• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Purity of the rain…

  • Categories

Carpe diem

old-books

I was born from the imagination of a man who believed he could change the world, still an ordinary soul with a great passion for words. And since then I have always found myself to pass from hand to hand, through the vicissitudes of those who possessed me and most of the time without even having the time to tell my entire real story. But once in a very special occasion, I met Rebecca and from that day I became her most faithful counselor. Since that day, Rebecca and I have become inseparable, and I dread the ephemeral existence of the girl, and my fear of being re-segregated in a hermitage without fingers caressing me, and eyes that stare at me with eager curiosity.

I remember that meeting, frail remembrance that is carved with feeling in my pages. At that time, Rebecca was 15 years old, her amber hair was tied back in a thick braid wrapped into a bun, adorned with some colorful ribbon. Her face was like a ripe peach, of those with the clear flesh but ruby color around the nut. The eyes of the young had my same color: a beautiful dark brown, and even seemingly little, this unusual particular linked us. The cotton and linen dress enveloped her by making her appear to a flowering bush. For me it was one of those spring days in which from the top shelf, I admired the green fields around the owner’s house, the uncle of the girl.

The unmistakable smell of aged paper, mingled with that of the skin that rebound those pages that told of a life, multiple lives, entwined in the memories and in the ecstasy of the written word. At times, many of those pages crumbled like stale bread forgotten in the cupboard to the bitter end and then which became food for the rodents that had settled between the library and the calcined stone wall. The girl had noticed their treacherous presence.

– Uncle, you should think about giving clean up in there? The mice that live there behind are eating your books! There are so many and very old I bet that they would be snapped up by collectors.

The voice of the young girl was kind and gentle, melodious music like water that gurgles out from a mountain spring. Eugene, snorting, readjusted his glasses and threw a piece of wood in the fireplace. Then he took on his hands, as if nothing had happened, a book bound in crimson cloth. For a moment he made semblance to read, but she had noticed he was cheating because the man’s gaze was fixed on his feet and not on the pages of the book he flaunted in the hands.

– Rebecca what would you like to read? You have a choice, you know?

She obviously could not stand when his uncle abruptly changed discussion, trying to deceive the leading questions of his niece.

– Uncle, if you allow me, I can help you to clean up your library. I promise to take care and treat your books with great caution. Uncle, please, let me help you!

Eugene put down the volume on the rickety table where a cup of tea was a tightrope walker, threatening to spill its already cold contents.

– To tell the truth, even if you do the big cleaning in the spring, I’m not in the mood today, Rebecca. I’d rather respect my poor back that I sometimes tyrannize, why not choose something to read and keep me company here by the fireplace? There is time for cleaning…

The flames danced on the wooden trunks, seemed crazy at the mercy of the drafts that were part of the inventory of the old cottage. Her eyes watched them kidnapped.

– Uncle, watching the flames, I seemed to see forms of mice and rats writhing enjoyed!

Eugene, somehow captured by the imagination of her nephew, he answered back:

– Of course darling! They are the elves of the fire, and they can take any form they wish. This is a feature reserved for them only, and then they attract you with their insidious and magic dances until you’re so fascinated that you may feed to the flames anything to see them dance. You have to be very careful about this powerful spell, you risk to see go up in smoke… even a book!

Eugene, amused by his own jokes, made ​​the gesture of throwing into the flames the crimson book he held in his hands.

– Nah, Uncle… not the books, please! Each of them has its own story to tell, which is why the writers give birth to them, to make them wakeful and alive.

Rebecca then decided to listen to his uncle’s advice and, on tiptoe, she began to inspect the shelves that were at the height of her face.

– They all seem too bulky; their stories will be very long to read. I would prefer something smaller, a story that can be read in a single life.

“I’m here! A little more to the right, next to the book with the showy golden writing! ”  I would have liked to scream, as the young ran her white fingers pausing at times a few seconds to read the headlines. Almost in despair, convinced that my appearance so little drawn, from the cover of brown leather worn out and without a lot of frills, except for a couple of initials, would have gone unnoticed. I held my breath. Rebecca put on me the intensity of her eyes, while the green meadows vision mingled with the amber of her hair and the peach on her face! “You’re pretty, sight so closely, Rebecca!”

The words in my mind had the ephemeral consistency of the air, convoluted just enough to fill me with great serenity. I wanted to give her my secrets, somehow I was sure that would help her to look at life with greater confidence, and that is why I existed! More than once I had seen young teenagers fretting and despairing because life is not just a pleasant stroll. “I have your same eye color, and those specks of gold that are in yours, here, are the same color of the squiggles that represent my initials!” Perhaps, this particular convinced her because her fingers were slowly pulling me, and that touch filled me with great happiness!

– Uncle, this little book is untitled, what is this golden frieze?

Eugene had again raised his eyes from the pages of his book to look at what’s her niece showed him. The memory was confused over the years, a strange grimace at first and then thoughtfully lit, the eyes flashed.

– Ahhh good heavens! Here is it… your grandmother had given it to me when I was about your age. It’s a short story, it is true, but to be able to follow all his teachings… you have to consider… every moment, Rebecca. Read and understand… the initials stand for “Carpe Diem”!

 

…oOo…

 

Sono nato dalla fantasia di un uomo che aveva creduto di poter cambiare il mondo, una persona comune ma dotata di una grande passione: le parole.  E da allora mi sono sempre ritrovato a passare di mano in mano, attraversando le vicissitudini di chi mi ha posseduto e il più delle volte senza neppure avere il tempo per raccontare tutta la mia vera storia.  Ma una volta, in un’occasione davvero speciale, ho conosciuto Rebecca e da quel giorno sono diventato il suo più fido consigliere. Da quel giorno, io e Rebecca siamo diventati inseparabili e tremo all’idea dell’effimera esistenza della ragazza, e il mio timore di poter nuovamente essere segregato in un eremo senza dita che mi accarezzano e occhi che mi scrutano con avida curiosità.

 Mi ricordo di quell’incontro, fragile rimembranza che si è scavata con sentimento tra le mie pagine. A quel tempo, Rebecca aveva 15 anni, i suoi capelli ambrati erano raccolti in una grossa treccia avvolta a crocchia, ornata da qualche nastrino dai colori vivaci. Il suo viso assomigliava ad una pesca matura, di quelle dalla polpa chiarissima ma color rubino attorno alla noce. Gli occhi della giovane avevano il mio stesso colore: un bel marrone oscuro, e seppur apparentemente poco, questo particolare inconsueto ci accomunava. Il vestito di cotone e lino, l’avvolgeva facendola apparire ad un cespuglio fiorito. Per me era una di quelle giornate primaverili nelle quali dall’alto dello scaffale, ammiravo i verdi prati attorno alla casa del proprietario, lo zio della ragazza.

L’odore inconfondibile della carta invecchiata, si confondeva con quella della pelle che rilegava quelle pagine che raccontavano di una vita, di molteplici esistenze, intrecciate nei ricordi e nell’estasi delle parole scritte. A tratti, molte di quelle pagine si sbriciolavano, come pane raffermo dimenticato ad oltranza dentro la credenza e poi fattosi cibo dei roditori che si erano insediati tra la libreria ed il muro in pietra calcinata. Anche la ragazza si era accorta della loro infida presenza.

 – Zio, non dovresti pensare a dare una ripulita lì dentro? I topini che vivono lì dietro si stanno mangiando i tuoi libri! Ce ne sono così tanti e vecchissimi che scommetto andrebbero a ruba tra i collezionisti.

La voce della giovane era gentile e soave, melodiosa come musica d’acqua che gorgheggia fuori da una sorgente montana. Eugenio, sbuffando, si riaggiustò gli occhiali sul naso e gettò un pezzo di legno nel caminetto. Poi riprese tra le mani, come se nulla fosse stato, un libro rilegato in tessuto cremisi. Per un attimo fece parvenza di leggere, ma la ragazza si era accorta dell’imbroglio perché lo sguardo dell’uomo stava fisso sui suoi piedi e non sulle pagine del libro che ostentava tra le mani.

– Rebecca, cosa vorresti leggere di bello? Puoi scegliere, sai?

La ragazza evidentemente non sopportava quando suo zio cambiava repentinamente di discussione, cercando di fuorviare alle domande allusive della nipote.

– Zio, se mi permetti, posso aiutarti io a fare pulizia nella tua libreria. Prometto di fare molta attenzione e di trattare i tuoi libri con grande cautela. Zio, per favore, lascia che ti aiuti!

Eugenio depose il tomo sul tavolino traballante dove una tazza da tè faceva la funambola rischiando di rovesciare il suo contenuto ormai freddo.

– A dire il vero, anche se le grandi pulizie si fanno in primavera, oggi non sono dell’umore giusto, Rebecca. Preferisco rispettare la mia povera schiena che a volte mi tiranneggia, perché non ti scegli qualcosa da leggere e mi tieni compagnia qui vicino al camino? C’è tempo per le pulizie…

Le fiammelle danzavano sopra i tronchi di legno, sembravano impazzite, in balia degli spifferi d’aria che facevano parte dell’inventario del vecchio casolare. Gli occhi della ragazza le guardavano rapiti.

– Zio, guarda le fiamme, mi è parso vedere forme di topi e sorcetti che si contorcevano divertiti!

Eugenio, chissà come catturato dalla fantasia delle nipote, aveva risposto di rimando:

– Certo tesoro! Loro sono i folletti del fuoco, e possono assumere ogni forma che desiderano. Questa è una particolarità riservata a loro soltanto, poi ti attraggono con le loro danze insidiose e magiche fino a quando sei così affascinato che butti in pasto alle fiamme qualsiasi cosa pur di vederle ballare. Bisogna stare molto attenti a questa potente magia, rischieresti di veder finire in fumo… anche un libro!

Eugenio, divertito dalle sue stesse battute, fece il gesto di buttare tra le fiamme il libro cremisi che teneva tra le mani.

– Nooo, zio… i libri no, ti prego! Ognuno di loro ha la sua storia da narrare, è per questo che gli scrittori li fanno nascere affinché prendano coscienza e vita.

Rebecca decise quindi di ascoltare il suggerimento dello zio e, in punta di piedi, iniziò ad ispezionare i ripiani che stavano all’altezza del suo viso.

– Mi sembrano tutti troppo voluminosi, le loro storie saranno molto lunghe da leggere. Preferirei qualcosa di più piccolo, una storia che possa essere letta in un’unica vita.

“Sono qui! Un po’ più a destra, vicino a quel libro con la vistosa scritta dorata!”  Avrei desiderato poterle gridare, mentre la giovane scorreva le sue bianche dita soffermandosi a volte qualche secondo per leggere i titoli. Quasi disperando, convinto che la mia apparenza così poco elaborata, dalla copertina di pelle marrone parecchio sciupata e priva di fronzoli, a parte un paio di iniziali, sarebbe passata inosservata. Trattenni il fiato. Rebecca posò sopra di me l’intensità dei suoi occhi, mentre la visione verde dei prati si confondeva con l’ambra dei suoi capelli ed il color pesca del suo viso!

“Sei proprio carina, vista così da vicino, Rebecca!” Le parole nella mia mente avevano la consistenza effimera dell’aria, arzigogolate quel tanto che basta per riempirmi di grande serenità. Desideravo poterle donare i miei segreti, in qualche modo ero certo che avrebbero potuto aiutarla a guardare la vita con maggiore serenità, per questo io esistevo! Più di una volta avevo visto giovani adolescenti crucciarsi e disperarsi poiché la vita non è proprio una passeggiata amena. “Ho il tuo stesso colore degli occhi, e quelle pagliuzze dorate che ci sono nei tuoi, ecco, sono dello stesso colore dei ghirigori che rappresentano le mie iniziali!” Forse, proprio questo particolare l’aveva convinta poiché le sue dita mi stavano con lentezza estraendo, e quel tocco mi aveva riempito di grande felicità!

 – Zio, questo piccolo libro è senza titolo, cosa rappresenta questo fregio dorato?

Eugenio aveva nuovamente alzato gli occhi dalle pagine del suo libro per guardare quello che la nipote gli mostrava. La memoria si era confusa negli anni, una strana smorfia dapprima pensierosa e poi illuminata, gli fece brillare gli occhi.

– Ahhh santi numi! Ecco dov’era finito… me lo aveva regalato tua nonna, quando avevo pressappoco la tua età. È una storia breve, è vero, ma per poter seguire tutti i suoi insegnamenti… bisogna considerare… ogni attimo, Rebecca. Leggi… e capirai… le iniziali stanno per “Carpe Diem”!

 

Claudine Copyright © 2014

 

 

Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: