• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Multilingual Poetry * Poesie multilingue

In the specific Poesie * Multilingual Poetry section, there are the direct links to Swans.com where you will find the multilingual poems written with Guido Monte and commented by Francesca Saieva, two dear friends from whom I learned to give a new guise to poetic emotions. Sadly, Guido Monte died on December 5, 2017, he leaves to me a very special memory that will remain indelible in my heart. Here, I like to finally insert the whole textes but please note that these are more than ever linked by copyright, for any permissions please apply the requirements of the Swans.com site operator.

Thank you for your understanding.

.

.

Africa

This image has an empty alt attribute; its file name is africa-afraid-to-look-at-reality.jpg
Afraid to look at reality  #  Aveugle devant la réalité
© 2008 AFRICA  by  Claudine Giovannoni

.

by G. Monte, C. Giovannoni & Masarwas (Swans – October 18, 2010)

.

thora dhe kwa che che
spirit, awake to

entre tú y yo
under the same sky…
miroir les yeux
où j’ai lu douleur et désespoir,
come especho los ojos de los infants
je pleure en réalisant mes limites


“africa souls from sea and earth africa spirit
africa destruction murder africa soleil africa
soleil de ténèbres africa lost forgotten people
africa échos de tout”


appears the voice of night,
cries of the awakening earth,
détras del sonido llega la aurora
soften the glimmering sky,
now silenced, i lean and listen


thora dhe kwa che che
spirit, awake to

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Ápokatástasis

Detràs de las ilusiones
© 2007 Zanzibar by Emanuele Giosuè Mobiglia

.

by G. Monte, C.Giovannoni & C. Orff (Swans – August 23, 2010) 

.


… and the existential needs:
mundus ac inferi transeunt
world and hades pass over
because all is in everything…

Nihil restat nisi nunc,
solo l’adesso ci resta,
the clock of time stops
im Strom, on the stream

Portas cerradas
detrás de las ilusiones,
aveugles les yeux
von wem nicht sehen will!
mais rien ne s’oppose à ton deuil
y lo que perdió, carnal life,
se encuentrará de nuevo

will be again…
nel mentre solo l’adesso ci resta,
in the meanwhile only the present for us.
Keep close this door!
And Time will be prisoner…
alas just for another existence.
Wenn keiner will gegen Zeit kriegen,
le Temps,
entlicht will nicht mehr bestehen.
Without end or beginning,
both are One only.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°

.

Carribean Union (Walcott n.1)

https://claudinegiovannoni.files.wordpress.com/2011/12/tanpc3a8t.jpg
© 2007 Zanzibar by Emanuele Mobiglia

.

Dhoruba*Tanpèt (omaggio a Derek Walcott)

by D. Walcott, G. Monte & C. Giovannoni (Swans – August 15, 2011)  

.

“then all the nations of birds lifted together the huge net of the shadows
of this earth in multitudinous dialects…”
the brother derek says,
unity of cada cosas, of all the tongues
unity: a way of compassion,
tambien mi vista se vuelve sincera,

canción del océano!
Language of water without boundaries
bercés dans son flux, flowing without time.
E noi siamo ogni cosa e nessuna,
being Everything and Nothing… as one
Come isole isolate — secluded islands
Islas olvidadas…
drifted away long ago.
E sarà acqua che dal cielo si riversa,
water nourishes life of Earth and Oceans
avec sa force qui tout submerge,
abrumando el sentido de los dèmas.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Confusione-Confusión-Verwirrung

Rishikesh: offering to Mother Ganga © 2017 by Claudine Giovannoni

.

by G. Monte, C. Giovannoni & P. Handke (Swans – August 25, 2011)

.  

¿Quién tiene el derecho de juzgar?
Who has the right to judge?
Para el color de la piel,
para el sonido de palabras — lenguas extrañas,
extrañandose da la apariencia humana…

Writer who writes words
ink over pages of humanity searching for freedom
disperazione de la guerre
diserzione à la recherche de soi-même
Qui a donc le droit de juger…
si la désagrégation porte à la désertion,
à la destruction… absurdité de l’Homme!

Detrás, aún más detrás
todas las palabras pensadas,
escritas, habladas…

peter says: Warum bin ich ich und warum nicht du?
Warum bin ich hier und warum nicht dort?

deux corps imparfaits, unis — cette image
a été gravée sur les pierres par un peuple
presque disparu; dans tous les facettes de l’image
on voit l’empreinte de quelqu’un que
tu n’as pas reconnu dans son voyage secret:
un écrivain de quatre sous,
un schizophrène paranoïaque
et un ausländer turc que seulement l’esprit pénètre,
dans les corps tuméfiés de quelques cliniques psychiatriques,
jours après jours parmi les tas d’ordures et les fausses fêtes.
dans le ciel les bombardiers s’avancent dénués de sens;
il lutte en secret sans se reconnaître,
sans ressentir sa vie mystérieuse.

Behind, utterly behind,
this is the real sense of our presence…
here.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Fliegen Ohne Flügel

senza titolo © 2008 Guido Monte

.

by Claudine Giovannoni

& Guido Monte

(Swans – July 4, 2011)  

.

I wish I wasn’t me
while the wheel of time turns…
warum hast Du deine Rücken gezeigt
ohne Gefühle…
showing your back and keeping moving on?
Ages come and go,
wir leben und sterben, vivons et mourons…
Without pondering the boundaries of flesh
mais pas au-dehors…
nicht draussen…
Inside you have to search deep

l’absence de choses et d’idées
pour se regarder en soi même:
dream of a crowd, of nothing,
of vanity rapetisse en devenant lui-même néant.

Nothingness… and without meaning

How can you doubt above an unwritten destiny…
which take shape again and again
toujours nouveau, immer anders, over and over.
Un coffre-fort sans clés,
where we are all kept prisoners.

noire de fumée dans une terre mouillée :
des visages effrayés et des verres brisés.

Smoke on the waters of a wet earth…
weil fliegen ohne Flügel
a flight without wings,

is not the only path?
emprisonné

ton âme, comme

une larme
dont la destinée inconnue est

cachée

dans une chambre oubliée…
das letzte land.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Hades

gmonte152
Armenian wall © 2012 Guido Monte

.

by Guido Monte

& Claudine Giovannoni

(Swans – December 3, 2012)

.

“kat’asphodelion leimona”
said homer,
on a grey prairie of asphodels
no light, only black
and waste darkness

am ende
we’re thoughtful stardust

sígoura

apó ta váthi

Sluggish gaze upon Hades’ flowery meadow:
But how is the color
para aquellos no familiarizados con su forma
for anyone unsure about its shape?
Blind, ciego and unaware…
only human
con pensamientos críticos y autodestructivos
de vez en cuando, de temps en temps
self-defeating thoughts.
Ciechi e privi di forma
sablier aveugle
bougie sans lumière
en la oscuridad de las sombras
only tonalidades de gris.

Homer’s Odyssey
quizás
se desmenuza, crumbles into empity
but en réalité
nous sommes que poussière d’étoiles…

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Infinite blending dream

© 2012 Guido Monte ¦ Gibellina

.

by Guido Monte

& Claudine Giovannoni

(Swans – July 2, 2012)

.

Sipping from the blossom of Time:
soledad sin imagen, sed sin labios.
Schau mal deine Hande
para acabar con todo:
hands without Macht, sans pouvoir

who with us the dawn, ezra, ngirrwat, ngirrwat dreaming
“perchance to dream” said hamlet, i vanished avec le soleil
blind i’m ningún, y todos, vanitas,
and all is vanity black visible shantih
en bro a constructed bridge in the palm of my hand
am ende, when you’ll say: come
and “così è, se vi pare” dear luigi pirandello,
and it’s so if you think so

Worte im Wind, mots dans l’orage:
tierra de piedra ardiente.
Como camina el tiempo entre la muerte
und über mir bebt Lippen ohne Farbe.
Finally, here she waits…
monotone et solitaire,
into the depth
solitudine senza volto,
soif sans lèvres.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Island water (Walcott n.3)

To Derek Walcott

Pic: "porticciolo" - © 2010 Guido Monte - Size: 6k
porticciolo © 2010 Guido Monte

.

by C. Giovannoni

& G. Monte

D. Walcott (Swans – September 26, 2011)  

.

je me trouve encore at home,
mais maintenant mon esprit
poursuit des étoiles lointaines.

Vele bianche, white sails
entre sombras de cielo y mar,
unfold the sails
white presences of reality…
Bring me to the Horizon
Déjenme borrar las ilusiones:
busquedas perdidas,
suave caricia de su isla lejana,

le rêve d’une maison au bord de la mer en été,

where the eye follows those sparkles of white,

dreaming the verses of brother derek dans ma vie,
perfect verses like

“island water”

Or is my dreaming
hecho come el agua de su mar
y los oscuros deseos?
Pasos sagrados dejan huellas de agua
over beaches,

and i see his verses
where derek sees the sail that,

“at the rain’s edge”

at last

“will lose sight of islands…”

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

L’âme archétype – (lament of a prisoner)

my donna sunset © 2010 Nicola Spacca

.

by C. Giovannoni

& Guido Monte

(Swans – November 15, 2010)

.

La forteresse est l’âme qui aperçoit le continent de sable,
a fortaleza é a alma que mira ao continente de area.
Derrière le rocher que je suis en train de regarder par la fenêtre
(évident par le mot magique) je sens le coucher du soleil,
et je remets le départ à cause d’une lueur de neige sur les cailloux blancs.
Forêts, tours blanches, volcans fumants, genèse primordiale,
évocation de l’âme archétype.

Em la alma, assim… forte crença…
alà, dónde están todas los espectros antiguos.
Y yo, aquí encarcelado,
I keep my eyes upon the changing colours.
Soleil couchant, remuant les ombres,
feeble glaze of amaranths and peaches.
São as cores da paixão,
mas talvez, a ameaça da Terra ruím.
There is need of a heavy desert’s storm
in which sand may flow as water,
falaises où la mer des émotions trouve ses confins.
Just there, where dreams start
y donde la magía de la Vida termina,
and where the magic of Life ends.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Lacrimae Rerum (Tears of Things) – Vergil

at Petra Jordan © 2010 Guido Monte

.

by C. Giovannoni

& Guido Monte

(Swans – August 9, 2010)

.

le monde présent, un seul temps ordinaire:
deuil faim soif pleurs

lacrimae rerum agony of everything

that never ends,
não se esqueça
sua pequenez e fraqueza
largo los rios lágrimas de vidas
                                 tears of lives
concepts of majestic glory into the waters—
silence et suplice reflettent l’avidité
e fosco rimane lo sguardo
and obscurely we glance up ecce homo, sunt

lacrimae rerum

men, here are the

tears of everything

for your usual irate indifference

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

On a death-boat

Stone Town Zanzibar © 2007 by Emanuele Mobiglia

.

Euripides

by C. Giovannoni

& G. Monte

(Swans – June 6, 2011)

.

i’m a tunisian woman,
a migrant
this is my only travel
to the sicily, along a sea
that i call mediterranean channel.

“tís d’oiden ei tò zen men ésti
catthanein… who understands if
life is death or death is life?”

true words on this death-boat
this night,

comme les navigateurs
de l’antiquité,

and i feel lonely
here, in front of black waves
they leave me to my fate.
unha boca sen respiro,
ollos sen visións inside the darkness,
but esperando una oportunidad.

Si je ferme les yeux, enfin je peux voir
la réalité qui m’est occultée…
seulement les yeux du cœur peuvent distinguer
la multitude de ces subtils enchantements qui
passent près de nous comme des gouttes d’eau.

Je peux seulement sourir, avec doucer et dignité,
à la mort qui s’approche. dans ma vie,
c’est ça le seul sens, le plus grand qui reste,
maintenant que, tout sens s’évanouit à jamais
dans le brouillard.

“who understands if life is death or death is life?”

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Pages of books

vecchi libri di mio padre
© unknown – from the web

.

by G. Monte & C. Giovannoni (Swans – May 20, 2013)

.

Rescatandos los deseos
dreams et rêves
mémoires d’autres vies.
Sencillo humano y divino
Entres corazones et chansons subtiles.
Forgotten archetype views
Takes shape, into our minds…
Cuando mano los pónen
De forma forma explícita
But then a sorrow;
where personas analfabetas
les pensées restent piégées
tra rami e ricami

books: only return
of fragments, of
emotion on words’ communion along
gesti e sguardi quotidiani
common gestures and gazes
also if in far places
and far times

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Promised Land

Gerusalemme Isräel – © 1997 Claudine Giovannoni

.

Genesis

Black Elk

C. Magris

by C. Giovannoni (quotes Dante)

& G. Monte

(Swans – May 23, 2011)

.

And there was the human above absurdity
Along ages and behind understanding…

And Dante: “Halfway along our life’s path,
nel mezzo del cammin di nostra vita”

Guided across the Acheron by Charon
through the limbo of the Unknown…
Where was the Polar Star,
showing the right path to follow?
Comme les navigateurs de l’Antiquité
dans la nuit, deep into the night
Navigators of the Past reaching
for the present of memories gone…
Where?
This far is your Home
où défile l’oubli de la Terre promise?
How can you find answers
if nobody can ever ask
the right questions…

If I close my eyes I see
je regarde avec les mains
qui touchent le désespoir
agony over the sea
where death embraces life.

can you tell me where
my country lies?

well,

every land can be the centre
of the world,

black elk said,
black elk,

scrittore analfabeta

deep

illiterate writer

far, but

far from where?
lontano da dove

(archetypal words-roots
from our brother claudio)
and leaves and seashells
from death-boats.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Respiro (breath)

Acqua – © 2006 Guido Monte

.

by G. Monte & C. Giovannoni (Swans – June 28, 2010)

.

De las profundidades
rien de nouveau,
mesmo respiro
of forgotten ways

¿Que mas profundo?
The force of Spirits?
When they achieve…
immortality?
Aber es gibt keine Verbindlichkeit,
wirklich…
Zeit ist vergangen…
et toi,
toujours sans espoir
buscas a las sombras
de tú respiro.

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Tamah (Darkness)

Tsawo National Park Kenya – © 2008 Claudine Giovannoni

.

by C. Giovannoni

& G. Monte

P. Handke

(Swans – February 28, 2011)

.

Beyond time and believing
Derrière la passion des hommes et des femmes
Atman
Ego [sum]

Busqueda sin tiempo y lugares
Achieving nothing but emptiness
Into the core of our souls
Adentro el corason espiritual
Ta Tvam asi. That One you are
Who search for the true himself?
Duality reach meaninglessness
Who am I?
Ta Tvam asi…
Atman

Or maybe is there disbelieve
Into believing…

“Warum bin ich und
warum nicht du?”

¿Que yo no soy yo y tú no eres tú?
Un sol respiro
The flow of pure Energy
Union dans les affections

tamah
tamah, darkness
too many men inside
only to forget life and tvam, yourself

but seeing the atamanam, the unity of the whole
you cannot hate, no more

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Testigos son las estrellas (lament of a prisoner n.3)

Night sky Japan – © 2010 Masahiro Miyaskha

.

by G. Monte

& C. Giovannoni

(Swans – January 17, 2011)

i’m always in prison, ein nichts, but my mind is now
at far away stars, a uma pessoa na beira do mar,
but suddenly the river of the time,
mto ya muda, o rio do tempo,
hits me,
and i realize that i won’t be able
to arrive alive to the big chance of my life.
many years will go by, just a few through
the mountains, but too many through a man’s life.
but how to resist to the thought
that the clue moment still has to come?
mas como se faz para resistir ao pensamento
que o momento decisivo ainda esteja por acontecer?

now i’m sitting alone on a chair, nighttime. ni usiku…
but all of a sudden, no quarto coberto de escuridão,
i go close to the window,
to look at the stars again, and i smile,
i do smile, tenderly to the death
that one day will come,
that’s my last possible way of life,
now that all has disappeared as fog
sasa kila kitu kimetokomea kama ukungu
agora que tudo esvaece como névoa.

Prisonnière dans mes pensées,
même si mon esprit poursuit les souvenirs
qui m’emmènent à toi.
Slave of memories, hidden
into the cosmic power of remembering.
Flows down… aguas corrientes
pesadillas estrañas, sin formas,
que recogen polvo de estrellas
y junto a ellas, con ojos mirantes la oscuridade,
lloro lágrimas amargas.
J’ai épuisé les demandes restées sans réponses…
My trembling voice asking no more questions,
y por último, dejar esta vida?
Where am I?
Si je continue, le long de cette tortueuse chaussée,
esto ya estaba escrito, sin dudas,
sin preguntas y tampoco respuestas.
I’m human, indeed, alone and naked of all my dreams…
And when the night’ll cover up my soul,
jamais plus prisonnière de la vie,
néanmoins embrassée à la mort…
La noche ya está delante de las ventanas,
sonrisas me llenan de felicidad y ternura,
witness are the stars and the blur of thoughts alike fog,
no more sand, for me, into the clepsydra of Time…
Réveille-toi! Despiertate! Wake up!

~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~°~

.

Wind gemidos

Crepuscolo sopra il monte Tamaro Ticino 2012 © C. Giovannoni

.

by G. Monte

& C. Giovannoni

(Swans – March 26, 2012)

.

wind gemidos of winter
of yellow, and red leaves
to a dark floor, and
stop, nothing to say
no palabra
no volver
nothing in front of
perdute nuvole-clouds
and vapours,
rain, fire, burst
chasms, segni
another dead leaf
another cloud
and dead thoughts
over my mind
of a dying animal
of desperate people
of starvation
of my times’ horror,
no word to say
in front of them

After dark, when all seems lost,
we experiment the continuity of Light!
Dualité indissoluble,
busqueda de los seres viventes
quest of humanity,
since we are all striving
recherche d’une raison
le long chemins dangereux.
Dia y noche
day and night.
Invierno followed by spring,
l’esperanza ayuda la sobrevivencia!
La condition humaine
hooked on this frustrated flesh
the only way to achieve freedom.
Liberté que n’est pas ici
not above this material world
shouldn’t be so difficult
every time I come across otra persona
souhaiter en silence, without words,
felicidad
That could be the start
poiché solo amore love
can fight against
todas las guerras,
chaque conflict…

Poesia e danza * Alberto Jelmini

poesia_e_danza

 

  • Copertina rigida: 126 pagine
  • Editore: Ulivo Edizioni (19 settembre 2017)
  • Collana: Il gatto dell’ulivo
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8898018487
  • ISBN-13: 978-8898018482
  •  CHF 25.-

 

Ordina su Amazon.it

Oppure contatta direttamente l’autore

 

Trasferendo l’arte scenica in arte lirica, Alberto Jelmini rievoca i ritmi della danza grazie alla musicalità della sua poesia…

Maestro nella scrupolosa descrizione dei dettagli scenici il poeta sa anche lasciare le briglie alla fantasia lanciandosi in volteggi inauditi…

L’assidua frequentazione del Teatro San Materno nel corso della preparazione dei vari spettacoli di danza, lo ha introdotto in un mondo che non conosceva, aprendo la mente e l’animo dell’autore a una realtà espressiva dalle enormi potenzialità…

Il motivo principale di queste poesie è la metafora della danza come Vita (metafora che collima con il tema shakespeariano della “scena del mondo”).

 

“La nostalgia di suoni, visioni e danze, evocate nell’intimo del lettore… la magia degli echi ed ombre, unici nella loro singolare rappresentazione.
E questa è la magia che la poesia di Alberto riesce a trasmettere a chi, con lui, condivide queste recondite passioni!”    Claudine

…oOo…

 

By transferring the scenic art into lyrical art, Alberto Jelmini evokes the rhythms of the dance thanks to the musicality of his poetry …

Master in the scrupulous descriptions of the scenic details, the poet knows how to let the reins to throwing fancy pirouettes unheard…

The frequent visits of San Materno Theater during the preparation of the various dance performances introduced him to a world he did not know, opening the mind and the author’s mind to an expressive reality with enormous potential …

The main reason for these poems is the metaphor of dance as Life (a metaphor that fits into the Shakespearian theme of the “world scene”).

 

“The nostalgia of sounds, visions, and dances, evoked in the heart of the reader… the magic of echoes and shadows, unique in their singular representation.
And this is the magic that the poetry of Alberto is able to convey to those who, with him, shares these hidden passions!”   Claudine

.

 

Dialect poems CD of Alberto Jelmini

poesie-alberto_copertina

Alberto Jelmini, voce narrante, ci regala quest’emozione di poter ascoltare le sue poesie nel dialetto di Lurengo – Valle Leventina.

Per chi desidera potersi riservare un CD firmato dall’autore, è possibile effettuare il versamento di fr. 15.- sul suo CCP 65-13341-0 (Jelmini Alberto, 6616 Losone CH82 0900 0000 6501 3341 0). Spedizione gratuita.

…oOo…

Alberto Jelmini, narrator, gives us this emotion to be able to listen to his poems in the italian dialect of LurengoValle Leventina.

For those who want to get a CD signed by the author, you can make the payment fr. 15.- on his CCP 65-13341-0 (Alberto Jelmini, 6616 Losone CH82 0900 0000 6501 3341 0). The shipping is free.

.

Presentazione letteraria di Alberto Jelmini

biblioteca_asaco_i00000b

Giovedì 9 giugno, ore 18.00
Giardino della Biblioteca popolare, Piazza Motta 37, Ascona
(In caso di pioggia: sala di lettura della biblioteca)
Entrata libera

per la presentazione della nuova raccolta di poesie

…oO     ESSENZA DI DONNA    Oo…

di Alberto Jelmini
Edizioni  “Alla chiara fonte”  –  Lugano.

Riccardo Tiraboschi leggerà le poesie, accompagnato dalla chitarra di Stefano Marcionelli.

“Una quarantina di brevi poesie tutte ruotanti attorno al tema della donna, vista soprattutto come amica, confidente, reale o vagheggiata, spesso ricordata quale fulcro d’un momento particolarmente felice. In “Essenza di donna” la figura femminile appare come portatrice di luminosità e bellezza. I suoi sorrisi, i suoi rituali e la sua gestualità sembrano alleggerire l’animo del poeta distogliendolo da angosce segrete e conducendolo ad uno stato di serenità. Il poeta, silenzioso osservatore della gestualità femminile, si scopre ladro di sorrisi. Sembra inoltre conoscere da vicino l’universo femminile, del quale coglie con facilità gli stati d’animo. Non sempre delicato è però l’impatto della donna sull’io poeta: un solo sguardo e il suo mondo è sconvolto.” (Dalla prefazione di Lisa Ferretti)

DSC00195

Alberto Jelmini, nato nel 1938 a Lurengo, ha seguito gli studi magistrali e ottenuto il dottorato in lettere all’Universita di Friborgo. Ha insegnato italiano in tutti gli ordini di scuola. Del 2008 la prima pubblicazione poetica Poesie (Locarno , Dadò), finalista al concorso Mario Luzi di Roma, seguita da altre due: Tracce, con Claudine Giovannoni (Balerna, Ulivo, 2011) e Poesie sulla tavolozza (Locarno, Dadò, 2012). L’estate scorsa ha pubblicato il volume “Affetti su carta” (Balerna, Ulivo, 2015). Ora esce (maggio 2016) la nuova raccolta di poesie che sarà presentata nel corso della serata.

“Pages of Books” poesia multilingue * multilingual poetry

Claudine Giovannoni   and    Guido  Monte
vecchi libri di mio padre

(Swans – May 20, 2013)

http://www.swans.com/library/art19/gmonte162.html

Comment by Francesca Saieva:  (in lingua francese)

Claudine Giovannoni Claudine Giovannoni calls herself a “World citizen.” Crossing the boundaries of the Earth, Water, and Air, she lives experiences that touch her soul bringing her to publish her writings. Her novels are in Italian: Il Kumihimo del Sole, 2005 – Nebbie nella Brughiera, 2007 – Il Cristallo della Pace, 2010 (Seneca Edizioni, Torino) – Il Segreto degli Annwyn, 2013 (Edizioni Ulivo Balerna).She is a dreamer and an idealist, and lives in Switzerland where she shares with her family the love for Nature with the greatest respect and veneration.

L’omaggio di Guido per Naoto Matsumura-san…

… è un amico veramente  speciale, Guido, una Mente che condivide molto del mio sentire. Le sue parole, sono a testimonianza del dolore di Fukushima… la voce di quelle creature che non hanno la facoltà di esprimersi. Il piccolo anziano Naoto, parla il loro linguaggio… quello del vero sentimento!

Di cuore, dolce amico, grazie… grazie…   arigatō     ありがとう

naoto matsumura ha disobbedito.
il giorno della fuga da tomioka,
a fukushima,
quando tutti sono scappati.
naoto non ha potuto,

non poteva andarsene.
non poteva lasciare
gli animali randagi,
quelli non previsti
dall’evacuazione
dal piano nazionale
dell’organizzazione.

naoto
non ha voluto lasciare
il suo futuro cimitero
che è anche quello
degli animali. ora
piange, sa che morirà,
ma continua a nutrire
i randagi, dopo che ha
visto morire una mucca
con il suo vitellino
che erano stati abbandonati.
nella sua città fantasma,
senza elettricità,
il suo corpo
è ormai contaminato.
ma vuole morire
lo stesso dove è nato,
per non abbandonare
i suoi animali dimenticati.

copyright:    Guido Monte

.

Fogli[e] ocra

libri-antichi

Ritornare al grembo del tempo, trascorso, nell’infinita attesa di ciò che è perduto…

Quando poi, silenziosamente, le parole scritte suppliscono al frastuono di voci che nulla narrano… Ritrovandoti così, lungo l’inchiostro che si fa strada sull’ocra del mio percorso, foglio di vita…

China ti osservo, raccogliere il mio trascorso!

***

Returning to the womb of time, elapsed, into the infinite awaiting of what has been lost…

When, silently, the written words fill gaps of the noise of voices that narrate anything…

Finding again, along the ink that makes its way over the ocher of my path, sheet of life, bowed I’m watching, collecting my past!

Serenità nel 2013   con affetto Claudine Giovannoni

 

Presentazione letteraria

 Recital di poesie e canzoni  

ALBERTO JELMINI

Giovedì 8 novembre 2012

Locarno, Aula Magna della SUPSI     (ex Scuola Magistrale) Piazza San Francesco, ore 17:30

presenta sue poesie in italiano e in dialetto alto-leventinese, con particolare riferimento all’ultima pubblicazione:

Poesie sulla tavolozza,  Dadò 2012   con le illustrazioni di Gianni Poretti e la prefazione di Guido Pedrojetta

ma leggerà pure la poesia di Alina Borioli “Béta da Lürenc’ ”

NICOLETTA PEDUZZI, accompagnata dal chitarrista RUBEN SACCHER, presenta testi poetici di Alfonsina Storni da loro musicati e pubblicati nel CD

Si Alfonsina no vuelve (2010)  integrando il repertorio con alcune canzoni d’autore.

Ogni testo sarà brevemente commentato o letto nella sua traduzione italiana

Alberto Jelmini, nato nel 1938 a Lurengo (Quinto), ha studiato alla Scuola Magistrale di Locarno e all’Università di Friborgo. Ha insegnato italiano in vari ordini di scuola del Canton Ticino, concludendo l’attività nel 1999 presso la scuola Magistrale post liceale di Locarno.

Come poeta ha vinto due volte il Premio “Città di Legnano”, (in dialetto e in lingua italiana) e ha pubblicato presso l’editore Dadò due volumi di poesie (2008 e 2012), mentre in collaborazione con Claudine Giovannoni è uscito il volume: Tracce, Edizioni Ulivo, 2011.

Nicoletta Peduzzi, bellinzonese, ha alle spalle una ricca esperienza in varie formazioni vocali. Nel suo Cd recentemente pubblicato, accompagnata dal bravo chitarrista argentino Ruben Saccher interpreta testi di Alfonsina Storni, poetessa argentina di origini ticinesi, conferendo loro una veste improntata ai ritmi sudamericani (bossa nova, tango, bolero).

Ruben Saccher, di Tucuman (Argentina), frequenta il Conservatorio Margarita Echeverria di Monte Grande conseguendo il diploma di “professor superior de guitarra”, esibendosi poi con varie formazioni e interpreti sudamericani di fama internazionale. Dal 2004 risiede in Svizzera con la famiglia, affiancando l’insegnamento con l’attività concertistica.

Gianni Poretti nasce a Lugano il 9 maggio 1946. Dal 1970 esegue vetrate per chiese e nel 1995 inizia le sue ricerche nel campo della fusione del vetro con ossidi e metallo. Socio attivo della VISARTE, le sue opere figurano presso musei e collezioni private. Vive a Canobbio e lavora nel suo atelier in via San Bernardo 41.

Entrata libera, segue aperitivo

Memory * Memorie

Forse è la nostalgia di questi momenti che con furia si fa spazio, tra le amnesie sempre più tedianti, quando anche la più piccola rassegnazione è oggetto di tormento.

Così lo voglio ricordare: un artista della Vita, sempre paziente ascoltatore dei miei capricci, di quelli degli altri… quando memore del dono più grande della vita, mi cingevo a recriminare la sconsiderata realtà nella quale, mio malgrado, ero immersa.

E lui capiva.

Sorrideva.

E trovava il modo di affrontare discorsi filosofici che mi lasciavano senza parole.

Spalle larghe, aveva, che hanno sorretto ercoline contrarietà… ma pur sempre umano, era, così quando giunse il suo momento di attraversare l’Acheronte delle emozioni, i suoi occhi ciechi si spensero.

Ma così desidero rinnovare il suo ricordo: un’immagine colta dall’occhio indiscreto, su di una spiaggia della Jamaica con arena fine al tatto ed un’amaca che oscilla, una bevanda al succo di ananas e rum bianco, tra le pieghe di un libro di Hemingway ed il mare che cingeva il nostro orizzonte.

“Mai morire!”… e queste tue parole, sussurrate al vento tiepido nel crepuscolo, sono un uragano di suoni che mi riportano alla straziante realtà.

Sei sempre nel mio cuore papà…

confesso che mi manchi tanto, ma il tuo ricordo è sempre lì…

arrivederci, a presto!

:-)claudine

World Animal Day * Piccolo cane randagio…

copyright picture *La Stampa.it*

lirica di Guido Monte      

(un caro amico pieno di sensibilità e dolcezza)

ornella non ha età
su una panchina 
di piazza qualunque di savona,
quando guarda gli occhi 
di tato,
il suo piccolo cane randagio. 
prima stavano  in via montenotte, 
poi in via servettaz 
ora, dopo l'ultimo sfratto,
per strada.

un giardino, davanti
al  grande parcheggio a pagamento, 
su una panchina, poi di notte sotto i portici 
per non sentir troppo freddo.  

e nel sonno lei sogna
il suo antico rifugio per randagi,
per salvare animali, 
poi chiuso per tanti motivi. 
e accanto dorme e sogna anche tato… 
“ma da lui non mi separo”
pensa ornella, 
“piuttosto resto per strada
ma lui non lo lascio”

e tutta savona è immersa nel sonno,
ma una cosa è certa:
ornella il suo tato
non lo lascerà.

... una donna senza età a savona (una storia 
qualsiasi di una anziana sfrattata, ornella, 
che dorme per strada con il suo cagnolino, tato)
©Guido Monte

Recensione alla silloge Poetica Tracce

Alberto Jelmini   e   Claudine Giovannoni

Davvero una bella testimonianza, un bell’esempio di attitudine a collaborare, ci offre questa raccolta poetica. Essa infatti esprime il pensiero e la sofferta autoindagine di due anime aperte alla magia della poesia. E ce li presenta senza tante differenziazioni (si, d’accordo, metà della pagine sono scritte in corsivo, ma poi a chi dei due appartengono?). Ecco, nel leggere e rileggere il libro, finalmento ho capito. Ma ho anche capito che i due poeti devono avere una forte affinità umana oltre che di stile. E ancora, che ho sempre avuto ragione di rispondere no a chi mi chiedeva se ci fosse una poesia femminile. No, perché -e questo libro me lo conferma- ci possono essere uguale forza e pari delicatezza in due poeti di sesso diverso, messi a confronto. Pagina dopo pagina, essi sembrano confidarsi, darsi acute (a volte deliziosamente criptiche) risposte. Dalle quali emergono due visioni della vita, del mondo, piacevolmente affini.

Ketty Fusco – attrice, regista e scrittrice

Just for you… Frullar di pensieri…

I did tremble watching you:
so small
into the amplitude of that place
but great
in the determination of your passion.
I felt my heart racing …
to halt at every swing of breath.
And in the depths of my being,
the pride to have you beside
along the earthy path
gratifications of a fulfilled life!
Creatures of Light
into the darkness of a world
which should be better …

*

Vi ho osservati tremando:
così piccoli
nell’ampiezza di quel luogo
ma grandi
nella determinazione della vostra passione!
Ho sentito il cuore correre…
per arrestarsi ad ogni ripresa di respiro.
Ed in fondo al mio essere,
la fierezza di avervi accanto
nel percorso terreno
di una vita ricolma d’appagamenti!
Creature di Luce
nell’oscurità di un mondo
che dovrebbe esser migliore…

*

Je vous ai regardés en tremblant :
si petits
dans l’amplitude de ce lieu
mais grandes
dans la détermination de votre passion.
J’ai senti mon cœur qui s’emballe …
s’arrêter à chaque phrase.
Et dans le profondeur de mon âme,
je suis fière de vous avoir à mon côté
dans le parcours d’existence
gratifications d’une vie radieuse!
Créatures de la Lumière
dans l’obscurité d’un monde
qui devrait être mieux …

©Claudine Giovannoni

Ai miei figli Emanuele Giosuè e Sara Luna, con grande riconoscenza e affetto!

Concorso Svizzero di musica per la Gioventù a  Lugano  24-25 marzo 2012

*   Duo musica da camera     Timon e Emanuele Giosuè II. Premio

 

 

 

 

 

 

 

*   Solista  Sara Luna     III. Premio

 

 

Sinfonia d’archi * String Symphony

Sinfonia d'archi

Ancora percepiva il suono della sua voce, cristallino e suadente, come brezza di primavera frusciante fra le fronde. Sophie cercava di concentrarsi sulla lezione ma inutilmente. La custodia del violoncello era poggiata contro il muro, una macchia argentea indistinta come una chiazza d’acqua sopra una superficie ghiacciata.

Ma ciò che sentiva dentro, nel suo profondo, non era il freddo dell’inverno che già era alle porte. Ciò che la turbava era il dolce torpore che s’insinuava con le sue lunghe dita affusolate sotto la pelle, come le sue mani che accarezzavano le vibranti corde!

Era calore. Calore così bruciante da lasciarle le gote arrossate dall’emozione. Ogni volta che pensava a Gilles, ogni volta che rifuggiva il suo sguardo austero, tutto iniziava a turbinare come rimosso da una tempesta.

Ed anche questa volta, Gilles era stato esplicito: avrebbe potuto partecipare al concorso solo se fosse riuscita ad essere impeccabile nell’esecuzione della partitura.

Lui sorrideva spesso, i suoi occhi sorridevano, ogni suo gesto era gaio… ma quando insegnava, quando a volte la correggeva tenendole l’archetto fermo sulle corde, mentre i suoi capelli le lambivano i lati del viso, in quei momenti Gilles era serio. Severo. Esigente. Ossessionante. Maledettamente sensuale!

[continua – continue]

with english version at the bottom  🙂

©Claudine Giovannoni

Petali… di Vita * Life’s Petals

L’arrivo inatteso della neve e temperature siberiane, ci ha piegati, ancora una volta, davanti all’impossibilità dell’uomo di contrastare la Natura. Questa stessa natura che così poco ci chiede, se non il rispetto… ma che così tanto ci dona. Questa volta non possiamo prendere in questione il cambiamento climatico o il surriscaldamento del pianeta… Forse in luoghi dove ciò accade puntualmente ogni anno, non sussistono grossi problemi. Quei popoli si sono adattati, la loro cultura ancestrale li ha forgiati in modo appropriato. Per loro, quindi, ogni azione segue schemi precisi che li ha rafforzati a sopravvivere in condizioni estreme. Popoli nomadi della steppa Siberiana spostano la loro iurta seguiti dalle mandrie di cavalli, pecore, cammelli, capre… o renne! La situazione cambia però, quando la neve ed il gelo arrivano in luoghi dove la gente non ha memorizzato stili di vita consoni. Oppure ancora, quando il freddo coglie di sorpresa chi si trova in un momento di difficoltà, ecco che anche solo qualche pezzo di legno da gettare nella stufa può fare la differenza. Ma mondo è paese, si va proclamando… poi noi, quelli che tanto parliamo, ci ritroviamo nelle nostre calde dimore riscaldate a puntino. Abbiamo l’elettricità per l’uso domestico e i negozi sono stracolmi di ogni bendiddio. Almeno ci sono però persone che malgrado la condizione favoreggiata, ancora si fanno pensieri, perplessità, magari anche scrupoli. E ciò mi capita molto di spesso, forse troppo frequentemente…

(per il resto del testo and english traduction)

 

©Claudine Giovannoni

I hear you calling…

.

È la magia di certi momenti, quella che, quando meno te lo aspetti, riaffiora e graffia la memoria ed il cuore! Ma forse è sagace, l’osservare, in silenzio, mentre la neve cade. Ed ogni fiocco, ogni stella cristallina, ogni brivido tra le fronde… ci riscuote dall’inabissarsi consueto nella normalità del giorno. Vago, errando tra ricordi e sogni, raccogliendo fragili foglie di certezze sbriciolate sotto la spessa coltre di ghiaccio. Poi odo la musica, soave, panacea ad ogni male, m’inebrio di nuove emozioni… e tanti ricordi! Come un respiro, dunque, il concerto per violoncello di Dvořák poi lo sguardo vaga oltre gli abeti giganti, innevati. Il terzo movimento mi trascina nell’impeto, mentre la paura si scioglie lungo i bordi dell’ignoto. Un giorno è trascorso, nell’incertezza di ciò che fino a ieri credevo impossibile! Eppure… da qualche parte, nei reconditi misteri magici, mi aspetti, credendo che tutto sia naturale, legato da un giuramento vincolante!

Poi infine, la tempesta sovrasta, dove l’umano incontra il diabolico, tutto si fonde e l’eco trasporta…  Chissà: mi chiedo, se sulle rive dei Baikal, loro stanno ascoltando! Sorrido, infine: consapevole che non potrei vivere senza la magia della sua  musica…

…oo*O*oo…

It’s the magic of certain moments, which, when you least expect it, resurfaces and scratch memory and heart! But perhaps it is shrewd, observing, in silence, while the snow falls. And every flake, each crystalline star, every shiver of the leaves … shakes us from sinking into the normality of each day. I’m wandering between memories and dreams, collecting fragile leaves of certainties’ which crumbles under the thick blanket of ice. Then I hear the music, sweet, a panacea for all evil, I get drunk of new emotions … and so many memories! Like a breath, thus, is the Dvorak’s cello concerto… Then the eye sweeps over the giant pine trees, snow-covered. The third movement is pulling me into the heat, while the fear melts along the edges of the unknown. A day has passed, the uncertainty of what until yesterday I thought impossible! And yet … somewhere, hidden in the mysteries of magic, he waits for me, believing that everything is natural, bound by a binding oath!

Then finally, above the storm, where the human meets the evil, everything melts and carries the echo … I wonder:  if  on the shores of Baikal, they are listening! I smile, then: aware that I could not live without the magic of  his music…

[ tratto dal nuovo romanzo  –   from the new Novel    “Piccoli passi nella Taiga” – Gli sciamani del lago Baikal   ©claudine giovannoni 2012 ]

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • 44'126'000 blog's hits to share my love for the Planet, the animals and Nature
  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all… :-)claudine

  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Translate