• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Strands of Crystal in Paris * Fili di Cristallo

above image courtesy of Pam Renault – Poitier

A blanket of dark clouds covers the sky of that gloomy afternoon, yet an indefinable joy drags my thoughts, through those same alleys where, a few weeks before, an autumn sun had radiated over our steps.
The smell of wet leaves and grass, tickles the desire for a moment of intimacy in some bistro; the man winks amused as if he had read my mind.
“Shall we have a cup of tea? I know a very special little place not far from here, I’m sure you’ll love it.”
He holds me tightly against him, then ruffles my hair in an affectionate caress and, raising my coat collar, adds:
“I am mortified, I had ordered for you four days of sunshine! I will have to work so that you don’t get bored. I’m so glad you agreed to come back so soon, you can’t imagine my joy!”
His eyes contemplate my amused face, I feel his gaze pierce my boldness as in his voice I perceive an indefinable, tender but at the same time too rational bending. His face appears very pale, surrounded by long raven hair that with spite of every puff of wind descend to hide his eyes decorated with delicate and almost feminine eyelashes. His lips are dry; he moistens them with the tip of his tongue, gesture which brings a shiver down my spine.
The song of the birds perched on the almost bare branches, and then further on the screeching of the tires on the wet asphalt, brings us back to the present. He smiles and two dimples on the sides of the mouth give to that man’s expression a touch of childishness.
Along the avenue, the stalls selling caramel-covered apples or toasted almond brittle, remind me of the first time I visited Paris, about thirty years ago. Nothing has really changed. Only my mood has changed over time; but the young girl, at the time a little fearful and a bit shy, gave way to a woman who pursues dreams and reveries.
Mistletoe garlands and other decorative objects with winter smells and colours attract my attention. I stop looking at the elderly seller who smokes a cigar, sitting on an old and worn straw chair. Every wrinkle is a story; the basque lowered on the forehead, hides a lively intelligence ready to confront the harshness of life.
I could find myself anywhere, in any city in Europe, yet something is different from ranting sellers in a market in Rome or from the brusque shouting of shopkeepers in the squares of Hamburg. Here the faces take on a different expression: French is such a romantic language that it softens and appeases.
Looking up, in the direction of the gray slate that gradually dyes the vault of the sky, the dome of the Sacre Coeur appears illuminated and shines as if a ray of sunlight had crept into the dark tents of the coming night.
“Viens, je t’en prie… suive-moi, ont y est presque. Derrière la prochaine route, tu vas l’adorer, mon amour!”
The words whispered in my left ear, with that deep and so sensual voice of his, tighten like crystal threads around my heart. I let myself be dragged along semi-dark corners where the light from the street lamps fails to make a breach: this is the Rive Gauche, the Saint German des Près of the artists.
Entering the small atrium, I perceive the aroma of cinnamon and orange. It appears deserted: curiously amused I walk around; passing between the shelves filled with very old dusty volumes and certainly one more interesting than the other.

Oh yes! Joshua, in his most intimate, undeniably knows my every passion. For many months he studied me carefully reading all my writings, my every poem. Who could have thought of giving me this emotion by leading me for tea in a literary Café? Who would dare to rummage among the buds hidden in the fertile earth of my intellect, and do it in such a shamelessly delicate manner?
“No, I don’t ask you how you did it – I miss a breath while with one hand I pull his scarf towards my face – you have stripped me of every secret… but now you deserve a kiss!”
I feel reddened cheeks, with extreme gentleness I place my lips on top of his and remain motionless for a few seconds.
“Thank you. It is the most beautiful surprise you could make me. Je t’adore… merci infiniment!”
I follow him through a labyrinth of corridors then to the back, an old leather sofa crumpled by the wear of time, stands at the bottom of a large secluded room. Overflowing shelves of books are lost towards the dark ceiling, the light is tenuous and soft and next to the sofa a huge silver candelabrum releases golden flames.
A large bouquet of white chrysanthemums and royal lilies decorates a corner; the scent of flowers is so intense that it eliminates the smell of cinnamon and orange that I initially perceived when entering that place. For a moment I close my eyes as I recall the immense bouquet that had accompanied the body of my beloved father on his last journey.
I try to hold back the emotion that chokes my breath and I try to chase away the anguish. The man looks at me, surprised. I betray myself as water crystals fill my eyes and then overflow and descend along my already purple cheeks. With a polite gesture the man helps me to take off the cloak that he puts it on a chair: then he passes both thumbs on my cheeks holding my head in his cold snow-white hands.
Serious, with a voice that is now worried, asks me: “What is it? Did something bring you distant memories? I perceive it in the soul that you suffer, come, and let me wrap you in my arms, so you can let the anguish out. I’m here, my love, you can trust me. Tell me your visions: I would like to share your feelings even if I later may suffer too. I can accompany you along that abyss that sometimes divides beings. I’m here for you. I’ve been waiting for you for so long, for so many years.”
I don’t know how long I hang onto that rock that brings me shelter and comfort, the storm inside me subsides and I finally manage to return to the present.
“You feel better? How beautiful you are… like that, with shining eyes… and with this dress you remind me of a lady of the early nineteenth century.”
Then he still caresses my hair by passing his long fingers through it, I feel a slight tremor and feel a tightening in my heart. My God, but why this crazy devotion? Why did fate make it known to me? When in past lives did we share the same love and who were we? Everything repeats… as in the plot of a novel of mine, and here Thanatos releases visions and memories. But Joshua is here, as real as his strong arms, with his incredible tenderness, is not a dream but rather concreteness that drags me into the pure madness of not knowing who I really am and what I pursue. I feel so vulnerable, yet so human!
“Can I order tea? Then I want to read you something special. I’m sure you’ll like it.”
He bends down to kiss my forehead and then disappears behind an olive-coloured damask curtain with large black flowers in relief.
I am blurred in perceptions, a part of me feels tightrope while the other wishes to accept its condition and temporal reality, with its obligations and its constraints.
This strange place reminds me of something indefinable, the smell of old paper, printing ink and leather is mixed together and allow so many images to resurface in my memory.

I had always loved to spend hours and hours in bookstores, leafing through the books that attracted me the most or looking for a special gift to give to a friend.
When I was studying in the United States, I discovered that in Boston there were several bookstores where you could comfortably stay and read for hours: nobody bothered by asking if you needed something specific. Sometimes I stayed there for a whole afternoon and so I ended up making friends with the people who worked there. Even later, traveling across continents, I had kept the habit of visiting, in every city, its bookstores. I had also known wonderful ones in Great Britain, places where a ghostly silence reigned and the lights were always too dim and did not allow you to sink into long readings or there was always the risk of falling asleep, curled up in some armchair.
All in those places there was not the same atmosphere that was found in the squalid public libraries, where everything is arranged according to a precise scheme and everything is catalogued. Even the smell is not the same. But perhaps even this is just my feeling because I prefer the ancient, the antique, the strange, the particular.
I close my eyes again but this time the memories are pleasant and I feel transported back in a few decades.
When I open them again, I see before my eyes the figure dressed in black who looks at me with dreamy eyes: Joshua.
“I found the volume where I left it last week! Madame Favre, the owner of this bookstore, will bring us tea with almond and honey biscuits – then he smiles at me again showing those two delicious dimples on the sides of his face – they don’t have Cantucci with Vin Santo. I am mortified.”
In his hands, he holds a large book of black leather, bound and with gilt bands engraved in relief; strange doodles in shiny metal adorn the volume.
Intrigued, I observe the hands of man caressing the skin of the book with an indescribable delicacy. I mentally feel the touch and feel my stomach tighten in a strange grip.
“It is very old; it contains great mysteries that have remained hidden for centuries.”
Again he smiles and his eyes shine in the light of the candles, I feel a touch of fear and the strange sensation begins to dilate like amber crystals left in the intense light of Sun. I don’t break the magic of that moment by asking the question that burns in my mind, I’m sure it will be something special. That’s what he did .. and every time he wanted to surprise me, he always left me appalled.
His voice caresses and seduces me, leading me along a past filled with spells that become thinner like needles to finally penetrate my flesh. Every once in a while his eyes rise from the pages to stare at me, as if to point out the emphasis of what he is reading: a look full of mystery that touches me bringing my skin to feel disturbing sensations. His mouth whispers certain words, breathes and then for a fraction of a second damped in mid-air in the rickety candlestick light. Perhaps it is the beauty of this language that manages to weave emotions of infinite sensuality and sweetness, perhaps it is the pure passion that shines through every gesture of man, perhaps it is only the inescapable need of my Nature forced to seek its traces of Soul.
It is difficult to tell every imperceptible emotion that touches on the most profound intimacy. Wrapped by the caress of his voice, I slowly slide along those crystal threads that lead the Being to vibrate with a desire for belonging. My mind runs following the plot of the story, pausing at each pause to catch my breath while Joshua, delighted, realizes my state of mind.
“I knew you would love this text… it’s like it was written for you, by your nature, for your Research! I knew… I know… I have always known you… and I am immensely happy that you are here, with me, to share this magical seduction of words.”
“Joshua – I try to answer, but my voice is full of trepidation and again, with difficulty, I can hold back my tears – please, don’t interrupt the reading… go on, seduce my Soul like you are doing! Je t’adore… oui, s’il te plaît, continue à lire.”
He smiles at me but closes the book and lays it on the low table above which our tea has already cooled. He approached with a slow movement, at first I perceive his smell that reminds me of the woods of southern India, then it is his warmth that meets my hands and my face. In the background, the oriental melodies of Loreena McKennith fill my every sense: the breath is accelerated by the pulse of the heart that seems to want to burst in my chest.
Then Joshua’s hands take my shoulders, I can’t hold his gaze for a long time and then I close my eyes. With the lightness of a flap his hair touches my face as I perceive his lips on the neck; they are warm and humid, they touch the jugular vein and then gently grasp the skin of the neck.

Everything is transformed, while with my thoughts I run beyond that place of magic that smells of ink and ancient. There is no longer the small road, there are no longer crowded bistros of shouting people and cheerful laughter, and there is no longer a shadow of the screeching of cars along the boulevards of Saint German des Près.
I find myself embraced at Joshua in the central nave of Notre-Dame, and then along the ambulatory, while he tells me the story of that majestic temple of veneration built on the remains of a pagan one dedicated to Jupiter dating back to the 3rd century. The light that breaks on the apse windows projects its multicolored kaleidoscope, creating a dreamlike atmosphere. Joshua recalls its true story… as if only he knew the existence and the reason for its construction.
Then, in confiding that secret to me in that place of magic, he kissed me making me feel every molecule of my body as it had seldom happened to me.
In that beautiful Cathedral, in the middle of the Seine on the Île de la Cité, I would have left an indelible trace that, secretly, I still guard in my heart.

(c) Claudine Giovannoni

Notre dame

Un manto di oscure nuvole ricopre il cielo di quel pomeriggio uggioso, eppure un’indefinibile gioia trascina i miei pensieri, attraverso quelle stesse viuzze dove, qualche settimana prima, un sole autunnale aveva irradiato sopra i nostri passi.
L’odore delle foglie e dell’erba bagnate solletica il desiderio di un momento d’intimità in un qualche bistrot; l’uomo ammicca divertito quasi mi avesse letto nel pensiero.
“Andiamo a berci una tazza di tè? Conosco un posticino davvero speciale non molto distante da qui, sono sicuro che l’adorerai.”
Mi stringe a sé con più forza poi mi arruffa i capelli in una carezza affettuosa e, sollevandomi il bavero del capotto, aggiunge:
“Sono mortificato, avevo ordinato per te quattro giorni di sole! Dovrò impegnarmi affinché non ti annoi. Sono così felice che hai accettato di tornare così presto, non puoi immaginare la mia gioia!”
I suoi occhi contemplano il mio viso divertito, sento il suo sguardo trafiggere la mia baldanza mentre nella sua voce percepisco una flessione indefinibile, tenera, ma al contempo fin troppo razionale. Il suo viso appare pallidissimo, contornato dai lunghi capelli corvini che con dispetto a ogni sbuffo di vento scendono a nascondergli gli occhi decorati da ciglia delicate e quasi femminili. Le sue labbra sono secche, le inumidisce con la punta della lingua gesto questo, che mi porta un brivido lungo la schiena.
Il canto degli uccelli appollaiati sopra i rami quasi spogli, poi più in là lo stridere delle gomme sull’asfalto bagnato, ci riporta al presente. Lui sorride e due fossette ai lati della bocca danno a quell’espressione d’uomo un non so che di fanciullesco.
Lungo il viale, le bancarelle che vendono mele ricoperte di caramello oppure croccante di mandorle tostate, mi riportano alla memoria la prima volta che avevo visitato Parigi, una trentina d’anni or sono. Nulla è cambiato, in verità. Solo il mio stato d’animo è mutato nel tempo; ma la fanciulla d’allora, sbarazzina ed un po’ timida, ha lasciato il posto ad una donna che insegue sogni e chimere.
Le ghirlande di vischio e altri oggetti decorativi dagli odori e colori dell’inverno attirano la mia attenzione. Mi fermo guardando il venditore in là con gli anni che fuma un sigaro, seduto sopra una vecchia e logora sedia impagliata. Ogni sua ruga è una storia, il basco calato sulla fronte nasconde una viva intelligenza pronta a confrontarsi con l’asprezza della vita.
Potrei trovarmi ovunque, in qualsiasi città d’Europa, eppure qualcosa è diverso dallo sbraitare dei venditori in un mercato di Roma oppure dal vociare brusco dei negozianti sulle piazze di Amburgo. Qui i visi assumono un’espressione diversa nella parlata: il francese è una lingua così romantica che addolcisce e rabbonisce.
Alzando lo sguardo, in direzione del grigio ardesia che a poco a poco tinge la volta del cielo, la cupola del Sacre Coeur appare illuminata e brilla come se un raggio di sole si fosse insinuato tra le oscure tende della notte che sta per giungere.
“Viens, je t’en prie… suive-moi, ont y est presque. Derrière la prochaine route, tu vas l’adorer, mon amour!”
Le parole sussurrate nel mio orecchio sinistro, con quella sua voce profonda e così sensuale, si stringono come fili di cristallo attorno al mio cuore. Mi lascio trascinare lungo angoli semibui dove la luce dei lampioni non riesce a fare breccia: questa è la Rive Gauche, la Saint German des Près degli artisti.
Entrando nel piccolo atrio, percepisco l’aroma della cannella e arancio. Appare deserto: divertita curioso attorno, passando tra le scansie ricolme di vecchissimi volumi impolverati e certamente uno più interessante dell’altro.
Eh sì! Joshua, nel suo più intimo, innegabilmente conosce ogni mia passione. Per lunghi mesi mi ha studiata leggendo con attenzione ogni mio scritto, ogni mia lirica. Chi avrebbe potuto pensare di regalarmi quest’emozione conducendomi per un tè in un ritrovo letterario? Chi avrebbe osato frugare tra i germogli nascosti nella terra feconda del mio intelletto, e farlo in maniera così spudoratamente delicata?
“No, non ti chiedo come hai fatto – mi scappa un soffio mentre con una mano tiro la sua sciarpa verso il mio viso – mi hai spogliata di ogni segreto… ma ora ti meriti un bacio…”
Mi sento le gote arrossate, con estrema dolcezza poso le labbra sopra le sue e rimango immobile per qualche secondo.
“Grazie. E’ la sorpresa più bella che potevi farmi. Je t’adore… merci infiniment!”
Lo seguo attraverso un labirinto di corridoi poi sul retro, un vecchio divano in pelle sgualcita dall’usura del tempo, troneggia in fondo ad un amplio locale appartato. Scafali straripanti di libri si perdono verso il buio soffitto, la luce è tenue e morbida e vicino al divano un enorme candelabro d’argento sprigiona fiammelle dorate.

