai scoperto che cosa c’è oltre i suoi confini a meridione? Mi hanno raccontato di altri vasti deserti, di immense costruzioni in pietra erette dagli uomini… simili alle montagne. Oh Nisibis, quanto vorrei poter volare attraverso l’etere per vedere tutti questi posti stupendi!
Mi zittisco, dubbiosa che il falco potesse comprendermi mentre una sorta di angoscia nasce nel mio cuore. Perché mio padre mi tiene segregata in quest’immenso palazzo? Io vorrei viaggiare per il mondo, seguire le carovane che vanno fino a Samarcanda per acquistare le spezie in cambio d’oro, resine profumate ed altre merci di scambio. Ma mio padre, il Califfo, non vuole neppure ascoltare le mie riflessioni. Lui si attiene strettamente a quanto dettato dalle antiche leggi del Corano e quindi alla donna non è permesso condurre lo stesso tipo di vita autorizzata agli uomini. Già era problematico discutere con lui circa il mio futuro: si era prefissato di maritarmi entro la fine dell’anno ad un principe figlio di un suo amico che possedeva un enorme quantità di terre e città al nord del paese, su su fino alle catene montuose che ospitano le bianche nevi eterne. Ho chiesto tempo, mi sento troppo piccola per sposarmi, in fondo ho solo 17 anni. Guardo con gli occhi pieni di lagrime il mio nuovo amico: ma ora c’è lui, Nisibis il mio amato falco ad ascoltarmi.
– Sai, le cose si sono messe anche peggio dopo la morte della mamma, Nisibis. Mamma almeno mi ascoltava e capiva. Vedi, in fondo al cuore sono però convinta che anche lei non approvasse tutto ciò che papà decideva. Leggevo la sofferenza nei suoi occhi e molte volte era meraviglioso quando entrambe potevamo cavalcare fuori dalla proprietà e anche se c’erano sempre troppi soldati al nostro seguito, ogni tanto riuscivamo con un sotterfugio a sottrarci dal loro controllo. Quanto mi manca la mia mamma, Nisibis. Ti sarebbe piaciuta sai? Anche lei adorava gli animali! Aveva lasciato ampliare le grandi voliere affinché i colombi potessero sentirsi a loro agio. Molte volte aprivamo le porte e tutti gli uccelli uscivano in libertà, era meraviglioso vederli volteggiare nel cielo, anche se poi sempre ritornavano poiché si sentivano più al sicuro dentro le voliere.
Osservo il mio nuovo amico con l’occhio critico.

– Già, perdonami Nisibis, lo so che tu sei un rapace… ma ho anche appreso la Legge della Natura! Dio ha provveduto affinché ogni animale avesse il suo posto su questo pianeta. Sia fatta la volontà di Allah. Gli animali solo uccidono per cibarsi o per proteggere la loro progenie, vige quindi l’istinto insito nell’animale. Mentre l’essere umano uccide senza ragione, gli uomini si comportano molto male contro la loro stessa progenie e contro i loro simili. Si fanno la guerra uccidendo senza ragione e solo per avidità e desiderio di potere. Questo è malefico, è ignobile e dovrebbe essere punito. Mio padre afferma che la legge di Allah è buona e giusta, ma allora perché esiste il male? Perché sussiste il dolore? Perché gli uomini non sanno amarsi gli uni con gli altri come se fossero tutti fratelli?
Il falco si è allontana dal trespolo sul quale ha dormito e con un paio di battiti d’ali si è avvicina a Samirah. Poggiatosi con destrezza sul bordo del letto nel mentre la giovane donna sposta la garza del baldacchino, osserva con occhio curioso spostando la testa di qualche grado con aria sorpresa ed al contempo curiosa. Poi quasi fosse stata la cosa più normale di questa terra, apre completamente le sue ali e dal suo esile corpo esce una voce melodiosa e dolce.

– Samirah, non temere. Non sono semplicemente un falco sacro, Principessa, ma ho facoltà particolari… io ho conosciuto tua madre. Era davvero una donna bellissima, ma tu lo sei ancora di più, credimi. Tutto ciò che hai appena detto brucia come fuoco anche nel mio cuore. Ma ancora non è tutto rivelato! Ogni essere vivente segue un distinto percorso, questo per gli uomini buoni, per quelli cattivi ma anche per gli animali della terra, dell’acqua e dell’aria .

Mi stropiccio incredula gli occhi, deglutisco un paio di volte prima di riuscire a parlare nuovamente.

– Hei, ma tu parli! Non è possibile che tu possa parlare la mia lingua…
“Forse ho la febbre” penso tra me e me cercando di non mettermi a urlare un po’ per la gioia un po’ per la paura. Aspetto un lungo momento, mentre guardo intensamente negli occhi Nisibis che per tutta risposta rigira la testa nell’altra direzione.

– Dai, principessa. Lo hai sempre saputo che gli animali parlano, molte volte però gli umani sono troppo assorti dai loro problemi e dal loro egoismo per stare ad ascoltarci. Allora? Cosa vuoi fare? Restare qui tutta la mattina a rimirarmi con quella faccina sbalordita? Pensavo che tu volessi andare alla ricerca di avventure! Ti fidi di me? Allora spicciati… ricordati però di un piccolo particolare Samirah, solo TU puoi udire la mia voce… Perciò è meglio se teniamo questa cosa nascosta; sarà un segreto solo per te e me, me lo prometti?
Certo era la cosa più sbalorditiva che mai avessi potuto immaginare: il mio falco Nisibis è un falco parlante e forse mi cela qualche altro segreto… ma ora non voglio deluderlo, mi parla di “avventure” ed è proprio ciò a cui penso fin troppo di spesso!

– Sei felice di stare con me? – sussurro con dolcezza mentre avvicino la mia mano per accarezzarlo sul capo.

– Ahhh, perché dubiti che sia io stesso che ti ho scelto come amica? Samirah, piccola principessa intrigante! Vedi a cosa alludo quando dico che a volte gli uomini sono troppo assorti da altre quisquiglie? Il tuo problema era quello d’essere stata scoperta a spiare i falconieri, così non potevi ascoltare ciò che ti stavo svelando. Bene, oggi è un nuovo giorno, guardiamo di muoverci prima che tutti i servi e tutte le guardie siano a zonzo per il palazzo. Già con quel bellimbusto di principe Aziz, a volte era una seccatura avere tutti quei leccapiedi tra le piume. Spicciati. Guarda di utilizzare un buon travestimento se vuoi sgusciare fuori da qui senza farti beccare! Non scordarti principessa che il Califfo tuo padre si è fatto furbo e ha messo altre persone a controllarti. Muoviti, e vienimi dietro in punta di piedi e senza fiatare!
Ancora in preda alla confusione mi infilo una tunica color sabbia, dei calzari in pelle che ricoprono le caviglie ed avvolgo la testa in 5 metri di garza dello stesso colore del vestito. Mi guardo allo specchio sorridendo: ho rubato una delle vesti delle serve che erano appese ad asciugare nella corte della servitù. La conferma della mia furbizia sono gli occhi che spuntano da sotto la fessura di garza!

– Papà non apprezzerà questo nuovo travestimento. Se sapesse che rubo i vestiti delle domestiche, mi castigherebbe severamente.

Ma Nisibis non mi ascolta, già vola oltre il cortile, in perlustrazione per verificare che nessuno sia di guardia ai cancelli del giardino delle cinquanta fontane. Lo vedo spuntare dopo un paio di minuti:

– Principessa, via libera ma facciamo presto! Le guardie stanno per darsi il cambio e noi dobbiamo approfittare della confusione per sgusciare dietro quell’immensa buganvillea. C’è una breccia nel muro di circa due spanne, l’altra notte ho visto una serva che usciva da lì per trovarsi con il suo innamorato…
Dall’espressione divertita di Nisibis mi accorgo di quanto questo falco possa essere un vero ficcanaso! E per fortuna dovrei essere solo io a poter udire la sua voce, mi immagino quale potenziale racconta-pettegolezzi avrebbe potuto essere per orecchie indiscrete e curiose. Comunque questa volta evito di ribattere all’affermazione di Nisibis e lo seguo come un felino segue la sua preda.
Si annuncia una giornata cocente, anche se qualche nuvola ad oriente lascia presagire un possibile mutamento di tempo. In primavera accade di spesso che piove per qualche ora, permettendo così di irrorare almeno un po’ le terre coltivate a cotone e cereali. Nei giardini del grande palazzo cresce ogni tipo di albero fruttifero ed un’infinita quantità di fiori e piante decorative. Io adoro la serra dove sono amorevolmente cresciute delle stupende orchidee provenienti da misteriosi paesi più ad oriente; molte volte ho fantasticato osservando la loro forma e colori sgargianti o sbiaditi. Ma ora non c’è tempo per fantasticare! “Dove si è cacciato Nisibis?” penso, guardandomi attorno. All’idea che il falco avesse potuto lasciarmi da sola, accresce l’emozione che mi fa palpitare il cuore con maggiore velocità. Odo un forte trillo provenire dall’etere, guardo verso l’alto e lo scorgo mentre scende in picchiata proprio direttamente sopra di me.
– Hei, lumaca. Hai intenzione di aspettare che tutti si siano svegliati per darti il buongiorno? Ti sei dimenticata che stiamo cercando di svignarcela alla chetichella per farci un giretto fuori dalla tua “gabbia dorata”?

– Nisibis si è poggiato con leggerezza sulla mia spalla e mi bisbiglia all’orecchio.
– Beh, a dire il vero ti ho perso di vista… sei sfrecciato via così velocemente che ho pensato mi mollavi per farti i fatti tuoi per un po’.

Sorrido, notando la buffa espressione del falco che evidentemente non sopporta il non essere preso con serietà.
– Dovrai farci l’abitudine Nisibis: hai sentito cosa ha detto mio padre circa il mio caratterino? Pessimo… anzi, cattivissimo… ma mi sono accorta che il tuo non è poi tanto meglio. Per fortuna non sei un umano, con me potresti avere grosse grane.
Il falco apre le ali centrandomi direttamente in faccia e facendomi ritrovare qualche piccola piumetta in bocca.

– Già… sarebbe così tragico se fossi… un umano?

Nisibis emette un nuovo trillo e poi si getta con un poderoso colpo d’ali verso il disco solare.

– Spicciati, Samirah-lumaca. Dobbiamo passare dietro le scuderie, ma non prendere Nazìr al-samt, non oggi; oltre quei mucchi di paglia c’è un’immensa buganvillea ottima per salirci sopra e sgattaiolare dall’altra parte del muro, se sei troppo grassa per passare attraverso la breccia!
Faccio un paio di calcoli a mente, poi realizzo con un gemito la realtà che si profilerà davanti alle mie povere ginocchia e mani già martoriate.

– Hei, ma è alto più di sei metri! E non so cosa c’è dall’altra parte, e se poi non vi è appiglio per ridiscendere fino a terra? Ti sei scordato che la buganvillea ha molte lunghe spine acuminate? Evidentemente il falco neppure aveva ascoltato la frase, già si trovava in prossimità delle scuderie. Faccio grande attenzione a non farmi scorgere e quindi mi muovo con agilità restando nelle vicinanze di folti cespuglietti o alberi, quando noto una persona, mi appiattisco dietro questi arbusti ed attendo per un po’. Dopo una decina di minuti raggiungo il muro e vedo la folta pianta arrampicante carica di fiori color porpora; come afferma Nisibis, è bella solida e con facilità può sostenere il mio peso. Non riesco a trovare la breccia e quindi non mi resta che arrampicarmi su.
In un battibaleno, sono in cima e poi giù dall’altra parte oltre l’ostacolo.

– Primo test di bravura passato a pieni voti! – giunge la voce trillante del falco mentre si accoccola sul mio braccio.

– Già, ma dì un po’ tu pennuto: pensavi fossi una pollastra piena di paura? Io sono una te-me-ra-ria.

Rido di vero gusto mentre sbadatamente metto un piede in fallo per poi ritrovarmi a faccia in giù nel terreno arrido e brullo. La voglia di ridere mi è subito passata ma evidentemente Nisibis ora aveva un punto a suo favore!
– Ahhh, ma guarda guarda, una lumachina che striscia a fatica oltre un muretto per poi trovarsi a musetto in giù nella la terra. Sua Altezza! Principessa “te-me-ra-ria”… sei troppo pesante per me, non riuscirei a sollevarti.

Gli occhi mi si riempiono di lacrime di stizza, non di dolore mentre con un gesto sfuriato prendo una manciata di terriccio e la scaglio in direzione del falco che appare gongolante e divertito. Lui si scarta di qualche centimetro, si arruffa per benino le piume e poi cinguetta:

– Co-cooo co-co-deee. Così fanno le pollastre, o mi sbaglio?
Quando mi sono raddrizzata sulle gambe, lo guardo con aria minacciosa:

– Senti, “socio in affari” gli scherzetti non li sopporto, come non sopporto quelli che si fanno beffe di me. Tu, per quanto mi concerne, puoi ritornartene dal tuo bellimbusto di principe Aziz. Sai cosa? Penso che siete tagliati l’uno per l’altro! Entrambi vi pavoneggiate come pennuti, entrambi avete la lingua biforcuta, entrambi siete pieni di… pieni di…

Ma non riesco a finire la frase perché le lacrime iniziano ad inzupparmi il turbante mezzo disfatto. Cosa diavolo mi prende? Perché non riesco a stare agli scherzi innocenti di Nisibis e magari fargliene io uno a lui? Il falco mi osserva, mantenendo una distanza di sicurezza. Evidentemente mi sta studiando, osserva ogni movimento e cerca di conoscere la mia prossima mossa. Io mi rannicchio nuovamente a terra serrando le braccia attorno alle ginocchia. Dopo un attimo, sento gli artigli del falco sul mio braccio:

– Scusami Samirah. Sono mortificato, ma è stato più forte di me… insomma, mi diverto quando vedo che qualcuno se la prende e così continuo a vessare. Dai, abbiamo qualcosa in comune, io e te. Ecco non penso proprio che potrei sopportare di stare senza di te; hai ragione a dire che Aziz è scorbutico e che si pavoneggia. Ma la mia storia è molto diversa, Samirah. La verità è che…
Alzo adagio la testa, incuriosita dalle affermazioni di Nisibis.

– E qual è la verità? Ti ascolto…

Ma il falco si è già innalzato in volo e solo mi giunge l’eco delle sue ultime parole.

– … terribile storia. Ti racconterò.

Per un istante ripenso a ciò che gli ho detto, forse anch’io avevo esagerato.

– Ti chiedo perdono, Nisibis. Ritorna da me, ti prego!

Grido tra i singhiozzi e poi aspetto a lungo, scrutando il cielo che si è fatto cinereo, sperando dal più profondo del cuore di presto scorgere l’ombra scura cullata dai refoli del vento. Ma solo dopo un’ora decido di ritornare sui miei passi, mi sento la morte nel cuore e non ho più desiderio di andare all’avventura. Con la faccia rigata dalle lacrime e sporca di terra mi ritrovo a passeggiare lungo le voliere, in solitudine.
– Sua Altezza, per l’incommensurabile bontà di Allah, suo padre la cerca, per carità non si presenti con quegli stracci! Ma si può sapere dove era finita? – Sibilla la mia serva più fidata mi pende sottobraccio e letteralmente mi trascina in direzione delle mie stanze.
Mi sento particolarmente seccata per l’accaduto con Nisibis ed il problema è che non posso sfogarmi con nessuno. Chi volete mi creda se confido d’essere stata scelta quale amica da un falco parlante; un rapace tanto pieno di sé che non ha trovato nulla di meglio da fare che cercare a prendersi gioco di me stuzzicandomi?!
Dallo sguardo inquisitivo di Sibilla mi accorgo che la donna non si è lasciata scappare nulla:

– Sua Altezza, ma dov’è il bellissimo pennuto che ieri stava con lei? Sembravate proprio inseparabili, come amici di lunghissima data!
Rimugino su queste ultime parole: “amici di lunghissima data”, ciò è proprio quanto nel mio più intimo percepisco, eppure…, no non può essere. Non è assolutamente concepibile, ho visto quell’uccello per la prima volta un paio di giorni fa. Ma qualcosa di oscuro non torna nei miei conti, ma in fondo è anche impensabile che un pennuto possa parlare o meglio, che un umano possa comprendere il linguaggio degli uccelli.

– Sibilla, devo chiederti un’indiscrezione ma devi promettermi che non lo svelerai a nessuno.
Divento seria e fisso la donna diritto negli occhi mentre cerco di carpire ogni sua minima titubanza o dubbio.

– Ho bisogno del tuo aiuto. Dai discorsi che ogni tanto ascolto… insomma quando voi donne ve ne state per i cavoli vostri a raccontarvi indiscrezioni, ho sentito che parlavate del Gran Vizir e di una strana donna che lui frequenta con regolarità, questa avrebbe dei poteri straordinari. Che mi sai dire di lei? E’ vero che conosce il futuro e che legge dalle foglie del tè la vera natura degli Uomini?

Sibilla impallidisce e gocce di sudore brillano sulla sua fronte, con nervosismo si stropiccia un lembo del lungo velo e tiene le sue labbra serrate con forza. Cerca di sfuggire il mio sguardo inquisitore.
– E’ un ordine, Sibilla. Mi devi rispondere rispettando il rango al quale appartengo! Non voglio i dettagli, ma necessito una conferma. Questa maga potrebbe aiutarmi… insomma… devo vederla con urgenza, vorrei chiederle un paio di cosine che non posso discutere con mio padre e tanto meno con qualche altro maschio.

Sibilla si porta le mani davanti al viso e per un lungo attimo rimane in silenzio come se stesse soppesando cosa raccontare.

– Va bene, ti racconto ciò che conosco… ma è pericoloso sapere… può essere pericoloso per la tua vita, Samirah.

Sibilla inizia a raccontarmi grandi segreti e davanti ai miei occhi prendono forma arcane figure, per bocca della serva vengo a conoscenza di tanti misteri che avrebbero per sempre cambiato la mia vita. Poi Sibilla si zittisce, tremando cerca di raccogliere i fiori che ha lasciato cadere a terra:

– Sua Altezza, non penso sia saggio… temo per lei, penso può ben immaginare cosa sarebbe capace di fare suo padre il Califfo se si accorge che abbiamo parlato di questi oscuri segreti. Samirah, ci sono cose delle quali è meglio non sapere l’esistenza.

Sibilla raccoglie l’ultimo giglio rosso e si allontana correndo verso l’ala orientale del palazzo, nell’aria resta il profumo dei fiori appena recisi.
Mi guardo le mani ed i vestiti pieni di polvere rossiccia, “meglio se mi spiccio a darmi una ripulita e poi raggiungo mio padre nella sala dei Quattro Venti, forse non si è ancora accorto che non ero nelle mie stanze”. Mi lascio aiutare da un paio di altre mie serve, ma l’ultima frase di Sibilla mi tuona nella mente. Dal terrazzo davanti alle sale d’acqua posso osservare una parte del giardino, le voliere e la parte bassa della costruzione adibita alle scuderie. Speravo di intravedere il mio falco sacro, ma di lui neppure l’ombra. Una sorta di profondo sconforto mi prende il cuore. “Dove se n’è andato Nisibis? Accidenti a me, con questa mia brutta abitudine di non riuscire a mettere a freno la lingua. Offendo le persone senza veramente volerlo, sono scontrosa e maleducata, poi mi pento e soffro doppiamente. Ci tengo molto a quel rapace vezzoso…”
Mio padre mi sta già aspettando da un po’, nel vederlo tutto agghindato nei suoi lussuosi paramenti mi scappa un sorriso. Solo il grosso turbante, lungo una quindicina di metri, lo impegna per quasi mezz’ora ogni volta che se lo deve “rotolare” attorno alla testa. Il mio sorriso diventa una risata sonora:

– Papà, ti dona il color zafferano! Bello, è nuovo? – Gli salto al collo, ignorando l’etichetta che me lo vieterebbe, specialmente in presenza del Gran Vizir e dei suoi consiglieri.

– Samirah, quante volte devo dirti… – poi con voce bassa mi sussurra all’orecchio – accidenti a te, dove ti eri nuovamente cacciata? Possibile che non riesco ad ottenere la tua ubbidienza? – Mi sorride in ritorno, mentre con la mano destra si liscia all’insù i baffi e con la sinistra si riaggiusta il turbante sulla testa.
– Posso restare qui un po’ con te, prometto che non darò fastidio, iniziano ad interessarmi le questioni politiche legate al tuo regno. Considerando che non ho un fratello maschio e… che tu desideri che io prenda presto marito… è saggio avere qualche idea un po’ più chiara su quali sono le incombenze del Potere. Nevvero, papà??

La faccia del Califfo si fa molto seria, per un attimo mi assale il dubbio d’avere detto qualcosa di fuori luogo, ma dopo un paio di minuti di riflessione mio padre si rasserena:

– Certo, per Allah! Hai perfettamente ragione, figlia mia. Non ho eredi maschi e quindi sei tu che un giorno dovrai regnare sulle mie terre. Ritengo quindi saggio e profetico poterti da ora in poi coinvolgere in tutti questi assunti di stato.
Con curiosità i miei occhi scandagliano i visi dei presenti, tutti uomini, naturalmente! La faccia del Gran Vizir assume il colore del sangue raffermo mentre con uno scatto di nervi è saltato in aria gesticolando: – Sua Graziosa Maestà!! Spero si tratta di uno dei soliti scherzi di cattivo gusto di sua figlia la Principessa Samirah! E’ inaudito, inammissibile, sfrontato ed osceno… una femmina, insomma un’appartenente al “sesso debole” non può e non deve immischiarsi in cose concepite solo per gli uomini! Mi oppongo, insisto affinché anche gli altri consiglieri non prendano con serietà quest’idiozia…
Non ci vedo più dalla rabbia, con quale sfrontatezza si permette quella specie di citrullo raggrinzito dal tempo di insultarmi così apertamente? Tiro un profondo respiro e con fatica mi controllo per non rispondergli in malo modo, poi incrocio lo sguardo di mio padre che denotava lo stesso imbarazzo e fastidio. Confido nella sua saggezza sicura che avrebbe optato per una risposta diplomatica e regale. Avrei voglia di raccontare tutte quelle cose ascoltate di nascosto, circa gli incontri segreti del Gran Vizir con quella strana donna, quella maga. Ma a cosa servirebbe? No, decisamente devo restare zitta e piuttosto mordermi la lingua.

Il giorno seguente Sibilla si presenta molto presto nei miei alloggi:

– Sua Altezza, ho qualcosa per lei. Si svegli, presto. Non dispongo di molto tempo poiché oggi devo andare al suq per acquistare le vivande con le impiegate delle cucine. Ci sarà una grande festa questa sera in onore del Principe Aziz…

Sibilla si copre con il velo la bocca, per celare un risolino che Samirah percepisce come beffardo.
– Ah, già, quella specie di aguzzino! Ho avuto modo di conoscerlo personalmente, il “Principe Aziz”… ed ho anche rischiato di farmi malmenare dalle suoe guardie-tirapiedi. Ma questa storia forse non la conosci, mio padre cerca sempre di occultare i miei pasticci, in fondo mi vuole un bene da morire.
Mi sento un po’ assonnata, evidentemente gli eventi del giorno prima mi hanno logorato, specialmente la scomparsa di Nisibis ha lasciato nel mio cuore un vuoto immenso. Mentre penso al falco, un velo di tristezza mi copre gli occhi, evidentemente Sibilla se ne accorge.

– Sua Altezza, pensa al bellissimo rapace, nevvero? Non tema, sono sicura che ritornerà. In fondo è sempre un animale selvaggio nella sua natura e posso capire che egli preferisca la libertà. Ma ora guardi, le ho portato qualcosa!!

Con un gesto rapido e circospetto, la serva trae da sotto le vesti un fagottino di seta rossa riavvolta con cura. Dentro c’è una sorta di collana intrecciata di fibre di cocco con un pezzo centrale di madreperla con raffigurato un umano dalle testa di falco. Con una strana sensazione al cuore, giro tra le mani questo strano monile, gli occhi fissi a rimirare le fattezze perfette e di indiscutibile raffinatezza.
– E’ un amuleto raffigurante il Dio Horus, figlio di Iside ed Osiride. E’ venerato oltre il mare, nelle terre dei faraoni, mia Signora!

Gli occhi di Sibilla sono due scintille d’ambra che mi fissano da sotto il velo, qualche ciocca ribelle di capelli ricciuti la fanno apparire ancora più circospetta.

– Horus? Un uomo-falco? Sibilla, cosa significa? Perché mi doni quest’oggetto così strano?

– La serva si inchina poi sottovoce mi sussurra nell’orecchio:

– Voi stessa mi avete chiesto informazioni sulla veggente con la quale il Gran Vizir ha appuntamenti regolari. Questo è un omaggio da parte sua: è un dono di Nekhbet, questo è il nome della maga, lei è la “Dama dalla bianca Corona”… E’ partita per qualche giorno ma quando ritornerà in città sarà molto felice di incontrarla. Io non le ho detto nulla… apparentemente lei già conosce tutto, Nekhbet parla con gli elementi dell’Aria, dell’Acqua, del Fuoco e della Terra. Lei è molto potente, Sua Altezza. Terribilmente potente!

Dallo sguardo sincero di Sibilla comprendo che è la verità, chiaramente sono sbalordita per questa strana coincidenza, ma laddove governano forze oscure non è possibile spiegare ogni cosa.
Nel più profondo del mio cuore percepisco che Nekhbet è in qualche maniera coinvolta con la sparizione del mio amico Nisibis. Tra le mani stringo l’amuleto, l’effige del falco assume il colore dell’oro e bagliori diffusi si propagano nella camera. Socchiudo gli occhi mentre la serva si allontana lasciando un leggero sentore di erbe aromatiche che sempre tradiscono la sua presenza. Mi siedo un attimo su un grosso cuscino, gli arabeschi intagliati nel legno d’un paravento posto dinnanzi ad una finestra celano la mia presenza mentre io posso osservare ciò che accade nella corte centrale. I preparativi della festa sono in fervore, ovunque il brusio dei servi indaffarati sottolinea l’importanza che assumeranno questi festeggiamenti. “Che se lo pigli il diavolo, quell’antipatico di Aziz. Per Allah quanto non posso sopportarlo! La sola idea di dovermelo ritrovare dinnanzi mi da il voltastomaco”.
L’arrabbiatura interferisce con il mio morale già nero, che fare? Penso all’opportunità di mettermi a letto fingendo d’essere ammalata, ma questo significava dover prendere chissà quale intruglio schifoso solitamente somministrato come medicina da parte dell’astronomo nonché medico di corte. No, meglio cercare un’altra scusa. Mhhhhmmmm pensa che ti ripensa, non mi viene nessuna idea in testa.

– Bene, allora affronterò l’argomento in maniera diretta con mio padre! E se non mi vuole ascoltare, gli terrò il muso per il resto del mese!

La frase mi esce di bocca chiara e con un tono di voce tale da rendere possibile l’udirmi fino nei corridoi. Non resto però più sbalordita di tanto trovandomi davanti alla porta mio padre che evidentemente mi stava cercano:

– Tu affronti cosa… con me? Figlia mia, ma parli da sola oppure mi nascondi da qualche parte… quell’uccello, quel falco che appartiene al Principe Aziz…

Ci mancava solo questa. Fisso papà con occhi di fuoco mentre sbotto in un vero e proprio martoriato sfogo:

– Non pronunciarlo, papà. Non proferire più quel maledetto nome di quell’essere tanto ignobile che se fosse per me lo darei in pasto alle tigri che vivono nei boschi al nord del Regno! E’ infame, meschino ed arrogante, padre. Penso di sapere che cosa entrambi state confabulando… e la mia risposta è no! Non acconsentirò MAI, capito? Mai e poi mai mi lascerò maritare un tale individuo. Piuttosto resterò zitella ed un giorno regnerò sulle tue terre da sola. Sarò una Califfa, papà, la Califfa Samirah.

Mi butto sul letto in singhiozzi terribili e lamenti tali che anche mio padre si impietosisce; lo conosco bene e questa è l’unica maniera per intenerirlo e da lui ottenere tutto ciò che desidero.

– Tesoro mio, suvvia, su su non fare così. Mia preziosa Samirah non struggerti, va bene, non mi farò speranze sulla possibilità di darti in moglie al Futuro Califfo Aziz al Ben Saffid! Pensavo poteva essere per te un buon partito, ma se tutto è iniziato con il piede sbagliato, mi rendo conto che non è possibile porvi rimedio! Tutto forse per colpa di quello stupendo falco! Ma dimmi, figlia adorata, mia gemma preziosa… dove lo hai nascosto? Sii prudente poiché il Principe A… beh, il suo precedente proprietario lo sta cercando come un ossesso. Questo suo comportamento mi sembra però stranamente assillante, sono vecchio e penso che ci è celato qualcosa, Samirah. Sii prudente e questa sera stammi sempre vicina, ti proibisco di allontanarti da sola! Farò mettere altre guardie in tua protezione. Sai, ho davvero l’impressione che tua madre sia sempre tra noi… ho avuto uno strano sogno questa notte. Non ne ho parlato né con il Gran Vizir né con l’Hajib. Nel sogno la mamma mi diceva che era un segreto e che solo la “Dama dalla bianca Corona” avrebbe potuto aiutarmi.

La frase del Califfo mio padre mi paralizza il corpo, soffoco gli ultimi singhiozzi mentre con mani tremanti lo abbraccio:

– Allah Akbar! Padre… ho scoperto chi è questa Dama… il suo nome è Nekhbet, Padre!

Il Califfo emette un grido, poi mi prende entrambe le mani tra le sue e me le stringe con grande forza:

– Non è possibile, Nekhbet… non è… ella non appartiene più al mondo dei viventi!

Durante tutta la durata dei festeggiamenti, Samirah è praticamente rimasta incollata alla tunica di suo padre, suscitando persino la sorpresa del genitore abituato fin troppo a doverla far cercare in continuazione.
La giovane ha messo tutto il suo impegno nelle attività ludiche proponibili durante un banchetto: equilibrismo di cucchiai in bilico sopra montagne di cuscus, vallate attraversate di fiumi di salsa piccante dove le dita finivano con l’imbrattarsi e poi lasciare tracce sopra tovaglie immacolate. Insomma, la Principessa proprio dava segni evidenti di noia incontrollabile. Era persino riuscita a far ribaltare un vassoio con una trentina di boccali riempiti di tè di menta e spezie.
Il Principe Aziz si è drappeggiato di sete e organze ricamate con perle e pietre preziose, il grande turbante è fissato con una spilla tempestata di diamanti di notevole bellezza rappresentante un falco. La sua presenza è certamente di grande fascino e nobiltà, ma Samirah evita con cura di guardarlo in faccia e si è persino nascosta anche gli occhi sotto un finissimo velo che impedisce a sguardi indiscreti di riconoscerla.
Comunque, celatamente, la Principessa osserva Aziz avendo notato la spilla sul suo copricapo che le ha subito riportato alla memoria Nisibis. Il Principe appare rabbonito e in una certa maniera ora Samirah prova per lui compassione.
Il Principe le ha fatto consegnare da uno dei suoi cicisbei un enorme mazzo di gigli reali dall’intenso profumo inebriante, coi fiori c’è una scatola di legno di radica con un inserto di corallo rosa intagliato sul coperchio. Samirah ha visto di sfuggita le fattezze di un viso di donna con minuscole perle e diamanti incastonati fra i capelli mentre le labbra sono ricavate da un unico rubino di almeno 4 o 5 carati. La somiglianza con i suoi lineamenti è sorprendente e la Principessa si chiede come l’autore dell’intaglio abbia potuto produrre un tale prodigio senza necessitare la presenza della modella in carne ed ossa.
Ma Samirah con decisione rifiuta i regali pregando il servitore di riportarli al suo padrone. Evidentemente questo atteggiamento infastidisce il Principe Aziz, che ritorna uno sguardo laconico a Samirah mantenendo però la calma.
La Principessa ascolta i racconti delle poche donne presenti, cercando di carpire tutte quelle informazioni che potevano tornarle utili. Non aveva però visto la sua serva preferita: Sibilla forse aveva avuto la giornata libera, poiché di lei non c’è traccia. Ma la cosa indispettisce parecchio la Principessa: a causa delle indiscrezioni della serva ed il regalo della Dama dalla bianca Corona Samirah si è fatta ancora più irrequieta ed ha finito per fantasticare ad occhi aperti. Sotto i suoi abiti e veli, Samirah ha indossato il collare in fibre con l’effige di Horus. La presenza su di sé della divinità egizia le infonde sicurezza ed un senso di protezione. Si distende appoggiandosi contro la moltitudine di cuscini squisitamente ricamati e dopo un po’ cade in un sonno profondo turbato solo dalle gelide mani del vento che nel sogno le permettevano di volare altissima nel cielo.

Nel sogno, come per magia, Samirah ritrova il suo falco Nisibis e da lui si lascia condurre oltre l’orizzonte nel cremisi lasciato dal sole tramontante e poi oltre, verso la buia coltre impenetrabile proveniente da Oriente.

Mai come prima d’allora la giovane donna provava emozioni così intense e sublimi. Di per se già il potersi librare nell’aria è una percezione indescrivibile che da sempre nel più profondo del suo cuore desiderava provare. A livello subliminale Nisibis la incoraggia, spiegandole come il meccanismo dell’aerodinamica permette ad un corpo di librarsi in volo e Samirah, incantata, ascolta e memorizza i suoi insegnamenti. Si sente d’appartenere all’elemento dell’Aria, nel suo più profondo si convince che lei appartiene in realtà a quel mondo fatto di piume e correnti ascensionali che ti trasportano sempre più in alto. Non prova paura. Si sente protetta, come mai prima d’allora si era sentita! Con Nisibis sorvola paesaggi meravigliosi dei quali unicamente aveva sentito parlare dai rari viaggiatori che giungevano in visita dal Califfo suo padre. Quando qualcosa interessava ed incuriosiva entrambi, Nisibis percepiva il desiderio di Samirah e si lanciava in picchiata verso la terra ferma. Vagavano quindi sopra pianure desertiche o distese turchese e blu di fiumi e mari; ammiravano piccoli villaggi e paesi circondati da alte mura ed imparavano a conoscere le diverse fisionomie degli abitanti di quei luoghi. Dall’etere intravvedevano le molteplici specie animali, da quelle che risiedevano sulla terra, quelle nell’acqua e naturalmente quelle che vivevano nell’aria.

Ma improvvisamente il sogno si dissolve e la Principessa viene ricondotta nella realtà dalla voce di suo padre che la chiama:

– Figlia mia! E’ molto tardi, penso che tra non molto sorgerà il sole, è saggio dunque se tu vai nelle tue stanze. Anch’io andrò a riposare, sono molto stanco e purtroppo l’età non mi permette più di esagerare.

Il Califfo accompagna sua figlia verso l’ala del palazzo dove ci sono le sue stanze. Le dona un bacio dolce sulla fronte mentre le accarezza soavemente i capelli.

– Dolci sogni, papà. Avrai tempo per me nel corso della giornata? Ci sono un paio di cose che desidero discutere… dovrò anche raccontarti il sogno che ho appena avuto. Era strano, papà. Non ho mai avuto un sogno che potesse riempirmi così di felicità .

Il Califfo sorride, allontanandosi contornato dalle sue guardie. – A più tardi, figlia mia, ti auguro tanti altri sogni così belli.

Passano i giorni, le settimane e ad ogni trillo o frullar d’ali nel cielo, mi sento paralizzata per qualche secondo prima che mi possa rendere conto che è solo una colomba o un airone. Nisibis non è più tornato e questo suo abbandono mi fa sprofondare nella tristezza più oscura. A nulla sono valse le parole di conforto di mio padre:

– Vedrai, piccola mia, quando ci sarà la schiusa delle uova dei falchi sacri… sono sicuro che i miei falconieri ti aiuteranno a scegliere un piccolo pulcino di falco. Sarà tutto tuo e tu lo alleverai con amore. I falconieri mi hanno svelato che per renderli “speciali” bisogna che il loro futuro padrone sia presente al momento nel quale il pulcino buca il guscio. Il piccolo di falco riconoscerà in seguito quella persona come proprio genitore.

Ma non provavo consolazione, mi sentivo come morire dentro. Non desideravo un altro piccolo falco, io bramavo il ritorno di Nisibis. Era quel falco e lui solo a cui anelavo dal più profondo, senza riuscire a capire il perché di questo legame così intenso.

Dopo un’altra settimana passata a spiare le voliere ed i falconieri, a volte rifiutando il cibo e la presenza di mio padre, ricevo con sorpresa un messaggio da Sibilla scarabocchiato su di un pezzo di pergamena ruvida e di pessima qualità. “Sua Altezza, la prego di non dire nulla a nessuno, mi raggiunga dietro le scuderie dove c’è la grande buganvillea che ricopre tutto il muro di cinta. L’attenderò dopo il calar del sole.”

Il messaggio mi ha messo addosso una tale eccitazione che anche in presenza di mio padre fatico a restare tranquilla. Fortunatamente lui è troppo felice di vedermi sorridere che non ha chiesto nulla.

Quando le ombre nel parco hanno iniziato ad allungarsi e le nuvole all’orizzonte si tingono di caldi colori rossastri, trepidante mi vestito con abiti di lino avvolgendo i capelli in un lungo velo marrone. Ho raccolto qualche moneta ed un paio di miei ninnoli da poter se necessario utilizzare come merce di scambio. Mi trovo a fantasticare, girovagando per mondi sconosciuti o meglio, visti a sprazzi durante quelle volte che ero riuscita a sgusciare fuori dal palazzo per andare all’avventura. “Chissà cosa vuole dirmi Sibilla! Forse ha ritrovato Nisibis, forse è ferito gravemente e necessita il mio aiuto. O Allah, fa che non sia così!”

Apro con estrema cura il piccolo cassetto nascosto sulla parte inferiore del letto a baldacchino: è un nascondiglio dove ripongo le mie cose più preziose e segrete. Ci sono un paio di piume di Nisibis, l’involucro dove era stata avvolta la collana in fibra con l’effige rappresentante Horus, una strana pietra che vedo per la prima volta… chissà come ci era finita lì dentro. Seguendo l’istinto, afferro anche la pietra e l’infilo in una sacca che porto appesa al collo. In punta di piedi e trattenendo il respiro mi incammino lungo i corridoi evitando ogni luce e nascondendomi ogni qualvolta che sento delle voci giungere nella mia direzione.

Dopo un tempo che pare interminabile, ho raggiunto le scuderie. Cerco di tenere a freno il desiderio di salutare il mio cavallo, anche se una strana sensazione mi urge nei passi facendomi ritrovare proprio davanti al suo giaciglio.

– Psss mio amato Nazìr al-samt! Sono io, voglio salutarti e dirti dove vado, anche se non sono certa di ciò che accadrà.

Quasi fosse predestinato questo strano evento, il mio piccolo cavallo arabo si gira e mi raggiunge in pochi passi. Poggia la sua testa sulla mia spalla, dandomi quindi qualche colpetto col muso.

– Si, mio prezioso, vado a cercare Nisibis. Sento che sarà così, è forse questo il destino?

Il cavallo sbuffa dalle narici con veemenza mentre conficca ripetutamente lo zoccolo destro con forza nel terreno, quasi vuole farmi capire che anche lui desidera uscire da lì per provare la libertà e seguirmi ovunque io andassi.

– Non puoi venire con me, Nazìr al-samt! Tu non puoi passare dalla breccia nel muro e neppure saltare oltre. Aspettami qui, ti faccio solenne promessa che ritornerò. Non ti lascerei mai solo, ti voglio tanto bene!

Il cavallo nitrisce fievolmente, gli occhi immensi sembrano riempirsi di lagrime… ma i cavalli non piangono! Esco dalla scuderia senza fare alcun rumore, raggiungo il muro di cinta e cerco con lo sguardo Sibilla. La serva è rannicchiata in terra, appare come se stesse dormendo ma non appena si accorge della mia presenza, si alza con uno scatto.

– Andiamo Sua Altezza, Nekhbet ci sta attendendo non molto lontano da qui.

La temperatura è fresca e la brezza della sera avvolge con le sue fragranze di fiori le due donne. Sibilla segue il sentiero che dal retro dei giardini conduce verso il mercato delle stoffe, dopo due o tre giri tra le tende, si ferma davanti ad una colore del sole al tramonto.

– E’ qui, non mi è permesso entrare. Io attenderò fuori.

Entro con una strana sensazione alla bocca dello stomaco, ma non è paura. Stranamente non provo timore… tutto appare come tessuto nelle trame della mia vita, ogni cosa è come se fosse stata premeditata da sempre, fin dal mio concepimento. Le tante domande si susseguono nella mia mente, sento che l’anima è in fervore, percepisco che tra breve scoprirò la verità. La mia vera natura, quella di Nisibis, il perché della vita.

La donna è avvolta in un abito blu che mi ricorda il fluire del Tigri e dell’Eufrate, porta un turbante dello stesso colore cangiante della sabbia del deserti, in quella fioca luce che danza nei bracieri posti attorno ad una bassa tavola da tè.

– Vieni avanti Samirah! E’ da lunghissimo tempo che ti attendevo. Il nostro incontro è stato scritto nella notte dei tempi, dove solo le stelle sono state testimoni. Hai timore di alzare il velo della verità? Lo sai che cosa può questo significare, venerata Principessa?

Nekhbet, La Dama dalla bianca Corona si alza con entrambe le braccia protese verso di me. Sento la sua presenza penetrare le mie carni, mentre l’amuleto di Horus si fa pesante attorno al mio collo. Discosto i veli e prendo l’effige con la mano destra, la superficie di madreperla appare gelida al contatto ma una fioca luce argentea si sprigiona a poco a poco. Resto come pietrificata nell’accorgermi che dal medaglione si sprigiona una nebbiolina che si materializza in una figura maschile di alta statura, dai fianchi ricoperti da strani paramenti color oro e cenere. La figura porta dei bracciali e cavigliere d’oro e sulla testa è poggiato uno strano copricapo di foggia dissimile a quelli usati in Mesopotamia. L’uomo dapprima appare etereo e solo dopo alcuni minuti l’apparizione assume consistenza e si gira verso di me inchinando il capo.

– Grazie, Samirah dolce, per avermi cercato. E grazie alla potente Nekhbet, venerata ed acclamata tra gli Dei, per aver acconsentito che la profezia si avverasse.

Io resto sbigottita ad osservare da una parte la trasfigurazione della divinità Horus che da medaglione diventa umano e dall’altra quella di Nekhbet che da umana si trasforma in un candido avvoltoio. La voce della dell’uomo continua:

– Non mi riconosci Principessa? Lascia che siano gli occhi del tuo cuore a guardare e dimenticati di essere in una forma materiale. Siamo unicamente Energia, energia divina che deve poter seguire il corso delle profezie, umane e divine… siamo unicamente un tutt’uno e nulla è prescindibile.

Mi si avvicina, senza avere bisogno di muovere gli arti, come se la sua struttura metafisica si spostasse nella nostra dimensione grazie alla forza del pensiero. Mi sento strana, chiudo gli occhi e “percepisco” utilizzando gli occhi del cuore. Poi comprendo: tutto diventa nitido e la mia mente si apre, i pensieri si riordinano permettendo ad ogni dubbio d’essere cancellato.

– Nisibis! Mio amato Nisibis… quanto ti ho cercato, quanto ho sofferto per la tua sparizione!

Lagrime bruciano le mie guance, scendono a lavare un viso che arde per l’emozione mentre una gioia immensa mi avvolge.

– Samirah, non ti ho mai lasciata poiché io sono “dentro” di te. Questa era una prova d’amore voluta da mia madre Iside… è una leggenda dolorosa nella quale era predestinato che solo l’amore incondizionato di una fanciulla avrebbe potuto liberare il mio spirito. Così hanno voluto gli Dei, questo è il mistero che mi lega a te… per l’Eternità!

Ed io finalmente comprendo: mi avvicino a Horus-Nisibis, lo guardo per un’ultima volta rapita dal profondo amore che provo e dalla bellezza delle sue fattezze umane. Accarezzo i suoi capelli corvini mentre le mie lagrime bagnano le sue gote, in quell’abbraccio nel quale le nostre essenze di Luce si uniscono la mia voce si fa autorevole:

– Dama dalla Bianca Corona, possente Nekhbet, sia quindi appagata la profezia degli Dei. Ho fatto la mia scelta!

Tutto accade all’improvviso, raccolta tra le possenti braccia di Nisibis cerco la pietra rossastra che avevo trovato nel cassettino dove tenevo nascosti i miei segreti. Tremante cerco la mano di Nisibis: entrambi stringiamo la pietra con forza. Non provo dolore, ma percepisco che il mio corpo diventa sempre più leggero, sempre più inconsistente.

Nell’oscurità, finalmente solo due meravigliosi falchi sacri spiccano il volo verso le dune del deserto… sulla terra, davanti ai piedi della maga Nekhbet una rosa del deserto di considerevoli dimensione.

Un pegno… dell’incommensurabile forza dell’Amore… e dei sogni che sempre possono avverarsi.

Leave a comment

4 Comments

  1. You are a wonderful writer, and the music was absolutely beautiful.xxxx

    Reply
    • Thank you… I’m glad you enjoyed it… I’d like to change the fate of the planet, of the humanity… although only in my stories! But at least for a few minutes I changed the course of time: you’ve been caught in the magic of Samirah’s adventure… and this is a kind of escape. Thank you, my dear, a peaceful evening…

      Reply
  2. Wow! What an amazing story, and so skillfully crafed! Can’t imagine how much research went into this! Great job Claudine. Your trip to Egypt will be all the more enchanting because of this 🙂

    Reply
  3. stefania

     /  April 16, 2015

    Un racconto molto intenso e avvincente, bravissima Claudine! Lo continuerà dopo avere fatto il pieno di nuovi stimoli in Marocco? Saluti carissimi Stefania

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: