• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Interview with the author * intervista con l’autrice

The mysterious object gleams sinisterly in the afternoon’s light, Joshua refrains from touching it. Something in his deepest strikes between fear and respect at the same time. -Maybe you also know why it was abandoned along the route of the cycle track? I didn’t have time to snoop on Unynetweb to see if there was some more detailed information…

L’oggetto misterioso manda bagliori sinistri nella luce pomeridiana, Joshua si trattiene dal toccarlo. Qualcosa nel suo più profondo gli incute paura e rispetto al contempo. -Magari sai anche spiegare perché si trovasse abbandonato lungo il percorso della ciclopista? Non ho avuto tempo per curiosare su Unynetweb per guardare se c’era qualche informazione più dettagliata…

Philomela997 virtuale-culturale

And the story goes on… e la storia continua!

Ricordate Michela Salotti, la creatrice di Om e Shanti nel libricino per bambini “I 4 Elementi” ?

Il Cammino della Luce     è il suo nuovo romanzo…  vi lascio il video promozionale!  Buon ascolto…

*

Con Michela avevamo, anni or sono, iniziato una collaborazione che, sfortunatamente, non ha potuto essere continuata come auspicato.  Il nostro lavoro congiunto   I Quattro Elementi   era stato un successo… entrambe siamo dell’avviso che bisogna istruire i propri figli nella consapevolezza delle Verità 🙂 che ci legano a questo meraviglioso Pianeta Terra.   Sono convinta che Il Cammino della Luce sarà per il lettore una sorta di “iniziazione”… Michela con il sostegno dei suoi amici, ha dato vita a una sorta di “trasposizione” che permetterà di comprendere la verità legata al Karma (e alla relativa causa-effetto) che ci obbliga a ritornare nel samsara…

Auguro all’amica Michela un giusto e meritato successo!!!

Atanamiti Regno interno, diciassettesimo dominio di Silkir (racconto breve)

Un tempo, nella nordica regione delle Selve Nevose, in cui il canto dei ruscelli tra i fiori si poteva udire solo nell’inoltrata primavera, candide mura erette in bianca pietra cingevano Zetrak, la città degli scintillii, che in inverno si riusciva a malapena a distinguere dalle pianure innevate circostanti, simile ad un bianco fiore intagliato in candido cristallo. Davanti ai suoi portali terminava la lunga, sinuosa Kerek–nev, la Strada Pietrosa, che, dal cuore delle valli meridionali, attraverso paludi, città, pianure e castelli sparsi, giungeva sino alla Foresta Azzurra, l’oltrepassava lasciandosi ai lati le filigrane d’argento che il sole invernale indorava, lanciandosi poi sul lunghissimo Ponte del Mattino, la prima delle meraviglie nordiche, sostenuto da un’unica, sottile campata, e bordato di esili e snelle colonnine scolpite e incise secondo gli emblemi dei ventidue dominî di Silkir: alberi dai rami finissimi, candidi cigni levantini alti in volo. Profumatissimi fiori ricoprivano, con pennellate lilla, i verdi prati fino dove l’occhio poteva scrutare.

Anno domini 17’170 della Nuova Era: Atanamiti – Regno interno, diciassettesimo dominio di Silkir.

La neve cade ormai senza tregua da settimane; si è ammassata sui davanzali delle finestre dalle quali filtra una tenue luce dorata mentre lunghe candele di ghiaccio adornano graziosamente la cornice di legno e pietra. Minuscoli cristalli stellati, l’uno diverso dall’altro, danno un tocco di perfetta magia a quei vetri troppo fini per isolare dal freddo. Parrebbe un paesaggio fiabesco, se non soffiasse  incessantemente questo vento terribilmente gelato che ulula fra guglie ed alberi e quei pochi umani che con coraggio s’avventurano all’esterno.

(leggi il resto del racconto)

copyright:  C.Giovannoni

Presentazione letteraria

 Recital di poesie e canzoni  

ALBERTO JELMINI

Giovedì 8 novembre 2012

Locarno, Aula Magna della SUPSI     (ex Scuola Magistrale) Piazza San Francesco, ore 17:30

presenta sue poesie in italiano e in dialetto alto-leventinese, con particolare riferimento all’ultima pubblicazione:

Poesie sulla tavolozza,  Dadò 2012   con le illustrazioni di Gianni Poretti e la prefazione di Guido Pedrojetta

ma leggerà pure la poesia di Alina Borioli “Béta da Lürenc’ ”

NICOLETTA PEDUZZI, accompagnata dal chitarrista RUBEN SACCHER, presenta testi poetici di Alfonsina Storni da loro musicati e pubblicati nel CD

Si Alfonsina no vuelve (2010)  integrando il repertorio con alcune canzoni d’autore.

Ogni testo sarà brevemente commentato o letto nella sua traduzione italiana

Alberto Jelmini, nato nel 1938 a Lurengo (Quinto), ha studiato alla Scuola Magistrale di Locarno e all’Università di Friborgo. Ha insegnato italiano in vari ordini di scuola del Canton Ticino, concludendo l’attività nel 1999 presso la scuola Magistrale post liceale di Locarno.

Come poeta ha vinto due volte il Premio “Città di Legnano”, (in dialetto e in lingua italiana) e ha pubblicato presso l’editore Dadò due volumi di poesie (2008 e 2012), mentre in collaborazione con Claudine Giovannoni è uscito il volume: Tracce, Edizioni Ulivo, 2011.

Nicoletta Peduzzi, bellinzonese, ha alle spalle una ricca esperienza in varie formazioni vocali. Nel suo Cd recentemente pubblicato, accompagnata dal bravo chitarrista argentino Ruben Saccher interpreta testi di Alfonsina Storni, poetessa argentina di origini ticinesi, conferendo loro una veste improntata ai ritmi sudamericani (bossa nova, tango, bolero).

Ruben Saccher, di Tucuman (Argentina), frequenta il Conservatorio Margarita Echeverria di Monte Grande conseguendo il diploma di “professor superior de guitarra”, esibendosi poi con varie formazioni e interpreti sudamericani di fama internazionale. Dal 2004 risiede in Svizzera con la famiglia, affiancando l’insegnamento con l’attività concertistica.

Gianni Poretti nasce a Lugano il 9 maggio 1946. Dal 1970 esegue vetrate per chiese e nel 1995 inizia le sue ricerche nel campo della fusione del vetro con ossidi e metallo. Socio attivo della VISARTE, le sue opere figurano presso musei e collezioni private. Vive a Canobbio e lavora nel suo atelier in via San Bernardo 41.

Entrata libera, segue aperitivo

Sinfonia d’archi * String Symphony

Sinfonia d'archi

Ancora percepiva il suono della sua voce, cristallino e suadente, come brezza di primavera frusciante fra le fronde. Sophie cercava di concentrarsi sulla lezione ma inutilmente. La custodia del violoncello era poggiata contro il muro, una macchia argentea indistinta come una chiazza d’acqua sopra una superficie ghiacciata.

Ma ciò che sentiva dentro, nel suo profondo, non era il freddo dell’inverno che già era alle porte. Ciò che la turbava era il dolce torpore che s’insinuava con le sue lunghe dita affusolate sotto la pelle, come le sue mani che accarezzavano le vibranti corde!

Era calore. Calore così bruciante da lasciarle le gote arrossate dall’emozione. Ogni volta che pensava a Gilles, ogni volta che rifuggiva il suo sguardo austero, tutto iniziava a turbinare come rimosso da una tempesta.

Ed anche questa volta, Gilles era stato esplicito: avrebbe potuto partecipare al concorso solo se fosse riuscita ad essere impeccabile nell’esecuzione della partitura.

Lui sorrideva spesso, i suoi occhi sorridevano, ogni suo gesto era gaio… ma quando insegnava, quando a volte la correggeva tenendole l’archetto fermo sulle corde, mentre i suoi capelli le lambivano i lati del viso, in quei momenti Gilles era serio. Severo. Esigente. Ossessionante. Maledettamente sensuale!

[continua – continue]

with english version at the bottom  🙂

©Claudine Giovannoni

Petali… di Vita * Life’s Petals

L’arrivo inatteso della neve e temperature siberiane, ci ha piegati, ancora una volta, davanti all’impossibilità dell’uomo di contrastare la Natura. Questa stessa natura che così poco ci chiede, se non il rispetto… ma che così tanto ci dona. Questa volta non possiamo prendere in questione il cambiamento climatico o il surriscaldamento del pianeta… Forse in luoghi dove ciò accade puntualmente ogni anno, non sussistono grossi problemi. Quei popoli si sono adattati, la loro cultura ancestrale li ha forgiati in modo appropriato. Per loro, quindi, ogni azione segue schemi precisi che li ha rafforzati a sopravvivere in condizioni estreme. Popoli nomadi della steppa Siberiana spostano la loro iurta seguiti dalle mandrie di cavalli, pecore, cammelli, capre… o renne! La situazione cambia però, quando la neve ed il gelo arrivano in luoghi dove la gente non ha memorizzato stili di vita consoni. Oppure ancora, quando il freddo coglie di sorpresa chi si trova in un momento di difficoltà, ecco che anche solo qualche pezzo di legno da gettare nella stufa può fare la differenza. Ma mondo è paese, si va proclamando… poi noi, quelli che tanto parliamo, ci ritroviamo nelle nostre calde dimore riscaldate a puntino. Abbiamo l’elettricità per l’uso domestico e i negozi sono stracolmi di ogni bendiddio. Almeno ci sono però persone che malgrado la condizione favoreggiata, ancora si fanno pensieri, perplessità, magari anche scrupoli. E ciò mi capita molto di spesso, forse troppo frequentemente…

(per il resto del testo and english traduction)

 

©Claudine Giovannoni

Transfering my Blog…

Welcome to my virtual Kingdoom  –  benvenuti nel mio Mondo virtuale

On top horizontally, you find the several items for a better vision

 In alto, nella barra orizzontale bianca trovate gli argomenti suddivisi per agevolare la visione

transfer – trasferimento – traslado – Verlagern – 転送 – передача – نق

©Claudine Giovannoni  2011

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 59,785 hits
  • Translate