• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Memories * Memorie

(excerpt from my novel Mists on the Moor – Nebbie nella Brughiera)

The water flows. With it time, which only leaves traces on my body, in my spirit. While indelible memories re-emerge in the dreams of the night that is always too long. The long walks along the sea where the waves carry to the beach the tiny shells with such strange shapes… We were dreaming for hours, looking at the infinite blue and the whitish edges of vigorous waves that crashed against the coral reef. Even now, it seems to me that everything followed a precise pattern: you and me in an earthly paradise. Our Eden, discovered by chance during a sailing trip.
You always filled me with sweetness, you shaped me with your infinite tenderness… and I drowned in the green of your cat eyes.
– Who are you? – you always wanted to joke when you asked me seriously. Your mind was always racing too fast, like when you maxed out the sails and took the peak waves. You liked the sea. You compared me to your sea that you discovered inch by inch, while with trembling hands you walked the inlets of my body to reach your forbidden beach.
You were like the undertow, in the full moon, when love took on the contours of your big body on which the moon was reflected in silver flashes. You appeared immense to me, and I was so small and fragile. But you were sweet. From the taste of the sea, a taste of salt that stopped at the sides of the mouth, on the moist and warm lips that were waiting for you palpitating.
– Where will you go one day when you get tired of the sea? – you always wanted to dream. Unaware that I always adore the sea, as I adore the sky, and the earth, as well as I cannot live without fire.
The same fire I feel inside, just thinking about those moments, the green of the prairies reflected in your loving gaze. We returned several times to that beach, we knew that it took so little to be able to be together in heaven, on earth and in the sea. You were beautiful, charming… then when I adjusted your uniform’s tie, you always teased me: – Look, I’m in control of you, from here. You don’t have many passengers today and I, don’t forget, I’m always your superior! –
Feelings shared at ten thousand meters, as speed blunted the distances between continents and new frontiers opened up before us. It was love. A feeling of pure madness. Both were aware that everything was like a dream. Like the New Year in Hong Kong and the honeymoon in Sydney… while the water flowed and with it the time.
– Will you love me for eternity? – you asked in a voice broken by emotion, squeezing me tightly against your body. I remember the softness of your raven hair, while with my fingers I played with your nape with lips that sought yours.
– Until death separates us – I remember having answered you…

Italian translation

Scorre l’acqua. Con essa il tempo, che solo lascia tracce sul mio corpo, nel mio spirito. Mentre i ricordi, indelebili riemergono nei sogni della notte sempre troppo lunga.Ricordi? Le lunghe passeggiate lungo il mare dove le onde portano sulla spiaggia le minuscole conchiglie dalle forme così strane…Stavamo per ore a sognare, guardando l’azzurro infinito ed i bordi biancastri d’onde vigorose che s’infrangevano contro la barriera corallina. Anche ora mi sembra che tutto seguiva un disegno preciso: io e te in un paradiso terrestre. Il nostro Eden, scoperto per caso durante una gita in barca a vela.
Mi hai sempre riempita di dolcezze, mi hai plasmata con la tua tenerezza infinita… ed io affogavo nel verde dei tuoi occhi da gatto.
– Chi sei? – avevi sempre voglia di scherzare, quando con serietà me lo chiedevi. La tua mente correva sempre troppo veloce, come quando tiravi al massimo le scotte e prendevi le onde di punta. Ti piaceva il mare. Mi paragonavi al tuo mare che scoprivi centimetro dopo centimetro, mentre con mani tremanti percorrevi le insenature del mio corpo per raggiungere la tua spiaggia proibita.
Eri come la risacca, nel plenilunio, quando l’amore assumeva i contorni del tuo grande corpo sul quale la luna si rifletteva in guizzi argentei. Mi apparivi immenso, ed io così piccola e fragile. Ma eri dolce. Dal sapore di mare, gusto di sale che si fermava ai lati della bocca, sulle labbra umide e calde che ti attendevano palpitando.
– Dove andrai, un giorno, quando ti sarai stancata del mare? – avevi sempre voglia di sognare. Ignaro che io adoro sempre il mare, come adoro il cielo, e la terra, come pure non posso vivere senza il fuoco.
Lo stesso fuoco che provo dentro, al solo pensare a quei momenti, al verde delle praterie riflesse nel tuo sguardo innamorato. Siamo ritornati diverse volte su quella spiaggia, sapevamo che bastava così poco per riuscire a stare insieme in cielo, sulla terra e nel mare. Eri bellissimo, affascinante… quando poi aggiustavo la tua cravatta dell’uniforme sempre mi prendevi in giro: – Guarda che ti controllo, da qui. Oggi non hai molti passeggeri ed io, non scordarlo, sono sempre il tuo superiore! –
Sentimenti condivisi a diecimila metri, mentre la velocità smorzava le distanze tra i continenti e nuove frontiere si aprivano davanti a noi.Era amore. Un sentimento di pura follia. Entrambi consapevoli che tutto era come in un sogno. Come il capodanno ad Hong Kong e la luna di miele a Sidney… mentre l’acqua scorreva e con essa il tempo.
– Mi amerai per l’eternità? – chiedevi con voce rotta dall’emozione stringendomi forte contro il tuo corpo. Ricordo il morbido dei tuoi capelli corvini, mentre con le dita giocavo con la tua nuca con labbra che cercavano le tue.
– Fino a che la morte non ci separerà – ricordo d’averti risposto…

La Kitsune (romanzo) di Gian Paolo Marcolongo

La Kitsune

I state that since always I have had a strong connection with Japan and when I read the title of this novel, obviously, I was immediately extremely intrigued.
I know several Japanese legends, learned during the various trips I made between Tokyo, Osaka, and Kyoto. I must also admit that my daughter collects “manga” and “anime” and she has all the animēshon of Hayao Miyazaki, which are also my favorites.
The legend of the Kitsune no yomeiri (nine-tailed fox) is also known outside of Japan; great cleverness and intelligence are attributed to the Kitsune, as well as the ability to take human form to deceive people (in essence she is a shapeshifter).
Marcolongo’s novel recalls ideas from an ancient legend written by the monk Kyoukai between the 8th/9th century, but the author inserts other details with skill and strong suspense, a typical imprint of his particular writer’s style.
In the beautiful story, we find parallelism between an intense love story dating back to 1999 between Klaus and Amanda and that of 2009/2010 between Pietro and Elisa. While Pietro’s introspections sometimes distract us from the plot, making us understand even better the character of the protagonist.
Both stories are set in the same old hut isolated from the rest of the world, on the slopes of Mount Antelao in the Dolomites.
Following the common thread, I immersed myself in the immensity of the forest, stepping on the fragrant moss of wood and wet leaves: I was intrigued, very intrigued.
Behind every fir or larch, it seemed to me that I could see the Fox… but perhaps, the reddish flicker was only a shadow play at sunset when, like swords, the rays crossed the black foliage of the trees.
Marcolongo brings the reader back and forth in time by carrying out an in-depth analysis of the thoughts of Pietro, the main character. His lifestyle choices, disappointed expectations in the work field and uncertain expectations in the emotional field that despite his 35 years, had still kept him a virgin.
It all starts with a strange announcement that appeared in the Gazzettino di Belluno: “two thousand perches of wood on the slopes of Mount Antelao for sale …”

And Pietro’s life takes a definitive turn that will upset his every prognostic, every desirable idea of ​​what is really good for him.
Only towards the end of the story, do the pieces start to fit together and the plot again takes on a clarifying reversal. But nothing in this novel is given to chance since it was Pietro’s destiny to meet the Kitsune and to receive the magical gift that, again, would have changed his life.

© Alexandra Bochkareva

© Alexandra Bochkareva

 

Premetto che da sempre nutro una forte connessione con il Giappone, quando ho letto il titolo di questo romanzo, evidentemente, sono subito stata estremamente incuriosita.
Conosco diverse leggende giapponesi, apprese durante i diversi viaggi che ho fatto tra Tokyo, Osaka, e Kyoto. Devo poi anche ammettere che mia figlia colleziona “manga” e “anime” e ha tutti gli animēshon di Hayao Miyazaki, che sono anche i miei favoriti.
La leggenda della Kitsune no yomeiri (Volpe a nove code) è conosciuta anche fuori dal Giappone; alla Kitsune si attribuisce grande furbizia e intelligenza, nonché la facoltà di prendere sembianze umane per ingannare le persone (in sostanza ella è una mutaforma).
Il romanzo di Marcolongo richiama spunti da un’antica leggenda scritta dal monaco Kyoukai tra il VIII / IX secolo, ma l’autore vi inserisce altri particolari con abilità ed un forte suspense, impronta tipica del suo stile.
Nel bel racconto, ritroviamo un parallelismo tra un’intensa storia d’amore risalente al 1999 tra Klaus e Amanda e quella del 2009/2010 tra Pietro ed Elisa. Mentre le introspezioni di Pietro, a volte, ci distolgono dalla trama facendoci però comprendere ancora meglio il carattere del protagonista.
Entrambe le storie sono ambientate nella stessa vecchia baita isolata dal resto del mondo, sulle pendici del monte Antelao nelle Dolomiti.
Seguendo il filo conduttore, mi sono immersa nell’immensità della foresta calpestando il muschio profumato di legno e foglie bagnate: ero incuriosita, molto incuriosita.
Dietro ogni abete o larice mi sembrava di scorgere la Volpe… ma forse, il guizzo rossastro, era solo un gioco d’ombre al calar del sole quando come spade i raggi attraversavano le nere chiome degli alberi.
Marcolongo riporta il lettore avanti ed indietro nel tempo effettuando un’analisi approfondita dei pensieri di Pietro, il personaggio principale. Le sue scelte di vita, le aspettative deluse nel campo lavorativo e quelle incerte dell’ambito affettivo che malgrado i suoi 35 anni, lo avevano mantenuto ancora vergine.
Tutto inizia da uno strano annuncio apparso su Gazzettino di Belluno: “vendesi duemila pertiche di bosco sulle pendici del monte Antelao…” E la vita di Pietro prende una svolta definitiva che sconvolgerà ogni suo prognostico, ogni sua auspicabile idea di ciò che è veramente buono per lui.
Solo verso il finale della storia, i tasselli iniziano ad incastrarsi e la trama assume nuovamente una ribaltamento chiarificatore. Ma nulla in questo romanzo è dato al caso poiché era destino di Pietro incontrare la Kitsune e di ricevere il magico regalo che, nuovamente, gli avrebbe modificato la vita

Tito Bassi: trilogy “El Molino del OSo”

Tito Bassi: la trilogia “El Molino del OSo”

     

.

Read about the author who lives in Guatemala City

.

My review – la mia recensione

It all began a long time ago… in a quiet area of Insubria, what is today commonly called Canton Ticino.
Perhaps the villagers had first noticed Otto, a cute bulldog who was walking his extravagant and limping owner.
Yet the latter, elegantly dressed in the same soft colors, would eventually become an integral part of the mysterious legend of the mill abounded and the macabre assassin Lanius collurio.
Antonio Ferrari had known him not so much by chance, given that fate weaves his plots well back in time; and it is no coincidence that I could believe that if Antonio had not been there, José Hutchinson (this was the name of the newcomer) would not have endured the tragic events recounted in the first part of the novel “El Molino del Oso I”.

(read the full review at this link)

…oOo…

Tutto ebbe inizio molto tempo fa… in una zona tranquilla dell’Insubria, ancor oggi comunemente chiamata Canton Ticino.
Forse gli abitanti del villaggio avevano all’inizio notato Otto, un simpatico bulldog che camminava con il suo stravagante e zoppicante proprietario.
Eppure quest’ultimo, elegantemente vestito sempre con gli stessi
tenui colori , alla fine sarebbe diventato parte integrante della misteriosa leggenda del mulino abbandonato e della macabra assassina Lanius collurio.
Antonio Ferrari lo aveva conosciuto non tanto per caso, dato che il destino tesse le sue trame ben addietro nel tempo; e sempre non a caso potrei credere che se Antonio non fosse stato lì, José Hutchinson (questo era il nome del nuovo arrivato) non avrebbe sopportato i tragici eventi raccontati nella prima parte del romanzo “El Molino del Oso I” 

(leggi la recensione completa al seguente link)

.

Los devoradores de Mazapán * Mario Chavarría Gonzáles

Los_Devoradores_de_marzapan

Los devoradores de mazapán  *  Mario Chavarría Gonzáles

(con le illustrazioni di Ruth Angulo) Carvajal Educación S.A.                              Literatura infanttil – Novela Guatemalteca
Editorial Norma – Ciudad de Guatemala , agosto 2013
ISBN 978-9929-42-031-1

 

 

I was myself immersed together with Ximena in the bowels and labyrinths of the old Capital of Guatemala: La Antigua, in search of the “Book of Answers”.

I found a delicate, and gentle reading, though I had to emphasize (and then look for) many words that, since I am not Catalan mother tongue, allowed me to increase my vocabulary. The style used by the author Mario Chavarría González is particular: a mixture of real facts with other imaginative and again others that leave you with so many questions. The choice of the name for the young protagonist, Ximena, whose Jewish meaning is “the one who listens to voices”, makes it clear from the beginning of the narrative that the keys for the reading of the novel can be multiple. The story setting is in Guatemala, the year 1954, which reports to real chronicle. It was the period of the Cold War where the US had its own commercial interests to protect and each pretending shadow or threat of “communist-wire” was to be overthrown… Even though the US considered Guatemala “the Banana’s Republic where their financial interests were huge! This is the period of pressure of the FAN (National Anti-Communist Front), during which many intellectuals but also simple academics, were forced to flee the country to avoid persecution under banal pretexts. The narrative plot thus appears related to facts that have actually happened or are likely to be possible; and the subject firmly holds the reader on the thread of doubt, up to the last page. After her husband’s escape from Guatemala City, Ángela with her daughter Ximena reaches her father Don Jesús in the great house at La Antigua, the old capital of Guatemala. The grandfather, nicknamed by Ximena Tata Chuz, shares with her young granddaughter the great passion for literature. In the enormous “jaulón” (whose translation was problematic), the girl, not by chance, begins to discover some secrets that she will share with Fermín and Mariana, two young friends met during her stay. However, between the pages of Jules Verne and Emilio Salgari, in the library of Grandfather Tata Chuz, are hiding mysterious attendees that initially frighten the young Ximena. Anchored to the ancient Mayan legends, there are the “Duendes chapín” (or Guatemalan follies), the “Aluxes” that protect the countryside and the crops (milpas). Doña Jacinta, a servant at Don Jesús, seems to be very knowledgeable but as well not willing to reveal the truth to Ximena… and not by chance, she was preparing the honey jars just to “stay friends” with these strange appearances in the jaulón! However, Zair, Zaqueo, and Alux, during the night disturbed Ximena’s sleep by rubbing her marzipan sweets. The story continues with the tricks that force young Ximena to make decisions that will also involve Tata Chuz, her grandfather and thus, discover other unpleasant and well-kept mysteries.

The author’s narrative power transports us into the magical world of childhood dreams where every conceivable conjecture takes over, moving us into a parallel world of shared paradigms where the purity of the young soul who is not yet corrupted by the “system” above, allows us to identify ourselves in symbolic, healthy and usable values. I shall confess that I loved the tales of Jules Verne and Emilio Salgari: in the 1960s and 70s, they opened me to wonderful worlds as for their authors, using only the strength of the imagination. Strength I found in the tale of “Los devoradores de mazapán”, a lovely novel to share with kids but as well with adults still young in their soul!

 

…oOo…

Mi sono immersa con Ximena nelle viscere e labirinti della vecchia capitale del Guatemala La Antigua, alla ricerca del “Libro delle Risposte”.
Ho scoperto un acconto delicato, di lettura amena, anche se ho dovuto sottolineare (e poi cercare) tante parole che, non essendo di lingua madre catalana, mi hanno permesso d’accrescere il mio vocabolario.
Lo stile utilizzato dall’autore Mario Chavarría González è particolare: una mescolanza di fatti reali ad altri fantasiosi e altri ancora che ti lasciano con tanti interrogativi.
La scelta del nome per la giovane protagonista, Ximena il cui significato ebraico è “quella che ascolta le voci”, lascia intendere fin dall’inizio della narrazione che le chiavi di lettura del romanzo possono essere molteplici.
L’ambientazione nella Guatemala del 1954, riporta a fatti di cronaca reali. Era il periodo della Guerra Fredda dove gli USA avevano i propri interessi commerciali da protegger e ogni pretesta ombra o minaccia “filo-comunista” doveva essere debellata… Seppure gli USA consideravano il Guatemala in modo spregiativo la “Repubblica delle Banane”, lì i loro interessi finanziari erano ingenti!
Questo è il periodo di pressione del FAN (Fronte Anticomunista Nazionale)), durante il quale molti intellettuali ma anche semplici accademici, erano stati obbligati a fuggire dal paese per evitare persecuzioni sotto banali pretesti.
La trama narrativa appare quindi essere legata a fatti realmente accaduti o quantomeno verosimilmente possibili; e l’argomento trattiene saldamente il lettore sul filo del dubbio, fino all’ultima pagina.
A seguito della fuga del marito da Guatemala City, Ángela con la figlia Ximena, raggiungo il nonno materno Don Jesús nella grande casa a La Antinua, la vecchia capitale del Guatemala.
Il nonno, sopranominato da Ximena Tata Chuz, condivide con la giovane nipote la grande passione per la letteratura. Nell’enorme “jaulón” (la cui traduzione mi è stata probematica), la ragazza, non proprio per casualità, inizia a scoprire alcuni segreti che condividerà con Fermín e Mariana, due giovani amici incontrati durante il suo soggiorno.
Ma tra le pagine di Jules Verne ed Emilio Salgari, nella biblioteca del nonno Tata Chuz, si nascondono misteriose presenze che inizialmente spaventano la giovavne Ximena.
Ancorate alle antiche leggende maya, riprendono vita i “Duendes chapín” (folletti guatemaltechi), gli “Aluxes” che proteggono la campagna ed i raccolti (milpas)… e doña Jacinta, una serva a servizio di Don Jesús, sembra essere molto ben informata ma molto restia a svelare la verità a Ximena… e non a caso lei stessa preparava dei vasetti di miele proprio per “tenersi amici” queste strane presenze del jaulón!
Ma Zair, Zaqueo e Alux durante la notte, disturbavano il sonno di Ximena rubandole i dolcetti di marzapane. La storia continua tra traversie che obbligano la giovane Ximena a prendere delle decisioni che coinvolgeranno anche Tata Chuz, suo nonno e così scoprire altri misteri sgradevoli.

La forza narrativa dell’autore ci trasporta nel mondo magico dei sogni d’infanzia dove ogni possibile congettura prende il sopravento, trasportandoci in un mondo parallelo fatto di paradigmi condivisibili laddove purezza d’animo del giovane non ancora corrotto dal “sistema” sovrastante, ci permette di identificarci in valori simbolici sani e fruibili.
Premetto che ho amato i racconti di Jules Verne e di Emilio Salgari: negli anni 60 e 70 mi hanno aperto a mondi stupendi, come per i loro autori, utilizzando unicamente la forza dell’immaginazione. Forza che ho ritrovato nel racconto di “Los devoradores de mazapán”, un romanzo davvero bello da condividere con i giovani ma anche con gli adulti ancora giovani nel loro spirito!

You still have time… * Hai ancora tempo…

.
Per chi non avesse ancora conosciuto Chrysalis e Joshua… per fr./euro 28.- vi spedisco a casa vostra il romanzo, impachettato con carta-regalo!
Inserite i vostri dati personali al link soprastante e un’eventuale richiesta di dedica, il romanzo vi sarà inviato entro le 24 ore.
.
cover6
 And for those who had not yet met Chrysalis and Joshua… you may order the English version of the novel on Amazon
or you may receive it directly from the publisher:
.
Copertina_Inglese_The_Annwyn's_Secret
.
.

Tito Bassi: a writer of visceral emotions * scrittore d’emozioni viscerali

T

.

.

El jueves 24 de septiembre de 2015, a las 20:00 tendrá lugar en Sevilla en el pabellón de Guatemala de la Exposición Universal de 1929, la presentación del libro El Molino del Oso de Tito Bassi, a cargo de Manuel Merinero Villagrasa y Jaime Galbarro García.
El escritor Tito Bassi, oriundo de la Suiza italiana, pero afincado en Guatemala desde hace más de cuatro décadas, es autor de varios libros, entre los que destacan De antiquae Insubrum a Coactemalan, seguido de un segundo volumen, De Insubria a Guatemala, ambos con ediciones en italiano y El Molino del Oso. Este último, publicado en Guatemala en 2014, fue su primera novela y ahora ve de nuevo la luz en España a cargo de la Editorial Vitela. En él, Tito Bassi noveliza una parte de sus memorias en la Insubria natal, un territorio histórico a caballo entre Suiza e Italia. A raíz de la leyenda de un molino abandonado, pero recuperado por un rico pintor norteamericano, el escritor va desgranando una historia en la que el lujo, el amor y la muerte serpentean, con un misterioso alcaudón de fondo.

Lee mi reseña!

…oOo…

On Thursday September 24, 2015, at 20:00 will take place in Seville in the Guatemalan pavilion of the Universal Exhibition of 1929, the presentation of the book El Molino del Oso, by Tito Bassi, presenter: Manuel Merinero Villagrasa e Jaime Galbarro Garcia.
The writer Tito Bassi, a native of Italian Switzerland, but living in Guatemala for more than four decades, is the author of several books, among them De antiquae Insubrum to Coactemalan, followed by a second volume De Insubria a Guatemala, both with editions in Italian languages and El Molino del Oso. The latter, published in Guatemala in 2014, was his first novel and now sees the light again in Spain by Editorial Vellum. In it, Tito Bassi relate part of his memories from the native Insubria, a historical territory halfway between Switzerland and Italy. Following the legend of an abandoned mill, in a second time recovered by a rich American painter, the writer pinpoints a story in which luxury, love and death are snaking with a mysterious Killer Shrike in the background.

Read my review!

…oOo…

Giovedì 24 Settembre 2015, alle ore 20:00 si terrà a Siviglia nel padiglione guatemalteco dell’Esposizione Universale del 1929, la presentazione del romanzo El Molino del Oso di Tito Bassi, con la partecipazione di Manuel Merinero Villagrasa e Jaime Galbarro Garcia.
Lo scrittore Tito Bassi, originario della Svizzera Italiana, ma che vive in Guatemala da più di quattro decenni, è autore di diversi libri, tra i quali De antiquae Insubrum a Coactemalan, seguito da un secondo volume De Insubria a Guatemala, entrambi con con edizioni in lungua italiano e El Molino del Oso. Quest’ultimo, pubblicato in Guatemala nel 2014, è il suo primo romanzo e viene
ora ripresentato in Spagna dal Editorial Velina. Nel romanzo, Tito Bassi trascrive parte dei suoi ricordi dell’Insubria natia, un territorio storico a metà strada tra la Svizzera e l’Italia. Alle radici della leggenda di un mulino abbandonato, ma recuperato da un ricco pittore americano, lo scrittore narra una storia nella quale serpeggiano il lusso, l’amore e la morte, con sullo uno sfondo una misteriosa piccola averla assassina.

Leggi la mia recensione!

.

.

Transfering my Blog…

Welcome to my virtual Kingdoom  –  benvenuti nel mio Mondo virtuale

On top horizontally, you find the several items for a better vision

 In alto, nella barra orizzontale bianca trovate gli argomenti suddivisi per agevolare la visione

transfer – trasferimento – traslado – Verlagern – 転送 – передача – نق

©Claudine Giovannoni  2011

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 60,176 hits
  • Translate