• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Nicholas Rossis Novels: Schism – Rise of the Prince – Mad Water – Vigil – (End Game)

n-c-rossis

More than the saga of Benioff and Weiss The Game of Thrones, “PAERSEUS” by Nicholas C. Rossis reminds me of an epic story where the reader is transported into a sacred narrative, built by cosmological events and where archetypes and symbols garble the reader.
A myth, in short, that could also be the vision of the Homeric hero Odysseus, so to speak.
In the four books “Schism – Rise of the prince – Mad water – Vigil”, we don’t find a schematic or simplified events and social phenomena, but rather a detailed sequence of events that affect  in a determinant way not only the practical behavior but also the ideological one’s of the characters.
Perhaps the author has taken pieces of history of ancient Greece, reformulated in a modern way, assembled with ingenuity and futuristic traits.

As a result of a failure on the ship Paerseus, passengers find themselves catapulted (in the true sense of the word) above the surface of an alien and alienating planet.
The survivors of the disaster are few, and what little remains of the cutting-edge technology on board the Paerseus, can only be used in part.
As time passes, the survivors are divided, and new deities to which devote the judgment of good and evil, takes allegorical form.
It striking emerges the truth that the human being, even far from his home planet, carries with him the most terrible DNA components: the thirst for power and the research of the absolute hegemony.
And here, the function of the inconsistent presences such as “Orbs” and “Whispers”, seem likely to affect the evolution of the descendants of the survivors. Or even, they are the cause of the accident itself occurred to the starship Paerseus.
The facts are not taking place in a futuristic dystopian environment on Earth, but on another planet on which the human race has restarted a new life…

The myth as we conceived it today, is mixed with fantastic unreal and from the author’s creativity come alive beings who behave in a very similar way to the people who, over the centuries, have dominated our planet Earth.
A sort of historic déjà-vu, which can also generate a bit of confusion in the reader, when you consider the amount of protagonists, antagonists, helpers and opponents divided into various groups.

A saga of pleasant reading, very compelling, which requires a particular concentration (perhaps in my case because I’m not native English speaker). Now I look forward to read the last book: End Game…

Buy on Amazon

 

Più che la saga di Benioff e Weiss Il Trono di spade, “PAERSEUS” di Nicholas C. Rossis mi ricorda una storia epica dove il lettore è trasportato in una narrazione sacra, costruita da avvenimenti cosmogonici e dove archetipi e simboli travisano il lettore.
Un mito, insomma, che potrebbe anche essere la visione dell’eroe Omerico Ulisse, per intenderci.
Nei quattro libri “Schism – Rise of the prince – Mad water – Vigil”, non ritroviamo una rappresentazione schematica o semplificata di eventi e fenomeni sociali, bensì una sequenza dettagliata di avvenimenti che influiscono in modo determinante non solo il comportamento pratico ma anche quello ideologico dei personaggi.
Forse l’autore ha ripreso spezzoni di storia dell’antica Grecia, riformulati in chiave moderna, assemblati con ingegno e dai tratti futuristici.

A seguito di un guasto sull’astronave Paerseus, i passeggeri si ritrovano catapultati (nel vero senso della parola) sopra la superficie di un pianeta alieno e alienante.
I superstiti alla sciagura sono pochi, e quel poco che resta della tecnologia d’avanguardia a bordo del Paerseus, non può che essere utilizzato in parte.
Col trascorrere del tempo, i sopravvissuti si dividono, e nuove deità alle quali dedicare il giudizio del bene e del male, prendono forma allegorica.
Emerge frappante la verità che l’essere umano, anche lontano dal suo pianeta d’origine, porta nel DNA le componenti più terribili: la sete di potere e la ricerca dell’egemonia assoluta.
E qui, la funzione delle presenze inconsistenti quali gli “Orbs” e “Whispers”, sembrano influire in modo determinate sull’evolvere dei discendenti dei sopravvissuti. O addirittura, sono la causa stessa dell’incidente occorso all’astronave Paerseus.
I fatti non si svolgono in un ambiente distopico futuristico terrestre, bensì su di un altro pianeta sul quale il genere umano ha riavviato una nuova esistenza…

Il mito come da noi oggi concepito, si mescola al fantastico irreale e dalla creatività dell’autore prendono vita esseri che si comportano in modo molto simile ai popoli che, nei secoli, hanno dominato sul nostro pianeta.
Una sorte di déjà-vu storico, che nella lettura può generare anche un po’ di confusione, se si considera la quantità di protagonisti, antagonisti, aiutanti e oppositori suddivisi in vari gruppi.

Una saga di piacevole lettura, molto trascinante, ma che richiede una particolare concentrazione (forse nel mio caso poiché non sono di madre lingua inglese). Ora attendo di poter leggere il proseguo: End Game

Per l’acquisto su Amazon

 

 

20 Questions with Claudine Giovannoni

Claudine, interviewed by Don Massenzio

Author Don Massenzio

Today we sit down with author Claudine Giovannoni.  She is going to tell us about her inspiration and work.

Please enjoy this edition of 20 Questions:


claudine-giovannoniQ1) When did you first realize you wanted to be a writer?

I loved to intrigue people with my stories since I was able to speak… I always kept a diary and when I started flying around for work, I used to write down many things from my feeling, the countries I visited, the people I met, about their habits… albeit some funny and some sad stories.

Q2) How long does it typically take you to write a book?

A couple of years. I am never in a hurry, and the ideas have to first ripen… priorities are my kids and family, my cats… I am morally involved protecting fauna and flora (my husband is the World Wildlife Foundation – WWF president in southern…

View original post 1,218 more words

Books are pieces of dreams… I libri sono frammenti di sogni

Copertine_romanzi

Inside my novels, there is a common dream aiming to change the world for a better place for humankind… You will find appealing descriptions of places far away, you may travel with the characters on airplanes and sailboats, you will plunge into unrevealed mysteries and you will feel the shiver realizing that most of it are realities behind a closed door.
The last book “The Annwyn’s Secret” is available in English on Amazon.com, for the other books you can order them (Italian versions) directly here.

…oOo…

Tra le pagine dei miei libri, c’è un sogno comune di cambiare il mondo facendolo diventare posto migliore per l’umanità… Nei romanzi, troverete accattivanti descrizioni di luoghi lontani, viaggerete seguendo i personaggi su aerei e barche a vela, vi immergerete in misteri non rivelati e percepirete un brivido realizzando che la maggior parte di quanto scrivo sono realtà dietro una porta chiusa.
L’ultimo romanzo “Il Segreto degli Annwyn” è ora disponibile in inglese su Amazon.com, gli altri libri(versione italiana) puossono essere ordinati direttamente qui.

Do you want to meet her?

Chrysalis will tell you her story…
after the success of the original version in Italian, the novel “The Annwyn’s Secret” is purchasable on Amazon.com in English.
Don’t miss the chance for the special discounted price for £ 7.99! Get your copy now…

Get your copy here on Amazon.co.uk

Copertina_Inglese_The_Annwyn's_Secret

By the way… if you need the original version in Italian, click on the link below.

A proposito… se desideri ordinare la versione originale in lingua italiana, accedi al link

 

Per ordinare la versione italiana del romanzo

copertina_finale

.

Regalare un’emozione…

 

ISBN  978 88 98018 07 09  

Si può ordinare in tutte le librerie in Svizzera… ma per esperienza è più veloce richiedere direttamente all’autrice  🙂

Al costo di  FRS 27.-  oppure EUR 27.- (incluse spese postali)   riceverete il romanzo   direttamente al vostro domicilio  in tutta l’Europa.

.

Per l’ordinazione, compilate il modulo sottostante, io riceverò per posta elettronica la vostra richiesta.   Per favore inserite nel “commento” il vostro indirizzo postale dove desiderate ricevere il libro e l’eventuale dedica (ad esempio il nome del destinatario del romanzo), la consegna sarà entro 7 giorni.

Per il pagamento: se utilizzate PAYPAL vi invierò una richiesta di pagamento.Per favore inserire il vostro indirizzo di posta elettronica nel riquadro-commento sottostante. A pagamento avvenuto, procederò con l’invio del romanzo all’indirizzo postale fornito.

Se preferite effettuare un pagamento bancario:   CH 83 0483 5050 2339 3000 0  Credit Suisse AG – Zurigo a favore di Claudine Giovannoni

.

 

.

Grazie per condividere!   Serene festività…    :-)claudine

.

M. R. Morales: a Guatemalan writer of fiction or reality?

I enjoyed both novels, but the second one has left me stunned!

The subtle humor of Mario Roberto Morales, emerges from time to time, but the puns aimed at the truth about his beloved country are effective. After all, is not a fiction invented from scratch... but rather an historical account embellished with sagacity.

Unfortunately it is available (for now) only in Spanish.

Obraje novel by Mario Roberto Morales

“Obraje” is a story within a story…
The premise of M.R. Morales allows us first to taste the genesis, linked to his own life and spread to Central American socio-political conditions of that period.
Even with this introduction, the reader’s curiosity increases, making him feel almost privileged.
Over 40 years, these pages of exquisite simplicity narrative remained hidden.
Friends of Morales were kidnapped and killed, the war has deeply marked the consciousness of the Central American people, leaving an indelible mark in the same “Pacha Mama”.

Nothing is left to chance, I would tell Mr. Morales: it was fate that Obraje could again see the light so that the vicissitudes of the Guatemalan people could be read in a text which for its narrative power, reminds me vaguely Allende’s “The House of the Spirits”, written in the early ’80s.    [read the whole review ]

“Obraje” è una storia nella storia…
La premessa di M.R. Morales ci permette dapprima di assaporare la genesi, legata alla sua stessa vita e alle condizioni socio-politiche centroamericane di quel periodo.
Già con questa introduzione, la curiosità del lettore accresce, facendolo sentire quasi un privilegiato.
Nel corso di 40 anni, queste pagine di squisita semplicità narrativa sono rimase celate.
Amici di Morales sono stati sequestrai e uccisi, la guerra ha segnato profondamente la coscienza del popolo centro-americano, lasciando tracce indelebili nella stessa “Pacha Mama”.

Nulla è dato al caso, mi sento di riferire all’autore Morales: era destino che Obraje potesse nuovamente vedere la luce affinché le vicissitudini del popolo guatemalteco potessero essere lette all’interno di un testo che per la sua forza narrativa, mi ricorda vagamente “La Casa degli Spiriti” di Allende, scritto agli inizi degli anni ’80.   [leggi la recensione completa]

Jinetes en el cielo novel by Mario Roberto Morales

The narrative vitality of Morales transported me to a dizzying pace, typical of the auto-biographical style, within the always very current reality of war for power in Central America.
Revolutions, corruption, protests, drugs and oligarchy… political and social problems that are rampant since several decades in the Central and South American countries, have also been objects of movies (I remember eg. the bloody “Salvador” by Oliver Stone).
I admit that it is thanks to the Swiss-Guatemalan writer Tito Bassi, that I approached with growing curiosity the literature that handles this topic.
The decline and the social and economic inequality, are the foundation of the plot on which the author inserts, page after page, a vibrant and disarming precariousness of the human being.
It is not fiction: it is well known that Guatemalans political parties receive 50% of their funding through corruption, of which ¼ elite of the rich and businesses and a further ¼ by criminal organizations.
Consequently Morales manages to give voice and make palpable through of the “narrating I” of the journalist Fabian Algara, the statement that “Guatemala is the perfect nation to commit electoral crimes without consequences” (source: CICG).

[read the whole review]

La vitalità narrativa di Morales mi ha trasportata ad un ritmo vertiginoso, tipico dello stile auto-biografico, all’interno della sempre attualissima realtà delle guerre di potere in centro America.
Rivoluzioni, corruzione, proteste, narcotraffico, oligarchia… problemi politici e sociali che da parecchi decenni dilagano nei paesi centro e sud Americani, sono anche stati oggetti di film (ricordo ad es. il sanguinoso “Salvador” di Oliver Stone).
Ammetto che è grazie allo scrittore svizzero-guatemalteco Tito Bassi, che mi sono avvicinata con sempre maggiore curiosità alla letteratura che tratta questa tematica.
Il declino e l’ineguaglianza sociale ed economica, sono alla base della trama sulla quale l’autore inserisce, pagina dopo pagina, una palpitante e disarmante precarietà dell’essere.
Non è finzione: è risaputo che i partiti politici guatemaltechi ricevono il 50% dei loro finanziamenti attraverso la corruzione, della quale ¼ dall’élite dei ricchi e commerci e un ulteriore ¼ dalle organizzazioni criminali.
Conseguentemente Morales riesce a dar voce e rendere palpabile, per mezzo dell’io narrante del giornalista Fabian Algara, l’affermazione che “il Guatemala è la nazione perfetta per commettere crimini elettorali senza conseguenze” (fonte: CICG).

[leggi tutta la recensione]

.

.

The world of “The Annwyn’s Secret” after the cataclysm of 2022

picture’s copyright  taylorsdigibramantyoibam.wordpress.com

 to receive updates, subscribe to the blog  *  per ricevere aggiornamenti, iscriviti al blog

The world of “The Annwyn’s Secret” after the cataclysm of 2022

Tito Bassi: a writer of visceral emotions * scrittore d’emozioni viscerali

Tito Bassi

I was not even twenty when I first met Tito: he was a fascinating person, singular and unreachable. Or at least if I considered all the stories and rumors going around about him! He was emanating a strange aura, his smile was captivating, and his strange accent made me smile.

I saw him again on an island in the Caribbean Sea, a few years later. A meeting unfortunately superficial, of which I vaguely remember the thrill and embarrassment. For a misfortune, not necessarily coincidental, ten years later a planned trip from Mexico to Guatemala, had been canceled at the last moment. Then the contacts became sparse. Remained, however, the memory and the curiosity to know what had become of the Guatemalan“, as my dad called him.

But fate weaves its plots without ever asking the actors for permission! When I found myself with his first book in my hands, in the presence of the publisher with whom I published as well, I felt relieved. Tito was still alive and well… who doesn’t die, we review! So, reading with curiosity and fun, I started to know Tito. The real one.

His style of writing is direct, raw and without frills and can sometimes leave the reader stunned. Yet in his autobiography (still tied to his homeland) are not overlooked the details, told with great sincerity and meticulousness.

Perhaps out of modesty or confidentiality, the author admits to have left out names, but many cliches bring the reader to the reality of the author childhood to adulthood. If I liked to go back in time through Insubria northward part I and II  ,   El Mulino del oso  gave me a moment of relaxation and escape. These three novels that I believe strictly selfbiographical , allow us to take part even viscerally to the writer’s emotions. The narrator goes from the action and sharing of real events to the moral considerations more linked to a deep analysis, not to mention a healthy dose of sarcasm.

But what I hoped, even after reading Insubria northward part I  and  Insubria northward part II, was a continuation .. I wanted a confession of what the author, left the homeland, had found over the ocean! These are the stories of expatriates looking for a dream“, a chimera that had transported them along treacherous paths, most often toward a fate that did not provide a return on their steps. These are the stories shared by our ancestors at the end of 800, but it is a reality still strongly present novadays.

Wherever there are people who seek a better life, perhaps aspiring to wealth or even the desire to find “their” place in the Universe. I wanted to know the Guatemala through Tito’s words and emotions, by his intimate and subjective vision that would have painted the scenery in a unique and personal way.

Reading his unpublished novel Livingston, chapter after chapter, I realized that tenuous thread made of adventure, tying each story and testifying the very nature of the author. I admit that the emotion caught me in the act: between laughter and sadness. With him, as if he were there by my side, I went through the dusty streets savoring the smells and sensations transported by his pen on paper. Is a tiny pearl, which I hope, will be published and translated into several languages.

Maybe Tito ought to have dedicate greater determination to the writing; the narrative verve is congenital and I’m sure there is still much to discover in this man who struggle with honesty, leaving a unique and very special testament for those who want to seize the moment and get carried in a hard and cruel world where every day you have to fight for youself and for dignity. Well, as he reminds us: Good and evil are present and occur spontaneously depending on how you stimulate, you create or tame. Then from you it depends to forge allies real or mythological that accompany you, which create you an image and that basically protect you“.

..o~O~o..

Non avevo ancora compiuto vent’anni quando ho conosciuto Tito: era una persona affascinante, singolare ed irraggiungibile. O almeno se consideravo tutti i racconti e dicerie che giravano sul suo conto! Lui emanava una strana aura, il suo sorriso era accattivante, e il suo strano accento mi faceva sorridere.

Lo rividi su di un’isola nel Mare dei Caraibi, qualche anno più tardi. Un’incontro purtroppo superficiale, del quale ricordo vagamente emozione e imbarazzo. Per una sventura, non necessariamente casuale, una decina d’anni più tardi un programmato viaggio dal Messico fino in Guatemala, era stato disdetto all’ultimo momento. Poi i contatti si son fatti radi. Permaneva però il ricordo e la curiosità di sapere cosa ne fosse stato del “guatemalteco”, come lo chiamava mio padre.

Ma il destino tesse le sue trame senza mai chiedere il permesso agli attori! Quando mi ritrovai tra le mani il suo primo libro, in presenza dell’editore col quale aveva pubblicato pure io, mi sentii risollevata. Tito era ancora vivo e vegeto… chi non muore, si rivede! Così, leggendo con curiosità e divertimento, ho iniziato a conoscere Tito. Quello vero.

Il suo modo di scrivere diretto, crudo e senza troppi fronzoli, a volte può lasciare il lettore basito. Eppure nella sua autobiografia (ancora legata alla sua terra natia) non sono trascurati i dettagli, raccontati con estrema sincerità e meticolosità.

Forse per pudore o riservatezza, l’autore ammette di avere tralasciato dei nomi, ma molti luoghi comuni riportano il lettore alla realtà della sua fanciullezza fino all’età adulta. Se ho apprezzato ritornare nel tempo attraverso “Insubria verso nord I e II”, il  Mulino dell’orso  mi ha regalato un momento di distensione ed evasione. Questi tre romanzi che ritengo prettamente auto biografici, ci permettono di prendere parte in modo anche viscerale alle emozioni dello scrittore. L’io narrante spazia dall’azione e condivisione di fatti realmente accaduti, alle considerazioni morali e più legate ad un’analisi profonda, senza trascurare una buona dose di sarcasmo.

Ma ciò che speravo, già dopo la lettura di  Insubria verso nord I Insubria verso nord II, era un proseguo… desideravo una confessione di ciò che l’autore, partito dalla patria, aveva trovato oltre l’oceano! Queste sono le storie di espatriati alla ricerca di un “sogno”, di una chimera che li aveva trasportati lungo percorsi insidiosi, il più delle volte verso un destino che non prevedeva un ritorno sui propri passi. Sono le storie che accomunano i nostri avi alla fine del ‘800, ma è pur sempre una realtà tutt’ora fortemente presente.

Ovunque ci sono persone che cercano una vita migliore, forse aspirando alla ricchezza o anche solo al desiderio di trovare il “loro” posto nell’Universo. Volevo poter conoscere il Guatemala attraverso le parole ed emozioni di Tito, per mezzo della sua visione intima e soggettiva che avrebbe dipinto lo scenario in modo unico e personale.

Leggendo questo suo romanzo inedito Livingston, capitolo dopo capitolo, ho realizzato che quel sottile filo fatto d’avventura, legava ogni singolo racconto a testimonianza alla stessa natura dell’autore. Ammetto che l’emozione mi ha colta in flagrante: tra ilarità e tristezza. Con lui, quasi fosse lì al mio fianco, ho ripercorso quelle strade polverose assaporando gli odori e sensazioni trasportate dalla sua penna su carta. Una piccola perla, Livingston, che mi auguro, potrà essere pubblicata e tradotta in più lingue.

Forse Tito avrebbe dovuto dedicarsi con maggiore determinazione alla scrittura; la verve narrativa gli è congenita e sono sicura che c’è ancora tanto da scoprire in quest’uomo che lotta con onestà, lasciandoci un testamento unico e davvero speciale per chi vorrà cogliere l’attimo e farsi trasportare in un mondo duro e crudele dove ogni giorno si deve combattere per sé stessi e per la propria dignità. Ebbene, come lui stesso ci ricorda: “Il bene ed il male sono presenti e si manifestano spontaneamente a seconda di come si stimolano, si creano o si domano. Poi da te dipende forgiare gli alleati veri o mitologici che ti accompagnano, che ti creano  un’immagine e che in fondo ti proteggono”.

.

Alberto Jelmini: a new enchanting literary surprise * una nuova incantevole sorpresa letteraria

claudine e alberto

Ho conosciuto Alberto Jelmini parecchi anni or sono… avendo iniziato il mio percorso letterario, necessitavo di un magister che mi aiutasse a migliorare le mie lacune ed affinare il mio stile. Così iniziai a frequentare il suo corso di scrittura creativa con estremo coinvolgimento: i risvolti sono ormai conosciuti!

Negli anni ci siamo trovati a discutere di filosofia, di storia, di teologia, di sogni e di utopie… lasciandoci trasportare in una vera amicizia che è sfociata nella raccolta di poesie “Tracce”. Alberto è per me un punto di riferimento e ogni storia che trasporto su carta, lui è il primo a leggerla dandomi il suo parere e facendo l’editing iniziale.

È per me una grande gioia poter condividere con voi la sua nuova pubblicazione (in lingua italiana):

 

“Affetti su carta”

edizioni Ulivo – Balerna

Si tratta di un carteggio, risalente allo scorso secolo, tra Eugenia Jelmini (nonna di Alberto) e il figlio Luigi (padre dell’autore). Una sessantina di lettere, dalle quali traspaiono gli affetti famigliari, il dolore e le difficoltà causate dal distacco, e che rappresentano un affresco della vita contadina in un villaggio di montagna in tempo di guerra, contrapposta alla vita di uno studente in una cittadina che pure avverte le difficoltà del momento e anzi le tocca con mano accogliendo quasi giornalmente centinaia di prigionieri feriti di ambo i contendenti.

Inoltre si ritrovano le gustose aggiunte della sorellina Maria (IIIa elementare), che ragguaglia il fratello su tutto quanto riguarda gli animali della fattoria. Il testo è arricchito da un “racconto fotografico” composto con foto d’epoca e una ventina di disegni a colori dell’artista Giulia.

Con la prefazione del Prof. Bruno Beffa e l’analisi linguistica di Guido Pedrojetta.


In pre-vendita, potete contattare direttamente l’autore   albertojelmini@hotmail.com   per riservare il vostro esemplare

con dedica personalizzata a fr. 25.-

 

DSC00185

In primavera seguiranno delle presentazioni pubbliche ad Ambrì, Giornico e nel locarnese. Sarà mia premura aggiornarvi sul Blog….

Keep dreamings * sempre sognando

Estratto dal romanzo Piccoli passi nella Taiga

 

Estratto dal romanzo Il segreto degli Annwyn

About me…

IMG_1895

This time of year, either because of the upcoming holidays as well as the usual fatigue accumulated during months, I don’t feel very creative.
Fortunately, with the arrival of Cocoa, although he has not taken the place of my beloved Ebony who died last September 17, my heart is filled with joy!
I should complete so many things unfinished I should make a list quite long by bringing the priorities, but this has never been my strong point.
Fortunately, the law of attraction works (and my karma urges) so even my latest creation (see the
graphic image on the wall of Taiga’s dream) is ready to be given at the mercy” of a publisher.
Keep your fingers crossed

*

In questo periodo dell’anno, vuoi a causa delle festività imminenti come pure della solita stanchezza accumulata durante mesi, non mi sento creativa.
Fortunatamente con l’arrivo di Cocoa, anche se non ha preso il posto della mia adorata Ebano morta lo scorso 17 settembre, il cuore mi si è riempito di gioia!
Dovrei portare a termine così tante cose incompiute… dovrei fare una lista parecchio lunga inserendo le priorità, ma questo non è mai stato il mio punto forte.
Fortunatamente la legge dell’attrazione funziona (ed il mio karma sollecita) così anche la mia ultima creazione (vedi sull’immagine il lavoro grafico di Piccoli passi nella Taiga) è pronta per essere data “in pasto” ad un editore.
Tenetemi le dita incrociate…

Cocoa sleepy

IMG_1914

IMG_1918

 

 

 

 

 

 

Cocoa is tired and he doesn’t want to leave the soft bed of his human friends!

Cocoa è stanco… e non ha voglia di lasciare il morbido letto dei suoi amici umani!

Chrysalis’ young fans * giovani ammiratori di Chrysalis

IMG_0764

 

I wrote this novel especially for them, the young!
I wish I could bring more awareness to our moral obligation towards the planet Earth with a mixture of modern fairy tale and educational romance that deals with the theme of the “journey and the contrast between good and evil.

*

Questo romanzo l’ho scritto specialmente per loro, i giovani!
Desidero poter portare maggiore consapevolezza sul nostro obbligo morale verso il pianeta Terra… con un misto di fiaba moderna e romanzo formativo che tratta il tema del “viaggio” e del contrasto tra bene e male.

 

Il Segreto degli Annwyn * The Annwyn’s Secret

L’Orologio [pensieri da: Il gioco delle perle di vetro – H. Hesse]

casa_camuzzi

I walk with bowed head, looking at the tip of my gym shoes smeared with mud, as I fear that my steps might awaken the souls of the past who have stayed in this magical place. But I just leave confused traces where the grass does not cover the passage, which overlaps with those of a dog or perhaps a plump cat.

The scents of grass and wet earth are tinged, but most of all the acrid smell of smoke emerges. The clock overlooking the stairs to the park marks 2:00 but it is almost night. Who knows for how many years has stopped working? With the imagination I can imagine the noble women who were facing from the balcony, to spy who wandered down below in the park philosophizing. I smile at this bizarre idea while I try to remain vigilant, ready to flee at any sudden noise or shadow.

The yellowish façade’ plaster is crumbling, eroded by centuries while ivy is a reddish patch that looks like stale blood, violently clinging to the iron bars of the windows with half-closed shutters. Who knows what else is hidden from view of the curious sparrows that have woven bushy stems under those baggy parapets! Fragile nests, unusual homes of winged and ephemeral dreams. Those of once, those that will be, the same as ever, those of everyone.

And here everything is decadent and deprived of its original beauty: those Baroque frills are now just a tangle torn in several places. How could it be so neglected in the last century? What will become of this park? What will succeed in pursuing the thirst for wealth of those who wanted, even here, to speculate on a property even on the list of cultural heritage? The thought flows around and without effort sees the previous facts in the region… so many… too many!

The evening sun is hidden behind thick clouds dark and menacing, ready to be torn to unleash their liquid fury above the ground already soaked and slippery. The swallows fly low, almost to verge on the top of the old trees that will be soon cut.

Here read the whole story  –  qui leggi l’intero racconto

 

 

Synopsis romanzo Il Segreto degli Annwyn

 

Multiple visions related to the adventure of Chrysalis, the young protagonist of the novel “The Annwyn Secret.” The synopsis, written by my Portuguese friend Pedro de Almeida Freire, soon I’ll insert the english translation!

***

Molteplici visioni legate all’avventura di Chrysalis, la giovane protagonista del romanzo “Il Segreto degli Annwyn”. Vi lascio la synopsis scritta dall’amico Pedro Freire de Almeida, nella versione oridinale in lingua portoghese e traduzione in italiano.

 

Piccoli passi nella Taiga: i personaggi

descriptive card of the character  ¦¦  scheda descrittiva del personaggio

female young adult character: Vladimira O’Floinn

Vladimira 3a

drawing ©Michele Tanner

 

.

GENERALITA’

Nome: Vladimira O’Floinn (figlia di Fiona Moira del 1978 e Yuri Georgijevič Zarkovskij del 1968)

Razza: caucasica (per metà irlandese e l’altra metà russa)

Luogo di nascita: Dublino – Irlanda

Data di nascita: 1996   (16 anni nel 2012)

Dimora: Greystones, sulla costa irlandese vicino a Dublino, in prossimità del mare. Vive lì coi nonni Darrah e Dáirine e la mamma Fiona Moira in una grande casa circondata da un vasto giardino.

.

[see more  * leggi il resto!]

 

Abstract of The Annwyn’s Secret * riassunto de Il Segreto degli Annwyn

 

drawing©RadoJavo

 

For an assignment of 4a. high-school, my son Emanuele Giosuè chose my latest novel…

Per un compito scolastico di 4a. media, mio figlio ha scelto l’ultimo romanzo…

HERE you go to the whole text: english and italian

Shadows & shamans

Siberian_Wolf_In_Snow_Fields_600

The light filters through the thick curtains, a cold shiver shakes me and at the same time I realize to have fallen asleep for several hours. A strange scratching of nails on the wood makes me jump up like a spring.
– Who is it?
My voice wobbles, thick, while I rushly wrap myself in a blanket. The air became colder since in the brazier remains only grayish coals that give off a faint white smoke’s blows.
– Come in, now I’m awake.

[for some more… click to this link]

 

La luce filtra dalle spesse tende, un brivido di freddo mi scuote nello stesso tempo realizzo d’essermi assopita e d’avere dormito per diverse ore. Uno strano raspare di unghie sul legno mi fa scattare in piedi come una molla.
– Chi è?
La voce traballa, impastata, mentre mi avvolgo con foga nella coperta; l’aria si è fatta più fredda e nel braciere restano solo dei tizzoni grigiastri che sprigionano una fievole spira di fumo bianco.
– Avanti, ormai sono sveglia.

[cliccare sul link per visualizzare il testo]

The melodies of the heart * Melodie del cuore

 interno_vagone

*

leggete l’estratto cliccando sul link

*an excerpt from the new novel  Taiga’s Dream * Piccoli passi nella Taiga

First sketches – the main character takes shape

.

A long story to tell… read here   ***   leggi qui l’introduzione al progetto grafico

Il blog del nuovo romanzo in lavorazione

taigasdream.wordpress.com

Fiona Moira O’Floinn

Fiona Moira O'Floinn

Durante la fase di progettazione e studio per la stesura di un nuovo romanzo, è necessario preparare una sorta di “schema riassuntivo” che prevede pure le schede con le generalità dei protagonisti. Nelle schede, man mano che il racconto prende forma, vengono aggiunti i particolari e dettagli che sono poi riportati fedelmente sulla lavagna magnetica… io non utilizzo programmi PC!

see the link:     Fiona Moira O’Floinn

During the study and design process for the drafting of a new novel, it’s necessary to prepare a “summary diagram” that also provides the cards with the identity of the protagonists. In the cards, as the story takes shape, are added all the details and the specific references which will be reported faithfully on the magnetic board … I do not use PC programs!

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 55,292 hits
  • Translate