• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Undercover worker inside a slaughterhouse * sotto copertura in un mattatoio

(KEYSTONE/Martin Ruetschi)

****Testo in italiano, dopo la seconda immagine****

Source The Doe by Alan G. activist/Progressive/Millennial https://www.thedoe.com/narratives/inside-a-slaughterhouse

A scathing look at the animal cruelty inside a slaughterhouse, from an investigator, vegan and activist.

“I can’t cave any of them.” That’s what I reminded myself, day after day, as I looked upon the faces of the animals who would soon be slaughtered. “Just do what you came here to do,” I would add, locking my eyes forward to concentrate on the task at hand. There’s no time to stop and be sentimental. At a slaughterhouse, there’s always work to be done.

During the years I was an undercover investigator, I worked at three slaughterhouses in three different states on behalf of a national farmer animal protection organization. While working, I used hidden camera equipment to document the painful reality of animals endure on the last day of their lives.

I often asked myself how I ended up where I was. Like a lot of people in the vegan movement, I would call myself an animal lover. When I was young, I only had a few career goals. After seeing Jurassic Park, I wanted to grow up and study reptiles. Then, after consuming copious comic books, I wanted to be a hero. I combined these goals and eventually earned a master’s degree in ecology, with the goal of doing conservation research to protect wild animals. But, while I was in school, I learned about the suffering of farm animals through a labmate, the first vegan I ever knew in real life.

You probably guessed this already, but after a lengthy process, I became a vegan as well. Why wouldn’t I? Not only is meat production cruel, but it’s also notoriously bad for the environment, in terms of land use and emissions. So, it appealed to me as someone interested in conservation. In fact, I was so entranced with veganism and its benefits that I decided to keep my career options somewhat open. I wanted to either end up in field research or in activism. The non-profit I continue to work for today was the first to respond to my resume, which eventually brought me to those slaughterhouses.

I ended up working at chicken, pig, and lamb slaughter facilities before I retired from fieldwork. I saw cruelty everywhere I went: some intentional and some as a result of companies trying to maximize speed (and, therefore, profits).

The chicken slaughterhouse: animal cruelty bordering on torture

My first job undercover was at the poultry plant, working live hang. Our one job was to pull chickens off a conveyor belt and wedge their legs in shackles passing by at eye-level. We were supposed to handle 24 chickens per minute, an impossible time frame for anything even resembling “humane”. The birds would struggle; they would flap their wings or defecate out of fear, releasing feathers, blood, and feces everywhere. The other workes seemed unconcerned with their plight. They would tear feathers off to throw at one another, or press the bodies of chickens against the metal conveyor belt in retaliation against their struggling. Sometimes, the workers at the head of the line would take a few steps back and hurl the birds at the shackles like they were baseballs. Often, the birds would successfully end up in the shackles after these pitches. It was easy to see that the workers had practiced this method.

The pig slaughterhouse: inhumane methods of killing

My second position was at a slaughterhouse supplying a household name in pork products. I ended up working two different jobs there, one of which was on the kill floor. Part of the job was herding the animals through chutes and pens until they reached the stunner. Afraid and/or injured, sometimes they wouldn’t want to move or simply couldn’t. And when the pigs weren’t moving, the workers started to become violent.

We had “rattle paddles” which look like oars with the flat end filled with noise-making beads. Workers would raise these paddles above their heads and bring them down on the heads or bodies of pigs. Several times, I was admonished by other for not doing this. “Hit them! Hit them” they would yell at me. We also had access to electrical prods, which others workers would use on animals multiple times, sometimes in the face or near the genitals. The sick ones would be pulled by their tails or shoved out of the pens. We were supposed to use a sled to do that, but a supervisor told me they just didn’t have the time.

When the animals got past the chutes, a worker would use an electrical stunner on them. The hogs would go rigid and fall down a slide to a conveyor belt below. There, a worker would cut their Throats If the cut wasn’t done correctly, the animal wouldn’t bleed out enough to kill them before the stunning wore off, so I documented several pigs returning to sensibility and attempting to right themselves while they were hanging upside down, bleeding from the gaping hole in their throats. Workers were supposed to stop the line to re-stun the animal, but in one instance I witnessed, they didn’t bother, leaving the animal to suffer as the shackle took him slowly towards tanks of scalding water. I remember a choice quote from one worker: “If USDA were around, they could shut us down.”

The lamb slaughterhouse: processing contaminated meat

My final investigation was at a slaughterhouse for one of the largest lamb producers in the U.S. I spent a few months working in a refrigerated room all day. The supervisor would tell workers to change the “best by” date labels on older products to falsify their freshness. He would help people avoid putting products through the metal detectors to save time, risking contamination of the meat with metal shavings. And when I finally got a position that would help me observe the slaughter process, we discovered that after having their throats cut open, 90 percent of the lambs would move in response to having their tails cut off later on the line, indicating they were potentially still sensible. What we saw was so egregious we decided to file a False Claims Act against the company, which resulted in a historic intervention from the Department of Justice, a settlement, and mandate changes to their slaughtering practices.

Slaughterhouse workers suffer, too

Slaughterhouse practices don’t just cause suffering for the animals. Meatpacking plants are notoriously dangerous for workers, with two amputations occurring in the U.S. per week (https://www.theguardian.com/environment/2018/jul/05/amputations-serious-injuries-us-meat-industry-plant). Most of my jobs were basically assembly line jobs, with workers performing the same action hundreds or thousands of times per day. Injuries are common, especially those caused by the repetitive motions on the line. I remember my hands aching every minute while I was employed in live hang, my knuckles red from holding the bony legs of thousand of chickens.

In another job, I wore a back brace on top of another because I spent all day carrying boxes filled with lamb meat. I cut myself on knives and metal hangers at the pig plant. More than once, I cried in my car before a shift, anticipating the mental and physical anguish I would endure for the next 12 hours. (And, now, during the coronavirus pandemic many Americans are painfully aware of how a disease can spread like wildfire inside of these facilities.)

Though all of that is behind me now, it is still the reality for the billions of animals who are slaughtered every year. While I’m retired from undercover work, I’m still very much an activist for animals. As part of my job, I work with footage from other investigators and witness the same cruelty I saw firsthand. But it’s worth it because I want people to see what I saw, as hard as it can be to watch. Despite the efforts of investigators like myself, there are still so many people who have no idea where their “food” comes from, and what horrible atrocities they’re paying into by buying animal products. My hope is that everyone who is even a little curious about what I went through can take the time to watch some of the footage brought back from these facilities. As someone who was on the inside, I hope the reality of the plight reaches you.

Have questions? http://adaptt.org/veganism.html

Uno sguardo atroce alla crudeltà verso gli animali all’interno di un macello, da un investigatore, un vegano e un attivista.

“Non posso scavare nessuno di loro.” È quello che mi sono ricordato, giorno dopo giorno, mentre guardavo le facce degli animali che sarebbero presto stati massacrati. “Fai solo quello che sei venuto qui per fare”, aggiungerei, chiudendo gli occhi per concentrarmi sul compito da svolgere. Non c’è tempo per fermarsi ed essere sentimentali. In un macello c’è sempre del lavoro da fare.

Nel corso degli anni sono stato un investigatore sotto copertura, ho lavorato in tre macelli in tre diversi stati per conto di un’organizzazione nazionale per la protezione degli animali da allevamento. Durante il lavoro, ho usato le attrezzature nascoste della fotocamera per documentare la dolorosa realtà che gli animali sopportano l’ultimo giorno della loro vita.

Mi sono chiesto spesso come sono finito dove mi trovavo. Come molte persone nel movimento vegano, mi definirei un amante degli animali. Quando ero giovane, avevo solo alcuni obiettivi di carriera. Dopo aver visto Jurassic Park, volevo crescere e studiare rettili. Quindi, dopo aver consumato copiosi fumetti, volevo diventare un eroe. Ho unito questi obiettivi e alla fine ho conseguito un master in ecologia, con l’obiettivo di fare ricerche sulla conservazione per proteggere gli animali selvatici. Ma, mentre ero a scuola, ho appreso della sofferenza degli animali da allevamento attraverso un compagno di laboratorio, il primo vegano che abbia mai conosciuto nella vita reale.

Probabilmente hai già indovinato questo, ma dopo un lungo processo, sono diventato anche vegano. Perché non dovrei? Non solo la produzione di carne è crudele, ma è anche notoriamente dannosa per l’ambiente, in termini di utilizzo del suolo ed emissioni. Quindi, mi è piaciuto come qualcuno interessato alla conservazione. In effetti, ero così affascinato dal veganismo e dai suoi benefici che ho deciso di mantenere le mie opzioni di carriera in qualche modo aperte. Volevo finire nella ricerca sul campo o nell’attivismo. Il non profit per cui continuo a lavorare oggi è stato il primo a rispondere al mio curriculum, che alla fine mi ha portato a quei macelli.

Ho finito per lavorare nelle strutture di macellazione di polli, maiali e agnelli prima di ritirarmi dal lavoro sul campo. Ho visto la crudeltà ovunque andassi: alcuni intenzionali e altri come risultato di aziende che cercavano di massimizzare la velocità (e, quindi, i profitti).

Il macello del pollo: crudeltà verso gli animali confinante con la tortura

Il mio primo lavoro sotto copertura è stato presso la fabbrica di pollame, lavorando dal vivo. Il nostro unico compito era quello di estrarre i polli da un nastro trasportatore e incastrare le gambe in catene che passavano all’altezza degli occhi. Avremmo dovuto gestire 24 polli al minuto, un lasso di tempo impossibile per qualsiasi cosa che somigliasse a “umana”. Gli uccelli avrebbero lottato; sbattevano le ali o defecavano per paura, liberando piume, sangue e feci dappertutto. Le altre opere sembravano non preoccuparsi della loro condizione. Si strappavano le piume per gettarsi l’una contro l’altra, o premevano i corpi di polli contro il nastro trasportatore di metallo in rappresaglia contro le loro lotte. A volte, gli operai in cima alla fila facevano qualche passo indietro e lanciavano gli uccelli alle catene come se fossero palle da baseball. Spesso, dopo queste piazzole, gli uccelli finivano con successo nelle catene. Era facile vedere che i lavoratori avevano praticato questo metodo.

Il macello del maiale: metodi disumani di uccisione

La mia seconda posizione era in un macello che forniva un nome familiare nei prodotti suini. Ho finito per lavorare due diversi lavori lì, uno dei quali era sul piano di uccisione. Parte del lavoro consisteva nel radunare gli animali attraverso scivoli e penne fino a quando non raggiunsero lo storditore. Impauriti e / o feriti, a volte non vorrebbero muoversi o semplicemente non potrebbero. E quando i maiali non si muovevano, gli operai iniziarono a diventare violenti.

Avevamo “pagaie a sonagli” che sembrano remi con l’estremità piatta piena di perline che producono rumore. Gli operai sollevano queste pagaie sopra le loro teste e le abbattono sulle teste o sui corpi dei maiali. Più volte, sono stato ammonito da altri per non averlo fatto. “Colpiscili! Colpiscili” mi gridavano. Avevamo anche accesso a dispositivi elettrici, che altri lavoratori avrebbero usato sugli animali più volte, a volte in faccia o vicino ai genitali. I malati sarebbero stati tirati per la coda o spinti fuori dalle penne. Avremmo dovuto usare una slitta per farlo, ma un supervisore mi disse che non avevano tempo.

Quando gli animali superavano gli scivoli, un lavoratore usava uno storditore elettrico su di loro. I maiali si irrigidivano e cadevano da uno scivolo a un nastro trasportatore sottostante. Lì, un lavoratore taglierebbe le loro gole Se il taglio non fosse eseguito correttamente, l’animale non sanguinerebbe abbastanza da ucciderli prima che lo stordimento svanisse, quindi ho documentato diversi suini che tornavano alla sensibilità e cercavano di raddrizzarsi mentre erano appesi a testa in giù, sanguinanti dal buco aperto in gola. I lavoratori dovevano fermare la fila per re-stordire l’animale, ma in un caso ho assistito, non si sono preoccupati, lasciando l’animale a soffrire mentre il grillo lo porta lentamente verso i serbatoi di acqua bollente. Ricordo una citazione scelta da un lavoratore: “Se l’USDA fosse in giro, potrebbe chiuderci.”

Il macello dell’agnello: lavorazione della carne contaminata

La mia indagine finale è stata presso un macello di uno dei più grandi produttori di agnelli degli Stati Uniti. Ho trascorso alcuni mesi a lavorare in una stanza refrigerata tutto il giorno. Il supervisore direbbe ai lavoratori di cambiare le etichette delle date “migliori per” sui prodotti più vecchi per falsificare la loro freschezza. Aiuterebbe le persone a evitare di mettere i prodotti attraverso i metal detector per risparmiare tempo, rischiando la contaminazione della carne con trucioli di metallo. E quando finalmente ho ottenuto una posizione che mi avrebbe aiutato ad osservare il processo di macellazione, abbiamo scoperto che dopo aver aperto la gola, il 90 percento degli agnelli si sarebbe mosso in risposta al taglio della coda in seguito, indicando che erano potenzialmente ancora ragionevole. Ciò che abbiamo visto è stato così eclatante che abbiamo deciso di presentare un False Claims Act contro la società, che ha provocato un intervento storico da parte del Dipartimento di Giustizia, un insediamento e il mandato di modifiche alle loro pratiche di macellazione.

Anche i lavoratori dei mattatoi soffrono

Le pratiche del mattatoio non causano solo sofferenza per gli animali. Gli impianti di confezionamento della carne sono notoriamente pericolosi per i lavoratori, con due amputazioni che si verificano negli Stati Uniti a settimana (https://www.theguardian.com/environment/2018/jul/05/amputations-serious-injuries-us-meat-industry-plant) . La maggior parte dei miei lavori erano fondamentalmente lavori in catena di montaggio, con i lavoratori che eseguivano la stessa azione centinaia o migliaia di volte al giorno. Gli infortuni sono comuni, in particolare quelli causati dai movimenti ripetitivi sulla linea. Ricordo che mi dolevano le mani ogni minuto mentre lavoravo in sospensione dal vivo, le mie nocche rosse per tenere le gambe ossute di migliaia di polli.

In un altro lavoro, ho indossato un rinforzo posteriore sopra un altro perché ho passato tutto il giorno a trasportare scatole piene di carne di agnello. Mi sono tagliato su coltelli e ganci di metallo nella pianta del maiale. Più di una volta, ho pianto in macchina prima di un turno, anticipando l’angoscia mentale e fisica che avrei sopportato per le successive 12 ore. (E, ora, durante la pandemia di coronavirus molti americani sono dolorosamente consapevoli di come una malattia possa diffondersi come un incendio all’interno di queste strutture.)

Anche se tutto ciò è alle mie spalle adesso, è ancora la realtà per i miliardi di animali che vengono macellati ogni anno. Mentre sono in pensione dal lavoro sotto copertura, sono ancora un attivista per gli animali. Come parte del mio lavoro, lavoro con filmati di altri investigatori e sono testimone della stessa crudeltà che ho visto in prima persona. Ma ne vale la pena perché voglio che le persone vedano ciò che ho visto, per quanto sia difficile da guardare. Nonostante gli sforzi degli investigatori come me, ci sono ancora così tante persone che non hanno idea da dove provenga il loro “cibo” e in quali orribili atrocità stanno pagando acquistando prodotti di origine animale. La mia speranza è che chiunque sia anche un po ‘curioso di quello che ho passato possa dedicare del tempo a guardare alcuni filmati ripresi da queste strutture. Come qualcuno che era dentro, spero che la realtà della situazione ti raggiunga.

Have questions? http://adaptt.org/veganism.html

Holland: must kill 10,000 minks to stem SARS-CoV-2 cases

The above pictures are taken from the web, shows the pitiful state of the little animals, caged in small wire boxes. The horrible situation of stress which pushes the animals toward cannibalism and violence one against the other.

Devastating decision: more than 10,000 minks for fur, will be killed in Holland following the discovery of possible transmission of SARS-CoV-2 from animals to humans.
On a farm in Deurne in the south of the country, due to cases of infection of some animals, 1,500 minks have already been killed using carbon monoxide to prevent the spread of the virus.
And the undifferentiated killing of minks will continue until the suppression of all specimens, even puppies.
Despite the interventions of various animal welfare associations, the Dutch Food & Wares authority has been adamant and the Amsterdam Court has given the go-ahead to the massacre.
Claire Bass director of the Humane Society International UK, has asked that the 24 countries around the world that still allow the breeding of visions (for furs) to quickly assess the situation and evidence of what is happening in the Netherlands.
China, Denmark and Poland are the largest mink producers and annually kill 60 million animals for fur. In Holland, there are 140 mink farms that export 90 million euros of fur per year. But even in Italy there are farms in different regions… establishments where the poor animals are born and live in horrendous hygienic conditions in narrow spaces where infernal scenarios take place.
As long as there is “demand” from “consumers”, innocent animals will be bred in captivity to be killed for their furs.
Wearing fur from animals raised in pitiful conditions is a matter of ethics.
On the market we find imitations so perfect as to hardly distinguish them from real fur… they certainly cost less, they are free of suffering and if it is really necessary because of the rigid temperatures, they shelter optimally from the cold.

Refusing to generate suffering to other creatures is a personal matter, this is obvious. But I believe that those who wear this item of clothing are not sensitive to the topic and certainly not inclined to hear reasons.

migliaia di gabbie con le povere creature imprigionate

Devastante decisione: in Olanda saranno uccisi più di 10.000 visoni da pelliccia, a seguito della scoperta di possibile trasmissione del SARS-CoV-2 dagli animali all’uomo.
In una fattoria a Deurne nel sud del paese, a causa di casi d’infezione di alcuni esemplari, sono già stati soppressi utilizzando del monossido di carbonio, 1.500 animali per prevenire il dilagare del virus.
E gli abbattimenti indifferenziati dei visoni continueranno fino alla soppressione indistinta di tutti gli esemplari, anche i cuccioli.
Malgrado gli interventi di diverse associazioni animaliste, la Food&Wares authority olandese è stata irremovibile ed il Tribunale di Amsterdam ha dato il nulla osta alla strage.
Claire Bass direttore della Humane Society International UK, ha chiesto che i 24 paesi in tutto il mondo che consentono ancora l’allevamento di visioni (per pellicce) di valutare rapidamente la situazione e le prove di quanto sta accadendo nei Paesi Bassi.
Cina, Danimarca e Polonia sono i maggiori produttori di visoni e abbattono annualmente 60 milioni di animali per le pellicce. In Olanda, ci sono 140 allevamenti di visoni che esportano 90 milioni di euro di pellicce l’anno. Ma anche in Italia ci sono allevamenti in diverse regioni… stabilimenti dove le povere bestiole nascono e vivono in orrende condizioni igieniche in spazi angusti dove si svolgono scenari infernali.
Fin tanto che ci sarà la “richiesta” da parte dei “consumatori”, animali innocenti saranno allevati in cattività per essere ammazzati per le loro pellicce.
Indossare una pelliccia proveniente da animali allevati in condizioni pietose, è una questione di etica.
Sul mercato troviamo imitazioni così perfette da difficilmente distinguerle dal pelo vero… costano certamente meno, sono prive di sofferenza e se proprio è necessario a causa delle rigide temperature, riparano in modo ottimale dal freddo.

Rifiutarsi di generare sofferenza ad altre creature, è una questione personale, questo è ovvio. Ma credo che chi sfoggia questo capo di vestiario, non è sensibile alla tematica e certamente poco incline a sentire ragioni.

Spain: stop the executions of galgos World Animals Voice

(Original post:  World Animals Voice)

In the midst of the coronavirus pandemic, the notifications of bestiality perpetrated by humans against animals do not end.
Spain, which today complains of more than 230’000 covid-19 cases, does not yet have laws that can protect animals.
I share chilling images and videos that show the horror perpetrated against the hunting dogs “Galgos”…
Another reason why hunting should be abolished, but also any other form of human exploitation of animals!

…ooOoo…

Nel bel mezzo della pandemia da coronavirus, non finiscono le notifiche di bestialità perpetrate da umani nei confronti di animali.
La Spagna, che lamenta in data odierna più di 230.000 casi covid-19, non dispone ancora di leggi che possano tutelare gli animali.
Condivido immagini e filmati aghiaccianti che mostrano l’orrore perpetrato contro dei cani da caccia “Galgos”…
Altra ragione per la quale bisognerebbe abolire la caccia, ma anche ogni altra forma di sfruttamento degli animali da parte di umani!

 

Watch this video and share as much as possible… the world needs to know that this is still happening. Abuse and killing of galgos must stop !! Spain is one of the few countries where it is legal to hunt with greyhounds. At the end of the hunting season, many dogs are eliminated or […]

via Spain: stop the executions of galgos — World Animals Voice

La fauna selvatica non dovrebbe forse essere patrimonio nazionale?

Lince_WWF

Fauna selvatica patrimonio nazionale CG corriere 22.10.2019

(Corriere del Ticino 22.10.2019)

Nel 1800 sono scomparse in Svizzera diverse specie, sterminate poiché ritenute pericolose o semplicemente poiché l’uomo ha sottratto loro lo spazio vitale: nel 1871 in Ticino è stato ucciso l’ultimo lupo, nel 1894 in Vallese l’ultima lince, nel 1904 in Grigioni l’ultimo orso. Nel 1985 si è estinto il gipeto barbuto, nel XIX furono sterminati i castori per la loro pelliccia e nel 1989 per l’ultima volta sul lago di Neuchâtel, era stata avvistata la lontra.
Poi questi animali hanno fatto un difficile ritorno, e ancora oggi sono ingiustamente temuti da una grande maggioranza che preferirebbe ucciderli per evitare di cercare altre soluzioni. A questi si aggiungono altre specie minacciate come la pernice bianca.
È oramai da anni che in Svizzera è discussione accesissima tra chi il lupo lo vuole ammazzare e chi fa di tutto per proteggerlo. Certo, il lupo è un predatore ed nel suo DNA è impresso ciò che un predatore fa: cacciare.
Va comunque rilevato che se l’uomo non entra in contatto o non provoca uno di questi animali, specialmente se femmina con piccoli, l’animale fugge e non insorgono problemi. Le complicazioni di regola nascono quanto il comportamento umano crea delle situazioni di conflitto.
Ricordo con una fitta di dolore il giovane orso M13 arrivato in Ticino dal Trentino e abbattuto il 19 febbraio 2013 in Valposchiavo poiché considerato “orso pericoloso”.
La sua colpa? Dopo il letargo, affamato, si era avvicinato troppo nella ricerca di cibo a zone abitate nel tentativo di sopravvivere nel suo habitat naturale.
Eppure M13 non era un orso pericoloso, portava anche un collare satellitare per controllarne gli spostamenti. Lo avevano persino fotografato mentre mangiava delle bietole da foraggio… ma le aveva veramente rubate lui le bietole, oppure erano state l’esca per attirarlo e poi vigliaccamente avere i presupposti per ucciderlo? Perché al posto di ucciderlo non lo hanno narcotizzato e portato altrove?
Questi fatti non sono certo un onore per chi ha ordinato l’uccisione e per quei guardiacaccia che hanno puntato il fucile per freddarlo. La notizia aveva suscitato molto scalpore e sollevato parecchie critiche che presto sono però finite nel dimenticatoio.
Due pallottole sono meno care? Un personaggio locale, qualche settimana fa aveva detto la stessa cosa per liquidare i lupi.
E così è stato fatto, lo scorso 10 ottobre. Due in meno. Due cuccioli provenienti dalla regione del Piz Beverin. L’Ufficio per la caccia e la pesca retico era stato incaricato di “prelevare complessivamente quattro giovani lupi”: questo l’annuncio. Prelevare è sinonimo di ammazzare. E presto gli altri due fratellini faranno la stessa fine.
Il controllo del territorio e delle sue risorse naturali da parte dell’uomo, sfocia sempre in atti riprovevoli dove a farne le spese sono quelle creature che non si possono difendere da armi la cui tecnologia d’avanguardia permette la caccia notturna o da grande distanze.
Se l’uomo caccia oltre misura o per diletto o per cibo, la delicata bilancia dell’ecosistema subisce una rottura che è poi difficilmente sanabile.
Ma dobbiamo ricordare che è l’Uomo ad avere sottratto ad ogni tipo di animali il loro territorio, antropizzando zone che prima erano selvagge. E la marea continua; senza troppi scrupoli si pianificano costruzioni anche di grosse dimensioni sulle colline (vedi Monte Brè sopra Locarno).
La proposta di un Parco Nazionale protetto dove l’ecosistema avrebbe potuto godere di maggiore tutela, è stata bocciata a causa di incomprensioni generate dall’ignoranza e incompetenza degli osteggiatori. Errare è umano, perseverare diabolico. Cosa abbiamo imparato dagli sbagli del passato? Nulla.
Se nel 19esimo secolo era stata abbattuta buona parte della selvaggina dall’uomo cacciatore, sono stati i predatori a farne le spese, per loro non c’era più cibo, ed appare logico che per sopravvivere abbiano cacciato animali da allevamento.
Oggigiorno gli allevatori dispongono di informazioni dettagliate, possono ricevere consulenza gratuita da uffici federali e cantonali nell’ottica di allevare in modo sicuro e protetto i loro animali da reddito.
Eppure… eppure la scorsa settimana due giovani lupi sono stati abbattuti poiché avevano predato. Superfluo sottolineare che gli allevatori che hanno perso dei capi sono stati risarciti, ma per i lupi ammazzati nessuno, a parte qualche eccezione, hanno avuto parole di compianto.
Lo scorso 12 settembre 2019, il Parlamento svizzero ha deciso che i lupi, e di conseguenza anche il castoro, airone cenerino cigno reale, lince, orso, saranno inseriti nella lista delle specie regolabili.
Questa legge permette l’abbattimento di animali protetti senza che abbiano mai causato danni. Semplicemente perché esistono potranno essere sterminati. Credo che siano molte le ragioni di questo gioco poco pulito di certe lobby forieri di futuri sviluppi negativi per fauna e flora.

Diamo supporto a WWF, Pro Natura e altre associazioni votate alla protezione della natura e degli animali: dallo scorso 8 ottobre 2019 è in circolazione il “Referendum” contro questa legge inaccettabile che indebolisce la protezione degli animali selvatici.
I danni provocati dagli uomini sono infinitamente superiori se paragonati a quelli di un grande predatore che vaga per i monti; almeno lui caccia quello che trova sulla sua strada, gira al largo se s’imbatte in un cane Maremmano o in un pastore munito di bastone.
Mentre l’essere umano mostra falsi sorrisi e quando gli volti la schiena tira fuori il coltello per pugnalarti alle spalle. Con le sue paure ataviche, la sua supponenza e arroganza, sottomessa all’adorazione del potere e del danaro, distrugge ciò che gli sta attorno.

(vedi link)

Il referendum permetterà che l’ultima parola spetti ai cittadini.

…oOo…

In 1800 several species disappeared in Switzerland, exterminated as they were considered dangerous or simply because the man took their living space from them: in 1871 in Ticino the last wolf was killed, in 1894 in Vallese the last lynx, in 1904 in Grigioni the last bear. In 1985 the bearded vulture was extinct, in the XIX the beavers were exterminated for their fur and in 1989 for the last time on the lake of Neuchâtel, the otter had been sighted.
Then these animals have a hard return and are still unjustly feared by a large majority would prefer killing them and avoid  looking for other solutions. To these are added other threatened species such as the white partridge.
It is now for years that in Switzerland it is a very heated debate between who wants to kill the wolf and who does everything to protect it. Of course, the wolf is a predator and in his DNA is imprinted what a predator does: hunt.
It should, however, be noted that if the man does not come into contact or does not provoke one of these animals, especially females with their young, the animal escapes and no problems arise. Complications usually arise when human behavior creates conflict situations.
I remember with a pang at the heart, the young bear M13 arrived in Ticino from Trentino (Italy) and shot down February 19, 2013 in Valposchiavo regarded as “dangerous bear.”
His fault? After the lethargy, hungry, he had come too close to finding food in inhabited areas in an attempt to survive in his natural habitat.
Yet M13 was not a dangerous bear, he also wore a satellite collar to control his movements. Had they even photographed him eating fodder beets… but had he really stolen the beets, or had they been the bait to lure him and then cowardly have the prerequisites for killing him? Why have him not been drugged and taken elsewhere instead of killing him?
These facts are certainly not an honor for those who ordered the killing and for those gamekeepers who aimed their rifle to kill him. The news caused quite a stir and raised several criticisms that too soon ended up forgotten.
Are two bullets cheaper? A local “character”, a few weeks ago had said the same thing to liquidate the wolves.
And so it was done, last October 10th. Two less. Two puppies from the Piz Beverin region. The Office for hunting and fishing has been commissioned to “collect a total of four young wolves”: this is the announcement. “Collect” is synonymous with killing. And soon the other two brothers will do the same end.
The control of the territory and of its natural resources by man always results in reprehensible acts where it is the creatures who cannot defend themselves from weapons whose avant-garde technology allows nocturnal hunting or from great distances.
If man hunting lengthening or for pleasure or food, the delicate balance of the ecosystem undergoes a break which is then hardly curable.
But we must remember that it is Man who has taken their territory from all kinds of animals, by populating areas that were previously wild. And the tide continues; without too many scruples, even large buildings are planned on the hills (see Monte Brè above Locarno).
The proposal of a protected national park where the ecosystem could enjoy greater protection, was unfortunally rejected because of misunderstandings generated by ignorance and incompetence of opposers. To err is human, to persevere diabolically. What have we learned from the mistakes of the past? Nothing.
If in the 19th century it had been slaughtered almost all of the game by the hunter man, it was the predators that paid the price, for them there was no more food, and it seems logical that to survive they hunted farm animals.
Nowadays, breeders have detailed information, they can receive free advice from federal and cantonal authorities in order to breed in a safe and secure way their animals for profit.
Yet… yet last week two young wolves were slaughtered because they had preyed on. Needless to point out that farmers who have lost sheeps have been compensated, but for the killed wolves , with some exceptions, few have had words of sorrow.

On September 12, 2019, the Swiss Parliament decided that the wolves, and consequently also the beaver, gray heron, swan, lynx, bear, will be included in the list of “adjustable species”.
This law allows the slaughter of protected animals without ever causing damage. Simply because they exist they can be exterminated. I believe that there are many reasons for this unclean game of certain lobbies that are harbingers of future negative developments for fauna and flora.

We must support WWF, Pro Natura and other associations dedicated to the protection of nature and animals: since October 8, 2019, the “Referendum” has been circulating against this unacceptable law that weakens the protection of wild animals.
The damages caused by men are infinitely superior when compared to those of a great predator that wanders through the mountains; at least he hunts the one he finds on his way, but turns away if he comes across a Maremmano dog or a shepherd with a stick.
While the human being shows false smiles and when he turns his back, he takes out the knife to stab you in the back. With his atavistic fears, his arrogance and haughtiness, subjected to the worship of power and money, destroys everything around him.

(see link)

The referendum will allow citizens to have the last word.

What you wouldn’t want to see * ciò che non vorresti vedere

Estratto dal blog  Serbian Animals Voice  see here for the English text – by Venus

“Il noto dolore al petto è tornato, posso solo camminare, loro non possono.”
(Jo-Anne McArthur, fotografa e investigatrice del benessere degli animali).
Gli attivisti che hanno esposto la crudeltà verso gli animali alla più grande fattoria di suini in Francia hanno riscontrato problemi…
Cosa sperimentano gli attivisti quando scoprono l’agonia animale, lo puoi vedere nel video!

Ecco come un attivista descrive l’azione in questo mattatoio:
“Negli ultimi giorni non avevo trovato parole per tutto quello che è successo, ho provato diverse volte a scrivere questo post e poi ho cancellato di nuovo le righe.
Cinque giorni fa ho partecipato all’azione di massa della disobbedienza civile #OccupyCarrefour e abbiamo occupato pacificamente una delle più grandi aziende di allevamento di suini in Francia.
Insieme ad altri attivisti mi sono incatenato il collo alle sbarre delle gabbie dove sono intrappolati i maiali, mentre altri attivisti hanno documentato le terribili condizioni per renderlo disponibile al pubblico.

Siamo stati sottoposti alla stessa violenza degli animali ogni giorno, siamo stati spinti e picchiati dai contadini e sono stato persino colpito in faccia da una sbarra di ferro.
Le persone che usano la violenza contro gli animali su base giornaliera non evitano la violenza contro gli umani. Mentre ero incatenato alla stessa altezza dei maiali, dovevo guardarli negli occhi tutto il tempo e potevo sentire le loro urla. Ma dovevo anche guardare negli occhi i miei amici – pieni di paura e dolore.

Abbiamo dovuto sperimentare com’è essere intrappolati lì ed eravamo impotenti in balia di questa violenza proprio come gli animali. Gli altri attivisti hanno cercato di proteggerci con i loro corpi, ma nessuno protegge gli animali. Un giovane agricoltore ha persino minacciato di spararci, c’era così tanto odio negli occhi di queste persone. Siamo stati fortunati a poter lasciare di nuovo vivi questo luogo crudele, ma gli animali sono in cattività per tutta la vita e alla fine vengono uccisi.

Immagina com’è essere rinchiuso in una piccola gabbia per il resto della tua vita, dove non puoi nemmeno voltarti. Immagina com’è quando i tuoi bambini vengono portati via poco dopo la nascita e non li vedi mai più.
Immagina com’è quando non puoi scappare dalla violenza, quando non puoi nemmeno provare a salvarti la vita.
Gli animali sono nati in questo inferno, non vedono la luce del giorno o la luce del sole per tutta la vita, non prendono aria fresca e vegetano solo fino al giorno della loro esecuzione. L’agricoltura umana o l’uccisione umana non esistono nella realtà.
Facciamo scelte consapevoli e poniamo fine allo sfruttamento sistematico.

Tali condizioni crudeli sono persino consentite dalla legge e la polizia monopolizza l’uso della forza che viene applicata contro le persone che si oppongono a questo sistema. La violenza e la repressione della polizia colpiscono quindi le persone sbagliate, che sono libere di denunciare il portatore di un messaggio invece di rispondere al messaggio stesso e cambiare qualcosa.
Il consumo di animali morti e di prodotti di origine animale non è solo moralmente riprovevole, ma anche ecologicamente inaccettabile in quanto contribuisce in modo significativo al consumo climatico di enormi quantità di acqua ed energia.

La prossima volta che acquisti carne o prodotti animali, pensa al suo viso. Pensa al loro destino e alla sofferenza che hanno vissuto. Pensa alla vita che non potrebbero mai vivere solo per i tuoi gusti. Nella società di oggi, mangiare carne non è più una necessità, ma una decisione. Una decisione per violenza, indifferenza, sofferenza e morte.
E una decisione contro compassione, amore, rispetto e libertà. È davvero ciò che noi come esseri umani vogliamo rappresentare?

È preoccupante quando le persone si arrabbiano con i vegani per aver evidenziato la sofferenza… piuttosto che arrabbiarsi con se stessi per averla causata.

L’unica cosa che questa industria teme così tanto è la verità e la verità è ciò che riveleremo. Solo perché qualcosa è legale, non significa che sia anche giusto. Se esiste una legge per legittimare e legalizzare la crudeltà verso gli animali, lo sfruttamento, l’oppressione, la discriminazione e la distruzione ambientale, allora è nostro dovere morale ignorare queste leggi ingiuste.
Quando l’ingiustizia viene accettata, la resistenza diventa un obbligo!

Ti preghiamo di riconsiderare le tue decisioni in futuro, hai almeno tre scelte al giorno. Non scusarti, fai qualcosa! Diventa attivo e parla per gli animali, non possono parlare da soli ”.
Azione diretta ovunque – DxE
Non c’è nulla su cui commentare, solo molto a cui pensare, ed è meglio prendere la tua decisione qui e oggi per smettere di cooperare con questo sistema di sfruttamento inumano. Questa è l’industria della carne e del latte. È tempo di farla finita
Ringraziamo moltissimo gli attivisti coraggiosi per il loro coraggio civile.

.

 

And… again: hatred towards wolves

Canis_lupus_with_radio_collar_wikipedia

1Lupo2Lupo

Published Sept. 10th, 2019 Corriere del Ticino

Unfortunately the arrogance spreads and creates hatred and misinformation among the citizens.
Of course I would never have expected from a man of culture, complete with studies in molecular biology and doctorate as well as dozens of scientific publications, international congresses  and so on and so forth, a banal exit like “isn’t that a couple of well-placed bullets cost less?”
This same person had also been in the front line against the creation of the Parco del Locarnese. Certainly, dear prof. PhD Sandro Rusconi. But not everyone, in the specific case of the wolf, we share your profound intolerance and diligence in wanting to kill rather than find solutions. I hope that you didn’t express this type of “life thesis” during the lessons she gave years ago in the elementary schools of Locarno, as I hope it is a trivial release on FB, then hurriedly dismissed and forgotten.
It is not killing that we find solutions, and this is not a fact. Certainly humans have an easy trigger, just consider that in every corner of the planet we have conflicts in place, wars that kill millions of people… and animals. I avoid bringing up a list, you just need to read the newspapers or turn on the television to realize that violence, crime and death are practically everywhere.
I reiterate that you can live with the great predators (that were instill here before us) and that there are solutions to be implemented rather than killing an animal that could (I say could) tear to pieces sheep or goats.
If in Trentino and Veneto they are experimenting with the possibility of monitoring wolves through a radio collar, why not opt for this possibility?

I am not insensitive to the fact that the flock of the breeder Mr. Hüppi has suffered losses, indeed, I regret that due to bad weather the lone wolf attacked and managed to blend in. I hope that there were also dogs specifically bred to “protect the flocks” (I refer to the Abruzzese Maremma breeds and the Pyrenean mountain dog see www.bafu.admin.ch protection of flocks).

It is not sufficient to lay electrified nets to contain sheep during the night: whereas in the specification, the attack took place in broad daylight with adverse weather conditions. And doesn’t help having a couple of extra shepherds: the wolf is a clever animal although very shy and can only compete with one of his “peers”: a dog specifically bred to cope with the presence of his “ancestor”.
Unfortunately, I do not think the breeder’s idea of bringing the animal down at sight, which, after all, could also be an escaped dog, a hybrid or perhaps even a lynx, is feasible…
It also happens to hunters, very expert with their rifles equipped with a night vision scope, who sometimes shoot at a “something” that vaguely resembled prey… and then they realize that they have knotted their dog or even their hunter friend (and this has happened right last week before I send my article to the newspaper).

Remember that in Switzerland we have (still) a law that protects large predators, the latter are used to maintain a healthy ecosystem, we should therefore apply wisdom and sagacity by doing everything possible to avoid an extermination of animals making us return to 1800 year in which they had died out of our territory.

Roberto_Kufahl

Mi fa sempre molto piacere ricevere lettere con tanto di mittente, a commento delle mie pubblicazioni. Ancora più piacevole è ricevere un sostegno morale, da persone colte per davvero e che sono pronte a fare qualcosa di tangibile per modificare la situazione inaccettabile che si è protratta ad oltranza nel nostro paese. Su di una cartolina che ritrae l’innevato paesaggio del Serettasee, evidenziata c’è la frase:

Chi non astrae da ciò che è dato, chi non collega i fatti ai fattori che li hanno prodotti, chi non disfà i fatti nella sua mente, in realtà non pensa. (c) H.Marcuse – L’uomo a una dimensione

 

CdT 18.09.2019

E mio marito, è dello stesso avviso!

Acts of criminality towards animals * atti di criminalità verso animali

atti di criminalità verso animali indifesi - La Regione 2.9.2019

Published:  La Regione  Sept. 2nd. 2019

 

Published:  Corriere del Ticino  Sept. 16th, 2019 (integral)

 

We must protect them   *   Dobbiamo proteggerli

pianeta animale

I was quite shocked at reading an article that reported the poisoning of pets in Avegno (Ticino – Switzerland).
It often happens that you are confronted with the brutality expressed against a defenseless animal, and you are always bewildered. Many times it is the exploitation that leads to the death of these creatures, which we call animals or even worse, productive animals, which are kept in captivity within structures desired by human beings.
Other times, they are acts of criminality towards them, or acts of poaching where the victims are amputated to sell souvenirs or resold in full to unscrupulous buyers. These are acts of pure delinquency, not merely of “cowardice”, and therefore should be punished in an exemplary manner.
We do not minimize the question: a person who comes to that, must be deeply disturbed in his soul and consequently should be subjected to a serious psychiatric examination because he/she could also harm another human being.
With pets or companionship, in addition to the poisonings from which I took my cue, there are sometimes disappearances and killings of cats. How legendary is the feline meat dinner I don’t know…
Last winter I saw an announcement from a lady looking for witnesses because her cat was found in her garden, brutally amputated with a cutting weapon. The animal was bled to death in atrocious agony. Facts like these leave you speechless. I sincerely hope that the lady’s denunciation will allow her to arrest the debauched that has poisoned her two dogs, and then I hope that the law does justice, without coming in half terms.

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 58,649 hits
  • Translate