• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Categories

  •  

Kazakhstan: Astana and the northern territory

 

I never dreamed of reaching this nation between the East and the West, where the new capital Astana is located in the northern part of Kazakhstan which is the ninth country in the world by extension. The western provinces of Atyrau and Manystau overlook the Caspian Sea, most of the territory consists of steppe without trees, meadows and sandy deserted areas of incredible beauty. There are also large forest areas that include rock canyons, and then still high snowy mountains and crystal clear lakes. The northern province called Saryarka is part of the World Heritage List of UNESCO.
Kazakhstan is not (yet) in the list of popular tourist destinations, but it deserves to be visited even only for its culture, tradition and hospitality of the ethnic groups that live there.
Kazakhstan confine to the north borders with Russia for nearly 7,000 kilometers, to the south by the Caspian Sea, a few miles to Turkmenistan, Uzbekistan, Kyrgyzstan, China and the smallest corner to the east, with Mongolia. There are the Altai Mountains with the Belukha Mountain of 4506 meters high, which is the highest of the chain. This is also the area that attracts most mountains lover tourists.
Even though I had seen Astana’s photos, I never thought I was in the presence of a pseudo-metropolis just like many other western cities.
Exterminated steppes, sandy deserts and snow-capped mountains are confined far beyond the edge of the urban extension of an idle city, breathing in the unbridled rhythm of capitalism and the negative influence it has on civilizations and peoples.
Everything is different, as it was half a century or so ago: and there are silent witnesses  as the photographs and tales of those who have experienced this change on their own skin.
Communicating with natives is not easy: if you don’t speak Kazakh or Russian or one of their dialects, there is no way to comunicate because English is a non-widespread language. In restaurants or bars, you can talk to the staff, but only with regard to catering topics.
After the USSR’s dissolution in the 1990s and 1991s, the various states were born to the south of the former Great USSR, rich in culture and natural wealth, which is the case of Kazakhstan and its new capital Astana, contributed to the birth of a certain well-being which, in my opinion, is not distributed in an adequate and regualar manner.
It is a fact: poverty, destitution, lower social classes… are also here a reality that stings the soul.

I try to mentally immagine these places as they were decades ago, but it is not easy even if the archive images help the imagination. Perhaps I had a more precise and fulfilling idea,  traveling to Shchuchinsk and the Burabay district, between lakes and mountains that remember me of Switzerland. But I wish to come back with more time; to go far away from the cities, where you can dip youself in what is the true nature of these wild places!
But basically, I am here precisely because of Kazakhstan’s economic opening up to international partnerships. And a good example is Norman Foster, a world renowned British architect who is the creator of the curious “Palace of Peace and Reconciliation” (and many others), a structure that leaves the visitor with so many questions. Although it was not allowed because of a political meeting, thanks to the young Kamila (a security officer), we were able to visit the building. It is a certain emotion to think that in that circular room, suspended in the middle of the pyramid, every two years meet representatives of all religions of the world. But to make it even more emblematic of this place are the noises that relate the symbolism linked to our star in the heaven, and the veneration of the same: the Sun. In fact, we find the symbol of the pyramid linked to the Templars up to those of the Freemasonry… but I’ll stop here. You could write so much!
Indeed, contemplating architectural works is a kind of “nail-minded” considering that my husband is an architect and I sometimes follow him right in his professional itinerary.
I could bring an extreme comparison, which I have already learned and followed in its evolution, in the Arab Emirates and the city of Dubai.
Astana is really huge: extended urbanistically, built in height to “capture” with the imperiousness of its palaces, the visitor’s eye.
It is well-known that its economic well-being is mainly due to mining resources, including oil and gas (especially in the Caspian Sea area), uranium, zinc, silver, lead, chrome, copper, gold and many other less known. But to benefit, it is always the small part of the “Dominants”.
By now the yurts and caravans belong to the narrative of collective memory.
It is a fact that 21st century technology allows rapid urban development, where there are specific interests, always linked to the economic factor.
This kind of development is not found in some poor states of Africa or in certain rural regions of India. Urban development is where we find the pecuniary interest, which then creates a dependency situation, a sort of Ouroboros of the eternal return, the beginning after the end, which will lead to the destruction of many other values on which it should be able to refer to present and future humanity.

Somewhere I read this sentence that deeply impressed me, once again I’m wondering when the change could take place, and whether to reach it humanity must be a kind of Phoenix: to rise from its ashes.

“When the mob governs, man is ruled by ignorance; when the church governs, he is ruled by superstition; and when the state governs, he is ruled by fear. Before men can live together in harmony and understanding, ignorance must be transmuted into wisdom, superstition into an illuminated faith, and fear into love.“

 

…oOo…

 

Non mi sarei mai sognata di raggiungere questa nazione a cavallo tra l’Oriente e l’Occidente, dove la capitale Astana è situata nella parte settentrionale del Kazakhstan che è il nono paese al mondo per estensione. Le province occidentali di Atyrau e Manystau si affacciano sul Mar Caspio, la maggior parte del territorio è costituito da steppa priva di alberi con prati e aree sabbiose e deserti di incredibile bellezza. Vi sono poi grandi aree forestali che comprendono canyon di roccia, e poi ancora alte montagne innevate e laghi cristallini. La provincia settentrionale chiamata Saryarka rientra nella lista dei patrimoni mondiali dell’UNESCO.
Il Kazakhstan non è (apparentemente non ancora) nella lista delle ambite destinazioni turistiche, ma merita d’essere visitato anche solo per la sua cultura, la tradizione e l’accoglienza delle etnie che ci vivono.
Il Kazakhstan al nord confina con la Russia per quasi 7000 km, al sud col confine del Mar Caspio, per pochi chilometri con il Turkmenistan, l’Uzbekistan, il Kirgistan, la Cina e nel piccolo angolo più ad est, con la Mongolia. E lì si ergono i monti Altai con il Monte Belukha di 4506 metri d’altezza, che è il più alto della catena. Questa è anche l’area che attrae il maggiore numero di turisti amanti della montagna.
Anche se avevo visto delle foto di Astana, non avrei mai pensato di trovarmi al cospetto di una pseudo metropoli al pari di molte altre città occidentali.
Le sterminate steppe, i deserti sabbiosi e le montagne innevate sono confinate ben lontano dai margini dell’estensione urbana di una città che freme, respira al ritmo sfrenato del capitalismo e dell’influenza nefasta che questo ha su civiltà e popoli.
Tutto è diverso, da com’era mezzo secolo or sono: e ne sono testimoni silenti le fotografie e racconti di chi ha vissuto questo cambiamento sulla propria pelle.
Il comunicare con i nativi non è semplice: se non parli il kazaco il russo o uno dei loro dialetti, non c’è modo di conversare in quanto l’inglese è una lingua non molto diffusa. Nei ristoranti o bar, si riesce a parlare con il personale, ma solo per quanto concerne l’ambito.
Dopo la dissoluzione degli URSS negli anni 1990-91, sono nati i vari stati al sud della ex grande URSS, stati ricchi di cultura e di ricchezze naturali che, è il caso del Kazakhstan e della sua capitale Astana, hanno contribuito alla nascita di un certo benessere che, a mio avviso, non è però distribuito in modo adeguato e uniforme.
È un dato di fatto: povertà, indigenza, ceti sociali inferiori… sono anche qui una realtà che punge nell’animo.

Cerco di concepire mentalmente questi luoghi com’erano decenni or sono, ma non è semplice anche se le immagini d’archivio aiutano l’immaginazione. Forse un idea più precisa e appagante l’ho avuta nel viaggio verso Shchuchinsk e nel distretto di Burabay, tra laghi e montagne che ricordano la Svizzera. Ma desidero ritornarci con più tempo a disposizione; lontano dalle città, ci si può immergere in quella che è la vera natura di questi luoghi ancora selvaggi!

Ma in fondo sono qui proprio a causa dell’apertura economica del Kazakhstan verso collaborazioni internazionali. Un bel esempio è Norman Foster, architetto britannico di fama mondiale, il quale è l’artefice del curioso palazzo “Della Pace e della Riconciliazione” (e molti altri ancora), struttura che lascia il visitatore con tanti interrogativi.
Anche se non era permesso a causa di un meeting politico, grazie alla giovane Kamila (impiegata della sicurezza), abbiamo potuto visitare la struttura. È una certa emozione pensare che in quella sala circolare, sospesa nel mezzo della piramide, ogni due anni s’incontrano i rappresentanti di tutte le religioni del mondo. Ma a rendere ancora più significativo questo posto, sono i rumori che riferiscono del Simbolismo legato all’astro celeste e alla venerazioni dello stesso: il Sole. Troviamo in verità il simbolo della piramide legato ai Templari e a quelli della Massoneria… ma mi fermo qui. Si potrebbe scrivere tanto…
In verità, contemplare le opere architettoniche è una sorta di “chiodo mentale” considerando che mio marito è architetto e che io a volte lo seguo proprio nel suo itinerario professionale.
Potrei portare un paragone estremo, che ho già vito e seguito nella sua evoluzione, ad esempio negli Emirati Arabi e la città di Dubai.
Astana è davvero enorme: estesa urbanisticamente, costruita in altezza per “catturare” con l’imperiosità dei suoi palazzi, l’occhio del visitatore.
È risaputo che il suo benessere economico è principalmente dato dalle risorse minerarie, tra cui petrolio e gas (specialmente nella zona del Mar Caspio), uranio, zinco, argento, piombo, cromo, rame, oro e diverse altri meno conosciuti. Ma a beneficiarne, è sempre la piccola parte dei “Dominanti”.
Ormai le yurte e le carovane appartengono alla narrativa della memoria collettiva.
È un dato di fatto che la tecnologia del XXI secolo permette uno sviluppo urbanistico rapidissimo, laddove esistono degli interessi specifici, sempre legati al fattore economico.
Questo tipo di sviluppo non lo troviamo in taluni stati poverissimi dell’Africa o in certe regioni rurali dell’India. Lo sviluppo urbanistico lo troviamo dove c’è l’interesse pecuniario, che poi genera una situazione di dipendenza, una sorta di Ouroboros dell’eterno ritorno, dell’inizio dopo la fine, che porterà alla distruzione di molti altri valori sui quali dovrebbe poter fare riferimento l’umanità attuale e futura.

Da qualche parte avevo letto, questa frase che mi ha profondamente colpito, ancora una volta chiedendomi quando il cambiamento potrà avvenire, e se per raggiungerlo l’umanità dovrà essere una sorta di Fenice: risorgere dalle sue ceneri.

“Quando governa la folla, l’uomo è governato dall’ignoranza; quando governa la chiesa, è governato dalla superstizione; e quando è lo Stato a governare, è governato dalla paura. Prima che gli uomini possano vivere insieme in armonia e comprensione, l’ignoranza deve essere trasformata in saggezza, la superstizione in una fede illuminata e la paura nell’amore.”

Leave a comment

15 Comments

  1. Thank you for an infornative report. I had never before seen a photo of khazakstan

    Reply
    • My pleasure! This was my very first time there as well… but I would like to go back and stay longer. There are fantastic places to visit, near Almaty in the southern part, is the Ile Alatau National Park on the border with Kirghizistan and this is a really amazing place. From Almaty is a road going through the Park to the Issyk Kul Lake in Kirghizstan…
      As always, I’m already planning!

      Reply
  2. splendido post su una nazione che ci appare lontana e misteriosa. Hai trovato lo spunto per la prosecuzione del romanzo Piccoli passi nella taiga?

    Reply
  3. Vielen Dank für die interessanten und schönen Bilder. Ernst

    Reply
  4. What an interesting place, and a fascinating post. I hope you do get back to visit the wild places! Marvelous ending. I am amazed how much Emanuele looks like his father!xxx

    Reply
    • I’m happy you enjoy my post, dear Dina… how are you? Already chasing birds and dogs around your garden? Most of all, I hope to be soon able to jump on a plane and come to see you… Let’s hope… Love hugs and kisses :-)c

      Reply
  5. It’s a week now and progress is steady, I’m looking forward to being back to normal though. How lovely it would be if we got to meet….I’m sure we shall.xxx

    Reply
  6. Non conosco nulla di questo paese, bellissimo scorcio, e certamente c’è tanto da scoprire.
    Un caro abbraccio e buona settimana! 🙂

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: