• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

La vergognosa Svizzera * The shameful Switzerland

In queste settimane, gli animi si sono accesi parecchio, e a far discutere è la modifica della Legge sulla Caccia! Quale ecologista amante degli animali, non sono l’unica ad essere stata più volte attaccata verbalmente come pure su scritti apparsi sulla stampa del cantone Ticino. Sono piovute parole spregevoli e ai limiti della denuncia… Ma si considera da quale fonte provengono e si sorride.

Sono molteplici le ragioni per RESPINGERE votando un secco NO, ma i cacciatori, gli agricoltori e altre cattegorie “non meglio definite” stanno gettando sabbia negli occhi dei cittadini.

Bugie e pretesti inverosimili che solo confondono le idee di chi ancora non ha capito che ne va di mezzo l’intero ecosistema. Quest’articolo, in sostanza, porta alla luce la vera natura di alcuni cacciatori (ma quanti, in verità?)

Il bracconaggio dilaga… stiamo parlando di linci, animali protetti, ma anche di altri.

No alt text provided for this image
No alt text provided for this image
No alt text provided for this image

In recent weeks, tempers started to flare, and the topic is the modification of the Hunting Law!

As an ecologist who loves animals, I’m not the only one who has been several times verbally attacked, and into writings that have appeared in the press of the Canton of Ticino. Quite few bad words have being poured, which were bordering on denunciation… But you always must consider from which source they come and than, you smile.

There are many reasons to REJECT by voting a sharp NO, but hunters, farmers and other “not better defined” categories are throwing sand in the eyes of citizens.

Lies, unlikely pretexts that only confuse the ideas of those who have not yet understood that the whole ecosystem is involved.

This article (unfortunetely in German language) essentially brings to light the true nature of some hunters (disgusting, but how many are they?)

Poaching is rampant… we are talking about lynxes, protected animals, but also of others of the protected species.

Fighting for them: the creatures without voice

26.8.2020 Corriere del Ticino

The global extinction of many species of flora and fauna, or a reduction / loss of the same in a specific natural environment, can be a temporary or permanent phenomenon depending on the situation. In the case of deforestation, the disappearance of the habitat of many species, without the possibility of restoration, generates an irreversible loss of biodiversity.
Small changes within a balanced ecosystem can have a dramatic influence on the food chain that would lead to a reduction in biodiversity. This, in turn, leads to reduced ecosystem services and ultimately poses an immediate danger to food security, even to humanity itself.
Currently, the global loss of biodiversity is estimated to be between 100 and 1000 times greater than it naturally occurs, and worse, a further increase due to anthropogenic pressure is expected. About 70% of the loss is caused by agriculture alone. 1/3 of the cultivable area of ​​our planet is used for crops and for grazing livestock, therefore largely destined for the breeding of “slaughter meat”.
The relative deforestation to increase forage production, monocultures and urbanization are man-made, and not always for vital reasons.
Added to this is the greenhouse effect mainly caused by agriculture which in addition to destroying biodiversity by converting natural habitats into “intensive cultivation systems”, uses highly polluting agents such as pesticides or fertilizers that contaminate the air and soil.
And so far, I think most readers are aware that the danger is imminent, despite the / negativists, / who still claim that all is well, continuing to follow a disrespectful lifestyle towards the problem that is collective.
We are in a democratic country, where freedom of thought (and writing) is given to each of us.
My obstinacy in trying to get a specific message across obviously creates resentment and grudges. We are not all tuned to the same wave, and there are many “vibrations”, however I can only invoke common sense and the fundamental awareness that each of us should do. Each of us can change our “ecological footprint” by reducing or eliminating, for example, the consumption of animal products, or by preferring the use of public or non-polluting transport. For many it is easy, for others more difficult but not impossible.
In this context, we must also in Switzerland safeguard the different ecosystems and biodiversity, allowing all the species that populate our plains, mountains and plateaus, to coexist as Nature itself foresees, giving each other their own space.
Given the above, we cannot accept an amendment to the Hunting Law which will provide the Federal Government with “carte blanche” or the ability to modify the list of protected animals at will (for example, lynx and beaver, given the favorable votes of the commissions) and without more faculty to intervene by means of popular votes.
Unfortunately, the trade associations are making a big anti-wolf propaganda, bringing up every possible absurdity and trying to convince the people to carry out a wicked act by approving the amendment of the law. It should be emphasized that the current content of the law already provides for the elimination of problematic wolf specimens.
Considering that the attempt to restore the atavistic fears towards the Bad Wolf did not work, some people have begun to take it out on the protection dogs of the herds but failing to provide true information and trying to pass a single message: let’s kill all the great predators that are dangerous.

I am of the opinion that it is important to provide correct information, not to provide misleading information with an attempt to confuse the reader. Shouldn’t moral righteousness be above one’s interests?

Like many other citizens, I defend our ecosystem, Nature with flora and fauna, as we wish to bequeath to the next generations a livable world, where everything has its living space… already very limited due to the presence of Man.

…oOo…

Lottando per loro: le creature senza voce

L’estinzione a livello globale di molte specie di flora e fauna, oppure una riduzione/perdita delle stesse in un preciso ambiente naturale, può essere un fenomeno temporaneo o permanente a differenza della situazione. Nel caso di deforestazione, la scomparsa dell’habitat di molte specie, senza una possibilità di ripristino, genera una perdita irreversibile della biodiversità.
Piccoli cambiamenti all’interno di un ecosistema equilibrato, possono avere un’influenza drammatica sulla catena alimentare che porterebbe ad una riduzione della biodiversità. Questo, a sua volta, conduce a servizi ecosistemici ridotti e alla fine rappresenta un pericolo immediato per la sicurezza alimentare, anche per l’Umanità stessa.
Attualmente, la perdita globale della biodiversità è stimata tra le 100 e 1000 volte superiore di quanto non occorra in modo naturale, e peggio, è previsto un ulteriore aumento causato dalla pressione antropica. Circa il 70% della perdita è causato dalla sola agricoltura. 1/3 della superficie coltivabile del nostro pianeta è utilizzato per le colture e per il pascolo di bestiame, quindi in gran parte destinato all’allevamento di “carne da macello”.
La relativa deforestazione per accrescere la produzione di foraggio, le monoculture e l’urbanizzazione sono originate dall’uomo, e non sempre per ragioni vitali.
Si aggiunge l’effetto serra principalmente causato dall’agricoltura la quale oltre a distruggere la biodiversità convertendo gli habitat naturali in “sistemi di coltivazione intensiva”, utilizza agenti fortemente inquinanti quali pesticidi o fertilizzanti che contaminano l’aria ed il suolo.
E fin qui, penso che la maggior parte dei lettori sia consapevole che il pericolo è imminente, malgrado i /negativisti,/ che ancora affermano che tutto va bene, continuando a seguire uno stile di vita irriguardoso nei confronti della problematica che è collettiva.
Siamo in un paese democratico, dove la libertà di pensiero (e di scrittura) è data ad ognuno di noi.
La mia ostinazione nel cercare di far passare un messaggio specifico, evidentemente, crea astio e rancori. Non tutti siamo sintonizzati sulla stessa onda, e di “vibrazioni” ve ne sono tante, comunque posso unicamente invocare il buonsenso e la fondamentale presa di coscienza che ognuno di noi dovrebbe fare. Ognuno di noi può cambiare la propria “impronta ecologica” riducendo o azzerando ad esempio il consumo di prodotti animali, o prediligendo l’utilizzo di trasporti pubblici o non inquinanti. Per molti è facile, per altri più difficile ma non impossibile.
In questo contesto, dobbiamo anche in Svizzera salvaguardare i diversi ecosistemi e la biodiversità, permettendo a tutte le specie che popolano le nostre pianure, montagne e altipiani, di coesistere come la stessa Natura prevede, fornendo gli uni agli altri il proprio spazio.
Visto quanto sopra, non possiamo accettare una modifica della Legge sulla Caccia che fornirà al Governo federale “carta bianca” ovvero la possibilità di modificare la lista degli animali protetti a piacimento (ad esempio lince e castoro, visto i voti favorevoli delle commissioni) e senza più facoltà di intervento per mezzo di votazioni popolari.
Purtroppo le associazioni di categoria stanno facendo una grossa propaganda anti-lupo, tirando in ballo ogni assurdità possibile e cercando di convincere il popolo a compiere un atto scellerato approvando la modifica della legge. Va sottolineato che l’attuale contenuto della Legge già prevede l’eliminazione di esemplari di lupo problematici.
Considerando che il tentativo di ripristinare le ataviche paure nei confronti del Lupo Cattivo non sono funzionate, alcune persone hanno iniziato a prendersela con i cani da protezione delle greggi omettendo però di fornire informazioni vere e cercando di far passare un messaggio univoco: ammazziamo tutti i grandi predatori che sono pericolosi.

Sono dell’avviso che è importante un’informazione corretta, non fornire notizie fuorvianti con il tentativo di confondere chi legge. La rettitudine morale non dovrebbe essere al di sopra dei propri interessi?

Come molti altri cittadini, difendo il nostro ecosistema, la Natura con flora e fauna, poiché desideriamo lasciare in eredità alle prossime generazioni un mondo vivibile, dove ogni cosa ha il suo spazio vitale… già molto ridotto a causa della presenza dell’Uomo.

Chiediamo una Fase 2 sostenibile * Wir fragen um eine nachhaltige Phase 2 * Nous demandons une Phase 2 écologiquement responsable

http://chng.it/QwTYVcpvBG

Autrici: Verena Sommer e Dapne Mattai del Moro

pianeta animale

[version française en bas de la page]
[Deutsche Übersetzung unten]

Ringraziamo il Governo e tutti gli organi preposti coinvolti per il l’impegno ed il lavoro svolto fino ad oggi e fin dall’inizio dell’evento epocale che stiamo vivendo. Le decisioni prese richiedono molto lavoro, riflessione, un’enorme responsabilità e talvolta sangue freddo. Apprezziamo in particolare che il Governo Ticinese abbia lottato ripetutamente per ottenere maggiore spazio di manovra rispetto alle direttive del Consiglio Federale, considerando la situazione diversa del nostro cantone, vista la vicinanza con la Lombardia e l’enorme traffico trans-frontaliero.

Per aiutare la nostra economia il Governo ha stanziato importi molto importanti in poco tempo, rassicurando e includendo infine anche i liberi professionisti, inizialmente dimenticati nella distribuzione dei contributi e di questo siamo profondamente riconoscenti.

Molti di noi si sono attivati immediatamente per dare un sostegno alla popolazione sotto shock e al personale sanitario sottoposto ad estreme pressioni al fronte. La salute psico-fisica di ognuno di noi è fondamentale per rialzarsi dopo la caduta per un’economia sana e funzionante per tutti. È cosa nota che, per funzionare bene, corpo e mente hanno bisogno di “ecosistemi” interni ed esterni sani ed equilibrati.

In tanti abbiamo potuto constatare in questo periodo svariate reazioni della Natura al fermo della popolazione. In primis, e molto velocemente, la qualità dell’aria è migliorata e i cieli sono tornati azzurri e tersi in Ticino e in Lombardia, tanto quanto a Wuhan e in molte regioni estremamente inquinate della Cina e del resto del mondo.

Ma non solo i nostri polmoni respirano meglio! Anche l’anima riprende a respirare mentre la Natura si sta risvegliando grazie alla calma, all’aria pulita ed al silenzio: gli animali escono dal bosco, le acque e l’ambiente sono più puliti, alcuni fiori si possono osservare anche lungo le strade (solitamente vengono tagliati subito) e, last but not least, la popolazione degli insetti, e in primis delle api, é in aumento! Anche dall’estero ci raggiungono notizie simili.

In molti ci siamo preoccupati sempre di più negli ultimi anni dei numerosi danni causati all’ecosistema a causa del nostro modo di vivere, a partire dall’allarmante riduzione progressiva della popolazione delle api, fondamentale per la produzione di cibo per la popolazione mondiale. In molti abbiamo introdotto piccoli cambiamenti nelle nostre vite per la salvaguardia dell’ecosistema, rendendoci conto di quanto la sopravvivenza dell’umanità ne sia inscindibilmente connessa e anzi dipendente!

Siamo convinti che gli eventi naturali durante il lock down ci dimostrano che non siamo totalmente impotenti, che possiamo cambiare le condizioni della nostra Terra, che possiamo ancora invertire la rotta ma che dobbiamo farlo subito, ADESSO! se non vogliamo subire eventi ancora peggiori dell’attuale.

Ma per fare ciò crediamo che occorra riorientarci, focalizzarci anche sul vero valore delle cose al di là del loro puro valore monetario, sui valori umani e sul valore del singolo. Oggi come oggi, trovandoci ancora prima dell’emergenza economica già in un emergenza climatica, tale presa di coscienza, il riorientamento dei valori ed il potenziamento della protezione della natura deve partire dai Governi.

Proprio ORA, nella fase 2 dell’era Covid-19, è il momento per il Governo Ticinese e Svizzero di includere e valorizzare la salvaguardia della natura, considerandola ed includendola in ogni passo di rientro alla normalità e di riavvio dell’economia del Paese.

Chiediamo quindi al Governo Federale, ai Governi Cantonali ed ai singoli Municipi di:

  1. implementare misure e passi concreti importanti e immediati per la salvaguardia della Natura, e rilasciare un messaggio chiaro e ripetuto tanto all’economia quanto alla popolazione sull’importanza di tale proposito, istituendo una Commissione addetta sia a livello Federale che a livello dei singoli Cantoni e collaborando con specialisti dei campi coinvolti;
  2. favorire e incentivare con atti concreti il telelavoro dove possibile, onde ridurre anche in futuro il traffico per limitare l’inquinamento atmosferico e fonico; 
  3. congelare in modo irrevocabile e per un tempo minimo di tre anni la costruzione di antenne e l’implementazione della frequenza 5G, onde permettere lo svolgersi di studi approfonditi a lungo termine sull’effetto di tali frequenze sull’ecosistema e sulla salute;
  4. liberare risorse per i cambiamenti pressanti per il riavvio dell’economia e contemporaneamente tutelare l’ambiente naturale;
  5. incentivare e favorire la messa a disposizione di spazi per orti comunali e sociali a disposizione della popolazione e di associazioni, in modo da incentivare la formazione scolastica e della popolazione riguardo la coltivazione di cibo, da sostenere famiglie e mercati locali, nonché incoraggiare il movimento all’aperto e il contatto con la natura a favore della salute fisica e psichica. È cosa nota che queste misure potrebbero fornire un sano e necessario equilibrio psico-fisico, sopratutto per chi è attivo nel campo del telelavoro, ristabilendo un sano e responsabile contatto con la natura.

Se sei d’accordo con le nostre considerazioni e le nostre richieste ti chiediamo di firmare questapetizione. Più saremo a firmarla e più forte la nostra voce si farà sentire! Grazie fin d’ora!

…oOo…

[Deutsche Übersetzung]   “Wir fragen um eine nachhaltige Phase 2!”

Wir danken der Regierung und allen beteiligten Stellen für das Engagement und die bisher geleistete Arbeit.

Seit Beginn des epochalen Ereignisses, welches wir aktuell erfahren. Die nötigen Entscheidungen erfordern sehr viel Arbeit, Reflexion, eine riesige Verantwortung und manchmal Kaltblütigkeit. Besonders schätzen wir, dass die Tessiner Regierung wiederholt darum kämpfte, mehr Handlungsspielraum gegenüber den Richtlinien des Bundesrates zu erhalten, angesichts der unterschiedlichen Lage unseres Kantons aufgrund der Nähe zur Lombardei und des enormen Grenzverkehrs.

Um unserer Wirtschaft zu helfen, hat die Regierung in kurzer Zeit sehr hohe Beträge bereitgestellt, was für die Bevölkerung beruhigend war und schließlich auch die Freiberufler einbezog, welche bei der Verteilung der Beiträge zunächst vergessen wurden. Dafür sind wir zutiefst dankbar.

Viele von uns haben umgehend private Maßnahmen ergriffen, um die traumatisierte Bevölkerung sowie das Sanitär-Personal zu unterstützen. Die psycho-physische Gesundheit eines jeden von uns ist von grundlegender Bedeutung um uns als Volk nach dem Schock wieder erheben zu können um gemeinsamen an eine gesunde und funktionierende Wirtschaft für alle beisteuern zu können. Es ist bekannt, dass Körper und Geist, um gut zu funktionieren, gesunde und ausgewogene interne und externe “Ökosysteme” benötigen.

Viele von uns konnten in dieser Zeit verschiedene Reaktionen der Natur beobachten, welche auf den Lock-down zurück zu führen sind. Erstens hat sich die Luftqualität sehr schnell verbessert und der Himmel ist blau und klar geworden, sei dies im Tessin und in der Lombardei, wie auch in Wuhan und in vielen extrem verschmutzten Regionen Chinas und der ganzen Welt.

Aber nicht nur unsere Lungen atmen besser! Sogar die Seele atmet auf, während die Natur sich erholt dank der Ruhe, sauberer Luft und Stille: Die Tiere kommen aus dem Wald, Wasser und Umwelt sind sauberer, blühende Blumen können auch entlang der Straßen beobachtet werden (welche normalerweise sofort geschnitten werden) und nicht zuletzt nimmt die Zahl der Bienen und anderer Insekten zu! Ähnliche Nachrichten erreichen uns auch aus dem Ausland.

Viele haben sich in den letzten Jahren immer mehr Sorgen über die zahlreichen Schäden gemacht, die dem Ökosystem auf grundunserer Lebensweise zugefügt wurden. Besonders alarmierend war die  fortschreitende Verringerung der Bienenpopulation, welche grundlegend ist für die Produktion von Lebensmitteln für die Weltbevölkerung. Viele von uns haben kleinere und grösserVeränderungen in unserem Privatleben vorgenommen zum Schutz des Ökosystems. Immer mehr Menschen erkennen die untrennbare Verbindung, ja sogar Abhängigkeit der Menschheit vom Ökosystem.

Wir sind davon überzeugt, dass die erwähnten Naturereignisse während der Sperrung uns zeigen, dass wir  nicht hilflos sind, sondern dass wir den Zustand unserer Erde verbessern können, und den Kurs umkehren können, sofern dies wir es jetzt tun müssen, SOFORT!  wenn wir keine noch schlimmeren Ereignisse als die gegenwärtigen erleiden wollen.

Aber um dies zu tun, müssen wir uns neu orientieren und uns auch auf den wahren Wert der Dinge konzentrieren, die über ihren reinen Geldwert hinausgehen, auf die menschlichen Werte und auf den Wert des Individuums. Unter Inbetrachtziehung der Tatsache, dass wir uns bereits vor dem wirschaftlichen Notstand in einem klimatischen Notfall befanden ist es unumgänglich, dass dieses neue Bewusstwein, die Neuorientierung von Werten und die Verbesserung des Naturschutzes von der Regierung ausgehen muss.

Gerade jetzt, in der Phase 2 der Covid-19-Ära, ist es dringend, dass das Tessin und die Schweizer Regierung den Naturschutz bei jedem Schritt zur Rückkehr zur Normalität und des Neustarts der Wirtschaft prioritär berücksichtigen.

Wir fordern daher die Bundesregierung, die kantonalen Regierungen und die einzelnen Gemeinden zu folgenden Schritten auf:

  1. sofortige Einführung bedeutender und sofortiger konkreter Maßnahmen und Schritte für den Naturschutz, sowie eine klare und wiederholte diesbezügliche Botschaft sowohl an die Wirtschaft als auch an die Bevölkerung über die Bedeutung dieser Schritte, und die Einberufung einer Kommission sowohl auf Bundes- als auch auf  kantonaler Ebene, welche sich auf die Zusammenarbeit mit Spezialisten aus den beteiligten Bereichen abstützt;
  2. Förderung und Unterstützung der Telearbeit nach Möglichkeit mit konkreten Maßnahmen, um das Verkehrsaufkommen zu reduzieren und die Luft- und Lärmbelastung zu begrenzen und zu reduzieren;
  3. unwiederrufliche Einfrierung des Antennenbaus und der Implementierung der 5G-Frequenz für mindestens drei Jahre, um eingehende Langzeitstudien bezüglich der Auswirkungen dieser Frequenzen auf das Ökosystem und die Gesundheit zu ermöglichen;
  4. Freisetzung von Mitteln für dringende Änderungen, um einen umweltfreundlichen Neustart der Wirtschaft zu ermöglichen;
  5. Bereitstellung von Geländen zur Nutzung als kommunale und soziale Gärten zuhanden der Bevölkerung, der Verbände, und der Schulen, um die Bildung der Bevölkerung im Bezug auf den Anbau von Nahrungsmitteln zu fördern, lokale Familien und Märkte zu unterstützen, die Bewegung im Freien zu fördern, den Kontakt mit der Natur für die körperliche und geistige Gesundheit zu fördern. Es ist bekannt, dass diese Maßnahmen ein gesundes und notwendiges psycho-physisches Gleichgewicht schaffen, insbesondere für diejenigen, die in der Telearbeit tätig sind, sowie zur Wiederherstellung eines gesunden und verantwortungsvollen Kontakts mit der Natur.

Wenn Sie unseren Überlegungen und Anfragen zustimmen, bitten wir Sie, die Petition zu unterschreiben. Je mehr von uns unterschreiben, desto stärker wird unsere Stimme gehört! Vorab besten Dank für eure Unterstützung,

…oOo…

[version française] “Nous demandons une Phase 2 écologiquement responsable!”

Nous remercions le Gouvernement et tous les organes impliqués pour l’engagement et le travail accomplis jusqu’à présent depuis le début de l’événement historique que nous vivons. Les décisions prises demandent beaucoup de travail, de réflexion, une énorme responsabilité et parfois du sang-froid. Nous apprécions particulièrement que le Gouvernement Tessinois ait lutté à plusieurs reprises pour obtenir par le Conseil Fédéral un plus ample marge de manœuvre, compte tenu de la différente situation de notre canton due à la proximité avec la Lombardie et à l’énorme circulation transfrontalière.

Pour aider notre économie, le gouvernement a alloué des sommes très importantes en peu de temps, rassurant et enfin inclure les pigistes, initialement oubliés dans la répartition des contributions, et nous en sommes profondément reconnaissants.

Beaucoup d’entre nous ont pris des mesures immédiates pour soutenir la population choquée et le personnel sanitaire soumis à une pression extrême. La santé psycho-physique de chacun de nous est fondamentale pour se lever après la chute, pour une économie saine et fonctionnelle pour tous. On sait que pour bien fonctionner le corps et l’esprit ont besoin d’”écosystèmes” internes et externes sains et équilibrés.

On a tous pu observer au cours de cette période les différentes réactions de la Nature au lock-down. D’abord, et celà très rapidement, la  qualité de l’air s’est nettement améliorée et le ciel est devenu bleu soit au Tessin qu’en Lombardie, autant qu’à Wuhan et dans de nombreuses régions de Chine et du reste du monde extrêmement polluées.

Mais non seulement nos poumons respirent mieux! Même l’âme reprend son souffle pendant que la Nature se réveille dans le silence, le calme et l’air pur: les animaux sortent des bois, les eaux et l’environnement sont plus propres, certaines fleurs peuvent également être observées tout au long des routes (généralement elles sont éliminées immédiatement) et enfin la population d’insectes, et surtout d’abeilles, est en train d’augmenter! Des nouvelles similaires nous parviennent aussi de l’étranger. Beaucoup entre nous se sont inquiétés de plus en plus ces dernières années à cause des nombreux dommages à l’écosystème par conséquent de notre mode de vie, à partir de la diminution progressive alarmante de la population d’abeilles, fondamentale pour la production d’aliments destinés à la population mondiale. Beaucoup entre nous ont introduit de petits changements dans leurs vies pour incentiver la protection de l’écosystème, en réalisant combien il la survie de l’hêtre humain en soit inévitablement connectée, voir dépendante!

Nous sommes convaincus que les événements naturels avérés pendant le lock-down nous montrent que nous ne sommes pas totalement impuissants, que nous pouvons changer les conditions de notre Terre, que nous pouvons encore inverser le cours de l’histoire, mais que nous devons le faire tout de suite, MAINTENANT! si nous ne voulons pas subir des événements encore plus catastrophiques.

Mais pour ce faire, nous croyons qu’il faudrait nous réorienter, nous concentrer plutôt sur la vraie valeur des choses au-delà des leurs pure rente monétaire, sur les valeurs humaines et sur la valeur de l’individu. Aujourd’hui, vu l’état d’urgence climatique dans lequel nous nous trouvions déjà avant l’état d’urgence   Covid-19 qui vient de s’établir, une telle prise de conscience, une réorientation des valeurs et un renforcement de la protection de la Nature doit commencer par les Gouvernements.

Juste MAINTENANT, dans la phase 2 de l’ère Covid-19, il est temps pour les Gouvernement Tessinois et Suisse d’inclure et améliorer la protection de la Nature, en incluant son bien-être à chaque étape du retour à la normalité de nos vies et du redémarrage de l’économie du Pays.

Nous demandons donc au Gouvernement Fédéral, aux Gouvernements Cantonaux et aux Communes de:

  1. mettre en œuvre des mesures concrètes importantes et immédiates pour la préservation de la Nature, et de transmettre un message clair et répété à l’économie et à la population sur l’importance à cet égard, en créant une Commission au niveau Fédéral et Cantonal individuel tout en collaborantavec des spécialistes des domaines concernés;
  2. favoriser et encourager le télétravail avec des actions concrètes lorsque cela sera possible, afin de réduire l’augmentation de la circulation et limiter la pollution atmosphérique et sonore;
  3. bloquer la construction d’antennes de manière irrévocable et pendant au moins trois ans et la mise en œuvre de la fréquence 5G, afin de permettre la réalisation d’études approfondies à long terme sur l’effet de ces fréquences sur l’écosystème et sur la santé;
  4. libérer des ressources pour les changements urgents pour redémarrer l’économie et en même temps sauvegarder l’environnement naturel.
  5. encourager et favoriser la mise à disposition d’espaces pour la création de jardins communaux et sociaux à disposition de la population et des associations, afin d’encourager l’éducation de nos enfants et de la population concernant la culture de la nourriture, de soutenir les familles et les marchés locaux, ainsi que d’encourager le mouvement à l’extérieur et le contact avec la Nature. On sait très bien que ces mesures pourraient fournir un équilibre psychophysique sain et nécessaire, en particulier pour ceux qui sont actifs sur le terrain du télétravail, en rétablissant une connexion saine et responsable avec la Nature.

Si vous êtes d’accord avec nos considérations et demandes, nous vous demandons de signer cette pétition. Plus nombreux nous serons à signer, plus fort on entendra notre voix! Merci dès maintenant.

The revenge * La vendetta

.

I would like to share with you this 6 min. video, with some very strong images, which will make you seriously think of “speciesism” as a degenerative disease in the human being.

Being a vegetarian or vegan, we’re more sensitive to this topic, but it shall be our mission to spread the words and explain to others how they can change… for the whole beauty of Planet Earth.

I’m convinced that this quarantine, this total shutdown, will make us think a lot. Many of us have lost a relative, a friend, a person with whom we shared emotions.
We are powerless regarding the virulence of SARS-CoV-2, it strips us of all certainty, leaves us naked and vulnerable with nothing to use to avoid possible infection. Sure going around with a mask can help not to propagate to others (if you are infected), but it does not block the virus that can creep through the respiratory tract in your body.
The virus does not look at the color of your skin, young or old, if you are a believer or atheist, if you are a man or a woman, it does not look at what your sexual preferences are…
Then if you start to meditate, you try to channel the energy inside you, you realize that he, the virus, has changed us drastically… our habits are somehow frozen, and the planet has shown us the positive effect. Above many metropolises, the sky is blue again, the dolphins have returned to the Gulf of Venice and transparent water flows through its canals… with the absence of anthropic disturbances the animals take back the spaces we stole from them. This means that it would take very little, for a rapprochement… to save the ecology.

Think about it. And when this horrible time is over, try to keep in mind that you must change your habits, for the sake of the Planet, our only home!

.

Earthmap of zoonotic diseases

 

Vorrei condividere con voi questo 6 min. video, con alcune immagini molto forti, che ti faranno pensare seriamente allo “specismo” come una malattia degenerativa nell’essere umano.
Essendo vegetariano o vegano, siamo più sensibili a questo argomento, ma è la nostra missione diffondere le parole e spiegare agli altri come possono cambiare… per l’intera bellezza del Pianeta Terra.

Sono convinta che questa quarantena, questo arresto totale, ci farà riflettere molto. Molti di noi hanno perso un parente, un amico, una persona con cui abbiamo condiviso delle emozioni.
Siamo impotenti riguardo alla virulenza di SARS-CoV-2, ci spoglia di ogni certezza, ci lascia nudi e vulnerabili con nulla da utilizzare per evitare possibili contagi. Sicuramente andare in giro con una mascherina può aiutare a non propagarlo agli altri (se si è infetti), ma non blocca il virus che può insinuarsi attraverso il tratto respiratorio nel proprio corpo.
Il virus non guarda il colore della tua pelle, se sei giovane o anziano, se sei un credente o ateo, se sei un uomo o una donna, non guarda quali sono le tue preferenze sessuali…
Quindi se inizi a meditare, provi a canalizzare l’Energia dentro di te, ti rendi conto che lui, il virus, ci ha cambiato drasticamente… le nostre abitudini sono in qualche modo congelate e il pianeta ci ha mostrato l’effetto positivo. Sopra molte metropoli, il cielo è di nuovo blu, i delfini sono tornati nel Golfo di Venezia e l’acqua trasparente scorre attraverso i suoi canali… con l’assenza di disturbi antropici gli animali si riappropriano degli spazi che noi abbiamo rubato loro. Ciò significa che ci vorrebbe pochissimo, per un riavvicinamento… per salvare l’ecologia.

Pensaci. E quando questo momento orribile è finito, cerca di tenere a mente che devi cambiare le tue abitudini, per il bene del Pianeta, la nostra unica casa!

 

Unfortunately, Covid-19 is only the beginning … this video explains what will happen in the next decades!

Purtroppo Covid-19 è solo l’inizio… questo filmato ci spiega cosa potrà avvenire nelle prossime decadi!

 

.Purtroppo Covid-19 è solo l’inizio… questo filmato ci spiega cosa potrà avvenire nelle prossime decadi!

Biodiversity to be protected * Biodiversità da proteggere

cattura.

Energy-flow

.

Although the definition of the Ecosystem is a relatively new term, in recent months it has taken on a very important media impact.
The human being is closely connected to Nature, on which he depends for his survival. Without a healthy ecosystem, we would not have water to drink and clean air to breathe.
But nobody thinks about it, at least until an emergency takes over and then everyone is mobilizing in favor of Nature.
We saw it thanks to the “climate strike”, or perhaps even more as a result of the devastating fires that killed over half a billion living creatures and destroyed immense territories of forests and pastures.
With the increase in population, the anthropogenic impact has had devastating effects: scars on the planet that can no longer be healed, even by adopting extreme actions.
Here, however, I don’t want to touch on issues such as “sustainable development”, but I prefer to focus on simpler factors that even a very young person can understand.
Biodiversity not only maintains a functional environment where the ecosystem is balanced and therefore the flows are in dynamic equilibrium. We all remember having studied the “energy flow” and that of the “food chain” at school; the ecosystem is therefore balanced when each element is in place and ensures that primary consumers (herbivores) can feed on the first link in the chain (plants etc.) and then, in turn, be hunted by secondary consumers, the carnivores.
Each ring in the chain has its precise place, we remove a ring and things start not working properly anymore.
The various laws ensure that Biodiversity is protected, but what happens when changes to the law take place which inflicts damage on biodiversity?
Each organism has its place in the “food chain”, but if instead of protecting endangered species we begin to allow their killing, what can be the results?
The reform of the hunting law (Switzerland) will soon be put to the vote, which provides for the possibility of killing wild animals such as the swan, beaver, grebe, lynx or wolf without restrictions.
A demographic decrease in each of these species would have an impact on the entire ecosystem, thus producing further damage to nature that has already deteriorated sufficiently.
Biodiversity provides us with multiple varieties of services, fundamental for human and animal survival. Different organisms are responsible for controlling those invasive or harmful botanical species, maintaining soil fertility and purifying water and air, which in turn also directly affect the climate.
We must, therefore, be able to think beyond the obsolete paradigms that see certain “dangerous” animals and therefore exterminable at will.
It is our ethical duty to act in such a way as not to rage towards Nature, but rather to work to protect and safeguard it… for future generations.

 

…oOo…

Anche se la definizione di Ecosistema è un termine relativamente nuovo, in questi ultimi mesi ha assunto un impatto mediatico molto importante.
L’essere umano è strettamente collegato alla Natura, dalla quale dipende per la sua sopravvivenza. Senza un ecosistema sano, non avremmo acqua da bere e aria pulita da respirare.
Ma nessuno ci pensa, almeno fino a quando subentra un’emergenza ed allora ecco che tutti si mobilitano a favore della Natura.
Lo abbiamo visto grazie allo “sciopero per il clima”, o forse ancora di più a seguito dei devastanti incendi che hanno ucciso oltre mezzo miliardo di creature viventi e distrutto territori immensi di foreste e pascoli.
Con l’aumento demografico, l’impatto antropogenico ha avuto effetti devastanti: cicatrici sul pianeta che non sono più sanabili, neppure adottando azioni estreme.
Qui non desidero però toccare temi quali lo “sviluppo sostenibile”, ma preferisco concentrarmi su fattori più semplici che anche un giovanissimo può comprendere.
La biodiversità non solo mantiene un ambiente funzionale dove l’Ecosistema risulta bilanciato e quindi i flussi sono in equilibrio dinamico. Tutti ci ricordiamo d’aver studiato a scuola il “flusso dell’energia” e quello della “catena alimentare”; l’ecosistema è pertanto equilibrato quando ogni elemento è al suo posto e provvede affinché i consumatori primari (erbivori) possano cibarsi del primo anello della catena (piante ecc.) per poi a loro volta essere cacciati dai consumatori secondari, i carnivori.
Ogni anello della catena ha il suo posto preciso, togliamo un anello e le cose iniziano a non funzionare più in modo corretto.
Le varie leggi provvedono affinché la Biodiversità sia protetta, ma cosa accade quando subentrano delle modifiche di legge che infliggono danni alla biodiversità?
Ogni organismo ha il suo posto nella “catena alimentare”, ma se al posto di proteggere delle specie minacciate iniziamo a permettere il loro abbattimento, quali possono essere i risultati?
Prossimamente sarà messa ai voti la riforma della legge sulla caccia che prevede la possibilità di uccidere senza restrizioni animali selvatici quali ad esempio il cigno, il castoro, lo svasso, la lince o il lupo.
Una diminuzione demografica di ognuna di queste specie, avrebbe un impatto su tutto l’Ecosistema producendo quindi ulteriori danni alla Natura già sufficientemente deteriorata.
La Biodiversità ci fornisce molteplici varietà di servizi, fondamentali per la sopravvivenza umana e animale. Diversi organismi sono responsabili del controllo di quelle specie botaniche invasive o dannose, del mantenimento della fertilità del suolo e della purificazione dell’acqua e dell’aria, che a loro volta influiscono in modo diretto anche sul clima.
Dobbiamo quindi essere in grado di pensare oltre i paradigmi obsoleti che vedono certuni animali “pericolosi” e quindi sterminabili a piacere.
È un nostro dovere etico agire in modo tale da non infierire verso la Natura, ma bensì adoperarci per proteggerla e salvaguardarla… per le generazioni future.

 

The IUCN calls for halt to species decline by 2030

With urgent need, I share the post of “in the shadow of the wolf”.
The International Union for Conservation of Nature reminds us that the emergency must be taken with extreme urgency.
The current crisis, without previous analogues, must absolutely lead us to launch immediate conservation laws so that the bio-diversity is also guaranteed in the future. The governments of the world have been called upon to intervene with the utmost urgency to avoid extinctions of endangered animals caused by man.
                                                                …oOo…

Con necessità impellente, condivido il post di “in the shadow of the wolf”.
L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, afferma che l’attuale emergenza dev’essere presa con estrema urgenza.
La crisi nella quale ci troviamo non ha precedenti analoghi, ci deve assolutamente portare a varare immediate leggi di conservazione affinché la bio-diversità sia garantita anche in futuro. I Governi del mondo sono stati chiamati ad intervenire con la massima urgenza onde evitare estinzioni di animali in pericolo causate dall’uomo.

 

Abu Dhabi, United Arab Emirates, 11 October 2019 (IUCN)

IUCN has issued an urgent call to massively scale up species conservation action in response to the escalating biodiversity crisis. The Abu Dhabi Call for Global Species Conservation Action appeals to the world’s governments, international agencies and the private sector to halt species decline and prevent human-driven extinctions by 2030, and to improve the conservation status of threatened species with a view to bringing about widespread recovery by 2050.

The Abu Dhabi Call, issued at this week’s IUCN Species Survival Commission (SSC) Leaders’ Meeting, urges governments to take emergency measures to save those species at the highest risk of extinction and tackle key threats that are driving population declines and extinctions. These include the lack of incentives for landowners and managers to retain wild species and natural habitats; poor or abusive practices in agriculture, fisheries, and forestry; wildlife crime; emerging infectious diseases; the disruption of water flow; inadequate management of waste and discharges; invasive alien species; and increasingly, climate change and ocean acidification.

“With 2020 comes the opportunity to curb the escalating extinction crisis and invest in a more optimistic future. With this Call, IUCN stands ready to support governments and civil society, including young people, to work for a world in which species are preserved and valued for their intrinsic worth as well as the benefits they offer,” said IUCN Acting Director General Dr Grethel Aguilar. “The IUCN World Conservation Congress 2020 will bring together states, civil society and indigenous peoples to work together towards halting species declines by 2030.”

The Call is the result of more than 300 SSC Leaders coming together in Abu Dhabi on the cusp of 2020, a year that will see critical decisions for the future of the planet taken by policy makers. The United Nations Sustainable Development Goals and the UN Paris Agreement on Climate Change will be reviewed, and the Convention on Biological Diversity will adopt the Post-2020 Global Biodiversity Framework. A new UN legal binding agreement on marine biodiversity in the High Seas is under negotiation. The IUCN World Conservation Congress will amplify this Call, which will then be addressed by the United Nations Heads of State Summit on Biodiversity.

“The Species Survival Commission is the world’s largest network of species scientists and a fundamental contributor to IUCN’s role as provider of the knowledge that underlies nature conservation. They devote their lives, generally on an entirely voluntary basis, to saving species. The high quality of the work of SSC Specialist Groups provides a strong scientific foundation for conservation action. We now appeal to governments to urgently respond to this Call by helping pull species back from the brink of extinction,” said Dr Jon Paul Rodríguez, Chair of IUCN’s Species Survival Commission.

A global Programme of Work on Species Conservation will be launched at the IUCN World Conservation Congress in June next year. IUCN calls on Parties to the Convention on Biological Diversity and the other biodiversity-related conventions to respond by including this Programme in the post 2020 global biodiversity framework and follow up with urgent implementation. At the Congress, governments, civil society and indigenous peoples’ organisations will come together to drive conservation efforts for ‘a just world that values and conserves nature.

“Decisions made in 2020 will define the future of the planet,” said Dr Jane Smart, Global Director of the IUCN’s Biodiversity Conservation Group. “We face a nature emergency. Species are the primary source of income and resources for hundreds of millions of people around the globe; their aesthetic values and spiritual roles provide comfort and inspiration as well as recreation. At this critical moment, the world’s governments must accept responsibility for this emergency and act now to ensure we pass on a rich natural heritage to future generations. This is a unique opportunity to mobilise society and galvanise the necessary action to address the species crisis.”

IUCN also recalls that the global target to bring about the recovery of known threatened species adopted in Nagoya, Japan in 2010 is unlikely to be met, despite substantial efforts from conservationists worldwide. Looking forward, IUCN emphasises the importance of including clear, ambitious targets on species conservation in the Post-2020 Global Biodiversity Framework.

In recognition of the scale of transformative change that is needed, the Abu Dhabi Call for Species Conservation Action encourages governments and donor institutions to allocate substantial additional resources for conservation of species and their habitats.

The IUCN Species Survival Commission is the world’s largest network of species conservation experts with over 9,000 members globally. It is mandated by the Members of IUCN (governments, NGOs, and indigenous peoples’ organisations) to conserve species. This unique body includes biologists, ecologists, wildlife managers, health and social scientists, educators, community representatives, economists and government officials. The Call was developed by SSC Leaders meeting in Abu Dhabi with generous support from the Environment Agency Abu Dhabi.

The Species Survival Commission generates the knowledge for The IUCN Red List of Threatened Species, the world’s most comprehensive information source on the global conservation status of and animal, fungi and plant species. SSC experts have unique insight into the extent to which species are undergoing unprecedented and growing threats from unsustainable human activities, reflected in The IUCN Red List.

For more information or interviews, please contact:

Harriet Brooker, IUCN Media Relations, +44 7960241862, press@iucn.org

Aritzaith Rodríguez, IUCN SSC Media Relations, +54 91123865487, aritzaith.rodriguez@ssc.iucn.org

Links:

The Abu Dhabi Call for Global Species Conservation Action in ENGLISH

The Abu Dhabi Call for Global Species Conservation Action in ARABIC

SSC Leaders’ Meeting 2019

Copyright © 2019 [COPYRIGHT Intheshadowofthewolf. Name and Webpage]. All Rights Reserved

Protection dogs for flocks * cani da protezione per le greggi

 

Stern 5

copyright Alberto Stern – Lostallo

 

The presence of large predators (in this case I refer especially to the wolf) always have a disproportionate impact on public opinion, and this is caused by the loss of habit to live with them.
More than a century ago, in our territory wolves were present in the valleys and pre-Alpine areas and cohabitated with man. Studies have shown that the presence of large predators is necessary, the wolf has a “regulatory” effect to maintain a healthy ecosystem and protect biodiversity.

At the beginning of 1800 wolves and bears were exterminated in Switzerland… now they have returned and this has triggered “fantastic-collective” fixations linked to atavistic legends. Obviously, political pressures contrary to the presence of wolves in the Ticinese territory are high.
But it is possible to avoid to the least the attacks to the flocks, if one proceeds to “protect” the sheep through fences, with the presence of a shepherd (in the alpine pastures) and in general with the use of the protection dogs. (To already included these issues in my other see here, and here).
Last Sunday afternoon on the occasion of the “Festival della Natura vivere la biodiversità”, with WWF we visited Alberto Stern of Lostallo.
Alberto and his wife Elena are veterinarians, and as an accessory activity they manage their farm Creusc. They are dedicated to sheep breeding, breeding of Border Collie dogs and breeding of Mountain dogs of the Pyrenees. The latter are dogs for the protection of livestock while the Border Collies are sheepdogs used to lead the flock.

The Stern spouses began breeding Pyrenean Mountain dogs in 2003, in a national program for the protection of flocks; for more detailed information on the various awards received from dogs raised by Mr. Stern, see website.

.

La presenza dei grandi predatori (nel caso specifico mi riferisco specialmente al lupo) hanno sempre un impatto sproporzionato sull’opinione pubblica, e questo è causato dalla perdita dell’abitudine a convivere con loro.

Più di un secolo or sono, nel nostro territorio i lupi erano presenti nelle valli e zone prealpine e coabitavano con l’uomo. Gli studi hanno comprovato che la presenza dei grandi predatori è necessaria, il lupo ha un effetto “regolatore” onde mantenere un ecosistema sano e tutelare la biodiversità.

All’inizio del 1800 lupi ed orsi sono stati sterminati in Svizzera… ora sono ritornati e ciò ha scatenato fissazioni “fantastico-collettive” legate a leggende ataviche. Ovviamente, le pressioni politiche contrarie alla presenza dei lupi sul territorio Ticinese, è elevata.

Ma è possibile evitare al minimo gli attacchi alle greggi, se si procede a “proteggere” gli ovini per mezzo di recinzioni, con la presenza di un pastore (nei pascoli alpini) e in generale con l’utilizzo dei cani da protezione. (To già inserito queste tematiche in altri miei post post).

La scorsa domenica pomeriggio in occasione del “Festival della Natura vivere la biodiversità”, con il WWF abbiamo fatto visita ad Alberto Stern di Lostallo.

Alberto e la moglie Elena sono veterinari, e quale attività accessoria gestiscono la loro azienda agricola Creusc. Si dedicano all’allevamento ovino, all’allevamento di cani di razza Border Collie e all’allevamento di cani di razza Montagna dei Pirenei. Quest’ultimi sono cani da protezione del bestiame mentre i Border Collies sono cani da pastore impiegati per la conduzione del gregge.

I coniugi Stern hanno iniziato l’allevamento dei cani di razza Montagna dei Pirenei nel 2003, in seno ad un programma nazionale per la protezione delle greggi. Per ulteriori informazioni più dettagliate in merito ai vari premi ricevuti dai cani allevati dal signor Stern, vedi sito.

Environmental imbalance and biodiversity * Disequilibrio ambientale e biodiversità

The philosopher Carlo Sini has simplified the problem of biodiversity decline by stating that it is a disequilibrium between “prey” and “predators” that in the long run will cause the collapse of an entire ecosystem.

ecology-slideshare.net

But what is an ecosystem, also called an ecological unit?
It is a set of living organisms of plants and animals (including humans) that interact with each other and with the environment in which they are located.
These communities, divided into several populations made up of organisms of the same species, then interact with the component of non-living elements, organic and inorganic, as well as with climatic factors, thus forming the ecosystem.
In the component of living organisms, we find primary consumers (insects and animals) that are herbivores. In turn, primary consumers are prey to secondary + tertiary consumers (carnivorous predators, including humans).
The last component is that of decomposers (fungi and bacteria), which will break down both primary consumers and secondary consumers, turning them into inorganic compounds that fertilize the earth and then re-enter the cycle.
An ecosystem is in equilibrium when the food chain closes and when interactions between living organisms work in order to regulate the delicate mechanism of an ecosystem within a region.
On the other hand, an ecosystem is defined as fragile or not very resilient (*) if it has a low level of biodiversity (animal, plant, etc.) because it is weaker in cases of environmental stress.
The anthropic activities, especially in areas with high population density and strong construction, have resulted in a significant decrease in the population of insects and birds, which in turn in the food chain produce a decrease in predators etc.

Starting from our personal ethical and respectful conduct, we can already produce small changes. Evidently, sensitivity must be taught within the family nucleuses: the children of future generations must know what the consequences will be if Man will continue to behave in such a way as to put the entire planet at risk!

Material that deals with this topic is in the pages of every newspaper and magazine, they talk about it on television, many dystopian films show us terrifying and nightmare scenarios.
But it is also true that real wisdom is a “something” that cannot be bought or borrowed: it is within the awareness of human effemerity linked to karma and to the law of cause and effect. I dare to state that it is only unconditional LOVE and RESPECT to every living and non-living form.

(* source Wikipedia) the resilience in ecology is the speed with which an ecological system returns to its initial state, after being subjected to a perturbation that has alienated it from that state. The alterations can be caused both by natural events and by human activity.
.
elephant1 wwf

What will it take before we respect the planet?

…oOo…

 

Il filosofo Carlo Sini ha semplificato il problema della diminuzione di biodiversità affermando che si tratta di un disequilibrio tra “prede” e “predatori” che a lungo termine provocherà il collasso di un intero ecosistema.

Ma cos’è un ecosistema, anche chiamato unità ecologica?
È un insieme di organismi viventi vegetali e animali (compreso l’uomo) che interagiscono tra loro e con l’ambiente nel quale si trovano.
Queste comunità suddivise in più popolazioni costituite da organismi della stessa specie, interagiscono poi con la componente di elementi non viventi, organici e inorganici, come pure con fattori climatici formando quindi l’ecosistema.
Nella componente degli organismi viventi, troviamo i consumatori primari (insetti e animali) che sono erbivori. A loro volta i consumatori primari sono preda dei consumatori secondari e terziari (predatori carnivori incluso l’uomo).
L’ultima componente è quella dei decompositori (funghi e batteri), che procederanno a scomporre sia consumatori primari che consumatori secondari, trasformandoli in composti inorganici che fertilizzano la terra per rientrare poi di nuovo nel ciclo.

Un ecosistema è in equilibrio quando la catena del ciclo alimentare si chiude e quando le interazioni fra gli organismi viventi funzionano in modo da regolare il delicato meccanismo di un ecosistema all’interno di una regione.
Per contro un ecosistema si definisce fragile o poco resiliente(*) se presenta un basso livello di biodiversità (animale, vegetale ecc.) poiché più debole nei casi di stress ambientali.

Le attività antropiche, specialmente nelle zone con grande densità demografica e forte edificazione, hanno avuto quale risultato una rilevante diminuzione della popolazione d’insetti e di volatili, che a loro volta nella catena alimentare producono una decrescita di predatori ecc.

Partendo dalla nostra personale condotta etica e rispettosa dell’ambiente, possiamo già produrre dei piccoli cambiamenti. Evidentemente, la sensibilità va insegnata all’interno dei nuclei famigliari: i figli delle generazioni future devono sapere quali saranno le conseguenze se l’Uomo seguiterà ad assumere dei comportamenti tali da mettere a rischio l’intero pianeta!

Materiale che tratta quest’argomento è nelle pagine di ogni giornale e rivista, se ne parla alla televisione, molti film distopici ci mostrano scenari terrificanti e da incubo.
Ma è anche vero che la reale saggezza è un “qualcosa” che non si può acquistare o prendere a prestito: è all’interno della consapevolezza dell’effimerità umana legata al karma e alla legge della causa-effetto. Oso affermare che è solo AMORE incondizionato e RISPETTO verso ogni forma vivente e non.
(* fonte Wikipedia) la resilienza in ecologia è la velocità con cui un sistema ecologico ritorna al suo stato iniziale, dopo essere stato sottoposto a una perturbazione che l’ha allontanatala da quello stato. Le alterazioni possono essere causate sia da eventi naturali che da attività dell’uomo.

 

 

Getting to know bats with the WWF

I spent a day, as a volunteer, organized by the WWF, to accompany the children along a funinteractive path designed to bring greater knowledge of these graceful mammals.
Thanks to the efforts of the organizers of the  Centro protezione chirotteri Ticino we have learned to distinguish these small creatures
(only in Ticino there are 20 different types), in need of our sympathy and protection!

…oOo…

Un’occasione per conoscere i pipistrelli con il WWF Sezione Ticino.
Ho trascorso una giornata organizzata dal WWF, quale volontaria per accompagnare dei bambini lungo un percorso ludico-interattivo atto a portare maggiore conoscenza di questi graziosi mammiferi.
Grazie all’impegno degli organizzatori “Centro protezione chirotteri Ticino” abbiamo imparato a distinguere queste piccole creature (nel solo Ticino si contano una 20ina di diversi tipi), bisognose della nostra simpatia e protezione!

 

vespertilio_maggiore_myotis_myotis

Vespertilio maggiore (Myotis myotis)

In aprile dozzine o addirittura centinaia di femmine di Cespertilio maggiore si riuniscono in colonie nei cosidetti “rifugi di riprouzione”. Si tratta principalmente di solai, dove gli animali si appendono a testa in giù, pigiati gli uni accanto agli altri, generalmente lungo le travi del colmo e i listoni del tetto. I maschi preferiscono invece starsene soli, sovente in fessure o tra le tegole. Per maggiorni informazioni vedi link.

vespertilio_daubenton

Vespertilio di Daubenton  (Myotis daubentonii)

È una specie tra le più piccole presenti in Svizzera. Il suo peso raggiunge i 15 grammi, mentre l’apertura alare misura circa 27 cm. Le femmine partoriscono solo un piccolo all’anno, il cui peso alla nascita non supea i 2 gr. L’allattamento dura quattro settimane, dopo di che i giovani sono in grado di cacciare da soli. Per maggiori informazioni vedi link.

orecchione

L’Orecchione  (Plecotos auritus)

Gli Orecchioni occupano diversi tipi di rifugi. Si tratta spesso i solai spaziosi all’interno di chiese, fattorie e fabbricati. Siti di riproduzione possono trovarsi anche in soffitte semplici di edifici scolastici, palazzi e case monofamigliari. Rifugi di Orecchione sono segnalati anche nei campanili, nelle fessure dei muri e negli alberi cavi, come pure nelle cassette-nido per uccelli o per pipistrelli. In inverno si rifugiano invece in grote, miniere e cantine. È possibile creare dei rifugi per Orecchioni. Per maggiori informazioni vedi link.

 

pipistrello_nano

Pipistrello nano   (Pipistrellus pipistrellus)

Un pipistrello nano appena nato è grande quanto un’ape e da adulto pesa poco più di una zolletta di zucchero. Potrebbe addirittura riuscire a nascondersi in una scatoletta di fiammiferi. Con un’apertura alare di appena 20 cm. è infatti il più piccolo tra i nostri pipistrelli. Per maggiori informazioni vedi il link.

 

pipistrello_nathusius

Pipistrello Nathusius  (Pipistrellus  nathusii)

Il pipistrello di Nathusius pesa al massimo 9 grammi. Assomiglia al pipistrello nano e al pipistrello albolimbato, con i quali è facile confonderlo. Anch’esso è infatti una delle 26 specie indigene più piccole. Questi pipistrelli raggiungono il nostro paese verso metà agosto, provenienti in gran parte dai Paesi baltici e dalla Germani nord-orientale. Le distanze percorse da questi piccoli mammiferi durante le migrazioni superano quindi i 500-1000 chilometri. Per maggiori informazioni vedi link.

nottola

Nottola  (Nyctalus noctula)

Le ali della Nottola sono lunghe e strette. Il suo volo richiama quello delle rondini. Può raggiungere una velocità di 50 km/h. Con un’apertura alare di 40 cm. e un peso di circa 30 grammi la Nottola è uno dei più grandi tra i nostri pipistrelli. Le Nottole cacciano in luoghi molto ricchi di insetti I tipici ambienti di caccia sono le zone umide e i bordi dei boschi. Divoratori instancabili d’insetti, le Nottole cacciano spesso in gruppo anche in ambienti ben illuminati, quali strade e piazze. Per maggiori informazioni vedi link.

 …oOo…

Osservare i pipistrelli e imparare ad apprezzarli. In Svizzera vivono 26 specie i cui rifugi estivi, invernali e le zone di caccia hanno caratteristiche diverse tra loro L’osservazione dei pipistrelli è spesso facilitata dal fatto che tornano spesso a cacciare nei medesimi luoghi. Il pipistrello nano, la Nottola e il Vespertilio di Daubenton sono alla portata di tutti, in quanto vivono nelle città e nelle loro immedite vicinanze. Per maggiorni inforamzioni o richieste di documentazione (dalle quali sono tratti i testi parziali qui riportati), possono essere richiesti al  Centro protezione chirotteri Ticino – Dangio.

Cowspiracy: the sustainability Secret

 

Cowspirary

The film that environmental organizations don’t want you to see!
Il film che le organizzazioni ambientali non voglio che tu veda!

Here a very interesting article by Dr. Will Tuttle Ph.D.   (English language)

Il film documentario del 2014 (prodotto in crowdfunding) analizza l’impatto ambientale degli allevamenti per la produzione di carne e latte nonché della pesca e investiga le politiche della maggiori organizzazioni ambientaliste internazionali spesso reticenti ad affrontare il tema.  TRAILER (sub.ita)  FACTS

Venerdì 15 luglio 2016 ore 19:30

Presso SUPSI – Aula A004
Campus Trevano di Canobbio

Da recenti studi e report si sta delineando lo scenario per il quale il consumo di alimenti di origine animale è la maggiore causa del surriscaldamento globale (gas serra pari o maggiore dei trasporti), consumo di acqua, deforestazione, estinzione delle specie, e causa di zone morte negli oceani.

Oltre che ovviamente comportare la morte di miliardi di animali all’anno.

Per avere un’idea dell’impatto di carne e latte sul vostro bilancio personale (società 2000 W) in invito a provare il calcolo su ECOSPEED  (la demo è gratuita).

Essendo un evento “privato” e a scopo didattico, si prega di confermare la propria partecipazione a:      carlo.gambato@supsi.ch

.

Cow&baby

.

 

Il tunnel fa acqua

As “environmentalist” and “ecologist” I object vehemently to the doubling of the Gotthard tunnel under the Swiss Alps!
The media are boycotting the information, supporting the voices that tell only the goodness of this wrong choice from every point of view: environmental projects, ecological, financial and (also) political.

Here is a detailed and accurate report of the President of WWF Ticino section (in Italian).

…oOo…

Quale “ambientalista” ed “ecologista” mi oppongo con veemenza al raddoppio del tunnel del Gottardo!
I media stanno boicottando le informazioni, sostenendo le voci che raccontano solo le bontà di questa scelta sbagliata sotto ogni punto di vista: ambientalistico, ecologico, finanziario e (pure) politico.

Qui di seguito un rapporto preciso e dettagliato del presidente del WWF sezione Ticino.

massimo mobiglia

Ammettiamo di essere una grossa impresa di trasporto pubblico e di dover risanare una stazione ferroviaria, ad esempio di Lugano. Spinti da un estremo zelo pianificatorio decidiamo di costruire una seconda stazione ferroviaria poco prima verso Massagno. Una volta costruito il nuovo stabile procediamo al risanamento dello stabile principale, per infine tenere in vita entrambi ma utilizzandoli solo per metà.

Per poter procedere a questi lavori cerchiamo di convincere il Consiglio d’Amministrazione sulla bontà di questa idea, ma veniamo istantaneamente stroncati.

Invece la soluzione scelta permette di procedere con i lavori necessari, di contemporaneamente utilizzare la struttura esistente e di contenere i costi ed il carico ambientale.

Questa similitudine introduce quanto sta capitando col raddoppio del tunnel autostradale del S. Gottardo!

Per farci un’opinione, con dati reali alla mano, passiamo in rassegna 20 punti di discussione:

  • Anche all’estero il messaggio della costruzione di un secondo tubo è recepito come la…

View original post 979 more words

Regalare un’emozione…

 

ISBN  978 88 98018 07 09  

Si può ordinare in tutte le librerie in Svizzera… ma per esperienza è più veloce richiedere direttamente all’autrice  🙂

Al costo di  FRS 27.-  oppure EUR 27.- (incluse spese postali)   riceverete il romanzo   direttamente al vostro domicilio  in tutta l’Europa.

.

Per l’ordinazione, compilate il modulo sottostante, io riceverò per posta elettronica la vostra richiesta.   Per favore inserite nel “commento” il vostro indirizzo postale dove desiderate ricevere il libro e l’eventuale dedica (ad esempio il nome del destinatario del romanzo), la consegna sarà entro 7 giorni.

Per il pagamento: se utilizzate PAYPAL vi invierò una richiesta di pagamento.Per favore inserire il vostro indirizzo di posta elettronica nel riquadro-commento sottostante. A pagamento avvenuto, procederò con l’invio del romanzo all’indirizzo postale fornito.

Se preferite effettuare un pagamento bancario:   CH 83 0483 5050 2339 3000 0  Credit Suisse AG – Zurigo a favore di Claudine Giovannoni

.

 

.

Grazie per condividere!   Serene festività…    :-)claudine

.

Pope Francis, a great Bodhisattva…

He is the first pope to take the name of St. Francis of Assisi, patron saint of all animals, who said, “Not to hurt our humble brethren is our first duty to them, but to stop there is not enough. We have a higher mission—to be of service to them wherever they require it.” And he is also the first religious leader to be picked as PETA’s Person of the Year.

Pope Francis was chosen for asking the world’s 1.2 billion Roman Catholics and all citizens of the world to reject human domination over God’s creation, treat animals with kindness, and respect the environment—something PETA views as a call to turn toward a simple, plant-based diet, given the now well-established role of animal agriculture in climate change.

Francesco

.
Egli è il primo papa a prendere il nome di San Francesco d’Assisi, patrono di tutti gli animali, che disse: “Non danneggiare i nostri umili fratelli è il nostro primo dovere, ma fermarci a ciò non è sufficiente. Abbiamo una missione più grande… di essere al loro servizio ovunque sia richiesto”.
Ed egli è anche il primo capo religioso ad essere scelto come PETA’s person of the Year”.
Papa Francesco è stato scelto per aver chiesto a 1,2 miliardi di cattolici nel mondo e a tutti i cittadini del pianeta di respingere il dominio dell’uomo sulla creazione di Dio, di trattare gli animali con gentilezza, e di rispettare l’ambiente, ciò che  PETA vede come una chiamata a trasformare i nostri consumi verso una semplice dieta basata sui vegetali, considerato il ruolo ormai consolidato dell’agricoltura animale nel cambiamento climatico.
.
 .PersonoftheYearAward2.jpg
.
The next December 17th Pope Francis will turn 79 yrs. old we shall meditate (pray) for him so that his presence may lead to radical changes.
 .
Il prossimo 17 dicembre Papa Francesco compie 79 anni… meditiamo (preghiamo) per lui affinché la sua presenza possa portare a dei cambiamenti radicali.
.
.

Save Andy the Polar Bear

Source: Save Andy the Polar Bear

 

Write an e-mail to:

susan.babcock@ualberta.ca
derocher@ualberta.ca

I saw a petition about the polar bear Andy wearing a collar which is suffocating him.
Since this isn’t the first time such things are happening, I’m wondering if there is any possibility to avoid sufferance and death of these poor animals.
I sent an e-mail at the University of Alberta to ask them to use their resources to track Andy, remove the collar and get him the medical attention he needs ensuring his well-being. You shall institute an active search as soon as possible since time is running out… only if you act immediately you may save his life!

Ho visto una petizione sull’orso polare Andy che indossa un collare che lo sta soffocando.
Dal momento che questa non è la prima volta che queste cose  accadono, mi chiedo se c’è qualche possibilità di evitare la sofferenza e la morte di questi poveri animali.
Ho inviato un e-mail all’Università di Alberta chiedendo di utilizzare le loro risorse per monitorare e trovare Andy, togliere il collare e fornirgli le cure mediche di cui ha bisogno per garantire la sua guarigione. Si deve istituire una ricerca attiva nel più breve tempo possibile
dal momento che il tempo stringe solo se si agisce subito si può salvare la sua vita!

I’m not kidding… there isn’t much time left

demand-climate-action-paris

Climate change is impacting every part of our world — our health, the economy, biodiversity, forests, agriculture, communities and more. We are running out of time, but not solutions. We ask the World Leaders, when they meet at the Paris climate conference this December, to urge to work for climate action, including a new universal legal agreement committing all nations to specific steps to achieve a low-carbon future. It will take bold action from us all to solve the climate crisis.

…oOo…

Il cambiamento climatico sta influenzando ogni parte del nostro pianeta la nostra salute, l’economia, la biodiversità, le foreste, l’agricoltura, le comunità e altro ancora. Siamo a corto di tempo, ma non di soluzioni. Quando i Capi dei Governi si incontreranno alla conferenza sul clima di Parigi il prossimo dicembre, li invitiamo a lavorare per delle azioni per il clima, tra cui un nuovo accordo legale universale che impegni tutti i paesi a misure specifiche per realizzare un futuro a basse emissioni di carbonio. Ci vorranno azioni coraggiose da tutti noi per risolvere la crisi climatica.

…oOo…

Please sign the petition at the link  *  per favore firmate la petizione al link

Paris November 29th, 2015 ¦¦ SAVE THE DATE * RISERVATE LA DATA

worldwide mobilization for the climate - summit COP21 Paris¦¦  mobilitazione mondiale per il clima - vertice COP21 ParigiDear friends,

Sunday, November 29, 2015, will be the largest mobilization for the climate of all time. If you want you can join it!
On the eve of the World Summit in Paris (30 November to 11 December 2015, http://www.cop21.gouv.fr/en) hundreds of millions of people take to the streets around the world to ask for a climate agreement that allows contain overheating within + 2 ° C. The Paris summit will be the last chance to get a deal. Do not waste it.

In Ticino (Switzerland) it will be the WWF, as a member of the Alliance for Climate (http://www.klima-allianz.ch/it), to organize the event. We are already working on an idea and when we have more concrete information we will not fail to involve you.

With your help we will try to bring more people to the streets to appeal and participate in a big party. You will be asked to involve members of associations or parties in which you are active, or the institutions where students taught or just friends and acquaintances. Many of you have a facebook page or twitter. The potential is a vast network.

You may join the group all over the world through the nearest WWF association or other members of the Alliance for Climate! Please share on FB, twitter or blog…

…oOo…

Domenica 29 novembre 2015, avrà luogo la più grande mobilitazione per il clima di tutti i tempi. Se lo desideri, potrai farne parte!
Alla vigilia del vertice mondiale di Parigi (30 novembre – 11 dicembre 2015, http://www.cop21.gouv.fr/en) centinaia di milioni di persone scenderanno nelle piazze di tutto il mondo per chiedere un accordo sul clima che permetta di contenere il surriscaldamento entro +2°C. Il Vertice di Parigi sarà l’ultima possibilità per ottenere un accordo. Non sprechiamola.
In Ticino (Svizzera) sarà il WWF, in qualità di membro dell’Alleanza per il Clima (http://www.klima-allianz.ch/it), ad organizzare l’evento. Siamo già al lavoro su un’idea e appena avremo informazioni più concrete non mancheremo di coinvolgervi.

Con il vostro aiuto cercheremo di portare più persone possibile in piazza per sottoscrivere un appello e partecipare a una grande festa. Vi sarà chiesto di coinvolgere i soci delle associazioni o dei partiti in cui siete attivi, oppure le scolaresche degli istituti dove insegnate o semplicemente amici e conoscenti. Molti di voi hanno un pagina di facebook o twitter. La potenziale rete è quindi vastissima.

Per chi vive in Ticino: se desiderate far parte di questa “mobilitazione” mondiale, annunciatevi per e-mail al responsabile del WWF Ticino     Francesco.Maggi@wwf.ch

Grazie per condividere su FB, twitter o blog quest’annuncio!

logo-tous-ensemble

See details: Civil society and the Climate change process

.

Let’s do something good and amazing for our planet Earth! * Facciamo qualcosa di meraviglioso per il nostro pianeta

to-make-this-happenripuliamo l’oceano

The Ocean Cleanup has developed the world’s first feasible method to clean up half of the so-called Great Pacific Garbage Patch in 10 years’ time. But how many tons of garbage will be cleaned up? In order to determine the amount of plastic in the patch, we are organizing the largest ocean plastic expedition in history. During August this year, we will be crossing the Garbage Patch from Hawaii to California, with up to 50 boats in parallel. And you can be part of this historic event.

WHY SHOULD I JOIN?

  1. Your contribution will help rid the oceans of plastic.
  2. You will get to visit the Great Pacific Garbage Patch yourself.
  3. A significant part of the costs will be covered by The Ocean Cleanup.
  4. Through its global coverage, your contribution will be internationally recognized.
  5. The Ocean Cleanup takes care of all equipment, logistics, and can arrange for a volunteer to do the measurements.

For more informations, please visit the web site!

Of course this is not an usual sailing’ cruise… it’s a kind of volunteering different from what you imagine! But has its inherent scratching charm is there anyone among you skippers who want take me on board?
I do not think my acquaintances in Ticino (southern part of Switzerland) are willing to make first crossing of the Mediterranean, the Atlantic and then go from Panama to climb diagonally to Hawaii

…oOo…

Il Ocean Cleanup ha sviluppato il primo metodo fattibile per ripulire la metà del cosiddettoGreat Pacific Garbage Patch” in 10 anni. Ma quante tonnellate di immondizia sarà ripulita? Al fine di determinare la quantità di plastica nella “patch”, stiamo organizzando la più grande spedizione oceanica nella storia. Nel mese di agosto di quest’anno, attraverseremo il Garbage Patch dalle Hawaii alla California, con un massimo di 50 imbarcazioni in parallelo. Voi potete essere parte di questo evento storico.

PERCHÉ DOVREI ADERIRE?

1. Il vostro contributo sarà quello di contribuire a liberare gli oceani di plastica.
2. Visiterete personalmente il Garbage Great Pacific Patch.
3. Una parte significativa dei costi saranno coperti da Ocean. Cleanup.
4. Attraverso la sua copertura globale, il vostro contributo sarà riconosciuto a livello internazionale.
5. Il Cleanup Ocean si prende cura di tutte le attrezzature, logistica e può organizzare un volontario per fare le misurazioni.

Per maggiori informazioni si prega di visitare il sito web!

Certo non si tratta di un usuale crociera in barca a vela… è una sorta di volontariato diverso da quello che ci si immagina! Ma ha il suo fascino intrinseco e graffiante… c’è qualcuno di voi skipper che vuole prendermi a bordo?
Non credo che i miei conoscenti ticinesi sono disposti a farsi prima l’attraversata del Mediterraneo, dell’Atlantico e poi passare da Panama per risalire in diagonale fino alle Hawaii…

the impact on wildlife…    le conseguenze sulla fauna…

Please… SAVE Venice! * una petizione per salvare Venezia

Venice2 venice

Who does not know Venice?
Piazza San Marco, the Canale Grande, the Rialto Bridge, its carnival, its Biennial and the Golden Lion
Not only Venice, located in a lagoon, is literally sinking due to the holes in the seabed at depths of up to 500 meters there is also the rising waters due to global warming.
But for some time the tourism leaves its bloody footprint! In the background a huge ocean liner, I do not add more!
*
Venice_ship
AVAAZ *
Chi non conosce Venezia?
Piazza San Marco, il Canal Grande, il Ponte di Rialto, il suo carnevale, la sua Biennale ed il Leone d’Oro…
Non solo Venezia, situata in una laguna, sta letteralmente sprofondando a causa delle buche nel fondale profonde fino a 500 metri… vi è pure l’innalzamento delle acque a causa del surriscaldamento globale.
Ma da tempo anche il turismo lascia la sua maledetta impronta ecologica!
Aiutate AVAAZ a bloccare questa incoscienza: firmate la petizione…
sullo sfondo un immenso transatlantico, non aggiungo altro!
*

We all have a choice… but still is only yours! * Possiamo scegliere…

When I speak of vegetarianism and veganism, my interlocutor wrinkles his/her nose (most of the time) I realize that unfortunately are still few to embrace this choice that not only shows respect and compassion for other living creatures, but it is also the only solution to safeguard the planet Earth.
The issue I resume it in all my novel, and who knows me knows that for me is a fight to the hilt but the clock is ticking. Not only my expectations of life since I’m over fifty but if the man does not opt for conscious and immediate choices , the future scenario is terrifying

Yes! I will continue to publish crude images, horrible and full of sadness I will continue to describe the pain and agony of these living creatures without the gift of speech to defend themselves abused, violated, killed by human bestiality!  The choice is only yours… go vegan!

Quando parlo di vegetarianismo e veganismo, il mio interlocutore arriccia il naso (il più delle volte)… realizzo che purtroppo sono ancora in pochi ad abbracciare questa scelta che non solo dimostra rispetto e compassionevolezza per altre creature viventi, ma è anche l’unica soluzione per salvaguardare tutto il pianeta Terra.
La tematica la riprendo in ogni mio romanzo, e chi mi conosce lo sa che per me è una battaglia a spada tratta… ma il tempo stringe. Non solo le mie aspettative di vita… ma se l’Uomo non opta per delle scelte consapevoli ed immediate, lo scenario futuro è terrificante…

Non mi stancherò mai di pubblicare immagini crude, orribili e piene di tristezza… non mi stancherò mai di descrivere il dolore e l’agonia di queste creature viventi senza il dono della parola per difendersi… abusate, violate, uccise dalla bestialità umana!
La scelta è unicamente vostra… diventa vegano!

GO_VEGAN

about frogs and toads * sulle rane e rospi

Rospo comune - Mirko  Zanini 2011copia di Rospo comune - Mirko Zanini 2005

.

Not only in our country there is this issue!
When the rain arrives, this trigger the migration of frogs and toads. Like every year specimens of toads and frogs are on their way to their breeding grounds, usually ponds, but also lakes. After spawning, the batrachians remain few weeks in this places, and then return to where they came from. Unfortunately, the slowness that characterizes the toads is sometimes a fatal handicap that does not allow them to cross unharmed the streets.
Please drive carefully and, if possible, help with volunteering groups these little lads to cross the streets…

*

Non solo nel nostro paese vi è il problema!
Quando la pioggia arriva, questo innesca la migrazione di rane e rospi. Come ogni anno esemplari di rospi e rane sono in viaggio verso le zone di riproduzione, di solito stagni, ma anche i laghi. Dopo la deposizione delle uova, i batraci restano poche settimane in questi luoghi e poi tornare da dove sono venuti. Purtroppo, la lentezza che caratterizza i rospi è a volte un handicap fatale che non permette loro di attraversare indenni le strade.
Si prega di guidare con prudenza e, se possibile, aiutare con i gruppi di volontariato questi piccoli ragazzi di attraversare le strade

Il  WWF  invita tutti gli automobilisti a circolare con prudenza su questi tratti stradali (che vengono segnalati con appositi cartelli), specialmente durante le ore serali. Cerchiamo inoltre volontari. Chi volesse mettersi a disposizione per una o più sere alla settimana in una delle località sopra indicate può contattare Tiziano Maddalena, responsabile dell’azione salvataggio anfibi, 079 628 07 77, e-mail: tmaddalena@ticino.com

wwf-logoTHANK YOU  *  GRAZIE

photographs of the lovely frogs and tods by:  Mirko Zanini

.pp

Me and my teddy bear * c’era una volta Orsetto

kid_teddy_bear

More than half a century ago, I made the acquaintance of “Teddy Bear”, the faithful friend that still accompanies me in my sleep and dreams!
My confession may seem a bit misplaced but I’m sure that many of my readers have special
and sweet memories  linked to the existence of a particular stuffed animal
From an early age children receive as a gift stuffed animals of many different materials. In the countries of the southern hemisphere, maybe the kids do not have the privilege of holding
and cuddle in their arms  “pelusches” but sometimes they do share their lives in close contact with the animals, the real ones, in flesh and blood.

This post could embrace many themes, but this time I linger to that one of education and awareness raising. We adults have the responsibility to instruct the children to look with love and respect the animals and nature in which we live. This could be the most important education so that growing up and becoming adults, respect and veneration of nature can remain steady and lead to meaningful actions, always aimed at the protection of one and the other. Planet Earth is our home unfortunately we all know what is happening and, paradoxically, this is irreversible.

Unfortunately many times the right education is not there and these children take the example from the adults who grow them, they follow the actions of the society in which they live, their priorities are then dictated by external conditions while their childish purity is changed to satisfy impositions and social policies in which they grow and become adults.
The baby with the sweet and affectionate temperament, following the examples that despite himself is to observe living in a not respectful
society, turns and becomes a conditioned being at times violent whose actions harm flora and fauna.

How can we bring changes? It’s not too late to save the situation? Firmly I believe that we can overturn the situation, but we must change our paradigms, break away from the archetypes followed by our ancestors we must look to nature and animals with greater respect, we must be aware of every action and each reaction that it can cause.
Certainly the ongoing wars, the follies dictated by research hegemonic power (in the name of a god or of the economy), will be contained and here is up to each one of us to try to limit this tsunami which appears invincible.
But we shall take action right now, we have to take position immediately, we need to support the referendum and help organizations that have memorable purposes, honest and without interest. I support many NGO’s campaigns in support of animals, sometimes an email may save the life of a living creature… even a little money can be used to support these associations.
The choice is yours!

Halong Bay BearsSave Halong bears

save  the  halong  bears

logoAnimalAsia

animalsasia.org

Più di mezzo secolo orsono feci conoscenza di “Orsetto”, l’amico fedelissimo che ancora oggi mi accompagna nel sonno e nei sogni!
La mia potrà sembrarvi una confessione un po’ fuori posto… ma sono sicura che molti tra i miei lettori hanno memorie speciali e dolci collegate all’esistenza di un particolare animale di pezza…
Fin dalla più tenera età i bambini ricevono in regalo animali imbottiti dei più disparati materiali. Nei paesi del sud del mondo, forse i bimbi non hanno il privilegio di stringere tra le braccia e coccolare dei pelusches ma a volte condividono la loro esistenza a strettissimo contatto con gli animali, quelli veri, in carne ed ossa.

Questo post potrebbe abbracciare molte tematiche,  ma questa volta mi soffermo su quella dell’istruzione e sensibilizzazione. Siamo noi adulti ad avere la responsabilità di istruire i fanciulli a considerare con amore e rispetto gli animali e la natura nella quale viviamo. Questo potrebbe essere la più importante istruzione affinché crescendo e diventando adulti, il rispetto e venerazione della natura possa resare saldo e condurli ad azioni sensate, sempre rivolte alla protezione degli uni e degli altri. Il Pianeta Terra è la nostra casa… purtroppo sappiamo tutti cosa sta accadendo e paradossalmente ciò è irreversibile.
Purtroppo molte volte la giusta istruzione non c’è e questi fanciulli prendono l’esempio dagli adulti che li crescono, seguono le azioni della società nella quale vivono, le loro priorità sono quindi dettate da condizioni esterne mentre la loro purezza infantile si modifica per appagare le imposizioni sociali e politiche nelle quali crescono e diventano adulti.
Il bimbo dall’indole dolce e affettuosa, seguendo gli esempi che suo malgrado si trova ad osservare vivendo in una società irrispettevole, si tramuta e diventa un essere condizionato a volte violento le cui azioni danneggiano flora e fauna.

Come possiamo portare dei cambiamenti? Non è troppo tardi per salvare il salvabile? Fermamente credo che possiamo stravolgere la situazione, ma bisogna modificare i nostri paradigmi, staccarci dagli archetipi seguiti dai nostri avi… guardare alla natura e animali con maggiore rispetto, dobbiamo essere consapevoli di ogni azione e di ogni reazione che essa può causare.
Certamente le guerre in corso, le follie dettate dalla ricerca egemonica del potere (in nome di un dio o dell’economia), dovranno essere contenute… e qui, spetta ad ogni singolo cercare di arginare questo tsunami che appare invincibile.

Ma dobbiamo prendere posizione immediatamente, dobbiamo sostenere referendum e aiutare le organizzazioni che hanno scopi memorabili, onesti e senza interessi personali. Personalmente sostengo molte campagne di ONG a sostegno degli animali, a volte un e-mail può salvare la vita di un animale… anche pochi soldi possono servire per sostenere queste associazioni.
A voi la scelta!

.

an act of Love * un’azione amorevole

I’m helping care for koalas burned by the bushfires by pledging to make mittens for injured koalas. As an IFAW supporter, I’m making a lifesaving difference for animals. You can help too.    Visit this link to lear how to do it too!

°°oOo°°

Mi impegno a confezionare dei guantini/muffole per la cura dei koala feriti e bruciati a causa degli incendi nelle foreste australiane. Come sostenitrice IFAW, sto facendo la differenza salvavita per gli animali.  Tu puoi anche impegnarti, visita questo link perr ottenere dettagli.

Updating January 14th, 2014

With the help of my mom Aide, tomorrow I’ll send to IFAW 64 mittens which will help healing from burns 16 koalas…  I’m so proud of my 81 yrs. old mother!

IMG_2101

Serenity  ❤ claudine

A time for reflection… * Un momento di riflessione…

With the flow of time, as a raging river toward its estuaryI grew older with the forces that crumbles like dry bread forgotten in a corner.  Maybe because of that, the reflections are becoming more intense, more pressing, even becoming a reason that brings me forward.

It is not easy for anyone, being an helpless spectator. When I bow my head to rest the cheek on one of the cats which are always close, their purr fills me with a new inner tranquility. When I write, they are always present: they influence me in any way, give me ideas to transcribe, motivate my endurance in doing what I do…

Few words, to leave to all of you an affectionate greeting to accompany you during the holiday, which should not only be a hymn to consumerism, but rather a time for deep reflections… about oneself, about the priorities in life, knowing how to give a little love to everything that surrounds us.   I love you, be serene  🙂 claudine

..oOo..

Con lo scorrere del tempo, come fiume in piena via via che arriva all’estuario… in là con gli anni e la forza che si sbriciola come pane secco dimenticato in un angolo, ecco che le riflessioni si fanno sempre più intense, più pressanti, fino a diventare una ragione che mi porta avanti.

Non è facile, per nessuno, l’essere spettatore a volte impotente. Quando chino il capo, per poggiare la guancia su uno dei gatti che sempre mi è vicino, ecco che le loro fusa mi riempiono di una nuova tranquillità interiore. Quando scrivo, loro sono sempre presenti: mi influenzano in qualche modo, mi forniscono idee da trascrivere, motivano la mia perseveranza nel fare ciò che faccio…

Poche parole, per lasciare a voi tutti un affettuoso saluto che vi accompagni durante le festività che non dovrebbero solo essere un inno al consumismo, ma bensì un tempo di profonda riflessione…  su se stessi, sulle proprie priorità nella vita, sul saper donare un po’ di amore a tutto ciò che ci circonda. Siate sereni, con affetto   🙂 claudine

 

.

Act before it is too late * agire prima che sia troppo tardi

wwf-logogreenpeace1

Every time I sit in front of the PC, I find on the screen a multitude of shocking news and campaigns
We can not reverse the situation, it is true, we can not force the oligarchs to drop with drilling in the Arctic that kill the bears and the rest of the tundra’s fauna we can not prevent unscrupulous farmers using fertilizers that kill bees that provide the pollination and these are only two of today’s relevant topics that should make us reflect.  But we can act: by choosing to support with signatures, choosing to boycott, choosing to spread the voice and by choosing the products we consume with more critical sense and respect for our Planet Earth! We are a multitude that nothing can stop: we want that our planet Earth, our house”, remains habitable for the children of our children’s children!
WWF has compiled a list of species in danger of extinction one day, there will be also listed the homo sapiens sapiens

***

Ogni volta che mi siedo davanti al PC, mi ritrovo sullo schermo una moltitudine di notizie sconcertanti e campagne di sensibilizzazione…
Non possiamo capovolgere la situazione, è vero, non possiamo obbligare gli oligarchi a lasciar perdere con le trivellazioni nell’artico che uccidono gli orsi e il resto della fauna della tundra… non possiamo impedire che agricoltori senza scrupoli utilizzino fertilizzanti che uccidono le api che provvedono all’impollinazione… e questi sono solo due situazioni attualissime che dovrebbero farci riflettere. Quindi possiamo agire: scegliendo di sostenere con delle firme, scegliendo i prodotti che consumiamo con maggiore senso critico e rispetto verso il nostro Pianeta! Siamo una moltitudine che nulla potrà arrestare: desideriamo che il nostro pianeta Terra, la nostra “Casa”, resti abitabile per i figli dei figli dei nostri figli!

Il WWF ha stilato un elenco delle specie in via di estinzione... un giorno, ci sarà elencato anche l’homo sapiens sapiens…

 

DeadPolarBear_OpenspaceHoneybees Mortality in the Netherlands Imker Henk Brouwer laat dode bijen op de honingraat zien

La Guerra per un futuro migliore per le nostre generazioni è iniziata…

War for a better future for our generations has begun

Un aiuto alla Natura * an aid to Nature

wwf-logo

WWF has many initiatives, sometimes they calls for support through a signature other times asks you a tangible financial help... others asks you to act in person!
These last one, are special experiences that leave inside yourself a strong feeling and give you a priceless joy.
Are those deeds that have a deeper meaning, where you see with your own eyes what  can be done and where (dead tired and with aching limbs) you acknowledge that you have personally contributed to a better world.

…oOo…

Il WWF ha molte iniziative, a volte vi chiede un sostegno per mezzo di una firma… altre volte vi chiede un aiuto tangibile a livello finanziario… altre ancora vi chiede di agire in prima persona!
Queste sono esperienze speciali, che lasciano dentro sé stessi un segno forte e ti donano una felicità di impagabile grandezza.
Sono quelle gesta che hanno un senso profondo, dove vedi coi tuoi occhi ciò che si può fare e dove (stanco morto e con le membra doloranti) sei consapevole di aver contribuito in prima persona per un “mondo migliore”.

(stagno di Neggio, vicino ad Agno)

Days to save the bees — spread the word!

Silently, billions of bees are dying off and our entire food chain is in danger. Bees don’t just make honey — they are a giant, humble workforce, pollinating 75% of growing plants. But in five days the US could move to ban the toxic pesticides that are killing them off.

We know we can get a ban — after a mega Avaaz campaign last year, the EU banned this group of poisons that multiple scientists blame for bees’ rapid demise. Right now chemical companies are furiously lobbying US authorities to stop action. But insider allies say a massive public mandate could tip the scales towards a ban. Let’s give it to them! If the US moves, it will set in motion a ripple effect on the rest of the world.

We have no time to lose — members of the White House’s bee task force will report with proposals on Tuesday. This is not just about saving bees, this is about our survival. Sign the emergency petition now — let’s build a giant global buzz calling for the US to outlaw these killer chemicals, before the honey bees are extinct.

We only have days to beat back the lobbyists and get the EPA to recommend a ban on bee-killing pesticides! Let’s race to our 3 million target — help spread the word using the Facebook and Email tools below and forward the original email from Avaaz!

GO TO THE LINK FOR THE PETITION

AVAAZ Marcia Globale per il Clima – Lugano Svizzera

AVAAZ

11665_polarbear_1_460x230

21.9.2014 18:00

Viale Carlo Cattaneo 6  –  6900 Lugano  –  Svizzera

Agire per il clima, ora! Domenica 21 settembre 2014, pochi giorni prima di un summit importantissimo, migliaia di persone in tutto il mondo scenderanno per strada e cammineranno insieme per mostrare ai leader mondiali che c’importa del nostro clima. Anche a Lugano, alle 18:00, ci incontreremo per unire la nostra voce a questa richiesta fondamentale per il nostro pianeta e per noi. Dal Parco Ciani faremo una passeggiata verso Piazza Riforma, con tanta speranza e tanti sorrisi. Unisciti a noi e a tutto il mondo nella Marcia Globale per il Clima! Partecipa alla più grande marcia per il clima della storia!

info@verditicino.ch

 

Link diretto per l’iscrizione

Welcome to the largest climate mobilisation in history — who will you invite to join?

Thank you for letting us know you can make it! Together we’re going to be part of the largest day of climate action in history, and not a moment too soon. Invite your friends to join the fun on September 21 using the tools below – the more personalised the invite, the better!

 

Find out where mobilization will take place nearest to where you live 

.

Do you know the crucial truth? * Conosci la cruciale verità?

World Overshoot Day

 

On August 19 was the World Overshoot Day: in less than eight months we have exhausted our ecological credit. Until the end of the year we will experience using the reserves for future generations.
The economy and the world’s population grows, the consumption of resources increases, but the size of our planet remain always the same! It was the beginning of the seventies when the men arrived for the first time to consume more resources than the earth could produce in the same period of time. At the time, however, the “World Overshoot Day” came in December.

In the meantime, the situation has worsened: today it would take a planet and a half to meet in the long term all the needs of the world population. The Swiss population has already exhausted his credit on May 9, the Americans even in March. If we continue at this rate, by 2030 we will need more than two planets to meet the needs of global resources.

***

Il 19 agosto era il “World Overshoot Day” (giornata mondiale del superamento): in meno di otto mesi abbiamo esaurito il nostro credito ecologico. Fino a fine anno vivremo utilizzando le riserve destinate alle generazioni future.
L’economia e la popolazione mondiale crescono, il consumo di risorse aumenta, ma le dimensioni del nostro pianeta rimangono sempre le stesse! Era l’inizio degli anni Settanta quando gli uomini sono arrivati per la prima volta a consumare più risorse di quante la terra potesse produrne nel medesimo arco di tempo. All’epoca, però, il “World Overshoot Day” è giunto in dicembre.Nel frattempo la situazione è peggiorata: oggi ci vorrebbe un pianeta e mezzo per soddisfare in un’ottica di lungo termine tutte le esigenze della popolazione mondiale. La popolazione svizzera ha già esaurito il suo credito il 9 maggio, gli americani addirittura a marzo. Se andiamo avanti di questo passo, nel 2030 ci serviranno più di due pianeti per coprire il fabbisogno globale di risorse.
The time runs out… we all have the moral obligation to take action NOW, for the future generations.
Il tempo sta per esaurirsi noi tutti abbiamo l’obbligo morale di agire ora, per le generazioni future.

Ask New York Officials to Stop Massacring Geese

730px-baby_goose_canada_gosling_4591174999Post taken from  http://our-compass.org which  I fully support

 

BACKGROUND

U.S. Department of Agriculture (USDA) documents reveal that more than 3,650 geese in the vicinity of New York City airports were rounded up and killed by the agency in the past five years alone, yet it has not recommended humane controls to prevent more birds from flying in and taking up residence. Consequently, the city is caught in a vicious, expensive, and endless killing cycle (which guarantees continued funding for the USDA), and despite an intense public outcry, another annual massacre is apparently proceeding. Helpless molting and flightless birds will again be snatched up, forced into crates, and trucked to slaughter—a terrifying ordeal for any wild animal but especially for a sensitive “prey” species. Such measures also tear families apart and leave orphaned young at great risk. Your voice is desperately needed!

WHOM TO CONTACT

Polite comments can be directed to:

Block:  mtarlow@cityhall.nyc.gov; pfoye@panynj.gov

Individual:

Mindy Tarlow
Director, Mayor’s Office of Operations
New York City
mtarlow@cityhall.nyc.gov

Patrick J. Foye
Executive Director
Port Authority of New York & New Jersey
pfoye@panynj.gov

 

Dear Director Tarlow and Executive Director Foye:

I am extremely alarmed to learn of New York City’s decision to cruelly massacre geese via USDA agents. I respectfully request suspension of this violent strategy.

Please allow me to elaborate. First, killing geese does nothing to modify landscapes and waterways that attract them in the first place. I encourage officials to work with avian experts on population stabilization and site aversion.

Second, sweeping eradication does not reduce long-term growth. Killing geese artificially increases food supplies to the remaining geese, the consequence of which is increased reproduction and an ensuing greater population. In fact, studies have demonstrated that the continual cycle of seasonal eradication is responsible for a rebound, or larger gaggle populations, in subsequent years.

Third, using such barbaric strategies in such visible locations will most certainly affect visitation: agents typically enter the pond area during early morning, roughly separating goslings from parents, and then stuff the bound, panicked geese and babies into crates. Next, the geese are gassed or shot to death. In fact, although I do not currently reside in New York, I would be unwilling to consider it, or a nearby location, for tourist purposes if this cull ensues.

Please practice compassion and integrity: let the geese live and institute responsible policies that promote respect and tolerance of wildlife, and commit to habitat/landscape modification as outlined in Friends of Animals’ Canada Goose Habitat Modification Manual, https://friendsofanimals.org/sites/default/files/Goose%20Habitat.pdf in addition to instituting humane control measures.

Thank you for taking the time to consider this urgent appeal.

Claudine Giovannoni from Switzerland

AVAAZ ¦¦ GETTING READY TO SAVE THE PLANET

9201_climatemarch_0_460x230_1_460x230

Cari avaaziani in tutto il mondo,

L’ultima era glaciale? È avvenuta in 6 mesi, ricoprendo l’Europa e gli Stati Uniti con blocchi di ghiaccio grandi quanto enormi condomini. È solo un esempio di cosa succede quando si raggiunge un punto di svolta che sconvolge irrimediabilmente il clima e in questo momento sono addirittura tre i punti di svolta, della stessa portata devastante, che stiamo per raggiungere.

Uno scienziato NASA l’ha definito, senza mezzi termini, il momento “siamo fottuti” del cambiamento climatico. La nostra unica possibilità è una manifestazione senza precedenti, che per un giorno mobiliti l’intero pianeta.

Perché possiamo salvarci se si troverà un accordo su obiettivi ragionevoli che ci facciano uscire dall’era del petrolio e del carbone. L’ONU sta organizzando un vertice d’emergenza che tra poco più di 100 giorni riunirà tutti i più importanti leader del mondo: il 21 settembre vogliamo accoglierli con la più grande mobilitazione della storia in difesa del clima e del pianeta, per tagliare i fili che li rendono dei burattini nelle mani dei grandi del petrolio e del carbone.

Organizzare un’azione del genere è difficilissimo, ma tutto parte da noi, dalle nostre azioni individuali che tutte assieme diventano un movimento di milioni di persone e possono spingere i politici a liberarsi dalle lobby e aiutarci costruire un futuro pulito, verde e soprattutto di speranza.

 

Unisciti alla giornata di mobilitazione globale del 21 settembre 2014 in difesa del clima!

Con un semplice gesto ti unirai a qualcosa di storico e potrai farne parte. Le nostre migliori speranze per vincere la sfida del cambiamento climatico dipendono da noi e dalla nostra capacità di imporre azioni più decise ai leader mondiali. Per cambiare tutto, serviamo tutti: unisciti a noi!

https://secure.avaaz.org/it/join_to_change_everything/?cRyYgab

 

“Io parteciperò alla giornata mondiale di mobilitazione del 21 settembre e contribuirò a farne la giornata più imponente che il pianeta abbia mai visto, così che le nostre richieste per salvare il clima non possano essere ignorate. E voi?”

REGISTRATI   QUI   ***   SIGN  UP  HERE

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 61,122 hits
  • Translate