Emergenza profughi

massimo mobiglia

I tragici avvenimenti degli ultimi mesi, in primo luogo nelle acque del Mediterraneo, nello stretto tra la Libia e Sicilia, ma ancora più paradossalmente sulle autostrade Austriache, ci portano a riflettere rapidamente come affrontare una emergenza che, in realtà, perdura da mesi, con flussi abbondanti di rifugiati provenienti, principalmente da zone con conflitti come la Siria, che affrontano viaggi verso l’ignoto, via mare o via terra.

La Svizzera con il suo posizionamento centrale in Europa non può rimanere immobile a guardare, e, applicando i principi della propria tradizione umanitaria, avrà l’obbligo morale di partecipare ad accasare temporaneamente persone in gravi difficoltà. La collaborazione necessaria con gli stati europei sta nello stabilire una divisione equa delle quote che si assegna ogni stato membro, evitando così che gli Stati ai confini debbano sopportare tutto il carico. Mancando un’unità d’intenti, è urgente che l’Europa discuta a breve la tematica. È assai significativa la…

View original post 344 more words

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: