• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Roma e Calabria

On the road to Calabria, in the most southerly part of Italy, we stayed two nights in Rome.
The Eternal City has always fascinated me and every occasion for a visit is always welcomed with joy (see more photos here). But long-standing friends also live in Rome, and with Nunzia I share the passion of writing and manual work.
Going south on the SS18, we took a break near the “Spiaggia dell’Arco Magno”, along the coast on the Tyrrhenian Sea.
The final destination was Pizzo where we stayed for a week. From there, we visited Crotone on the Ionian Sea, at the extreme south Bova Marina and Tropea.
These areas of Italy I knew only from photographs, it was a pleasant surprise to discover very beautiful and little known places.
The beaches are still “clean”, perhaps more cared for tourism to take advantage of it. In Bova Marina I found Caterina, a dear friend I met in Catania about ten years ago. She has revealed to us the various problems related to local politics, which has a dramatic influence on the socio-cultural situation of Calabria. Not everything is as it appears … there is always a downside!

 

Sulla strada per la Calabria, nella parte più meridionale dell’Italia, ci siamo fermati due notti a Roma.
La Città Eterna mi ha da sempre affascinata ed ogni occasione per una visita è sempre accolta con gioia (qui vedi altre foto). Ma a roma vivono anche amici di lunga data, e con Nunzia condivido la passione della scrittura e dei lavori manuali.
Scendendo verso sud sulla SS18, abbiamo fatto una pausa in prossimità della “spiaggia dell’Arco Magno”, lungo la costa sul Mar Tirreno.
La destinazione finale era Pizzo dove abbiamo soggiornato per una settimana. Da lì, abbiamo visitato Crotone sul Mar Ionio, all’estremo sud Bova Marina e Tropea.
Queste zone d’Italia le conoscevo solo da fotografie: è stata una piacevole sorpresa scoprire luoghi molto belli e poco conosciuti.
Le spiagge sono ancora “pulite”, forse maggiormente curate affinché il turismo ne possa trarre vantaggio. A Bova Marina ho ritrovato Caterina, una cara amica conosciuta a Catania una decina d’anni or sono. Lei ci ha svelato le diverse problematiche legate alla politica locale, che influisce in modo drammatico sulla situazione socio-culturale della Calabria. Non tutto è come appare… c’è sempre un rovescio della medaglia!

Dialect poems CD of Alberto Jelmini

poesie-alberto_copertina

Alberto Jelmini, voce narrante, ci regala quest’emozione di poter ascoltare le sue poesie nel dialetto di Lurengo – Valle Leventina.

Per chi desidera potersi riservare un CD firmato dall’autore, è possibile effettuare il versamento di fr. 15.- sul suo CCP 65-13341-0 (Jelmini Alberto, 6616 Losone CH82 0900 0000 6501 3341 0). Spedizione gratuita.

…oOo…

Alberto Jelmini, narrator, gives us this emotion to be able to listen to his poems in the italian dialect of LurengoValle Leventina.

For those who want to get a CD signed by the author, you can make the payment fr. 15.- on his CCP 65-13341-0 (Alberto Jelmini, 6616 Losone CH82 0900 0000 6501 3341 0). The shipping is free.

.

How arrogance and stupidity may ruin a friendship

flute

One thing that I really can not stand is the arrogance  and the haughtiness.
Worse if it hurts a friendship that involves my children. Some fathers or mothers react with frustration even in preposterous cases of no life importancenegatively affecting the behavioral pattern of their kids. The stupidity and selfishness of certain adults harm not only their children which, even if in their subconscious, will rebuild in life the parenting models, but also the relationship that can bind two or more families.
Unfortunately, when this happens, it is not the aggrieved party that has to apologize, but rather those who wrongly acted in bad faith… and punctually that does not happen because the arrogance is the worst of deterrents.
If you know the thesis of S. Karpman (cognitive psychology), to exit from this kind of “triangle” is simple… even though it may be painful because it means breaking ties.
Cheap moral: when a crystal glass breaks … you can just throw the pieces, it is not worth trying to fix it!

All the world’s a stage,
And all the men and women merely players;
they have their exits and their entrances,
and one man in his time plays many parts…

(Shakespeare)

…oOo…

Una cosa che veramente non sopporto è l’arroganza e l’alterigia.
Peggio se quest’ultima danneggia un rapporto d’amicizia che coinvolge i miei figli. Alcuni padri o madri reagiscono con frustrazione anche in casi assurdi e di nessuna importanza vitale… così influenzando negativamente il modello comportamentale dei loro figli. La stupidità ed egocentrismo di certi adulti nuoce, non solo ai propri figli che seppur nel loro subconscio si rifaranno nella vita ai modelli genitoriali, ma anche al rapporto che può legare due o più nuclei famigliari.
Purtroppo quando questo accade, non è la parte lesa che deve scusarsi ma bensì chi con torto ha agito in malafede… e puntualmente ciò non accade poiché l’arroganza è il peggiore dei deterrenti.
Se si conosce la tesi di S. Karpman (psicologia cognitiva), uscire dal questo tipo di “triangolo” è semplice… anche se può risultare doloroso poiché significa spezzare dei legami.
Morale spiccia: quando un bicchiere di cristallo si rompe… si possono solo buttare i cocci, non vale la pena cercare di ripararlo!

“Tutto il mondo è un palcoscenico.
E tutti, uomini e donne non sono che attori;
hanno le loro entrate e le loro uscite,
ciascuno nella sua vita recita diverse parti…”

(Shakespeare)

777 writer’s challenge * sfide di uno scrittore

Ouroboros_Zarathus_DeviantArtOuroboros  ¦  picture copyright Zarathus in Deviantart

Kevin Cooper  tagged me on a “serious task”…

I think this challenge is a special opportunity and I accepted to take part in it, thank you Kevin!
In fact it is important, for an independent writer, to get some publicity and this very reason is linked to the blogs we all use…

Here the request:

go to the 7th page of your “work in progress”, go to line 7, copy and paste the following 7 sentences into a blog post, and nominate 7 people I want to participate.
The last part is going to be quite difficult since I know few authors but all of them write in other languages but not in english…

A dark cloak of smoke and clouds stretches above the Scottish city of Edinburgh.
The ancient walls surrounding, sparkle at the lights that come from the lower part, where it expands the new city. Not far from the south entrance of the castle, inside the citadel dating back to the 9th century AD, in a building whose walls ooze bloody history, a man is leaning over a table lit by a big Venetian chandelier embellished with crystals. With a compass and a protractor, the man track red lines over an old map.
– Lord Hamilton, dinner is served, sir!
The butler in livery and white gloves, bows his head slightly, keeping the heavy door open.
Thanks Gregory, please informe my wife that I’ll be late but it’s not necessary for her to wait, I must first complete a verification.

I choosed to “tag”:

Annunziata Scarponi  @  Alberto Jelmini  @  Tito Bassi  

Tricia Mitchell  @  Dario Galimberti  @  Alberto Camerra

Eli Mordasini

…oOo…

Kevin Cooper  mi ha nominata per un “compito importante”…

Ho accettato la sfida considerandola un’opportunità di svelare il mio nuovo lavoro, grazie Kevin!
Effettivamente è importante per uno scrittore indipendente di trovare il modo per farsi un po’ di pubblicità e questa è in fondo la ragione per la quale scriviamo su dei blog….

La richiesta è questa:

vai a pagina 7 del romanzo al quale stai attualmente lavorando, dalla riga 7 copia 7 frasi ed inseriscile nel tuo blog, quindi “nomina” 7 altri autori che vogliano partecipare.

Una cappa oscura di nuvole e fumo si estende sopra la città scozzese di Edimburgo.
Le antiche mura che la cingono, brillano alle luci che provengono dalla parte bassa, dove si dilata la città nuova. Poco lontano dall’entrata sud del castello, all’interno della cittadella che risale al 9° secolo dopo Cristo, in una palazzina i cui muri trasudano di storia sanguinosa, un uomo è chino su di una tavola illuminata da un grosso candelabro veneziano impreziosito di cristalli. Con un compasso ed un goniometro, l’uomo traccia delle linee rosse sopra una vecchia mappa.
– Lord Hamilton, la cena è servita, signore!
Il maggiordomo in livrea e guanti bianchi, china leggermente la testa, mantenendo la pesante porta aperta.
– Grazie Gregory, informa la mia consorte che sarò in ritardo… ma non è necessario che mi attenda, devo dapprima terminare una verifica.

Ho scelto di “taggare”:

Annunziata Scarponi   Alberto Jelmini  Tito Bassi

Tricia Mitchell  @ Dario Galimberti  Alberto Camerra

    Eli Mordasini

copyright C. Giovannoni

Il Cerchio dell’Ouroborus – continuazione del romanzo Piccoli Passi nella Taiga [gli sciamani del lago Baikal]

.

Allow me to present you: the string quartet “The Lightning” * vi presento il quartetto d’archi “I Fulmini”

Last Saturday, in Lugano, took place the final swiss contest for youth (sjmw) the guys were very good and received a second prize in the II° class. The award ceremony and final concert took place at the Palace of Congresses.

The music is very important in our family but any child and teenager, with the commitment and seriousness, can receive great incentives and take a deep personal pleasure. All is not without difficulty, it is true, but personally I prefer to see them try with their instruments rather than wander into town with gangs and get bored

Sara Luna

lo scorso sabato, a Lugano, ha avuto luogo la finale del concorso svizzero per la gioventù… i ragazzi sono stati molto bravi e hanno ricevuto un secondo premio nella cattegoria 2a. La premiazione e concerto finale ha avuto luogo al Palazzo dei congressi.

La musica ha una grande importanza nella nostra famiglia… ma qualsiasi bambino e ragazzo, con l’impegno e serietà possono ricevere grandi stimoli e trarre un profondo piacere personale. Non tutto è senza difficoltà, è vero, ma personalmente preferisco vederli provare coi loro strumenti piuttosto che gironzolare in compagnia in città ed annoiarsi…

This wonderful piece of Bach is dedicated to my daughter Sara Luna… I’m so proud of her!

AVAAZ International & KAM for Sud Ticino need your help in Nepal!

AVAAZ

Whole villages have disappeared swallowed by landslides caused by the quake. Thousands of Nepalese have died, maybe 10 thousand, and no one knows how many are missing. There are hundreds of small isolated communities with no water, food and shelter. In the midst of this devastation, an amazing local organization is doing the impossible to bring relief in the worst affected areas and isolated.
For the experts of humanitarian aid, Abaris is one of the organizations that even before the earthquake was a more effective work today has become the greatest hope to help as soon as possible these villages. Because these are their home.
We can give them the strength to make a difference, together with many other organizations throughout Nepal, multiplying by 10 the funds available to them, and allowing not only to help but to start already to rebuild in areas that the earthquake destroyed and isolated .
The reconstruction will be long and difficult. And that is why we must give funds and tools to those who will live and work on that territory for the coming years, even when the international community, after the emergency, will be gone.
Make a promise of donation. We will only collect it when we have enough money to support efforts in the area.

Interi villaggi sono scomparsi inghiottiti dalle frane causate dal terremoto. Migliaia di nepalesi sono morti, forse 10mila, e non si sa quanti sono dispersi. Ci sono centinaia di piccole comunità isolate senza acqua, cibo e riparo. In mezzo a questa devastazione, una incredibile organizzazione locale sta facendo l’impossibile per portare soccorso nelle zone più colpite e isolate.
Per gli esperti di aiuti umanitari, Abari è una delle organizzazioni che già prima del terremoto faceva il lavoro più efficace: oggi è diventata la più grande speranza per aiutare il prima possibile questi villaggi. Perché semplicemente sono la sua casa.
Noi possiamo dargli la forza per fare la differenza, assieme a tante altre organizzazioni in tutto il Nepal, moltiplicando per 10 i fondi a loro disposizione, e permettendo non solo di soccorrere ma di iniziare già a ricostruire nelle zone che il terremoto ha distrutto e isolato.
La ricostruzione sarà lunga e difficile. Ed è per questo che dobbiamo dare fondi e strumenti a chi su quel territorio vivrà e lavorerà per i prossimi anni, anche quando la comunità internazionale, dopo l’emergenza, se ne sarà andata.
Fai una promessa di donazione. La raccoglieremo solo quando avremo fondi a sufficienza per sostenere gli sforzi sul territorio.

Kam for sud is a humanitarian organization based in Ticino (south Switzerland) operating in Nepal.

I met the couple Lafranchi Pittet about ten years ago when I decided to give the association the copyright of my novel Nebbie nella brughiera. As well for several years we have also supported three siblings, with a godparenthood to enable them to receive schooling...
These are the links to make a cash donation or require any further information about how to help in this time of need.

Kam for sud è un’associazione umanitaria ticinese che opera in Nepal.

Ho conosciuto i coniugi Lafranchi Pittet una decina di anni or sono quando decisi di donare all’associazione i diritti d’autore del romanzo “Nebbie nella brughiera”. Per diversi anni mio marito ed io abbiamo anche sostenuto tre fratelli, con un padrinato a distanza, per ricevere la scolarizzazione…
Questi i link per effettuare una donazione in denaro o richiedere ulteriori informazioni su come aiutare in questo momento di necessità.

re: bank

Associazione
KAM FOR SUD

Banca dello Stato del Cantone Ticino
CH-6501 Bellinzona / Svizzera
Conto Nr.
3582660001000001
IBAN
CH8300764358
2660C000C
CCP della banca
65-433-5

re: contact

Kam For Sud bazaar
via F.Rusca 2
CH-6600 Locarno
Svizzera
Tel +41-91-2200364

Coord. projects (she is right now in Kathmandu)
Silvia Lafranchi Pittet
info@kamforsud.org
Tel +41-78-8859360

The High Atlas and the desert * L’Alto Atlante e il deserto

I was dreaming about this trip since a very long time…

Sognavo questo viaggio da molto tempo…

Read about it and see the pictures!   *   Leggi qualche emozione dal mio diario e guarda le foto…

.

Tito Bassi: a writer of visceral emotions * scrittore d’emozioni viscerali

Tito Bassi

I was not even twenty when I first met Tito: he was a fascinating person, singular and unreachable. Or at least if I considered all the stories and rumors going around about him! He was emanating a strange aura, his smile was captivating, and his strange accent made me smile.

I saw him again on an island in the Caribbean Sea, a few years later. A meeting unfortunately superficial, of which I vaguely remember the thrill and embarrassment. For a misfortune, not necessarily coincidental, ten years later a planned trip from Mexico to Guatemala, had been canceled at the last moment. Then the contacts became sparse. Remained, however, the memory and the curiosity to know what had become of the Guatemalan“, as my dad called him.

But fate weaves its plots without ever asking the actors for permission! When I found myself with his first book in my hands, in the presence of the publisher with whom I published as well, I felt relieved. Tito was still alive and well… who doesn’t die, we review! So, reading with curiosity and fun, I started to know Tito. The real one.

His style of writing is direct, raw and without frills and can sometimes leave the reader stunned. Yet in his autobiography (still tied to his homeland) are not overlooked the details, told with great sincerity and meticulousness.

Perhaps out of modesty or confidentiality, the author admits to have left out names, but many cliches bring the reader to the reality of the author childhood to adulthood. If I liked to go back in time through Insubria northward part I and II  ,   El Mulino del oso  gave me a moment of relaxation and escape. These three novels that I believe strictly selfbiographical , allow us to take part even viscerally to the writer’s emotions. The narrator goes from the action and sharing of real events to the moral considerations more linked to a deep analysis, not to mention a healthy dose of sarcasm.

But what I hoped, even after reading Insubria northward part I  and  Insubria northward part II, was a continuation .. I wanted a confession of what the author, left the homeland, had found over the ocean! These are the stories of expatriates looking for a dream“, a chimera that had transported them along treacherous paths, most often toward a fate that did not provide a return on their steps. These are the stories shared by our ancestors at the end of 800, but it is a reality still strongly present novadays.

Wherever there are people who seek a better life, perhaps aspiring to wealth or even the desire to find “their” place in the Universe. I wanted to know the Guatemala through Tito’s words and emotions, by his intimate and subjective vision that would have painted the scenery in a unique and personal way.

Reading his unpublished novel Livingston, chapter after chapter, I realized that tenuous thread made of adventure, tying each story and testifying the very nature of the author. I admit that the emotion caught me in the act: between laughter and sadness. With him, as if he were there by my side, I went through the dusty streets savoring the smells and sensations transported by his pen on paper. Is a tiny pearl, which I hope, will be published and translated into several languages.

Maybe Tito ought to have dedicate greater determination to the writing; the narrative verve is congenital and I’m sure there is still much to discover in this man who struggle with honesty, leaving a unique and very special testament for those who want to seize the moment and get carried in a hard and cruel world where every day you have to fight for youself and for dignity. Well, as he reminds us: Good and evil are present and occur spontaneously depending on how you stimulate, you create or tame. Then from you it depends to forge allies real or mythological that accompany you, which create you an image and that basically protect you“.

..o~O~o..

Non avevo ancora compiuto vent’anni quando ho conosciuto Tito: era una persona affascinante, singolare ed irraggiungibile. O almeno se consideravo tutti i racconti e dicerie che giravano sul suo conto! Lui emanava una strana aura, il suo sorriso era accattivante, e il suo strano accento mi faceva sorridere.

Lo rividi su di un’isola nel Mare dei Caraibi, qualche anno più tardi. Un’incontro purtroppo superficiale, del quale ricordo vagamente emozione e imbarazzo. Per una sventura, non necessariamente casuale, una decina d’anni più tardi un programmato viaggio dal Messico fino in Guatemala, era stato disdetto all’ultimo momento. Poi i contatti si son fatti radi. Permaneva però il ricordo e la curiosità di sapere cosa ne fosse stato del “guatemalteco”, come lo chiamava mio padre.

Ma il destino tesse le sue trame senza mai chiedere il permesso agli attori! Quando mi ritrovai tra le mani il suo primo libro, in presenza dell’editore col quale aveva pubblicato pure io, mi sentii risollevata. Tito era ancora vivo e vegeto… chi non muore, si rivede! Così, leggendo con curiosità e divertimento, ho iniziato a conoscere Tito. Quello vero.

Il suo modo di scrivere diretto, crudo e senza troppi fronzoli, a volte può lasciare il lettore basito. Eppure nella sua autobiografia (ancora legata alla sua terra natia) non sono trascurati i dettagli, raccontati con estrema sincerità e meticolosità.

Forse per pudore o riservatezza, l’autore ammette di avere tralasciato dei nomi, ma molti luoghi comuni riportano il lettore alla realtà della sua fanciullezza fino all’età adulta. Se ho apprezzato ritornare nel tempo attraverso “Insubria verso nord I e II”, il  Mulino dell’orso  mi ha regalato un momento di distensione ed evasione. Questi tre romanzi che ritengo prettamente auto biografici, ci permettono di prendere parte in modo anche viscerale alle emozioni dello scrittore. L’io narrante spazia dall’azione e condivisione di fatti realmente accaduti, alle considerazioni morali e più legate ad un’analisi profonda, senza trascurare una buona dose di sarcasmo.

Ma ciò che speravo, già dopo la lettura di  Insubria verso nord I Insubria verso nord II, era un proseguo… desideravo una confessione di ciò che l’autore, partito dalla patria, aveva trovato oltre l’oceano! Queste sono le storie di espatriati alla ricerca di un “sogno”, di una chimera che li aveva trasportati lungo percorsi insidiosi, il più delle volte verso un destino che non prevedeva un ritorno sui propri passi. Sono le storie che accomunano i nostri avi alla fine del ‘800, ma è pur sempre una realtà tutt’ora fortemente presente.

Ovunque ci sono persone che cercano una vita migliore, forse aspirando alla ricchezza o anche solo al desiderio di trovare il “loro” posto nell’Universo. Volevo poter conoscere il Guatemala attraverso le parole ed emozioni di Tito, per mezzo della sua visione intima e soggettiva che avrebbe dipinto lo scenario in modo unico e personale.

Leggendo questo suo romanzo inedito Livingston, capitolo dopo capitolo, ho realizzato che quel sottile filo fatto d’avventura, legava ogni singolo racconto a testimonianza alla stessa natura dell’autore. Ammetto che l’emozione mi ha colta in flagrante: tra ilarità e tristezza. Con lui, quasi fosse lì al mio fianco, ho ripercorso quelle strade polverose assaporando gli odori e sensazioni trasportate dalla sua penna su carta. Una piccola perla, Livingston, che mi auguro, potrà essere pubblicata e tradotta in più lingue.

Forse Tito avrebbe dovuto dedicarsi con maggiore determinazione alla scrittura; la verve narrativa gli è congenita e sono sicura che c’è ancora tanto da scoprire in quest’uomo che lotta con onestà, lasciandoci un testamento unico e davvero speciale per chi vorrà cogliere l’attimo e farsi trasportare in un mondo duro e crudele dove ogni giorno si deve combattere per sé stessi e per la propria dignità. Ebbene, come lui stesso ci ricorda: “Il bene ed il male sono presenti e si manifestano spontaneamente a seconda di come si stimolano, si creano o si domano. Poi da te dipende forgiare gli alleati veri o mitologici che ti accompagnano, che ti creano  un’immagine e che in fondo ti proteggono”.

.

Alberto Jelmini: a new enchanting literary surprise * una nuova incantevole sorpresa letteraria

claudine e alberto

Ho conosciuto Alberto Jelmini parecchi anni or sono… avendo iniziato il mio percorso letterario, necessitavo di un magister che mi aiutasse a migliorare le mie lacune ed affinare il mio stile. Così iniziai a frequentare il suo corso di scrittura creativa con estremo coinvolgimento: i risvolti sono ormai conosciuti!

Negli anni ci siamo trovati a discutere di filosofia, di storia, di teologia, di sogni e di utopie… lasciandoci trasportare in una vera amicizia che è sfociata nella raccolta di poesie “Tracce”. Alberto è per me un punto di riferimento e ogni storia che trasporto su carta, lui è il primo a leggerla dandomi il suo parere e facendo l’editing iniziale.

È per me una grande gioia poter condividere con voi la sua nuova pubblicazione (in lingua italiana):

 

“Affetti su carta”

edizioni Ulivo – Balerna

Si tratta di un carteggio, risalente allo scorso secolo, tra Eugenia Jelmini (nonna di Alberto) e il figlio Luigi (padre dell’autore). Una sessantina di lettere, dalle quali traspaiono gli affetti famigliari, il dolore e le difficoltà causate dal distacco, e che rappresentano un affresco della vita contadina in un villaggio di montagna in tempo di guerra, contrapposta alla vita di uno studente in una cittadina che pure avverte le difficoltà del momento e anzi le tocca con mano accogliendo quasi giornalmente centinaia di prigionieri feriti di ambo i contendenti.

Inoltre si ritrovano le gustose aggiunte della sorellina Maria (IIIa elementare), che ragguaglia il fratello su tutto quanto riguarda gli animali della fattoria. Il testo è arricchito da un “racconto fotografico” composto con foto d’epoca e una ventina di disegni a colori dell’artista Giulia.

Con la prefazione del Prof. Bruno Beffa e l’analisi linguistica di Guido Pedrojetta.


In pre-vendita, potete contattare direttamente l’autore   albertojelmini@hotmail.com   per riservare il vostro esemplare

con dedica personalizzata a fr. 25.-

 

DSC00185

In primavera seguiranno delle presentazioni pubbliche ad Ambrì, Giornico e nel locarnese. Sarà mia premura aggiornarvi sul Blog….

A time for reflection… * Un momento di riflessione…

With the flow of time, as a raging river toward its estuaryI grew older with the forces that crumbles like dry bread forgotten in a corner.  Maybe because of that, the reflections are becoming more intense, more pressing, even becoming a reason that brings me forward.

It is not easy for anyone, being an helpless spectator. When I bow my head to rest the cheek on one of the cats which are always close, their purr fills me with a new inner tranquility. When I write, they are always present: they influence me in any way, give me ideas to transcribe, motivate my endurance in doing what I do…

Few words, to leave to all of you an affectionate greeting to accompany you during the holiday, which should not only be a hymn to consumerism, but rather a time for deep reflections… about oneself, about the priorities in life, knowing how to give a little love to everything that surrounds us.   I love you, be serene  🙂 claudine

..oOo..

Con lo scorrere del tempo, come fiume in piena via via che arriva all’estuario… in là con gli anni e la forza che si sbriciola come pane secco dimenticato in un angolo, ecco che le riflessioni si fanno sempre più intense, più pressanti, fino a diventare una ragione che mi porta avanti.

Non è facile, per nessuno, l’essere spettatore a volte impotente. Quando chino il capo, per poggiare la guancia su uno dei gatti che sempre mi è vicino, ecco che le loro fusa mi riempiono di una nuova tranquillità interiore. Quando scrivo, loro sono sempre presenti: mi influenzano in qualche modo, mi forniscono idee da trascrivere, motivano la mia perseveranza nel fare ciò che faccio…

Poche parole, per lasciare a voi tutti un affettuoso saluto che vi accompagni durante le festività che non dovrebbero solo essere un inno al consumismo, ma bensì un tempo di profonda riflessione…  su se stessi, sulle proprie priorità nella vita, sul saper donare un po’ di amore a tutto ciò che ci circonda. Siate sereni, con affetto   🙂 claudine

 

.

It has happened something amazing … * È accaduto qualcosa di fantastico…

During his train journey into the unknown, it was raining.
That picture of the cat looking out the train window had entered my heart and mind, the next day, I could not think of anything else.
Tricia’s post “Homeward Bound: A Homeless Ukrainian Kitten’s Incredible Journey “ I saw it by chance, it was a bit of time since I didn’t enter her blog.
Something escaped the cognition of randomness … I had looked many times at Cocoa’s pictures, thinking with great sadness at Ebano, our beloved cat who died on last September 17th.
Where is Lviv? Why those still blue eyes, typical of kittens a few months old, had attracted me in such a fatal way?
On October 27 I reply to Tricia’s post… I was sure that my husband, who loves animals (especially cats) would have given his consent to adopt Cocoa… if there had not been someone else to offer themselves before us for adoption!
I waited impatiently for Tricia’s news… we had to agree on how and where meet each other! I spent a few days in the feeling of anguish at the mercy of the weather conditions (snow in the Alps) and strikes in the German Federal Railways.
I was certainly very excited to know personally Tricia and her husband Shawn.

My first contacts with Tricia dated back on September 22nd 2012, she had answered me a couple of weeks later.
From her brief introductory story, she shone a huge sweetness of spirit and a passion for the same ideals of mines (even music!)
And last Sunday, accompanied by Sara Luna, I reached Lindau on the Constance Lake. For an hour and a half I have had the pleasure of sharing with them some very strong emotions, beautiful ones, specials ones… I wish more people in this world could have the opportunity to live such moments as I did…

Thank you, Tricia and Shawn, thank you wholeheartedly for your precious friendship and for giving us the opportunity to adopt Cocoa…
We look forward to soon see you here on holiday… and who knows that Tricia’s dream, to learn Italian and French but also to work in Europe, will become reality!

 

IMG_1912

 

Durante il suo viaggio in treno verso l’ignoto, pioveva.

Quell’immagine del gattino che guarda fuori dal finestrino del treno, mi era entrata nel cuore e nella mente, il giorno seguente, non riuscivo a pensare all’altro. Il post di Tricia “Di ritorno verso casa… l’incredibile viaggio di un gattino ucraino” lo avevo visto per caso, era da un po’ di tempo che non entravo nel suo blog.

Qualcosa sfuggiva alla cognizione della casualità… avevo riguardato più volte la fotografia di Cocoa, pensando con enorme tristezza ad Ebano, la nostra gattina morta lo scorso 17 settembre. Dov’era Lviv? Perché quegli occhi ancora azzurri, tipici dei gattini di pochi mesi, mi avevano attirato in modo così fatale?

Il 27 ottobre rispondo sul blog di Tricia… ero sicura che mio marito, che adora gli animali (gatti in special modo) avrebbe dato il suo consenso ad adottare Cocoa… sempre che non ci fosse stato qualcun altro ad offrirsi prima di noi per l’adozione! Aspettavo con impazienza notizie da Tricia… dovevamo accordarci su come e dove trovarci! Ho passato un paio di giorni d’angoscia nel sentirmi in balia delle condizioni meteorologiche (neve sull’arco alpino) e scioperi delle ferrovie federali tedesche. Ero certamente anche molto emozionata di conoscere personalmente Tricia e Shawn, suo marito. I primi contatti con Tricia risalivano al 22 settembre 2012, lei mi aveva risposto un paio di settimane più tardi. Dal suo breve racconto introduttivo, traspariva un’enorme dolcezza di spirito ed una passione per gli stessi ideali miei (anche la musica classica!)

E domenica scorsa, accompagnata da Sara Luna, per un’ora e mezza ho avuto il piacere di condividere con loro delle emozioni molto forti, belle, speciali… che vorrei più persone in questo mondo avessero l’opportunità di vivere.

Grazie, Tricia e Shown, grazie di vero cuore per la vostra preziosa amicizia e per averci dato la possibilità di adottare Cocoa… Vi attendiamo presto da noi in Ticino… e chissà che il sogno di Tricia (di imparare l’italiano ed il francese, ma anche di poter lavorare in Europa, non possa diventare realtà!)

 

Cioccolata_Lviv

Lviv is Cocoa’s hometown, known for its chocolate… and that’s the reason why the kitten is named Cocoa!

Lviv è la città natale di Cocoa, conosciuta per la sua cioccolata… per questo il gattino porta il nome Cocoa!

 

About special friendship and love… which last forever…

Some of them have left us … but their memories remains in our hearts! A pet gives unconditioned love … it’s proximity is faithful and helps you to endure the pain! I trust them more than I trust my fellow…

Alcuni di loro ci hanno lasciati… ma la loro memoria resta nei nostri cuori! Un animale dona amore incondizionato… la sua vicinanza è fedele e ti aiuta a sopportare anche il dolore! Faccio loro fiducia, più di quanta non ne dia ai miei simili…

 

 

How to relax and enjoy Life surrounded by Nature

Not often enogh we reach the Agriturismo Al Bottaccino in Monsummano Terme – Italy! This is an amazing place to be, in perfect armony with the surrounding. A place where Nature is wonderfully unspoilt The farm has diversified accommodation, suitable for single travelers or family (our case). Visit the  web site  to get you a more detailed idea we can only recommend this place to lovers of horses and nature.
In natural horsemanship riding school, competent instructors (Riccardo, Martina, Alex and others) will help you to better understand this noble animal and to enter into complete symbiosis with
him. I can also reveal that it’s an inexhaustible source for my imagination… since my next novel is almost finished!

IMG_0589

 And she is my joy – Sara Luna. .

Nuovo romanzo “Le Guardiane” di Isa Thid

 

51yx4rpg-il-_sy346_

Amanda, capelli rossi e un baule pieno di spezie, libri e tarocchi comprati qui e là, nelle bancarelle dell’usato. Ha appena finito di arredare il suo nuovo appartamento nel centro di Torino ed è pronta a crollare sul divano, ma si accorge di una strana presenza: una creatura fatata sta bisticciando col suo gatto Nero.
Visto che è una ragazza pratica, Amanda lascia perdere le formule magiche e decide di affrontare la minaccia con un coltello da filetto. Miro, però, non ha intenzioni ostili. E’ solo un giovane elfo che si nasconde per sfuggire ai suoi nemici e ha nostalgia di casa, a cui non può tornare. Così Amanda e la sua amica Ersilia decidono di aiutarlo, senza sapere in che guaio si stiano cacciando. Si ritrovano a seguire Foghara Selene, l’ultima strega Guardiana, che risveglierà in loro il potere degli elementi.
Nel loro viaggio inaspettato Amanda ed Ersilia, Miro e Foghara si battono per la salvezza del popolo fatato, tra rituali pagani e folklore zingaresco.

 

Qui per ordinare il romanzo si Amazon.com

Nunzia Scarponi: her new novel

*

Un nuovo avvincente romanzo dell’autrice di successo Nunzia Scarponi (altre sue opere: Un anno una Vita – Maremmi Editori 2006; Il girasole nero – Il Filo 2006; Per non morire – Il Filo 2008; Cuori di vetro – Edizioni Croce 2009; L’amore quello vero – Centro Studi Tindari Patti 2010)

*

“Pages of Books” poesia multilingue * multilingual poetry

Claudine Giovannoni   and    Guido  Monte
vecchi libri di mio padre

(Swans – May 20, 2013)

http://www.swans.com/library/art19/gmonte162.html

Comment by Francesca Saieva:  (in lingua francese)

Claudine Giovannoni Claudine Giovannoni calls herself a “World citizen.” Crossing the boundaries of the Earth, Water, and Air, she lives experiences that touch her soul bringing her to publish her writings. Her novels are in Italian: Il Kumihimo del Sole, 2005 – Nebbie nella Brughiera, 2007 – Il Cristallo della Pace, 2010 (Seneca Edizioni, Torino) – Il Segreto degli Annwyn, 2013 (Edizioni Ulivo Balerna).She is a dreamer and an idealist, and lives in Switzerland where she shares with her family the love for Nature with the greatest respect and veneration.

L’omaggio di Guido per Naoto Matsumura-san…

… è un amico veramente  speciale, Guido, una Mente che condivide molto del mio sentire. Le sue parole, sono a testimonianza del dolore di Fukushima… la voce di quelle creature che non hanno la facoltà di esprimersi. Il piccolo anziano Naoto, parla il loro linguaggio… quello del vero sentimento!

Di cuore, dolce amico, grazie… grazie…   arigatō     ありがとう

naoto matsumura ha disobbedito.
il giorno della fuga da tomioka,
a fukushima,
quando tutti sono scappati.
naoto non ha potuto,

non poteva andarsene.
non poteva lasciare
gli animali randagi,
quelli non previsti
dall’evacuazione
dal piano nazionale
dell’organizzazione.

naoto
non ha voluto lasciare
il suo futuro cimitero
che è anche quello
degli animali. ora
piange, sa che morirà,
ma continua a nutrire
i randagi, dopo che ha
visto morire una mucca
con il suo vitellino
che erano stati abbandonati.
nella sua città fantasma,
senza elettricità,
il suo corpo
è ormai contaminato.
ma vuole morire
lo stesso dove è nato,
per non abbandonare
i suoi animali dimenticati.

copyright:    Guido Monte

.

Sinfonia d’archi * String Symphony

Sinfonia d'archi

Ancora percepiva il suono della sua voce, cristallino e suadente, come brezza di primavera frusciante fra le fronde. Sophie cercava di concentrarsi sulla lezione ma inutilmente. La custodia del violoncello era poggiata contro il muro, una macchia argentea indistinta come una chiazza d’acqua sopra una superficie ghiacciata.

Ma ciò che sentiva dentro, nel suo profondo, non era il freddo dell’inverno che già era alle porte. Ciò che la turbava era il dolce torpore che s’insinuava con le sue lunghe dita affusolate sotto la pelle, come le sue mani che accarezzavano le vibranti corde!

Era calore. Calore così bruciante da lasciarle le gote arrossate dall’emozione. Ogni volta che pensava a Gilles, ogni volta che rifuggiva il suo sguardo austero, tutto iniziava a turbinare come rimosso da una tempesta.

Ed anche questa volta, Gilles era stato esplicito: avrebbe potuto partecipare al concorso solo se fosse riuscita ad essere impeccabile nell’esecuzione della partitura.

Lui sorrideva spesso, i suoi occhi sorridevano, ogni suo gesto era gaio… ma quando insegnava, quando a volte la correggeva tenendole l’archetto fermo sulle corde, mentre i suoi capelli le lambivano i lati del viso, in quei momenti Gilles era serio. Severo. Esigente. Ossessionante. Maledettamente sensuale!

[continua – continue]

with english version at the bottom  🙂

©Claudine Giovannoni

музыка * Musica * Music * Musique

Piotr Nikiforoff

Certi momenti nascono così… come zefiri primaverili in una giornata di sole! Non erano gli aromi che aleggiavano nell’aria, non le grosse raggrinzite olive sull’alberello appena potato mentre i due gattoni grigio ardesia cercavano carezze: tenerezza, erano le note… La musica coi suoi sguardi, le parole cristalline che riempivano l’etere di melodie conosciute, o sconosciute, o anche solo sognate. Così, in quella dimensione mediana, dove linguaggio dell’anima è visione celestiale di quella danza atavica, odo le odi di Euterpe!

Magia.

E se questa è rivelazione d’infante, ecco che il tutto tocca nel più profondo il cuore! Non può mancare, in questo mondo acerbo di dolcezza ma dove putridità è annidata ogni dove, non può non esservi modo per rappacificare la presenza dell’Umano al cospetto di questo pianeta in balìa a guerre e dolore. Ed ecco che la musica, espressione dell’arte dell’anima, fluisce attraverso le crepe del tempo… raggiungendo il cuore dei più severi.

Chissà perché sono sempre convinta che nulla è dato al caso: la casualità non esiste e quindi ogni azione della causa-effetto, forzatamente ha un nesso che non ci è dato di spiegare… e neppure comprendere. Quelle piccole dita, con tocco aggraziato, sfiorano corde che ci riportano le emozioni più belle… e noi dimentichi di ciò che è stato o sarà. Mi illudo, a volte nell’incoscienza visionaria di chi il mondo lo vuole veramente cambiare, che la magia perdura oltre le percezioni sensorie. Poi questa si insinua come un fiume turbolento di vita vissuta tra flutti e cascate, tra gorghi e morbide distese che dalla sorgente scendono fino all’estuario.

Tempo.

Che inesorabile trascina tutto a valle… ma sono ribelli anche talune note, pittoriche definizioni di tutto ciò che vive. Sbizzarriti i compositori, che han portato il loro impeto nelle partiture: e noi, con loro, nell’intimità di quegli attimi, tratteniamo il respiro! Ora le piccole dita affronteranno con ardore peripezie e prove, ci saranno lacrime, e gioie, e grida di giubilo… quando tutto sarà posto al loro cospetto. Un arduo scorrere del ruscello della giovinezza… Ma il mondo è un palcoscenico, orbene, l’ho vissuto nella sua aspra ampiezza e tenera illusione! Non si vincono le guerre, ma piccole battaglie di ogni giorno forgeranno l’ardore di quelle ancor minuscole dita che creeranno nuove magie per il cuore. Ed è con loro, per loro, a loro, che instancabile posso solo affermare: “Nelle vostre mani, tra le vostre esili dita, è il Mondo… per essere cambiato e trasformato in un luogo migliore… dove sempre Euterpe sarà presente, nel cuore di chi la chiama con le Odi alla sua bellezza!”

A Lèon, Anastasia, Sara Luna, Emanuele Giosuè e tutti i piccoli musicisti che ho avuto la gioia di incontrare…

©Claudine Giovannoni

la stessa passione per la musica

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in the spring of 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 47,516 hits