• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Rock Museum at the Palacinema Locarno

The Boss’s voice echoes in my memory, and takes me back in 1984 during a long stay in California!

“Born down in a dead man’s town
The first kick I took was when I hit the ground
End up like a dog that’s been too much beat
Till you spend half your life just covering up…. “

During the period from July, 11 to 22, 2019 in parallel with the concerts of Moon & Stars, the “Locarno Rock Museum” was opened for a free visit at the Locarno’s PalaCinema.

The collection of Claudio Mollekopf and Eros Girardi is composed of about 300 pieces including guitars, gold records, precious historical relics and various types of objects belonging to bands such as the Beatles, Rolling Stones, Pink Floyd, Queen, Metallica, AC / DC, Police, Brian Adams, Bruce Springsteen, Aerosmith, Guns N ‘Roses, Jimi Hendrix, Bob Marley, Iron Maiden, Bob Dylan, Michael Jackson and Bon Jovi and many others.

The passion for music has allowed Claudio and Eros to collect very rare pieces and not only of sentimental value. Claudio has accompanied us for over an hour telling us with great enthusiasm, anecdotes related to each of his exposed pieces.

While Jim, the offender, reminded me of my adolescent rebellion, with his Light my Fire…

“You know that it would be untrue
You know that I would be a liar
If I was to say to you
Girl, we couldn’t get much higher
Come on baby, light my fire … “

 

La voce di The Boss riecheggia nella mia memoria, e mi riporta nel lontano 1984 durante un mio lungo soggiorno in California!

“Born down in a dead man’s town
The first kick I took was when I hit the ground
End up like a dog that’s been beat too much
Till you spend half your life just covering up….”

Durante il periodo dal 11.-22 luglio 2019 parallelamente ai concerti di Moon&Stars, si ha potuto visitare gratuitamente presso il PalaCinema di Locarno, il “Locarno Rock Museum”.

La collezione di Claudio Mollekopf e di Eros Girardi è composta da circa 300 pezzi tra chitarre, dischi d’oro, preziosi cimeli storici e oggetti di vario genere appartenuti a band quali i Beatles, Rolling Stones, Pink Floyd, Queen, Metallica, AC/DC, Police, Brian Adams, Bruce Springsteen, Aerosmith, Guns N’ Roses, Jimi Hendrix, Bob Marley, Iron Maiden, Bob Dylan, Michael Jackson e Bon Jovi e molti altri ancora.

La passione per la musica ha permesso a Claudio e Eros di collezionare pezzi rarissimi e non sono di valore sentimentale. Claudio ci ha accompagnati per oltre un’ora raccontandoci con grande entusiasmo, aneddoti legati ad ogni suo pezzo esposto.

Mentre Jim, il trasgressore, mi ha fatto ricordare la mia ribellione adolescenziale, con il suo Light my Fire…

“You know that it would be untrue
You know that I would be a liar
If I was to say to you
Girl, we couldn’t get much higher
Come on baby, light my fire…”

Arosa – Graubünden

AROSA_LANGWIES

A volte ci mettiamo a programmare viaggi in terre lontane, oltre oceano e magari sopportando delle trasferte di giorni interi… quando in verità, abbiamo posti incantevoli ad un paio d’ore d’auto da dove viviamo.
A Sara Luna è stato offerto un corso di musica da camera di una settimana ad Arosa, nel canton Grigioni (avendo fatto un 2° premio al concorso svizzero di musica per la gioventù).
Per mio marito ed io è stata l’occasione per accompagnarla e regalarci qualche giorno in montagna.
Già in passato Emanuele Giosuè aveva avuto la possibilità di prendere parte a questi corsi molto interessanti organizzati dalla Kulturkreis Arosa, e due volte lo avevamo accompagnato, di conseguenza conosciamo Arosa relativamente bene.
Abbiamo preso in affitto un appartamento (anche se in una struttura molto grande e certamente non con caratteristiche tipicamente “alpine”) a 10 minuti dal posto dove si tenevano le lezioni e le prove d’assieme.
Sara Luna è stata anche lei molto contenta dell’esperienza che le ha permesso di conoscere altri giovani musicisti provenienti da tutta la Svizzera.
Arosa è un paese tranquillo, non molto affollato da turisti a differenza di St.Moritz o altri luoghi più eccentrici del canton Grigioni.
Ogni giorno abbiamo messo a dura prova le nostre gambe: camminando per 3 o 4 ore, principalmente su sentieri pianeggianti o in lieve declivio.
Considerando che ci sono molte funivie o teleferiche per raggiungere le vette a 2’653 m/s (Weisshorn), 2’496 m/s (Hörnli), Prätschalp sopra Maran e verso il Mattjishorn sopra Langwies, il ritorno ad Arosa lungo i pendii alpini riserba sempre un’esperienza fantastica. Questa volta mi sono sbizzarrita a fotografare la flora locale: impressionante la diversità, malgrado le zone a volte impervie.

 

 

Sometimes we start planning trips to distant lands, overseas and maybe enduring trips of whole days… when in truth, we have beautiful places a couple of hours drive from where we live.
Sara Luna was offered a week-long chamber music course in Arosa, in the canton of Graubünden (having made a 2nd prize in the Swiss youth music competition).
For my husband and I it was an opportunity to accompany her and give us a few days in the mountains.
In the past Emanuele Giosuè had the opportunity to take part in these very interesting courses organized by Kulturkreis Arosa, and twice we had accompanied him, so we know Arosa relatively well.
We rented an apartment (even if in a very large structure and certainly not with typical “alpine” features) 10 minutes walk from the place where the lessons and the rehearsals were held.
Sara Luna was also very happy with the experience that allowed her to meet other young musicians from all over Switzerland.
Arosa is a quiet village, not very crowded with tourists unlike St. Moritz or other more eccentric places in the canton of Graubünden.
Every day we put a strain on our legs: walking for 3 or 4 hours, mainly on flat trails or slightly sloping.
Considering that there are many cable cars or cableways to reach the peaks at 2’653 m / s (Weisshorn), 2’496 m / s (Hörnli), Prätschalp above Maran and towards Mattjishorn above Langwies, the return to Arosa along the slopes alpine meadows always was a fantastic experience. This time I went wild to photograph the local flora: impressive diversity, despite areas sometimes hardly accessible.

How arrogance and stupidity may ruin a friendship

flute

One thing that I really can not stand is the arrogance  and the haughtiness.
Worse if it hurts a friendship that involves my children. Some fathers or mothers react with frustration even in preposterous cases of no life importancenegatively affecting the behavioral pattern of their kids. The stupidity and selfishness of certain adults harm not only their children which, even if in their subconscious, will rebuild in life the parenting models, but also the relationship that can bind two or more families.
Unfortunately, when this happens, it is not the aggrieved party that has to apologize, but rather those who wrongly acted in bad faith… and punctually that does not happen because the arrogance is the worst of deterrents.
If you know the thesis of S. Karpman (cognitive psychology), to exit from this kind of “triangle” is simple… even though it may be painful because it means breaking ties.
Cheap moral: when a crystal glass breaks … you can just throw the pieces, it is not worth trying to fix it!

All the world’s a stage,
And all the men and women merely players;
they have their exits and their entrances,
and one man in his time plays many parts…

(Shakespeare)

…oOo…

Una cosa che veramente non sopporto è l’arroganza e l’alterigia.
Peggio se quest’ultima danneggia un rapporto d’amicizia che coinvolge i miei figli. Alcuni padri o madri reagiscono con frustrazione anche in casi assurdi e di nessuna importanza vitale… così influenzando negativamente il modello comportamentale dei loro figli. La stupidità ed egocentrismo di certi adulti nuoce, non solo ai propri figli che seppur nel loro subconscio si rifaranno nella vita ai modelli genitoriali, ma anche al rapporto che può legare due o più nuclei famigliari.
Purtroppo quando questo accade, non è la parte lesa che deve scusarsi ma bensì chi con torto ha agito in malafede… e puntualmente ciò non accade poiché l’arroganza è il peggiore dei deterrenti.
Se si conosce la tesi di S. Karpman (psicologia cognitiva), uscire dal questo tipo di “triangolo” è semplice… anche se può risultare doloroso poiché significa spezzare dei legami.
Morale spiccia: quando un bicchiere di cristallo si rompe… si possono solo buttare i cocci, non vale la pena cercare di ripararlo!

“Tutto il mondo è un palcoscenico.
E tutti, uomini e donne non sono che attori;
hanno le loro entrate e le loro uscite,
ciascuno nella sua vita recita diverse parti…”

(Shakespeare)

Chamber music * concerto di musica da camera

Domenica 1 maggio 2016 ore 19.00
nella Chiesa di Brione s/Minusio

 

Quartetto CuArTeTh

Quartetto CuArTeTh

Stefania Huber – violino
Timon Kick – violino
Francesca Meuli – viola
Michele Martignoni – violoncello

Classe di Katalin Major

 

Fulmini

Quartetto Fulmini

Francesca Tobler – violino
Sara Luna Mobiglia – violino
Valentina Tobler – viola
Antonio Martignoni – violoncello

Classe di Daniel Herrera e Nora Gasperin

 

Scuola di musica e preprofessionale del Conservatorio della Svizzera Italiana – Ticino, Svizzera
Quartetti primi premiati nelle Entrada, in preparazione per la finale del Concorso svizzero di Musica per la gioventù (SJMW) del 5/8 maggio 2016 a Rheinau

Allow me to present you: the string quartet “The Lightning” * vi presento il quartetto d’archi “I Fulmini”

Last Saturday, in Lugano, took place the final swiss contest for youth (sjmw) the guys were very good and received a second prize in the II° class. The award ceremony and final concert took place at the Palace of Congresses.

The music is very important in our family but any child and teenager, with the commitment and seriousness, can receive great incentives and take a deep personal pleasure. All is not without difficulty, it is true, but personally I prefer to see them try with their instruments rather than wander into town with gangs and get bored

Sara Luna

lo scorso sabato, a Lugano, ha avuto luogo la finale del concorso svizzero per la gioventù… i ragazzi sono stati molto bravi e hanno ricevuto un secondo premio nella cattegoria 2a. La premiazione e concerto finale ha avuto luogo al Palazzo dei congressi.

La musica ha una grande importanza nella nostra famiglia… ma qualsiasi bambino e ragazzo, con l’impegno e serietà possono ricevere grandi stimoli e trarre un profondo piacere personale. Non tutto è senza difficoltà, è vero, ma personalmente preferisco vederli provare coi loro strumenti piuttosto che gironzolare in compagnia in città ed annoiarsi…

This wonderful piece of Bach is dedicated to my daughter Sara Luna… I’m so proud of her!

They did it again! * L’hanno fatto nuovamente…

 

IMG_2435

 

Fortunately emotions follow one another constantly: those sad that leave us helpless and the joyful ones that allow us to dream of a better world! This was a long weekend really exciting, with a music competition in Neuchâtel with my daughter Sara Luna and the string quartet I Fulmini (The Lightning – Francesca, Sara Luna, Valentina and Antonio) and one in Winterthur with Emanuele Giosuè as soloist. It is always a strong emotion to attend to these events, to see these young people who are confronted before a jury, not always lenient because the rivalry is very large. It takes tremendous courage that I myself would not have and I admit that having lived side by side with these young people participating in their meetings and assays, listening to hours and hours of daily exercises at home, at the end the thrill is tremendous!
I would like in this world there was more sensitivity to the music, I’m sure it would be a much better world!

..oOo..

Fortunatamente le emozioni si susseguono costantemente: quelle tristi che ci lasciano impotenti e quelle gioiose che ci permettono di sognare un mondo migliore! Questo è stato un lungo fine settimana davvero emozionante, con un concorso di musica a Neuchâtel di mia figlia Sara Luna ed il quartetto I Fulmini ed uno a Winterthur di Emanuele Giosuè quale solista. È sempre una fortissima emozione partecipare a questi eventi, vedere questi giovanissimi che si confrontano davanti ad una giuria, non sempre clemente poiché la rivalità è molto grande. Ci vuole un tremendo coraggio… che io stessa non avrei… ed ammetto che avendo vissuto al fianco di questi giovani partecipando ai loro incontri e prove, ascoltando ore ed ore di esercizi giornalieri a casa, al fine l’emozione è enorme!
Vorrei in questo mondo ci fosse più sensibilità per la musica, sono sicura sarebbe un mondo molto migliore!

 

A new great Love * Un nuovo grande amore

violini_Lassarat_Cremona

Sara Luna began playing a ¼violin at age 6.
Growing up, the violin had to be changed, going first to a ½and last to a ¾ which she played until last June.
This violin was bought by a collector in Ascona (which has sold it to her not without some pain), this violin allowed Sara Luna to assert her skill in a pair of contests
Then it was time for the “big step”: buy a whole violin.
Fate has chosen Lassarat Ludovic, a young French luthier who lives and works in Cremona and Le Havre.

Sara Luna is ready to bring her Duchess (the name by which she baptized her instrument) to achieve great success…

*

Sara Luna ha iniziato a suonare un violino ¼ all’età di 6 anni…
Crescendo, anche il violino ha dovuto essere cambiato, passando prima dal ½ e poi ad un ¾ che ha suonato fino allo scorso giugno.
Quest’ultimo violino, acquistato da un collezionista di Ascona (che lo ha ceduto non senza qualche dolore), le ha permesso di affermare la sua destrezza ad un paio di concorsi…
Poi è arrivato il momento per il “grande passo”: acquistare un violino intero.
Il fato ha scelto Ludovic Lassarat, un giovane liutaio francese che vive e lavora tra Cremona e Lo Havre.

Sara Luna è pronta per portare la sua “Duchessa” (nome col quale ha battezzato il suo strumento) a conquistare grande successo!

*

"Pippo" la creazione di Ludovic LassaratIl liutaio Ludovic Lassarat  *  luthier Ludovic lassarat

*

_M4M6521*Quartetto I Fulmini   *   String quartet The Lightning

Valentina, Francesca, Sara Luna and Antonio

*

Let’s talk about music…

Actually I shoud have written this post a couple weeks ago… somehow I first didn’t have time, after I thought I’dwait until all the spring contests were over. It was a very exciting timebut not without (positive) stress…Saturday,  March 29th in Witerthur the piano-duo Elia and Emanuele Giosuè received the “ticket” to the final contest in Lausanne: 1st. price; the same was for the string quartet “Fulmini” in which Sara Luna plays with Valentina, Francesca and Antonio.

Sara Luna on April 12th. was brave enough to participate, as a soloist, at the international competition of  Legnago where she received an award (80/100) and Elia with Emanuele Giosuè missedby a narrow margin to get another first price at the Salieri’s international competition.

May 10th they had the final Swiss competition in Lausanne: the piano-duo did a 2nd Price and the string quartet a 3th  Price! That was very thrilling… I like to watch all these kids playing music! The Conservatorio della Svizzera italiana is our second home and there I really get a lot of inspiration… But it is very important to state that if they have achieved these remarkable results is also thanks to the efforts of their teachers! Luisa the violin teacher, Stefania and Redjan teachers of Elia and Emanuele Giosuè and Nora with Daniel which made possible the result of the string ensemble!

***

In verità avrei dovuto scrivere questo post da un po’ di tempo, poi ho pensato di attendere che tutti I concorsi primaverili avessero luogo. Il 29.3.14 a Winterthur, Elia ed Emanuele Giosuè in un duo pianistico hanno ottenuto un primo premio al concorso Entrada; lo stesso Sara Luna coi suoi tre affiatatissimi compagni Valentina, Francesca ed Antonio del quartetto per archi “Fulmini”. Questo ha permesso loro di partecipare alla finale di Losanna dove il duo pianistico ha conquistato un 2nd  Premio ed il quartetto un 3!

Sara Luna ha partecipato al concorso internazionale Salieri a Legnago ottenendo un riconoscimento (80/100) considerando che gareggiava con ragazzi di 15 anni, davvero bravissimi. Allo stesso concorso, Elia ed Emanuele Giosuè hanno per un soffio mancato il primo premio…

È a questo punto importante notare e sottolineare che questi giovani hanno saputo destreggiare grazie al grande impegno e dedizione dei loro rispettivi docenti: Stefania e Redjan i docenti di Elia e Emanuele Giosuè, Luisa di Sara Luna unitamente a Nora e Daniel per il quartetto d’archi.

 
 
 
 
 
 

Shadows & shamans

Siberian_Wolf_In_Snow_Fields_600

The light filters through the thick curtains, a cold shiver shakes me and at the same time I realize to have fallen asleep for several hours. A strange scratching of nails on the wood makes me jump up like a spring.
– Who is it?
My voice wobbles, thick, while I rushly wrap myself in a blanket. The air became colder since in the brazier remains only grayish coals that give off a faint white smoke’s blows.
– Come in, now I’m awake.

[for some more… click to this link]

 

La luce filtra dalle spesse tende, un brivido di freddo mi scuote nello stesso tempo realizzo d’essermi assopita e d’avere dormito per diverse ore. Uno strano raspare di unghie sul legno mi fa scattare in piedi come una molla.
– Chi è?
La voce traballa, impastata, mentre mi avvolgo con foga nella coperta; l’aria si è fatta più fredda e nel braciere restano solo dei tizzoni grigiastri che sprigionano una fievole spira di fumo bianco.
– Avanti, ormai sono sveglia.

[cliccare sul link per visualizzare il testo]

Ancestral memories * memorie ancestrali

siberian shaman  (from the web)

The bulk of the paper work is already done, while editing will be made ​​some changes. Still missing the details’ verification about the music tracks that I have chosen (by tying them to the various chapters), in efforts to contextualize the whole thing even at the “harmonic feelings” and about the translation into Russian 😀 (phrases and dialogues) our musician friend is currently very busy and so I’ll have to show a little patience, which makes my job even more exciting. I entered 4 extracts in the Blog and I’m happy to receive your valuable suggestions and comments!

***

Il grosso del lavoro di scrittura è ormai terminato, durante l’editing sarà apportata qualche modifica. Mancano le verifiche dei dettagli inerenti i brani musicali che ho scelto (legandoli ai vari capitoli) nella finalità di contestualizzare il tutto anche a livello “armonico” e per quanto concerne la traduzione in russo  😀 (di frasi e dialoghi)  il nostro amico musicista attualmente è molto impegnato e quindi dovrò avere un po’ di pazienza, il che rende ancora più emozionante il mio lavoro. Ho inserito 4 estratti nel Blog e sono felice di ricevere i vostri preziosi suggerimenti e commenti!

Grazie sin d’ora…  🙂 claudine

Un   nuovo estratto  dal romanzo Piccoli passi nella Taiga – gli sciamani del Lago Baikal, con traduzione in inglese, cliccare sul link sottostante.

an excerpt from the new novel       Taiga’s Dream * Piccoli passi nella Taiga

Concerto di Gala

Concerto di Gala della scuola di musica del Conservatorio della Svizzera Italiana,  giovedì 30 gennaio 2014

Sergej Prokofiev * Romeo and Juliet – Montecchi e Capuleti

*

*

Mi chiamo Emanuele Giosuè Mobiglia, ho 14 ½ anni e ho iniziato a muovere le dita sulla tastiera all’età di 5 anni. In questi quasi 10 anni, sostenuto dal mio insegnante, ho avuto modo di affrontare molte sfide ed ottenere molti riconoscimenti anche internazionali.

Quando mi siedo davanti ai tasti chiudo gli occhi e mi immagino di avere un folto pubblico ed un’orchestra sinfonica intera di fronte a me, pronta a seguire il mio tempo.Forse è solo un sogno ma quando si crede profondamente in qualcosa questo potrà veramente avverarsi.

Per voi questa sera suonerò un pezzo tratto dalla Suite per pianoforte del Balletto “Romeo e Giulietta” scritta da Sergej Prokofieff e più precisamente “Montecchi e Capuleti”, che ben descrive la triste storia di due amanti le cui famiglie, notoriamente rivali, impediscono le nozze. Sentirete attimi di forte contesa rappresentanti le lotte intestine intervallati da un momento più contemplativo che descrive una soave attesa.

***

My name is Emanuele Giosuè Mobiglia, I’m 14 ½ years old and I started to move my fingers on the keyboard at the age of 5. In these almost 10 years, supported by my teacher, I had the opportunity to face many challenges and get several awards even internationals.

When I sit in front of a piano I close my eyes and I imagine that I have a large audience and a symphony orchestra in front of me, ready to follow my tempo. Maybe it’s  just a dream but when you believe deeply in something that will really come true.

For you this evening I will play a piece taken from the Suite for Piano from the Ballet “Romeo and Juliet” written by Sergei Prokofiev and more precisely “Montagues and Capulets,” which aptly describes the sad story of two lovers whose families known rivals, are preventing the wedding. You will feel moments of great strife representatives infighting interspersed with a more contemplative describing a gentle hold.

*

The melodies of the heart * Melodie del cuore

 interno_vagone

*

leggete l’estratto cliccando sul link

*an excerpt from the new novel  Taiga’s Dream * Piccoli passi nella Taiga

First sketches – the main character takes shape

.

A long story to tell… read here   ***   leggi qui l’introduzione al progetto grafico

Il blog del nuovo romanzo in lavorazione

taigasdream.wordpress.com

Fiona Moira O’Floinn

Fiona Moira O'Floinn

Durante la fase di progettazione e studio per la stesura di un nuovo romanzo, è necessario preparare una sorta di “schema riassuntivo” che prevede pure le schede con le generalità dei protagonisti. Nelle schede, man mano che il racconto prende forma, vengono aggiunti i particolari e dettagli che sono poi riportati fedelmente sulla lavagna magnetica… io non utilizzo programmi PC!

see the link:     Fiona Moira O’Floinn

During the study and design process for the drafting of a new novel, it’s necessary to prepare a “summary diagram” that also provides the cards with the identity of the protagonists. In the cards, as the story takes shape, are added all the details and the specific references which will be reported faithfully on the magnetic board … I do not use PC programs!

Piccoli passi nella Taiga *** il nuovo blog del romanzo

A piccoli passi anche quest’ultima avventura ha preso forma, consistenza, forza e determinazione. Ma questo è solo l’inizio! Buon viaggio…

click on the  link:

Piccoli passi nella Taiga [gli sciamani del Lago Baikal]

By taking small steps also this latest adventure has taken shape, texture, strength and determination. That’s the beginning! Enjoy your ride…

Euterpe

International contest Salieri – Italy (2. price)

.

Here two films from the Swiss contest for jungs musicians, the “Quartetto Fulmini” with Francesca, Sara Luna, Valentina and Antonio (2. price)

When rebellious nature forges own determination…

That’s right: both my kids have begun to be seduced by the music at the age of 4 1/2 years. Sara Luna is rebellious and obstinate, Emanuele Giosuè ductile and harmonious…

Edmund Severn Polish Dance (1st.movement)

*

After meeting with Gautier Capuçon (her Muse), the 8 years old girl began to take cello lessons…

Vivaldi Allegro in E minor  *  Anton Dvorak Song to the Moon

*

PS. If you want to listen Sara Luna’s music, click the pause on “soundcloud”   😀

Daring to face your own fears…

I have often described how I’m influenced by the music… this is an example. Exceptionally I share it with you!

Molte volte ho descritto di come la musica influenzi la mia scrittura creativa… eccezionalmente voglio condividerlo con voi!

*

*

But my son’s greates dream is to also became a conductor … in Llandovery he had his first experience.

Ma il grande sogno di mio figlio è quello di diventare anche direttore d’orchestra… e questa a Llandovery è stata la sua prima esperienza.

*

PS. If you want to listen to this jung piano player, click the pause on “soundcloud”   😀

Piccoli Passi nella Taiga * Gli sciamani del lago Baikal [Taiga’s Music]

Baikal – Siberia – Russia copyright Michele Tanner

Nuovo romanzo * new novel       (work in progress)

Forse Zosim, quale dignitoso russo, non conosce particolarmente bene la tenacia delle donne irlandesi o forse solamente è la profonda amicizia che ci lega a renderlo così protettivo. Forse ancora, anche lui non è convinto al cento per cento delle competenze di Vladilen…o magari si è accorto della follia alla quale andavamo incontro? A fatica trattengo la risata che mi solletica in gola; fortunatamente siamo sole, io e mia figlia. Vladimira è nuovamente assorta ad ascoltare l’MP3 mentre prende note nel suo libro.

Nella lyuks della prima classe ci sono due sedili per scompartimento e presto il responsabile del nostro vagone li avrebbe trasformati in comodi letti. Onestamente, durante la prima notte su quel treno non avevo dormito molto bene, forse a causa dei troppi pensieri che mi frullavano nella testa senza sosta, ben coadiuvati dal timore per l’ignoto.

Una strana idea, quella di trascorrere tre giorni e mezzo su rotaie, piuttosto di prendere l’aereo! Ma si tratta in verità di un’occasione unica per lasciarmi cullare dai ricordi e sprofondare nella tenerezza dei rimpianti. La lettera che avevo trovato in quello strano pacco, scritta in una minuscola calligrafia traballante, ci aveva dato delle indicazioni sommarie: raggiungere il Baikal e poi cercare Ol’khon. C’erano poi i due biglietti di sola andata con il treno Mosca-Irkutsk ma “Vladilen è lo specialista”, aveva precisato Zosim, “non dovrai preoccuparti di nulla. Il ragazzo è in gamba e vi organizzerà ogni cosa per bene!”

***

Maybe Zosim, as dignified Russian, doesn’t particularly well knows the tenacity of Irish women or perhaps, it’s only the deep friendship that binds us to make him so protective. Perhaps, even he’s not one hundred percent convinced of Vladilen’s skills… or maybe he realized the folly into which we were getting? With difficulty I hold back the laughter that tickles me in the throat, but fortunately we’re alone, my daughter and I. Vladimira is once again absorbed listening to the MP3 while taking notes in her book.

In the first class Lyuks there are two seats in each compartment, and soon the responsible of our compartment, would converted them into comfortable beds. Honestly, the first night on the train I hadn’t slept very well, perhaps because of too many thoughts flapping relentlessly in my head, well supported by the fear of the unknown.

A strange idea, to spend three and a half days on rails, rather than taking the plane! But it’s indeed a unique opportunity to let the lull wallow in memories and tenderness of regrets. The letter that I had found in that strange package, written in a tiny shaky handwriting, had given us a rough indication: reach the Lake Baikal and then go to Ol’khon. Then there were the two one-way tickets with the train from Moscow to Irkutsk but “Vladilen is the specialist,” explained Zosim, “you won’t have to worry about anything. The guy is smart and will arrange everything for good”.

Work in progress  😀

Neverland… just around the corner!

P1070307

Piccoli Passi nella Taiga * Taiga’s Dreams * мечты в тайге

Fiona Moira

“I will open your heart to the true beauty… I’ll just open it even before this dream disappears as the fragility of the ice that changes at the sunrise… You are the music for my soul, I’ve been waiting, unaware of what could have been… but now, I finally understand ! Without you, nothing makes more sense… I heard you play the strings of my dark thoughts, now as bright as stars at night before the arrival of the day. You, and yet you, who ended up haunting the second overturning my reason. However, before finding a path that will join us, following both our earthly traces, I know I have to continue for a while…  alone, Fiona Moira! ”

Yet this is an unknown dimension. It’s a magical place where are celebrated, for centuries, ancestral rites. This is the least suitable place to indulge in emotional statements, even considering our age difference … and perhaps for this very reason! Snowflakes crumbles to the ground, releasing some branches of their weight. In the distance I hear the dogs howling…  The ice crystals are like bright diamond sparks unleashed from a kaleidoscope!

***

“Aprirò il tuo cuore alla vera bellezza… lo aprirò prima ancora che questo nostro sogno scompaia come la fragilità del gelo che muta al sorgere dell’astro solare… Sei Tu la musica per la mia anima, ti ho attesa, ignaro di ciò che sarebbe potuto essere… ma ora, finalmente ho compreso! Senza di te nulla ha più senso… ti ho sentita suonare le corde dei miei oscuri pensieri, ora brillanti come stelle notturne al sopraggiungere del giorno. Tu, e ancora tu, ossessionando i secondi che finivano per capovolgere la mia ragione. Però, prima di trovare un sentiero che ci congiunga, seguendo entrambi le nostre traccie terrene, so che devo proseguire per un po’… da solo, Fiona Moira!”

Eppure questa è una dimensione sconosciuta. È un luogo magico dove si celebrano, da secoli, riti ancestrali. Questo è il posto meno adatto per lasciarsi andare a dichiarazioni affettive, anche considerando la nostra differenza d’età… e forse proprio per questa ragione!

Fiocchi di neve sfarinano al suolo, liberando alcuni rami dal loro peso. In lontananza odo i cani che uggiolano… I cristalli di ghiaccio sono come luminose scintille di diamante sprigionate da un caleidoscopio!

[ tratto dal nuovo romanzo  che sarà pubblicato –   from the new Novel  not jet published     “Piccoli passi nella Taiga” – Gli sciamani del lago Baikal   ©claudine giovannoni 2013 ]

Slide the word

over the shroud,

covering scattered crumbs:

dialogues of inspiration!

Your fingers of fog

caressing thoughts of old,

strings of the cello,

awaken the music and muse!

Scivola la parola

oltre la coltre,

ricoprendo briciole sparse:

dialoghi d’estro!

Le tue dita di nebbia

che accarezzano pensieri antichi,

corde di violoncello,

risvegliano musiche e muse!

To consider: at the gates of the celebration of consumerism…

*

Per riflettere… alle porte della festa del consumismo…

Ammetto che il filmato (scoperto per caso su FB da un’amica) ha fatto breccia nel mio cuore! Un grande insegnamento per tutti noi… a dimostrare che l’amore per la musica, il desiderio di condividere la bellezza di un brano di Bach, non è legato al pregio dello strumento ma bensì all’unicità e pathos del musicista!

Serene festività a tutti voi    :-)claudine

Time for dreams…

.

.

La virtuosità di Gautier ci ha incantati… ed è fonte d’ispirazione per le mie poesie e scritti!

A Message of Hope * un messaggio di Speranza

“Tutta la materia è semplicemente un suono ad onde vibranti   *   all matter is simply a vibrating sound wave”

Vi auguro amore… I wish you love…     :-)claudine

 

 

Gautier Capuçon plays Saint-Saens in Locarno with Orchestra della svizzera italiana

Sarà un prestigioso amico del Ticino e dell’OSI con la direzione di Pablo Gonzales ad accompagnare il debutto della nostra orchestra alle 67.Settimane Musicali di Ascona, domani venerdì 14 settembre 2012 nella Chiesa di San Francesco a Locarno.   Il violoncellista Gautier Capuçon può ormai essere definito di casa, nella nostra regione, e in quanto vicino acquisito ha voluto introdurci alla serata.

Il concerto per violoncello ed orchestra di Camille Saint-Saëns che suonerà accanto all’OSI è un’opera piuttosto particolare, profondamente lirica, con tre movimenti uniti senza soluzione di continuità e una ciclicità tematica sorprendente. Malgrado questi attributi lo si fatica ad annoverare tra i grandissimi concerti per violoncello: come mai?

“È una domanda che io stesso mi pongo, anche in considerazione dell’entusiastico riscontro che ormai da decenni ottiene presso gli strumentisti e presso il pubblico. Se si pensa che il Concerto di Schumann è da sempre incluso tra i top concerti è difficile spiegarsi perché quello di Saint-Saëns non lo sia, trattandosi di un’opera altrettanto romantica fin nel profondo, composta quasi nella stessa epoca, nella stessa tonalità e pure in un solo arco musicale”.

Qual è dunque il suo rapporto personale con questa pagina?

“Un dato curioso è che suono il concerti di Saint-Saëns da tanti anni senza averlo mai registrato: solo il prossimo gennaio lo registrerò per la rima volta. Ed è un’opera che adoro, per il virtuosismo a tratti funambolico che tuttavia non impedisce lo sviluppo di caratteri anche molto differenti: sensualità, vigore, nostalgia”.

Negli anni trascorsi da quando ha iniziato a suonare quest’opera ad oggi crede che le sue idee in proposito siano cambiate?

“Di sicuro, anche se non saprei dire come. L’interpretazione di un brano cambia già da concerto a concerto, di giorno in giorno: figuriamoci sull’arco di decenni! Un fatto di cui però mi son reso conto è che quel che porta a ri-meditare l’interpretazione di una pagina è spesso il confronto con pezzi nuovi: i loro contenuti tecnici e poetici inevitabilmente vanno ad influenzare il giudizio sulle altre composizioni più o meno simili già presenti in repertorio”.

Proprio il repertorio con orchestra l’ha contraddistinta nel corso degli anni per delle scelte non convenzionali (come i concerti di Gulda, Dutilleux, Bernstein o Honegger): da questo punto di vista ha qualche sorpresa in preparazione?

“Effettivamente anche il prossimo anno ci saranno due novità: la Symphonie Concertante op.8 di George Enescu -un brano tanto poetico quanto raramente suonato, che proporrò a Monaco di Baviera- e la Cello Symphony op. 68 di Benjamin Britten, di cui nel 2013 ricorrerà il centesimo anniversario dalla nascita”.

Per il pubblico della Svizzera italiana lei è ormai diventato un beniamino di casa, essendo partecipe del Progetto Matha Argerich fin dalla sua creazione. Proprio in relazione al Progetto e alla sua particolare formula crede forse siano necessari dei cambiamenti?

“I cambiamenti sono sempre necessari, anche se credo che il Progetto nel corso degli anni abbia dimostrato di saper evolvere da sé. E qui penso soprattutto alla presenza di nuovi giovani in ogni edizione, spesso sostenuti dalle borse di studio BSI che a Lugano hanno trovato il primo trampolino di lancio verso una carriera poi affermatasi su scala internazionale”.

Un violoncello virtuoso e l’OSI per Saint-Saëns domani sera alle 20:30 nella Chiesa di San Francesco a Locarno  –  (intervista di Zeno Gabaglio apparsa sul CdT del 12.9.2012)

.

Since I do love his music… no wonder I get this inspiration… read Gautier’s poem!

Sinfonia d’archi * String Symphony

Sinfonia d'archi

Ancora percepiva il suono della sua voce, cristallino e suadente, come brezza di primavera frusciante fra le fronde. Sophie cercava di concentrarsi sulla lezione ma inutilmente. La custodia del violoncello era poggiata contro il muro, una macchia argentea indistinta come una chiazza d’acqua sopra una superficie ghiacciata.

Ma ciò che sentiva dentro, nel suo profondo, non era il freddo dell’inverno che già era alle porte. Ciò che la turbava era il dolce torpore che s’insinuava con le sue lunghe dita affusolate sotto la pelle, come le sue mani che accarezzavano le vibranti corde!

Era calore. Calore così bruciante da lasciarle le gote arrossate dall’emozione. Ogni volta che pensava a Gilles, ogni volta che rifuggiva il suo sguardo austero, tutto iniziava a turbinare come rimosso da una tempesta.

Ed anche questa volta, Gilles era stato esplicito: avrebbe potuto partecipare al concorso solo se fosse riuscita ad essere impeccabile nell’esecuzione della partitura.

Lui sorrideva spesso, i suoi occhi sorridevano, ogni suo gesto era gaio… ma quando insegnava, quando a volte la correggeva tenendole l’archetto fermo sulle corde, mentre i suoi capelli le lambivano i lati del viso, in quei momenti Gilles era serio. Severo. Esigente. Ossessionante. Maledettamente sensuale!

[continua – continue]

with english version at the bottom  🙂

©Claudine Giovannoni

музыка * Musica * Music * Musique

Piotr Nikiforoff

Certi momenti nascono così… come zefiri primaverili in una giornata di sole! Non erano gli aromi che aleggiavano nell’aria, non le grosse raggrinzite olive sull’alberello appena potato mentre i due gattoni grigio ardesia cercavano carezze: tenerezza, erano le note… La musica coi suoi sguardi, le parole cristalline che riempivano l’etere di melodie conosciute, o sconosciute, o anche solo sognate. Così, in quella dimensione mediana, dove linguaggio dell’anima è visione celestiale di quella danza atavica, odo le odi di Euterpe!

Magia.

E se questa è rivelazione d’infante, ecco che il tutto tocca nel più profondo il cuore! Non può mancare, in questo mondo acerbo di dolcezza ma dove putridità è annidata ogni dove, non può non esservi modo per rappacificare la presenza dell’Umano al cospetto di questo pianeta in balìa a guerre e dolore. Ed ecco che la musica, espressione dell’arte dell’anima, fluisce attraverso le crepe del tempo… raggiungendo il cuore dei più severi.

Chissà perché sono sempre convinta che nulla è dato al caso: la casualità non esiste e quindi ogni azione della causa-effetto, forzatamente ha un nesso che non ci è dato di spiegare… e neppure comprendere. Quelle piccole dita, con tocco aggraziato, sfiorano corde che ci riportano le emozioni più belle… e noi dimentichi di ciò che è stato o sarà. Mi illudo, a volte nell’incoscienza visionaria di chi il mondo lo vuole veramente cambiare, che la magia perdura oltre le percezioni sensorie. Poi questa si insinua come un fiume turbolento di vita vissuta tra flutti e cascate, tra gorghi e morbide distese che dalla sorgente scendono fino all’estuario.

Tempo.

Che inesorabile trascina tutto a valle… ma sono ribelli anche talune note, pittoriche definizioni di tutto ciò che vive. Sbizzarriti i compositori, che han portato il loro impeto nelle partiture: e noi, con loro, nell’intimità di quegli attimi, tratteniamo il respiro! Ora le piccole dita affronteranno con ardore peripezie e prove, ci saranno lacrime, e gioie, e grida di giubilo… quando tutto sarà posto al loro cospetto. Un arduo scorrere del ruscello della giovinezza… Ma il mondo è un palcoscenico, orbene, l’ho vissuto nella sua aspra ampiezza e tenera illusione! Non si vincono le guerre, ma piccole battaglie di ogni giorno forgeranno l’ardore di quelle ancor minuscole dita che creeranno nuove magie per il cuore. Ed è con loro, per loro, a loro, che instancabile posso solo affermare: “Nelle vostre mani, tra le vostre esili dita, è il Mondo… per essere cambiato e trasformato in un luogo migliore… dove sempre Euterpe sarà presente, nel cuore di chi la chiama con le Odi alla sua bellezza!”

A Lèon, Anastasia, Sara Luna, Emanuele Giosuè e tutti i piccoli musicisti che ho avuto la gioia di incontrare…

©Claudine Giovannoni

la stessa passione per la musica

I hear you calling…

.

È la magia di certi momenti, quella che, quando meno te lo aspetti, riaffiora e graffia la memoria ed il cuore! Ma forse è sagace, l’osservare, in silenzio, mentre la neve cade. Ed ogni fiocco, ogni stella cristallina, ogni brivido tra le fronde… ci riscuote dall’inabissarsi consueto nella normalità del giorno. Vago, errando tra ricordi e sogni, raccogliendo fragili foglie di certezze sbriciolate sotto la spessa coltre di ghiaccio. Poi odo la musica, soave, panacea ad ogni male, m’inebrio di nuove emozioni… e tanti ricordi! Come un respiro, dunque, il concerto per violoncello di Dvořák poi lo sguardo vaga oltre gli abeti giganti, innevati. Il terzo movimento mi trascina nell’impeto, mentre la paura si scioglie lungo i bordi dell’ignoto. Un giorno è trascorso, nell’incertezza di ciò che fino a ieri credevo impossibile! Eppure… da qualche parte, nei reconditi misteri magici, mi aspetti, credendo che tutto sia naturale, legato da un giuramento vincolante!

Poi infine, la tempesta sovrasta, dove l’umano incontra il diabolico, tutto si fonde e l’eco trasporta…  Chissà: mi chiedo, se sulle rive dei Baikal, loro stanno ascoltando! Sorrido, infine: consapevole che non potrei vivere senza la magia della sua  musica…

…oo*O*oo…

It’s the magic of certain moments, which, when you least expect it, resurfaces and scratch memory and heart! But perhaps it is shrewd, observing, in silence, while the snow falls. And every flake, each crystalline star, every shiver of the leaves … shakes us from sinking into the normality of each day. I’m wandering between memories and dreams, collecting fragile leaves of certainties’ which crumbles under the thick blanket of ice. Then I hear the music, sweet, a panacea for all evil, I get drunk of new emotions … and so many memories! Like a breath, thus, is the Dvorak’s cello concerto… Then the eye sweeps over the giant pine trees, snow-covered. The third movement is pulling me into the heat, while the fear melts along the edges of the unknown. A day has passed, the uncertainty of what until yesterday I thought impossible! And yet … somewhere, hidden in the mysteries of magic, he waits for me, believing that everything is natural, bound by a binding oath!

Then finally, above the storm, where the human meets the evil, everything melts and carries the echo … I wonder:  if  on the shores of Baikal, they are listening! I smile, then: aware that I could not live without the magic of  his music…

[ tratto dal nuovo romanzo  –   from the new Novel    “Piccoli passi nella Taiga” – Gli sciamani del lago Baikal   ©claudine giovannoni 2012 ]

Vienna… alla ricerca di Mozart

Vienna, città imperiale, luogo sommo della cultura musicale… ma non solo. Un vagabondare attraverso viuzze ed immensi viali alberati, carrozze trainate da cavalli e tram s’incrociano tranquillamente al passaggio di autovetture nella frenesia d’ogni giorno.

Palazzi sontuosi, enormi, in stile barocco si distinguono ma amalgamano allo stile neoclassico di costruzioni più recenti, un connubio perfetto di arte e architettura.

Ho provato a chiudere gli occhi, cercando qualche memoria che mi riportasse alla bellezza dei secoli trascorsi, quando nell’armonia della musica ci si ritrovava nei piccoli salotti a discutere d’arte e pittura. Ma a Vienna ci siamo recati più per festeggiare Euterpe.

Era dunque il nostro desiderio permettere ai ragazzi di avvicinarsi a questa dimensione diversa dal nostro entourage che ci vede assidui frequentatori ai concerti organizzati dagli enti ticinesi: dall’Orchestra della Svizzera italiana, ai concerti d’Autunno, dalle Settimane musicali di Ascona, ai concerti dell’Auditorio o il Progetto Martha Argerich.

[cliccare qui per il racconto completo]

 

This slideshow requires JavaScript.

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 60,247 hits
  • Translate