Un grosso mazzo di crisantemi bianchi e di gigli reali decora un angolo; il profumo dei fiori è così intenso da sopprimere l’odore della cannella e arancio che avevo inizialmente percepito entrando in quel luogo. Per un attimo chiudo gli occhi mentre ritorna alla mia memoria l’immenso bouquet che aveva accompagnato la salma del mio adorato padre nel suo ultimo viaggio.
Cerco di trattenere l’emozione che mi strozza il respiro e provo a scacciare il magone. L’uomo mi guarda, sorpreso. Mi tradisco mentre cristalli d’acqua mi riempiono gli occhi per poi traboccare e scendere lungo le guance già imporporate. Con un gesto garbato l’uomo mi aiuta a togliere il mantello che ripone sopra una sedia: poi mi passa entrambi i pollici sulle guance tenendo la mia testa tra le sue fredde mani candide come la neve.
Serio, con voce ora preoccupata, mi chiede: “Che c’è? Qualcosa ti ha riportato memorie lontane? Lo percepisco nell’anima che soffri, vieni, lascia che ti avvolga tra le mie braccia, così potrai sfogarti. Sono qui, amore mio, di me ti puoi fidare. Raccontami le tue visioni:
desidero condividere con te ogni tua sensazione anche se dopo soffrirò anch’io. Posso accompagnarti lungo quel baratro che a volte divide gli esseri. Sono qui per te. Ti ho attesa e cercata così a lungo, per così tanti anni.”
Non so quanto tempo resto aggrappata a quella roccia che mi porta riparo e conforto, la tempesta dentro di me si placa e finalmente riesco a ritornare al presente.
“Ti senti meglio? Come sei bella… così, con gli occhi lucidi… e con quest’abito mi ricordi una dama d’inizio ottocento.”
Poi ancora mi accarezza i capelli passandovi attraverso le lunghe dita, percepisco un lieve tremito e provo una stretta al cuore. Mio Dio, ma perché questa folle devozione? Perché il destino me lo ha fatto conoscere? Quando abbiamo nelle vite passate condiviso lo stesso amore e chi eravamo? Tutto si ripete… come nella trama di un mio romanzo, ed ecco che Thanatos rilascia visioni e memorie. Ma Joshua è qui, reale quanto le sue forti braccia, con la sua incredibile tenerezza, non è un sogno ma bensì concretezza che mi trascina nella pura follia del non sapere chi veramente sono e cosa perseguo. Mi sento così vulnerabile, eppure così donna!
“Posso ordinare del tè? Poi desidero leggerti qualcosa di speciale. Sono sicuro gradirai.”
Si china per baciarmi la fronte e poi scompare dietro una tenda di damasco color verde oliva con grandi fiori neri in rilievo.
Sono offuscata nelle percezioni, una parte di me si sente funambola mentre l’altra desidera accettare la sua condizione e realtà temporale, con i suoi obblighi e i suoi vincoli.
Questo strano luogo mi ricorda qualcosa d’indefinibile, l’odore della carta vetusta, dell’inchiostro di stampa e del cuoio si rimescola e permettono a tante immagini di riaffiorare nella mia memoria.
Avevo sempre adorato passare ore e ore nelle librerie, sfogliando i libri che più mi attiravano oppure cercando un regalo particolare da donare ad un amico.
Quando studiavo negli Stati Uniti, avevo scoperto che a Boston c’erano diverse librerie dove si poteva comodamente rimanere a leggere per ore: nessuno ti importunava chiedendoti se necessitassi qualcosa di specifico. A volte ci restavo per interi pomeriggi e così avevo finito per fare amicizia con le persone che vi lavoravano. Anche in seguito, viaggiando attraverso i continenti, avevo mantenuto l’abitudine di visitare, in ogni città, le sue librerie. Ne avevo conosciute di stupende anche in Gran Bretania, luoghi dove regnava un silenzio spettrale e le luci erano sempre troppo fioche e non ti permettevano di sprofondare in lunghe letture o c’era sempre il rischio di addormentarsi, accoccolata in una qualche poltrona.
Tutti in quei luoghi non c’era la stessa atmosfera che si trovava nelle squallide biblioteche pubbliche, dove ogni cosa è riordinata secondo uno schema preciso e tutto è catalogato. Persino l’odore non è lo stesso. Ma forse anche questa è solo una mia sensazione poiché prediligo l’antico, il vetusto, lo strano, il particolare.
Chiudo gli occhi nuovamente ma questa volta le memorie sono piacevoli e mi sento trasportata indietro nel tempo di qualche decennio.
Quando li riapro, vedo davanti al mio sguardo la figura vestita di nero che mi guarda con occhi sognanti: Joshua.
“Ho ritrovato il volume dove l’avevo lasciato la scorsa settimana! Madame Favre, la proprietaria di questo salotto, ci porterà il tè con dei biscotti di mandorle e miele – poi mi sorride mostrando nuovamente quelle due deliziose fossette ai lati del viso – non hanno i cantucci con il Vinsanto. Sono mortificato.”
Fra le mani tiene un grosso libro di pelle nera, rilegato e con fasce dorate incise in rilievo; strani ghirigori in metallo brillante ornano il volume.

Incuriosita, osservo le mani dell’uomo che accarezzano la pelle del libro con una delicatezza indescrivibile. Mentalmente ne percepisco il tocco e mi sento stringere lo stomaco in una strana morsa.
“E’ molto vecchio, racchiude grandi misteri che sono restati occultati nei secoli.” Nuovamente sorride e i suoi occhi brillano alla luce delle candele, provo una punta di timore e la stranissima sensazione inizia a dilatarsi come cristalli d’ambra lasciati alla luce intensa del sole. Non rompo la magia di quell’attimo ponendo la domanda che mi brucia nella mente, sono sicura che sarà qualcosa di speciale. Così è fatto lui… e ogni altra volta che ha voluto sorprendermi mi ha sempre lasciato sgomenta.
La sua voce mi accarezza e seduce conducendomi lungo un passato ricolmo d’incantesimi che si assottigliano come aghi per infine penetrare la mia carne. Ogni tanto i suoi occhi si sollevano dalle pagine per fissarmi, come volesse rilevare l’enfasi di ciò che sta leggendo: uno sguardo pieno di mistero che mi sfiora portando la mia pelle a provare conturbanti sensazioni. La sua bocca sussurra talune parole, respirate e poi per una frazione di secondo smorzate a mezz’aria nella traballante luce del candelabro. Forse è la bellezza di questa lingua che riesce a tessere emozioni di sensualità e dolcezza infinite, forse è la passione pura che traspare da ogni gesto dell’uomo, forse è unicamente il bisogno imprescindibile della mia Natura costretta a ricercare le sue tracce d’Anima.
E’ difficile poter raccontare ogni impercettibile emozione che sfiora la più profonda intimità. Avvolta dalla carezza della sua voce, scivolo lentamente lungo quei fili di cristallo che conducono l’Essere a vibrare con un desiderio d’appartenenza. La mia mente corre seguendo la trama della storia, soffermandosi a ogni pausa per riprendere fiato mentre Joshua, deliziato, si accorge del mio stato d’animo.
“Sapevo che avresti amato questo testo… è come se fosse stato scritto per te, per la tua natura, per la tua Ricerca! Sapevo… so… ti conosco da sempre… e sono immensamente felice che tu sia qui, con me, a condividere questa magica seduzione di parole.”
“Joshua – cerco di rispondere, ma la mia voce è carica di trepidazione e nuovamente, a fatica, riesco a trattenere il pianto – ti prego, non interrompere la lettura… continua, seduci la mia Anima come stai facendo! Je t’adore… oui, s’il te plaît, continue à lire.”
Mi sorride ma richiude il libro e lo posa sulla bassa tavola sopra la quale il nostro tè già si è raffreddato. Si avvicina con un movimento lento, dapprima percepisco il suo odore che mi ricorda i boschi dell’India del sud, poi è il suo calore che incontra le mie mani e il mio viso. In sottofondo le melodie orientaleggianti di Loreena McKennith riempiono ogni mio senso: il respiro è accelerato dalle pulsazioni del cuore che sembra voglia scoppiarmi nel petto.
Poi le mani di Joshua prendono le mie spalle, non riesco a sostenere a lungo il suo sguardo e quindi chiudo gli occhi. Con la leggerezza d’un battito d’ali i suoi capelli sfiorano i mio viso mentre percepisco le sue labbra sul collo; sono calde ed umide, mi sfiorano la vena giugulare per poi morbidamente afferrare la pelle della nuca.
Tutto si trasforma, mentre col pensiero corro oltre quel luogo di magia che profuma d’inchiostro e antico. Non c’è più la piccola strada, non esistono più i bistrots affollati di persone vocianti e di risa allegre, non vi è più ombra dello stridere delle auto lungo i boulevards di Saint German des Près.
Mi ritrovo abbracciata a Joshua nella navata centrale della Notre-Dame, poi lungo il deambulatorio, mentre lui mi racconta la storia di quel maestoso tempio di venerazione costruito sulle vestigia di un tempio pagano dedicato a Giove risalenti al III secolo. La luce che s’infrange sulle vetrate dell’abside, proietta il suo caleidoscopio multicolore creando un’atmosfera da sogno. Joshua rievoca la sua vera storia… come se solo lui conoscesse l’esistenza e la ragione della sua costruzione.
Poi, nel confidarmi quel segreto in quel luogo di magia, mi aveva baciato facendomi percepire ogni molecola del mio corpo come poche volte mi era accaduto.
In quella cattedrale, nel mezzo della Senna sull’île de la Cité, avrei lasciato una traccia indelebile che, segretamente, custodisco tutt’ora nel mio cuore.

(c) Claudine Giovannoni

Nicholas Rossis Novels: Schism – Rise of the Prince – Mad Water – Vigil – (End Game)

n-c-rossis

More than the saga of Benioff and Weiss The Game of Thrones, “PAERSEUS” by Nicholas C. Rossis reminds me of an epic story where the reader is transported into a sacred narrative, built by cosmological events and where archetypes and symbols garble the reader.
A myth, in short, that could also be the vision of the Homeric hero Odysseus, so to speak.
In the four books “Schism – Rise of the prince – Mad water – Vigil”, we don’t find a schematic or simplified events and social phenomena, but rather a detailed sequence of events that affect  in a determinant way not only the practical behavior but also the ideological one’s of the characters.
Perhaps the author has taken pieces of history of ancient Greece, reformulated in a modern way, assembled with ingenuity and futuristic traits.

As a result of a failure on the ship Paerseus, passengers find themselves catapulted (in the true sense of the word) above the surface of an alien and alienating planet.
The survivors of the disaster are few, and what little remains of the cutting-edge technology on board the Paerseus, can only be used in part.
As time passes, the survivors are divided, and new deities to which devote the judgment of good and evil, takes allegorical form.
It striking emerges the truth that the human being, even far from his home planet, carries with him the most terrible DNA components: the thirst for power and the research of the absolute hegemony.
And here, the function of the inconsistent presences such as “Orbs” and “Whispers”, seem likely to affect the evolution of the descendants of the survivors. Or even, they are the cause of the accident itself occurred to the starship Paerseus.
The facts are not taking place in a futuristic dystopian environment on Earth, but on another planet on which the human race has restarted a new life…

The myth as we conceived it today, is mixed with fantastic unreal and from the author’s creativity come alive beings who behave in a very similar way to the people who, over the centuries, have dominated our planet Earth.
A sort of historic déjà-vu, which can also generate a bit of confusion in the reader, when you consider the amount of protagonists, antagonists, helpers and opponents divided into various groups.

A saga of pleasant reading, very compelling, which requires a particular concentration (perhaps in my case because I’m not native English speaker). Now I look forward to read the last book: End Game…

Buy on Amazon

 

Più che la saga di Benioff e Weiss Il Trono di spade, “PAERSEUS” di Nicholas C. Rossis mi ricorda una storia epica dove il lettore è trasportato in una narrazione sacra, costruita da avvenimenti cosmogonici e dove archetipi e simboli travisano il lettore.
Un mito, insomma, che potrebbe anche essere la visione dell’eroe Omerico Ulisse, per intenderci.
Nei quattro libri “Schism – Rise of the prince – Mad water – Vigil”, non ritroviamo una rappresentazione schematica o semplificata di eventi e fenomeni sociali, bensì una sequenza dettagliata di avvenimenti che influiscono in modo determinante non solo il comportamento pratico ma anche quello ideologico dei personaggi.
Forse l’autore ha ripreso spezzoni di storia dell’antica Grecia, riformulati in chiave moderna, assemblati con ingegno e dai tratti futuristici.

A seguito di un guasto sull’astronave Paerseus, i passeggeri si ritrovano catapultati (nel vero senso della parola) sopra la superficie di un pianeta alieno e alienante.
I superstiti alla sciagura sono pochi, e quel poco che resta della tecnologia d’avanguardia a bordo del Paerseus, non può che essere utilizzato in parte.
Col trascorrere del tempo, i sopravvissuti si dividono, e nuove deità alle quali dedicare il giudizio del bene e del male, prendono forma allegorica.
Emerge frappante la verità che l’essere umano, anche lontano dal suo pianeta d’origine, porta nel DNA le componenti più terribili: la sete di potere e la ricerca dell’egemonia assoluta.
E qui, la funzione delle presenze inconsistenti quali gli “Orbs” e “Whispers”, sembrano influire in modo determinate sull’evolvere dei discendenti dei sopravvissuti. O addirittura, sono la causa stessa dell’incidente occorso all’astronave Paerseus.
I fatti non si svolgono in un ambiente distopico futuristico terrestre, bensì su di un altro pianeta sul quale il genere umano ha riavviato una nuova esistenza…

Il mito come da noi oggi concepito, si mescola al fantastico irreale e dalla creatività dell’autore prendono vita esseri che si comportano in modo molto simile ai popoli che, nei secoli, hanno dominato sul nostro pianeta.
Una sorte di déjà-vu storico, che nella lettura può generare anche un po’ di confusione, se si considera la quantità di protagonisti, antagonisti, aiutanti e oppositori suddivisi in vari gruppi.

Una saga di piacevole lettura, molto trascinante, ma che richiede una particolare concentrazione (forse nel mio caso poiché non sono di madre lingua inglese). Ora attendo di poter leggere il proseguo: End Game

Per l’acquisto su Amazon

 

 

20 Questions with Claudine Giovannoni

Claudine, interviewed by Don Massenzio

Author Don Massenzio

Today we sit down with author Claudine Giovannoni.  She is going to tell us about her inspiration and work.

Please enjoy this edition of 20 Questions:


claudine-giovannoniQ1) When did you first realize you wanted to be a writer?

I loved to intrigue people with my stories since I was able to speak… I always kept a diary and when I started flying around for work, I used to write down many things from my feeling, the countries I visited, the people I met, about their habits… albeit some funny and some sad stories.

Q2) How long does it typically take you to write a book?

A couple of years. I am never in a hurry, and the ideas have to first ripen… priorities are my kids and family, my cats… I am morally involved protecting fauna and flora (my husband is the World Wildlife Foundation – WWF president in southern…

View original post 1,218 more words

Books are pieces of dreams… I libri sono frammenti di sogni

Copertine_romanzi

Inside my novels, there is a common dream aiming to change the world for a better place for humankind… You will find appealing descriptions of places far away, you may travel with the characters on airplanes and sailboats, you will plunge into unrevealed mysteries and you will feel the shiver realizing that most of it are realities behind a closed door.
The last book “The Annwyn’s Secret” is available in English on Amazon.com, for the other books you can order them (Italian versions) directly here.

…oOo…

Tra le pagine dei miei libri, c’è un sogno comune di cambiare il mondo facendolo diventare posto migliore per l’umanità… Nei romanzi, troverete accattivanti descrizioni di luoghi lontani, viaggerete seguendo i personaggi su aerei e barche a vela, vi immergerete in misteri non rivelati e percepirete un brivido realizzando che la maggior parte di quanto scrivo sono realtà dietro una porta chiusa.
L’ultimo romanzo “Il Segreto degli Annwyn” è ora disponibile in inglese su Amazon.com, gli altri libri(versione italiana) puossono essere ordinati direttamente qui.

Do you want to meet her?

Chrysalis will tell you her story…
after the success of the original version in Italian, the novel “The Annwyn’s Secret” is purchasable on Amazon.com in English.
Don’t miss the chance for the special discounted price for £ 7.99! Get your copy now…

Get your copy here on Amazon.co.uk

Copertina_Inglese_The_Annwyn's_Secret

By the way… if you need the original version in Italian, click on the link below.

A proposito… se desideri ordinare la versione originale in lingua italiana, accedi al link

 

Per ordinare la versione italiana del romanzo

copertina_finale

.

Regalare un’emozione…

 

ISBN  978 88 98018 07 09  

Si può ordinare in tutte le librerie in Svizzera… ma per esperienza è più veloce richiedere direttamente all’autrice  🙂

Al costo di  FRS 27.-  oppure EUR 27.- (incluse spese postali)   riceverete il romanzo   direttamente al vostro domicilio  in tutta l’Europa.

.

Per l’ordinazione, compilate il modulo sottostante, io riceverò per posta elettronica la vostra richiesta.   Per favore inserite nel “commento” il vostro indirizzo postale dove desiderate ricevere il libro e l’eventuale dedica (ad esempio il nome del destinatario del romanzo), la consegna sarà entro 7 giorni.

Per il pagamento: se utilizzate PAYPAL vi invierò una richiesta di pagamento.Per favore inserire il vostro indirizzo di posta elettronica nel riquadro-commento sottostante. A pagamento avvenuto, procederò con l’invio del romanzo all’indirizzo postale fornito.

Se preferite effettuare un pagamento bancario:   CH 83 0483 5050 2339 3000 0  Credit Suisse AG – Zurigo a favore di Claudine Giovannoni

.

 

.

Grazie per condividere!   Serene festività…    :-)claudine

.

M. R. Morales: a Guatemalan writer of fiction or reality?

I enjoyed both novels, but the second one has left me stunned!

The subtle humor of Mario Roberto Morales, emerges from time to time, but the puns aimed at the truth about his beloved country are effective. After all, is not a fiction invented from scratch... but rather an historical account embellished with sagacity.

Unfortunately it is available (for now) only in Spanish.

Obraje novel by Mario Roberto Morales

“Obraje” is a story within a story…
The premise of M.R. Morales allows us first to taste the genesis, linked to his own life and spread to Central American socio-political conditions of that period.
Even with this introduction, the reader’s curiosity increases, making him feel almost privileged.
Over 40 years, these pages of exquisite simplicity narrative remained hidden.
Friends of Morales were kidnapped and killed, the war has deeply marked the consciousness of the Central American people, leaving an indelible mark in the same “Pacha Mama”.

Nothing is left to chance, I would tell Mr. Morales: it was fate that Obraje could again see the light so that the vicissitudes of the Guatemalan people could be read in a text which for its narrative power, reminds me vaguely Allende’s “The House of the Spirits”, written in the early ’80s.    [read the whole review ]

“Obraje” è una storia nella storia…
La premessa di M.R. Morales ci permette dapprima di assaporare la genesi, legata alla sua stessa vita e alle condizioni socio-politiche centroamericane di quel periodo.
Già con questa introduzione, la curiosità del lettore accresce, facendolo sentire quasi un privilegiato.
Nel corso di 40 anni, queste pagine di squisita semplicità narrativa sono rimase celate.
Amici di Morales sono stati sequestrai e uccisi, la guerra ha segnato profondamente la coscienza del popolo centro-americano, lasciando tracce indelebili nella stessa “Pacha Mama”.

Nulla è dato al caso, mi sento di riferire all’autore Morales: era destino che Obraje potesse nuovamente vedere la luce affinché le vicissitudini del popolo guatemalteco potessero essere lette all’interno di un testo che per la sua forza narrativa, mi ricorda vagamente “La Casa degli Spiriti” di Allende, scritto agli inizi degli anni ’80.   [leggi la recensione completa]

Jinetes en el cielo novel by Mario Roberto Morales

The narrative vitality of Morales transported me to a dizzying pace, typical of the auto-biographical style, within the always very current reality of war for power in Central America.
Revolutions, corruption, protests, drugs and oligarchy… political and social problems that are rampant since several decades in the Central and South American countries, have also been objects of movies (I remember eg. the bloody “Salvador” by Oliver Stone).
I admit that it is thanks to the Swiss-Guatemalan writer Tito Bassi, that I approached with growing curiosity the literature that handles this topic.
The decline and the social and economic inequality, are the foundation of the plot on which the author inserts, page after page, a vibrant and disarming precariousness of the human being.
It is not fiction: it is well known that Guatemalans political parties receive 50% of their funding through corruption, of which ¼ elite of the rich and businesses and a further ¼ by criminal organizations.
Consequently Morales manages to give voice and make palpable through of the “narrating I” of the journalist Fabian Algara, the statement that “Guatemala is the perfect nation to commit electoral crimes without consequences” (source: CICG).

[read the whole review]

La vitalità narrativa di Morales mi ha trasportata ad un ritmo vertiginoso, tipico dello stile auto-biografico, all’interno della sempre attualissima realtà delle guerre di potere in centro America.
Rivoluzioni, corruzione, proteste, narcotraffico, oligarchia… problemi politici e sociali che da parecchi decenni dilagano nei paesi centro e sud Americani, sono anche stati oggetti di film (ricordo ad es. il sanguinoso “Salvador” di Oliver Stone).
Ammetto che è grazie allo scrittore svizzero-guatemalteco Tito Bassi, che mi sono avvicinata con sempre maggiore curiosità alla letteratura che tratta questa tematica.
Il declino e l’ineguaglianza sociale ed economica, sono alla base della trama sulla quale l’autore inserisce, pagina dopo pagina, una palpitante e disarmante precarietà dell’essere.
Non è finzione: è risaputo che i partiti politici guatemaltechi ricevono il 50% dei loro finanziamenti attraverso la corruzione, della quale ¼ dall’élite dei ricchi e commerci e un ulteriore ¼ dalle organizzazioni criminali.
Conseguentemente Morales riesce a dar voce e rendere palpabile, per mezzo dell’io narrante del giornalista Fabian Algara, l’affermazione che “il Guatemala è la nazione perfetta per commettere crimini elettorali senza conseguenze” (fonte: CICG).

[leggi tutta la recensione]

.

.

The world of “The Annwyn’s Secret” after the cataclysm of 2022

picture’s copyright  taylorsdigibramantyoibam.wordpress.com

 to receive updates, subscribe to the blog  *  per ricevere aggiornamenti, iscriviti al blog

The world of “The Annwyn’s Secret” after the cataclysm of 2022

Tito Bassi: a writer of visceral emotions * scrittore d’emozioni viscerali

Tito Bassi

I was not even twenty when I first met Tito: he was a fascinating person, singular and unreachable. Or at least if I considered all the stories and rumors going around about him! He was emanating a strange aura, his smile was captivating, and his strange accent made me smile.

I saw him again on an island in the Caribbean Sea, a few years later. A meeting unfortunately superficial, of which I vaguely remember the thrill and embarrassment. For a misfortune, not necessarily coincidental, ten years later a planned trip from Mexico to Guatemala, had been canceled at the last moment. Then the contacts became sparse. Remained, however, the memory and the curiosity to know what had become of the Guatemalan“, as my dad called him.

But fate weaves its plots without ever asking the actors for permission! When I found myself with his first book in my hands, in the presence of the publisher with whom I published as well, I felt relieved. Tito was still alive and well… who doesn’t die, we review! So, reading with curiosity and fun, I started to know Tito. The real one.

His style of writing is direct, raw and without frills and can sometimes leave the reader stunned. Yet in his autobiography (still tied to his homeland) are not overlooked the details, told with great sincerity and meticulousness.

Perhaps out of modesty or confidentiality, the author admits to have left out names, but many cliches bring the reader to the reality of the author childhood to adulthood. If I liked to go back in time through Insubria northward part I and II  ,   El Mulino del oso  gave me a moment of relaxation and escape. These three novels that I believe strictly selfbiographical , allow us to take part even viscerally to the writer’s emotions. The narrator goes from the action and sharing of real events to the moral considerations more linked to a deep analysis, not to mention a healthy dose of sarcasm.

But what I hoped, even after reading Insubria northward part I  and  Insubria northward part II, was a continuation .. I wanted a confession of what the author, left the homeland, had found over the ocean! These are the stories of expatriates looking for a dream“, a chimera that had transported them along treacherous paths, most often toward a fate that did not provide a return on their steps. These are the stories shared by our ancestors at the end of 800, but it is a reality still strongly present novadays.

Wherever there are people who seek a better life, perhaps aspiring to wealth or even the desire to find “their” place in the Universe. I wanted to know the Guatemala through Tito’s words and emotions, by his intimate and subjective vision that would have painted the scenery in a unique and personal way.

Reading his unpublished novel Livingston, chapter after chapter, I realized that tenuous thread made of adventure, tying each story and testifying the very nature of the author. I admit that the emotion caught me in the act: between laughter and sadness. With him, as if he were there by my side, I went through the dusty streets savoring the smells and sensations transported by his pen on paper. Is a tiny pearl, which I hope, will be published and translated into several languages.

Maybe Tito ought to have dedicate greater determination to the writing; the narrative verve is congenital and I’m sure there is still much to discover in this man who struggle with honesty, leaving a unique and very special testament for those who want to seize the moment and get carried in a hard and cruel world where every day you have to fight for youself and for dignity. Well, as he reminds us: Good and evil are present and occur spontaneously depending on how you stimulate, you create or tame. Then from you it depends to forge allies real or mythological that accompany you, which create you an image and that basically protect you“.

..o~O~o..

Non avevo ancora compiuto vent’anni quando ho conosciuto Tito: era una persona affascinante, singolare ed irraggiungibile. O almeno se consideravo tutti i racconti e dicerie che giravano sul suo conto! Lui emanava una strana aura, il suo sorriso era accattivante, e il suo strano accento mi faceva sorridere.

Lo rividi su di un’isola nel Mare dei Caraibi, qualche anno più tardi. Un’incontro purtroppo superficiale, del quale ricordo vagamente emozione e imbarazzo. Per una sventura, non necessariamente casuale, una decina d’anni più tardi un programmato viaggio dal Messico fino in Guatemala, era stato disdetto all’ultimo momento. Poi i contatti si son fatti radi. Permaneva però il ricordo e la curiosità di sapere cosa ne fosse stato del “guatemalteco”, come lo chiamava mio padre.

Ma il destino tesse le sue trame senza mai chiedere il permesso agli attori! Quando mi ritrovai tra le mani il suo primo libro, in presenza dell’editore col quale aveva pubblicato pure io, mi sentii risollevata. Tito era ancora vivo e vegeto… chi non muore, si rivede! Così, leggendo con curiosità e divertimento, ho iniziato a conoscere Tito. Quello vero.

Il suo modo di scrivere diretto, crudo e senza troppi fronzoli, a volte può lasciare il lettore basito. Eppure nella sua autobiografia (ancora legata alla sua terra natia) non sono trascurati i dettagli, raccontati con estrema sincerità e meticolosità.

Forse per pudore o riservatezza, l’autore ammette di avere tralasciato dei nomi, ma molti luoghi comuni riportano il lettore alla realtà della sua fanciullezza fino all’età adulta. Se ho apprezzato ritornare nel tempo attraverso “Insubria verso nord I e II”, il  Mulino dell’orso  mi ha regalato un momento di distensione ed evasione. Questi tre romanzi che ritengo prettamente auto biografici, ci permettono di prendere parte in modo anche viscerale alle emozioni dello scrittore. L’io narrante spazia dall’azione e condivisione di fatti realmente accaduti, alle considerazioni morali e più legate ad un’analisi profonda, senza trascurare una buona dose di sarcasmo.

Ma ciò che speravo, già dopo la lettura di  Insubria verso nord I Insubria verso nord II, era un proseguo… desideravo una confessione di ciò che l’autore, partito dalla patria, aveva trovato oltre l’oceano! Queste sono le storie di espatriati alla ricerca di un “sogno”, di una chimera che li aveva trasportati lungo percorsi insidiosi, il più delle volte verso un destino che non prevedeva un ritorno sui propri passi. Sono le storie che accomunano i nostri avi alla fine del ‘800, ma è pur sempre una realtà tutt’ora fortemente presente.

Ovunque ci sono persone che cercano una vita migliore, forse aspirando alla ricchezza o anche solo al desiderio di trovare il “loro” posto nell’Universo. Volevo poter conoscere il Guatemala attraverso le parole ed emozioni di Tito, per mezzo della sua visione intima e soggettiva che avrebbe dipinto lo scenario in modo unico e personale.

Leggendo questo suo romanzo inedito Livingston, capitolo dopo capitolo, ho realizzato che quel sottile filo fatto d’avventura, legava ogni singolo racconto a testimonianza alla stessa natura dell’autore. Ammetto che l’emozione mi ha colta in flagrante: tra ilarità e tristezza. Con lui, quasi fosse lì al mio fianco, ho ripercorso quelle strade polverose assaporando gli odori e sensazioni trasportate dalla sua penna su carta. Una piccola perla, Livingston, che mi auguro, potrà essere pubblicata e tradotta in più lingue.

Forse Tito avrebbe dovuto dedicarsi con maggiore determinazione alla scrittura; la verve narrativa gli è congenita e sono sicura che c’è ancora tanto da scoprire in quest’uomo che lotta con onestà, lasciandoci un testamento unico e davvero speciale per chi vorrà cogliere l’attimo e farsi trasportare in un mondo duro e crudele dove ogni giorno si deve combattere per sé stessi e per la propria dignità. Ebbene, come lui stesso ci ricorda: “Il bene ed il male sono presenti e si manifestano spontaneamente a seconda di come si stimolano, si creano o si domano. Poi da te dipende forgiare gli alleati veri o mitologici che ti accompagnano, che ti creano  un’immagine e che in fondo ti proteggono”.

.

Alberto Jelmini: a new enchanting literary surprise * una nuova incantevole sorpresa letteraria

claudine e alberto

Ho conosciuto Alberto Jelmini parecchi anni or sono… avendo iniziato il mio percorso letterario, necessitavo di un magister che mi aiutasse a migliorare le mie lacune ed affinare il mio stile. Così iniziai a frequentare il suo corso di scrittura creativa con estremo coinvolgimento: i risvolti sono ormai conosciuti!

Negli anni ci siamo trovati a discutere di filosofia, di storia, di teologia, di sogni e di utopie… lasciandoci trasportare in una vera amicizia che è sfociata nella raccolta di poesie “Tracce”. Alberto è per me un punto di riferimento e ogni storia che trasporto su carta, lui è il primo a leggerla dandomi il suo parere e facendo l’editing iniziale.

È per me una grande gioia poter condividere con voi la sua nuova pubblicazione (in lingua italiana):

 

“Affetti su carta”

edizioni Ulivo – Balerna

Si tratta di un carteggio, risalente allo scorso secolo, tra Eugenia Jelmini (nonna di Alberto) e il figlio Luigi (padre dell’autore). Una sessantina di lettere, dalle quali traspaiono gli affetti famigliari, il dolore e le difficoltà causate dal distacco, e che rappresentano un affresco della vita contadina in un villaggio di montagna in tempo di guerra, contrapposta alla vita di uno studente in una cittadina che pure avverte le difficoltà del momento e anzi le tocca con mano accogliendo quasi giornalmente centinaia di prigionieri feriti di ambo i contendenti.

Inoltre si ritrovano le gustose aggiunte della sorellina Maria (IIIa elementare), che ragguaglia il fratello su tutto quanto riguarda gli animali della fattoria. Il testo è arricchito da un “racconto fotografico” composto con foto d’epoca e una ventina di disegni a colori dell’artista Giulia.

Con la prefazione del Prof. Bruno Beffa e l’analisi linguistica di Guido Pedrojetta.


In pre-vendita, potete contattare direttamente l’autore   albertojelmini@hotmail.com   per riservare il vostro esemplare

con dedica personalizzata a fr. 25.-

 

DSC00185

In primavera seguiranno delle presentazioni pubbliche ad Ambrì, Giornico e nel locarnese. Sarà mia premura aggiornarvi sul Blog….

Keep dreamings * sempre sognando

Estratto dal romanzo Piccoli passi nella Taiga

 

Estratto dal romanzo Il segreto degli Annwyn

About me…

IMG_1895

This time of the year, either because of the upcoming holidays as well as the usual fatigue accumulated during months, I don’t feel very creative.
Fortunately, with the arrival of Cocoa, although he has not taken the place of my beloved Ebony who died last September 17, my heart is filled with joy!
I should complete so many things unfinished I should make a list quite long by bringing the priorities, but this has never been my strong point.
Fortunately, the law of attraction works (and my karma urges) so even my latest creation (see the
graphic image on the wall of Taiga’s dream) is ready to be given at the mercy” of a publisher.
Keep your fingers crossed

*

In questo periodo dell’anno, vuoi a causa delle festività imminenti come pure della solita stanchezza accumulata durante mesi, non mi sento creativa.
Fortunatamente con l’arrivo di Cocoa, anche se non ha preso il posto della mia adorata Ebano morta lo scorso 17 settembre, il cuore mi si è riempito di gioia!
Dovrei portare a termine così tante cose incompiute… dovrei fare una lista parecchio lunga inserendo le priorità, ma questo non è mai stato il mio punto forte.
Fortunatamente la legge dell’attrazione funziona (ed il mio karma sollecita) così anche la mia ultima creazione (vedi sull’immagine il lavoro grafico di Piccoli passi nella Taiga) è pronta per essere data “in pasto” ad un editore.
Tenetemi le dita incrociate…

Cocoa sleepy

IMG_1914

IMG_1918

 

 

 

 

 

 

Cocoa is tired and he doesn’t want to leave the soft bed of his human friends!

Cocoa è stanco… e non ha voglia di lasciare il morbido letto dei suoi amici umani!

Chrysalis’ young fans * giovani ammiratori di Chrysalis

IMG_0764

 

I wrote this novel especially for them, the young!
I wish I could bring more awareness to our moral obligation towards the planet Earth with a mixture of modern fairy tale and educational romance that deals with the theme of the “journey and the contrast between good and evil.

*

Questo romanzo l’ho scritto specialmente per loro, i giovani!
Desidero poter portare maggiore consapevolezza sul nostro obbligo morale verso il pianeta Terra… con un misto di fiaba moderna e romanzo formativo che tratta il tema del “viaggio” e del contrasto tra bene e male.

 

Il Segreto degli Annwyn * The Annwyn’s Secret

L’Orologio [pensieri da: Il gioco delle perle di vetro – H. Hesse]

casa_camuzzi

I walk with bowed head, looking at the tip of my gym shoes smeared with mud, as I fear that my steps might awaken the souls of the past who have stayed in this magical place. But I just leave confused traces where the grass does not cover the passage, which overlaps with those of a dog or perhaps a plump cat.

The scents of grass and wet earth are tinged, but most of all the acrid smell of smoke emerges. The clock overlooking the stairs to the park marks 2:00 but it is almost night. Who knows for how many years has stopped working? With the imagination I can imagine the noble women who were facing from the balcony, to spy who wandered down below in the park philosophizing. I smile at this bizarre idea while I try to remain vigilant, ready to flee at any sudden noise or shadow.

The yellowish façade’ plaster is crumbling, eroded by centuries while ivy is a reddish patch that looks like stale blood, violently clinging to the iron bars of the windows with half-closed shutters. Who knows what else is hidden from view of the curious sparrows that have woven bushy stems under those baggy parapets! Fragile nests, unusual homes of winged and ephemeral dreams. Those of once, those that will be, the same as ever, those of everyone.

And here everything is decadent and deprived of its original beauty: those Baroque frills are now just a tangle torn in several places. How could it be so neglected in the last century? What will become of this park? What will succeed in pursuing the thirst for wealth of those who wanted, even here, to speculate on a property even on the list of cultural heritage? The thought flows around and without effort sees the previous facts in the region… so many… too many!

The evening sun is hidden behind thick clouds dark and menacing, ready to be torn to unleash their liquid fury above the ground already soaked and slippery. The swallows fly low, almost to verge on the top of the old trees that will be soon cut.

Here read the whole story  –  qui leggi l’intero racconto

 

 

Synopsis romanzo Il Segreto degli Annwyn

 

Multiple visions related to the adventure of Chrysalis, the young protagonist of the novel “The Annwyn Secret.” The synopsis, written by my Portuguese friend Pedro de Almeida Freire, soon I’ll insert the english translation!

***

Molteplici visioni legate all’avventura di Chrysalis, la giovane protagonista del romanzo “Il Segreto degli Annwyn”. Vi lascio la synopsis scritta dall’amico Pedro Freire de Almeida, nella versione oridinale in lingua portoghese e traduzione in italiano.

 

Piccoli passi nella Taiga: i personaggi

descriptive card of the character  ¦¦  scheda descrittiva del personaggio

female young adult character: Vladimira O’Floinn

Vladimira 3a

drawing ©Michele Tanner

 

.

GENERALITA’

Nome: Vladimira O’Floinn (figlia di Fiona Moira del 1978 e Yuri Georgijevič Zarkovskij del 1968)

Razza: caucasica (per metà irlandese e l’altra metà russa)

Luogo di nascita: Dublino – Irlanda

Data di nascita: 1996   (16 anni nel 2012)

Dimora: Greystones, sulla costa irlandese vicino a Dublino, in prossimità del mare. Vive lì coi nonni Darrah e Dáirine e la mamma Fiona Moira in una grande casa circondata da un vasto giardino.

.

[see more  * leggi il resto!]

 

Abstract of The Annwyn’s Secret * riassunto de Il Segreto degli Annwyn

 

drawing©RadoJavo

 

For an assignment of 4a. high-school, my son Emanuele Giosuè chose my latest novel…

Per un compito scolastico di 4a. media, mio figlio ha scelto l’ultimo romanzo…

HERE you go to the whole text: english and italian

Shadows & shamans

Siberian_Wolf_In_Snow_Fields_600

The light filters through the thick curtains, a cold shiver shakes me and at the same time I realize to have fallen asleep for several hours. A strange scratching of nails on the wood makes me jump up like a spring.
– Who is it?
My voice wobbles, thick, while I rushly wrap myself in a blanket. The air became colder since in the brazier remains only grayish coals that give off a faint white smoke’s blows.
– Come in, now I’m awake.

[for some more… click to this link]

 

La luce filtra dalle spesse tende, un brivido di freddo mi scuote nello stesso tempo realizzo d’essermi assopita e d’avere dormito per diverse ore. Uno strano raspare di unghie sul legno mi fa scattare in piedi come una molla.
– Chi è?
La voce traballa, impastata, mentre mi avvolgo con foga nella coperta; l’aria si è fatta più fredda e nel braciere restano solo dei tizzoni grigiastri che sprigionano una fievole spira di fumo bianco.
– Avanti, ormai sono sveglia.

[cliccare sul link per visualizzare il testo]

The melodies of the heart * Melodie del cuore

 interno_vagone

*

leggete l’estratto cliccando sul link

*an excerpt from the new novel  Taiga’s Dream * Piccoli passi nella Taiga

First sketches – the main character takes shape

.

A long story to tell… read here   ***   leggi qui l’introduzione al progetto grafico

Il blog del nuovo romanzo in lavorazione

taigasdream.wordpress.com

Fiona Moira O’Floinn

Fiona Moira O'Floinn

Durante la fase di progettazione e studio per la stesura di un nuovo romanzo, è necessario preparare una sorta di “schema riassuntivo” che prevede pure le schede con le generalità dei protagonisti. Nelle schede, man mano che il racconto prende forma, vengono aggiunti i particolari e dettagli che sono poi riportati fedelmente sulla lavagna magnetica… io non utilizzo programmi PC!

see the link:     Fiona Moira O’Floinn

During the study and design process for the drafting of a new novel, it’s necessary to prepare a “summary diagram” that also provides the cards with the identity of the protagonists. In the cards, as the story takes shape, are added all the details and the specific references which will be reported faithfully on the magnetic board … I do not use PC programs!

Piccoli passi nella Taiga *** il nuovo blog del romanzo

A piccoli passi anche quest’ultima avventura ha preso forma, consistenza, forza e determinazione. Ma questo è solo l’inizio! Buon viaggio…

click on the  link:

Piccoli passi nella Taiga [gli sciamani del Lago Baikal]

By taking small steps also this latest adventure has taken shape, texture, strength and determination. That’s the beginning! Enjoy your ride…

Non un semplice libro… * Not a simple book…

Desiderate sorprendere un famigliare o un amico?

.

.

Il Segreto degli Annwyn:   un’avventura che resterà indelebile…

A questo link potete lasciare i vostri dati personali, per e-mail riceverò la vostra ordinazione e vi spedirò all’indirizzo desiderato il romanzo con dedica personalizzata e già decorato come pacco-regalo!

Il costo? Tutto compreso fr. 28.- franco domicilio…

There are a couple of wonderful news I love to share with you: the editing of the novel is in progress… and soon “The Annwyn’s Secret” will be published in English!
And most likely in a few months I’ll be able to give you some informations about a possible movie… the story of Joshua and Chrysalis shall come to life!

Nuovo romanzo “Le Guardiane” di Isa Thid

 

51yx4rpg-il-_sy346_

Amanda, capelli rossi e un baule pieno di spezie, libri e tarocchi comprati qui e là, nelle bancarelle dell’usato. Ha appena finito di arredare il suo nuovo appartamento nel centro di Torino ed è pronta a crollare sul divano, ma si accorge di una strana presenza: una creatura fatata sta bisticciando col suo gatto Nero.
Visto che è una ragazza pratica, Amanda lascia perdere le formule magiche e decide di affrontare la minaccia con un coltello da filetto. Miro, però, non ha intenzioni ostili. E’ solo un giovane elfo che si nasconde per sfuggire ai suoi nemici e ha nostalgia di casa, a cui non può tornare. Così Amanda e la sua amica Ersilia decidono di aiutarlo, senza sapere in che guaio si stiano cacciando. Si ritrovano a seguire Foghara Selene, l’ultima strega Guardiana, che risveglierà in loro il potere degli elementi.
Nel loro viaggio inaspettato Amanda ed Ersilia, Miro e Foghara si battono per la salvezza del popolo fatato, tra rituali pagani e folklore zingaresco.

 

Qui per ordinare il romanzo si Amazon.com

Dune nel Deserto (racconto)

Lo sguardo corre, seguendo i contorni del pensiero, sospinto giù dalla brulla collina rotola fino a raggiungere le rive del lago. In un mattino di fine inverno che ha ancora il sapore del caffè amaro, sorseggiato con gusto e diletto; è un nuovo giorno dove la mente imprigionata in questo corpo, ritroverà i suoi limiti, le sue paure e si confronterà con le muse ancestrali.
Ma per me è così ogni giorno. Raggi intinsi di tenue ambra, feriscono occhi che non dovrebbero osservare quelle lucenti spade fatte di guizzi e danze tra le fronde delle palme.
Ma come poter trattenere il pensiero? Esso vola, veloce, oltre le sponde del lago che ora pacato come specchio d’ardesia, anche il soffio del vento disdegna. Poi attraversa tempo e spazio, sfugge a rovistare dove ricordi attendono d’esser risvegliati e poi condotti fuori per mano. Varca i confini dettati dalla dimensione umana, là ben oltre, lo spazio infinito delle percezioni dimentiche di circoscrizione. Raggiante quindi, assetato di sensazioni da rivivere, il pensiero mi sospinge ad afferrare l’emozione per poi scagliare la mia coscienza tra le braccia acclamanti d’un sogno del passato.

Inizialmente mi ribello, poi mi lascio sedurre da quel torpore dolce e passionale che solo il pensiero sa trasmettere. Sorrido a me stessa, conscia, ancora una volta, di troppo facilmente arrendermi alle sue lusinghe che inevitabilmente mi riconducono alla sofferenza.
Ogni ricordo, trascina con sé la dualità ineffabile del bene e del male. Entrambe tracce marcate a fuoco sulla pelle d’ogni Essere, gestite a volte in maniera incoerente dacché non seguono il corso virtuoso della saggezza ma bensì quello dissoluto ed irriverente della Passione.
Non possiamo imparare dagli errori del passato, sempre tendiamo a perseverare nelle ottusità seguendo uno schema che portiamo accollato al nostro spirito… Ma già il pensiero inizia a volare con dignità propria della sua natura, mi abbandono per un attimo in preda al panico iniziale ma poi, leggera come l’inconsistenza dell’aria, lo afferro trattenendomi avvinghiata alle sue molteplici sfumature…
Chiudo gli occhi, mi affido al suo odore di paure e piaceri sconfinati mentre penetra in me l’oblio della pace dei sensi. Ritornano quindi i ricordi di esistenze precedenti, scene mai obliate dalla mia mente assumono consistenza; lentamente mi lascio stregare, trascinare e dolcemente mi addormento.

E nel sogno, il sole arabesca la frescura delle palme che ricamano ombre allungate sulla sabbia. Riaffiorano i destrieri dalle criniere al vento ed i cavalieri erranti padroni delle distese di sabbia sconfinate.
Osservo la scena da rispettosa distanza, cercando di nascondere il viso con la lunga garza azzurra saggiamente avvolta attorno al capo. Un’unica fessura minuta, affinché gli occhi possano guardare con marcato stupore ed ammirazione curiosa.
Non dovrei trovarmi qui. Mi è stato più volte vietato di risalire la sponda orientale dell’Eufrate alla ricerca di tesori nascosti. Ma il mio spirito ribelle non accetta compromessi, il desiderio pungente di evasione ed emozione è lo scotto col quale pagare una vita di vezzi e lusso tra mura marmoree di palazzi dalle mille stanze.
Sono quella che sono, baciata da nobiltà di rango, ma in questi luoghi resto una donna, che agli occhi del mio popolo significa sottomissione.
La brezza si è trasformata in vento pungente il quale con ogni folata riempie di sabbia le pieghe del mio abito accecandomi. Ma è troppo eccitante guardare i cavalieri, sentire le loro grida inneggiare “Bism Allah”e “Allah Akbar” (Dio è grande) mi sento come paralizzata ed i miei occhi seguono concitati le corse dei destrieri. Libertà, infine! Questo indescrivibile sublime sentimento che non può essere acquistato o mercanteggiato, ma bensì unicamente conquistato con determinazione e… talvolta con la morte.

Qui trovi la continuazione del racconto, clicca per accedere!

The Annwyn’s Secret: soon on ebook & kindle

 

Copertina_modificato_eng

 

http://annwynsecret.wordpress.com

Piccoli Passi nella Taiga * Gli sciamani del lago Baikal [Taiga’s Music]

Baikal – Siberia – Russia copyright Michele Tanner

Nuovo romanzo * new novel       (work in progress)

Forse Zosim, quale dignitoso russo, non conosce particolarmente bene la tenacia delle donne irlandesi o forse solamente è la profonda amicizia che ci lega a renderlo così protettivo. Forse ancora, anche lui non è convinto al cento per cento delle competenze di Vladilen…o magari si è accorto della follia alla quale andavamo incontro? A fatica trattengo la risata che mi solletica in gola; fortunatamente siamo sole, io e mia figlia. Vladimira è nuovamente assorta ad ascoltare l’MP3 mentre prende note nel suo libro.

Nella lyuks della prima classe ci sono due sedili per scompartimento e presto il responsabile del nostro vagone li avrebbe trasformati in comodi letti. Onestamente, durante la prima notte su quel treno non avevo dormito molto bene, forse a causa dei troppi pensieri che mi frullavano nella testa senza sosta, ben coadiuvati dal timore per l’ignoto.

Una strana idea, quella di trascorrere tre giorni e mezzo su rotaie, piuttosto di prendere l’aereo! Ma si tratta in verità di un’occasione unica per lasciarmi cullare dai ricordi e sprofondare nella tenerezza dei rimpianti. La lettera che avevo trovato in quello strano pacco, scritta in una minuscola calligrafia traballante, ci aveva dato delle indicazioni sommarie: raggiungere il Baikal e poi cercare Ol’khon. C’erano poi i due biglietti di sola andata con il treno Mosca-Irkutsk ma “Vladilen è lo specialista”, aveva precisato Zosim, “non dovrai preoccuparti di nulla. Il ragazzo è in gamba e vi organizzerà ogni cosa per bene!”

***

Maybe Zosim, as dignified Russian, doesn’t particularly well knows the tenacity of Irish women or perhaps, it’s only the deep friendship that binds us to make him so protective. Perhaps, even he’s not one hundred percent convinced of Vladilen’s skills… or maybe he realized the folly into which we were getting? With difficulty I hold back the laughter that tickles me in the throat, but fortunately we’re alone, my daughter and I. Vladimira is once again absorbed listening to the MP3 while taking notes in her book.

In the first class Lyuks there are two seats in each compartment, and soon the responsible of our compartment, would converted them into comfortable beds. Honestly, the first night on the train I hadn’t slept very well, perhaps because of too many thoughts flapping relentlessly in my head, well supported by the fear of the unknown.

A strange idea, to spend three and a half days on rails, rather than taking the plane! But it’s indeed a unique opportunity to let the lull wallow in memories and tenderness of regrets. The letter that I had found in that strange package, written in a tiny shaky handwriting, had given us a rough indication: reach the Lake Baikal and then go to Ol’khon. Then there were the two one-way tickets with the train from Moscow to Irkutsk but “Vladilen is the specialist,” explained Zosim, “you won’t have to worry about anything. The guy is smart and will arrange everything for good”.

Work in progress  😀

Nunzia Scarponi: her new novel

*

Un nuovo avvincente romanzo dell’autrice di successo Nunzia Scarponi (altre sue opere: Un anno una Vita – Maremmi Editori 2006; Il girasole nero – Il Filo 2006; Per non morire – Il Filo 2008; Cuori di vetro – Edizioni Croce 2009; L’amore quello vero – Centro Studi Tindari Patti 2010)

*

Recensione “Il Segreto degli Annwyn”

CDT_00_2307_023di Eleonora Biondi su Corriere del Ticino 23.7.2013  (cliccare sull’immagine per visualizzare il testo)

Lugano Presentation 19.6.2013

In truth I didn’t expect again so many people… and a couple of surprises most welcomed! It’s wonderful to be able to share these emotions with very old friends… I’m sure the adventure of Chrysalis and Joshua will mark our future, in every sense. Both boys, although they were very excited and despite the hot afternoon, have proven musical sensibility. The prof. Alberto and the narrator Margaret, once again, gave birth to my dreams… I admit that it’s always a special feeling to listen to “your written words” which creates something so special….

This slideshow requires JavaScript.

In verità non mi attendevo nuovamente così tante persone… ed un paio di graditissime sorprese! È meraviglioso poter condividere con vecchi amici queste emozioni… Sono sicura che l’avventura di Chrysalis e Joshua segnerà il nostro futuro, in ogni senso. Entrambi i ragazzi, malgrado fossero emozionatissimi e a dispetto dell’afoso pomeriggio, hanno dato prova di sensibilità musicale. Il prof. Alberto e la voce narrante di Margareth, ancora una volta, hanno dato vita ai miei sogni… ammetto che è sempre un’emozione speciale ascoltare le “proprie parole scritte”….

*

Presentazione dell’autrice – Introduzione del Prof. Jelmini
Letture di Margareth (Parte 1.)
Letture di Margareth (Parte 2.)
Letture di Margareth (Parte 3.)

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 62,254 hits
  • Translate