• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

La vergognosa Svizzera * The shameful Switzerland

In queste settimane, gli animi si sono accesi parecchio, e a far discutere è la modifica della Legge sulla Caccia! Quale ecologista amante degli animali, non sono l’unica ad essere stata più volte attaccata verbalmente come pure su scritti apparsi sulla stampa del cantone Ticino. Sono piovute parole spregevoli e ai limiti della denuncia… Ma si considera da quale fonte provengono e si sorride.

Sono molteplici le ragioni per RESPINGERE votando un secco NO, ma i cacciatori, gli agricoltori e altre cattegorie “non meglio definite” stanno gettando sabbia negli occhi dei cittadini.

Bugie e pretesti inverosimili che solo confondono le idee di chi ancora non ha capito che ne va di mezzo l’intero ecosistema. Quest’articolo, in sostanza, porta alla luce la vera natura di alcuni cacciatori (ma quanti, in verità?)

Il bracconaggio dilaga… stiamo parlando di linci, animali protetti, ma anche di altri.

No alt text provided for this image
No alt text provided for this image
No alt text provided for this image

In recent weeks, tempers started to flare, and the topic is the modification of the Hunting Law!

As an ecologist who loves animals, I’m not the only one who has been several times verbally attacked, and into writings that have appeared in the press of the Canton of Ticino. Quite few bad words have being poured, which were bordering on denunciation… But you always must consider from which source they come and than, you smile.

There are many reasons to REJECT by voting a sharp NO, but hunters, farmers and other “not better defined” categories are throwing sand in the eyes of citizens.

Lies, unlikely pretexts that only confuse the ideas of those who have not yet understood that the whole ecosystem is involved.

This article (unfortunetely in German language) essentially brings to light the true nature of some hunters (disgusting, but how many are they?)

Poaching is rampant… we are talking about lynxes, protected animals, but also of others of the protected species.

Fighting for them: the creatures without voice

26.8.2020 Corriere del Ticino

The global extinction of many species of flora and fauna, or a reduction / loss of the same in a specific natural environment, can be a temporary or permanent phenomenon depending on the situation. In the case of deforestation, the disappearance of the habitat of many species, without the possibility of restoration, generates an irreversible loss of biodiversity.
Small changes within a balanced ecosystem can have a dramatic influence on the food chain that would lead to a reduction in biodiversity. This, in turn, leads to reduced ecosystem services and ultimately poses an immediate danger to food security, even to humanity itself.
Currently, the global loss of biodiversity is estimated to be between 100 and 1000 times greater than it naturally occurs, and worse, a further increase due to anthropogenic pressure is expected. About 70% of the loss is caused by agriculture alone. 1/3 of the cultivable area of ​​our planet is used for crops and for grazing livestock, therefore largely destined for the breeding of “slaughter meat”.
The relative deforestation to increase forage production, monocultures and urbanization are man-made, and not always for vital reasons.
Added to this is the greenhouse effect mainly caused by agriculture which in addition to destroying biodiversity by converting natural habitats into “intensive cultivation systems”, uses highly polluting agents such as pesticides or fertilizers that contaminate the air and soil.
And so far, I think most readers are aware that the danger is imminent, despite the / negativists, / who still claim that all is well, continuing to follow a disrespectful lifestyle towards the problem that is collective.
We are in a democratic country, where freedom of thought (and writing) is given to each of us.
My obstinacy in trying to get a specific message across obviously creates resentment and grudges. We are not all tuned to the same wave, and there are many “vibrations”, however I can only invoke common sense and the fundamental awareness that each of us should do. Each of us can change our “ecological footprint” by reducing or eliminating, for example, the consumption of animal products, or by preferring the use of public or non-polluting transport. For many it is easy, for others more difficult but not impossible.
In this context, we must also in Switzerland safeguard the different ecosystems and biodiversity, allowing all the species that populate our plains, mountains and plateaus, to coexist as Nature itself foresees, giving each other their own space.
Given the above, we cannot accept an amendment to the Hunting Law which will provide the Federal Government with “carte blanche” or the ability to modify the list of protected animals at will (for example, lynx and beaver, given the favorable votes of the commissions) and without more faculty to intervene by means of popular votes.
Unfortunately, the trade associations are making a big anti-wolf propaganda, bringing up every possible absurdity and trying to convince the people to carry out a wicked act by approving the amendment of the law. It should be emphasized that the current content of the law already provides for the elimination of problematic wolf specimens.
Considering that the attempt to restore the atavistic fears towards the Bad Wolf did not work, some people have begun to take it out on the protection dogs of the herds but failing to provide true information and trying to pass a single message: let’s kill all the great predators that are dangerous.

I am of the opinion that it is important to provide correct information, not to provide misleading information with an attempt to confuse the reader. Shouldn’t moral righteousness be above one’s interests?

Like many other citizens, I defend our ecosystem, Nature with flora and fauna, as we wish to bequeath to the next generations a livable world, where everything has its living space… already very limited due to the presence of Man.

…oOo…

Lottando per loro: le creature senza voce

L’estinzione a livello globale di molte specie di flora e fauna, oppure una riduzione/perdita delle stesse in un preciso ambiente naturale, può essere un fenomeno temporaneo o permanente a differenza della situazione. Nel caso di deforestazione, la scomparsa dell’habitat di molte specie, senza una possibilità di ripristino, genera una perdita irreversibile della biodiversità.
Piccoli cambiamenti all’interno di un ecosistema equilibrato, possono avere un’influenza drammatica sulla catena alimentare che porterebbe ad una riduzione della biodiversità. Questo, a sua volta, conduce a servizi ecosistemici ridotti e alla fine rappresenta un pericolo immediato per la sicurezza alimentare, anche per l’Umanità stessa.
Attualmente, la perdita globale della biodiversità è stimata tra le 100 e 1000 volte superiore di quanto non occorra in modo naturale, e peggio, è previsto un ulteriore aumento causato dalla pressione antropica. Circa il 70% della perdita è causato dalla sola agricoltura. 1/3 della superficie coltivabile del nostro pianeta è utilizzato per le colture e per il pascolo di bestiame, quindi in gran parte destinato all’allevamento di “carne da macello”.
La relativa deforestazione per accrescere la produzione di foraggio, le monoculture e l’urbanizzazione sono originate dall’uomo, e non sempre per ragioni vitali.
Si aggiunge l’effetto serra principalmente causato dall’agricoltura la quale oltre a distruggere la biodiversità convertendo gli habitat naturali in “sistemi di coltivazione intensiva”, utilizza agenti fortemente inquinanti quali pesticidi o fertilizzanti che contaminano l’aria ed il suolo.
E fin qui, penso che la maggior parte dei lettori sia consapevole che il pericolo è imminente, malgrado i /negativisti,/ che ancora affermano che tutto va bene, continuando a seguire uno stile di vita irriguardoso nei confronti della problematica che è collettiva.
Siamo in un paese democratico, dove la libertà di pensiero (e di scrittura) è data ad ognuno di noi.
La mia ostinazione nel cercare di far passare un messaggio specifico, evidentemente, crea astio e rancori. Non tutti siamo sintonizzati sulla stessa onda, e di “vibrazioni” ve ne sono tante, comunque posso unicamente invocare il buonsenso e la fondamentale presa di coscienza che ognuno di noi dovrebbe fare. Ognuno di noi può cambiare la propria “impronta ecologica” riducendo o azzerando ad esempio il consumo di prodotti animali, o prediligendo l’utilizzo di trasporti pubblici o non inquinanti. Per molti è facile, per altri più difficile ma non impossibile.
In questo contesto, dobbiamo anche in Svizzera salvaguardare i diversi ecosistemi e la biodiversità, permettendo a tutte le specie che popolano le nostre pianure, montagne e altipiani, di coesistere come la stessa Natura prevede, fornendo gli uni agli altri il proprio spazio.
Visto quanto sopra, non possiamo accettare una modifica della Legge sulla Caccia che fornirà al Governo federale “carta bianca” ovvero la possibilità di modificare la lista degli animali protetti a piacimento (ad esempio lince e castoro, visto i voti favorevoli delle commissioni) e senza più facoltà di intervento per mezzo di votazioni popolari.
Purtroppo le associazioni di categoria stanno facendo una grossa propaganda anti-lupo, tirando in ballo ogni assurdità possibile e cercando di convincere il popolo a compiere un atto scellerato approvando la modifica della legge. Va sottolineato che l’attuale contenuto della Legge già prevede l’eliminazione di esemplari di lupo problematici.
Considerando che il tentativo di ripristinare le ataviche paure nei confronti del Lupo Cattivo non sono funzionate, alcune persone hanno iniziato a prendersela con i cani da protezione delle greggi omettendo però di fornire informazioni vere e cercando di far passare un messaggio univoco: ammazziamo tutti i grandi predatori che sono pericolosi.

Sono dell’avviso che è importante un’informazione corretta, non fornire notizie fuorvianti con il tentativo di confondere chi legge. La rettitudine morale non dovrebbe essere al di sopra dei propri interessi?

Come molti altri cittadini, difendo il nostro ecosistema, la Natura con flora e fauna, poiché desideriamo lasciare in eredità alle prossime generazioni un mondo vivibile, dove ogni cosa ha il suo spazio vitale… già molto ridotto a causa della presenza dell’Uomo.

Undercover worker inside a slaughterhouse * sotto copertura in un mattatoio

(KEYSTONE/Martin Ruetschi)

****Testo in italiano, dopo la seconda immagine****

Source The Doe by Alan G. activist/Progressive/Millennial https://www.thedoe.com/narratives/inside-a-slaughterhouse

A scathing look at the animal cruelty inside a slaughterhouse, from an investigator, vegan and activist.

“I can’t cave any of them.” That’s what I reminded myself, day after day, as I looked upon the faces of the animals who would soon be slaughtered. “Just do what you came here to do,” I would add, locking my eyes forward to concentrate on the task at hand. There’s no time to stop and be sentimental. At a slaughterhouse, there’s always work to be done.

During the years I was an undercover investigator, I worked at three slaughterhouses in three different states on behalf of a national farmer animal protection organization. While working, I used hidden camera equipment to document the painful reality of animals endure on the last day of their lives.

I often asked myself how I ended up where I was. Like a lot of people in the vegan movement, I would call myself an animal lover. When I was young, I only had a few career goals. After seeing Jurassic Park, I wanted to grow up and study reptiles. Then, after consuming copious comic books, I wanted to be a hero. I combined these goals and eventually earned a master’s degree in ecology, with the goal of doing conservation research to protect wild animals. But, while I was in school, I learned about the suffering of farm animals through a labmate, the first vegan I ever knew in real life.

You probably guessed this already, but after a lengthy process, I became a vegan as well. Why wouldn’t I? Not only is meat production cruel, but it’s also notoriously bad for the environment, in terms of land use and emissions. So, it appealed to me as someone interested in conservation. In fact, I was so entranced with veganism and its benefits that I decided to keep my career options somewhat open. I wanted to either end up in field research or in activism. The non-profit I continue to work for today was the first to respond to my resume, which eventually brought me to those slaughterhouses.

I ended up working at chicken, pig, and lamb slaughter facilities before I retired from fieldwork. I saw cruelty everywhere I went: some intentional and some as a result of companies trying to maximize speed (and, therefore, profits).

The chicken slaughterhouse: animal cruelty bordering on torture

My first job undercover was at the poultry plant, working live hang. Our one job was to pull chickens off a conveyor belt and wedge their legs in shackles passing by at eye-level. We were supposed to handle 24 chickens per minute, an impossible time frame for anything even resembling “humane”. The birds would struggle; they would flap their wings or defecate out of fear, releasing feathers, blood, and feces everywhere. The other workes seemed unconcerned with their plight. They would tear feathers off to throw at one another, or press the bodies of chickens against the metal conveyor belt in retaliation against their struggling. Sometimes, the workers at the head of the line would take a few steps back and hurl the birds at the shackles like they were baseballs. Often, the birds would successfully end up in the shackles after these pitches. It was easy to see that the workers had practiced this method.

The pig slaughterhouse: inhumane methods of killing

My second position was at a slaughterhouse supplying a household name in pork products. I ended up working two different jobs there, one of which was on the kill floor. Part of the job was herding the animals through chutes and pens until they reached the stunner. Afraid and/or injured, sometimes they wouldn’t want to move or simply couldn’t. And when the pigs weren’t moving, the workers started to become violent.

We had “rattle paddles” which look like oars with the flat end filled with noise-making beads. Workers would raise these paddles above their heads and bring them down on the heads or bodies of pigs. Several times, I was admonished by other for not doing this. “Hit them! Hit them” they would yell at me. We also had access to electrical prods, which others workers would use on animals multiple times, sometimes in the face or near the genitals. The sick ones would be pulled by their tails or shoved out of the pens. We were supposed to use a sled to do that, but a supervisor told me they just didn’t have the time.

When the animals got past the chutes, a worker would use an electrical stunner on them. The hogs would go rigid and fall down a slide to a conveyor belt below. There, a worker would cut their Throats If the cut wasn’t done correctly, the animal wouldn’t bleed out enough to kill them before the stunning wore off, so I documented several pigs returning to sensibility and attempting to right themselves while they were hanging upside down, bleeding from the gaping hole in their throats. Workers were supposed to stop the line to re-stun the animal, but in one instance I witnessed, they didn’t bother, leaving the animal to suffer as the shackle took him slowly towards tanks of scalding water. I remember a choice quote from one worker: “If USDA were around, they could shut us down.”

The lamb slaughterhouse: processing contaminated meat

My final investigation was at a slaughterhouse for one of the largest lamb producers in the U.S. I spent a few months working in a refrigerated room all day. The supervisor would tell workers to change the “best by” date labels on older products to falsify their freshness. He would help people avoid putting products through the metal detectors to save time, risking contamination of the meat with metal shavings. And when I finally got a position that would help me observe the slaughter process, we discovered that after having their throats cut open, 90 percent of the lambs would move in response to having their tails cut off later on the line, indicating they were potentially still sensible. What we saw was so egregious we decided to file a False Claims Act against the company, which resulted in a historic intervention from the Department of Justice, a settlement, and mandate changes to their slaughtering practices.

Slaughterhouse workers suffer, too

Slaughterhouse practices don’t just cause suffering for the animals. Meatpacking plants are notoriously dangerous for workers, with two amputations occurring in the U.S. per week (https://www.theguardian.com/environment/2018/jul/05/amputations-serious-injuries-us-meat-industry-plant). Most of my jobs were basically assembly line jobs, with workers performing the same action hundreds or thousands of times per day. Injuries are common, especially those caused by the repetitive motions on the line. I remember my hands aching every minute while I was employed in live hang, my knuckles red from holding the bony legs of thousand of chickens.

In another job, I wore a back brace on top of another because I spent all day carrying boxes filled with lamb meat. I cut myself on knives and metal hangers at the pig plant. More than once, I cried in my car before a shift, anticipating the mental and physical anguish I would endure for the next 12 hours. (And, now, during the coronavirus pandemic many Americans are painfully aware of how a disease can spread like wildfire inside of these facilities.)

Though all of that is behind me now, it is still the reality for the billions of animals who are slaughtered every year. While I’m retired from undercover work, I’m still very much an activist for animals. As part of my job, I work with footage from other investigators and witness the same cruelty I saw firsthand. But it’s worth it because I want people to see what I saw, as hard as it can be to watch. Despite the efforts of investigators like myself, there are still so many people who have no idea where their “food” comes from, and what horrible atrocities they’re paying into by buying animal products. My hope is that everyone who is even a little curious about what I went through can take the time to watch some of the footage brought back from these facilities. As someone who was on the inside, I hope the reality of the plight reaches you.

Have questions? http://adaptt.org/veganism.html

Uno sguardo atroce alla crudeltà verso gli animali all’interno di un macello, da un investigatore, un vegano e un attivista.

“Non posso scavare nessuno di loro.” È quello che mi sono ricordato, giorno dopo giorno, mentre guardavo le facce degli animali che sarebbero presto stati massacrati. “Fai solo quello che sei venuto qui per fare”, aggiungerei, chiudendo gli occhi per concentrarmi sul compito da svolgere. Non c’è tempo per fermarsi ed essere sentimentali. In un macello c’è sempre del lavoro da fare.

Nel corso degli anni sono stato un investigatore sotto copertura, ho lavorato in tre macelli in tre diversi stati per conto di un’organizzazione nazionale per la protezione degli animali da allevamento. Durante il lavoro, ho usato le attrezzature nascoste della fotocamera per documentare la dolorosa realtà che gli animali sopportano l’ultimo giorno della loro vita.

Mi sono chiesto spesso come sono finito dove mi trovavo. Come molte persone nel movimento vegano, mi definirei un amante degli animali. Quando ero giovane, avevo solo alcuni obiettivi di carriera. Dopo aver visto Jurassic Park, volevo crescere e studiare rettili. Quindi, dopo aver consumato copiosi fumetti, volevo diventare un eroe. Ho unito questi obiettivi e alla fine ho conseguito un master in ecologia, con l’obiettivo di fare ricerche sulla conservazione per proteggere gli animali selvatici. Ma, mentre ero a scuola, ho appreso della sofferenza degli animali da allevamento attraverso un compagno di laboratorio, il primo vegano che abbia mai conosciuto nella vita reale.

Probabilmente hai già indovinato questo, ma dopo un lungo processo, sono diventato anche vegano. Perché non dovrei? Non solo la produzione di carne è crudele, ma è anche notoriamente dannosa per l’ambiente, in termini di utilizzo del suolo ed emissioni. Quindi, mi è piaciuto come qualcuno interessato alla conservazione. In effetti, ero così affascinato dal veganismo e dai suoi benefici che ho deciso di mantenere le mie opzioni di carriera in qualche modo aperte. Volevo finire nella ricerca sul campo o nell’attivismo. Il non profit per cui continuo a lavorare oggi è stato il primo a rispondere al mio curriculum, che alla fine mi ha portato a quei macelli.

Ho finito per lavorare nelle strutture di macellazione di polli, maiali e agnelli prima di ritirarmi dal lavoro sul campo. Ho visto la crudeltà ovunque andassi: alcuni intenzionali e altri come risultato di aziende che cercavano di massimizzare la velocità (e, quindi, i profitti).

Il macello del pollo: crudeltà verso gli animali confinante con la tortura

Il mio primo lavoro sotto copertura è stato presso la fabbrica di pollame, lavorando dal vivo. Il nostro unico compito era quello di estrarre i polli da un nastro trasportatore e incastrare le gambe in catene che passavano all’altezza degli occhi. Avremmo dovuto gestire 24 polli al minuto, un lasso di tempo impossibile per qualsiasi cosa che somigliasse a “umana”. Gli uccelli avrebbero lottato; sbattevano le ali o defecavano per paura, liberando piume, sangue e feci dappertutto. Le altre opere sembravano non preoccuparsi della loro condizione. Si strappavano le piume per gettarsi l’una contro l’altra, o premevano i corpi di polli contro il nastro trasportatore di metallo in rappresaglia contro le loro lotte. A volte, gli operai in cima alla fila facevano qualche passo indietro e lanciavano gli uccelli alle catene come se fossero palle da baseball. Spesso, dopo queste piazzole, gli uccelli finivano con successo nelle catene. Era facile vedere che i lavoratori avevano praticato questo metodo.

Il macello del maiale: metodi disumani di uccisione

La mia seconda posizione era in un macello che forniva un nome familiare nei prodotti suini. Ho finito per lavorare due diversi lavori lì, uno dei quali era sul piano di uccisione. Parte del lavoro consisteva nel radunare gli animali attraverso scivoli e penne fino a quando non raggiunsero lo storditore. Impauriti e / o feriti, a volte non vorrebbero muoversi o semplicemente non potrebbero. E quando i maiali non si muovevano, gli operai iniziarono a diventare violenti.

Avevamo “pagaie a sonagli” che sembrano remi con l’estremità piatta piena di perline che producono rumore. Gli operai sollevano queste pagaie sopra le loro teste e le abbattono sulle teste o sui corpi dei maiali. Più volte, sono stato ammonito da altri per non averlo fatto. “Colpiscili! Colpiscili” mi gridavano. Avevamo anche accesso a dispositivi elettrici, che altri lavoratori avrebbero usato sugli animali più volte, a volte in faccia o vicino ai genitali. I malati sarebbero stati tirati per la coda o spinti fuori dalle penne. Avremmo dovuto usare una slitta per farlo, ma un supervisore mi disse che non avevano tempo.

Quando gli animali superavano gli scivoli, un lavoratore usava uno storditore elettrico su di loro. I maiali si irrigidivano e cadevano da uno scivolo a un nastro trasportatore sottostante. Lì, un lavoratore taglierebbe le loro gole Se il taglio non fosse eseguito correttamente, l’animale non sanguinerebbe abbastanza da ucciderli prima che lo stordimento svanisse, quindi ho documentato diversi suini che tornavano alla sensibilità e cercavano di raddrizzarsi mentre erano appesi a testa in giù, sanguinanti dal buco aperto in gola. I lavoratori dovevano fermare la fila per re-stordire l’animale, ma in un caso ho assistito, non si sono preoccupati, lasciando l’animale a soffrire mentre il grillo lo porta lentamente verso i serbatoi di acqua bollente. Ricordo una citazione scelta da un lavoratore: “Se l’USDA fosse in giro, potrebbe chiuderci.”

Il macello dell’agnello: lavorazione della carne contaminata

La mia indagine finale è stata presso un macello di uno dei più grandi produttori di agnelli degli Stati Uniti. Ho trascorso alcuni mesi a lavorare in una stanza refrigerata tutto il giorno. Il supervisore direbbe ai lavoratori di cambiare le etichette delle date “migliori per” sui prodotti più vecchi per falsificare la loro freschezza. Aiuterebbe le persone a evitare di mettere i prodotti attraverso i metal detector per risparmiare tempo, rischiando la contaminazione della carne con trucioli di metallo. E quando finalmente ho ottenuto una posizione che mi avrebbe aiutato ad osservare il processo di macellazione, abbiamo scoperto che dopo aver aperto la gola, il 90 percento degli agnelli si sarebbe mosso in risposta al taglio della coda in seguito, indicando che erano potenzialmente ancora ragionevole. Ciò che abbiamo visto è stato così eclatante che abbiamo deciso di presentare un False Claims Act contro la società, che ha provocato un intervento storico da parte del Dipartimento di Giustizia, un insediamento e il mandato di modifiche alle loro pratiche di macellazione.

Anche i lavoratori dei mattatoi soffrono

Le pratiche del mattatoio non causano solo sofferenza per gli animali. Gli impianti di confezionamento della carne sono notoriamente pericolosi per i lavoratori, con due amputazioni che si verificano negli Stati Uniti a settimana (https://www.theguardian.com/environment/2018/jul/05/amputations-serious-injuries-us-meat-industry-plant) . La maggior parte dei miei lavori erano fondamentalmente lavori in catena di montaggio, con i lavoratori che eseguivano la stessa azione centinaia o migliaia di volte al giorno. Gli infortuni sono comuni, in particolare quelli causati dai movimenti ripetitivi sulla linea. Ricordo che mi dolevano le mani ogni minuto mentre lavoravo in sospensione dal vivo, le mie nocche rosse per tenere le gambe ossute di migliaia di polli.

In un altro lavoro, ho indossato un rinforzo posteriore sopra un altro perché ho passato tutto il giorno a trasportare scatole piene di carne di agnello. Mi sono tagliato su coltelli e ganci di metallo nella pianta del maiale. Più di una volta, ho pianto in macchina prima di un turno, anticipando l’angoscia mentale e fisica che avrei sopportato per le successive 12 ore. (E, ora, durante la pandemia di coronavirus molti americani sono dolorosamente consapevoli di come una malattia possa diffondersi come un incendio all’interno di queste strutture.)

Anche se tutto ciò è alle mie spalle adesso, è ancora la realtà per i miliardi di animali che vengono macellati ogni anno. Mentre sono in pensione dal lavoro sotto copertura, sono ancora un attivista per gli animali. Come parte del mio lavoro, lavoro con filmati di altri investigatori e sono testimone della stessa crudeltà che ho visto in prima persona. Ma ne vale la pena perché voglio che le persone vedano ciò che ho visto, per quanto sia difficile da guardare. Nonostante gli sforzi degli investigatori come me, ci sono ancora così tante persone che non hanno idea da dove provenga il loro “cibo” e in quali orribili atrocità stanno pagando acquistando prodotti di origine animale. La mia speranza è che chiunque sia anche un po ‘curioso di quello che ho passato possa dedicare del tempo a guardare alcuni filmati ripresi da queste strutture. Come qualcuno che era dentro, spero che la realtà della situazione ti raggiunga.

Have questions? http://adaptt.org/veganism.html

Chiediamo una Fase 2 sostenibile * Wir fragen um eine nachhaltige Phase 2 * Nous demandons une Phase 2 écologiquement responsable

http://chng.it/QwTYVcpvBG

Autrici: Verena Sommer e Dapne Mattai del Moro

pianeta animale

[version française en bas de la page]
[Deutsche Übersetzung unten]

Ringraziamo il Governo e tutti gli organi preposti coinvolti per il l’impegno ed il lavoro svolto fino ad oggi e fin dall’inizio dell’evento epocale che stiamo vivendo. Le decisioni prese richiedono molto lavoro, riflessione, un’enorme responsabilità e talvolta sangue freddo. Apprezziamo in particolare che il Governo Ticinese abbia lottato ripetutamente per ottenere maggiore spazio di manovra rispetto alle direttive del Consiglio Federale, considerando la situazione diversa del nostro cantone, vista la vicinanza con la Lombardia e l’enorme traffico trans-frontaliero.

Per aiutare la nostra economia il Governo ha stanziato importi molto importanti in poco tempo, rassicurando e includendo infine anche i liberi professionisti, inizialmente dimenticati nella distribuzione dei contributi e di questo siamo profondamente riconoscenti.

Molti di noi si sono attivati immediatamente per dare un sostegno alla popolazione sotto shock e al personale sanitario sottoposto ad estreme pressioni al fronte. La salute psico-fisica di ognuno di noi è fondamentale per rialzarsi dopo la caduta per un’economia sana e funzionante per tutti. È cosa nota che, per funzionare bene, corpo e mente hanno bisogno di “ecosistemi” interni ed esterni sani ed equilibrati.

In tanti abbiamo potuto constatare in questo periodo svariate reazioni della Natura al fermo della popolazione. In primis, e molto velocemente, la qualità dell’aria è migliorata e i cieli sono tornati azzurri e tersi in Ticino e in Lombardia, tanto quanto a Wuhan e in molte regioni estremamente inquinate della Cina e del resto del mondo.

Ma non solo i nostri polmoni respirano meglio! Anche l’anima riprende a respirare mentre la Natura si sta risvegliando grazie alla calma, all’aria pulita ed al silenzio: gli animali escono dal bosco, le acque e l’ambiente sono più puliti, alcuni fiori si possono osservare anche lungo le strade (solitamente vengono tagliati subito) e, last but not least, la popolazione degli insetti, e in primis delle api, é in aumento! Anche dall’estero ci raggiungono notizie simili.

In molti ci siamo preoccupati sempre di più negli ultimi anni dei numerosi danni causati all’ecosistema a causa del nostro modo di vivere, a partire dall’allarmante riduzione progressiva della popolazione delle api, fondamentale per la produzione di cibo per la popolazione mondiale. In molti abbiamo introdotto piccoli cambiamenti nelle nostre vite per la salvaguardia dell’ecosistema, rendendoci conto di quanto la sopravvivenza dell’umanità ne sia inscindibilmente connessa e anzi dipendente!

Siamo convinti che gli eventi naturali durante il lock down ci dimostrano che non siamo totalmente impotenti, che possiamo cambiare le condizioni della nostra Terra, che possiamo ancora invertire la rotta ma che dobbiamo farlo subito, ADESSO! se non vogliamo subire eventi ancora peggiori dell’attuale.

Ma per fare ciò crediamo che occorra riorientarci, focalizzarci anche sul vero valore delle cose al di là del loro puro valore monetario, sui valori umani e sul valore del singolo. Oggi come oggi, trovandoci ancora prima dell’emergenza economica già in un emergenza climatica, tale presa di coscienza, il riorientamento dei valori ed il potenziamento della protezione della natura deve partire dai Governi.

Proprio ORA, nella fase 2 dell’era Covid-19, è il momento per il Governo Ticinese e Svizzero di includere e valorizzare la salvaguardia della natura, considerandola ed includendola in ogni passo di rientro alla normalità e di riavvio dell’economia del Paese.

Chiediamo quindi al Governo Federale, ai Governi Cantonali ed ai singoli Municipi di:

  1. implementare misure e passi concreti importanti e immediati per la salvaguardia della Natura, e rilasciare un messaggio chiaro e ripetuto tanto all’economia quanto alla popolazione sull’importanza di tale proposito, istituendo una Commissione addetta sia a livello Federale che a livello dei singoli Cantoni e collaborando con specialisti dei campi coinvolti;
  2. favorire e incentivare con atti concreti il telelavoro dove possibile, onde ridurre anche in futuro il traffico per limitare l’inquinamento atmosferico e fonico; 
  3. congelare in modo irrevocabile e per un tempo minimo di tre anni la costruzione di antenne e l’implementazione della frequenza 5G, onde permettere lo svolgersi di studi approfonditi a lungo termine sull’effetto di tali frequenze sull’ecosistema e sulla salute;
  4. liberare risorse per i cambiamenti pressanti per il riavvio dell’economia e contemporaneamente tutelare l’ambiente naturale;
  5. incentivare e favorire la messa a disposizione di spazi per orti comunali e sociali a disposizione della popolazione e di associazioni, in modo da incentivare la formazione scolastica e della popolazione riguardo la coltivazione di cibo, da sostenere famiglie e mercati locali, nonché incoraggiare il movimento all’aperto e il contatto con la natura a favore della salute fisica e psichica. È cosa nota che queste misure potrebbero fornire un sano e necessario equilibrio psico-fisico, sopratutto per chi è attivo nel campo del telelavoro, ristabilendo un sano e responsabile contatto con la natura.

Se sei d’accordo con le nostre considerazioni e le nostre richieste ti chiediamo di firmare questapetizione. Più saremo a firmarla e più forte la nostra voce si farà sentire! Grazie fin d’ora!

…oOo…

[Deutsche Übersetzung]   “Wir fragen um eine nachhaltige Phase 2!”

Wir danken der Regierung und allen beteiligten Stellen für das Engagement und die bisher geleistete Arbeit.

Seit Beginn des epochalen Ereignisses, welches wir aktuell erfahren. Die nötigen Entscheidungen erfordern sehr viel Arbeit, Reflexion, eine riesige Verantwortung und manchmal Kaltblütigkeit. Besonders schätzen wir, dass die Tessiner Regierung wiederholt darum kämpfte, mehr Handlungsspielraum gegenüber den Richtlinien des Bundesrates zu erhalten, angesichts der unterschiedlichen Lage unseres Kantons aufgrund der Nähe zur Lombardei und des enormen Grenzverkehrs.

Um unserer Wirtschaft zu helfen, hat die Regierung in kurzer Zeit sehr hohe Beträge bereitgestellt, was für die Bevölkerung beruhigend war und schließlich auch die Freiberufler einbezog, welche bei der Verteilung der Beiträge zunächst vergessen wurden. Dafür sind wir zutiefst dankbar.

Viele von uns haben umgehend private Maßnahmen ergriffen, um die traumatisierte Bevölkerung sowie das Sanitär-Personal zu unterstützen. Die psycho-physische Gesundheit eines jeden von uns ist von grundlegender Bedeutung um uns als Volk nach dem Schock wieder erheben zu können um gemeinsamen an eine gesunde und funktionierende Wirtschaft für alle beisteuern zu können. Es ist bekannt, dass Körper und Geist, um gut zu funktionieren, gesunde und ausgewogene interne und externe “Ökosysteme” benötigen.

Viele von uns konnten in dieser Zeit verschiedene Reaktionen der Natur beobachten, welche auf den Lock-down zurück zu führen sind. Erstens hat sich die Luftqualität sehr schnell verbessert und der Himmel ist blau und klar geworden, sei dies im Tessin und in der Lombardei, wie auch in Wuhan und in vielen extrem verschmutzten Regionen Chinas und der ganzen Welt.

Aber nicht nur unsere Lungen atmen besser! Sogar die Seele atmet auf, während die Natur sich erholt dank der Ruhe, sauberer Luft und Stille: Die Tiere kommen aus dem Wald, Wasser und Umwelt sind sauberer, blühende Blumen können auch entlang der Straßen beobachtet werden (welche normalerweise sofort geschnitten werden) und nicht zuletzt nimmt die Zahl der Bienen und anderer Insekten zu! Ähnliche Nachrichten erreichen uns auch aus dem Ausland.

Viele haben sich in den letzten Jahren immer mehr Sorgen über die zahlreichen Schäden gemacht, die dem Ökosystem auf grundunserer Lebensweise zugefügt wurden. Besonders alarmierend war die  fortschreitende Verringerung der Bienenpopulation, welche grundlegend ist für die Produktion von Lebensmitteln für die Weltbevölkerung. Viele von uns haben kleinere und grösserVeränderungen in unserem Privatleben vorgenommen zum Schutz des Ökosystems. Immer mehr Menschen erkennen die untrennbare Verbindung, ja sogar Abhängigkeit der Menschheit vom Ökosystem.

Wir sind davon überzeugt, dass die erwähnten Naturereignisse während der Sperrung uns zeigen, dass wir  nicht hilflos sind, sondern dass wir den Zustand unserer Erde verbessern können, und den Kurs umkehren können, sofern dies wir es jetzt tun müssen, SOFORT!  wenn wir keine noch schlimmeren Ereignisse als die gegenwärtigen erleiden wollen.

Aber um dies zu tun, müssen wir uns neu orientieren und uns auch auf den wahren Wert der Dinge konzentrieren, die über ihren reinen Geldwert hinausgehen, auf die menschlichen Werte und auf den Wert des Individuums. Unter Inbetrachtziehung der Tatsache, dass wir uns bereits vor dem wirschaftlichen Notstand in einem klimatischen Notfall befanden ist es unumgänglich, dass dieses neue Bewusstwein, die Neuorientierung von Werten und die Verbesserung des Naturschutzes von der Regierung ausgehen muss.

Gerade jetzt, in der Phase 2 der Covid-19-Ära, ist es dringend, dass das Tessin und die Schweizer Regierung den Naturschutz bei jedem Schritt zur Rückkehr zur Normalität und des Neustarts der Wirtschaft prioritär berücksichtigen.

Wir fordern daher die Bundesregierung, die kantonalen Regierungen und die einzelnen Gemeinden zu folgenden Schritten auf:

  1. sofortige Einführung bedeutender und sofortiger konkreter Maßnahmen und Schritte für den Naturschutz, sowie eine klare und wiederholte diesbezügliche Botschaft sowohl an die Wirtschaft als auch an die Bevölkerung über die Bedeutung dieser Schritte, und die Einberufung einer Kommission sowohl auf Bundes- als auch auf  kantonaler Ebene, welche sich auf die Zusammenarbeit mit Spezialisten aus den beteiligten Bereichen abstützt;
  2. Förderung und Unterstützung der Telearbeit nach Möglichkeit mit konkreten Maßnahmen, um das Verkehrsaufkommen zu reduzieren und die Luft- und Lärmbelastung zu begrenzen und zu reduzieren;
  3. unwiederrufliche Einfrierung des Antennenbaus und der Implementierung der 5G-Frequenz für mindestens drei Jahre, um eingehende Langzeitstudien bezüglich der Auswirkungen dieser Frequenzen auf das Ökosystem und die Gesundheit zu ermöglichen;
  4. Freisetzung von Mitteln für dringende Änderungen, um einen umweltfreundlichen Neustart der Wirtschaft zu ermöglichen;
  5. Bereitstellung von Geländen zur Nutzung als kommunale und soziale Gärten zuhanden der Bevölkerung, der Verbände, und der Schulen, um die Bildung der Bevölkerung im Bezug auf den Anbau von Nahrungsmitteln zu fördern, lokale Familien und Märkte zu unterstützen, die Bewegung im Freien zu fördern, den Kontakt mit der Natur für die körperliche und geistige Gesundheit zu fördern. Es ist bekannt, dass diese Maßnahmen ein gesundes und notwendiges psycho-physisches Gleichgewicht schaffen, insbesondere für diejenigen, die in der Telearbeit tätig sind, sowie zur Wiederherstellung eines gesunden und verantwortungsvollen Kontakts mit der Natur.

Wenn Sie unseren Überlegungen und Anfragen zustimmen, bitten wir Sie, die Petition zu unterschreiben. Je mehr von uns unterschreiben, desto stärker wird unsere Stimme gehört! Vorab besten Dank für eure Unterstützung,

…oOo…

[version française] “Nous demandons une Phase 2 écologiquement responsable!”

Nous remercions le Gouvernement et tous les organes impliqués pour l’engagement et le travail accomplis jusqu’à présent depuis le début de l’événement historique que nous vivons. Les décisions prises demandent beaucoup de travail, de réflexion, une énorme responsabilité et parfois du sang-froid. Nous apprécions particulièrement que le Gouvernement Tessinois ait lutté à plusieurs reprises pour obtenir par le Conseil Fédéral un plus ample marge de manœuvre, compte tenu de la différente situation de notre canton due à la proximité avec la Lombardie et à l’énorme circulation transfrontalière.

Pour aider notre économie, le gouvernement a alloué des sommes très importantes en peu de temps, rassurant et enfin inclure les pigistes, initialement oubliés dans la répartition des contributions, et nous en sommes profondément reconnaissants.

Beaucoup d’entre nous ont pris des mesures immédiates pour soutenir la population choquée et le personnel sanitaire soumis à une pression extrême. La santé psycho-physique de chacun de nous est fondamentale pour se lever après la chute, pour une économie saine et fonctionnelle pour tous. On sait que pour bien fonctionner le corps et l’esprit ont besoin d’”écosystèmes” internes et externes sains et équilibrés.

On a tous pu observer au cours de cette période les différentes réactions de la Nature au lock-down. D’abord, et celà très rapidement, la  qualité de l’air s’est nettement améliorée et le ciel est devenu bleu soit au Tessin qu’en Lombardie, autant qu’à Wuhan et dans de nombreuses régions de Chine et du reste du monde extrêmement polluées.

Mais non seulement nos poumons respirent mieux! Même l’âme reprend son souffle pendant que la Nature se réveille dans le silence, le calme et l’air pur: les animaux sortent des bois, les eaux et l’environnement sont plus propres, certaines fleurs peuvent également être observées tout au long des routes (généralement elles sont éliminées immédiatement) et enfin la population d’insectes, et surtout d’abeilles, est en train d’augmenter! Des nouvelles similaires nous parviennent aussi de l’étranger. Beaucoup entre nous se sont inquiétés de plus en plus ces dernières années à cause des nombreux dommages à l’écosystème par conséquent de notre mode de vie, à partir de la diminution progressive alarmante de la population d’abeilles, fondamentale pour la production d’aliments destinés à la population mondiale. Beaucoup entre nous ont introduit de petits changements dans leurs vies pour incentiver la protection de l’écosystème, en réalisant combien il la survie de l’hêtre humain en soit inévitablement connectée, voir dépendante!

Nous sommes convaincus que les événements naturels avérés pendant le lock-down nous montrent que nous ne sommes pas totalement impuissants, que nous pouvons changer les conditions de notre Terre, que nous pouvons encore inverser le cours de l’histoire, mais que nous devons le faire tout de suite, MAINTENANT! si nous ne voulons pas subir des événements encore plus catastrophiques.

Mais pour ce faire, nous croyons qu’il faudrait nous réorienter, nous concentrer plutôt sur la vraie valeur des choses au-delà des leurs pure rente monétaire, sur les valeurs humaines et sur la valeur de l’individu. Aujourd’hui, vu l’état d’urgence climatique dans lequel nous nous trouvions déjà avant l’état d’urgence   Covid-19 qui vient de s’établir, une telle prise de conscience, une réorientation des valeurs et un renforcement de la protection de la Nature doit commencer par les Gouvernements.

Juste MAINTENANT, dans la phase 2 de l’ère Covid-19, il est temps pour les Gouvernement Tessinois et Suisse d’inclure et améliorer la protection de la Nature, en incluant son bien-être à chaque étape du retour à la normalité de nos vies et du redémarrage de l’économie du Pays.

Nous demandons donc au Gouvernement Fédéral, aux Gouvernements Cantonaux et aux Communes de:

  1. mettre en œuvre des mesures concrètes importantes et immédiates pour la préservation de la Nature, et de transmettre un message clair et répété à l’économie et à la population sur l’importance à cet égard, en créant une Commission au niveau Fédéral et Cantonal individuel tout en collaborantavec des spécialistes des domaines concernés;
  2. favoriser et encourager le télétravail avec des actions concrètes lorsque cela sera possible, afin de réduire l’augmentation de la circulation et limiter la pollution atmosphérique et sonore;
  3. bloquer la construction d’antennes de manière irrévocable et pendant au moins trois ans et la mise en œuvre de la fréquence 5G, afin de permettre la réalisation d’études approfondies à long terme sur l’effet de ces fréquences sur l’écosystème et sur la santé;
  4. libérer des ressources pour les changements urgents pour redémarrer l’économie et en même temps sauvegarder l’environnement naturel.
  5. encourager et favoriser la mise à disposition d’espaces pour la création de jardins communaux et sociaux à disposition de la population et des associations, afin d’encourager l’éducation de nos enfants et de la population concernant la culture de la nourriture, de soutenir les familles et les marchés locaux, ainsi que d’encourager le mouvement à l’extérieur et le contact avec la Nature. On sait très bien que ces mesures pourraient fournir un équilibre psychophysique sain et nécessaire, en particulier pour ceux qui sont actifs sur le terrain du télétravail, en rétablissant une connexion saine et responsable avec la Nature.

Si vous êtes d’accord avec nos considérations et demandes, nous vous demandons de signer cette pétition. Plus nombreux nous serons à signer, plus fort on entendra notre voix! Merci dès maintenant.

Saving the anphibian * Salviamo gli anfibi

ronocchie sotto la pioggia

Two litoria caerula (green frogs)

A causa del cambiamento climatico e relativo innalzamento della temperatura, le rane e rospi si sposteranno prima dalle zone di letargia verso quelle di riproduzione.

La loro migrazione è prevista in concomitanza con le prime piogge ed è proprio in questi momenti che i volontari entrano in azione effettuando i picchetti e salvataggi direttamente nei luoghi di migrazione.

Nel cantone Ticino, questi sono i punti cruciali dove il “Centro di Coordinamento per la Protezione degli Anfibi e dei Rettili in Svizzera (karch)” e “WWF” necessitano dell’aiuto di persone sensibili alla tematica ambientale/animale. Sul territorio del cantone Ticino sono 36 zone nelle quali gli anfibi effettuano delle migrazioni per raggiungere i luoghi di riproduzione e rilascio delle uova.

Al link sovrastante, sono visibili tutte le zone di intervento a livello federale, con mappatura, descrizione delle eventuali istallazioni di contenimento (barriere amovibili) e nominativo da contattare (indirizzo di posta elettronica) qualora si desideri diventare “volontario”. Attualmente sono 19 zone di cruciale importanze per le quali sono ricercati dei volontari.

Il sostegno dei volontari è quindi importantissimo, in assenza del loro pronto intervento, la popolazione di anfibi già di per sé a forte rischio a causa del cambiamento climatico, subirebbe delle perdite molto importanti.

A conferma di ciò, nella statistica sulle migrazioni rilasciata dalla Confederazione Svizzera, sono messi in evidenza nel dettaglio i dati

Questo è quindi un appello alle persone che desiderano aiutarci, nonché agli automobilisti che dovrebbero prestare maggiore attenzione e sensibilità lungo quelle tratte nelle quali è segnalata la presenza degli anfibi.

 

Anfibi sulle strade in Cina

Frogs crossing road in China

Due to climate change and relative temperature rise, frogs and toads will first move from lethargy to breeding areas.

Their migration is expected to coincide with the first rains and it is precisely in these moments that the volunteers come into action by carrying out pickets and bailouts directly in the places of migration.

In the canton of Ticino (Switzerland), these are the crucial points where the “Coordination Center for the Protection of Amphibians and Reptiles in Switzerland (karch)” and the “WWF” need the help of people sensitive to environmental/animal issues. On the territory of the canton of Ticino, there are 36 areas in which amphibians migrate to reach the places of reproduction and release of the eggs.

At the link above, all the areas of intervention at a federal level are visible, with mapping, description of any containment installations (removable barriers) and name to contact (email address) if you wish to become voluntary. There are currently 19 areas of crucial importance for which volunteers are sought. 

The support of the volunteers is therefore very important, in the absence of their prompt intervention, the population of amphibians already in themselves at high risk due to climate change, would suffer very important losses.

To confirm this, here the data are highlighted in detail in the migration statistics issued by the Swiss Confederation.

This is therefore an appeal to people who want to help us, as well as to motorists who should pay more attention and sensitivity along those routes in which the presence of amphibians is reported.

Bushfire Emergency WWF Australia

Bushfire_Emergency_Australia

Our Aussie icons are losing their homes & their lives to catastrophic bushfires.

 

To donate, please go to the link below:

Australia is in the grip of a nationwide bushfire emergency. Can you help us save wildlife, and protect and restore their native bushland?

URGENT APPEAL: Across the country, over 10 million hectares of Australian land has been burned to the ground. Over 1 billion animals have lost their lives so far, including thousands of koalas, kangaroos, wallabies, birds and other iconic wildlife. Your support is urgently needed to care for injured wildlife and restore their homes.

It’s estimated that as many as 8,400 koalas have perished in fires on the mid-north coast of NSW and Kangaroo Island in South Australia has lost over 50% of their koala population This is a devastating blow for an iconic species already in decline, and these bushfires have the potential to hasten koalas’ slide towards extinction in eastern Australia.

 

 

Le nostre icone australiane stanno perdendo la casa e la vita a causa di catastrofici incendi.

 

Per fare una donazione, per favore vai al link sottostante:

L’Australia è in preda a un’emergenza di incendi boschivi a livello nazionale. Vuoi aiutarci a salvare la fauna selvatica, proteggere e ripristinare la loro boscaglia nativa?

APPELLO URGENTE: In tutto il paese, oltre 10 milioni di ettari di territorio australiano sono stati bruciati raso al suolo. Oltre 1 miliardo di animali ha perso la vita finora, tra cui migliaia di koala, canguri, wallaby, uccelli e altri animali selvatici iconici. Il tuo supporto è urgentemente necessario per prendersi cura della fauna selvatica ferita e ripristinare il loro habitat.

Si stima che ben 8.400 koala siano morti negli incendi nella costa centro-settentrionale del Nuovo Galles del Sud e nell’isola del Canguro nell’Australia meridionale abbia perso oltre il 50% della popolazione di koala. Questo è un colpo devastante per una specie iconica già in declino, e questi incendi boschivi hanno il potenziale per accelerare lo scivolamento dei koala verso l’estinzione nell’Australia orientale.

“Fase finale: non c’è possibilità di ritorno”

FridaysForFuture

(English) To order the publication with my short contribution

La generazione precedente, la mia per intenderci, ha originato una situazione climatica instabile che è esplosa all’improvviso in una vera e propria emergenza globale.
È stata un’onda d’urto, uno shock tale da scuotere in modo irreversibile le generazioni dei più giovani, ma non solo loro.
È accaduto inaspettatamente: il raggiungimento della “massa critica” prospettata già nell’ultimo decennio, ha raggiunto l’apice e l’effetto palla di neve ci ha colpiti lasciandoci basiti.
Non possiamo far retrocedere il Tempo, non possiamo riparare ciò che è stato compromesso, ma possiamo provvedere affinché non vengano più perpetrati danni all’ambiente.
Ricordo le parole di Paul Hawken di qualche anno fa il quale nel suo “Blessed unrest”, riferiva:
“Siamo persone che desiderano una società più giusta e pacifica, un’economia etica, uno sviluppo ecosostenibile, un’umanità più consapevole. Siamo milioni, in tutto il mondo, auspichiamo stili di vita più sani e autentici, ispirati ai valori della pace, dei diritti umani, dell’ambiente, della qualità della vita, delle relazioni consapevoli e costruttive, della crescita personale e spirituale.”
Alla fine del filmato, seguiva un’interminabile lista di associazioni, fondazioni, società, cognomi e nomi… i quali avevano aderito alla sua “visione” per un mondo migliore.
Quindi doveva accadere prima o poi, non poteva continuare con i ritmi di crescita sfrenata ed irresponsabile degli ultimi decenni.
Certo, possiamo attribuire la colpa ai governi, alle multinazionali, alle Lobby, ai fabbricanti… ma con umiltà dovremmo smetterla di puntare il dito verso gli altri e verificare a fondo i nostri stessi comportamenti. Nessuno è esente da errori comportamentali dobbiamo avere l’onestà di ammetterlo.
I paradigmi della nostra società del consumo ci hanno portato ad una situazione di profondo disagio etico-personale, iniziando dai giovani che si sono finalmente ribellati in modo inatteso.
A scandire il “la” vi è stata Greta Thunberg, poi seguendo il suo esempio, altri si sono riversati nelle strade e piazze, sul web, un fiume in piena che ha esondato tutto e tutti. E la massa di contestatori continua a crescere a vista d’occhio.
Anche se molti di noi (vecchi), già avevamo da qualche tempo iniziato a ribellarci scrivendo il malanimo sui social, pubblicando ricerche scientifiche o quant’altro, l’effetto è sempre stato tiepido e costellato da censure di certi social o addirittura denunce penali.
Siamo stati in qualche modo frenati dall’esprimerci, temendo d’essere giudicati in malo modo, con il timore di perdere il lavoro e di mettere nel ridicolo le nostre famiglie.
Io sono da sempre stata una ribelle, nel senso buono della parola, ma le paure acquisite da un’istruzione famigliare severa e da condizionamenti scolastici e sociali, mi hanno tarpato le ali.
Ognuno di noi è inserito in un modello specifico, un ingranaggio nel quale la sua funzionalità è però implicita, vedi non vitale, e quindi può essere “sostituito” con facilità.
L’essere umano in primis è diventato una sorta di attrezzo, che quando non è più operante secondo precisi parametri, viene sostituito. A volte sono altri giri viziosi che portano alla non funzionalità del soggetto, subentra malattia, depressione e questo crea aumenti nelle spese della sanità.
L’aumento esponenziale della disoccupazione o sottoccupazione sta generando squilibri importanti; il sistema sociale (nello specifico mi riferisco a quello della Confederazione Svizzera), vacilla e per quanto si possa sperare, di questo passo non terrà ancora per molti anni.
Si parla degli attuali giovani ventenni che tra una decina d’anni non avranno più una sicurezza assicurativa per la rendita vecchiaia; le spese delle Casse malati obbligatorie continuano ad aumentare, raggiungendo cifre esorbitanti (tra i 500.-/600.- euro mensili per persona adulta).
Gli aumenti dei costi sono diventati un vortice vizioso che non può essere frenato se non con delle riforme drastiche e radicali.
Penso che la quasi totalità delle nazioni mondiali, non solo quelle di Paesi del Sud, si trovano in situazioni analoghe ma ben peggiori dove la gravità del momento mette a rischio la stabilità dei governi reggenti.
Il malessere è palpabile e ovunque, nascono gruppi di opposizione che, grazie al web, raccolgono enormi adesioni e sostegno.
Ci siamo accorti che abbiamo oltrepassato il punto del “no-return”.
Gli incendi in Amazzonia, di causa antropica per far posto alle culture di foraggio per animali da reddito, quelli dell’Australia in parte causati da piromani e quelli dell’estremo nord dell’Alaska, Canada, Groenlandia e Siberia generati dall’auto-combustione dovuta del suolo inaridito originati dall’innalzamento della temperatura, stanno rilasciando nell’aria enormi quantità di CO2 che innescano un circolo vizioso in quanto il CO2 fa innalzare la temperatura dell’aria e quindi genera nuove auto-combustioni.

Nell’area attorno e oltre il circolo polare artico, lo scioglimento dei ghiacci causa un riversamento delle acque nel mare e di conseguenza la diminuzione della superficie creando disagi specialmente alla fauna locale nonché a quelle minoranze etniche che lì vivono.
Non sono una geologa o specialista in materia, mi limito a citare quanto scienziati e meteorologi hanno più volte ribadito in interviste o trattati scientifici (vedi IPCC Organismo delle Nazioni unite per la valutazione della scienza relativa ai cambiamenti climatici che fornisce valutazioni periodiche delle basi scientifiche del cambiamento climatico, dei suoi impatti e rischi futuri).
Ora, bisogna agire in modo rapido e portando determinazione nell’applicare le azioni proposte per l’adattamento e la mitigazione.
Certo, i giovani del “Fridays for Future” con i loro scioperi, seguendo il coraggioso esempio di Greta Thunberg, hanno finalmente fatto ciò che andava fatto: avviare una protesta globale che potesse coinvolgere veramente tutti, in modo indistinto di nazionalità, colore della pelle, lingua, religione o appartenenza politica.
Questi giovani sono la forza trainante per questo movimento atto a proteggere il nostro pianeta dalla crisi climatica. Il messaggio è forte e chiaro: non c’è più tempo da perdere. Tutti i capi dei singoli governi devo agire per salvare il pianeta, ora, immediatamente.
Non stiamo parlando di mettere delle pezze qua e là per riparare i danni commessi nei secoli trascorsi, stiamo parlando della nostra unica casa, del Pianeta Terra!
Ogni singolo abitante del pianeta, senza distinzioni, dovrebbe prendere coscienza della situazione e portare un primo basilare cambiamento iniziando da sé stesso.
Le nostre abitudini sono sempre discutibili; ho la fortuna di vivere in una nazione privilegiata dove a livello sociale godiamo di grandi vantaggi.
Non dobbiamo dare tutto per scontato, anche nel mio paese, le brutte abitudini sono radicate nell’incoscienza degli individui ed appare difficile sradicarle. L’uomo ha tendenza a sempre cercare di giustificare ogni sua azione, a discapito di un cambiamento sostanziale che avrebbe già potuto avere inizio decenni or sono.
Evidentemente non possiamo andare contro corrente, ma possiamo cercare di applicare delle modifiche laddove, e ne siamo coscienti, il nostro comportamento genera una catena di altri problemi.
Ho già affrontato il problema dell’alimentazione più volte apertamente nel mio blog.
È ostico cercare di far passare un messaggio che porta un individuo a confrontarsi con l’orribile sofferenza di un animale da macello.
L’uomo vuole cibarsi di carne/pesce. Lo fa da sempre, dall’origine dei tempi. 40.000 anni or sono, non c’erano le scelte alimentari che abbiamo oggi, la sopravvivenza era legata ad una legge chiara: uccidere per non essere ucciso e ci si doveva sfamare per sopravvivere, mentre i più deboli perivano.
Ma non voglio tediare il lettore con la storia occorsa nelle migliaia di anni trascorsi; se al giorno d’oggi è scientificamente provato che “l’impronta ambientale” è data da molti fattori sommati gli uni agli altri, quello dell’alimentazione è di gran lunga il più incisivo.
Con mio marito ci battiamo da tempo su questo frangente, ed è evidente che le Lobby legate all’allevamento del bestiame (anche qui nel nostro piccolo cantone dove viviamo), sono avversari molto subdoli che hanno la facile abitudine di travisare e utilizzare per i propri scopi ogni azione avversa impiegata per la difesa degli animali.
L’attuale tematica dei “grandi predatori” e una modifica della legge federale che ne permetterebbe l’abbattimento a vista ad esempio dei lupi, è degenerata in una diatriba che vede noi difensori del lupo come “i cattivi di turno” e sono addirittura arrivati ad augurarci di dover subire la ferocia sanguinosa di questo povero canide.
È quindi molto difficile discutere con persone che sono premunite e che pensano d’essere nella ragione. Forse a livello culturale primitivo, vedono ogni animale un bene da essere allevato, macellato ed in seguito essere venduto.
Sappiamo anche che le attuali deforestazioni per mezzo del fuoco nell’Amazzonia, sono opera di chi necessita di territorio da adibire a monoculture di soia per ricavare foraggio.
Un circolo terribilmente vizioso, lo dicevo più sopra: se c’è consumo di carne, c’è aumento della richiesta di foraggio e quindi aumenterà conseguentemente anche la necessità di disporre di territorio per queste coltivazioni. E si continuerà a dar fuoco al Polmone del pianeta.
Un cane che si morde la coda.
Ma se ci fosse consapevolezza, ad esempio maggiore sensibilità e un cambio radicale delle abitudini, ecco che possiamo sperare in un cambiamento.
Non dico che tutti devono diventare vegetariani o vegani, anche se quest’ultima potrebbe essere la soluzione più felice, ma si può diminuire il consumo di carne/pesce e prodotti derivanti.

Altro fattore preoccupante è la plastica presente quale micro particelle oramai anche nella pioggia.
Si stima che tra gli 1.15 e 2.41 milioni di tonnellate di plastica sono convogliate annualmente da fiumi verso gli oceani.
Molta di questa plastica è resistente e viene trascinata per mezzo delle correnti marine verso l’oceano Pacifico e ha creato il “Great Pacific Garbage Patch”.
Quest’enorme isola di detriti galleggiante è costantemente variabile nella forma e posizione, in quanto viene influenzata dai venti e dalle correnti.
Ho letto e visto dei filmanti molto toccanti che mostrano persone intente a ripulire manualmente diverse spiagge dai rifiuti presenti, certamente questo potrebbe essere un buon primo passo. Ma a cosa serve impiegare tempo incalcolabile e risorse umane se a monte, l’uomo non impara ad evitare di gettare immondizia (di ogni tipo) nella natura?
È questo solo un fatto culturale, oppure è l’ignoranza delle conseguenze, oppure ancora la deliberata maleducazione della gente?
Nel mio paese siamo culturalmente ben scolarizzati, sappiamo perfettamente quali sono le conseguenze del gettare dall’auto in corsa una lattina di birra o una bottiglietta di coca-cola vuote.
Sommando, considero che si tratta di un gesto deliberato, egoistico e privo di ogni rispetto verso gli altri e (peggio ancora) verso la Natura.
Senza dimenticare i fuochi accesi all’aperto per bruciare rifiuti vari, principalmente residui agricoli che oltre ad immettere CO2 nell’aria portano a rischi di incendio in zone limitrofe ai boschi.
Va poi citato anche il rapporto federale dell’ambiente (Confederazione Svizzera): è stata misurata la presenza nelle acque di falda freatica non solo di pesticida e diserbanti, ma anche di metaboliti e antibiotici assunti da umani e animali.
Abbiamo annualmente il “Clean-up day” dove diverse associazioni non profit si impegnano a creare gruppi d’azione sul campo. Purtroppo, ogni volta, constato che a partecipare sono sempre le solite persone con una sensibilità ambientale marcata. Gli altri, si scusano adducendo all’aver assunti altri impegni inderogabili, malgrado queste manifestazioni sono annunciate con sufficientemente tempo onde permettere una pianificazione soggettiva.
Menefreghismo? Indifferenza? Mancanza di cultura ecologica?
Da anni cerco di convincere i colleghi di lavoro a prestare maggiore attenzione alla causa animalista, alle azioni di protezione della natura, alle manifestazioni dedite a delle cause ecologiche. È come soffiare dentro un trombone rotto: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire!
Cerco sempre di farmene una ragione, relativizzando, ma se non si crea sensibilità, se non riusciamo dal nostro piccolo a convincere gli altri attorno a noi, è preoccupante.
Mi sono posta più volte la domanda: qual è la spinta motivazionale che porta un individuo a compiere scelte specifiche? Si tratta di un “codice genetico” nel DNA? O è forse una questione “karmica” legata alla filosofia buddhista? Conta l’istruzione scolastica oppure sono più importanti gli insegnamenti impartiti dai propri genitori?
Mi risulta quindi molto difficile dare delle risposte concrete, i fattori esogeni come pure quelli endogeni sono molteplici.
Avendo viaggiamo parecchio, visitando molti paesi del Sud ma anche nazioni estremamente industrializzate, ammetto di non aver visto delle differenze sostanziali.
Di discariche di rifiuti ne ho viste in Africa, nelle Americhe, in Medio Oriente ed in Asia.
Spiagge piene di immondizie, fiumi le cui rive sono arcobaleni di ogni tipo di schifezze, piante sui cui rami sventolano sacchetti di plastica, superfici enormi dove vengono dimenticati ogni tipo di veicoli arrugginiti dal tempo. E qui mi fermo.
Non ci vuole chissà quale fantasia per continuare la lista: ogni lettore faccia mente locale e si guardi attorno.
Certo, di questi tempi la tematica ambientale è stata utilizzata anche (principalmente) a scopi politici durante le varie campagne elettorali.
Nella nostra piccola Svizzera, dove vige la democrazia, certi partiti si sono dati una bella pennellata di verde, chiedendo anche delle “congiunzioni” tattiche con quei partiti fin dall’origine definiti “ecologici”.
Si sono evidenziate strategie che (dovrebbero) poter abbassare le emissioni di CO2, ma non potrà il solo aumento del prezzo della benzina o una tassa sui biglietti aerei cambiare radicalmente il trend.
Gli obiettivi climatici 2030, la Svizzera dovrebbe ridurre tra il 2021-30 le sue emissioni di CO2, con le misure da noi adottate, di almeno il 2% (quindi un – 40%). L’iniziativa dei Ghiacciai prevede inoltre le “zero emissioni” di gas sera (di origine antropica) entro il 2050, attuando quindi gli accordi di Parigi.
Questo sarebbe possibile tramite i pozzi di carbonio che sono tecnicamente fattibili per assorbire e immagazzinare CO2 dall’atmosfera, ma che è tutt’ora in fase di studio (CCS – carbon capture and storage).

Ma cosa dire degli USA, che uscendo sfrontatamente dall’Accordo di Parigi, rilancia il carbone e idrocarburi con il relativo aumento delle richieste sul mercato nazionale?
Essi stanno peggiorando la situazione globale già precaria.
Altri governi corrono agli armamenti, la fabbricazione anche di armi nucleari continua.
Pare proprio che abbiamo troppe persone insensibili ai vertici dei governi, delle multinazionali, delle Lobby.
Chi si oppone allo stato attuale sono, anche da noi, sempre gli stessi: associazioni e ONG a difesa della natura, degli animali, delle minorità sociali, gruppi di giovani e meno giovani, idealisti che fermamente credono che da qualche parte, seppur recondita, nell’essere umano dovrebbe esserci un “qualcosa” che ci dovrebbe portare all’autopreservazione, alla sopravvivenza.
Fortunatamente lo scorso sabato 28 settembre, eravamo in 100.000 a Berna, davanti al Palazzo Federale, a protestare affinché i nostri politici facciano qualcosa di concreto a favore del clima.
Con l’intervento del WWF, Pro Natura e altri, sono stati organizzati dei vagoni per un treno diretto da Lugano per Berna.

È arrivato il momento di ribellarci!

 

Is it really going to be an “happy new year 2020”?

loto

Australia shows us what will happen to the whole planet, in ecological terms: an ecatomb of sacrificed lives, living creatures without distinction. Be that as it may, men have somehow been able to be evacuated to safe areas… and what about the animals? For the half a billion living creatures that burned in the flames, nobody could stop this from happening… was it really impossible to intervene in some way and at least try to move them?

I think that the unpredictability of the fires, the enormous gravity of the situation also caused the death of pets and farms animals. And the risk of extinction of many other species is a fact.
It is excruciating to watch movies and photographs, I wonder if things will soon improve, but for months now, fires have been ravaging our planet.

I have decided not to publish photos, each one of us can imagine the destruction of the fire that is currently happening, not only in Australia, Brazil and Siberia…
Mine is a protest. I can’t do much, living here where nothing is missing and where I can only contribute with small donations of money (which then you are never sure where the money really ends up).
I am afflicted, tormented by these horrible situations that are repeating itselves relentlessly.
And the politicians selfish and disrespectful, swell, ranting studied sentences and speeches. There are too many personal interests at stake.
There is only one thing to do: rebel.
Rebelling against the mass extinction.

…oOo…

L’Australia ci mostra cosa accadrà all’intero pianeta, in termini ecologici: un’ecatombe di vite sacrificate, creature viventi senza distinzioni. Comunque sia, gli uomini sono stati in qualche modo in grado di essere evacuati in aree sicure… e che dire degli animali? Per mezzo miliardo di creature viventi che bruciavano tra le fiamme, nessuno poteva impedire che ciò accadesse… era davvero impossibile intervenire in qualche modo e almeno provare a metterle in salvo?

Penso che l’imprevedibilità degli incendi, l’enorme gravità della situazione abbiano causato anche la morte di animali da compagnia e da allevamento e il rischio di estinzione di molte altre specie è ora un dato di fatto.
È straziante guardare film e fotografie, mi chiedo se le cose miglioreranno presto, ma da mesi ormai gli incendi stanno devastando il nostro pianeta.

Ho deciso di non pubblicare foto, ognuno di noi può immaginare la distruzione degli incendi che stanno avvenendo attualmente, non solo in Australia, Brasile e Siberia…
La mia è una protesta. Non posso fare molto, vivendo qui dove non manca nulla e dove posso contribuire solo con piccole donazioni di denaro (che però non si è mai sicuri di dove finiscano davvero i soldi).
Sono afflitta, tormentata da queste orribili situazioni che si ripetono senza sosta.
E i politici, egoisti e irrispettosi, si gonfiano e sproloquiano frasi e discorsi studiati per l’occasione. Sono in gioco troppi interessi personali.
C’è solo una cosa da fare: ribellarsi.
Ribellarsi contro l’estinzione di massa.

Animal testing: only an act of cruelty.

.

We are confronted with a drifting planet, with an emergency climate situation that involves us all: each of us must act immediately.
Animal experiments are an aberration, an act of complete cruelty and incivility.
I am here to share a video of harsh reality… myself, I admit I couldn’t watch it until the end. I’m emotionally too fragile. I don’t like seeing creatures who are suffering. Sentient creatures… like you, me, others… It’s a crime. It must be prohibited and ended: as soon as possible.
Please share, discuss it with those around you and do everything possible to protect, not torture and kill defenseless creatures.
Thank you, from my heart, and may peace be with your spirit/mind.

…oOo…

Siamo confrontati con un pianeta alla deriva, con una situazione d’emergenza climatica che ci convolge tutti: ogniuno di noi deve agire immediatamente.
Gli esperimenti sugli animali sono un’aberrazione, un atto di completa crudeltà e inciviltà.
Sono qui per condividere un filmato di dura realtà… io stessa, ammetto di non averlo potuto guardare fino alla fine. Sono emozionalmente troppo fragile. Non mi piace vedere creature che soffrono. Creature senzienti… come te, me, gli altri… È un crimine. Dev’essere proibito e fermato. Al più presto.
Vi prego di condividere, di discuterne con chi vi sta accanto e di fare tutto quanto possibile per proteggere, non torturare ed uccidere, creature indifese.
Grazie, di vero cuore, e possa la pace essere con il vostro spirito/mente.

La fauna selvatica non dovrebbe forse essere patrimonio nazionale?

Lince_WWF

Fauna selvatica patrimonio nazionale CG corriere 22.10.2019

(Corriere del Ticino 22.10.2019)

Nel 1800 sono scomparse in Svizzera diverse specie, sterminate poiché ritenute pericolose o semplicemente poiché l’uomo ha sottratto loro lo spazio vitale: nel 1871 in Ticino è stato ucciso l’ultimo lupo, nel 1894 in Vallese l’ultima lince, nel 1904 in Grigioni l’ultimo orso. Nel 1985 si è estinto il gipeto barbuto, nel XIX furono sterminati i castori per la loro pelliccia e nel 1989 per l’ultima volta sul lago di Neuchâtel, era stata avvistata la lontra.
Poi questi animali hanno fatto un difficile ritorno, e ancora oggi sono ingiustamente temuti da una grande maggioranza che preferirebbe ucciderli per evitare di cercare altre soluzioni. A questi si aggiungono altre specie minacciate come la pernice bianca.
È oramai da anni che in Svizzera è discussione accesissima tra chi il lupo lo vuole ammazzare e chi fa di tutto per proteggerlo. Certo, il lupo è un predatore ed nel suo DNA è impresso ciò che un predatore fa: cacciare.
Va comunque rilevato che se l’uomo non entra in contatto o non provoca uno di questi animali, specialmente se femmina con piccoli, l’animale fugge e non insorgono problemi. Le complicazioni di regola nascono quanto il comportamento umano crea delle situazioni di conflitto.
Ricordo con una fitta di dolore il giovane orso M13 arrivato in Ticino dal Trentino e abbattuto il 19 febbraio 2013 in Valposchiavo poiché considerato “orso pericoloso”.
La sua colpa? Dopo il letargo, affamato, si era avvicinato troppo nella ricerca di cibo a zone abitate nel tentativo di sopravvivere nel suo habitat naturale.
Eppure M13 non era un orso pericoloso, portava anche un collare satellitare per controllarne gli spostamenti. Lo avevano persino fotografato mentre mangiava delle bietole da foraggio… ma le aveva veramente rubate lui le bietole, oppure erano state l’esca per attirarlo e poi vigliaccamente avere i presupposti per ucciderlo? Perché al posto di ucciderlo non lo hanno narcotizzato e portato altrove?
Questi fatti non sono certo un onore per chi ha ordinato l’uccisione e per quei guardiacaccia che hanno puntato il fucile per freddarlo. La notizia aveva suscitato molto scalpore e sollevato parecchie critiche che presto sono però finite nel dimenticatoio.
Due pallottole sono meno care? Un personaggio locale, qualche settimana fa aveva detto la stessa cosa per liquidare i lupi.
E così è stato fatto, lo scorso 10 ottobre. Due in meno. Due cuccioli provenienti dalla regione del Piz Beverin. L’Ufficio per la caccia e la pesca retico era stato incaricato di “prelevare complessivamente quattro giovani lupi”: questo l’annuncio. Prelevare è sinonimo di ammazzare. E presto gli altri due fratellini faranno la stessa fine.
Il controllo del territorio e delle sue risorse naturali da parte dell’uomo, sfocia sempre in atti riprovevoli dove a farne le spese sono quelle creature che non si possono difendere da armi la cui tecnologia d’avanguardia permette la caccia notturna o da grande distanze.
Se l’uomo caccia oltre misura o per diletto o per cibo, la delicata bilancia dell’ecosistema subisce una rottura che è poi difficilmente sanabile.
Ma dobbiamo ricordare che è l’Uomo ad avere sottratto ad ogni tipo di animali il loro territorio, antropizzando zone che prima erano selvagge. E la marea continua; senza troppi scrupoli si pianificano costruzioni anche di grosse dimensioni sulle colline (vedi Monte Brè sopra Locarno).
La proposta di un Parco Nazionale protetto dove l’ecosistema avrebbe potuto godere di maggiore tutela, è stata bocciata a causa di incomprensioni generate dall’ignoranza e incompetenza degli osteggiatori. Errare è umano, perseverare diabolico. Cosa abbiamo imparato dagli sbagli del passato? Nulla.
Se nel 19esimo secolo era stata abbattuta buona parte della selvaggina dall’uomo cacciatore, sono stati i predatori a farne le spese, per loro non c’era più cibo, ed appare logico che per sopravvivere abbiano cacciato animali da allevamento.
Oggigiorno gli allevatori dispongono di informazioni dettagliate, possono ricevere consulenza gratuita da uffici federali e cantonali nell’ottica di allevare in modo sicuro e protetto i loro animali da reddito.
Eppure… eppure la scorsa settimana due giovani lupi sono stati abbattuti poiché avevano predato. Superfluo sottolineare che gli allevatori che hanno perso dei capi sono stati risarciti, ma per i lupi ammazzati nessuno, a parte qualche eccezione, hanno avuto parole di compianto.
Lo scorso 12 settembre 2019, il Parlamento svizzero ha deciso che i lupi, e di conseguenza anche il castoro, airone cenerino cigno reale, lince, orso, saranno inseriti nella lista delle specie regolabili.
Questa legge permette l’abbattimento di animali protetti senza che abbiano mai causato danni. Semplicemente perché esistono potranno essere sterminati. Credo che siano molte le ragioni di questo gioco poco pulito di certe lobby forieri di futuri sviluppi negativi per fauna e flora.

Diamo supporto a WWF, Pro Natura e altre associazioni votate alla protezione della natura e degli animali: dallo scorso 8 ottobre 2019 è in circolazione il “Referendum” contro questa legge inaccettabile che indebolisce la protezione degli animali selvatici.
I danni provocati dagli uomini sono infinitamente superiori se paragonati a quelli di un grande predatore che vaga per i monti; almeno lui caccia quello che trova sulla sua strada, gira al largo se s’imbatte in un cane Maremmano o in un pastore munito di bastone.
Mentre l’essere umano mostra falsi sorrisi e quando gli volti la schiena tira fuori il coltello per pugnalarti alle spalle. Con le sue paure ataviche, la sua supponenza e arroganza, sottomessa all’adorazione del potere e del danaro, distrugge ciò che gli sta attorno.

(vedi link)

Il referendum permetterà che l’ultima parola spetti ai cittadini.

…oOo…

In 1800 several species disappeared in Switzerland, exterminated as they were considered dangerous or simply because the man took their living space from them: in 1871 in Ticino the last wolf was killed, in 1894 in Vallese the last lynx, in 1904 in Grigioni the last bear. In 1985 the bearded vulture was extinct, in the XIX the beavers were exterminated for their fur and in 1989 for the last time on the lake of Neuchâtel, the otter had been sighted.
Then these animals have a hard return and are still unjustly feared by a large majority would prefer killing them and avoid  looking for other solutions. To these are added other threatened species such as the white partridge.
It is now for years that in Switzerland it is a very heated debate between who wants to kill the wolf and who does everything to protect it. Of course, the wolf is a predator and in his DNA is imprinted what a predator does: hunt.
It should, however, be noted that if the man does not come into contact or does not provoke one of these animals, especially females with their young, the animal escapes and no problems arise. Complications usually arise when human behavior creates conflict situations.
I remember with a pang at the heart, the young bear M13 arrived in Ticino from Trentino (Italy) and shot down February 19, 2013 in Valposchiavo regarded as “dangerous bear.”
His fault? After the lethargy, hungry, he had come too close to finding food in inhabited areas in an attempt to survive in his natural habitat.
Yet M13 was not a dangerous bear, he also wore a satellite collar to control his movements. Had they even photographed him eating fodder beets… but had he really stolen the beets, or had they been the bait to lure him and then cowardly have the prerequisites for killing him? Why have him not been drugged and taken elsewhere instead of killing him?
These facts are certainly not an honor for those who ordered the killing and for those gamekeepers who aimed their rifle to kill him. The news caused quite a stir and raised several criticisms that too soon ended up forgotten.
Are two bullets cheaper? A local “character”, a few weeks ago had said the same thing to liquidate the wolves.
And so it was done, last October 10th. Two less. Two puppies from the Piz Beverin region. The Office for hunting and fishing has been commissioned to “collect a total of four young wolves”: this is the announcement. “Collect” is synonymous with killing. And soon the other two brothers will do the same end.
The control of the territory and of its natural resources by man always results in reprehensible acts where it is the creatures who cannot defend themselves from weapons whose avant-garde technology allows nocturnal hunting or from great distances.
If man hunting lengthening or for pleasure or food, the delicate balance of the ecosystem undergoes a break which is then hardly curable.
But we must remember that it is Man who has taken their territory from all kinds of animals, by populating areas that were previously wild. And the tide continues; without too many scruples, even large buildings are planned on the hills (see Monte Brè above Locarno).
The proposal of a protected national park where the ecosystem could enjoy greater protection, was unfortunally rejected because of misunderstandings generated by ignorance and incompetence of opposers. To err is human, to persevere diabolically. What have we learned from the mistakes of the past? Nothing.
If in the 19th century it had been slaughtered almost all of the game by the hunter man, it was the predators that paid the price, for them there was no more food, and it seems logical that to survive they hunted farm animals.
Nowadays, breeders have detailed information, they can receive free advice from federal and cantonal authorities in order to breed in a safe and secure way their animals for profit.
Yet… yet last week two young wolves were slaughtered because they had preyed on. Needless to point out that farmers who have lost sheeps have been compensated, but for the killed wolves , with some exceptions, few have had words of sorrow.

On September 12, 2019, the Swiss Parliament decided that the wolves, and consequently also the beaver, gray heron, swan, lynx, bear, will be included in the list of “adjustable species”.
This law allows the slaughter of protected animals without ever causing damage. Simply because they exist they can be exterminated. I believe that there are many reasons for this unclean game of certain lobbies that are harbingers of future negative developments for fauna and flora.

We must support WWF, Pro Natura and other associations dedicated to the protection of nature and animals: since October 8, 2019, the “Referendum” has been circulating against this unacceptable law that weakens the protection of wild animals.
The damages caused by men are infinitely superior when compared to those of a great predator that wanders through the mountains; at least he hunts the one he finds on his way, but turns away if he comes across a Maremmano dog or a shepherd with a stick.
While the human being shows false smiles and when he turns his back, he takes out the knife to stab you in the back. With his atavistic fears, his arrogance and haughtiness, subjected to the worship of power and money, destroys everything around him.

(see link)

The referendum will allow citizens to have the last word.

The IUCN calls for halt to species decline by 2030

With urgent need, I share the post of “in the shadow of the wolf”.
The International Union for Conservation of Nature reminds us that the emergency must be taken with extreme urgency.
The current crisis, without previous analogues, must absolutely lead us to launch immediate conservation laws so that the bio-diversity is also guaranteed in the future. The governments of the world have been called upon to intervene with the utmost urgency to avoid extinctions of endangered animals caused by man.
                                                                …oOo…

Con necessità impellente, condivido il post di “in the shadow of the wolf”.
L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, afferma che l’attuale emergenza dev’essere presa con estrema urgenza.
La crisi nella quale ci troviamo non ha precedenti analoghi, ci deve assolutamente portare a varare immediate leggi di conservazione affinché la bio-diversità sia garantita anche in futuro. I Governi del mondo sono stati chiamati ad intervenire con la massima urgenza onde evitare estinzioni di animali in pericolo causate dall’uomo.

 

Abu Dhabi, United Arab Emirates, 11 October 2019 (IUCN)

IUCN has issued an urgent call to massively scale up species conservation action in response to the escalating biodiversity crisis. The Abu Dhabi Call for Global Species Conservation Action appeals to the world’s governments, international agencies and the private sector to halt species decline and prevent human-driven extinctions by 2030, and to improve the conservation status of threatened species with a view to bringing about widespread recovery by 2050.

The Abu Dhabi Call, issued at this week’s IUCN Species Survival Commission (SSC) Leaders’ Meeting, urges governments to take emergency measures to save those species at the highest risk of extinction and tackle key threats that are driving population declines and extinctions. These include the lack of incentives for landowners and managers to retain wild species and natural habitats; poor or abusive practices in agriculture, fisheries, and forestry; wildlife crime; emerging infectious diseases; the disruption of water flow; inadequate management of waste and discharges; invasive alien species; and increasingly, climate change and ocean acidification.

“With 2020 comes the opportunity to curb the escalating extinction crisis and invest in a more optimistic future. With this Call, IUCN stands ready to support governments and civil society, including young people, to work for a world in which species are preserved and valued for their intrinsic worth as well as the benefits they offer,” said IUCN Acting Director General Dr Grethel Aguilar. “The IUCN World Conservation Congress 2020 will bring together states, civil society and indigenous peoples to work together towards halting species declines by 2030.”

The Call is the result of more than 300 SSC Leaders coming together in Abu Dhabi on the cusp of 2020, a year that will see critical decisions for the future of the planet taken by policy makers. The United Nations Sustainable Development Goals and the UN Paris Agreement on Climate Change will be reviewed, and the Convention on Biological Diversity will adopt the Post-2020 Global Biodiversity Framework. A new UN legal binding agreement on marine biodiversity in the High Seas is under negotiation. The IUCN World Conservation Congress will amplify this Call, which will then be addressed by the United Nations Heads of State Summit on Biodiversity.

“The Species Survival Commission is the world’s largest network of species scientists and a fundamental contributor to IUCN’s role as provider of the knowledge that underlies nature conservation. They devote their lives, generally on an entirely voluntary basis, to saving species. The high quality of the work of SSC Specialist Groups provides a strong scientific foundation for conservation action. We now appeal to governments to urgently respond to this Call by helping pull species back from the brink of extinction,” said Dr Jon Paul Rodríguez, Chair of IUCN’s Species Survival Commission.

A global Programme of Work on Species Conservation will be launched at the IUCN World Conservation Congress in June next year. IUCN calls on Parties to the Convention on Biological Diversity and the other biodiversity-related conventions to respond by including this Programme in the post 2020 global biodiversity framework and follow up with urgent implementation. At the Congress, governments, civil society and indigenous peoples’ organisations will come together to drive conservation efforts for ‘a just world that values and conserves nature.

“Decisions made in 2020 will define the future of the planet,” said Dr Jane Smart, Global Director of the IUCN’s Biodiversity Conservation Group. “We face a nature emergency. Species are the primary source of income and resources for hundreds of millions of people around the globe; their aesthetic values and spiritual roles provide comfort and inspiration as well as recreation. At this critical moment, the world’s governments must accept responsibility for this emergency and act now to ensure we pass on a rich natural heritage to future generations. This is a unique opportunity to mobilise society and galvanise the necessary action to address the species crisis.”

IUCN also recalls that the global target to bring about the recovery of known threatened species adopted in Nagoya, Japan in 2010 is unlikely to be met, despite substantial efforts from conservationists worldwide. Looking forward, IUCN emphasises the importance of including clear, ambitious targets on species conservation in the Post-2020 Global Biodiversity Framework.

In recognition of the scale of transformative change that is needed, the Abu Dhabi Call for Species Conservation Action encourages governments and donor institutions to allocate substantial additional resources for conservation of species and their habitats.

The IUCN Species Survival Commission is the world’s largest network of species conservation experts with over 9,000 members globally. It is mandated by the Members of IUCN (governments, NGOs, and indigenous peoples’ organisations) to conserve species. This unique body includes biologists, ecologists, wildlife managers, health and social scientists, educators, community representatives, economists and government officials. The Call was developed by SSC Leaders meeting in Abu Dhabi with generous support from the Environment Agency Abu Dhabi.

The Species Survival Commission generates the knowledge for The IUCN Red List of Threatened Species, the world’s most comprehensive information source on the global conservation status of and animal, fungi and plant species. SSC experts have unique insight into the extent to which species are undergoing unprecedented and growing threats from unsustainable human activities, reflected in The IUCN Red List.

For more information or interviews, please contact:

Harriet Brooker, IUCN Media Relations, +44 7960241862, press@iucn.org

Aritzaith Rodríguez, IUCN SSC Media Relations, +54 91123865487, aritzaith.rodriguez@ssc.iucn.org

Links:

The Abu Dhabi Call for Global Species Conservation Action in ENGLISH

The Abu Dhabi Call for Global Species Conservation Action in ARABIC

SSC Leaders’ Meeting 2019

Copyright © 2019 [COPYRIGHT Intheshadowofthewolf. Name and Webpage]. All Rights Reserved

What you wouldn’t want to see * ciò che non vorresti vedere

Estratto dal blog  Serbian Animals Voice  see here for the English text – by Venus

“Il noto dolore al petto è tornato, posso solo camminare, loro non possono.”
(Jo-Anne McArthur, fotografa e investigatrice del benessere degli animali).
Gli attivisti che hanno esposto la crudeltà verso gli animali alla più grande fattoria di suini in Francia hanno riscontrato problemi…
Cosa sperimentano gli attivisti quando scoprono l’agonia animale, lo puoi vedere nel video!

Ecco come un attivista descrive l’azione in questo mattatoio:
“Negli ultimi giorni non avevo trovato parole per tutto quello che è successo, ho provato diverse volte a scrivere questo post e poi ho cancellato di nuovo le righe.
Cinque giorni fa ho partecipato all’azione di massa della disobbedienza civile #OccupyCarrefour e abbiamo occupato pacificamente una delle più grandi aziende di allevamento di suini in Francia.
Insieme ad altri attivisti mi sono incatenato il collo alle sbarre delle gabbie dove sono intrappolati i maiali, mentre altri attivisti hanno documentato le terribili condizioni per renderlo disponibile al pubblico.

Siamo stati sottoposti alla stessa violenza degli animali ogni giorno, siamo stati spinti e picchiati dai contadini e sono stato persino colpito in faccia da una sbarra di ferro.
Le persone che usano la violenza contro gli animali su base giornaliera non evitano la violenza contro gli umani. Mentre ero incatenato alla stessa altezza dei maiali, dovevo guardarli negli occhi tutto il tempo e potevo sentire le loro urla. Ma dovevo anche guardare negli occhi i miei amici – pieni di paura e dolore.

Abbiamo dovuto sperimentare com’è essere intrappolati lì ed eravamo impotenti in balia di questa violenza proprio come gli animali. Gli altri attivisti hanno cercato di proteggerci con i loro corpi, ma nessuno protegge gli animali. Un giovane agricoltore ha persino minacciato di spararci, c’era così tanto odio negli occhi di queste persone. Siamo stati fortunati a poter lasciare di nuovo vivi questo luogo crudele, ma gli animali sono in cattività per tutta la vita e alla fine vengono uccisi.

Immagina com’è essere rinchiuso in una piccola gabbia per il resto della tua vita, dove non puoi nemmeno voltarti. Immagina com’è quando i tuoi bambini vengono portati via poco dopo la nascita e non li vedi mai più.
Immagina com’è quando non puoi scappare dalla violenza, quando non puoi nemmeno provare a salvarti la vita.
Gli animali sono nati in questo inferno, non vedono la luce del giorno o la luce del sole per tutta la vita, non prendono aria fresca e vegetano solo fino al giorno della loro esecuzione. L’agricoltura umana o l’uccisione umana non esistono nella realtà.
Facciamo scelte consapevoli e poniamo fine allo sfruttamento sistematico.

Tali condizioni crudeli sono persino consentite dalla legge e la polizia monopolizza l’uso della forza che viene applicata contro le persone che si oppongono a questo sistema. La violenza e la repressione della polizia colpiscono quindi le persone sbagliate, che sono libere di denunciare il portatore di un messaggio invece di rispondere al messaggio stesso e cambiare qualcosa.
Il consumo di animali morti e di prodotti di origine animale non è solo moralmente riprovevole, ma anche ecologicamente inaccettabile in quanto contribuisce in modo significativo al consumo climatico di enormi quantità di acqua ed energia.

La prossima volta che acquisti carne o prodotti animali, pensa al suo viso. Pensa al loro destino e alla sofferenza che hanno vissuto. Pensa alla vita che non potrebbero mai vivere solo per i tuoi gusti. Nella società di oggi, mangiare carne non è più una necessità, ma una decisione. Una decisione per violenza, indifferenza, sofferenza e morte.
E una decisione contro compassione, amore, rispetto e libertà. È davvero ciò che noi come esseri umani vogliamo rappresentare?

È preoccupante quando le persone si arrabbiano con i vegani per aver evidenziato la sofferenza… piuttosto che arrabbiarsi con se stessi per averla causata.

L’unica cosa che questa industria teme così tanto è la verità e la verità è ciò che riveleremo. Solo perché qualcosa è legale, non significa che sia anche giusto. Se esiste una legge per legittimare e legalizzare la crudeltà verso gli animali, lo sfruttamento, l’oppressione, la discriminazione e la distruzione ambientale, allora è nostro dovere morale ignorare queste leggi ingiuste.
Quando l’ingiustizia viene accettata, la resistenza diventa un obbligo!

Ti preghiamo di riconsiderare le tue decisioni in futuro, hai almeno tre scelte al giorno. Non scusarti, fai qualcosa! Diventa attivo e parla per gli animali, non possono parlare da soli ”.
Azione diretta ovunque – DxE
Non c’è nulla su cui commentare, solo molto a cui pensare, ed è meglio prendere la tua decisione qui e oggi per smettere di cooperare con questo sistema di sfruttamento inumano. Questa è l’industria della carne e del latte. È tempo di farla finita
Ringraziamo moltissimo gli attivisti coraggiosi per il loro coraggio civile.

.

 

The thrill of killing * Il brivido dell’uccidere

Positivo il bilancio della caccia alta in Ticino quest'anno a settembre

Brutality without limits how can you call this “sport” a passion ???
Brutalità senza limiti come si può definire questo “sport” una passione???

 

Stagione_Venatoria_Gravi_incidenti_CdT14.9.2019F.docx

Publisched: Corriere del Ticino  Sept. 14th, 2019

In the press you can find many articles that praise the value of this “discipline”, emphasizing its importance at national level as a means to regulate the populations of wild animals, mainly ungulates.
In Switzerland there are almost 29,000 hunters (of which 5,000 are only in Ticino) and in recent years there has been a very marked increase in the percentage of women. One of the new fanatics of this pseudo-sport, she also released a baffling interview where she tells of the beginning of her passion at the age of 6, following her hunter father.  Then continuing with hallucinatory utterances with a fluency of speech as a preacher against ethics as well as not very sagacious, in order to show off,  she exposes herself in that way, in fact making herself ridiculous.
I asked myself a couple of questions, after reading about the Setter killed by a shot of a hunter who had mistaken him for a boar, of the deadly fall of an old man or 25-year-old who was hit in the hand.
It is to be prayed that no other incident occurs (at the time of writing was not yet known the very serious fact of Pedrinate, e.n., see page of the Mendrisiotto ) although there will be many animals that will be brutally killed and for them there will be no one crying.

But a news that shows strong courage and is a demonstration of sensitivity towards the protection of the ecosystem, is that of the Honorable Claudio Zali, who takes sides with the ailing species (for example the white partridge). We need politicians like him, people who do not let themselves be bent by the diktat of federations or groups that think only of the interests of a few and not those of the 350,000 (non-hunters) residing in the canton of Ticino. It is not a question of dialogue because the party in question does not want to hear reasons.

 

Actually, this article was written and sent to the Newpaper few days earlier… When I read about the new fatal accident, I saw myself projected into the G.G. Marques’ novel “Chronicle of a death foretold”. Distressing. Very sad. And on the website of the Ticino Hunters Federation it reads: “We hope that all hunters and their families can live their passion with serenity”. What will the president of the Ticinese hunting federation Efrem Regazzi report in one of his next speeches? It seems paradoxical “to live one’s passion with serenity” when someone has died.
How can you explain that (every type of weapon) can kill? And not just animal preys that can’t defend themselves!

…oOo…

Quando ho letto del nuovo incidente mortale, mi sono vista proiettata nel romanzo di G.G. Marques “Cronaca di una Morte annunciata”. Angosciante. Tristissimo. E nel sito internet della Federazione cacciatori ticinesi si legge: “Ci auguriamo che tutti i cacciatori e le rispettive famiglie possano vivere la propria passione con serenità”. Cosa riferirà in una delle sue prossimo oratorie il presidente della Federazione cacciatori Ticinesi Fabio Regazzi? Sembra paradossale “vivere la propria passione con serenità” quando qualcuno è deceduto.
Come si può spiegare che (ogni tipo) di arma può uccidere? E non solo le prede animali che non possono difendersi!

And… again: hatred towards wolves

Canis_lupus_with_radio_collar_wikipedia

1Lupo2Lupo

Published Sept. 10th, 2019 Corriere del Ticino

Unfortunately the arrogance spreads and creates hatred and misinformation among the citizens.
Of course I would never have expected from a man of culture, complete with studies in molecular biology and doctorate as well as dozens of scientific publications, international congresses  and so on and so forth, a banal exit like “isn’t that a couple of well-placed bullets cost less?”
This same person had also been in the front line against the creation of the Parco del Locarnese. Certainly, dear prof. PhD Sandro Rusconi. But not everyone, in the specific case of the wolf, we share your profound intolerance and diligence in wanting to kill rather than find solutions. I hope that you didn’t express this type of “life thesis” during the lessons she gave years ago in the elementary schools of Locarno, as I hope it is a trivial release on FB, then hurriedly dismissed and forgotten.
It is not killing that we find solutions, and this is not a fact. Certainly humans have an easy trigger, just consider that in every corner of the planet we have conflicts in place, wars that kill millions of people… and animals. I avoid bringing up a list, you just need to read the newspapers or turn on the television to realize that violence, crime and death are practically everywhere.
I reiterate that you can live with the great predators (that were instill here before us) and that there are solutions to be implemented rather than killing an animal that could (I say could) tear to pieces sheep or goats.
If in Trentino and Veneto they are experimenting with the possibility of monitoring wolves through a radio collar, why not opt for this possibility?

I am not insensitive to the fact that the flock of the breeder Mr. Hüppi has suffered losses, indeed, I regret that due to bad weather the lone wolf attacked and managed to blend in. I hope that there were also dogs specifically bred to “protect the flocks” (I refer to the Abruzzese Maremma breeds and the Pyrenean mountain dog see www.bafu.admin.ch protection of flocks).

It is not sufficient to lay electrified nets to contain sheep during the night: whereas in the specification, the attack took place in broad daylight with adverse weather conditions. And doesn’t help having a couple of extra shepherds: the wolf is a clever animal although very shy and can only compete with one of his “peers”: a dog specifically bred to cope with the presence of his “ancestor”.
Unfortunately, I do not think the breeder’s idea of bringing the animal down at sight, which, after all, could also be an escaped dog, a hybrid or perhaps even a lynx, is feasible…
It also happens to hunters, very expert with their rifles equipped with a night vision scope, who sometimes shoot at a “something” that vaguely resembled prey… and then they realize that they have knotted their dog or even their hunter friend (and this has happened right last week before I send my article to the newspaper).

Remember that in Switzerland we have (still) a law that protects large predators, the latter are used to maintain a healthy ecosystem, we should therefore apply wisdom and sagacity by doing everything possible to avoid an extermination of animals making us return to 1800 year in which they had died out of our territory.

Roberto_Kufahl

Mi fa sempre molto piacere ricevere lettere con tanto di mittente, a commento delle mie pubblicazioni. Ancora più piacevole è ricevere un sostegno morale, da persone colte per davvero e che sono pronte a fare qualcosa di tangibile per modificare la situazione inaccettabile che si è protratta ad oltranza nel nostro paese. Su di una cartolina che ritrae l’innevato paesaggio del Serettasee, evidenziata c’è la frase:

Chi non astrae da ciò che è dato, chi non collega i fatti ai fattori che li hanno prodotti, chi non disfà i fatti nella sua mente, in realtà non pensa. (c) H.Marcuse – L’uomo a una dimensione

 

CdT 18.09.2019

E mio marito, è dello stesso avviso!

Let’s start reducing the consumption of meat * iniziamo a ridurre il consumo di carne

Ridurre_il_consumo_di_carne

mucche_(c)ilbernina (c) picture  Bruno Raselli
Claudine published article on  Corriere del Ticino 6.9.2019

It is always very tender to see cows with beautiful horns, grazing among our beautiful pine-covered mountains, then further on, you can also see some streaks of snow that have survived the rise in temperature.
It is also tender to read that over here (in Ticino) the cattles have a name, that they are lovingly cared for if they are sick and that they are fed with first quality fodder and without the addition of antibiotics, growth hormones and other products with doubtful influences on the man who then the meat eats it.

Mr. S. Genini of UCT (Union of Farmers of Ticino and Agricultural Secretariat) explains very well the situation in our country, including the free trade agreement that the European Association (Aels) is entering into with Mercosur.
We all know, at least even this is a fact, that the increase in CO2 is also due to intensive farming (and there are everywhere, not only in the Americas).
The harrowing images of the Amazon where the fire is devouring second after second the “lung of our planet”, do not need explanations. And yet, to satisfy the need to consume meat, people no longer look at quality but at quantity.

When they pass in front of the meat counter, they look first at the price tag, forgetting how much suffering and horror is hidden behind each piece displayed in a good view.
And here we have no differences: the piece of local organic meat or that of intensive slaughtering of meat, both were living creatures.
Perhaps we should all ask ourselves questions: is there really a “human” method for raising an animal that is then slaughtered?
Who lingers in front of the counters with exposed meat products, it does not matter if salami rather than steaks, did he/she ask himself who was the creature from which was the finished product extracted? Was it called “Bella” or “Bruna” or was it just a mass of product to be slaughtered without a name, enclosed in an iron cage where it could not even move?

Perhaps if we really want to do something intelligent for the planet, for our health, we could start reducing the consumption of meat and products derived from animals.
It is a question of choice, quality of life, not only for the animals but also for us: animals that are moving on two legs.

[My article was written in response to another appeared in the press, rather aimed to claim at the increasing costs of meat in Switzerland… since people buy cheaper foreign meat. For this reason, I use mockery tones…]

 

Why kill for sport? * Perché uccidere per sport?

 

What do the white partridge and wolf have in common?

Much has been written in recent times about the white partridge; those who protect it, those who are ready to cite by law articles that determine their freedom of killing, as it is legitimate for the pros and cons to be expressed, in the democratic freedom of our country (Switzerland).
My personal opinion, which is not reflected in federal or cantonal laws, is that killing for sport and not for survival is an act of useless violence.
More and more people, who have realized that speciesism is harmful, have made conscious food choices.
It doesn’t matter if to kill the white partridge you have to reach 2’000 meters of altitude by walking for hours, or if in the viewfinder ends, by mistake, the black pheasant or the woodcock. To accommodate their hunting needs, hunters are nowadays increasingly equipped with technologically first-rate and sophisticated equipment.
How can this type of activity be defined as sport, I have been asking myself for a long time.
And yet the Man, this sentient being, endowed with acute intelligence, and here we could quibble, allows himself to legislate on how and when he can kill another creature of the lower defined species?
I leave to the ones the freedom to speak in defense of their principles, and to the others to consider them unfair.
Anthropocentrism has led us to the current situation, where Man, by defrauding nature, has removed the territory from other species and finds himself (right now) in a situation of catastrophic global crisis.
But sometimes, nature thinks of herself by taking revenge!
I do not deny a feeling of satisfaction reading the news of the presence of a specimen of a wolf in Alta Leventina, sighted by hunters in order to “monitoring” the area in view of the opening of the high hunt. And this is another demonstration of how they proceed, already well in advance, to probe the possibilities of killing ungulates, which apparently, and thanks to the presence of the predator, have become wary and do not come out into the open, which thus disperse and cause less damage to nature and human activities, such as agriculture or fruit growing.
It is only to be hoped that the owners of the flocks present in those places have taken all the precautions, recommended by the various cantonal and federal offices so that there are no predations.
And we hope that the wolves are smarter than the hunters, maintaining the necessary distances from their most bitter predators: human beings.

 

Cosa accomuna pernice bianca e lupo?

Si è scritto molto in questi ultimi tempi sulla pernice bianca; chi a proteggerla, chi pronto a citare a memoria articoli di legge che ne determinano la libertà d’abbattimento, come è lecito che i pro e i contro vadano espressi, nella libertà democratica del nostro Paese.
La mia personale opinione, che non trova riscontro in leggi federali o cantonali che si voglia, è che uccidere per sport e non per sopravvivenza è un atto di inutile violenza.
Sempre più persone, che hanno realizzato che lo specismo è dannoso, hanno fatto delle scelte alimentari consapevoli.
Non importa se per uccidere la pernice bianca si devono raggiungere i 2’000 metri d’altitudine camminando ore, o se nel mirino finisce per sbaglio il fagiano di monte o la beccaccia. Per assecondare le proprie necessità venatorie, i cacciatori sono oggigiorno sempre più muniti di un equipaggiamento tecnologicamente di primordine e sofisticato,
Come si possa definire “sport” questo tipo di attività, me lo chiedo da parecchio tempo.
E ancora l’uomo, quest’essere senziente, dotato di acuta intelligenza, e qui potremmo disquisire, si permette di legiferare sul come e quando si possa ammazzare un’altra creatura di specie definita inferiore?
Lascio agli uni la libertà di parlare a difesa dei propri principi, e agli altri di considerarli scorretti.
L’antropocentrismo ci ha portati alla situazione attuale, dove l’Uomo, defraudando la natura, ha tolto il territorio alle altre specie e si ritrova alle strette in una situazione di catastrofica crisi globale.
Ma a volte, la natura ci pensa da sola a prendere una rivincita!
Non nego una sensazione di soddisfazione leggendo la notizia della presenza di un esemplare di lupo in Alta Leventina, avvistato da cacciatori intenti a “monitorare” la zona in vista dell’apertura della caccia alta. E questa è un’altra dimostrazione di come si proceda, già con largo anticipo, a sondare le possibilità di ammazzare ungulati che però apparentemente, e grazie alla presenza del predatore, sono diventati guardinghi e non escono allo scoperto, che così si disperdono e causano meno danni alla natura e alle attività dell’uomo, come l’agricolutra o la frutticoltura.
C’è solo da augurarsi che i proprietari delle greggi presenti in quei luoghi abbiano adottato tutte le precauzioni, raccomandate dai vari uffici cantonali e federali, affinché non vi siano predazioni.
E speriamo che i lupi siano più furbi dei cacciatori, mantenendo le dovute distanze dai loro più acerrimi predatori: gli esseri umani.

Pernice bianca e lupo - Claudine La Regione 24.8.2019

Published: La Regione – Saturday Aug. 25th. 2019
 

CdT_31.8.2019_Cosa_accomuna_lupo_e_pernice_bianca

Published: Corriere del Ticino – Saturday Aug. 31st. 2019                                     
 

Revisione della legge sulla caccia in Svizzera

In Switzerland only

Ultime notizie odierne (19.6.2019) comunicato del WWF Svizzera: la revisione della legge sulla caccia -che dovrebbe consentire l’abbattimento agevolato di specie protette- non verrà discussa nella sessione estiva ma è stata spostata in autunno. Le motivazioni sono futili: così che durante la campagna elettorale non dovranno spiegare come mai sono favorevoli ad una legge così assurda….

Di conseguenza,  la raccolta delle firme contro la revisione della legge sulla caccia inizierà in autunno! Noi ci prepariamo!

Se vuoi aiutare anche tu questo REFERENDUM, compila il sottostante formulario lasciando i tuoi dati e la quantità di firme che potresti raccogliere. Ti invieremo via e-mail i moduli non appena saranno disponibili. Grazie di vero cuore per il tuo prezioso sostegno!

.

Scelte sbagliate, dettate da paure ataviche (e dall’ignoranza)

vedi articolo apparso sulla stampa CdT 9.5.2019

 

Easier to break down wolves.  Wrong choices, dictated by atavistic fears (and ignorance)


Wolves and bears in the viewfinder: the Swiss National Council has decided to loosen the conditions of regulation of the great predators, making their killing easier. The deputies went beyond the Government’s demands. The attempts of the left to downsize the project are in vain. Some nature protection groups have already threatened the referendum; the WWF, for its part, speaks of a “killing law”. The dossier now returns to the States. The people should have the last word.

We are ready for the referendum! and we will fight until the last…

 

Lupo1

Lupo2

Lupo3

Lupo4

Lupo5

Lupo6

Lupo7

Lupo8

 

 

ZOO’s: educational sites or prisons?

.

Snow Leopard into the freedom

(c) Sophiajon5

.

Native to the mountain ranges of Central Asia, the snow leopard is considered a protected species with a high risk of extinction. Also called “ghost of the mountains”, because he is difficult to observe, he lives in an arid environment, between peaks and rocky crags, covered with moss and shrubs, between 3,000 and 4,500 meters of altitude. Like a predator, he hunts at night or at the dawn of the day and feeds on wild animals or livestock in the wild. Over the past twenty years, more than a fifth of these majestic wild creatures have disappeared. Nowadays about 6,500 free specimens are registered, of which only 2,500 with the characteristics suitable for reproducing.

One cause is the loss of its natural habitat, caused by climate change.
The mountain ranges of Central Asia are predominantly covered with snow and ice. Due to global warming, trees and mosses waste away and regress, leaving free space then occupied by livestock breeding. The additional second element is the pressure of the shepherds who hunt him to avoid attacks on the flocks; this human behavior leads to an inestimable loss for the biodiversity of these places with foreseeable future consequences and widely exposed in scientific studies.
There is, therefore, a reduction in the natural habitat of the leopard, which obliges him to move more in search for food. This fragmentation of the habitat caused by climate and man also affects the survival of the species that have the greatest difficulty in mating. A further cause is the rampant poaching for its fine fur and for the bones or parts of the body destined for Chinese Medicine.

The influence of the snow leopard on biodiversity is the same for every “big predator” at the top of the food chain: in his absence the herbivores that he hunts expand in number and destroy the surrounding habitat, seriously endangering the whole ecosystem.
After learning that at the Zoo at Maglio di Magliaso (Ticino south Switzerland) they transferred Sadary, a two-year-old snow leopard female from the Krefeld zoo in Germany, I once again asked myself the following bitter question: “Are ZOO educational sites or are only prisons?”

I am not a biologist, but apart from the noble intent of “preserving the species” and hoping that the animal will be able to reproduce in captivity, I don’t think that a Mediterranean area where the summer temperatures reach even the 40° C, is an environment suitable for an animal used to living in snow and ice at 20 or 30 degrees below zero. In addition to the completely different habitat, the conditions of life in an angled and cemented area, where Sadary and the male Deleg, who has already been a guest of the zoo since September last year, will (perhaps) find mutual sympathy and then mate, they are not certain ideals. These animals are used to occupy vast territories and it is perhaps better, for the purposes of preservation of their species, to store them in an Alpine Tierpark rather than in a minute city zoo… but even better they should be protected in their natural environment (see the projects of WWF and others).

Looking in the eyes of Sadary in the film published by the RSI I saw fear, disorientation and a lot of sadness.

And what do you think about this matter?

.

-la-bellezza-esotica-di-sadary-arriva-al-maglio-frct

(c) tipress

savary_Maglio

.

Originario delle catene montuose dell’Asia Centrale, il leopardo delle nevi è considerata specie protetta con alto rischio d’estinzione. Anche chiamato “fantasma delle montagne”, poiché è difficile da osservare, vive in un ambiente arido, tra picchi e dirupi rocciosi, ricoperti da muschi e arbusti, tra i 3.000 e 4.500 metri d’altitudine. Quale predatore, caccia di notte o agli albori del giorno e si ciba di animali selvatici o di bestiame allo stato brado. Negli ultimi vent’anni sono scomparsi di più di un quinto di queste maestose creature selvatiche. Oggigiorno sono censiti circa 6.500 esemplari in libertà dei quali solo 2.500 con le caratteristiche adatte a riprodursi.

Una causa è la perdita del suo habitat naturale, causata dal cambiamento climatico. Le catene montuose dell’Asia Centrale sono luoghi prevalentemente ricoperti da neve e ghiaccio. A causa del surriscaldamento globale gli alberi e i muschi deperiscono e regrediscono lasciando spazio libero poi occupato dall’allevamento di bestiame. Un secondo elemento che si aggiunge è la pressione dei pastori che lo cacciano per evitare attacchi alle greggi; comportamento umano che porta a una perdita inestimabile per la biodiversità di questi luoghi con prevedibili conseguenze future e ampiamente esposte in studi scientifici.

Vi è perciò una riduzione dell’habitat naturale del leopardo che lo obbligano a spostarsi maggiormente per la ricerca di cibo. Questa frammentazione dell’habitat causata dal clima e dall’uomo, influisce anche sulla sopravvivenza della specie che ha maggiore difficoltà ad accoppiarsi. Una ulteriore causa è il dilagante bracconaggio per la sua pregiata pelliccia e per le ossa o parti del corpo destinate alla Medicina Cinese.

L’influsso del leopardo delle nevi sulla biodiversità è lo stesso per ogni “grande predatore” in cima alla catena alimentare: in sua mancanza gli erbivori che egli caccia si espandono di numero e distruggono l’habitat circostante mettendo in serio pericolo l’intero ecosistema.

Dopo aver appreso che presso lo Zoo al Maglio di Magliaso (Ticino Svizzera) hanno trasferito Sadary, una femmina di leopardo delle nevi di due anni proveniente dallo zoo di Krefeld in Germania, nuovamente mi sono posta la seguente pungente domanda: “gli ZOO sono dei luoghi istruttivi o sono solo delle prigioni?”

Non sono una biologa, ma a parte il nobile intento di “preservare la specie”, sperando che l’animale riesca a riprodursi in cattività, non penso che una zona mediterranea dove le temperature estive arrivano persino a sfiorare i 40°C siano l’ambiente adeguato per un animale abituato a vivere nella neve e ghiaccio a 20 o 30 gradi sotto lo zero. Oltre all’habitat completamente diverso, le condizioni di vita in un antro angusto e cementificato, dove Sadary e il maschio Deleg, che è già ospite dello zoo da settembre dello scorso anno, dovranno (forse) trovare simpatia reciproca per poi accoppiarsi, non sono certo ideali. Questi animali sono abituati ad occupare territori immensi ed è forse meglio, per gli scopi di preservazione della loro specie, accasarli in un Tierpark alpino piuttosto che in un minuto zoo cittadino… ma ancora meglio andrebbero protetti nel loro ambiente naturale (vedasi progetti WWF e altri)!

Guardando negli occhi di Sadary nel filmato pubblicato dalla RSI si percepiscono paura, disorientamento e tanta tristezza.

Cosa ne pensi tu di questo argomento?

.

Claudine leopardo delle nevi corriere 5.3.2019

La Lince: grande predatore * The Lynx

Lince_ORF

(c) KORA

.

As part of an EU-Life re-introduction of species in areas where these are extinct, a lynx from Switzerland has been released into the forests of Rhineland-Palatinate.
Mala, this is the name of the female lynx, will be monitored by means of a special collar for the duration of one year, in order to observe her habits and adaptation.
For the management of wildlife, the experts of the KORA (Swiss institute that studies the ecology of carnivores), works to protect these animals.
If in Switzerland you want to get rid of (those who say “exterminate”) the great predators, a group to which also the wolf and the bear belong, the capture and release of them in protected areas is an ethically correct solution.
Why kill if you can resort to this type of solution?
In the forests of the Palatinate, other lynxes from Switzerland and Slovakia have already been freed in the past, which will form the basis for successful repopulation, given the birth of at least seven puppies.
Evidently this type of project is supported by accurate information aimed at allowing the population (humans) to live with the Lynx without incurring into difficulties.
 The breeders, as for other predators and in Ticino we have had ample example, will have to follow the requirements for the preventive protection of flocks or livestock.
It is proven that by observing the indications of the surveillance offices (game warden, KORA and others), the great predators can live with us without creating problems.
Leaving abandoned the livestock without protection (specific enclosures following the rules, and guard dogs trained for this purpose), these beasts are also subject to accidents of another type not attributable to attacks by canids or other predators.

Information and prevention are the correct attitude! Our task is to safeguard biodiversity, trying in every possible way to adapt the anthropic impact in order not to cause further damage.

We need to protect biodiversity at all costs: Nature and the ecosystem are perfectly able to regulate for the benefit of man.

.

eurasian-lynx-in-snow-willi-rolfes

(c) Willi Rolfes

.

Nell’ambito di un progetto UE-Life di reintroduzione di specie in zone dove queste sono estinte, una lince proveniente dalla Svizzera è stata liberata nelle foreste della Renania Palatinato.
Mala, questo il nome della lince femmina, sarà monitorata per mezzo di uno speciale collare per la durata di un anno, nella finalità di osservare le sue abitudini e l’adattamento.
Per la gestione della fauna selvatica, gli esperti del KORA (istituto svizzero che studia l’ecologia dei carnivori), si adopera per la tutela di questi animali.
Se in Svizzera ci si vuole sbarazzare (chi afferma “sterminare”) i grandi predatori, gruppo al quale appartengono anche il lupo e l’orso, la loro cattura  e liberazione in luoghi protetti è una soluzione eticamente corretta.
Perché ammazzare se si può ricorrere a questo tipo di soluzione?
Nelle foreste del Palatinato sono state già in passato liberate altre linci provenienti dalla Svizzera e dalla Slovacchia, le quali formeranno la base per il ripopolamento che si annuncia con successo, visto la nascita di almeno sette cuccioli.
Evidentemente questo tipo di progetto è sostenuto da un’informazione accurata atta a permettere alla popolazione di convivere con la lince senza incorrere in difficoltà.
Gli allevatori, come per altri predatori e in Ticino ne abbiamo avuto ampio esempio, dovranno seguire le prescrizioni per quanto concerne la protezione preventiva delle greggi o dei capi di bestiame.
È comprovato che osservando scupolosamente le indicazioni degli uffici della sorveglianza (guardiacaccia, KORA e altri), i grandi predatori possono convivere con noi senza creare problemi.
Lasciando abbandonati dei capi di bestiame senza protezione (recinti specifici a norma e cani da guardia addestrati a questo scopo), queste bestie sono soggette anche a incidenti d’altro tipo non imputabili ad aggressioni da canidi o altri predatori.

L’informazione e la prevenzione sono la corretta attitudine! È un nostro compito salvaguardare la biodiversità, cercando in ogni modo possibile di adeguare l’impatto antropico nella finalità di non causare ulteriori danni.

Necessitiamo di proteggere ad ogni costo la biodiversità: la Natura e l’ecosistema sono perfettamente in grado di regolarsi a vantaggio dell’uomo.

.

marcatura di un cucciolo di lince

(c) Fridolin Zimmermann

.

52561493_354469945148281_3988058665423732736_n

published  Corriere del Ticino  19.2.2019

 

A matter of choice * una questione di scelta

As much I read about it, as much I see that kind of movies… there is a strange deep feeling arising in my being.
Sometimes I’m up to think “Gee, I can’t bear anything more, like this cruelty without any meaning…”
And I have to force myself to watch to the end the movie, with tears in my eyes, sorrow in my heart and the weird sensation of the need to vomit.
Each day, day after day, month after month, year after year, things seem to get worst.
Anywhere you look, humans are acting terribly wrong, against themselves, against animals, against nature itself.
Fortunately, things are slowly changing. Not all are the same brainless followers.
The news are spreading, even if still a great number of egotistical humans are not willing to change the bad habits.
It is important to talk about it, to share movies like this, to try to raise awareness even among our fellow men who have not yet “matured” the right vibration!

Veganism is not a trend! But it is the only solution to save our planet… Many scientific studies have prouven that the consumpion of meat is one of the impressive causes of global warming and now, the cry of alarm is overhead!
With the awareness not only of the suffering of animals, but also of environmental issues, each of us can (must) make the difference.

Per quanto ne legga, per quanto mi sforzi a guardare quel tipo di filmati… una strana sensazione profonda sorge nel mio essere.
A volte mi viene da pensare: “Accidenti, non sopporto più nulla, come questa crudeltà senza alcun significato…”
E devo sforzarmi di guardare fino alla fine il film, con le lacrime agli occhi, il dolore nel mio cuore e la strana sensazione di bisogno di vomitare.
Ogni giorno, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, le cose peggiorano.
Ovunque si guardi, gli umani si comportano in modo terribilmente sbagliato, contro se stessi, contro gli animali, contro la natura stessa.
Fortunatamente, le cose stanno lentamente cambiando, anche se troppo adagio: non tutti sono gli stessi idioti senza cervello.
Le notizie si stanno diffondendo, anche se ancora egotisticamente un gran numero di umani non è disposto a cambiare le cattive abitudini. Importante è parlarne, condividere filmati come questo, cercare di suscitare consapevolezza anche nei nostri simili che ancora non hanno “maturato” la giusta vibrazione!

Il veganismo non è un trend! Bensì è l’unica soluzione per salvare il nostro pianeta… Molti studi scientifici lo hanno provato che una delle principali cause del surriscaldamento globale è dovuto al massiccio consumo di cane e ora, il grido d’allarme è globale!
Con la presa di coscienza non solo della sofferenza degli animali, ma anche delle tematiche ambientali, ognuno di noi può (deve) fare la differenza.

frecciaRSI trasmissione radiofonica: L’impatto ambientale del cibo

From “Animals Australia”…

See here on VIMEO the 1 min. movie

 

I share this plea, with love and hope.
The hope I always bring alive, doing what I do for the sake of the sentient beings we just call “animals”.
I wish you all the best for the upcoming New Year, with better solutions against all type of abuse on each single sentient beings.            

Claudine Giovannoni

 

The global live export industry spans nearly every continent, sends animals into war zones and abandons them to some of the worst slaughterhouses on earth.

There are few laws that restrict these operators. We know how ruthless they are when it comes to profiting from animal abuse, and how dangerous it can be to stand in the way of their ‘business models’. But we will continue to stop at nothing to defend the victims of this trade.

Over the 15 years I have been investigating the live export trade and documenting the suffering it causes, one thing has remained a constant.
Regardless of the country they are from, all animals will cower from those who harm them, cry out in pain when it’s inflicted upon them, and tremble before the blade about to brutally end their lives.

My silent vow has always been that I would ensure their suffering was not in vain; that all they endured would become the catalyst for change.

Lyn White AM
Investigations Director of Animals Australia

 

Meet Robin… my new companion

Each Autumn, I receive a lovingly visit in our garden! But I’m not sure he’s the same one of the previous years.
It’s so strange, but I didn’t give him a name… maybe because a blog friend of mine, she had for several years the visit of Mir, a beautiful robin, and she now misses him very much.
I was quite sad, for many silly reasons, and Robin he was somehow conforting me.
It’s still quite warm here, and the bird loves to scratch the earth in the veggi-garden, searching for some insects or vorms.
If he would have let me, I could strech my hand and pat him… but I was too much enchanted looking at his beauty, so simple, so humble. I use to talk to animals, it is a lot easer to speak to them than with humans… sometimes.
I want to share Robin with you, asking not to forget our beautiful planet Earth… where many such loving little animals share it with us.
Protect Earth and the animal, with love and concern.

 

IMG_7487IMG_7490IMG_7496IMG_7497IMG_7498IMG_7499IMG_7502

Ogni autunno, ricevo una visita amorevole nel nostro giardino! Ma non sono sicura che sia lo stesso degli anni precedenti.
È così strano, ma non gli ho dato un nome… forse perché una mia amica di blog, ha avuto per diversi anni la visita di Mir, un bel pettirosso, e ora gli manca molto.
Ero piuttosto triste, per molte sciocche ragioni, e in qualche modollui  mi stava confortando.
È ancora abbastanza caldo qui, e il piccolino adora grattare la terra dell’orto alla ricerca  di insetti o vermi.
Se me lo avesse permo, avrei potuto allungare la mano e accarezzarlo… ma sono rimasto incantata a guardare la sua bellezza, così semplice, così umile. Io parlo con gli animali, è molto più facile parlare con loro che con gli umani… a volte.
Voglio condividere Robin con te, chiedendoti di non dimenticare il nostro bellissimo pianeta Terra… dove molti piccoli animali così amorevoli lo condividono con noi.
Proteggi il nosro pianeta e gli animali: fallo con amore e preoccupazione.

175 Signs-of-Justice from Around the Globe

by

Source Veganism: A Truth Whose Time Has Come
Posted by 

   

See all the pictures at this link-page:

Stand united against ALL oppression and injustice. In these brilliant signs from around the world, you’ll see many of the messages state that all oppression and injustice is connected. The signs speak of animal rights, women’s rights, racial rights, human rights, LGBT rights, climate justice,  gun reform, nonviolence, veganism, as well as the intersectionality of all oppression / discrimination. Each  
is a gem with a specific message, so enjoy them all.
175 beautiful photos to show that you can… make the difference!
…oOo…
Stare uniti contro ogni oppressione e ingiustizia. In questi brillanti segni provenienti da tutto il mondo, vedrete molti messaggi affermare che tutte le oppressioni e le ingiustizie sono collegate. I cartelloni parlano di diritti degli animali, diritti delle donne, diritti razziali, diritti umani, diritti LGBT, giustizia climatica, riforma delle armi, nonviolenza, veganismo e intersezione di ogni oppressione / discriminazione. Ogni cartellone è una gemma con un messaggio specifico, quindi goditeli tutti.
175 belle foto a dimostrare che si può… fare la differenza!
United Kingdom Animal Rights March

Amsterdam – Animal Rights March 2018

Los Angeles Animal Rights March 2017
United Kingdom Animal Rights March 2017
Animal Rights Activist, James Aspey wearing his sign.
Animal Rights March 2018 London
 
Animal Rights March San Diego 2018 – photo credit: Ana Levley
New York City Animal Rights March 2018 ~ Photo: VeganNewsNow
Berlin, Germany – Animal Rights March 2018 – Photo: Daniela Zysk 
Hong Kong Animal March
Auckland, New Zealand – Animal Rights March 2018

 

 

London 2016
Melbourne, Australia
 
End Animal Experimentation
Jews and Arabs march together for Animal Rights and Veganism
People’s Climate March
‘Friends of Animals ‘ Anti-Fur March in New York 
Signs in Arabic and Hebrew at the Arab-Jewish march for Animal Rights
 
 
Animal Rights / Global Warming Protest
Animal Rights Protest
Hansen and Goodman at P.E.T.A. Protest of Animal Experiments
VeganEasy Protest – Australia
London, U.K.
Melbourne, Australia
USA 
Northwest Animal Rights Network Protest
 
Animal Rights March – New York
U.K. Animal Rights March founded by Surge
 
DxE Protest California
Animal Rights March 2017
vegan/animal rights march
Animal Rights March – Miami – 2017 
 
 
Vegan Shift Parade Columbus, Ohio
Animal Rights March London 2016
 
The world’s largest Animal Rights March – Tel Aviv – 2017
 
 
Dublin, Ireland
March to Close all Slaughterhouses – Münster, Germany
Anti-Animal Experimentation – Dunedin, New Zealand
 
 
United Kingdom Demonstration
Animal Rights March 2018 – Philippines

Scotland – Animal Rights March 2018

 
Animal Rights March 2018 – 10,000 protesters marched through London
100 Vegan Doctors rallied in front of the white house in Washington, D.C.
 
Los Angeles Animal Rights March 2018

Photo credit: Karen Denton 

 

The promise * La promessa

 

Crossing with the cinema time and imagination, Oscar winner Gabriele Salvatores signs for Almo Nature a contemporary fairy tale whose protagonists man, the wolf, and the dog.

A lovely short video to show us how to prove compassion and respect towards all the other species, as well…

…oOo…

 

Attraversando con il cinema il tempo e la fantasia, il premio Oscar Gabriele Salvatores firma per Almo Nature una fiaba contemporanea che ha per protagonisti l’uomo, il lupo e il cane.

Un bel video breve per mostrarci come provare compassione e rispetto verso tutte le altre specie…

Conference of the WWF Sections Switzerland * Conferenza delle sezioni WWF 2018

Once a year, all the Swiss WWF Sections meet to discuss topics and strategies, put priorities and get updated about the many projects going on especially in our Country. This weekend, I had the Chance to attend with my husband, President of the Swiss Italian part, and himself a “volunteer” too.
After the greetings of M. Daniel Perret WWF President for the Canton Vaud followed by the State Councilor Mme J. De Quattro and M. Kurt Schmid President of the WWF Foundation, the works started.
The actual situation about the review of the “hunting law” and of the “nature’s protection law”, was the most importante point to clear.

The Conference calls on the Foundation Board and the Direction of the WWF Switzerland to work and to fight, in association with the partner organizations, to prevent the implementation of the new proposal to amend the “hunting’s law” and the  “nature’s protection law”.
If the Federal Chambers (National Council) accepted the revision of the hunting law, the Foundation Council has already decided to launch a referendum so that the Swiss people can decide/express on the protection of wild animals (wolf, bear, lynx, beaver , etc.). The referendum will be in case launched at the end of the current year.
Another very important topic, although it currently concerns two cantons, is the land planning (LAT2 – RFG II). Furthermore, emphasis was placed on the fundamental importance that Pro Natura and WWF shall use synergies and coordination in the struggle to create conditions for working together.

In the afternoon, working groups were formed that leant on four specific themes: -sustainable farming, how to act at the cantonal level (Agridea); – sustainable areas (One Planet Living); -future of the Conference of the Sections; – WWF Events platform, tools to be used to engage members in the future.

There have been many interesting interventions under the various aspects, subjectively considered important, but not always feasible without having a broad-scale impact. Unfortunately, the various Lobbies have a predominant influence on the choices you can (want) to adopt, not always politically correct, but other alternatives are not currently present.
Perhaps just to be able to involve the citizens, the WWF appeals for the people to take action and support this NGO that is internationally doing everything possible to protect our planet, our “only” home, so that even the future generations can take up the challenge with responsibility of this legacy.

 

 

Una volta all’anno, tutte le sezioni svizzere del WWF si incontrano per discutere di argomenti e strategie, mettere le priorità e aggiornarsi sui numerosi progetti in corso soprattutto nel nostro Paese. Questo fine settimana ho avuto la possibilità di partecipare con mio marito, presidente del WWF della Svizzera italiana, e anche lui un “volontario”.
Dopo i saluti del p
residente del WWF per il Canton Vaud M. Daniel Perret, seguito dalla Consigliera di Stato Mme J. De Quattro e dal Presidente della Fondazione WWF M. Kurt Schmid, i lavori sono iniziati.
La situazione attuale in merito alla
revisione della “legge sulla caccia” e della “legge sulla protezione della natura”, era l’argomeno attuale a livello federale più scottante.

La conferenza chiede al Consiglio di Fondazione e alla Direzione del WWF Svizzera di adoperarsi e di lottare, in associazione con le organizzazioni partner, per impedire la messa in atto della nuova proposta di modifica della legge sulla caccia e sulla Protezione della Natura e del paesaggio.
Se le Camere Federali (Consiglio Nazionale) accettasse la revisione della legge sulla caccia, il Consiglio di Fondazione ha già deciso di lanciare un referendum affinchè il popolo svizzero possa decidere/pronunciarsi in merito alla protezione degli animali selvatici (lupo, orso, linci, castoro, ecc.). Il referendum sarà in caso lanciato alla fine del corrente anno.
Altro tema molto importante, seppure concerne attualmente due cantoni, è la pianificazione del territorio. Inoltre si ha posto l’accento sull’importanza fondamentale che Pro Natura e WWF utilizzino sinergie e coordinazione per affinché si creino condizioni per lavorare assieme.

Nel pomeriggio si sono formati gruppi di lavoro che si sono chinati su quattro tematiche specifiche: -agricoltura sostenibile, come agire a livello cantonale (Agridea); -quartieri sostenibili (One Planet Living); -futuro della Conferenza delle Sezioni; -piattaforma WWF Events strumenti da utilizzare per coinvolgere in futuro i membri.

Vi sono stati molti interventi interessanti sotto i vari aspetti, soggettivamente ritenuti importanti, ma non sempre attuabili senza avere un impatto ad amplia scala. Purtroppo le varie Lobby influiscono in modo preponderante sulle scelte che si possono (vogliono) adottare, non sempre politicamente corretto, ma non sono presenti al momento attuale altre alternative.
Forse proprio per poter maggiormente coinvolgere i cittadini, il WWF lancia un appello affinché la popolazione si attivi e sostegno di questa ONG che a livello mondiale sta facendo tutto il possibile per la salvaguardia del nostro pianeta: la nostra “unica” casa, affinché anche le generazioni future possano con responsabilità raccogliere la sfida di questo lascito.

Protection dogs for flocks * cani da protezione per le greggi

 

Stern 5

copyright Alberto Stern – Lostallo

 

The presence of large predators (in this case I refer especially to the wolf) always have a disproportionate impact on public opinion, and this is caused by the loss of habit to live with them.
More than a century ago, in our territory wolves were present in the valleys and pre-Alpine areas and cohabitated with man. Studies have shown that the presence of large predators is necessary, the wolf has a “regulatory” effect to maintain a healthy ecosystem and protect biodiversity.

At the beginning of 1800 wolves and bears were exterminated in Switzerland… now they have returned and this has triggered “fantastic-collective” fixations linked to atavistic legends. Obviously, political pressures contrary to the presence of wolves in the Ticinese territory are high.
But it is possible to avoid to the least the attacks to the flocks, if one proceeds to “protect” the sheep through fences, with the presence of a shepherd (in the alpine pastures) and in general with the use of the protection dogs. (To already included these issues in my other see here, and here).
Last Sunday afternoon on the occasion of the “Festival della Natura vivere la biodiversità”, with WWF we visited Alberto Stern of Lostallo.
Alberto and his wife Elena are veterinarians, and as an accessory activity they manage their farm Creusc. They are dedicated to sheep breeding, breeding of Border Collie dogs and breeding of Mountain dogs of the Pyrenees. The latter are dogs for the protection of livestock while the Border Collies are sheepdogs used to lead the flock.

The Stern spouses began breeding Pyrenean Mountain dogs in 2003, in a national program for the protection of flocks; for more detailed information on the various awards received from dogs raised by Mr. Stern, see website.

.

La presenza dei grandi predatori (nel caso specifico mi riferisco specialmente al lupo) hanno sempre un impatto sproporzionato sull’opinione pubblica, e questo è causato dalla perdita dell’abitudine a convivere con loro.

Più di un secolo or sono, nel nostro territorio i lupi erano presenti nelle valli e zone prealpine e coabitavano con l’uomo. Gli studi hanno comprovato che la presenza dei grandi predatori è necessaria, il lupo ha un effetto “regolatore” onde mantenere un ecosistema sano e tutelare la biodiversità.

All’inizio del 1800 lupi ed orsi sono stati sterminati in Svizzera… ora sono ritornati e ciò ha scatenato fissazioni “fantastico-collettive” legate a leggende ataviche. Ovviamente, le pressioni politiche contrarie alla presenza dei lupi sul territorio Ticinese, è elevata.

Ma è possibile evitare al minimo gli attacchi alle greggi, se si procede a “proteggere” gli ovini per mezzo di recinzioni, con la presenza di un pastore (nei pascoli alpini) e in generale con l’utilizzo dei cani da protezione. (To già inserito queste tematiche in altri miei post post).

La scorsa domenica pomeriggio in occasione del “Festival della Natura vivere la biodiversità”, con il WWF abbiamo fatto visita ad Alberto Stern di Lostallo.

Alberto e la moglie Elena sono veterinari, e quale attività accessoria gestiscono la loro azienda agricola Creusc. Si dedicano all’allevamento ovino, all’allevamento di cani di razza Border Collie e all’allevamento di cani di razza Montagna dei Pirenei. Quest’ultimi sono cani da protezione del bestiame mentre i Border Collies sono cani da pastore impiegati per la conduzione del gregge.

I coniugi Stern hanno iniziato l’allevamento dei cani di razza Montagna dei Pirenei nel 2003, in seno ad un programma nazionale per la protezione delle greggi. Per ulteriori informazioni più dettagliate in merito ai vari premi ricevuti dai cani allevati dal signor Stern, vedi sito.

Environmental imbalance and biodiversity * Disequilibrio ambientale e biodiversità

The philosopher Carlo Sini has simplified the problem of biodiversity decline by stating that it is a disequilibrium between “prey” and “predators” that in the long run will cause the collapse of an entire ecosystem.

ecology-slideshare.net

But what is an ecosystem, also called an ecological unit?
It is a set of living organisms of plants and animals (including humans) that interact with each other and with the environment in which they are located.
These communities, divided into several populations made up of organisms of the same species, then interact with the component of non-living elements, organic and inorganic, as well as with climatic factors, thus forming the ecosystem.
In the component of living organisms, we find primary consumers (insects and animals) that are herbivores. In turn, primary consumers are prey to secondary + tertiary consumers (carnivorous predators, including humans).
The last component is that of decomposers (fungi and bacteria), which will break down both primary consumers and secondary consumers, turning them into inorganic compounds that fertilize the earth and then re-enter the cycle.
An ecosystem is in equilibrium when the food chain closes and when interactions between living organisms work in order to regulate the delicate mechanism of an ecosystem within a region.
On the other hand, an ecosystem is defined as fragile or not very resilient (*) if it has a low level of biodiversity (animal, plant, etc.) because it is weaker in cases of environmental stress.
The anthropic activities, especially in areas with high population density and strong construction, have resulted in a significant decrease in the population of insects and birds, which in turn in the food chain produce a decrease in predators etc.

Starting from our personal ethical and respectful conduct, we can already produce small changes. Evidently, sensitivity must be taught within the family nucleuses: the children of future generations must know what the consequences will be if Man will continue to behave in such a way as to put the entire planet at risk!

Material that deals with this topic is in the pages of every newspaper and magazine, they talk about it on television, many dystopian films show us terrifying and nightmare scenarios.
But it is also true that real wisdom is a “something” that cannot be bought or borrowed: it is within the awareness of human effemerity linked to karma and to the law of cause and effect. I dare to state that it is only unconditional LOVE and RESPECT to every living and non-living form.

(* source Wikipedia) the resilience in ecology is the speed with which an ecological system returns to its initial state, after being subjected to a perturbation that has alienated it from that state. The alterations can be caused both by natural events and by human activity.
.
elephant1 wwf

What will it take before we respect the planet?

…oOo…

 

Il filosofo Carlo Sini ha semplificato il problema della diminuzione di biodiversità affermando che si tratta di un disequilibrio tra “prede” e “predatori” che a lungo termine provocherà il collasso di un intero ecosistema.

Ma cos’è un ecosistema, anche chiamato unità ecologica?
È un insieme di organismi viventi vegetali e animali (compreso l’uomo) che interagiscono tra loro e con l’ambiente nel quale si trovano.
Queste comunità suddivise in più popolazioni costituite da organismi della stessa specie, interagiscono poi con la componente di elementi non viventi, organici e inorganici, come pure con fattori climatici formando quindi l’ecosistema.
Nella componente degli organismi viventi, troviamo i consumatori primari (insetti e animali) che sono erbivori. A loro volta i consumatori primari sono preda dei consumatori secondari e terziari (predatori carnivori incluso l’uomo).
L’ultima componente è quella dei decompositori (funghi e batteri), che procederanno a scomporre sia consumatori primari che consumatori secondari, trasformandoli in composti inorganici che fertilizzano la terra per rientrare poi di nuovo nel ciclo.

Un ecosistema è in equilibrio quando la catena del ciclo alimentare si chiude e quando le interazioni fra gli organismi viventi funzionano in modo da regolare il delicato meccanismo di un ecosistema all’interno di una regione.
Per contro un ecosistema si definisce fragile o poco resiliente(*) se presenta un basso livello di biodiversità (animale, vegetale ecc.) poiché più debole nei casi di stress ambientali.

Le attività antropiche, specialmente nelle zone con grande densità demografica e forte edificazione, hanno avuto quale risultato una rilevante diminuzione della popolazione d’insetti e di volatili, che a loro volta nella catena alimentare producono una decrescita di predatori ecc.

Partendo dalla nostra personale condotta etica e rispettosa dell’ambiente, possiamo già produrre dei piccoli cambiamenti. Evidentemente, la sensibilità va insegnata all’interno dei nuclei famigliari: i figli delle generazioni future devono sapere quali saranno le conseguenze se l’Uomo seguiterà ad assumere dei comportamenti tali da mettere a rischio l’intero pianeta!

Materiale che tratta quest’argomento è nelle pagine di ogni giornale e rivista, se ne parla alla televisione, molti film distopici ci mostrano scenari terrificanti e da incubo.
Ma è anche vero che la reale saggezza è un “qualcosa” che non si può acquistare o prendere a prestito: è all’interno della consapevolezza dell’effimerità umana legata al karma e alla legge della causa-effetto. Oso affermare che è solo AMORE incondizionato e RISPETTO verso ogni forma vivente e non.
(* fonte Wikipedia) la resilienza in ecologia è la velocità con cui un sistema ecologico ritorna al suo stato iniziale, dopo essere stato sottoposto a una perturbazione che l’ha allontanatala da quello stato. Le alterazioni possono essere causate sia da eventi naturali che da attività dell’uomo.

 

 

Question of conscience? Not only… questione di coscienza? Non solo…

In recent years, despite the wisdom of age, I have often confronted myself with difficult situations that have put a strain on my tolerance and patience.
I think it happens to everyone, sooner or later.
Perhaps, it is a question of acute sensitivity or progressive intolerance.
 

I procrastinate writing on the blog, to avoid disturbing the public peace, or perhaps because I would end up with an arrogant and partisan diatribe.
So I let some time pass, the inner tide is quiet and rationality resumes its place (more or less).
You will say: here we are again!
For those who follow me for years, you know that the language beats where the tooth hurts: so I always return to the topic of protection of animals and nature (environmental)!
Here, what makes me the nights unhappily full of anti-specist nightmares where (literally) I find myself fighting with a knife between my teeth against the mass of humans insensitive to the issues related to both these topics.
 

With the arrival of the time of the migration of the amphibians, armed with umbrella, boots and flash light… the night I spend a little of my time trying to save toads and frogs in the area of ​​Magadino/Bolle (which is a protected aerea).
There are few volunteers. But those few, are very valid and when necessary, are ready to challenge the bad weather to make themselves useful.
I do the usual propaganda (to which none of my colleagues at the office answers), and then I meet a person who spontaneously makes herself available. And I remain speechless, overflowing with gratitude.
Hope is the last to die!
 

What volunteers do is a wonderful gesture, full of sensitivity towards these little creatures.
Hundreds end up under the wheels of cars that speed without respecting the speed limits, not caring of the signs or about the volunteers with reflective cape on the sides of the road.
Of course, it’s also dangerous. But it’s worth it, even if only for the wonderful feeling that it gives you when you’re abile to remove a tinny frog big as an inch from the road, and lay he on the other steet side.
 

But, alas, on the sides of the road there are not only amphibians!
On the Strada cantonale from Magadino to the border with Italy, there you find everything: from beer cans to small pet bottles of coca-cola, from CD cases to empty packs of cigarettes and then bags of MCDonalds with leftovers, pieces of iron wire, garden cushions…. and the list could continue.
Along the way, in one hour I collected 1 bag of 35 liters packed full.
 

Our Planet is NOT a garbage dump!
But it is true that if drivers have not learned education (usually) at home or at school, we cannot expect them to know about selective recycling and respect of Nature and animals.

 

And this is what happens when an amphibian can not cross the road. The first frog was wounded in the left front leg, he was bleeding, I don’t know if he could have survived… but I still carried he towards the mountain. These are just few photos, which I did with a knot in my stomach. This is the reason why volunteers are needed, especially on rainy days!

E questo è ciò che accade quando un anfibio non riesce ad attraversare la strada. La prima ranocchia era ferita alla zampetta anteriore sinistra, perdeva sangue, non so se ce l’avrà fatta a sopravvivere… ma l’ho comunque portata verso la montagna. Sono solo poche foto, che ho fatto con un nodo allo stomaco… Questa la ragione per la quale i volontari sono necessari, specialmente nei giorni di pioggia!

In questi ultimi anni, malgrado la saggezza dell’età, mi sono più volte confrontata con situazioni difficili che hanno messo a dura prova la mia tolleranza e pazienza.
Penso che accada a tutti, prima o poi.
Forse è questione di sensibilità acutizzata o di progressiva intolleranza.

Procrastino lo scrivere sul blog, per evitare di turbare la quiete pubblica, o forse perché finirei col iniziare una diatriba arrogante e di parte.
Così lascio passare un po’ di tempo, la marea interiore si cheta e la razionalità riprende il suo posto (più o meno).
Vi direte: ecco che ci risiamo!
Per chi mi segue da anni, lo sa che la lingua batte laddove il dente duole: quindi ritorno sempre sul tema della protezione e tutela degli animali e della natura!
Ecco, cosa mi rende le notti infelicemente piene di incubi anti-specisti dove (letteralmente) mi trovo a combattere con coltello tra i denti contro la massa di umani insensibili alle tematiche legate ad entrambi questi argomenti.

Con l’arrivo del tempo della migrazione degli anfibi, armata di ombrello, stivali e pila… la notte dedico un po’ del mio tempo a cercare di salvare rospetti e ranocchie nella zona di Magadino/Bolle.
Sono pochi i volontari. Ma quei pochi, sono validissimi e quand’è necessario, sono pronti a sfidare il maltempo per rendersi utili.
Faccio la solita propaganda (alla quale nessuno dei miei colleghi d’ufficio risponde), e poi, incontro una persona che spontaneamente si rende disponibile. E resto senza parole, traboccante di gratitudine.
La speranza è l’ultima a morire!

Ciò che fanno i volontari, è un gesto stupendo, pieno di sensibilità nei confronti di questi piccoli esserini.
A centinaia finiscono sotto le ruote delle auto che sfrecciano senza rispettare i limiti di velocità, non curanti della segnaletica o dei volontari con mantellina catarifrangente ai lati della strada.
Certo, è anche pericoloso. Ma vale la pena, anche solo per la magnifica sensazione che ti dà il poter levare dal campo stradale una ranocchia grossa come un pollice, e deporla dall’altro lato.

Ma, aimè, ai lati della strada non ci sono solo gli anfibi!
Sulla strada cantonale da Magadino verso il confine con l’Italia, si trova di tutto: dalle lattine di birra alle bottigliette pet della coca-cola, dalle custodie CD ai pacchetti vuoti di sigarette e poi ancora sacchetti del MCDonalds con gli avanzi, pezzi di filo di ferro, cuscini da giardino…. e la lista potrebbe continuare.
Lungo il percorso, in 1 ora ho raccolto io stessa 1 sacco da 35 litri pieno zeppo.

Il nostro Pianeta NON è un immondezzaio!
Ma è vero che se gli automobilisti non hanno imparato l’educazione (in genere) a casa o a scuola, non possiamo pretendere che conoscano il riciclaggio selettivo.

Where love does miracles: Cat Shelter Felix

n felix-cat-shelter-1

I love to help out people who care about animals. I feel a real deep respect and admiration for humans who really take the trouble to help “the voiceless”… On this planet, millions of animals are mistreated, killed for a sadistic purpose, eaten, kept in cages or chained…
There are few organizations (PETA, WWF, Sea Shepherd, Franz Weber… just to name few) which are big and may count on the help of many of us. In the meantime, there are many other small ones or even single persons doing wonders to help animals. See the story of Cat Shelter Felix at these links:
https://www.facebook.com/CatShelterFelix/?hc_location=ufi

www.catshelterfelix.com

I wish to help them get some sustain from my followers’ readers. Please, share or even better, send them some money… each little gesture will help to save lives of this Sanctuary for cats in Serbia.  Thank you wholeheartedly!     🙂 claudine

Felinologic Association Felix is a non-profit non-governmental organization located in Serbia, and we run a registered and accredited cat shelter & sanctuary called Cat Shelter Felix. Felinologic Association Felix is registered in Serbian Business Registers Agency, ID No: 08841187, Tax ID No: 103793133. Cat Shelter Felix is a no-kill rescue shelter & lifetime sanctuary located in Subotica, Serbia. CSF combines natural and artificial habitats with lots of open spaces and cage-free environment. Cat Shelter Felix relies solely on private donations.

…oOo…

 

Mi piace aiutare le persone che si impegnano in favore degli animali. Provo un profondo rispetto e ammirazione per gli umani che si prendono davvero la briga di aiutare “i senza voce” … Su questo pianeta milioni di animali vengono maltrattati, uccisi per uno scopo sadico, mangiati, tenuti in gabbia o incatenati …
Ci sono diverse organizzazioni (PETA, WWF, Sea Shepherd, Franz Weber … solo per citarne alcune) che sono grandi e possono contare sull’aiuto di molti di noi. Nel frattempo, ci sono molti altri piccole organizzazioni o addirittura singole persone che fanno prodigi per aiutare gli animali.
Guarda la storia di Cat Shelter Felix a questi link:

https://www.facebook.com/CatShelterFelix/?hc_location=ufi

www.catshelterfelix.com

Desidero aiutarli a ottenere un sostegno dai miei lettori. Per favore, condividi o, meglio ancora, invia loro un aiuto finanziario… ogni piccolo gesto aiuterà a salvare i piccoli ospiti di questo Rifugio per gatti in Serbia. Grazie di vero cuore!   :-)claudine

Felinologic Association Felix è un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro con sede in Serbia,  gestiamo un rifugio per gatti e un santuario registrati e accreditati chiamato Cat Shelter Felix. Felinologic Association Felix è registrata nell’agenzia dei registri delle imprese serbe, n. ID: 08841187, codice fiscale: 103793133. Cat Shelter Felix è un rifugio per il salvataggio e un santuario a tempo indeterminato situato a Subotica, in Serbia. CSF combina habitat naturali e artificiali con molti spazi aperti e un ambiente privo di gabbie. Cat Shelter Felix si basa esclusivamente su donazioni private.
  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 59,702 hits
  • Translate