• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Strands of Crystal in Paris * Fili di Cristallo

above image courtesy of Pam Renault – Poitier

A blanket of dark clouds covers the sky of that gloomy afternoon, yet an indefinable joy drags my thoughts, through those same alleys where, a few weeks before, an autumn sun had radiated over our steps.
The smell of wet leaves and grass, tickles the desire for a moment of intimacy in some bistro; the man winks amused as if he had read my mind.
“Shall we have a cup of tea? I know a very special little place not far from here, I’m sure you’ll love it.”
He holds me tightly against him, then ruffles my hair in an affectionate caress and, raising my coat collar, adds:
“I am mortified, I had ordered for you four days of sunshine! I will have to work so that you don’t get bored. I’m so glad you agreed to come back so soon, you can’t imagine my joy!”
His eyes contemplate my amused face, I feel his gaze pierce my boldness as in his voice I perceive an indefinable, tender but at the same time too rational bending. His face appears very pale, surrounded by long raven hair that with spite of every puff of wind descend to hide his eyes decorated with delicate and almost feminine eyelashes. His lips are dry; he moistens them with the tip of his tongue, gesture which brings a shiver down my spine.
The song of the birds perched on the almost bare branches, and then further on the screeching of the tires on the wet asphalt, brings us back to the present. He smiles and two dimples on the sides of the mouth give to that man’s expression a touch of childishness.
Along the avenue, the stalls selling caramel-covered apples or toasted almond brittle, remind me of the first time I visited Paris, about thirty years ago. Nothing has really changed. Only my mood has changed over time; but the young girl, at the time a little fearful and a bit shy, gave way to a woman who pursues dreams and reveries.
Mistletoe garlands and other decorative objects with winter smells and colours attract my attention. I stop looking at the elderly seller who smokes a cigar, sitting on an old and worn straw chair. Every wrinkle is a story; the basque lowered on the forehead, hides a lively intelligence ready to confront the harshness of life.
I could find myself anywhere, in any city in Europe, yet something is different from ranting sellers in a market in Rome or from the brusque shouting of shopkeepers in the squares of Hamburg. Here the faces take on a different expression: French is such a romantic language that it softens and appeases.
Looking up, in the direction of the gray slate that gradually dyes the vault of the sky, the dome of the Sacre Coeur appears illuminated and shines as if a ray of sunlight had crept into the dark tents of the coming night.
“Viens, je t’en prie… suive-moi, ont y est presque. Derrière la prochaine route, tu vas l’adorer, mon amour!”
The words whispered in my left ear, with that deep and so sensual voice of his, tighten like crystal threads around my heart. I let myself be dragged along semi-dark corners where the light from the street lamps fails to make a breach: this is the Rive Gauche, the Saint German des Près of the artists.
Entering the small atrium, I perceive the aroma of cinnamon and orange. It appears deserted: curiously amused I walk around; passing between the shelves filled with very old dusty volumes and certainly one more interesting than the other.

Oh yes! Joshua, in his most intimate, undeniably knows my every passion. For many months he studied me carefully reading all my writings, my every poem. Who could have thought of giving me this emotion by leading me for tea in a literary Café? Who would dare to rummage among the buds hidden in the fertile earth of my intellect, and do it in such a shamelessly delicate manner?
“No, I don’t ask you how you did it – I miss a breath while with one hand I pull his scarf towards my face – you have stripped me of every secret… but now you deserve a kiss!”
I feel reddened cheeks, with extreme gentleness I place my lips on top of his and remain motionless for a few seconds.
“Thank you. It is the most beautiful surprise you could make me. Je t’adore… merci infiniment!”
I follow him through a labyrinth of corridors then to the back, an old leather sofa crumpled by the wear of time, stands at the bottom of a large secluded room. Overflowing shelves of books are lost towards the dark ceiling, the light is tenuous and soft and next to the sofa a huge silver candelabrum releases golden flames.
A large bouquet of white chrysanthemums and royal lilies decorates a corner; the scent of flowers is so intense that it eliminates the smell of cinnamon and orange that I initially perceived when entering that place. For a moment I close my eyes as I recall the immense bouquet that had accompanied the body of my beloved father on his last journey.
I try to hold back the emotion that chokes my breath and I try to chase away the anguish. The man looks at me, surprised. I betray myself as water crystals fill my eyes and then overflow and descend along my already purple cheeks. With a polite gesture the man helps me to take off the cloak that he puts it on a chair: then he passes both thumbs on my cheeks holding my head in his cold snow-white hands.
Serious, with a voice that is now worried, asks me: “What is it? Did something bring you distant memories? I perceive it in the soul that you suffer, come, and let me wrap you in my arms, so you can let the anguish out. I’m here, my love, you can trust me. Tell me your visions: I would like to share your feelings even if I later may suffer too. I can accompany you along that abyss that sometimes divides beings. I’m here for you. I’ve been waiting for you for so long, for so many years.”
I don’t know how long I hang onto that rock that brings me shelter and comfort, the storm inside me subsides and I finally manage to return to the present.
“You feel better? How beautiful you are… like that, with shining eyes… and with this dress you remind me of a lady of the early nineteenth century.”
Then he still caresses my hair by passing his long fingers through it, I feel a slight tremor and feel a tightening in my heart. My God, but why this crazy devotion? Why did fate make it known to me? When in past lives did we share the same love and who were we? Everything repeats… as in the plot of a novel of mine, and here Thanatos releases visions and memories. But Joshua is here, as real as his strong arms, with his incredible tenderness, is not a dream but rather concreteness that drags me into the pure madness of not knowing who I really am and what I pursue. I feel so vulnerable, yet so human!
“Can I order tea? Then I want to read you something special. I’m sure you’ll like it.”
He bends down to kiss my forehead and then disappears behind an olive-coloured damask curtain with large black flowers in relief.
I am blurred in perceptions, a part of me feels tightrope while the other wishes to accept its condition and temporal reality, with its obligations and its constraints.
This strange place reminds me of something indefinable, the smell of old paper, printing ink and leather is mixed together and allow so many images to resurface in my memory.

I had always loved to spend hours and hours in bookstores, leafing through the books that attracted me the most or looking for a special gift to give to a friend.
When I was studying in the United States, I discovered that in Boston there were several bookstores where you could comfortably stay and read for hours: nobody bothered by asking if you needed something specific. Sometimes I stayed there for a whole afternoon and so I ended up making friends with the people who worked there. Even later, traveling across continents, I had kept the habit of visiting, in every city, its bookstores. I had also known wonderful ones in Great Britain, places where a ghostly silence reigned and the lights were always too dim and did not allow you to sink into long readings or there was always the risk of falling asleep, curled up in some armchair.
All in those places there was not the same atmosphere that was found in the squalid public libraries, where everything is arranged according to a precise scheme and everything is catalogued. Even the smell is not the same. But perhaps even this is just my feeling because I prefer the ancient, the antique, the strange, the particular.
I close my eyes again but this time the memories are pleasant and I feel transported back in a few decades.
When I open them again, I see before my eyes the figure dressed in black who looks at me with dreamy eyes: Joshua.
“I found the volume where I left it last week! Madame Favre, the owner of this bookstore, will bring us tea with almond and honey biscuits – then he smiles at me again showing those two delicious dimples on the sides of his face – they don’t have Cantucci with Vin Santo. I am mortified.”
In his hands, he holds a large book of black leather, bound and with gilt bands engraved in relief; strange doodles in shiny metal adorn the volume.
Intrigued, I observe the hands of man caressing the skin of the book with an indescribable delicacy. I mentally feel the touch and feel my stomach tighten in a strange grip.
“It is very old; it contains great mysteries that have remained hidden for centuries.”
Again he smiles and his eyes shine in the light of the candles, I feel a touch of fear and the strange sensation begins to dilate like amber crystals left in the intense light of Sun. I don’t break the magic of that moment by asking the question that burns in my mind, I’m sure it will be something special. That’s what he did .. and every time he wanted to surprise me, he always left me appalled.
His voice caresses and seduces me, leading me along a past filled with spells that become thinner like needles to finally penetrate my flesh. Every once in a while his eyes rise from the pages to stare at me, as if to point out the emphasis of what he is reading: a look full of mystery that touches me bringing my skin to feel disturbing sensations. His mouth whispers certain words, breathes and then for a fraction of a second damped in mid-air in the rickety candlestick light. Perhaps it is the beauty of this language that manages to weave emotions of infinite sensuality and sweetness, perhaps it is the pure passion that shines through every gesture of man, perhaps it is only the inescapable need of my Nature forced to seek its traces of Soul.
It is difficult to tell every imperceptible emotion that touches on the most profound intimacy. Wrapped by the caress of his voice, I slowly slide along those crystal threads that lead the Being to vibrate with a desire for belonging. My mind runs following the plot of the story, pausing at each pause to catch my breath while Joshua, delighted, realizes my state of mind.
“I knew you would love this text… it’s like it was written for you, by your nature, for your Research! I knew… I know… I have always known you… and I am immensely happy that you are here, with me, to share this magical seduction of words.”
“Joshua – I try to answer, but my voice is full of trepidation and again, with difficulty, I can hold back my tears – please, don’t interrupt the reading… go on, seduce my Soul like you are doing! Je t’adore… oui, s’il te plaît, continue à lire.”
He smiles at me but closes the book and lays it on the low table above which our tea has already cooled. He approached with a slow movement, at first I perceive his smell that reminds me of the woods of southern India, then it is his warmth that meets my hands and my face. In the background, the oriental melodies of Loreena McKennith fill my every sense: the breath is accelerated by the pulse of the heart that seems to want to burst in my chest.
Then Joshua’s hands take my shoulders, I can’t hold his gaze for a long time and then I close my eyes. With the lightness of a flap his hair touches my face as I perceive his lips on the neck; they are warm and humid, they touch the jugular vein and then gently grasp the skin of the neck.

Everything is transformed, while with my thoughts I run beyond that place of magic that smells of ink and ancient. There is no longer the small road, there are no longer crowded bistros of shouting people and cheerful laughter, and there is no longer a shadow of the screeching of cars along the boulevards of Saint German des Près.
I find myself embraced at Joshua in the central nave of Notre-Dame, and then along the ambulatory, while he tells me the story of that majestic temple of veneration built on the remains of a pagan one dedicated to Jupiter dating back to the 3rd century. The light that breaks on the apse windows projects its multicolored kaleidoscope, creating a dreamlike atmosphere. Joshua recalls its true story… as if only he knew the existence and the reason for its construction.
Then, in confiding that secret to me in that place of magic, he kissed me making me feel every molecule of my body as it had seldom happened to me.
In that beautiful Cathedral, in the middle of the Seine on the Île de la Cité, I would have left an indelible trace that, secretly, I still guard in my heart.

(c) Claudine Giovannoni

Notre dame

Un manto di oscure nuvole ricopre il cielo di quel pomeriggio uggioso, eppure un’indefinibile gioia trascina i miei pensieri, attraverso quelle stesse viuzze dove, qualche settimana prima, un sole autunnale aveva irradiato sopra i nostri passi.
L’odore delle foglie e dell’erba bagnate solletica il desiderio di un momento d’intimità in un qualche bistrot; l’uomo ammicca divertito quasi mi avesse letto nel pensiero.
“Andiamo a berci una tazza di tè? Conosco un posticino davvero speciale non molto distante da qui, sono sicuro che l’adorerai.”
Mi stringe a sé con più forza poi mi arruffa i capelli in una carezza affettuosa e, sollevandomi il bavero del capotto, aggiunge:
“Sono mortificato, avevo ordinato per te quattro giorni di sole! Dovrò impegnarmi affinché non ti annoi. Sono così felice che hai accettato di tornare così presto, non puoi immaginare la mia gioia!”
I suoi occhi contemplano il mio viso divertito, sento il suo sguardo trafiggere la mia baldanza mentre nella sua voce percepisco una flessione indefinibile, tenera, ma al contempo fin troppo razionale. Il suo viso appare pallidissimo, contornato dai lunghi capelli corvini che con dispetto a ogni sbuffo di vento scendono a nascondergli gli occhi decorati da ciglia delicate e quasi femminili. Le sue labbra sono secche, le inumidisce con la punta della lingua gesto questo, che mi porta un brivido lungo la schiena.
Il canto degli uccelli appollaiati sopra i rami quasi spogli, poi più in là lo stridere delle gomme sull’asfalto bagnato, ci riporta al presente. Lui sorride e due fossette ai lati della bocca danno a quell’espressione d’uomo un non so che di fanciullesco.
Lungo il viale, le bancarelle che vendono mele ricoperte di caramello oppure croccante di mandorle tostate, mi riportano alla memoria la prima volta che avevo visitato Parigi, una trentina d’anni or sono. Nulla è cambiato, in verità. Solo il mio stato d’animo è mutato nel tempo; ma la fanciulla d’allora, sbarazzina ed un po’ timida, ha lasciato il posto ad una donna che insegue sogni e chimere.
Le ghirlande di vischio e altri oggetti decorativi dagli odori e colori dell’inverno attirano la mia attenzione. Mi fermo guardando il venditore in là con gli anni che fuma un sigaro, seduto sopra una vecchia e logora sedia impagliata. Ogni sua ruga è una storia, il basco calato sulla fronte nasconde una viva intelligenza pronta a confrontarsi con l’asprezza della vita.
Potrei trovarmi ovunque, in qualsiasi città d’Europa, eppure qualcosa è diverso dallo sbraitare dei venditori in un mercato di Roma oppure dal vociare brusco dei negozianti sulle piazze di Amburgo. Qui i visi assumono un’espressione diversa nella parlata: il francese è una lingua così romantica che addolcisce e rabbonisce.
Alzando lo sguardo, in direzione del grigio ardesia che a poco a poco tinge la volta del cielo, la cupola del Sacre Coeur appare illuminata e brilla come se un raggio di sole si fosse insinuato tra le oscure tende della notte che sta per giungere.
“Viens, je t’en prie… suive-moi, ont y est presque. Derrière la prochaine route, tu vas l’adorer, mon amour!”
Le parole sussurrate nel mio orecchio sinistro, con quella sua voce profonda e così sensuale, si stringono come fili di cristallo attorno al mio cuore. Mi lascio trascinare lungo angoli semibui dove la luce dei lampioni non riesce a fare breccia: questa è la Rive Gauche, la Saint German des Près degli artisti.
Entrando nel piccolo atrio, percepisco l’aroma della cannella e arancio. Appare deserto: divertita curioso attorno, passando tra le scansie ricolme di vecchissimi volumi impolverati e certamente uno più interessante dell’altro.
Eh sì! Joshua, nel suo più intimo, innegabilmente conosce ogni mia passione. Per lunghi mesi mi ha studiata leggendo con attenzione ogni mio scritto, ogni mia lirica. Chi avrebbe potuto pensare di regalarmi quest’emozione conducendomi per un tè in un ritrovo letterario? Chi avrebbe osato frugare tra i germogli nascosti nella terra feconda del mio intelletto, e farlo in maniera così spudoratamente delicata?
“No, non ti chiedo come hai fatto – mi scappa un soffio mentre con una mano tiro la sua sciarpa verso il mio viso – mi hai spogliata di ogni segreto… ma ora ti meriti un bacio…”
Mi sento le gote arrossate, con estrema dolcezza poso le labbra sopra le sue e rimango immobile per qualche secondo.
“Grazie. E’ la sorpresa più bella che potevi farmi. Je t’adore… merci infiniment!”
Lo seguo attraverso un labirinto di corridoi poi sul retro, un vecchio divano in pelle sgualcita dall’usura del tempo, troneggia in fondo ad un amplio locale appartato. Scafali straripanti di libri si perdono verso il buio soffitto, la luce è tenue e morbida e vicino al divano un enorme candelabro d’argento sprigiona fiammelle dorate.

Un grosso mazzo di crisantemi bianchi e di gigli reali decora un angolo; il profumo dei fiori è così intenso da sopprimere l’odore della cannella e arancio che avevo inizialmente percepito entrando in quel luogo. Per un attimo chiudo gli occhi mentre ritorna alla mia memoria l’immenso bouquet che aveva accompagnato la salma del mio adorato padre nel suo ultimo viaggio.
Cerco di trattenere l’emozione che mi strozza il respiro e provo a scacciare il magone. L’uomo mi guarda, sorpreso. Mi tradisco mentre cristalli d’acqua mi riempiono gli occhi per poi traboccare e scendere lungo le guance già imporporate. Con un gesto garbato l’uomo mi aiuta a togliere il mantello che ripone sopra una sedia: poi mi passa entrambi i pollici sulle guance tenendo la mia testa tra le sue fredde mani candide come la neve.
Serio, con voce ora preoccupata, mi chiede: “Che c’è? Qualcosa ti ha riportato memorie lontane? Lo percepisco nell’anima che soffri, vieni, lascia che ti avvolga tra le mie braccia, così potrai sfogarti. Sono qui, amore mio, di me ti puoi fidare. Raccontami le tue visioni:
desidero condividere con te ogni tua sensazione anche se dopo soffrirò anch’io. Posso accompagnarti lungo quel baratro che a volte divide gli esseri. Sono qui per te. Ti ho attesa e cercata così a lungo, per così tanti anni.”
Non so quanto tempo resto aggrappata a quella roccia che mi porta riparo e conforto, la tempesta dentro di me si placa e finalmente riesco a ritornare al presente.
“Ti senti meglio? Come sei bella… così, con gli occhi lucidi… e con quest’abito mi ricordi una dama d’inizio ottocento.”
Poi ancora mi accarezza i capelli passandovi attraverso le lunghe dita, percepisco un lieve tremito e provo una stretta al cuore. Mio Dio, ma perché questa folle devozione? Perché il destino me lo ha fatto conoscere? Quando abbiamo nelle vite passate condiviso lo stesso amore e chi eravamo? Tutto si ripete… come nella trama di un mio romanzo, ed ecco che Thanatos rilascia visioni e memorie. Ma Joshua è qui, reale quanto le sue forti braccia, con la sua incredibile tenerezza, non è un sogno ma bensì concretezza che mi trascina nella pura follia del non sapere chi veramente sono e cosa perseguo. Mi sento così vulnerabile, eppure così donna!
“Posso ordinare del tè? Poi desidero leggerti qualcosa di speciale. Sono sicuro gradirai.”
Si china per baciarmi la fronte e poi scompare dietro una tenda di damasco color verde oliva con grandi fiori neri in rilievo.
Sono offuscata nelle percezioni, una parte di me si sente funambola mentre l’altra desidera accettare la sua condizione e realtà temporale, con i suoi obblighi e i suoi vincoli.
Questo strano luogo mi ricorda qualcosa d’indefinibile, l’odore della carta vetusta, dell’inchiostro di stampa e del cuoio si rimescola e permettono a tante immagini di riaffiorare nella mia memoria.
Avevo sempre adorato passare ore e ore nelle librerie, sfogliando i libri che più mi attiravano oppure cercando un regalo particolare da donare ad un amico.
Quando studiavo negli Stati Uniti, avevo scoperto che a Boston c’erano diverse librerie dove si poteva comodamente rimanere a leggere per ore: nessuno ti importunava chiedendoti se necessitassi qualcosa di specifico. A volte ci restavo per interi pomeriggi e così avevo finito per fare amicizia con le persone che vi lavoravano. Anche in seguito, viaggiando attraverso i continenti, avevo mantenuto l’abitudine di visitare, in ogni città, le sue librerie. Ne avevo conosciute di stupende anche in Gran Bretania, luoghi dove regnava un silenzio spettrale e le luci erano sempre troppo fioche e non ti permettevano di sprofondare in lunghe letture o c’era sempre il rischio di addormentarsi, accoccolata in una qualche poltrona.
Tutti in quei luoghi non c’era la stessa atmosfera che si trovava nelle squallide biblioteche pubbliche, dove ogni cosa è riordinata secondo uno schema preciso e tutto è catalogato. Persino l’odore non è lo stesso. Ma forse anche questa è solo una mia sensazione poiché prediligo l’antico, il vetusto, lo strano, il particolare.
Chiudo gli occhi nuovamente ma questa volta le memorie sono piacevoli e mi sento trasportata indietro nel tempo di qualche decennio.
Quando li riapro, vedo davanti al mio sguardo la figura vestita di nero che mi guarda con occhi sognanti: Joshua.
“Ho ritrovato il volume dove l’avevo lasciato la scorsa settimana! Madame Favre, la proprietaria di questo salotto, ci porterà il tè con dei biscotti di mandorle e miele – poi mi sorride mostrando nuovamente quelle due deliziose fossette ai lati del viso – non hanno i cantucci con il Vinsanto. Sono mortificato.”
Fra le mani tiene un grosso libro di pelle nera, rilegato e con fasce dorate incise in rilievo; strani ghirigori in metallo brillante ornano il volume.

Incuriosita, osservo le mani dell’uomo che accarezzano la pelle del libro con una delicatezza indescrivibile. Mentalmente ne percepisco il tocco e mi sento stringere lo stomaco in una strana morsa.
“E’ molto vecchio, racchiude grandi misteri che sono restati occultati nei secoli.” Nuovamente sorride e i suoi occhi brillano alla luce delle candele, provo una punta di timore e la stranissima sensazione inizia a dilatarsi come cristalli d’ambra lasciati alla luce intensa del sole. Non rompo la magia di quell’attimo ponendo la domanda che mi brucia nella mente, sono sicura che sarà qualcosa di speciale. Così è fatto lui… e ogni altra volta che ha voluto sorprendermi mi ha sempre lasciato sgomenta.
La sua voce mi accarezza e seduce conducendomi lungo un passato ricolmo d’incantesimi che si assottigliano come aghi per infine penetrare la mia carne. Ogni tanto i suoi occhi si sollevano dalle pagine per fissarmi, come volesse rilevare l’enfasi di ciò che sta leggendo: uno sguardo pieno di mistero che mi sfiora portando la mia pelle a provare conturbanti sensazioni. La sua bocca sussurra talune parole, respirate e poi per una frazione di secondo smorzate a mezz’aria nella traballante luce del candelabro. Forse è la bellezza di questa lingua che riesce a tessere emozioni di sensualità e dolcezza infinite, forse è la passione pura che traspare da ogni gesto dell’uomo, forse è unicamente il bisogno imprescindibile della mia Natura costretta a ricercare le sue tracce d’Anima.
E’ difficile poter raccontare ogni impercettibile emozione che sfiora la più profonda intimità. Avvolta dalla carezza della sua voce, scivolo lentamente lungo quei fili di cristallo che conducono l’Essere a vibrare con un desiderio d’appartenenza. La mia mente corre seguendo la trama della storia, soffermandosi a ogni pausa per riprendere fiato mentre Joshua, deliziato, si accorge del mio stato d’animo.
“Sapevo che avresti amato questo testo… è come se fosse stato scritto per te, per la tua natura, per la tua Ricerca! Sapevo… so… ti conosco da sempre… e sono immensamente felice che tu sia qui, con me, a condividere questa magica seduzione di parole.”
“Joshua – cerco di rispondere, ma la mia voce è carica di trepidazione e nuovamente, a fatica, riesco a trattenere il pianto – ti prego, non interrompere la lettura… continua, seduci la mia Anima come stai facendo! Je t’adore… oui, s’il te plaît, continue à lire.”
Mi sorride ma richiude il libro e lo posa sulla bassa tavola sopra la quale il nostro tè già si è raffreddato. Si avvicina con un movimento lento, dapprima percepisco il suo odore che mi ricorda i boschi dell’India del sud, poi è il suo calore che incontra le mie mani e il mio viso. In sottofondo le melodie orientaleggianti di Loreena McKennith riempiono ogni mio senso: il respiro è accelerato dalle pulsazioni del cuore che sembra voglia scoppiarmi nel petto.
Poi le mani di Joshua prendono le mie spalle, non riesco a sostenere a lungo il suo sguardo e quindi chiudo gli occhi. Con la leggerezza d’un battito d’ali i suoi capelli sfiorano i mio viso mentre percepisco le sue labbra sul collo; sono calde ed umide, mi sfiorano la vena giugulare per poi morbidamente afferrare la pelle della nuca.
Tutto si trasforma, mentre col pensiero corro oltre quel luogo di magia che profuma d’inchiostro e antico. Non c’è più la piccola strada, non esistono più i bistrots affollati di persone vocianti e di risa allegre, non vi è più ombra dello stridere delle auto lungo i boulevards di Saint German des Près.
Mi ritrovo abbracciata a Joshua nella navata centrale della Notre-Dame, poi lungo il deambulatorio, mentre lui mi racconta la storia di quel maestoso tempio di venerazione costruito sulle vestigia di un tempio pagano dedicato a Giove risalenti al III secolo. La luce che s’infrange sulle vetrate dell’abside, proietta il suo caleidoscopio multicolore creando un’atmosfera da sogno. Joshua rievoca la sua vera storia… come se solo lui conoscesse l’esistenza e la ragione della sua costruzione.
Poi, nel confidarmi quel segreto in quel luogo di magia, mi aveva baciato facendomi percepire ogni molecola del mio corpo come poche volte mi era accaduto.
In quella cattedrale, nel mezzo della Senna sull’île de la Cité, avrei lasciato una traccia indelebile che, segretamente, custodisco tutt’ora nel mio cuore.

(c) Claudine Giovannoni

Memories * Memorie

(excerpt from my novel Mists on the Moor – Nebbie nella Brughiera)

The water flows. With it time, which only leaves traces on my body, in my spirit. While indelible memories re-emerge in the dreams of the night that is always too long. The long walks along the sea where the waves carry to the beach the tiny shells with such strange shapes… We were dreaming for hours, looking at the infinite blue and the whitish edges of vigorous waves that crashed against the coral reef. Even now, it seems to me that everything followed a precise pattern: you and me in an earthly paradise. Our Eden, discovered by chance during a sailing trip.
You always filled me with sweetness, you shaped me with your infinite tenderness… and I drowned in the green of your cat eyes.
– Who are you? – you always wanted to joke when you asked me seriously. Your mind was always racing too fast, like when you maxed out the sails and took the peak waves. You liked the sea. You compared me to your sea that you discovered inch by inch, while with trembling hands you walked the inlets of my body to reach your forbidden beach.
You were like the undertow, in the full moon, when love took on the contours of your big body on which the moon was reflected in silver flashes. You appeared immense to me, and I was so small and fragile. But you were sweet. From the taste of the sea, a taste of salt that stopped at the sides of the mouth, on the moist and warm lips that were waiting for you palpitating.
– Where will you go one day when you get tired of the sea? – you always wanted to dream. Unaware that I always adore the sea, as I adore the sky, and the earth, as well as I cannot live without fire.
The same fire I feel inside, just thinking about those moments, the green of the prairies reflected in your loving gaze. We returned several times to that beach, we knew that it took so little to be able to be together in heaven, on earth and in the sea. You were beautiful, charming… then when I adjusted your uniform’s tie, you always teased me: – Look, I’m in control of you, from here. You don’t have many passengers today and I, don’t forget, I’m always your superior! –
Feelings shared at ten thousand meters, as speed blunted the distances between continents and new frontiers opened up before us. It was love. A feeling of pure madness. Both were aware that everything was like a dream. Like the New Year in Hong Kong and the honeymoon in Sydney… while the water flowed and with it the time.
– Will you love me for eternity? – you asked in a voice broken by emotion, squeezing me tightly against your body. I remember the softness of your raven hair, while with my fingers I played with your nape with lips that sought yours.
– Until death separates us – I remember having answered you…

Italian translation

Scorre l’acqua. Con essa il tempo, che solo lascia tracce sul mio corpo, nel mio spirito. Mentre i ricordi, indelebili riemergono nei sogni della notte sempre troppo lunga.Ricordi? Le lunghe passeggiate lungo il mare dove le onde portano sulla spiaggia le minuscole conchiglie dalle forme così strane…Stavamo per ore a sognare, guardando l’azzurro infinito ed i bordi biancastri d’onde vigorose che s’infrangevano contro la barriera corallina. Anche ora mi sembra che tutto seguiva un disegno preciso: io e te in un paradiso terrestre. Il nostro Eden, scoperto per caso durante una gita in barca a vela.
Mi hai sempre riempita di dolcezze, mi hai plasmata con la tua tenerezza infinita… ed io affogavo nel verde dei tuoi occhi da gatto.
– Chi sei? – avevi sempre voglia di scherzare, quando con serietà me lo chiedevi. La tua mente correva sempre troppo veloce, come quando tiravi al massimo le scotte e prendevi le onde di punta. Ti piaceva il mare. Mi paragonavi al tuo mare che scoprivi centimetro dopo centimetro, mentre con mani tremanti percorrevi le insenature del mio corpo per raggiungere la tua spiaggia proibita.
Eri come la risacca, nel plenilunio, quando l’amore assumeva i contorni del tuo grande corpo sul quale la luna si rifletteva in guizzi argentei. Mi apparivi immenso, ed io così piccola e fragile. Ma eri dolce. Dal sapore di mare, gusto di sale che si fermava ai lati della bocca, sulle labbra umide e calde che ti attendevano palpitando.
– Dove andrai, un giorno, quando ti sarai stancata del mare? – avevi sempre voglia di sognare. Ignaro che io adoro sempre il mare, come adoro il cielo, e la terra, come pure non posso vivere senza il fuoco.
Lo stesso fuoco che provo dentro, al solo pensare a quei momenti, al verde delle praterie riflesse nel tuo sguardo innamorato. Siamo ritornati diverse volte su quella spiaggia, sapevamo che bastava così poco per riuscire a stare insieme in cielo, sulla terra e nel mare. Eri bellissimo, affascinante… quando poi aggiustavo la tua cravatta dell’uniforme sempre mi prendevi in giro: – Guarda che ti controllo, da qui. Oggi non hai molti passeggeri ed io, non scordarlo, sono sempre il tuo superiore! –
Sentimenti condivisi a diecimila metri, mentre la velocità smorzava le distanze tra i continenti e nuove frontiere si aprivano davanti a noi.Era amore. Un sentimento di pura follia. Entrambi consapevoli che tutto era come in un sogno. Come il capodanno ad Hong Kong e la luna di miele a Sidney… mentre l’acqua scorreva e con essa il tempo.
– Mi amerai per l’eternità? – chiedevi con voce rotta dall’emozione stringendomi forte contro il tuo corpo. Ricordo il morbido dei tuoi capelli corvini, mentre con le dita giocavo con la tua nuca con labbra che cercavano le tue.
– Fino a che la morte non ci separerà – ricordo d’averti risposto…

Tito Bassi: trilogy “El Molino del OSo”

Tito Bassi: la trilogia “El Molino del OSo”

     

.

Read about the author who lives in Guatemala City

.

My review – la mia recensione

It all began a long time ago… in a quiet area of Insubria, what is today commonly called Canton Ticino.
Perhaps the villagers had first noticed Otto, a cute bulldog who was walking his extravagant and limping owner.
Yet the latter, elegantly dressed in the same soft colors, would eventually become an integral part of the mysterious legend of the mill abounded and the macabre assassin Lanius collurio.
Antonio Ferrari had known him not so much by chance, given that fate weaves his plots well back in time; and it is no coincidence that I could believe that if Antonio had not been there, José Hutchinson (this was the name of the newcomer) would not have endured the tragic events recounted in the first part of the novel “El Molino del Oso I”.

(read the full review at this link)

…oOo…

Tutto ebbe inizio molto tempo fa… in una zona tranquilla dell’Insubria, ancor oggi comunemente chiamata Canton Ticino.
Forse gli abitanti del villaggio avevano all’inizio notato Otto, un simpatico bulldog che camminava con il suo stravagante e zoppicante proprietario.
Eppure quest’ultimo, elegantemente vestito sempre con gli stessi
tenui colori , alla fine sarebbe diventato parte integrante della misteriosa leggenda del mulino abbandonato e della macabra assassina Lanius collurio.
Antonio Ferrari lo aveva conosciuto non tanto per caso, dato che il destino tesse le sue trame ben addietro nel tempo; e sempre non a caso potrei credere che se Antonio non fosse stato lì, José Hutchinson (questo era il nome del nuovo arrivato) non avrebbe sopportato i tragici eventi raccontati nella prima parte del romanzo “El Molino del Oso I” 

(leggi la recensione completa al seguente link)

.

Los devoradores de Mazapán * Mario Chavarría Gonzáles

Los_Devoradores_de_marzapan

Los devoradores de mazapán  *  Mario Chavarría Gonzáles

(con le illustrazioni di Ruth Angulo) Carvajal Educación S.A.                              Literatura infanttil – Novela Guatemalteca
Editorial Norma – Ciudad de Guatemala , agosto 2013
ISBN 978-9929-42-031-1

 

 

I was myself immersed together with Ximena in the bowels and labyrinths of the old Capital of Guatemala: La Antigua, in search of the “Book of Answers”.

I found a delicate, and gentle reading, though I had to emphasize (and then look for) many words that, since I am not Catalan mother tongue, allowed me to increase my vocabulary. The style used by the author Mario Chavarría González is particular: a mixture of real facts with other imaginative and again others that leave you with so many questions. The choice of the name for the young protagonist, Ximena, whose Jewish meaning is “the one who listens to voices”, makes it clear from the beginning of the narrative that the keys for the reading of the novel can be multiple. The story setting is in Guatemala, the year 1954, which reports to real chronicle. It was the period of the Cold War where the US had its own commercial interests to protect and each pretending shadow or threat of “communist-wire” was to be overthrown… Even though the US considered Guatemala “the Banana’s Republic where their financial interests were huge! This is the period of pressure of the FAN (National Anti-Communist Front), during which many intellectuals but also simple academics, were forced to flee the country to avoid persecution under banal pretexts. The narrative plot thus appears related to facts that have actually happened or are likely to be possible; and the subject firmly holds the reader on the thread of doubt, up to the last page. After her husband’s escape from Guatemala City, Ángela with her daughter Ximena reaches her father Don Jesús in the great house at La Antigua, the old capital of Guatemala. The grandfather, nicknamed by Ximena Tata Chuz, shares with her young granddaughter the great passion for literature. In the enormous “jaulón” (whose translation was problematic), the girl, not by chance, begins to discover some secrets that she will share with Fermín and Mariana, two young friends met during her stay. However, between the pages of Jules Verne and Emilio Salgari, in the library of Grandfather Tata Chuz, are hiding mysterious attendees that initially frighten the young Ximena. Anchored to the ancient Mayan legends, there are the “Duendes chapín” (or Guatemalan follies), the “Aluxes” that protect the countryside and the crops (milpas). Doña Jacinta, a servant at Don Jesús, seems to be very knowledgeable but as well not willing to reveal the truth to Ximena… and not by chance, she was preparing the honey jars just to “stay friends” with these strange appearances in the jaulón! However, Zair, Zaqueo, and Alux, during the night disturbed Ximena’s sleep by rubbing her marzipan sweets. The story continues with the tricks that force young Ximena to make decisions that will also involve Tata Chuz, her grandfather and thus, discover other unpleasant and well-kept mysteries.

The author’s narrative power transports us into the magical world of childhood dreams where every conceivable conjecture takes over, moving us into a parallel world of shared paradigms where the purity of the young soul who is not yet corrupted by the “system” above, allows us to identify ourselves in symbolic, healthy and usable values. I shall confess that I loved the tales of Jules Verne and Emilio Salgari: in the 1960s and 70s, they opened me to wonderful worlds as for their authors, using only the strength of the imagination. Strength I found in the tale of “Los devoradores de mazapán”, a lovely novel to share with kids but as well with adults still young in their soul!

 

…oOo…

Mi sono immersa con Ximena nelle viscere e labirinti della vecchia capitale del Guatemala La Antigua, alla ricerca del “Libro delle Risposte”.
Ho scoperto un acconto delicato, di lettura amena, anche se ho dovuto sottolineare (e poi cercare) tante parole che, non essendo di lingua madre catalana, mi hanno permesso d’accrescere il mio vocabolario.
Lo stile utilizzato dall’autore Mario Chavarría González è particolare: una mescolanza di fatti reali ad altri fantasiosi e altri ancora che ti lasciano con tanti interrogativi.
La scelta del nome per la giovane protagonista, Ximena il cui significato ebraico è “quella che ascolta le voci”, lascia intendere fin dall’inizio della narrazione che le chiavi di lettura del romanzo possono essere molteplici.
L’ambientazione nella Guatemala del 1954, riporta a fatti di cronaca reali. Era il periodo della Guerra Fredda dove gli USA avevano i propri interessi commerciali da protegger e ogni pretesta ombra o minaccia “filo-comunista” doveva essere debellata… Seppure gli USA consideravano il Guatemala in modo spregiativo la “Repubblica delle Banane”, lì i loro interessi finanziari erano ingenti!
Questo è il periodo di pressione del FAN (Fronte Anticomunista Nazionale)), durante il quale molti intellettuali ma anche semplici accademici, erano stati obbligati a fuggire dal paese per evitare persecuzioni sotto banali pretesti.
La trama narrativa appare quindi essere legata a fatti realmente accaduti o quantomeno verosimilmente possibili; e l’argomento trattiene saldamente il lettore sul filo del dubbio, fino all’ultima pagina.
A seguito della fuga del marito da Guatemala City, Ángela con la figlia Ximena, raggiungo il nonno materno Don Jesús nella grande casa a La Antinua, la vecchia capitale del Guatemala.
Il nonno, sopranominato da Ximena Tata Chuz, condivide con la giovane nipote la grande passione per la letteratura. Nell’enorme “jaulón” (la cui traduzione mi è stata probematica), la ragazza, non proprio per casualità, inizia a scoprire alcuni segreti che condividerà con Fermín e Mariana, due giovani amici incontrati durante il suo soggiorno.
Ma tra le pagine di Jules Verne ed Emilio Salgari, nella biblioteca del nonno Tata Chuz, si nascondono misteriose presenze che inizialmente spaventano la giovavne Ximena.
Ancorate alle antiche leggende maya, riprendono vita i “Duendes chapín” (folletti guatemaltechi), gli “Aluxes” che proteggono la campagna ed i raccolti (milpas)… e doña Jacinta, una serva a servizio di Don Jesús, sembra essere molto ben informata ma molto restia a svelare la verità a Ximena… e non a caso lei stessa preparava dei vasetti di miele proprio per “tenersi amici” queste strane presenze del jaulón!
Ma Zair, Zaqueo e Alux durante la notte, disturbavano il sonno di Ximena rubandole i dolcetti di marzapane. La storia continua tra traversie che obbligano la giovane Ximena a prendere delle decisioni che coinvolgeranno anche Tata Chuz, suo nonno e così scoprire altri misteri sgradevoli.

La forza narrativa dell’autore ci trasporta nel mondo magico dei sogni d’infanzia dove ogni possibile congettura prende il sopravento, trasportandoci in un mondo parallelo fatto di paradigmi condivisibili laddove purezza d’animo del giovane non ancora corrotto dal “sistema” sovrastante, ci permette di identificarci in valori simbolici sani e fruibili.
Premetto che ho amato i racconti di Jules Verne e di Emilio Salgari: negli anni 60 e 70 mi hanno aperto a mondi stupendi, come per i loro autori, utilizzando unicamente la forza dell’immaginazione. Forza che ho ritrovato nel racconto di “Los devoradores de mazapán”, un romanzo davvero bello da condividere con i giovani ma anche con gli adulti ancora giovani nel loro spirito!

La libélula mecánica y el averiguador * Arturo Monterroso

ISBN 978-9929-42-210-0

Ten years have passed and Isabel and Inés have grown up: do you remember the young protagonists of the novel La Mosca Dragon?
Arturo Monterroso brings us back to Guatemala, still full of political strokes, bloody attacks where drug traffickers, soldiers and those who make little money, say how to run terror.
This time, the protagonist is something that resembles a small insect that looks a lot like Maruca and Enriqueta’s Dragonfly in Tecpán: its code name is Rx566SL-REAPER.

There are a thousand possibilities where even the most trivial situation might be the cause of a shootout; but following the intimidation that happened that night, Antonio, father of Inés and Isabel, decides to bring his wife Nina and his daughters for some time to Gertrudis, a relative of theirs.
A week after having moved to Aunt Gertrudis’ house, Antonio and his family were invited to lunch at San Lucas in the house of the engineer lquijay, and this is where the Rx566SL-REAPER appears during a walk in the garden of the villa.
Young engineer Manuel, Inés and Isabel’s friend, will be a valuable ally in finding out how it is made and what it is, by means of an electronic scanning microscope.

The pungent irony of the author takes shape in the conversations of the characters where the raw Guatemaltecan reality of each day (and of many other countries) is defused. On the one hand, pretenses for shooting during the festivities of a thousand different Saints, on the other hand, he is able to ridicule those who must support foreign technology by possessing a cell phone.
Moreover, the improvised investigator Don Ramiro, well personify sarcasm when he speaks to his young helper Amadeo. A hit man commissioned Don Ramiro to find Adelaida Prado, while Inés and Isabel are as well on Adelaida’s traces.
The young anthropologist Adelaida, kept hidden by Maruca and Enriqueta in Tecpán in the novel of the La Mosca Dragon, returned after years of political asylum in Mexico, in fact, she was not a subversive, but was only guilty of not having accepted the advances of Cifuentes Ortiga. Nevertheless, why are they looking for her again?
Then, the characters are intertwined: from American Zachary Collum, a gringo veteran, who has to leave his dog Henry in custody to someone before leaving for the United States. The poor black dog passes from hand-to-hand to finish with those of David Garrett (not the famous violinist), manager of the Jaguar Nook Restaurant, which then leaves him to Antonio, who finds himself as animal rights activist almost by accident.
In the story does not go unnoticed the D2 intrigues, the Guatemalan FBI, and the dirty chores of General Cifuentes that eventually die and no one knows who murdered him.
But the final remains a question, why would Rx566SL-REAPER be recovered? And who had driven it and with what purpose? And if it was Alfredo Nottembaum, Carlos Lahsen’s partner, and Luisa’s father-in-law? He had been funding the putsch in 1989… and he’s portrayed in the photograph of the conservative members of the Coffee Club along with Carlos!
A novel to read by keeping the breath, written with sincerity and humor, in which true human values are reported as opposed to violence and crime.
I like Monterroso’s style of naivety, as if it were his inner child to dictate words, knowing how to describe a variety of situations while maintaining a candid, though meticulous, language until the last detail.
Even this novel is suitable as well for a young audience, I also recommend it for educational purposes as it (unfortunately) deals with situations that are always up to date… everywhere on this planet!

…oOo…

Sono trascorsi una decina d’anni e Isabel e Inés sono ormai cresciute: ve le ricordate le giovani protagoniste del romanzo La Mosca Dragon?
Arturo Monterroso ci riporta alla Guatemala di sempre, ricca di colpi di scena politici, di attentati sanguinosi dove i narcotrafficanti, i militari e quelli che fan soldi in malo modo, la san lunga sul come far scorrere terrore.
Questa volta, il protagonista è un qualcosa che ha l’aspetto di un piccolo insetto che assomiglia parecchio alla Mosca Dragón di Maruca e Enriqueta a Tecpán: il suo nome in codice è Rx566SL-REAPER.

Sono mille le possibilità dove anche la più banale situazione potrebbe essere ragione di una sparatoria; ma a seguito delle intimidazioni accadute quella notte, Antonio, papà di Inés e Isabel, decide di portare la moglie Nina e le figlie per qualche tempo da Gertrudis una loro parente.
Una settimana dopo essersi trasferiti da zia Gertrudis, Antonio e famiglia sono invitati a pranzo a San Lucas nella casa dell’ingegnere lquijay, ed è qui che durante una passeggiata nel giardino della villa appare la Rx566SL-REAPER.
Il giovane ingegnere Manuel, amico di Inés e Isabel, sarà un prezioso alleato nel riuscire a scoprire come è fatto e a cosa serve, per mezzo di un è un microscopio elettronico a scansione.

L’ironia pungente dell’autore prende corpo nei colloqui dei personaggi dove viene sdrammatizzata la cruda realtà guatemalteca (e di molti altri paesi) di ogni giorno. Da una parte i pretesti per i festeggiamenti di mille diversi santi, dall’altra il saper ridicolizzare chi deve per forza sostenere la tecnologia straniera possedendo un cellulare.
E il sarcasmo è ben personificato da Don Ramiro, improvvisato investigatore, quando si rivolge a Amadeo il suo giovane aiutante. Don Ramiro è stato incaricato da un sicario di ritrovare Adelaida Prado, mentre sulle tracce di Adelaida si sono messe anche Inés e Isabel…
La giovane antropologa Adelaida, tenuta nascosta da Maruca e Enriqueta a Tecpán nella storia La Mosca Dragon, ritornata dopo anni di asilo politico in Messico, in verità non era una sovversiva, ma era solo colpevole di non aver accettato le avances di Cifuentes Ortiga. Ma perché ora la stanno di nuovo cercando?

Poi i personaggi si intrecciano: dall’americano Zachary Collum, un gringo veterano, che deve lasciare il suo cane Henry in custodia a qualcuno prima di partire per gli Stati Uniti. Il povero cane nero passa di mano in mano per finire in quelle di David Garrett (non il famoso violinista), gestore del Ristorante Jaguar Nook, che lo lascia poi ad un Antonio ritrovatosi animalista quasi per caso.
Nella storia non passano inosservati gli intrighi con la D2, l’FBI guatemalteca, e le sporche faccende del generale Cifuentes che alla fine ci lascia le penne, non si sa bene da chi assassinato.

Ma al finale resta un dubbio, perché Rx566SL-REAPER doveva essere recuperata? E chi l’aveva azionata e con quale scopo? E se fosse stato Alfredo Nottembaum, il socio di Carlos Lahsen e suocero di Luisa? Era stato lui a finanziare il Colpo di Stato nel 1989… e lui è ritratto nella fotografia dei membri conservatori del Coffee Club assieme a Carlos!

Un romanzo da leggere trattenendo il fiato, scritto con sincerità ed umorismo, nel quale sono riportati i veri valori umani in contrapposizione alla violenza e criminalità.
Mi piace lo stile di Monterroso per l’ingenuità, quasi fosse il suo bambino interiore a dettare le parole, nel saper descrivere svariate situazioni mantenendo un linguaggio candido sebbene minuzioso fino all’ultimo dettaglio.
Anche questo romanzo è adatto ad un pubblico giovane e adulto, lo raccomando anche a scopo didattico in quanto tratta di situazioni sempre attualissime… ogni dove su questo pianeta!

 

You still have time… * Hai ancora tempo…

.
Per chi non avesse ancora conosciuto Chrysalis e Joshua… per fr./euro 28.- vi spedisco a casa vostra il romanzo, impachettato con carta-regalo!
Inserite i vostri dati personali al link soprastante e un’eventuale richiesta di dedica, il romanzo vi sarà inviato entro le 24 ore.
.
cover6
 And for those who had not yet met Chrysalis and Joshua… you may order the English version of the novel on Amazon
or you may receive it directly from the publisher:
.
Copertina_Inglese_The_Annwyn's_Secret
.
.

20 Questions with Claudine Giovannoni

Claudine, interviewed by Don Massenzio

Author Don Massenzio

Today we sit down with author Claudine Giovannoni.  She is going to tell us about her inspiration and work.

Please enjoy this edition of 20 Questions:


claudine-giovannoniQ1) When did you first realize you wanted to be a writer?

I loved to intrigue people with my stories since I was able to speak… I always kept a diary and when I started flying around for work, I used to write down many things from my feeling, the countries I visited, the people I met, about their habits… albeit some funny and some sad stories.

Q2) How long does it typically take you to write a book?

A couple of years. I am never in a hurry, and the ideas have to first ripen… priorities are my kids and family, my cats… I am morally involved protecting fauna and flora (my husband is the World Wildlife Foundation – WWF president in southern…

View original post 1,218 more words

Tito Bassi: El estuario de la memoria

El_Estuario_de_la_memoria

El estuario de la memoria

di Tito Bassi
Editorial Vitela Seviglia – España
ISBN:   978-84-944659-0-1
prezzo  30.-  €

here you may order * aquí se puede ordenar

Bajo el luminoso título de El estuario de la memoria Tito Bassi publica sus recuerdos, los de un hombre de acción que supo hacerse a sí mismo, que descendió de las nevadas cumbres de los Alpes a la indómita selva guatemalteca, que habló italiano y alemán, pero acabó escribiendo en la lengua castellana, como nacido en Coactemalan, y que pese a percances, desacirtos u obstáculos, no abandona una cálida y gozosa mirada sobre el tiempo que ha vivido.

(Jaime Galbarro García)

book_presentation_sevilla_

Il 3 ottobre 2016, ha avuto luogo la presentazione di questo nuovo romanzo di Tito Bassi, a cura di Manuel Merinero Villagrasa a Sevilla presso il “Circulo Mercantil e Industrial de Sevilla”. Estratto della presenzazione sul blog Editorial Vitela.

titomanuel
L’autore Tito Bassi con il prof. Manuel Merinero Villagrasa a La Antingua – Guatemala.

Tito Bassi: a writer of visceral emotions * scrittore d’emozioni viscerali

T

.

.

El jueves 24 de septiembre de 2015, a las 20:00 tendrá lugar en Sevilla en el pabellón de Guatemala de la Exposición Universal de 1929, la presentación del libro El Molino del Oso de Tito Bassi, a cargo de Manuel Merinero Villagrasa y Jaime Galbarro García.
El escritor Tito Bassi, oriundo de la Suiza italiana, pero afincado en Guatemala desde hace más de cuatro décadas, es autor de varios libros, entre los que destacan De antiquae Insubrum a Coactemalan, seguido de un segundo volumen, De Insubria a Guatemala, ambos con ediciones en italiano y El Molino del Oso. Este último, publicado en Guatemala en 2014, fue su primera novela y ahora ve de nuevo la luz en España a cargo de la Editorial Vitela. En él, Tito Bassi noveliza una parte de sus memorias en la Insubria natal, un territorio histórico a caballo entre Suiza e Italia. A raíz de la leyenda de un molino abandonado, pero recuperado por un rico pintor norteamericano, el escritor va desgranando una historia en la que el lujo, el amor y la muerte serpentean, con un misterioso alcaudón de fondo.

Lee mi reseña!

…oOo…

On Thursday September 24, 2015, at 20:00 will take place in Seville in the Guatemalan pavilion of the Universal Exhibition of 1929, the presentation of the book El Molino del Oso, by Tito Bassi, presenter: Manuel Merinero Villagrasa e Jaime Galbarro Garcia.
The writer Tito Bassi, a native of Italian Switzerland, but living in Guatemala for more than four decades, is the author of several books, among them De antiquae Insubrum to Coactemalan, followed by a second volume De Insubria a Guatemala, both with editions in Italian languages and El Molino del Oso. The latter, published in Guatemala in 2014, was his first novel and now sees the light again in Spain by Editorial Vellum. In it, Tito Bassi relate part of his memories from the native Insubria, a historical territory halfway between Switzerland and Italy. Following the legend of an abandoned mill, in a second time recovered by a rich American painter, the writer pinpoints a story in which luxury, love and death are snaking with a mysterious Killer Shrike in the background.

Read my review!

…oOo…

Giovedì 24 Settembre 2015, alle ore 20:00 si terrà a Siviglia nel padiglione guatemalteco dell’Esposizione Universale del 1929, la presentazione del romanzo El Molino del Oso di Tito Bassi, con la partecipazione di Manuel Merinero Villagrasa e Jaime Galbarro Garcia.
Lo scrittore Tito Bassi, originario della Svizzera Italiana, ma che vive in Guatemala da più di quattro decenni, è autore di diversi libri, tra i quali De antiquae Insubrum a Coactemalan, seguito da un secondo volume De Insubria a Guatemala, entrambi con con edizioni in lungua italiano e El Molino del Oso. Quest’ultimo, pubblicato in Guatemala nel 2014, è il suo primo romanzo e viene
ora ripresentato in Spagna dal Editorial Velina. Nel romanzo, Tito Bassi trascrive parte dei suoi ricordi dell’Insubria natia, un territorio storico a metà strada tra la Svizzera e l’Italia. Alle radici della leggenda di un mulino abbandonato, ma recuperato da un ricco pittore americano, lo scrittore narra una storia nella quale serpeggiano il lusso, l’amore e la morte, con sullo uno sfondo una misteriosa piccola averla assassina.

Leggi la mia recensione!

.

.

Tito Bassi: a writer of visceral emotions * scrittore d’emozioni viscerali

Tito Bassi

I was not even twenty when I first met Tito: he was a fascinating person, singular and unreachable. Or at least if I considered all the stories and rumors going around about him! He was emanating a strange aura, his smile was captivating, and his strange accent made me smile.

I saw him again on an island in the Caribbean Sea, a few years later. A meeting unfortunately superficial, of which I vaguely remember the thrill and embarrassment. For a misfortune, not necessarily coincidental, ten years later a planned trip from Mexico to Guatemala, had been canceled at the last moment. Then the contacts became sparse. Remained, however, the memory and the curiosity to know what had become of the Guatemalan“, as my dad called him.

But fate weaves its plots without ever asking the actors for permission! When I found myself with his first book in my hands, in the presence of the publisher with whom I published as well, I felt relieved. Tito was still alive and well… who doesn’t die, we review! So, reading with curiosity and fun, I started to know Tito. The real one.

His style of writing is direct, raw and without frills and can sometimes leave the reader stunned. Yet in his autobiography (still tied to his homeland) are not overlooked the details, told with great sincerity and meticulousness.

Perhaps out of modesty or confidentiality, the author admits to have left out names, but many cliches bring the reader to the reality of the author childhood to adulthood. If I liked to go back in time through Insubria northward part I and II  ,   El Mulino del oso  gave me a moment of relaxation and escape. These three novels that I believe strictly selfbiographical , allow us to take part even viscerally to the writer’s emotions. The narrator goes from the action and sharing of real events to the moral considerations more linked to a deep analysis, not to mention a healthy dose of sarcasm.

But what I hoped, even after reading Insubria northward part I  and  Insubria northward part II, was a continuation .. I wanted a confession of what the author, left the homeland, had found over the ocean! These are the stories of expatriates looking for a dream“, a chimera that had transported them along treacherous paths, most often toward a fate that did not provide a return on their steps. These are the stories shared by our ancestors at the end of 800, but it is a reality still strongly present novadays.

Wherever there are people who seek a better life, perhaps aspiring to wealth or even the desire to find “their” place in the Universe. I wanted to know the Guatemala through Tito’s words and emotions, by his intimate and subjective vision that would have painted the scenery in a unique and personal way.

Reading his unpublished novel Livingston, chapter after chapter, I realized that tenuous thread made of adventure, tying each story and testifying the very nature of the author. I admit that the emotion caught me in the act: between laughter and sadness. With him, as if he were there by my side, I went through the dusty streets savoring the smells and sensations transported by his pen on paper. Is a tiny pearl, which I hope, will be published and translated into several languages.

Maybe Tito ought to have dedicate greater determination to the writing; the narrative verve is congenital and I’m sure there is still much to discover in this man who struggle with honesty, leaving a unique and very special testament for those who want to seize the moment and get carried in a hard and cruel world where every day you have to fight for youself and for dignity. Well, as he reminds us: Good and evil are present and occur spontaneously depending on how you stimulate, you create or tame. Then from you it depends to forge allies real or mythological that accompany you, which create you an image and that basically protect you“.

..o~O~o..

Non avevo ancora compiuto vent’anni quando ho conosciuto Tito: era una persona affascinante, singolare ed irraggiungibile. O almeno se consideravo tutti i racconti e dicerie che giravano sul suo conto! Lui emanava una strana aura, il suo sorriso era accattivante, e il suo strano accento mi faceva sorridere.

Lo rividi su di un’isola nel Mare dei Caraibi, qualche anno più tardi. Un’incontro purtroppo superficiale, del quale ricordo vagamente emozione e imbarazzo. Per una sventura, non necessariamente casuale, una decina d’anni più tardi un programmato viaggio dal Messico fino in Guatemala, era stato disdetto all’ultimo momento. Poi i contatti si son fatti radi. Permaneva però il ricordo e la curiosità di sapere cosa ne fosse stato del “guatemalteco”, come lo chiamava mio padre.

Ma il destino tesse le sue trame senza mai chiedere il permesso agli attori! Quando mi ritrovai tra le mani il suo primo libro, in presenza dell’editore col quale aveva pubblicato pure io, mi sentii risollevata. Tito era ancora vivo e vegeto… chi non muore, si rivede! Così, leggendo con curiosità e divertimento, ho iniziato a conoscere Tito. Quello vero.

Il suo modo di scrivere diretto, crudo e senza troppi fronzoli, a volte può lasciare il lettore basito. Eppure nella sua autobiografia (ancora legata alla sua terra natia) non sono trascurati i dettagli, raccontati con estrema sincerità e meticolosità.

Forse per pudore o riservatezza, l’autore ammette di avere tralasciato dei nomi, ma molti luoghi comuni riportano il lettore alla realtà della sua fanciullezza fino all’età adulta. Se ho apprezzato ritornare nel tempo attraverso “Insubria verso nord I e II”, il  Mulino dell’orso  mi ha regalato un momento di distensione ed evasione. Questi tre romanzi che ritengo prettamente auto biografici, ci permettono di prendere parte in modo anche viscerale alle emozioni dello scrittore. L’io narrante spazia dall’azione e condivisione di fatti realmente accaduti, alle considerazioni morali e più legate ad un’analisi profonda, senza trascurare una buona dose di sarcasmo.

Ma ciò che speravo, già dopo la lettura di  Insubria verso nord I Insubria verso nord II, era un proseguo… desideravo una confessione di ciò che l’autore, partito dalla patria, aveva trovato oltre l’oceano! Queste sono le storie di espatriati alla ricerca di un “sogno”, di una chimera che li aveva trasportati lungo percorsi insidiosi, il più delle volte verso un destino che non prevedeva un ritorno sui propri passi. Sono le storie che accomunano i nostri avi alla fine del ‘800, ma è pur sempre una realtà tutt’ora fortemente presente.

Ovunque ci sono persone che cercano una vita migliore, forse aspirando alla ricchezza o anche solo al desiderio di trovare il “loro” posto nell’Universo. Volevo poter conoscere il Guatemala attraverso le parole ed emozioni di Tito, per mezzo della sua visione intima e soggettiva che avrebbe dipinto lo scenario in modo unico e personale.

Leggendo questo suo romanzo inedito Livingston, capitolo dopo capitolo, ho realizzato che quel sottile filo fatto d’avventura, legava ogni singolo racconto a testimonianza alla stessa natura dell’autore. Ammetto che l’emozione mi ha colta in flagrante: tra ilarità e tristezza. Con lui, quasi fosse lì al mio fianco, ho ripercorso quelle strade polverose assaporando gli odori e sensazioni trasportate dalla sua penna su carta. Una piccola perla, Livingston, che mi auguro, potrà essere pubblicata e tradotta in più lingue.

Forse Tito avrebbe dovuto dedicarsi con maggiore determinazione alla scrittura; la verve narrativa gli è congenita e sono sicura che c’è ancora tanto da scoprire in quest’uomo che lotta con onestà, lasciandoci un testamento unico e davvero speciale per chi vorrà cogliere l’attimo e farsi trasportare in un mondo duro e crudele dove ogni giorno si deve combattere per sé stessi e per la propria dignità. Ebbene, come lui stesso ci ricorda: “Il bene ed il male sono presenti e si manifestano spontaneamente a seconda di come si stimolano, si creano o si domano. Poi da te dipende forgiare gli alleati veri o mitologici che ti accompagnano, che ti creano  un’immagine e che in fondo ti proteggono”.

.

Chrysalis’ young fans * giovani ammiratori di Chrysalis

IMG_0764

 

I wrote this novel especially for them, the young!
I wish I could bring more awareness to our moral obligation towards the planet Earth with a mixture of modern fairy tale and educational romance that deals with the theme of the “journey and the contrast between good and evil.

*

Questo romanzo l’ho scritto specialmente per loro, i giovani!
Desidero poter portare maggiore consapevolezza sul nostro obbligo morale verso il pianeta Terra… con un misto di fiaba moderna e romanzo formativo che tratta il tema del “viaggio” e del contrasto tra bene e male.

 

Il Segreto degli Annwyn * The Annwyn’s Secret

Ancestral memories * memorie ancestrali

siberian shaman  (from the web)

The bulk of the paper work is already done, while editing will be made ​​some changes. Still missing the details’ verification about the music tracks that I have chosen (by tying them to the various chapters), in efforts to contextualize the whole thing even at the “harmonic feelings” and about the translation into Russian 😀 (phrases and dialogues) our musician friend is currently very busy and so I’ll have to show a little patience, which makes my job even more exciting. I entered 4 extracts in the Blog and I’m happy to receive your valuable suggestions and comments!

***

Il grosso del lavoro di scrittura è ormai terminato, durante l’editing sarà apportata qualche modifica. Mancano le verifiche dei dettagli inerenti i brani musicali che ho scelto (legandoli ai vari capitoli) nella finalità di contestualizzare il tutto anche a livello “armonico” e per quanto concerne la traduzione in russo  😀 (di frasi e dialoghi)  il nostro amico musicista attualmente è molto impegnato e quindi dovrò avere un po’ di pazienza, il che rende ancora più emozionante il mio lavoro. Ho inserito 4 estratti nel Blog e sono felice di ricevere i vostri preziosi suggerimenti e commenti!

Grazie sin d’ora…  🙂 claudine

Un   nuovo estratto  dal romanzo Piccoli passi nella Taiga – gli sciamani del Lago Baikal, con traduzione in inglese, cliccare sul link sottostante.

an excerpt from the new novel       Taiga’s Dream * Piccoli passi nella Taiga

Fiona Moira O’Floinn

Fiona Moira O'Floinn

Durante la fase di progettazione e studio per la stesura di un nuovo romanzo, è necessario preparare una sorta di “schema riassuntivo” che prevede pure le schede con le generalità dei protagonisti. Nelle schede, man mano che il racconto prende forma, vengono aggiunti i particolari e dettagli che sono poi riportati fedelmente sulla lavagna magnetica… io non utilizzo programmi PC!

see the link:     Fiona Moira O’Floinn

During the study and design process for the drafting of a new novel, it’s necessary to prepare a “summary diagram” that also provides the cards with the identity of the protagonists. In the cards, as the story takes shape, are added all the details and the specific references which will be reported faithfully on the magnetic board … I do not use PC programs!

The Annwyn’s Secret: soon on ebook & kindle

 

Copertina_modificato_eng

 

http://annwynsecret.wordpress.com

Nunzia Scarponi: her new novel

*

Un nuovo avvincente romanzo dell’autrice di successo Nunzia Scarponi (altre sue opere: Un anno una Vita – Maremmi Editori 2006; Il girasole nero – Il Filo 2006; Per non morire – Il Filo 2008; Cuori di vetro – Edizioni Croce 2009; L’amore quello vero – Centro Studi Tindari Patti 2010)

*

Recensione “Il Segreto degli Annwyn”

CDT_00_2307_023di Eleonora Biondi su Corriere del Ticino 23.7.2013  (cliccare sull’immagine per visualizzare il testo)

Ricordate Michela Salotti, la creatrice di Om e Shanti nel libricino per bambini “I 4 Elementi” ?

Il Cammino della Luce     è il suo nuovo romanzo…  vi lascio il video promozionale!  Buon ascolto…

*

Con Michela avevamo, anni or sono, iniziato una collaborazione che, sfortunatamente, non ha potuto essere continuata come auspicato.  Il nostro lavoro congiunto   I Quattro Elementi   era stato un successo… entrambe siamo dell’avviso che bisogna istruire i propri figli nella consapevolezza delle Verità 🙂 che ci legano a questo meraviglioso Pianeta Terra.   Sono convinta che Il Cammino della Luce sarà per il lettore una sorta di “iniziazione”… Michela con il sostegno dei suoi amici, ha dato vita a una sorta di “trasposizione” che permetterà di comprendere la verità legata al Karma (e alla relativa causa-effetto) che ci obbliga a ritornare nel samsara…

Auguro all’amica Michela un giusto e meritato successo!!!

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 62,823 hits
  • Translate