The challenge of music!

Being able to reach high goals it is a great challenge, especially if you are 13 years old.
Last Sunday in Winterthur, the Strings quartet “Fulmini” did it again: they got a first price with 23/25 points.
We will see them at the final competition in Rheinau next May 5th-8th 2016.

Riuscire a raggiungere obiettivi lungimiranti è una grande sfida, soprattutto se si ha 13 anni.
Domenica scorsa a Winterthur, il quartetto d’archi I Fulmini ce l’ha fatta di nuovo: hanno ottenuto un primo premio con 23/25 punti.
Li vedremo al concorso finale di Rheinau ilprossimo 5-8 Maggio 2016.

 

Antonio, Valentina, Sara Luna, Francesca

 

 

Saturday in Lugano for the violin soloist category, Sara Luna reached a nice 3dt. price (one point away from the 2nd…) but she got some great tips and hints how to reach higher goals in the future.

A Lugano ha avuto luogo la preselezione del Concorso svizzero di musica per i violini solisti e Sara Luna ha ottenuto un terzo premio, ad un punto dal secondo. C’è ancora molto da migliorare… i consigli che ha ricevuto le serviranno per il futuro.

11 Replies to “The challenge of music!”

    1. La musica ha una miriade di valenze… sono certa che condividi! Da noi c’è sempre musica e fin dalla più tenera età, entrambi i nostri figli hanno iniziato a “creare” con essa le loro proprie emozioni. Molto del loro tempo libero lo passano in compagnia di altri piccoli musicisti, crescono nella musica per la musica… Ed è sempre una grande emozione condividere i loro traguardi, consapevoli di quanto hanno dovuto investire per raggiungerli.
      Un mio grande sogno, se un giorno dovessi avere fortuna con la scrittura, è quello di avere una fondazione che possa permettere a bambini meno abbienti di studiare musica. Lo so, sono una sognatrice, ma i sogno vanno forgiati, coltivati, amorevolmente curati…
      Serene feste :-)c

      1. Claudine, è un preziosissimo tesoro per i vostri ragazzi! Spero vivamente (ma davvero) che tu riesca a realizzare questo sogno meraviglioso e permettere l’accesso alla musica a bambini meno fortunati, un bellissimo progetto!

    1. Ogni giorno è un nuovo stimolo! E per loro è molto importante poiché questi piccoli passi li motivano e spingono a dare il massimo del loro potenziale. C’è un incredibile lavoro dietro ciò, anche perché loro non sono dei “bambini prodigio” e non hanno dei genitori costrittivi che li “obbligano” a studiare musica magari rinchiudendoli in una camera.
      Tutti e quattro sono giovani sereni e gioiosi, che giocano, studiano le materie scolastiche, si applicano… ma al posto di perder tempo per le piazze, passano tante sere, sabati e giorni festivi ad esercitarsi… Il Conservatorio è un po’ la loro seconda casa! Serene feste :-)c

    1. How knows, maybe one day you will get the chance to listen live to their music?! Now the conquest still goes on and next May in the Finale in Rheinau, no time to rest… 😉
      Have lovely Easter :-)c

  1. Oggi vi ho pensato come fulmini ma, a ciel sereno, fulmini a ciel sereno, per la vostra giovane età, la musica giovane, insomma i fulmini normali mi portavano sull´apprendista stregone, forse quello del grande Walt Disney o su una musica di quando sarete più maturi. Bravi, bravissimi,Avanti cosí. Grande abbraccio

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: