• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Power of human brain? * Usiamo il cervello?

Brain synapses

In recent months I have repeatedly asked myself whether there is a relationship, albeit indirect, between the SARS-CoV-2 pandemic and global warming.
On the one hand, it is stated that there is still no scientific evidence, but many times reference is made to other viruses of the same Orthocoronavirinae family, for example SARS, for which a correlation with overheating of the planet had been confirmed.
Anthropogenic pressure with its mechanical actions designed to deforest to obtain more arable land (for extensive forage crops for “meat animals”), obliges the wild animals that live there to migrate: this is a threat, considering that they can be incubators of viruses.
In most cases there is no “species jump”, but in the case of an “appropriate” genetic mutation, a virus from the animal can be transmitted to the human.
A little revenge: all those who despised the “Fridays for Future” movement may have caught the message now… However, I am led to believe that everyone, apart from a few exceptions and without distinction of class or education, has realized that the phenomenon of global warming is not a lie. However, we must not forget that speciesism also has its part in the propagation of viruses: those who follow my blog will have already read several times that the exploitation of animals by humans has directly harmful effects (see wet markets, intense animal breeding for meat etc.)


Initially opponents of the “Fridays for Future” and other movements, as well as the well-known “Extinction Rebellion”, were babbling that climate change does not exist and that the exploitation of the soil and desertification for anthropogenic cause do no harm.
What I hoped for is greater growth in awareness, now that we have slowly returned to normal in post-covid-19, but unfortunately I realized that the huge fear had passed… people have already forgotten their good intentions.

Can we hope for a paradigm shift?
Of course, we no longer take a plane on Friday to visit Barcelona and then return to your home on Sunday. In addition, mobility has changed, and how! People are afraid to take public transportation and therefore use private cars, the tendency is to take holidays in their own country, which is also good for the local economy.
This, perhaps, is the only change that I see: okay, no one is robbing supermarkets by raiding toilet paper and mineral water, but we have returned exactly to the usual frenetic and selfish rhythms of before.
Ah, maybe I’m wrong, one thing has changed: first, on the sides of the streets or in city parks I found cans of beer or McDonald’s bags with polystyrene boxes, now the masks and sanitary gloves have been added.
This reminds us that SARS-CoV-2 is always out there, lurking, ready to infect us and that after it the list will continue to grow considering that the number of coronaviruses is growing rapidly.
The radical change was expected, with the smog blown away by the skies of the big cities during the lockdown, we were also deluded that something truly positive for the environment would happen.

But the tranquility of deserted roads in which even wild animals had returned to appear no longer frightened by the human presence, is now only a strange memory. Everything looks like something paradoxical, a déjà-vu that bounces off the walls of our brain alike in the REM phase.
In discussing with acquaintances, I realized that each of us lived this experience in a very different way. Some have been psychologically very touched in the absence of social contacts, others have used their time to devote themselves more to private matters and their own needs, still, others who have overcome it without making dramas.
Unfortunately, the estimate of the deaths due to covid-19 is over 500 thousand (28.6.2020), but the counting proceeds, SARS-CoV-2 has not taken a holiday and consequently, each person should keep “high guard” while keeping the “social distancing” and use of the mask in public environments, as well as other, recommended hygiene rules.

Gary Strokes (Ocean Asia) on Soko Island (foto Reuters)




In questi ultimi mesi mi sono più volte chiesta se c’è una relazione, seppure indiretta, fra pandemia da SARS-CoV-2 e riscaldamento globale. Da una parte si afferma che non ci sono ancora evidenze scientifiche, ma molte volte si fa riferimento ad altri virus della stessa famiglia Orthocoronavirinae, ad esempio la SARS, per la quale era stata confermata una correlazione con il surriscaldamento del pianeta. La pressione antropica con le sue azioni meccaniche atte a deforestare per ottenere maggiore terreno coltivabile (per coltivazioni estensive di foraggio per “animali da carne”), obbliga gli animali che vi abitano a migrare: questa è una minaccia, considerando che possono essere incubatori di virus.

Nella maggior parte dei casi non c’è un “salto di specie”, ma in caso di mutazione genetica “appropriata” un virus dall’animale può essere trasmesso all’umano. Una piccola rivincita: tutti quelli che disprezzavano il movimento “Fridays for Future” forse ora avranno colto il messaggio… Sono comunque portata a credere che tutti, a parte poche eccezioni e senza distinzione di ceto o formazione, si sono accorti che il fenomeno del riscaldamento globale non è una panzana.

Non bisogna però dimenticare che anche lo specismo ha la sua parte nella propagazione di virus: chi segue il mio blog avrà già più volte letto che lo sfruttamento di animali da parte dell’uomo ha influssi direttamente nefasti (vedi wetmarkets, allevamenti intensi di animali per carne ecc.) Inizialmente gli oppositori ai “Fridays for Future” ed altri movimenti come anche il ben noto “Extintion Rebellion”, andavano blaterando che i cambiamenti climatici non esistono e che lo sfruttamento del suolo e la desertificazione per causa antropica non recano alcun danno.

Ciò che speravo è una crescita maggiore della consapevolezza, ora che lentamente siamo tornati alla normalità nel post-covid-19, ma purtroppo mi sono resa conto che passata la grande paura… le persone si sono già dimenticate dei buoni propositi.

Possiamo sperare in un cambiamento di paradigma? Certo, ora non si prende più l’aereo il venerdì per visitare Barcellona e poi rientrare la domenica al proprio domicilio. Inoltre la mobilità è cambiata eccome! La gente ha timore a prendere mezzi di trasporto pubblici e quindi utilizza l’auto privata, la tendenza è quella fare vacanza nella propria nazione, che è anche un bene per l’economia locale.

Questo, forse, è l’unico cambiamento che visualizzo: va bene, più nessuno svaligia i supermercati facendo razzia di carta WC e acqua minerale, ma siamo tornati esattamente ai soliti ritmi frenetici ed egoistici di prima. Ah, forse mi sbaglio, una cosa è cambiata: prima ai lati delle strade o nei parchi cittadini trovato lattine di birra o sacchetti del McDonald’s con contenitori in polistirolo, ora si sono aggiunte le mascherine e guanti sanitari.

Questo a ricordarci che la SARS-CoV-2 è sempre là fuori, in agguato, pronta ad infettarci e che dopo di lei la lista continuerà ad ingrandirsi considerando che il numero dei coronavirus sta crescendo rapidamente. Si prospettava un cambiamento radicale, con lo smog spazzato via dai cieli delle grandi città durante il lockdown, ci si era anche illusi che qualcosa di veramente positivo per l’ambiente sarebbe accaduto.

Ma la tranquillità di strade deserte nelle quali pure gli animali selvaggi erano tornati a percorrere non più spaventati dalla presenza umana, è ora solo uno strano ricordo. Tutto appare come un qualcosa di paradossale, un déjà-vu che rimbalza sulle pareti del nostro cervello come nella fase REM.

Discutendo con conoscenti, mi sono accorta che ognuno di noi ha vissuto in modo molto diverso quest’esperienza. Chi è stato psicologicamente molto toccato in mancanza dei contatti sociali, altri che hanno utilizzato il loro tempo per dedicarsi maggiormente a sé stessi ed ai propri bisogni, altri ancora che lo hanno superato senza fare drammi. Purtroppo la stima dei morti a causa del covid-19 è di oltre 500mila (28.6.2020), ma il conteggio procede, SARS-CoV-2 non ha preso vacanza e di conseguenza ogni persona dovrebbe tenere “alta la guardia” mantenendo il distanziamento sociale e l’utilizzo della mascherina in ambienti pubblici, nonché le altre norme di igiene consigliate.

Saturday September 28th. 2019: I was there, in the Federal Square Bern

 

 

Klimastrike.ch.bern.28.9.2019

 

 

100,000 participants: they were so numerous that only a part was able to enter the large square, in front of the imposing Federal Palace where decisions of vital importance are made, for Switzerland, but not only.
In 19 days Switzerland will vote: with this strike, the people have shown that a change is necessary and urgent.

The “Climate Strike” event (which was attended by over 80 organizations and groups) showed that climate problems are a PRIORITY for the entire society.
The Federal Parliament will be re-elected and the time has come for Switzerland to make its policy more respectful of the climate by countering those that hinder this process!
We have been (and are) a river in flood, an unstoppable movement for the climate, that includes people of every age and social group, of every religion and domicile.
Bern will have to implement the Paris climate agreement and take the necessary steps to do even better than the 1.5 ° target.
Many have reached the capital by railways with trains specially organized for this event, the bravest have arrived on bicycles, others on foot…
We want facts, not vain words and false promises: we want an eco-social transformation of the economy and society, and science supports us.
Each newspaper discusses it: both environmental parties Green and Liberal Green will see an overwhelming progression in the federal elections, this is a certain fact.

…oOo…

100.000  i partecipanti: erano talmente numerosi che solo una parte ha potuto entrare nella grande piazza, davanti all’imponente Palazzo Federale dove si prendono decisioni d’importanza vitale, per la Svizzera, ma non solo.
Tra 19 giorni in Svizzera si voterà: con questo sciopero, il popolo ha dimostrato che un cambiamento è necessario e urgente.

La manifestazione “Klimastreik.ch” (alla quale hanno aderito oltre 80 organizzazioni e gruppi) hanno dimostrato che i problemi climatici sono una PRIORITÀ per l’intera società.
Il Parlamento federale sarà rieletto ed è giunto il momento che la Svizzera renda la sua politica più rispettosa del clima contrapponendosi a quelli che ostacolano questo processo!
Siamo stati (e siamo) un fiume in piena, un movimento per il clima inarrestabile che comprende persone di ogni età e fascia sociale, di ogni religione e domicilio.
Berna dovrà attuare l’accordo di Parigi sul clima e prendere le misure necessario per fare ancora meglio dell’obiettivo di 1,5°.
Molti hanno raggiunto la capitale per mezzo dei treni con convogli organizzati appositamente per quest’evento, i più coraggiosi sono arrivati a bordo di biciclette, altri a piedi…
Vogliamo fatti, non vane parole e false promesse: vogliamo una trasformazione eco-sociale dell’economia e della società, e la scienza ci sostiene.
Su ogni giornale se ne discute: i partiti ecologisti dei Verdi e dei Verdi Liberali riscontreranno una schiacciante progressione alle elezioni federali, questo è un dato certo.

 

Verdi_Liberali_Ticino

 

Environmental imbalance and biodiversity * Disequilibrio ambientale e biodiversità

The philosopher Carlo Sini has simplified the problem of biodiversity decline by stating that it is a disequilibrium between “prey” and “predators” that in the long run will cause the collapse of an entire ecosystem.

ecology-slideshare.net

But what is an ecosystem, also called an ecological unit?
It is a set of living organisms of plants and animals (including humans) that interact with each other and with the environment in which they are located.
These communities, divided into several populations made up of organisms of the same species, then interact with the component of non-living elements, organic and inorganic, as well as with climatic factors, thus forming the ecosystem.
In the component of living organisms, we find primary consumers (insects and animals) that are herbivores. In turn, primary consumers are prey to secondary + tertiary consumers (carnivorous predators, including humans).
The last component is that of decomposers (fungi and bacteria), which will break down both primary consumers and secondary consumers, turning them into inorganic compounds that fertilize the earth and then re-enter the cycle.
An ecosystem is in equilibrium when the food chain closes and when interactions between living organisms work in order to regulate the delicate mechanism of an ecosystem within a region.
On the other hand, an ecosystem is defined as fragile or not very resilient (*) if it has a low level of biodiversity (animal, plant, etc.) because it is weaker in cases of environmental stress.
The anthropic activities, especially in areas with high population density and strong construction, have resulted in a significant decrease in the population of insects and birds, which in turn in the food chain produce a decrease in predators etc.

Starting from our personal ethical and respectful conduct, we can already produce small changes. Evidently, sensitivity must be taught within the family nucleuses: the children of future generations must know what the consequences will be if Man will continue to behave in such a way as to put the entire planet at risk!

Material that deals with this topic is in the pages of every newspaper and magazine, they talk about it on television, many dystopian films show us terrifying and nightmare scenarios.
But it is also true that real wisdom is a “something” that cannot be bought or borrowed: it is within the awareness of human effemerity linked to karma and to the law of cause and effect. I dare to state that it is only unconditional LOVE and RESPECT to every living and non-living form.

(* source Wikipedia) the resilience in ecology is the speed with which an ecological system returns to its initial state, after being subjected to a perturbation that has alienated it from that state. The alterations can be caused both by natural events and by human activity.
.
elephant1 wwf

What will it take before we respect the planet?

…oOo…

 

Il filosofo Carlo Sini ha semplificato il problema della diminuzione di biodiversità affermando che si tratta di un disequilibrio tra “prede” e “predatori” che a lungo termine provocherà il collasso di un intero ecosistema.

Ma cos’è un ecosistema, anche chiamato unità ecologica?
È un insieme di organismi viventi vegetali e animali (compreso l’uomo) che interagiscono tra loro e con l’ambiente nel quale si trovano.
Queste comunità suddivise in più popolazioni costituite da organismi della stessa specie, interagiscono poi con la componente di elementi non viventi, organici e inorganici, come pure con fattori climatici formando quindi l’ecosistema.
Nella componente degli organismi viventi, troviamo i consumatori primari (insetti e animali) che sono erbivori. A loro volta i consumatori primari sono preda dei consumatori secondari e terziari (predatori carnivori incluso l’uomo).
L’ultima componente è quella dei decompositori (funghi e batteri), che procederanno a scomporre sia consumatori primari che consumatori secondari, trasformandoli in composti inorganici che fertilizzano la terra per rientrare poi di nuovo nel ciclo.

Un ecosistema è in equilibrio quando la catena del ciclo alimentare si chiude e quando le interazioni fra gli organismi viventi funzionano in modo da regolare il delicato meccanismo di un ecosistema all’interno di una regione.
Per contro un ecosistema si definisce fragile o poco resiliente(*) se presenta un basso livello di biodiversità (animale, vegetale ecc.) poiché più debole nei casi di stress ambientali.

Le attività antropiche, specialmente nelle zone con grande densità demografica e forte edificazione, hanno avuto quale risultato una rilevante diminuzione della popolazione d’insetti e di volatili, che a loro volta nella catena alimentare producono una decrescita di predatori ecc.

Partendo dalla nostra personale condotta etica e rispettosa dell’ambiente, possiamo già produrre dei piccoli cambiamenti. Evidentemente, la sensibilità va insegnata all’interno dei nuclei famigliari: i figli delle generazioni future devono sapere quali saranno le conseguenze se l’Uomo seguiterà ad assumere dei comportamenti tali da mettere a rischio l’intero pianeta!

Materiale che tratta quest’argomento è nelle pagine di ogni giornale e rivista, se ne parla alla televisione, molti film distopici ci mostrano scenari terrificanti e da incubo.
Ma è anche vero che la reale saggezza è un “qualcosa” che non si può acquistare o prendere a prestito: è all’interno della consapevolezza dell’effimerità umana legata al karma e alla legge della causa-effetto. Oso affermare che è solo AMORE incondizionato e RISPETTO verso ogni forma vivente e non.
(* fonte Wikipedia) la resilienza in ecologia è la velocità con cui un sistema ecologico ritorna al suo stato iniziale, dopo essere stato sottoposto a una perturbazione che l’ha allontanatala da quello stato. Le alterazioni possono essere causate sia da eventi naturali che da attività dell’uomo.

 

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 60,992 hits
  • Translate