• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Jordan: The Holy Land of the past

Versione in lingua italiano in fondo

jordan

For many years I was dreaming about visiting Jordan. Once you’re fascinated by ancient stories back some millennia, you need to see these places with your eyes! Pictures, movies or stories told from others, aren’t enough. These fascinating places are not without dangers: the immediate frontiers with Israel, Syria, Saudi Arabia, and Iraq add to the whole that inadequate sense that holds you around your guts.
We were well informed at the foreign affairs department in Berne (which has a special website dedicated to this type of verification), and we realized that probably, nowadays, there is not a single place on the planet without dangers related to terrorism and, secondly, to the possibility of war.
Some basic rules must be followed scrupulously… However, everything there was memorable and fantastic! Memories remain, which I want to share with my readers.

Desert area between Wadi Mujib and Al Omari (border between Jordan and Saudi Arabia)

Desert area between Wadi Mujib and Al Omari (border between Jordan and Saudi Arabia)

Upon arrival at the Queen Alia Airport in Amman, we easily avoided the crowd since we had already purchased on-line the Jordan Pass and obtained the Visa waiver.

A few hours rest in a Hotel in Madaba, and then at 10:00AM, we met with our driver Bashar. He drove us around Jordan the whole week, a reliable and competent chauffeur ready to explain some secrets and bring us to the best (tourist-free) spots. Madaba is a well-know city rich with Christianity story, churches, mosaics, stunning landscapes, and Mount Nebo: which it is mentioned in the Hebrew Bible as the place where Moses was granted a view of the “Promised Land”. The view from the summit provides a panorama of the land towards Israel and, to the north, of the Jordan rivers’ valley, Jericho and some times as well Jerusalem.

Madaba

IMG_1176

Mount Nebo

A quick visit to Amman was a must. A busy and chaotic city that initially stretched over seven hills, up to nineteen nowadays. We did a city tour by car with a stop to admire the Roman Theatre and the Temple of Hercules. To end in beauty the day, we had fantastic food at the Hashem Restaurant where the three of us eat dinner for around 7.- swiss francs.

Amman – shop for tourists along the way to Wadi Musa

Next early morning, we left Madaba and Bashar drove us in direction south to al-Beidha (Little Petra) in the Wadi Musa. We had the first impression of what would be awaiting us the next day! We stayed at the guesthouse Petra Bedouin Bed and Breakfast for two nights. This guesthouse is located in Umm Sayhoun, the Bedouin Village, towards the top of the hill, at the beginning/end of the village. The entrance doors purple and turquoise are inserted into a red sand rock wall with olive trees in the background. The owner is the Jordanian Hammoud and his wife Joy, a bright and smiling Canadian Lady.
There are no real street names, numbers on the houses or addresses. People know who is there living, by their names or the ancestor’s names. Some of the inhabitants speak English, especially the boys with donkeys. Fortunately as well the guide Aaron Jamada Albidull, who took us inside Petra by secondary path, with no tourists around, did speak some English.

Little Petra – Wadi Musa

We decided to take the “unique tour of Petra” organized by Joy with the suggestions of her husband. This is a fantastic tour itinerary of 8 hours (full day), during which we were using most of the Bedouin path. We were able to visit all the “hot spots” by getting from one place to the other using the local paths which gave us the feeling of being the only ones on the site, avoiding the mass of people.
Aaron is a pleasant and funny Bedouin who knew every corner and every person in the archaeological site selling from funny junk to high-quality incense.
The tour started not far from the B&B, so we went down to the archaeological area from the “back”, avoiding finding the mass of tourists that usually crowds along the Siq. For almost an hour we marched on sandy and rocky paths, through the panoramic views of the mountains around Petra and then reached the ancient center of the archaeological sector. Along the way, we also stopped to visit acquaintances of Aaron, also Bedouins who live in the caves, realizing how these people can live in absolute simplicity.
Once we started our journey, the passage took us through these splendid panoramic views of the desert of Wadi Musa and then we walked one of the paths up to the “Treasury”, the famous wall carved in the rock that appears in the Indiana Jones movie. This is certainly the most impressive and favorable way to access the Petra site. At this time of day, the area was free from crowds and we could appreciate the splendid view and the stillness that still extended over the ancient ruins. Arriving in front of the Al Khazneh (the Treasury) we plunged into a colorful crowd of tourists of all nationalities.
We then walked along the Siq towards the entrance (opposite way of march) to get the right sensation you must have when walking inside this narrow canyon. The view, once again, was breathtaking and I felt a knot in my stomach even though I didn’t want to miss the chance to take pictures. Back to the Royal Tombs, later, we had lunch in an upper cave of another friend of Aaron’s with the packed lunch, prepared by the B&B. We also noticed that are many local Bedouins living in their cave in Petra. Waking back the whole way on top of the Collonades Street and past the royal tombs, we climbed up to the “Monastery” which was a real challenge since it’s 50-60 minutes a steep climb on a rocky way with many stairs. We could appreciate the gorgeous view and the stillness that still extended over the centuries-old ruins. Actually, avoiding to look at the tourists on donkey’s back making fool of themselves (I cannot tolerate idiots not being able to walk and using animals to move around, especially over these stony and stairs steep paths). From the top of the Monastery, we reached a higher place to enable us to appreciate even more the landscape of the Wadi Araba Desert. Shortly before sunset, we had to move fast to return to the village through another wild path between the wadi. In the end, somewhere in Al Beidha (Little Petra), a jeep awaited us to bring us back to the B&B. 

Petra Bedouin Bed and Breakfast

Petra – Wadi Musa

Departing from Petra early in the morning, our journey continued southwards towards Wadi Rum.
There, we met with Adbul Majeed and his friend with a 4×4 pick-up truck.
The experience of crossing a desert and sandy area is something that must be tried at least once in your life!
I’ve always had a special attraction for the deserts, and I’ve been lucky enough to see several…
Wadi Rum is something unique, vaguely reminiscent of some US national parks. The rock formations are similar to those of Monument Valley… but here you can camp in a Bedouin camp and spend the night watching the Milky Way and the stars!
In about three hours we took a ride, just to have a taste; we will definitely come back here with the boys.
The points of interest are quite many: Khazali Siq, Burdan Rock Bridge, Al Hasany Dunes… just to name few, and I think that three or four days are not even enough to give you a complete idea of the spectacular vastness of this desertic corner of Jordan.

Shades of lights and reddish colors, silences of wind that touches your skin, a space of infinity made of dust and sandy rocks… only lightning-quick flashes of winged creatures crossing the sky. Then, in the night, everything wakes up to the rhythm of hearts that beat the proper melody of deserts. And you feel intimately tied to that emotion, difficult to contain, to make meek… and you leave behind every kind of pain and perception, remembering that perhaps you had already lived there in the past. 

(c) claudine *Wadi Rum 2019

AFMP3426

Wadi Rum

Reluctantly, we left the wonders of the Wadi Rum desert behind us to ascend north.
In al-Karak, we would have spent our penultimate night in Jordan.
Arriving late in the afternoon, we found a deserted town; a light drizzle threw long shadows on the grimy oily asphalt and dirty with every kind of waste.
I had a knot in my stomach at the idea of ​​having to spend a night there, even though the fat owner of the only one open restaurant had kindly served, offering us also baklawa (Arab sweets). I think it’s very rare for tourists to stop there to spend the night.
The following day, a lady covered by a niqāb brought us breakfast in the apartment where we spent the night with a French son-mother couple.
Fortunately, my husband and I love the hummus (chickpea cream), matabbal (spiced eggplant cream), falafel, labneh (cream cheese made from yogurt) and Arabic bread.

After breakfast/lunch, we spent several hours in the crusader castle dating back to ca. 1100. Impressive the size of the structure that contains a mixture of styles, Arabic, Byzantine and European… the castle was made famous by the movie “Kingdom of Heaven”. In some low and narrow tunnels of the oldest part, I could not enter because of my claustrophobia.
Closing my eyes and trying to concentrate on the smells, I tried to imagine what it must have been like to live there in times of its greatest splendor, with the large stables where the horses were kept, or in the immense kitchens in which food was prepared for the crusading knights… And perhaps they had even stopped there: between 1096 and 1099, during the first crusade to conquer the Holy Sepulcher torn from the hands of Islam, giving birth to the holy Jerusalem.

Leaving al-Karak, I threw a last glance behind me at the imposing bastion perched atop the mountain.
Then the road snaked deeper and deeper into desert rocks and stretches of sand, down to the distant cobalt blue of the Dead Sea.
In the Jordan Valley, passing from Gawr al-Mazraah, the desert disappeared to make room for crops, then the latter suddenly disappeared to project us into a singular road: on one side the steep rock of the mountain and from the another is the calm expanse of water. This is Wadi Al-Mujib, one of the multiple deserts/valleys of Jordan.

IMG_1487

al-Karak Castle and Wadi al-Mujib

IMG_1517

Dead Sea view

Last night we spent it in the Dead Sea Hotel (the ones I always try to avoid because I find them impersonal and full of tourists), one of the few that allows direct access to the sea.

 

…oOo…

Per molti anni ho sognato di visitare la Giordania. Una volta che sei affascinato da storie antiche di alcuni millenni, devi vedere questi luoghi con i tuoi occhi! Foto, film o storie raccontate da altri non bastano. Questi luoghi affascinanti non sono privi di pericoli: le frontiere immediate con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq aggiungono al tutto quel senso inadeguato che ti gira nelle budella.

Ci siamo informati presso il Dipartimento degli Affari Esteri di Berna (che ha un sito Web speciale dedicato a questo tipo di verifica) e ci siamo resi conto che probabilmente, al giorno d’oggi, non esiste un unico posto al mondo senza pericoli legati al terrorismo e, in secondo luogo, alla possibilità di guerre.

Alcune regole di base devono essere seguite scrupolosamente… Tuttavia, tutto il nostro viaggio è stato memorabile e fantastico e ricordi rimangono, quelli che voglio condividere con i miei lettori.

All’arrivo all’aeroporto Queen Alia di Amman, abbiamo facilmente evitato le lunghe attese all’immigrazione poiché avevamo già acquistato on-line il Jordan Pass e ottenuto l’esonero dal visto d’entrata. Alcune ore di riposo in un hotel a Madaba, e poi alle 10:00, ci siamo incontrati con il nostro autista Bashar. Egli ci ha accompagnato in giro per la Giordania per tutta la settimana, un autista affidabile e competente disponibile a spiegare alcuni segreti e a portarci nei posti migliori (senza turisti). Madaba è una città ben nota ricca di storia legata al cristianesimo, chiese, mosaici, paesaggi mozzafiato e il Monte Nebo: che è menzionato nella Bibbia ebraica come il luogo in cui a Mosè fu concessa una visione della “Terra Promessa”. La vista dalla cima offre un panorama del territorio verso Israele e, a nord, sulla valle del fiume Giordano, su Gerico e alcune volte anche su Gerusalemme.

Una visita veloce ad Amman era d’obbligo. Una città frenetica e caotica che inizialmente si estendeva su sette colline, fino a diciannove al giorno d’oggi. Abbiamo fatto un tour della città in auto con una sosta per ammirare il Teatro Romano e il Tempio di Ercole. Per concludere in bellezza la giornata, abbiamo mangiato benissimo al Hashem Restaurant, dove abbiamo cenato spendendo in tre circa 7.– franchi svizzeri.

La mattina presto abbiamo lasciato Madaba e Bashar ci ha trasportati in direzione sud verso al-Beidha (Little Petra) nel Wadi Musa. Abbiamo avuto la prima impressione di ciò che i nostri occhi avrebbero visto il giorno successivo! Abbiamo alloggiato nella pensione Petra Bedouin Bed and Breakfast per due notti. Questa pensione si trova a Umm Sayhoun, il villaggio beduino, in cima alla collina, all’inizio/alla fine del villaggio.

Le porte d’ingresso viola e turchese sono inserite in una parete di roccia di sabbia rossa con ulivi sullo sfondo. Il proprietario è il giordano Hammoud e sua moglie Joy, una donna canadese brillante e sorridente.

Non ci sono nomi di strade reali, numeri sulle case o indirizzi. Le persone sanno chi vive lì, con i loro nomi o con i nomi dei loro antenati. Alcuni abitanti parlano inglese, in particolare i ragazzi che si occupano degli asini, un “mezzo di trasporto” comune tra i beduini. Fortunatamente anche la guida Aaron Jamada Albidull, che ci ha portato a Petra lungo delle strade secondarie e senza turisti in giro, parlava un po’ di inglese. Abbiamo deciso di prendere il “tour unico di Petra” organizzato da Joy con i suggerimenti di suo marito. Questo è un fantastico itinerario di 8 ore (giornata intera), durante il quale abbiamo usando la maggior parte del percorso beduino. Abbiamo potuto visitare tutti i “punti d’interesse” passando da un luogo all’altro utilizzando i percorsi locali che ci hanno dato la sensazione di essere i soli sul sito, evitando a volte le masse di persone. Aaron è un beduino piacevole e divertente che conosce ogni angolo e ogni persona che, nel sito archeologico, vende divertenti souvenir (voluti dai turisti)) ad incenso di ottima qualità.

Il tour è iniziato non lontano dal B&B, quindi siamo scesi nell’area archeologica dal “retro”, evitando di trovare la massa di turisti che di solito si accalcano lungo il Siq. Per quasi un’ora abbiamo marciato su sentieri sabbiosi e rocciosi, attraverso affascinanti viste panoramiche sulle montagne intorno a Petra e quindi abbiamo raggiunto l’antico centro del settore archeologico. Lungo la strada, ci siamo anche fermati a visitare dei conoscenti di Aaron, anche loro beduini che vivono nelle grotte, e ci siamo resi conto di come queste persone vivono in assoluta semplicità. Una volta iniziato il nostro viaggio, il percorso ci ha portati attraverso splendidi panorami sul deserto di Wadi Musa, poi abbiamo seguito uno dei sentieri fino al “Tesoro”, il famoso portale scolpito nella roccia che appare nel film Indiana Jones . Questo è sicuramente il modo più impressionante e diverso per accedere al sito di Petra. In questo momento della giornata, l’area era ancora libera dalla folla e potevamo apprezzare la splendida vista e l’immobilità che si estendeva ancora sulle antiche rovine. Arrivando di fronte all’Al Khazneh (il Tesoro) ci siamo tuffati in una folla colorata di turisti di tutte le nazionalità. Abbiamo quindi camminato lungo il Siq verso l’ingresso (direzione di marcia opposta) per provare quella sensazione che devi avere quando cammini all’interno di questo stretto canyon. La vista, ancora una volta, è stata mozzafiato e ho sentito un nodo allo stomaco anche se non volevo perdere l’occasione di fare foto. Di ritorno alle Tombe Reali, più tardi, abbiamo pranzato in una grotta superiore di un altro amico di Aaron con il pranzo al sacco, preparato dal B&B. Abbiamo anche notato che molti beduini locali vivono sempre nella loro grotta a Petra. Seguendo un sentiero più in alto, Lungo la Collonades Street e oltre le tombe reali, ci siamo arrampicati fino al “Monastero”, che è stata una vera sfida poiché sono 50-60 minuti una ripida salita su una strada rocciosa con molti scalini scavati nella roccia. Abbiamo potuto apprezzare la splendida vista e l’immobilità che si estendeva ancora sulle rovine secolari. In realtà, evitando di guardare i turisti sulla schiena degli asini che si rendevano ridicoli (non posso tollerare gli idioti che non possano camminare e usano gli animali per spostarsi, specialmente su questi ripidi sentieri pietrosi e di scale). Dalla cima del monastero, abbiamo raggiunto un posto più alto per permetterci di apprezzare ancora di più il paesaggio del deserto del Wadi Araba. Poco prima del tramonto, abbiamo dovuto muoverci velocemente per tornare al villaggio attraverso un altro sentiero selvaggio tra i wadi. Alla fine, da qualche parte ad Al Beidha (Little Petra), ci aspettava una jeep per riportarci al B&B.

Partendo da Petra la mattina presto, il nostro viaggio è proseguito in direzione sud verso il Wadi Rum. Lì, abbiamo incontrato Adbul Majeed e il suo amico con un pick-up 4 × 4. L’esperienza di attraversare una zona desertica e sabbiosa è qualcosa che deve essere provato almeno una volta nella vita! Ho sempre avuto un’attrazione speciale per i deserti e ho avuto la fortuna di vederne parecchi… Eppure il Wadi Rum è qualcosa di unico, che ricorda vagamente alcuni parchi nazionali statunitensi. Le formazioni rocciose sono simili a quelle della Monument Valley… ma qui puoi accamparti in un campo beduino e passare la notte a guardare la Via Lattea e le stelle! In circa tre ore abbiamo fatto un giro, solo per avere un assaggio; sicuramente torneremo in Giordania con i ragazzi. I punti di interesse sono piuttosto numerosi: Khazali Siq, Burdan Rock Bridge, Al Hasany Dunes… solo per citarne alcuni, e penso che tre o quattro giorni non siano nemmeno sufficienti per darti un’idea completa della spettacolare vastità di questo angolo desertico.

Sfumature di luci e colori rossastri, silenzi nel vento che tocca la tua pelle, uno spazio infinito fatto di polvere e rocce sabbiose… solo sprazzi fulminei di creature alate che attraversano il cielo. Quindi, di notte, tutto si sveglia al ritmo dei cuori che battono la giusta melodia dei deserti. E ti senti intimamente legato a quell’emozione, difficile da contenere, da rendere mansueta… e ti lasci dietro ogni tipo di dolore e percezione, ricordando che forse hai già vissuto lì in passato.

A malincuore, abbiamo lasciato le meraviglie del deserto del Wadi Rum alle nostre spalle per salire nuovamente verso nord. Ad al-Karak, abbiamo trascorso la nostra penultima notte in Giordania. Arrivando nel tardo pomeriggio, abbiamo trovato una città deserta; una leggera pioggia ha gettato lunghe ombre sull’asfalto oleoso e sudicio di ogni tipo di rifiuti. Avevo un nodo allo stomaco all’idea di dover passare una notte lì, anche se il grasso proprietario dell’unico ristorante aperto ci aveva serviti con la gentilezza tipica di questo popolo, offrendoci anche dei baklawa (dolci arabi). Penso che sia molto raro per i turisti fermarsi lì per passare la notte.

Il giorno seguente, una signora coperta da un niqāb ci ha portato la colazione nell’appartamento dove avevamo trascorso la notte con una coppia francese figlio e madre. Per fortuna, io e mio marito adoriamo l’hummus (crema di ceci), il matabbal (crema di melanzane speziate), le falafel, il labneh (crema di formaggio a base di yogurt) e il pane arabo. Dopo colazione / pranzo, abbiamo trascorso diverse ore nel castello crociato risalente a ca. 1100. Impressionante la dimensione della struttura che contiene una miscela di stili, arabo, bizantino ed europeo… il castello è stato reso famoso dal film “Kingdom of Heaven”. In alcuni tunnel bassi e stretti della parte più antica, non potevo entrare a causa della mia claustrofobia. Chiudendo gli occhi e cercando di concentrarmi sugli odori, ho cercato di immaginare come doveva essere vivere lì nei momenti del suo massimo splendore, con le grandi scuderie dove venivano tenuti i cavalli o nelle immense cucine in cui si trovava il cibo preparati per i cavalieri crociati… E forse si erano persino fermati lì, i crociati che tra il 1096 e il 1099, durante la prima crociata per conquistare il Santo Sepolcro, lo avevano strappandolo dalle mani dell’Islam dando vita alla Santa Gerusalemme.

Lasciando al-Karak, ho lanciato un’ultima occhiata alle mie spalle all’imponente bastione arroccato sulla montagna. Quindi la strada si era snodata sempre più in profondità nelle rocce del deserto e distese di sabbia, fino al lontano blu cobalto del Mar Morto. Nella valle del Giordano, passando da Gawr al-Mazraah, il deserto è scomparso per fare spazio alle colture, poi quest’ultime sono a loro volta improvvisamente scomparse per proiettarci in una strada singolare: da una parte la ripida roccia della montagna e dall’altra la calma distesa d’acqua. Questo è Wadi Al-Mujib, uno dei molteplici deserti/vallate della Giordania.

L’ultima notte l’abbiamo trascorsa al Dead Sea Hotel (quelli che cerco sempre di evitare perché li trovo impersonali e pieni di turisti), ma uno dei pochi che consente l’accesso diretto al mare.

 

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 55,224 hits
  • Translate

%d bloggers like this: