• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Purity of the rain…

  • Categories

Freddo come la neve


Annalisa guardava con soddisfazione le diverse scatole ammucchiate con ordine contro il muro. Le più grandi dietro, quelle di dimensioni medie nel mezzo, e tutto davanti un paio di oggetti imballati in un pezzo di plastica trasparente. I regali del Natale appena trascorso; molti di questi oggetti sarebbero in seguito finiti in solaio. Giocattoli in disuso! E non solo… avrebbero fatto bella mostra di sé alle ragnatele e pulviscolo che regnavano sovrani nel sottotetto. Chissà poi quanti anni avrebbero giaciuto in quell’antro dove solo il gatto, pareva divertirsi come un matto, senza necessitare la presenza dei topi.
Quattro ore di lavoro! Aveva sudato, malgrado facesse freddo: era pieno inverno e la neve si stava ammassando contro le finestre che davano verso nord. C’era un forte vento che faceva rabbrividire al solo pensiero di dover uscire di casa. I lugubri rami spogliati dal loro abito estivo, ora apparivano candidamente rivestiti della nuova veste donatagli dalla neve e dal gelo. Follate e turbinii d’un bianco splendente, avevano catturato lo sguardo della donna che, con mano leggera, aveva scostato la tenda per osservare il paesaggio innevato.
– Tesoro? Dove sei? – La voce proveniva dal piano superiore, appariva assonnata.
– Qui sotto, santi numi! Dove vuoi che sia? Ti ho detto che avrei fatto le “pulizie natalizie”… potevo anche abbisognare del tuo aiuto. Tante grazie. Mi sono arrangiata. Ma tu piuttosto, hai dormito bene? –
Annalisa appariva stizzita, anzi, adirata. La voce denotava un certo fastidio, e come sempre in questi casi, il suo tono di voce sarcastico non lasciava dubbi a proposito. Ci sarebbe stato qualche battibecco, uno dei soliti, quando si tira in ballo il resto della famiglia e quella stupida usanza della “gara ai regali più grossi ed appariscenti”. Lasciò cadere il lembo della tenda che ancora saldamente tratteneva nella mano destra, poi si soffiò il naso, ricacciando la tentazione di lasciarsi cogliere dalla voglia di piangere.
Fortunatamente i pargoli erano andati in montagna, coi nonni, per passare le ultime giornate di vacanze natalizie. Ancora tre giorni! Pensò sospirando Annalisa, tre giorni per riuscire a rimettere tutto in sesto. Le maledette decorazioni natalizie, l’albero da portare fuori, le stanze da riordinare, la lavanderia da fare, e… e… cavoli ogni anno era la stessa storia. Si ripeteva esattamente con la stessa periodicità, anno dopo anno, ogni trecensosessantacinque giorni. Puntualissima  ed altrettanto sgradevole.
Da circa cinque o sei anni, la tiritera era diventata insopportabile. Già durante l’autunno, quella sensazione angosciosa le attanagliava lo stomaco. Aveva più volte cercato di discuterne con il marito, ma Gioele minimizzava il tutto, anzi, si divertiva a schernirla con una certa punta di malignità. Annalisa aveva anche minacciato di partire in vacanza su qualche isola del Pacifico, coi figli, pur di trovare pace nel caldo estivo dei tropici. Tutto, qualsiasi posto, basta lontano dalla famiglia e dalle tradizioni legate al Natale. Natale? Ma cosa poi c’entrava più la festa cristiana? Era diventato tutto solo un giro d’affari e speculazioni sul chi portava il giocattolo più bello, più grosso, più moderno, più rumoroso, più… e questo certamente era condiviso da milioni di altre persone angosciate da questa ricorrenza. Anche se i figli ormai erano adolescenti. Consumismo. E c’erano milioni di persone che morivano di fame e sete, milioni di senza tetto ed altri milioni che neppure avevano vestiti per coprirsi.
[… visualizza il seguito al sito]

http://www.travelclaudine.ch/travel/writings1.php?id=20

© Claudine Giovannoni

Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: