• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Arosa – Graubünden

AROSA_LANGWIES

A volte ci mettiamo a programmare viaggi in terre lontane, oltre oceano e magari sopportando delle trasferte di giorni interi… quando in verità, abbiamo posti incantevoli ad un paio d’ore d’auto da dove viviamo.
A Sara Luna è stato offerto un corso di musica da camera di una settimana ad Arosa, nel canton Grigioni (avendo fatto un 2° premio al concorso svizzero di musica per la gioventù).
Per mio marito ed io è stata l’occasione per accompagnarla e regalarci qualche giorno in montagna.
Già in passato Emanuele Giosuè aveva avuto la possibilità di prendere parte a questi corsi molto interessanti organizzati dalla Kulturkreis Arosa, e due volte lo avevamo accompagnato, di conseguenza conosciamo Arosa relativamente bene.
Abbiamo preso in affitto un appartamento (anche se in una struttura molto grande e certamente non con caratteristiche tipicamente “alpine”) a 10 minuti dal posto dove si tenevano le lezioni e le prove d’assieme.
Sara Luna è stata anche lei molto contenta dell’esperienza che le ha permesso di conoscere altri giovani musicisti provenienti da tutta la Svizzera.
Arosa è un paese tranquillo, non molto affollato da turisti a differenza di St.Moritz o altri luoghi più eccentrici del canton Grigioni.
Ogni giorno abbiamo messo a dura prova le nostre gambe: camminando per 3 o 4 ore, principalmente su sentieri pianeggianti o in lieve declivio.
Considerando che ci sono molte funivie o teleferiche per raggiungere le vette a 2’653 m/s (Weisshorn), 2’496 m/s (Hörnli), Prätschalp sopra Maran e verso il Mattjishorn sopra Langwies, il ritorno ad Arosa lungo i pendii alpini riserba sempre un’esperienza fantastica. Questa volta mi sono sbizzarrita a fotografare la flora locale: impressionante la diversità, malgrado le zone a volte impervie.

 

Sometimes we start planning trips to distant lands, overseas and maybe enduring trips of whole days… when in truth, we have beautiful places a couple of hours drive from where we live.
Sara Luna was offered a week-long chamber music course in Arosa, in the canton of Graubünden (having made a 2nd prize in the Swiss youth music competition).
For my husband and I it was an opportunity to accompany her and give us a few days in the mountains.
In the past Emanuele Giosuè had the opportunity to take part in these very interesting courses organized by Kulturkreis Arosa, and twice we had accompanied him, so we know Arosa relatively well.
We rented an apartment (even if in a very large structure and certainly not with typical “alpine” features) 10 minutes walk from the place where the lessons and the rehearsals were held.
Sara Luna was also very happy with the experience that allowed her to meet other young musicians from all over Switzerland.
Arosa is a quiet village, not very crowded with tourists unlike St. Moritz or other more eccentric places in the canton of Graubünden.
Every day we put a strain on our legs: walking for 3 or 4 hours, mainly on flat trails or slightly sloping.
Considering that there are many cable cars or cableways to reach the peaks at 2’653 m / s (Weisshorn), 2’496 m / s (Hörnli), Prätschalp above Maran and towards Mattjishorn above Langwies, the return to Arosa along the slopes alpine meadows always was a fantastic experience. This time I went wild to photograph the local flora: impressive diversity, despite areas sometimes hardly accessible.

Roma e Calabria

On the road to Calabria, in the most southerly part of Italy, we stayed two nights in Rome.
The Eternal City has always fascinated me and every occasion for a visit is always welcomed with joy (see more photos here). But long-standing friends also live in Rome, and with Nunzia I share the passion of writing and manual work.
Going south on the SS18, we took a break near the “Spiaggia dell’Arco Magno”, along the coast on the Tyrrhenian Sea.
The final destination was Pizzo where we stayed for a week. From there, we visited Crotone on the Ionian Sea, at the extreme south Bova Marina and Tropea.
These areas of Italy I knew only from photographs, it was a pleasant surprise to discover very beautiful and little known places.
The beaches are still “clean”, perhaps more cared for tourism to take advantage of it. In Bova Marina I found Caterina, a dear friend I met in Catania about ten years ago. She has revealed to us the various problems related to local politics, which has a dramatic influence on the socio-cultural situation of Calabria. Not everything is as it appears … there is always a downside!

 

Sulla strada per la Calabria, nella parte più meridionale dell’Italia, ci siamo fermati due notti a Roma.
La Città Eterna mi ha da sempre affascinata ed ogni occasione per una visita è sempre accolta con gioia (qui vedi altre foto). Ma a roma vivono anche amici di lunga data, e con Nunzia condivido la passione della scrittura e dei lavori manuali.
Scendendo verso sud sulla SS18, abbiamo fatto una pausa in prossimità della “spiaggia dell’Arco Magno”, lungo la costa sul Mar Tirreno.
La destinazione finale era Pizzo dove abbiamo soggiornato per una settimana. Da lì, abbiamo visitato Crotone sul Mar Ionio, all’estremo sud Bova Marina e Tropea.
Queste zone d’Italia le conoscevo solo da fotografie: è stata una piacevole sorpresa scoprire luoghi molto belli e poco conosciuti.
Le spiagge sono ancora “pulite”, forse maggiormente curate affinché il turismo ne possa trarre vantaggio. A Bova Marina ho ritrovato Caterina, una cara amica conosciuta a Catania una decina d’anni or sono. Lei ci ha svelato le diverse problematiche legate alla politica locale, che influisce in modo drammatico sulla situazione socio-culturale della Calabria. Non tutto è come appare… c’è sempre un rovescio della medaglia!

Caring for our body and soul * Prenderci cura di corpo e mente

plusminceplusjeune.org

Did you ever think about that “Knowing what to do”, and actually “doing it” are quite different things?
Caring for your body is like other aspects of ‘goodness’. If you work on developing your “moral compass”, then you will be able to apply it by doing the right thing for your body too.
Of course, sometimes your emotional response will win, and you won’t do the right thing but, with practice, you will get better at making sure that you take care of your body health.
You need to care not only about what you eat (nutritional factors) and how good is the quality of sleep or exercising (physical/mental rest), but as well is important to consider the “Ways of Living”.

Centuries ago, Aristotle suggested that there were six basic pursuits or ambitions that might shape individual lives.
• Pleasure, always looking for the ‘feel-good’ factor;
• Wealth and material things;
• Status, respect, and fame or influence;
• Power, and being able to persuade others of your point of view, or get your own way;
• Knowledge;
• A morally virtuous and ethical approach.

No life is going to be entirely shaped by any one of these, but it is likely that most of us will see one of those approaches as our dominant tendency.
Actually there is some kind of drawbacks, which might stop those following them from reaching their full potential.
For example, people seeking out only pleasure will have  no room left for thinking or reason…
Those who chose to pursue status might find that they were left high and dry when their followers deserted them, for whatever reason.
In consideration of that, it’s highly suggested that we should try to live and act thoughtfully.
We should, live in a way that enables us to explore and reflect on the ordinary happenings of life, as well as the extraordinary.
We should also try to act out ordinary things in an extraordinary way.

These are Aristotle’s Principles:

• Courage, and not cowardice or impulsiveness or extreme risk-taking acting;
• Self-control, instead of self-indulgence or selfishness;
• Generosity, and not wasted resources or opportunities;
• Friendliness and politeness, not rudeness, flattery or other unpleasantness towards others;
• Tact and discretion;
• Compassion and gratitude;
• Emotional Intelligence;
• Truthfulness and integrity;
• Good temper, even in the face of provocation
• Sense of humour;
• Fairness

To take care of my physical and mental health, next February and March, I will spend two weeks in an Ayurvedic clinic in Kerala … I will tell you!

Keralatourism.org

Kerala Tourism.org

 

Per prendermi cura della mia salute fisica e mentale, tra febbraio e marzo, passerò due settimane in una clinica ayurvedica nel Kerala… vi racconterò!

Hai mai pensato che “Sapere cosa fare” e “Farlo”  in realtà sono due cose alquanto diverse?
Prendersi cura del proprio corpo è come altri aspetti della “bontà”: se lavori sullo sviluppo della tua “bussola morale”, allora sarai in grado di applicarlo facendo anche la cosa giusta per il tuo corpo.
Certo, a volte la tua risposta emotiva vincerà e non farai la cosa giusta ma, con la pratica, migliorerai nel prenderti cura della salute del tuo corpo.
Devi preoccuparti non solo di cosa mangi (fattori nutrizionali) e quanto è buona la qualità del sonno o dell’esercizio (riposo fisico/mentale), ma è anche importante considerare i “modi di vivere”.

Secoli fa Aristotele suggeriva che esistevano sei ricerche o ambizioni di base che potevano modellare le vite individuali.
• Piacere, sempre alla ricerca del fattore “sentirsi bene”;
• Ricchezza e cose materiali;
• Status, rispetto, fama o influenza;
• Potere ed essere in grado di persuadere gli altri dal tuo punto di vista, o ottenere la tua strada;
• Conoscenza;
• Un approccio moralmente virtuoso ed etico.

Nessuna vita sarà interamente modellata da nessuno di questi, ma è probabile che la maggior parte di noi vedrà in uno di questi approcci come la nostra tendenza dominante.
In realtà c’è qualche tipo di inconveniente che potrebbe impedire a coloro che li seguono di raggiungere il loro pieno potenziale.
Ad esempio, le persone che cercano solo il piacere non avranno più spazio per pensare o ragionare…
Coloro che hanno scelto di perseguire lo status potrebbero scoprire che sono stati snobbati, quando i loro seguaci li hanno abbandonati, per qualsiasi ragione.
In considerazione di ciò, è altamente consigliato che dovremmo provare a vivere e ad agire “pensierosamente”.
Dovremmo, vivere in un modo che ci permetta di esplorare e riflettere sugli avvenimenti ordinari della vita, oltre che sullo straordinario.
Dovremmo anche provare a agire/fare le cose ordinarie in un modo straordinario.

Questi sono i principi di Aristotele:

• Coraggio, e non vigliaccheria o impulsività o recitazione ad alto rischio;
• autocontrollo, invece di auto-indulgenza o egoismo;
• Generosità e risorse e opportunità non sprecate;
• Cordialità e cortesia, non maleducazione, adulazione o altri spiacevoli per gli altri;
• tatto e discrezione;
• Compassione e gratitudine;
• Intelligenza emotiva;
• Verità e integrità;
• Buon umore, anche di fronte alla provocazione
• Senso dell’umorismo;
• Equità

Kazakhstan: Astana and the northern territory

 

I never dreamed of reaching this nation between the East and the West, where the new capital Astana is located in the northern part of Kazakhstan which is the ninth country in the world by extension. The western provinces of Atyrau and Manystau overlook the Caspian Sea, most of the territory consists of steppe without trees, meadows and sandy deserted areas of incredible beauty. There are also large forest areas that include rock canyons, and then still high snowy mountains and crystal clear lakes. The northern province called Saryarka is part of the World Heritage List of UNESCO.
Kazakhstan is not (yet) in the list of popular tourist destinations, but it deserves to be visited even only for its culture, tradition and hospitality of the ethnic groups that live there.
Kazakhstan confine to the north borders with Russia for nearly 7,000 kilometers, to the south by the Caspian Sea, a few miles to Turkmenistan, Uzbekistan, Kyrgyzstan, China and the smallest corner to the east, with Mongolia. There are the Altai Mountains with the Belukha Mountain of 4506 meters high, which is the highest of the chain. This is also the area that attracts most mountains lover tourists.
Even though I had seen Astana’s photos, I never thought I was in the presence of a pseudo-metropolis just like many other western cities.
Exterminated steppes, sandy deserts and snow-capped mountains are confined far beyond the edge of the urban extension of an idle city, breathing in the unbridled rhythm of capitalism and the negative influence it has on civilizations and peoples.
Everything is different, as it was half a century or so ago: and there are silent witnesses  as the photographs and tales of those who have experienced this change on their own skin.
Communicating with natives is not easy: if you don’t speak Kazakh or Russian or one of their dialects, there is no way to comunicate because English is a non-widespread language. In restaurants or bars, you can talk to the staff, but only with regard to catering topics.
After the USSR’s dissolution in the 1990s and 1991s, the various states were born to the south of the former Great USSR, rich in culture and natural wealth, which is the case of Kazakhstan and its new capital Astana, contributed to the birth of a certain well-being which, in my opinion, is not distributed in an adequate and regualar manner.
It is a fact: poverty, destitution, lower social classes… are also here a reality that stings the soul.

I try to mentally immagine these places as they were decades ago, but it is not easy even if the archive images help the imagination. Perhaps I had a more precise and fulfilling idea,  traveling to Shchuchinsk and the Burabay district, between lakes and mountains that remember me of Switzerland. But I wish to come back with more time; to go far away from the cities, where you can dip youself in what is the true nature of these wild places!
But basically, I am here precisely because of Kazakhstan’s economic opening up to international partnerships. And a good example is Norman Foster, a world renowned British architect who is the creator of the curious “Palace of Peace and Reconciliation” (and many others), a structure that leaves the visitor with so many questions. Although it was not allowed because of a political meeting, thanks to the young Kamila (a security officer), we were able to visit the building. It is a certain emotion to think that in that circular room, suspended in the middle of the pyramid, every two years meet representatives of all religions of the world. But to make it even more emblematic of this place are the noises that relate the symbolism linked to our star in the heaven, and the veneration of the same: the Sun. In fact, we find the symbol of the pyramid linked to the Templars up to those of the Freemasonry… but I’ll stop here. You could write so much!
Indeed, contemplating architectural works is a kind of “nail-minded” considering that my husband is an architect and I sometimes follow him right in his professional itinerary.
I could bring an extreme comparison, which I have already learned and followed in its evolution, in the Arab Emirates and the city of Dubai.
Astana is really huge: extended urbanistically, built in height to “capture” with the imperiousness of its palaces, the visitor’s eye.
It is well-known that its economic well-being is mainly due to mining resources, including oil and gas (especially in the Caspian Sea area), uranium, zinc, silver, lead, chrome, copper, gold and many other less known. But to benefit, it is always the small part of the “Dominants”.
By now the yurts and caravans belong to the narrative of collective memory.
It is a fact that 21st century technology allows rapid urban development, where there are specific interests, always linked to the economic factor.
This kind of development is not found in some poor states of Africa or in certain rural regions of India. Urban development is where we find the pecuniary interest, which then creates a dependency situation, a sort of Ouroboros of the eternal return, the beginning after the end, which will lead to the destruction of many other values on which it should be able to refer to present and future humanity.

Somewhere I read this sentence that deeply impressed me, once again I’m wondering when the change could take place, and whether to reach it humanity must be a kind of Phoenix: to rise from its ashes.

“When the mob governs, man is ruled by ignorance; when the church governs, he is ruled by superstition; and when the state governs, he is ruled by fear. Before men can live together in harmony and understanding, ignorance must be transmuted into wisdom, superstition into an illuminated faith, and fear into love.“

 

…oOo…

 

Non mi sarei mai sognata di raggiungere questa nazione a cavallo tra l’Oriente e l’Occidente, dove la capitale Astana è situata nella parte settentrionale del Kazakhstan che è il nono paese al mondo per estensione. Le province occidentali di Atyrau e Manystau si affacciano sul Mar Caspio, la maggior parte del territorio è costituito da steppa priva di alberi con prati e aree sabbiose e deserti di incredibile bellezza. Vi sono poi grandi aree forestali che comprendono canyon di roccia, e poi ancora alte montagne innevate e laghi cristallini. La provincia settentrionale chiamata Saryarka rientra nella lista dei patrimoni mondiali dell’UNESCO.
Il Kazakhstan non è (apparentemente non ancora) nella lista delle ambite destinazioni turistiche, ma merita d’essere visitato anche solo per la sua cultura, la tradizione e l’accoglienza delle etnie che ci vivono.
Il Kazakhstan al nord confina con la Russia per quasi 7000 km, al sud col confine del Mar Caspio, per pochi chilometri con il Turkmenistan, l’Uzbekistan, il Kirgistan, la Cina e nel piccolo angolo più ad est, con la Mongolia. E lì si ergono i monti Altai con il Monte Belukha di 4506 metri d’altezza, che è il più alto della catena. Questa è anche l’area che attrae il maggiore numero di turisti amanti della montagna.
Anche se avevo visto delle foto di Astana, non avrei mai pensato di trovarmi al cospetto di una pseudo metropoli al pari di molte altre città occidentali.
Le sterminate steppe, i deserti sabbiosi e le montagne innevate sono confinate ben lontano dai margini dell’estensione urbana di una città che freme, respira al ritmo sfrenato del capitalismo e dell’influenza nefasta che questo ha su civiltà e popoli.
Tutto è diverso, da com’era mezzo secolo or sono: e ne sono testimoni silenti le fotografie e racconti di chi ha vissuto questo cambiamento sulla propria pelle.
Il comunicare con i nativi non è semplice: se non parli il kazaco il russo o uno dei loro dialetti, non c’è modo di conversare in quanto l’inglese è una lingua non molto diffusa. Nei ristoranti o bar, si riesce a parlare con il personale, ma solo per quanto concerne l’ambito.
Dopo la dissoluzione degli URSS negli anni 1990-91, sono nati i vari stati al sud della ex grande URSS, stati ricchi di cultura e di ricchezze naturali che, è il caso del Kazakhstan e della sua capitale Astana, hanno contribuito alla nascita di un certo benessere che, a mio avviso, non è però distribuito in modo adeguato e uniforme.
È un dato di fatto: povertà, indigenza, ceti sociali inferiori… sono anche qui una realtà che punge nell’animo.

Cerco di concepire mentalmente questi luoghi com’erano decenni or sono, ma non è semplice anche se le immagini d’archivio aiutano l’immaginazione. Forse un idea più precisa e appagante l’ho avuta nel viaggio verso Shchuchinsk e nel distretto di Burabay, tra laghi e montagne che ricordano la Svizzera. Ma desidero ritornarci con più tempo a disposizione; lontano dalle città, ci si può immergere in quella che è la vera natura di questi luoghi ancora selvaggi!

Ma in fondo sono qui proprio a causa dell’apertura economica del Kazakhstan verso collaborazioni internazionali. Un bel esempio è Norman Foster, architetto britannico di fama mondiale, il quale è l’artefice del curioso palazzo “Della Pace e della Riconciliazione” (e molti altri ancora), struttura che lascia il visitatore con tanti interrogativi.
Anche se non era permesso a causa di un meeting politico, grazie alla giovane Kamila (impiegata della sicurezza), abbiamo potuto visitare la struttura. È una certa emozione pensare che in quella sala circolare, sospesa nel mezzo della piramide, ogni due anni s’incontrano i rappresentanti di tutte le religioni del mondo. Ma a rendere ancora più significativo questo posto, sono i rumori che riferiscono del Simbolismo legato all’astro celeste e alla venerazioni dello stesso: il Sole. Troviamo in verità il simbolo della piramide legato ai Templari e a quelli della Massoneria… ma mi fermo qui. Si potrebbe scrivere tanto…
In verità, contemplare le opere architettoniche è una sorta di “chiodo mentale” considerando che mio marito è architetto e che io a volte lo seguo proprio nel suo itinerario professionale.
Potrei portare un paragone estremo, che ho già vito e seguito nella sua evoluzione, ad esempio negli Emirati Arabi e la città di Dubai.
Astana è davvero enorme: estesa urbanisticamente, costruita in altezza per “catturare” con l’imperiosità dei suoi palazzi, l’occhio del visitatore.
È risaputo che il suo benessere economico è principalmente dato dalle risorse minerarie, tra cui petrolio e gas (specialmente nella zona del Mar Caspio), uranio, zinco, argento, piombo, cromo, rame, oro e diverse altri meno conosciuti. Ma a beneficiarne, è sempre la piccola parte dei “Dominanti”.
Ormai le yurte e le carovane appartengono alla narrativa della memoria collettiva.
È un dato di fatto che la tecnologia del XXI secolo permette uno sviluppo urbanistico rapidissimo, laddove esistono degli interessi specifici, sempre legati al fattore economico.
Questo tipo di sviluppo non lo troviamo in taluni stati poverissimi dell’Africa o in certe regioni rurali dell’India. Lo sviluppo urbanistico lo troviamo dove c’è l’interesse pecuniario, che poi genera una situazione di dipendenza, una sorta di Ouroboros dell’eterno ritorno, dell’inizio dopo la fine, che porterà alla distruzione di molti altri valori sui quali dovrebbe poter fare riferimento l’umanità attuale e futura.

Da qualche parte avevo letto, questa frase che mi ha profondamente colpito, ancora una volta chiedendomi quando il cambiamento potrà avvenire, e se per raggiungerlo l’umanità dovrà essere una sorta di Fenice: risorgere dalle sue ceneri.

“Quando governa la folla, l’uomo è governato dall’ignoranza; quando governa la chiesa, è governato dalla superstizione; e quando è lo Stato a governare, è governato dalla paura. Prima che gli uomini possano vivere insieme in armonia e comprensione, l’ignoranza deve essere trasformata in saggezza, la superstizione in una fede illuminata e la paura nell’amore.”

What about some USA vacations?

USA 2017USA 2017 2USA 2017 3USA 2017 4

My girl and I were planning this trip since a couple years! Actually, I wanted to go back to these places but as well I desired to share the emotions with my daughter and Sara Luna wanted to share this with her school mate Melissa.
We flew with Swiss from Milano to Zurich and then took the direct flight to Los Angeles.
For the first 5 days, we stayed at Dave and Dede’s House in Burbank. I first met David 38 years ago… the emotion to see him after so long was quite great, but he didn’t change much apart from the color of the hair… They did took good care of us and David showed us around L.A.


We had as well the chance to go to the Hollywood Bowl where the group Pentatonix had a fabulous concert on Sunday, July 2nd. We also had the opportunity to meet people who, unfortunately, because of the short time available, we could not stay with them longer.

The next day, we spend Sara Luna’s 15th birthday at Disneyland… and that was really something special!
We left Anaheim and started our great tour around California, Nevada, Arizona, New Mexico and Colorado.
There is so much to say about the different places we visited, most of all I found California completely changed from what I remember the last time I was in L.A. on Swissair rotations or with my husband.
Driving around with a GPA and a really comfortable car isn’t a big deal. Sara Luna was my co-navigator and we managed to get through (quite) many inconveniences along the way… I guess you have to be open-minded!

Traveling around mainly on highways or country roads, we could find stalls with fresh fruits just collected… fantastic and yummy flavors! But well, when you’re on an adventurous trip, you all time may expect some sort of “strange” things happens. And when you’re terribly tired, you may stumble in your own feets… fortunately without serious consequences, but generate a lot of laughs.

After Santa Barbara and Monterey, where we did our first laundry, we spent one day and a half in San Francisco with the usual sightseeing and shopping (for the girls). The wheater, even if with a warm sun shining, didn’t allow us to bath in the Pacific Ocean. Actually, as far as I recall, even when I used to live in California I never did totally immerse myself into the ocean’s water: for my taste, it’s too cold!

We left Frisco, and we started our “National Parks Adventure”. Well, I admit that if you really are interested in doing something awesome, only for the Kings Canyon and Sequoia you need at least two weeks. It’s such a great place to stay, spend the nights in a cottage in the forest, for example, or taking a camping tent. Unfortunately not having made a previous reservation, there was no place available directly in the park, and we booked for the night outside, in a small town. We went through the Giant Sequoia Nat. Forest on the US180 to Hume Lake and then on US198 South… a breathtaking beauty! These plants are millenary… (fortunately now protected in this park area), impressive is the well-known Mark Twain Tree stump, a 1’350 year (some says is 1’700) old sequoia that was felled in 1891 after a team of two men spent 13 days sawing it. And so lovely, few times, despite the presence of too many humans, we had the joy to see some little animals.

All the way South on US65, we entered US178 and US395. We went all the way through Death Valley on US190 allowing us a couple stops in Furnace Creek (temperature of ~55° Celsius / ~130° Fahrenheit and 18% humidity) and Zabriskie Point. Definitely, this is not a place to camp. Before dipping ourselves into the frantic and chaotic life of Las Vegas, we visited the Red Rock Canyon National Conservation Area which is situated west of L.V.

After getting a singular example of the Las Vegas’ nightlife, which didn’t convince either one of us… the trip continued South in direction of Arizona and Route 66 with a lovely stop in Peach Springs where the girls had their most delicious hamburger (I had to be happy with the homemade french fries). Next stop: Flagstaff.

You can say and write a lot about the Grand Canyon, but each time you’re there you remain silent. Considering the great force of water, the strong winds which are modeling the earth… man can only consider the great gift we have been given! Our marvelous Planet Earth…

But the highlight of this trip was Monument Valley (the Navajo people say in their language: Yá’át’tééh – the spirit of Good). The 3 other times I visited this place in the past, I never could go down on the earth trail… this time, even if the car wasn’t a 4×4, I did it! And it was fabulous… and as well special was the night at the Kayenta Monument Valley Inn.

Next stop, and I regret having paid the entrance fees since I didn’t want to stay in a queue waiting to take a picture of Four Corners, the place where the states Arizona, Utah, New Messico and Colorado meets.
We followed the street US160 and US491 to Dove Creek for the night; next day we visited Mesa Verde but I was disappointed since the Spruce Tree Terrace was closed to visitors and now you have to be accompanied by a ranger to visit the other “pits” of the Puebloan People… and we didn’t have a half day time to do it.
The following afternoon we reached Chinle, inside the Canyon de Chelly National Monument, where we spent one night at the Thunderbird Lodge.
The guided tour inside the canyon was lovely and tiresome, but we enjoyed (there wouldn’t be possible to do it without 4X4).

The Petrified Forest in the Navajo and Apache counties, isn’t exactly what the name says. In effect there isn’t any forest to be seen but in reality, only a few fossils, especially of fallen trees that lived in the Late Triassic period of the Mesozoic era.
Actually, here as well it could be much more to explore, time permitting, since I saw some lovely spots full with colors and little creatures like the collared lizard (which is the largest lizard in the park) seem to look at you with interest.
On road US40 towards the Coconino National Forest and after South through the Tonto National Forest, we arrived in the peripheric of Phonix where I brought the girls for the “last” shopping experience.
After the lovely early afternoon’s drive through the parks, driving the night in direction of the frontier with California, was a nightmare. And a horror was the poor hotel we slept in Blythe… but for 40.- U$ for two rooms (included wi-fi) you can’t say anything.

We had planned the last night at Twentynine Palms, where next morning at 11:00 we should have met my good friends Yvonne and Danilo.
The surprise was great when I saw my son Emanuele Giosuè smiling at me from the door frame. Danilo did it again: he wanted to surprise me taking him in his rotation. Yvonne gave as well a “date-wish”, to be on the Swiss Crew for our flight back home! We enjoyed strolling around Joshua Tree Park and Danilo offered us a night in a luxury hotel in Palm Springs… decorated by the best meal we had during our tour (after the delicacy cooked by Dede and Dave in Burbank)!
Few hours at the Hermosa Beach, and then the drive back to the airport… but the trip in Swiss Business Class was really amazing, giving to the four of us the possibility to rest and get well pampered along the 11 hours flight.
This is one experience to be absolutely repeated!

 

I need a break

 

After thirty years, I have had the opportunity to revisit the island of Mauritius located in the south-western Indian Ocean.
The Republic of Mauritius is part of the Mascarene Islands, which are of volcanic origin, and is considered part of the African continent being at about 900 km from Madagascar. The isle measure 58 km from north to south and 47 km from east to west.  I met Penelope and her baby cat Cesare… and we will get both back to Switzerland next December 🙂

…ooOoo…

 Dopo una trentina d’anni, ho avuto la possibilità di rivisitare l’isola di Mauritius situata nell’oceano indiano sud occidentale.
La repubblica di Mauritius fa parte delle Isole Mascarene che sono di origine vulcanica, ed è considerata parte del continente africano essendo a circa 900 km dal Madagascar. Misura 58 km da nord a sud e 47 km da est a ovest. Mi sono affezionata a Penelope ed il suo gattino, li porteremo con noi in Svizzera il prossimo dicembre  🙂

See here for more pictures

 

.

Sri Lanka: a leap into the ancient history

The intense desire to travel and do some good deed, does not leave me and from this Sinhalese’s adventure we learned something new.

L’intenso desiderio di viaggiare e di fare una buona azione, non mi abbandona…  e dall’avventura cingalese abbiamo imparato qualcosa di nuovo.

more pictures and the whole reportage  *  leggete la storia e guardate le foto

 

A trip into Spain’s Culture: Zaragoza

Aljaféria

The centuries have left their mark, and not only ruins on which was rebuilt… Spain’s culture is steeped of the rich past, a mixture of Magna Roma and Arab vestiges. The trip to Zaragoza became an eclipse in the memories of the past, allowing me to be transported by a lot of emotions, enhanced by the reading of Ildefonso Falcones’ novel “The Cathedral of the sea”… Honestly I don’t know Spain very well. I always looked beyond Europe’s borders to seek emotions related to exotic and different cultures, somehow detached from Christianity.

Here read the full article and see some pictures  *  leggi qui

.

The High Atlas and the desert * L’Alto Atlante e il deserto

I was dreaming about this trip since a very long time…

Sognavo questo viaggio da molto tempo…

Read about it and see the pictures!   *   Leggi qualche emozione dal mio diario e guarda le foto…

.

About me…

IMG_1895

This time of year, either because of the upcoming holidays as well as the usual fatigue accumulated during months, I don’t feel very creative.
Fortunately, with the arrival of Cocoa, although he has not taken the place of my beloved Ebony who died last September 17, my heart is filled with joy!
I should complete so many things unfinished I should make a list quite long by bringing the priorities, but this has never been my strong point.
Fortunately, the law of attraction works (and my karma urges) so even my latest creation (see the
graphic image on the wall of Taiga’s dream) is ready to be given at the mercy” of a publisher.
Keep your fingers crossed

*

In questo periodo dell’anno, vuoi a causa delle festività imminenti come pure della solita stanchezza accumulata durante mesi, non mi sento creativa.
Fortunatamente con l’arrivo di Cocoa, anche se non ha preso il posto della mia adorata Ebano morta lo scorso 17 settembre, il cuore mi si è riempito di gioia!
Dovrei portare a termine così tante cose incompiute… dovrei fare una lista parecchio lunga inserendo le priorità, ma questo non è mai stato il mio punto forte.
Fortunatamente la legge dell’attrazione funziona (ed il mio karma sollecita) così anche la mia ultima creazione (vedi sull’immagine il lavoro grafico di Piccoli passi nella Taiga) è pronta per essere data “in pasto” ad un editore.
Tenetemi le dita incrociate…

Cocoa sleepy

IMG_1914

IMG_1918

 

 

 

 

 

 

Cocoa is tired and he doesn’t want to leave the soft bed of his human friends!

Cocoa è stanco… e non ha voglia di lasciare il morbido letto dei suoi amici umani!

It has happened something amazing … * È accaduto qualcosa di fantastico…

During his train journey into the unknown, it was raining.
That picture of the cat looking out the train window had entered my heart and mind, the next day, I could not think of anything else.
Tricia’s post “Homeward Bound: A Homeless Ukrainian Kitten’s Incredible Journey “ I saw it by chance, it was a bit of time since I didn’t enter her blog.
Something escaped the cognition of randomness … I had looked many times at Cocoa’s pictures, thinking with great sadness at Ebano, our beloved cat who died on last September 17th.
Where is Lviv? Why those still blue eyes, typical of kittens a few months old, had attracted me in such a fatal way?
On October 27 I reply to Tricia’s post… I was sure that my husband, who loves animals (especially cats) would have given his consent to adopt Cocoa… if there had not been someone else to offer themselves before us for adoption!
I waited impatiently for Tricia’s news… we had to agree on how and where meet each other! I spent a few days in the feeling of anguish at the mercy of the weather conditions (snow in the Alps) and strikes in the German Federal Railways.
I was certainly very excited to know personally Tricia and her husband Shawn.

My first contacts with Tricia dated back on September 22nd 2012, she had answered me a couple of weeks later.
From her brief introductory story, she shone a huge sweetness of spirit and a passion for the same ideals of mines (even music!)
And last Sunday, accompanied by Sara Luna, I reached Lindau on the Constance Lake. For an hour and a half I have had the pleasure of sharing with them some very strong emotions, beautiful ones, specials ones… I wish more people in this world could have the opportunity to live such moments as I did…

Thank you, Tricia and Shawn, thank you wholeheartedly for your precious friendship and for giving us the opportunity to adopt Cocoa…
We look forward to soon see you here on holiday… and who knows that Tricia’s dream, to learn Italian and French but also to work in Europe, will become reality!

 

IMG_1912

 

Durante il suo viaggio in treno verso l’ignoto, pioveva.

Quell’immagine del gattino che guarda fuori dal finestrino del treno, mi era entrata nel cuore e nella mente, il giorno seguente, non riuscivo a pensare all’altro. Il post di Tricia “Di ritorno verso casa… l’incredibile viaggio di un gattino ucraino” lo avevo visto per caso, era da un po’ di tempo che non entravo nel suo blog.

Qualcosa sfuggiva alla cognizione della casualità… avevo riguardato più volte la fotografia di Cocoa, pensando con enorme tristezza ad Ebano, la nostra gattina morta lo scorso 17 settembre. Dov’era Lviv? Perché quegli occhi ancora azzurri, tipici dei gattini di pochi mesi, mi avevano attirato in modo così fatale?

Il 27 ottobre rispondo sul blog di Tricia… ero sicura che mio marito, che adora gli animali (gatti in special modo) avrebbe dato il suo consenso ad adottare Cocoa… sempre che non ci fosse stato qualcun altro ad offrirsi prima di noi per l’adozione! Aspettavo con impazienza notizie da Tricia… dovevamo accordarci su come e dove trovarci! Ho passato un paio di giorni d’angoscia nel sentirmi in balia delle condizioni meteorologiche (neve sull’arco alpino) e scioperi delle ferrovie federali tedesche. Ero certamente anche molto emozionata di conoscere personalmente Tricia e Shawn, suo marito. I primi contatti con Tricia risalivano al 22 settembre 2012, lei mi aveva risposto un paio di settimane più tardi. Dal suo breve racconto introduttivo, traspariva un’enorme dolcezza di spirito ed una passione per gli stessi ideali miei (anche la musica classica!)

E domenica scorsa, accompagnata da Sara Luna, per un’ora e mezza ho avuto il piacere di condividere con loro delle emozioni molto forti, belle, speciali… che vorrei più persone in questo mondo avessero l’opportunità di vivere.

Grazie, Tricia e Shown, grazie di vero cuore per la vostra preziosa amicizia e per averci dato la possibilità di adottare Cocoa… Vi attendiamo presto da noi in Ticino… e chissà che il sogno di Tricia (di imparare l’italiano ed il francese, ma anche di poter lavorare in Europa, non possa diventare realtà!)

 

Cioccolata_Lviv

Lviv is Cocoa’s hometown, known for its chocolate… and that’s the reason why the kitten is named Cocoa!

Lviv è la città natale di Cocoa, conosciuta per la sua cioccolata… per questo il gattino porta il nome Cocoa!

 

Greece: through ancient relics to the sea * Grecia: attraverso reperti antichi fino al mare

This slideshow requires JavaScript.

I could write pages upon pages, to praise the beauty of this nation… many years ago I visited the upper part of the Peloponnese, and for work I had been many times in Athens. Over time, this nation is also a bit changed, the city has expanded, although in truth the country has remained the same ever since.
Olive groves as far as the eye can see, plantations of oranges and lemons… but what is more surprising is the beauty of its coastline, its sea!
I also had the opportunity to meet personally  Marina  who was able to impress me with her beautiful  voice   in addition to his creative genius.
From Athens we traveled to Corinth, then we visited Sparta, Mystras, Olympia and Mycenae, the best known. On the southern tip from Kalamata: the castles of Petalidi, Koroni, Methoni and Pylos, not forgetting the magnificent beaches of Voidokilia.
We stayed in Gialova, where both boys attended the sailing course organized by the  Yacht Club Locarno   (YCLO).
In the house of Gialova, immersed in the beauty of olive trees and oleanders, we rested mind and body.
Thanks to the perfect organization by the YCLO and Paride, the chief of the “campus”, we didn’t miss anything. Definitely to be redone, as early as next year, perhaps with the guys who will sail on bigger and challenging boats!

****
Potrei scrivere pagine sopra pagine, per decantare la bellezza di questa nazione… molti anni or sono avevo visitato la parte alta del Peloponneso, e per lavoro ero stata innumerevoli volte ad Atene. Nel tempo anche questa nazione è un po’ cambiata, la città si è espansa, anche se in verità la campagna è rimasta quella di allora.
Distese di ulivi a perdita d’occhio, piantagioni di arance e limoni… ma ciò che più sorprende è la bellezza delle sue coste, del suo mare!
Ho anche avuto l’occasione di conoscere personalmente  Marina  che ha saputo stupirmi con la sua bellissima  voce   oltre alla sua geniale creatività.
Da Atene siamo scesi fino a Corinto, poi abbiamo visitato Sparta, Mystras, Olympia e Micene, le più conosciute. Sulla punta sud da Kalamata: i castelli di Petalidi, Koroni, Methoni e Pylos, senza dimenticare le magnifiche spiagge di Voidokilia
Abbiamo soggiornato a Gialova, dove entrambi i ragazzi hanno partecipato al corso di vela organizzato dallo Yacht Club Locarno  (YCLO).
Nella  Villetta di Gialova, immersa nella bellezza di olivi secolari e oleandri, abbiamo riposato mente e corpo.
Grazie alla perfetta organizzazione da parte del YCLO e a Paride, il responsabile del “campus”, non ci è mancato nulla. Assolutamente da rifare, già il prossimo anno, magari con i ragazzi che veleggeranno su barche più grandi ed impegnative!

England – Wales – Scotland

Great Britain's floraThursday, July 11, 2013
Through France, England, Wales and Scotland, for three weeks, we have traveled 7,300 kilometers, visiting ancient ruins and losing our sight beyond visions of indescribable beauty. The pretext was to bring the boys in Llandovery – Wales, for two weeks of intensive music on the campus of LMFL. In Marson – Champagne-Ardenne, at the B&B Le Marsonnet, we spent the first night. The structure was located inside a recently renovated country house, elegantly decorated and very spacious.

Giovedì 11 luglio 2013

Attraverso la Francia, Inghilterra, Galles e Scozia, per tre settimane abbiamo percorso 7.300 kilometri, visitando antichissime vestigia e smarrendo il nostro sguardo oltre visioni di indescrivibile bellezza. Il pretesto era quello di portare i ragazzi a Llandovery nel Galles, per due settimane intensive di musica al campus della LMFL. A Marson nella Champagne-Ardenne, presso il B&B Le Marsonnet, abbiamo passato la prima notte. La struttura era situata all’interno di una casa di campagna da poco rinnovata, elegantemente decorata e molto spaziosa.

Here:  read the whole story and see the photos of the trip

2013-07-15 19.58.34

 

 

Fogli[e] ocra

libri-antichi

Ritornare al grembo del tempo, trascorso, nell’infinita attesa di ciò che è perduto…

Quando poi, silenziosamente, le parole scritte suppliscono al frastuono di voci che nulla narrano… Ritrovandoti così, lungo l’inchiostro che si fa strada sull’ocra del mio percorso, foglio di vita…

China ti osservo, raccogliere il mio trascorso!

***

Returning to the womb of time, elapsed, into the infinite awaiting of what has been lost…

When, silently, the written words fill gaps of the noise of voices that narrate anything…

Finding again, along the ink that makes its way over the ocher of my path, sheet of life, bowed I’m watching, collecting my past!

Serenità nel 2013   con affetto Claudine Giovannoni

 

Memory * Memorie

Forse è la nostalgia di questi momenti che con furia si fa spazio, tra le amnesie sempre più tedianti, quando anche la più piccola rassegnazione è oggetto di tormento.

Così lo voglio ricordare: un artista della Vita, sempre paziente ascoltatore dei miei capricci, di quelli degli altri… quando memore del dono più grande della vita, mi cingevo a recriminare la sconsiderata realtà nella quale, mio malgrado, ero immersa.

E lui capiva.

Sorrideva.

E trovava il modo di affrontare discorsi filosofici che mi lasciavano senza parole.

Spalle larghe, aveva, che hanno sorretto ercoline contrarietà… ma pur sempre umano, era, così quando giunse il suo momento di attraversare l’Acheronte delle emozioni, i suoi occhi ciechi si spensero.

Ma così desidero rinnovare il suo ricordo: un’immagine colta dall’occhio indiscreto, su di una spiaggia della Jamaica con arena fine al tatto ed un’amaca che oscilla, una bevanda al succo di ananas e rum bianco, tra le pieghe di un libro di Hemingway ed il mare che cingeva il nostro orizzonte.

“Mai morire!”… e queste tue parole, sussurrate al vento tiepido nel crepuscolo, sono un uragano di suoni che mi riportano alla straziante realtà.

Sei sempre nel mio cuore papà…

confesso che mi manchi tanto, ma il tuo ricordo è sempre lì…

arrivederci, a presto!

:-)claudine

Summer music dream * Un’estate in musica

During the month of July Sara Luna and Emanuele Giosuè participated at two music campus of Jeunesse Musicale Suisse:  at Charmey Sara Luna has found her friends she met  last year, for an internship Orchestra of young musicians and adolescents, while Emanuele Giosuè in Arosa has a course for chamber music for young people.

***

Durante il mese di luglio Sara Luna ed Emanuele Giosuè hanno partecipato a due campus musicali della Jeunesse Musical Suisse: a Charmey Sara Luna ha ritrovato i suoi amici dello scorso anno per uno stage d’Orchestra di giovani musicisti adolescenti, mentre  Emanuele Giosuè ad Arosa ha frequentato un corso per musica da camera per giovani.

This slideshow requires JavaScript.

PS. I’ll try to insert the youtube registrations…  (this is last year)

Venus Transit 2012 * Transito di Venere

Picture copyright R. Hensley – Texas

Con il transito di Venere dello scorso 6 giugno, io e mio marito abbiamo iniziato un digiuno purificativo.

A decorrere dall’equinozio di Marzo, ci si è tutti  preparati vibrazionalmente , taluni inconsciamente, a questo evento di forza… siamo nella prima parte del grande riallineamento al livello del Corpo di Luce, tutto ciò ci porterà attraverso il Portale 2012… in quella che sarà la Nuova Terra.

Bisogna provare di persona, sentirsi un tutt’uno con la Terra,  non lasciarsi trasportare dai sentimenti negativi o influenzare da ciò che materialmente ci sta attorno.

Un nuovo paradigma, una trasformazione che permetterà di entrare in armonia con Gea e con l’Universo.

Attorno a me incontro persone che stanno cambiando, che hanno cambiato in modo radicale il loro atteggiamento verso la “materialità” (soldi, consumismo eccessivo, frivolità). Hanno imparato a vivere in armonia e bellezza con la Terra, per mezzo dell’Energia che in noi fluisce libera, se la si accetta, ci nutre e sostiene.

Si moltiplicano i disagi fisici e psichici per molti di noi. Il nostro corpo si sta adattando al cambiamento vibrazionale e può esserci molto dolore… Ognuno di noi è consapevole che in questo momento stiamo attraversando un periodo di cambiamenti fondamentali… importante è accogliere con Mente aperta, utilizzando un po’ più di tempo per “curare” il proprio corpo fisico e per mezzo della meditazione, focalizzare l’essenziale lasciandoci alle spalle quel fardello che ci impedisce di elevare la nostra Coscienza.

Vi auguro serenità nella mente e cuore

***

With the transit of Venus on last 6 June, my husband and I have started a purifying fast.

With effect from the equinox of March, we all are prepared for this event of vibrational strength … We are in the first part of the great realignment at the level of the Body of Light, this will take us through the Portal 2012 … in what will be the New Earth.

You have to experience for yourself, feel at one with the Earth, do not get carried away with negative feelings or influence of materially which is around us.

A new Paradigm, a transformation that will be in harmony with Gaia, Mother Earth, and the Universe.

Around me I meet people that are changing, which have radically changed their attitude towards the “materiality” (money, much too consumerism, frivolity). They have learned to live in harmony and beauty with the Earth, through which energy flows in us free, if one accepts, nurtures and sustains us.

Physical and psychic distress are multiplying for many of us. Our body is adapting to the change of vibration and this can generate a lot of pain. Each of us understands that we are currently experiencing a period of fundamental change … very important: welcome with open mind, using a little more time to “take care” of the physical body and through meditation and right nutrition, focus on the essential leaving behind the burden that prevents us from raising our consciousness.

I wish you peace of mind and heart

 :-)claudine

Dove Mente e Corpo ritrovano l’Unione perfetta * Kerala South India: peace for the Soul

In questo “Paradiso degli Dei”, nell’aria umida del tardo pomeriggio, ci ritroviamo a passeggiare tra le altissime palme. I ragazzi sono a qualche metro da noi, intenti a controllare ogni angolo della spiaggia sperando di trovare qualche conchiglia abbandonata dai flutti. Il sole accarezza la seta del mio pareo, con l’orlo bagnato fino ai polpacci, mi beo nel lasciare tracce effimere sul bagnasciuga. L’odore di salsedine fa riaffiorare alla memoria antichi ricordi… quasi dimenticati in balia dei sogni realizzati dove barche a vela sono ormeggiate a pontili gettati sopra le maree degli oceani.

I miei piedi sprofondano lentamente nella sabbia resa fragile dalle dita perfide del mare….

English

In this “Paradise of the Gods”, in the humid late afternoon, we walk among the towering palms. The boys are just a few meters from us, inspecting every corner of the beach hoping to find some shells abandoned by the waves. The sun caresses my silk sarong, the brim soaked up to the calves: I’m pleased in leaving ephemeral traces on the shore. The smell of salty air, once more, make resurface old memories … almost forgotten at the mercy of realized dreams, where sailboats are moored on jetties thrown over the ocean’s tides.

My feet slowly sinking, in the sand made fragile by the fingers of the treacherous sea….

©Claudine Giovannoni

vai alla pagina  *out of my traveling*  per il racconto completo e altre immagini   ¦¦   read the whole story & more photos


Just for you… Frullar di pensieri…

I did tremble watching you:
so small
into the amplitude of that place
but great
in the determination of your passion.
I felt my heart racing …
to halt at every swing of breath.
And in the depths of my being,
the pride to have you beside
along the earthy path
gratifications of a fulfilled life!
Creatures of Light
into the darkness of a world
which should be better …

*

Vi ho osservati tremando:
così piccoli
nell’ampiezza di quel luogo
ma grandi
nella determinazione della vostra passione!
Ho sentito il cuore correre…
per arrestarsi ad ogni ripresa di respiro.
Ed in fondo al mio essere,
la fierezza di avervi accanto
nel percorso terreno
di una vita ricolma d’appagamenti!
Creature di Luce
nell’oscurità di un mondo
che dovrebbe esser migliore…

*

Je vous ai regardés en tremblant :
si petits
dans l’amplitude de ce lieu
mais grandes
dans la détermination de votre passion.
J’ai senti mon cœur qui s’emballe …
s’arrêter à chaque phrase.
Et dans le profondeur de mon âme,
je suis fière de vous avoir à mon côté
dans le parcours d’existence
gratifications d’une vie radieuse!
Créatures de la Lumière
dans l’obscurité d’un monde
qui devrait être mieux …

©Claudine Giovannoni

Ai miei figli Emanuele Giosuè e Sara Luna, con grande riconoscenza e affetto!

Concorso Svizzero di musica per la Gioventù a  Lugano  24-25 marzo 2012

*   Duo musica da camera     Timon e Emanuele Giosuè II. Premio

 

 

 

 

 

 

 

*   Solista  Sara Luna     III. Premio

 

 

музыка * Musica * Music * Musique

Piotr Nikiforoff

Certi momenti nascono così… come zefiri primaverili in una giornata di sole! Non erano gli aromi che aleggiavano nell’aria, non le grosse raggrinzite olive sull’alberello appena potato mentre i due gattoni grigio ardesia cercavano carezze: tenerezza, erano le note… La musica coi suoi sguardi, le parole cristalline che riempivano l’etere di melodie conosciute, o sconosciute, o anche solo sognate. Così, in quella dimensione mediana, dove linguaggio dell’anima è visione celestiale di quella danza atavica, odo le odi di Euterpe!

Magia.

E se questa è rivelazione d’infante, ecco che il tutto tocca nel più profondo il cuore! Non può mancare, in questo mondo acerbo di dolcezza ma dove putridità è annidata ogni dove, non può non esservi modo per rappacificare la presenza dell’Umano al cospetto di questo pianeta in balìa a guerre e dolore. Ed ecco che la musica, espressione dell’arte dell’anima, fluisce attraverso le crepe del tempo… raggiungendo il cuore dei più severi.

Chissà perché sono sempre convinta che nulla è dato al caso: la casualità non esiste e quindi ogni azione della causa-effetto, forzatamente ha un nesso che non ci è dato di spiegare… e neppure comprendere. Quelle piccole dita, con tocco aggraziato, sfiorano corde che ci riportano le emozioni più belle… e noi dimentichi di ciò che è stato o sarà. Mi illudo, a volte nell’incoscienza visionaria di chi il mondo lo vuole veramente cambiare, che la magia perdura oltre le percezioni sensorie. Poi questa si insinua come un fiume turbolento di vita vissuta tra flutti e cascate, tra gorghi e morbide distese che dalla sorgente scendono fino all’estuario.

Tempo.

Che inesorabile trascina tutto a valle… ma sono ribelli anche talune note, pittoriche definizioni di tutto ciò che vive. Sbizzarriti i compositori, che han portato il loro impeto nelle partiture: e noi, con loro, nell’intimità di quegli attimi, tratteniamo il respiro! Ora le piccole dita affronteranno con ardore peripezie e prove, ci saranno lacrime, e gioie, e grida di giubilo… quando tutto sarà posto al loro cospetto. Un arduo scorrere del ruscello della giovinezza… Ma il mondo è un palcoscenico, orbene, l’ho vissuto nella sua aspra ampiezza e tenera illusione! Non si vincono le guerre, ma piccole battaglie di ogni giorno forgeranno l’ardore di quelle ancor minuscole dita che creeranno nuove magie per il cuore. Ed è con loro, per loro, a loro, che instancabile posso solo affermare: “Nelle vostre mani, tra le vostre esili dita, è il Mondo… per essere cambiato e trasformato in un luogo migliore… dove sempre Euterpe sarà presente, nel cuore di chi la chiama con le Odi alla sua bellezza!”

A Lèon, Anastasia, Sara Luna, Emanuele Giosuè e tutti i piccoli musicisti che ho avuto la gioia di incontrare…

©Claudine Giovannoni

la stessa passione per la musica

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in the spring of 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana