• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Purity of the rain…

  • Categories

England – Wales – Scotland, along ancient paths

After the pictures, you may read the whole story!

  2013-07-12 12.07.05 P1070493 P1070496 2013-07-12 18.08.22 2013-07-12 16.54.43 2013-07-14 16.09.01 2013-07-14 10.37.00 2013-07-13 21.35.28 2013-07-13 10.00.51 2013-07-12 22.15.01 2013-07-14 18.54.36 2013-07-14 19.58.37 2013-07-14 20.01.52 2013-07-14 20.02.04 2013-07-14 21.21.52 P1070546 P1070557 P1070560 P1070582 P1070581 2013-07-15 13.52.55 2013-07-15 13.50.00 P1070580 P1070579 P1070573 P1070570 P1070568 P1070565 P1070584 P1070585 2013-07-15 19.58.34 P1070587 P1070588 P1070589 P1070594 P1070595 P1070603 P1070591 2013-07-16 12.46.35 2013-07-16 12.52.48 2013-07-16 12.55.11 2013-07-16 12.55.54 2013-07-16 12.58.07 P1070834 P1070608 2013-07-16 13.05.12 2013-07-16 13.21.13 2013-07-16 13.22.48 2013-07-16 13.26.04 2013-07-16 13.40.20 P1070613 P1070615 P1070618 P1070619 P1070620 P1070622 2013-07-16 18.19.42 2013-07-16 18.24.03 2013-07-16 18.24.33 P1070629 P1070631 P1070632 P1070638 P1070640 P1070641 2013-07-16 19.52.43 P1070643 2013-07-17 10.52.22 P1070649 P1070652 P1070653 2013-07-17 16.54.42 P1070662 2013-07-17 17.55.11 2013-07-18 11.30.58 2013-07-18 11.30.37 2013-07-17 17.55.56 2013-07-18 08.53.40 2013-07-17 21.01.58 2013-07-17 19.05.59 2013-07-17 19.05.07 P1070673 P1070701 P1070702 P1070703 P1070704 P1070707 P1070709 P1070713 P1070716 2013-07-18 16.58.43 2013-07-18 16.58.38 2013-07-18 16.56.27 P1070729 P1070719 P1070718 2013-07-18 12.59.25 P1070717 P1070737 P1070738 P1070739 P1070740 P1070741 P1070743 P1070747 P1070764 2013-07-19 15.16.05 2013-07-19 17.14.18 P1070850 2013-07-19 19.30.56 P1070858 P1070859 2013-07-20 10.26.00 2013-07-20 10.30.52 P1070865 2013-07-20 10.54.21 2013-07-20 10.54.34 2013-07-20 11.13.41 P1070883 P1070884 P1070887 2013-07-20 13.06.50 2013-07-20 14.54.01 2013-07-20 15.56.00 P1070912 P1070916 P1070925 P1070926 2013-07-21 09.52.53 2013-07-21 10.53.03 2013-07-21 11.27.43 P1070934 P1070935 P1070937 P1070955 P1070957 2013-07-21 12.50.43 2013-07-21 14.30.48 2013-07-21 15.37.39 2013-07-21 15.38.12 2013-07-21 15.41.26 2013-07-21 20.28.32 P1070963 2013-07-22 11.03.30 2013-07-22 11.06.38 P1070969 2013-07-22 12.16.45 2013-07-22 13.21.15 P1070980 P1070985 P1070986 2013-07-22 14.37.18 P1070992 2013-07-22 16.54.32 P1080002 2013-07-23 13.56.18 2013-07-23 14.07.40 2013-07-23 17.07.08 P1080023 P1080025 P1080027 P1080030 P1080034 P1080037 P1080042 P1080045 P1080048 P1080053 P1080056 P1080063 P1080068 P1080072 P1080076 P1080082 P1080083 P1080084 P1080090 P1080091 P1080092 P1080095 2013-07-24 15.44.26 2013-07-24 17.35.22 P1080107 P1080111 2013-07-24 18.02.55 P1080119 P1080130 P1080133 P1080136 P1080144 P1080146 P1080147 P1080150 P1080156 P1080163 P1080165 2013-07-25 20.52.11 P1080166 P1080168 P1080170 P1080174 P1080175 P1080177 P1080244 P1080253 P1080263 P1080276 P1080278 P1080341 P1080355 P1080359 P1080361 P1080363 P1080379 P1080384

Thursday, July 11, 2013 Through France, England, Wales and Scotland, for three weeks, we have traveled 7,300 kilometers, visiting ancient ruins and losing our sight beyond visions of indescribable beauty. The pretext was to bring the boys in Llandovery – Wales, for two weeks of intensive music on the campus of LMFL. In Marson – Champagne-Ardenne, at the B&B Le Marsonnet, we spent the first night. The structure was located inside a recently renovated country house, elegantly decorated and very spacious.

Giovedì 11 luglio 2013 Attraverso la Francia, Inghilterra, Galles e Scozia, per tre settimane abbiamo percorso 7.300 kilometri, visitando antichissime vestigia e smarrendo il nostro sguardo oltre visioni di indescrivibile bellezza. Il pretesto era quello di portare i ragazzi a Llandovery nel Galles, per due settimane intensive di musica al campus della LMFL. A Marson nella Champagne-Ardenne, presso il B&B Le Marsonnet, abbiamo passato la prima notte. La struttura era situata all’interno di una casa di campagna da poco rinnovata, elegantemente decorata e molto spaziosa.

Friday, July 12 While traveling towards the port of Calais, we visited the cathedral of Reims: the grandeur of the church reminds me of Paris’ Notre Dame or the equally famous Chartres. Within its walls, a strange feeling of inadequacy grasps you, a pinch of fear injected under the skin in an imperceptible way. If you raise your eyes upwards, suddenly the vertigo seize the mind. One question automatically arises: “Who am I?” But the question remains suspended in the air, along with the gray smoke of votive candles that slowly rises into the darkness of the spiers. Those are moments in which the relationship with the faith and the Christian God awaken, slowly, pinching with subtle cunning every determination that separates us from the dogmas dictated by the Catholic Apostolic Church. Then, again, the question comes back. Who am I to judge? What is the reason for my presence here, in this reality? In this tangibility that too many times leads me to conflicting thoughts? And the questions remain unresolved, it scratch the consciousness and temper exceedingly the reasoning. In reality it is true: we can’t find answers to every question… From Calais, we crossed the English Channel on a ferry so great, that Massimo even didn’t notice to be above the water surface! In Dover we stayed in an old colonial Georgian style house, over a hill hilltop: the B&B Farthing Glow, surrounded by green fields and dry stone walls, where on July 29 we’ll spend one more night before embarking again on the ferry to return to France. Taking a tour of the Dover’s Port, desperately looking for a place to dine (when the kids are hungry it’s like walking with a leashed dog on the side of a watercourse), we came across a colorful menagerie of cultures and colors. Tattooed sailors and longshoremen, many of them with too much alcohol in the stomach, some adventurous seagull that didn’t respect the usual “politeness distance”. The   spoken languages ranged from the eastern dialects to the amazing as incomprehensible ones of the deepest Africa: an indefinable potpourri even of smells that, in all honesty, stopped my hunger!

Venerdì 12 luglio Durante il viaggio verso il porto di Calais, abbiamo fatto visita alla cattedrale di Reims: la grandiosità della chiesa mi ricorda quella della Notre Dame di Parigi o quella altrettanto famosa di Chartres. All’interno delle sue mura ti coglie uno strano sentimento di inadeguatezza, un pizzico di timore che ti penetra sotto la pelle in modo impercettibile. Se alzi gli occhi verso l’alto, ecco che le vertigini ti afferrano la mente. Inevitabile chiedersi: “Chi sono io?” ma il quesito resta sospeso nell’aria, assieme al fumo grigiastro delle candele votive che lentamente sale verso l’oscurità delle guglie. Sono quei momenti nei quali il rapporto con la fede e il Dio cristiano, si ridestano, lentamente, pizzicando con sottile scaltrezza ogni determinazione che ci distacca dai dogmi dettati dalla Chiesa cattolica apostolica. Poi, nuovamente, il quesito ritorna. Chi sono io, per giudicare? Qual è la ragione della mia presenza, qui, in questa realtà? In questa tangibilità che fin troppe volte mi porta a pensieri conflittuali? E gli interrogativi restano irrisolti, graffiano la coscienza e temprano oltremodo il raziocinio. In fondo è vero: non possiamo trovare risposte ad ogni domanda… Da Calais, abbiamo attraversato il canale della Manica su di un traghetto così grande, che Massimo neppure si è accorto d’essere sopra la superficie dell’acqua! A Dover abbiamo pernottato in una vecchia casa coloniale in stile georgiano, sopra di un’altura collinare, il B&B Farthing Glow, circondata da verdi campi e muri di pietra a secco, dove il 29 luglio passeremo ancora una notte prima di imbarcarci nuovamente sul traghetto per ritornare in Francia. Facendo un giro nel porto di Dover, alla disperata ricerca di un posto dove cenare (quando i ragazzi hanno fame è come passeggiare con un cane al guinzaglio al lato di un corso d’acqua), ci siamo imbattuti in un variopinto serraglio di culture e colori. Marinai e scaricatori di porto tatuati, parecchi di loro con troppo alcool nello stomaco, qualche gabbiano avventuroso che non rispettava l’usuale distanza di cortesia. Le favelle parlate spaziavano da quelle orientali ai dialetti incredibili quanto incomprensibili della profonda Africa: un pot-pourri indefinibile anche per gli odori che, in tutta onestà, mi hanno fatto passare la fame!

Saturday, July 13 Departing from Dover, we crossed the whole south of England without stopping until Sodbury where we stayed in a B&B, a large structure with several rooms. The heat was tropical, I expected rain or  at least temperatures significantly lower than those in the south of Switzerland. Looking for a “typical” English pub in the nearby town, we’ve come in a Thai restaurant where we dined very well. In fact, I had forgotten that one of England’s attractiveness is precisely to find typical restaurants from all over the world, where food is above the standard of the British cuisine (fish & chips).

Sabato 13 luglio Partiti da Dover, abbiamo attraversato tutto il sud dell’Inghilterra senza fermarci fino a Sodbury dove abbiamo pernottato in un B&B, una struttura grande con diverse camere. Il caldo era tropicale, io mi attendevo pioggia o perlomeno temperature nettamente inferiori a quelle del sud della Svizzera. Cercando un locale “tipico” nella vicina cittadina, siamo però capitati in un ristorantino tailandese dove abbiamo cenato molto bene. In effetti mi ero dimenticata che una cosa attrattiva dell’Inghilterra è proprio quella di trovare ristoranti tipici da ogni parte del mondo, dove il cibo è al di sopra dello standard della cucina britannica (fish & cips).

Sunday, July 14 We entered Wales, almost without noticing it because there isn’t a great diversity in the landscape, except for the Gaelic road signs that faithfully are translated into English! Perhaps the local wildlife focuses on the sheep: laughing to myself I wondered if in Wales there are more sheep than people… and I think that is not a consideration too out of place! In Llandovery we easily found the College: a huge typical structure such as one sees anywhere in Britain. After the usual presentation and greeting, we have patched things up into the rooms assigned to the boys, whom after a short while have literally disappeared to practice with their instruments… while my husband and I found ourselves alone for a walk in the park of the college. Obvious that with yet another pang of greaf, I realized that the path of each one of us is in the awareness and loneliness that, soon, both boys will have to follow their ways, their challenges. As it should be. The day was coming to an end and not having reserved a room for the night, we headed immediately to the west coast that overlooks the Irish Sea. In the small port town of Aberystwyth – Cambria (yes, the proximity of the sea is also good for those who suffer too often from bronchitis…) we found a room at a small B&B in the private home of Mr. and Mrs. A. e E. Skitt A small clean and comfortable room, vacated by grown children, with a terrace overlooking the sea! Throughout our journey, we have always looked for bed and breakfast along the winding path towards Scotland, letting ourselves be guided by luck. A single negative point which became more disturbing as we went up to the north, was that of the brevity of darkness (if we can call it) at night. In fact, at that latitude, especially in the northern tip of Scotland, the night lasts a few hours and darkness is never complete. Used to sleep with the shutters closed, even in many B&B there weren’t thick curtains so it was doubly difficult. However, brightness aside, the luck has always been with us, allowing us to make nice experiences although unfortunately the time available to us for the talks has always been too little. We saw the first sunset over the Irish Sea from a restaurant built over a wooden jetty, along the harbor. Shortly before the sun lies down behind a soufflé of purple clouds, lay softly over the silvery surface of the water, we heard Sara Luna on the phone reassuring us and confirming that everything was under control. Emanuele Giosuè couldn’t be reached because he was studying, so we considered wise not to bother him.

Domenica 14 luglio Siamo entrati nel Galles, quasi senza accorgerci in quanto non c’è una grande diversità nel paesaggio, a part la segnaletica che riporta fedelmente la traduzione in inglese delle indicazioni in gaelico! Forse la fauna locale si incentra sulla pecora: ridendo tra di me mi sono chiesta se in Galles non vi siano più pecore che persone… e penso che non sia una considerazione troppo fuori posto! A Llandovery abbiamo trovato facilmente il College, un’enorme struttura tipica come se ne vedono un po’ dovunque in Gran Bretagna. Dopo i soliti convenevoli di presentazione ed aver sistemato le cose nelle rispettive camere assegnate ai ragazzi, questi si sono letteralmente dileguati per esercitarsi coi rispettivi strumenti… mentre mio marito ed io ci siamo ritrovati da soli a passeggiare nel parco del college. Ovvio che con l’ennesima stretta al cuore ho realizzato che il percorso di ognuno di noi è nella consapevolezza e solitudine che, presto, anche entrambi i ragazzi dovranno seguire le loro strade, le loro sfide. Com’è giusto che sia. La giornata stava per giungere al termine e non avendo riservato una camera per la notte, ci siamo avviati senza indugio verso la costa occidentale che da sul mare d’Irlanda. Nella piccola cittadina portuale di Aberystwyth – Cambria (ebbene sì, la vicinanza del mare è pure un toccasana per chi soffre troppo frequentemente di bronchiti…) Abbiamo trovato una camera in un piccolo B&B nella casa privata dei coniugi A. e E. Skitt. Una piccola stanza pulita e confortevole, lasciata libera dai figli ormai grandi, con una terrazza vista mare! Durante tutto il nostro itinerario, abbiamo sempre cercato dei bed and breakfast lungo il tortuoso percorso verso la Scozia, lasciandoci guidare dalla fortuna. Un unico punto negativo che man mano si saliva verso nord diventava più fastidioso, è stato quello della brevità dell’oscurità (se così possiamo definirla) notturna. Di fatto a quella latitudine, specialmente nella punta più a nord della Scozia, la notte dura pochissime ore e l’oscurità non è mai completa. Abituati a dormire con le tapparelle chiuse, in molti B&B neppure vi erano delle tende spesse e quindi la cosa era doppiamente difficile. Comunque, luminosità a parte, la dea bendata è sempre stata con noi, permettendoci di fare delle belle esperienze anche se purtroppo il tempo a nostra disposizione per delle chiacchierate è sempre stato troppo poco. Abbiamo visto il primo tramonto sul mare d’Irlanda da un ristorantino costruito sopra un pontile di legno, lungo il porto. Poco prima che il sole si coricasse dietro un soufflé di nuvole violacee, adagiate dolcemente sopra la superficie argentea dell’acqua, abbiamo sentito Sara Luna al telefono che ci ha tranquillizzati confermando che tutto era sotto controllo. Emanuele Giosuè non era raggiungibile in quanto stava studiando, quindi abbiamo considerato saggio non importunarlo.

Monday, July 15 Leaving the coast behind us, we walked through Wales; the streets flowed through real “green walls”, recessed like asphalt’s snakes in the Welsh countryside. Other times, the dry stone walls were followed by pieces of land where flora and fauna found their more appropriate habitat. Tall  digitalis plants, as countless lilac purple streamers, brought back my thoughts and memories in the depths of my heart. These were the flowers that my father was particularly fond of, the ones I keep cultivate since 11 years in our backyard. Fondling with the eyes what flowed monotonous to the sides of the car, I saw huge chervil plants of their rose-creamy flowers, fragrant and sweet, countless fuchsia bushes and ferns, all woven and embraced with blackberries full of flowers. And when the eye moved a little farther, in the distance appeared the green pastures where sheep, cows and horses vied for the freedom of a sweet and quiet life. Moving away to the north, again along the sea, even the landscape changes geologically and the flora becomes more thin and sparse. The mist, carried towards the hinterland by ocean’s currents, creating a fairytale land where we expect to appears some  mischievous elf. It wasn’t very cold but willingly I always have covered my shoulders with a shawl. If I made a more detailed analysis of the construction’s technique of dry stone walls, I noticed that the stones that rested on the ground were large and rounded and then got smaller as they rose in height. On top of a hill, we met the first castle: Harlech. During a break to stretch our legs, we ran into a small field with countless seedlings of wild strawberries! A real treat for the palate if, following the advice of my husband, we filled the hand and then enjoy them in just one bite… I remembered a similar event, which occurred in Mendrisio about ten years ago, with little Sara Luna who barely held upright on her little legs. Leaving Wales, we entered England at 17:30 and we went beyond Liverpool. One followed another barren meadows and pasture, then green again and sometimes the golden grass, where sheep were grazing quietly, created colorful trappings reminiscent of medieval brocade embroidery. We spent the night in Whitehaven (Cumbria) at the B&B Glenard Guest House, an old Victorian building of the end ‘800. The structure was very large with several rooms, in fact it looks more like a real hotel. By the sea we enjoyed the sunset observing a large group of seagulls feasting on the crumbs left to them by tourists. Among the birds, to our surprise, there were also some other geese and swan. I didn’t know that these birds could appreciate the salted water rather than sweet one of a pond! Unfortunately, even in this port city, the cleanliness isn’t a good example.

Lunedì 15 luglio Lasciata la costa alle nostre spalle ci siamo addentrati nel Galles; le strade scorrevano attraverso veri e propri “muri” verdi, incassate come serpi d’asfalto nella campagna gallese. Altre volte i muretti di pietra a secco si susseguivano a pezzi di terra dove flora e fauna trovavano il loro habitat più consono. Alte piante di digitalis, come innumerevoli banderuole lillà violaceo, riportavano i miei pensieri nei meandri e ricordi del mio cuore. Questi erano i fiori che mio padre amava particolarmente, gli stessi che io coltivo da 11 anni nel nostro giardino di casa. Accarezzando con lo sguardo ciò che scorreva monotono ai lati dell’auto, ho scorto piante enormi di cerfoglio dai loro fiorellini panna-rosacea, profumati e dolcissimi, innumerevoli cespugli di fucsia e felci, tutto intrecciato ed abbracciato a lunghi rami di more selvatiche cariche di fiori. E quando l’occhio si spostava un poco più oltre, in lontananza apparivano i verdi pascoli dove pecore, mucche e cavalli si contendevano la libertà di un’esistenza soave e tranquilla. Con l’allontanarsi verso nord, nuovamente costeggiando il mare, anche il paesaggio muta geologicamente mentre la flora si fa più rada e scarna. La nebbiolina, portata dalle correnti marine verso l’entroterra, crea un paesaggio fiabesco dove ci si attende l’apparire di un qualche folletto dispettoso. Non faceva molto freddo, ma volentieri mi sono sempre coperta le spalle con un scialle. Analizzando più in dettaglio la tecnica costruttiva dei muri a secco, avevo notato che le pietre che poggiavano sul terreno erano tondeggianti e grosse per poi farsi più piccole man mano che salivano in altezza. In cima ad una collina, abbiamo incontrato il primo castello: Harlech. Durante una sosta per sgranchirci le gambe, siamo incappati in un praticello con innumerevoli piantine di fragole selvatiche! Una vera delizia per il palato se, seguendo il consiglio di mio marito, ci si riempiva la mano per poi assaporarle in un boccone solo… Mi sono ricordata di un fatto simile, occorso una decina di anni fa, nel Mendrisiotto, con la piccola Sara Luna che a malapena si teneva eretta sulle gambette. Lasciato il Galles, entriamo in Inghilterra ed alle 17:30 oltrepassiamo Liverpool. Si susseguivano distese brulle, poi nuovamente verdeggianti ed a volte l’erba dorata, dove le pecore brucavano tranquillamente, creava degli orpelli variopinti che ricordano i ricami di broccato medievale. Abbiamo passato la notte a Whitehaven (Cumbria) nel B&B Glenard Guest House, una vecchia costruzione vittoriana di fine ‘800. La struttura è molto grande con parecchie camere, in effetti assomiglia di più ad un vero e proprio albergo. In riva al mare ci siamo goduti il calar del sole osservando un grosso gruppo di gabbiani che banchettava con le briciole lasciate loro dai turisti. Fra gli uccelli, con nostra meraviglia, c’erano anche diverse oche e qualche cigno. Non sapevo che questi volatili potessero apprezzare l’acqua salata piuttosto di quella dolce di un laghetto! Purtroppo anche in questa cittadina portuale, la pulizia non è d’esempio.

Tuesday, July 16 We left Whitehaven behind us, as we continue north through a grassy plain scattered with patches of broad-leaved woods, cows and sheep everywhere you look and some not easily identifiable cultivation. Still following the coast, we left England to enter, almost without realizing it, Scotland. Our first stop was at Carlisle with a visit to the Chateau whom saw as main protagonists, throughout its history, Mary Queen of Scots and Bonnie Prince Charlie. Behind its walls, lie the remains of Hadrian’s Wall, whose walls are partly been restored in order to allow the viewer to get an idea of ​​how they were two thousand years ago. Crossing the Scottish countryside toward the Lanercost, we saw what remains of Birdoswald Roman Fort and we walked down to another piece of Hadrian’s Wall. Returning to the west, we stopped to visit the Lanercost Priory, built in 1169, used as the Augustinian monastery until 1538, the year in which there was a partial dissolution of the monasteries. The structure has maintained its walls in perfect condition to this day and is still used as a church for the ecclesiastical celebration and sometimes even for concerts. An interesting fact is that of King Edward I who, during his tenure, ruled England from there for six months. Moving to the south-west coast of Scotland, in Machars and Rhins of Galloway, where the beauty of the sea, the mystery of its past tempting splendor of sunken treasure, such as the St. Nimian’s Isle Treasure, is a popular destination. We visited the ancient Abbey of Whithorn whose walls are well preserved although missing the roof! We stayed one night in Port William in a cozy private house: the B&B Hawthorn House of Tim and Hilary Pavitt. The room was small but fine and treated in the small details: the sponge bathrobes, a range of teas and an exquisite chocolate. The breakfast has been especially good, served in fine china and silver cutlery.

Martedì 16 luglio Lasciata Whitehaven alle nostre spalle, proseguiamo verso nord attraverso una pianura erbosa con macchie sparse di boschetti di latifoglie, mucche e pecore ovunque si posi lo sguardo, e qualche coltivazione non meglio identificabile. Sempre seguendo la costa, abbiamo lasciato l’Inghilterra per entrare, quasi senza accorgerci, in Scozia. La nostra prima fermata è stata a Carlisle con una visita all’omonimo castello che vide quali protagonisti principali, nella sua storia millenaria, Mary Queen of Scots e Bonnie Prince Charlie. Dietro alle sue mura si estendono i resti del Vallo di Adriano , i cui muri sono in parte stati restaurati onde permettere all’osservatore di farsi un’idea di come dovevano essere due millenni or sono. Attraversando la campagna scozzese in direzione della Lanercost Priory, abbiamo visto ciò che resta del Birdoswald Roman Fort ed abbiamo camminato lungo un altro pezzo del Vallo di Adriano. Ritornando verso ovest, ci siamo fermati a visitare la Lanercost Priory costruita nel 1169, adibita a monastero agostiniano fino al 1538 anno nel quale vi fu una parziale dissoluzione dei monasteri. La struttura ha comunque mantenuto in perfetto stato le sue mura fino ai nostri giorni ed è tutt’ora utilizzata quale chiesa per le celebrazioni ecclesiastiche cristiane e a volte anche per dei concerti. Un fatto interesante è quello di re Edoardo I che, durante la sua carica, governò l’Inghilterra da lì per sei mesi. Spostandoci verso la costa sud-ovest della Scozia, nelle Machars and Rhins of Galloway, dove la bellezza del mare, il mistero del suo passato e l’alettante splendore di tesori sommersi, come la St. Nimian’s Isle Treasure, è una meta ambita. Abbiamo visitato l’antichissima Abbazzia di Whithorn le cui mura sono ben conservate anche se manca il tetto! Abbiamo pernottato a Port William in un accogliente una casa privata: il B&B Hawthorn House di Tim e Hilary Pavitt. La camera era piccola ma raffinata e curata nei piccoli dettagli: le vestaglie di spugna, diverse qualità di tè ed una squisita cioccolata. La colazione è stata molto buona, servita in porcellane e posate d’argento

Wednesday, July 17 We visited this part of Scotland and its “loch” (lakes or sea coves) going up the west coast, while driving a few miles crow flies. But when it was night, near Kilmerlford by Oban, we found a beautiful villa: the Melfort House of Matthew and Yvonne Anderson, where we spent the night. The large Victorian mansion, perfectly restored by the owners, has hit us for the exquisite choice of furniture. A room with a view on the park, with a charming and comfortable canopy bed, smoked Scotch whiskey with crystal glasses… they made us feel at home. We took the dinner in a small restaurant within the park that stretched all around the villa; not far away, the sea dock on Loch Melfort (from which the mansion takes its name). In the property there was also a stable open to the lovers of horse rides, but unfortunately there was no time and without the right equipment wasn’t an adequate idea. In the air the scent of trees, impressive in their shape, mixes with the smell of salted air. It was enough to close your eyes to find yourselves back in time, along ancient tracks like those same plants, such as those same stones.

Mercoledì 17 luglio Abbiamo visitato questa parte della Scozia e dei suoi “loch” (laghi o insenature di mare) risalendo tutta la costa occidentale, pur percorrendo pochi kilometri in linea d’aria. Fattosi notte, nei pressi di Kilmerlford by Oban, abbiamo trovato una stupenda villa la Melfort House di Matthew e Yvonne Anderson, dove abbiamo passato la notte. La grande mansion vittoriana, perfettamente restaurata dai proprietari, ci ha colpiti per la squisita scelta dell’arredamento. Una camera con veduta sul parco, con un incantevole e comodo letto a baldacchino, whiskey scozzese affumicato con bicchieri di cristallo, ci hanno fatti sentire a casa nostra. La cena l’abbiamo presa in un piccolo ristorante, all’interno del grande parco che si estendeva tutt’attorno alla villa; poco lontano, l’attracco marittimo sul Loch Melfort (dal quale prende il nome la mansion). Nella proprietà vi era pure una scuderia aperta al pubblico amante di passeggiate equestri, ma purtroppo non vi era tempo e senza il giusto equipaggiamento non adeguato. Nell’aria il profumo delle piante secolari, impressionanti nella loro foggia, si mescola all’odore della salsedine. Bastava chiudere gli occhi per ritrovarsi nel tempo, lungo tracciati antichi come quelle stesse piante, come quelle stesse pietre.

Thursday, July 18 Leaving behind us the sea, we enter the Scottish hinterland heading to Iverness. Literally cutting Scotland in two from west to east, we go beyond Fort William located at the tip of Loch Linnhe and then again over Loch Lochy and Fort Augusus, Loch Ness and Iverness. Wanting to get as close as possible to the Orkney Isle, we decided to go up to Thurso. Once on the east coast, near Golspie, we stop to admire the Dunrobin Castle and its beautiful gardens. Relatively late, at around 18:30, we arrive in Thurso. At this time of the day there aren’t anymore ferries to Kirkwall or Stromness and so we decide to stay in Thurso where we find almost immediately a B&B for both nights of Thursday and Friday. We find a room in the Murray House by Stephen and Angela Williamson. Again, everything is perfect. The only problem, in desperate search of a restaurant, we are told that usually the kitchens close at 20:00! Luckily we stumbled in the usual Tondoori Restaurant that keeps its doors open for latecomers. The food is delicious, the wine expensive… but we’re on vacation!

Giovedì 18 luglio Lasciato il mare, ci addentriamo nell’entro terra scozzese verso Iverness. Tagliando letteralmente in due da ovest verso est la Scozia, oltrepassiamo Fort William situato alla punta del Loch Linnhe, e poi ancora oltre il Loch Lochy e Fort Augusus, Loch Ness e Iverness. Volendo avvicinarci il più possibile alle Orkney Isle, decidiamo di salire fino a Thurso. Arrivati sulla costa orientale, vicino a Golspie, ci fermiamo ad ammirare il Dunrobin Castle ed i suoi stupendi giardini. Relativamente tardi, verso le 18:30 arriviamo a Thurso. Non vi sono più a quest’ora dei traghetti per Kirkwall o Stromness e quindi decidiamo di restare lì dove troviamo quasi subito un B&B per entrambe le notti di giovedì e venerdì. Troviamo una camera nella Murray House di Stephen e Angela Williamson. Nuovamente tutto è perfetto. Un unico problema: nella disperata ricerca di un ristorante ci viene riferito che alle 20:00 solitamente le cucine chiudono! Per fortuna incappiamo nel solito Tondoori Restaurant che tiene i battenti aperti anche per i ritardatari. Il cibo è delizioso, il vino carissimo… ma siamo in vacanza!

Friday, July 19 We got up early to catch the 9:30 ferry with an already organized around the island tour by bus. Inn fact, ferrying the car, was more expensive than the complete package. On the island we visited several places of interest: Skara Brae and the Ring of Brodgar, both examples of the Stone Age dating back to ~ 5000 years ago. We return to Thurso after 20:00, dead tired, but happy with this new experience. Fortunately Massimo hasn’t had any problems with seasickness… surpassing all my expectations which already painted the usual doomsday scenarios of my husband’s bruised face, being sick over the bridge of the ferry! We again spent the night in the Murray House.

Venerdì 19 luglio Ci siamo alzati prestissimo per prendere il traghetto delle 9:30 con già organizzato il giro dell’isola in bus; in effetti traghettare l’auto costava di più in rispetto al pacchetto completo. Sull’isola abbiamo visitato diversi punti di interesse: Skara Brae e the Ring of Brodgar, entrambe testimonianze dell’età della pietra, risalenti a ~5000 anni or sono. Ritorniamo a Thurso dopo le 20:00, stanchi morti, ma felici di questa nuova esperienza. Fortunatamente Massimo non ha avuto problemi di mal di mare… superando ogni mia aspettativa che già dipingeva i soliti scenari apocalittici di un marito livido in viso, a dar di stomaco oltre il ponte del traghetto! Abbiamo nuovamente trascorso la notte nella Murray House.

Saturday, July 20 We re on the go! We follow the north coast of the Arctic Ocean, along a road that runs alongside tall stacks and cliffs, overlooking the sea, to then enter again placid inland, where the countless Loch lies. The scenery is breathtaking, I have no words to describe its fairy-tale charm. Over the Highland, everything flows to our sides, while listening to a CD purchased in Kirkwall: bagpipes make resurface distant memories while I can no longer control the tears of pain mixed with happiness. The music and words draw us into a reality apparent though tangible. Thus it was just right: I couldn’t hope to fulfill my dream in a different way, in a more pragmatic way of my every wish! Somewhere along the Loch Eriboll, on the way to Altnaharra, we stop at the Choraidh Croft for a cappuccino and a delicious slice of apple and carrots. He serves us the old Charles Smith, here he’s also the owner of a modest and charming B&B. Over the hill, sitting on a wooden bench, it seems to be out of this world, in a sort of a parallel dimension. We think that in that stillness, in this corner of paradise, we could spend a couple of months in the solitude of our thoughts. Loch Eriboll is on our right and we drive along its coast, then back on the left side: in the distance lies the Ocean! Few kilometers before the village of Durness, from high above the cliffs, we see a huge golden sand beach, near the Allt Traigh Chàilgeag, we stop to rest for a couple of hours lying in the sun. I experienced a strange feeling admiring the Atlantic Ocean sitting in the far north of the continent. Of course we also have tried to immerse ourselves (at least with the feet) but the water was below 10 degrees and we endured very little. The only annoyance were the horseflies and mosquitoes that didn’t leave you alone even when you were in the vicinity of the sea. Continuing our drive towards the south-east, we headed in direction of Inverness looking for a B&B for the night, we found one in the seaside village of Avoc, in the Harbour Guest House, a typical house where the owners provide a couple of rooms. The dinner, in spite about what is said on British food, was delicious. Prawns and scallops in white wine sauce and after that, a nice slice of cheesecake.

Sabato 20 luglio Siamo nuovamente in viaggio! Percorriamo la costa nord sul mare Artico, lungo una strada che costeggia faraglioni e falesie altissimi, a strapiombo sul mare, per poi addentrarsi nuovamente nell’entroterra dove placidi giacciono gli innumerevoli Loch. Il paesaggio è da mozzafiato, non ho parole per descrivere il suo fascino fiabesco. Negli Highland, tutto ci scorre ai lati, mentre ascoltiamo un CD aquistato a Kirkwall: cornamuse fanno riaffiorare lontanissimi ricordi mentre non riesco più a controllare le lacrime di dolore misto a felicità. La musica e le parole ci trascinano in una realtà apparente seppure tangibile. Così era proprio perfetto: non potevo sperare di esaudire quel mio sogno in modo diverso, in maniera più pragmatica di ogni mio auspicio! Da qualche parte, lungo il Loch Eriboll, sulla via Altnaharra, ci fermiamo alla Choraidh Croft per un capuccino ed una deliziosa fetta di torna alle mele ed alle carote. Ci serve l’anziano Charles Smith, che lì è proprietario anche di un modesto e grazioso B&B. Sull’altura, seduti sopra una panca di legno, ci sembra d’essere fuori dal mondo, in una sorta di dimensione parallela. Pensiamo che in quella tranquillità, in quell’angolo di paradiso, potremmo passare un paio di mesi nella solitudine dei nostri pensieri. Loch Eriboll è sulla nostra destra e lo percorriamo lungo la sua costa, poi dal lato sinistro: in lontananza giace l’Oceano! Qualche kilometro prima del paesino di Durness, dall’alto della scogliera vediamo un’enorme spiaggia di sabbia dorata, nei pressi della Tràigh Allt Chàilgeag, ci fermiamo a riposare per un paio d’ore sdraiati al sole. Ho provato una strana sensazione ad ammirare l’Oceano Atlantico così, seduta all’estremo nord del continente. Certo abbiamo anche provato ad immergerci (almeno con i piedi) ma l’acqua era al di sotto dei 10° e siamo resistiti pochissimo. L’unico fastidio erano i tafani e zanzare che non ti lasciavano in pace neppure quando stavi in prossimità del mare. Proseguendo inseguito verso sud-est, siamo scesi in direzione di Inverness alla ricerca di un B&B per passare la notte, ne abbiamo trovato uno nel paesino marittimo di Avoc, nella Harbour Guest House, una tipica abitazione dove i proprietari mettono a disposizione un paio di camere. La cena, a dispetto di ciò che i racconta sul cibo inglese, è stata deliziosa. Gamberoni e capesante in salsa al vino bianco, poi non è mancata una bella fetta di cheese-cake.

Sunday, July 21 Beyond Invereness located near the Loch Ness (we had passed by on the way to the north), after a few miles we stopped to visit Cairns of Clava, Culloden and Fort George Muie (but we haven’t seen it internally). Both archaeological sites are in good condition and we didn’t have to pay the entrance fee. We continued along the coast to the south-east, although this part of the crossing in comparison to the spectacular views of the northern part of Highland, it’s nothing transcendental. Beyond Aberdeen we found the B&B The Laurels in the town of Inverbervie propriety of Mr. and Mrs. Alison and Roy. A bright and spacious room, after the long day was a blessing. Domenica 21 luglio Oltrepassata Invereness situata nei pressi del Loch Ness (ci eravamo passati durante il tragitto verso nord), dopo qualche miglio ci siamo fermati per visitare Clava of Cairn, Culloden Muie e Fort Georg (che però non abbiamo visto internamente). Entrambi i siti archeologici sono in buono stato e non si doveva pagare l’entrata. Continuiamo lungo la costa in direzione sud-est, anche se questa parte dell’attraversata in confronto alle spettacolari visioni della parte più a nord degli Highland, non è nulla di trascendentale. Oltrepassata Aberdeen abbiamo trovato il B&B The Laurels nella cittadina di Inverbervie dei sig.ri Alison e Roy. Una camera spaziosa e luminosa, dopo la lunga giornata è stata un toccasana.

Monday, July 22 To be able to visit several castles, we returned a little way to the north and before Stonehaven we visit the famous Dunnottar Castle, one of the most impressive medieval ruins of Scotland: in the footsteps of Mary Queen of Scots, the Mauis of Montrose and William Wallace! Before the town of Petercultea, near Drumoak we visited the Drum Castle, for 21 generations (650 years old) inhabited by the family Irvine. The oldest part dates back to 1300. The Crathes Castle, in the little town which bears the same name, dates back to the 16th. Century; its gardens are very special (with secular yews of particular beauty) and a huge amount of plants from every continent. Going up the street to the north, we find the Craigievar Castle, that delightfully recalls of Disney fairytale stories, in typical fashion “Scottish baronial architecture.” While at Balmoral Castle, the summer residence of Queen Elizabeth… we didn’t want to pay 10 pounds just to take photos. The castle is surrounded by a park with so thick vegetation around it as to prevent the vision from its walls. The Braemar castle, instead, is in semi-ruin. It appears to be particularly neglected although in 1900-20 was still inhabited. Evidently the costs for its maintenance are extremely high. Even his park is a wild tangle. Perhaps the reason is that in this particular area, in winter the temperatures drop down to minus 27 °. Our journey continues to the south, but since it’s already late, we stop in the village of Blairgowie. We had not made many kilometers, but with the several visits to castles and many stops, we were really tired. Fortunately we find the B&B Rosebank House: a very large Georgian house, property of Mr. and Mrs. Sue and Charles Collings, very nice people who provide us with much detailed information about the town and river, point of great importance in the last century. Because of the great drought, Charles complains that his fishermen guests this year didn’t show up.

Lunedì 22 luglio Per poter visitare diversi castelli, ritorniamo un pezzetto di strada verso nord e prima di Stonehaven visitiamo il famoso Dunnottar Castle, una delle rovine medievali più impressionanti di Scozia: sulle tracce di Mary Queen of Scots, il Mauis of Montrose e William Wallace! Prima della cittadina di Petercultea, nei pressi di Drumoak abbiamo visitato il Drum Castle, per 21 generazioni (650 anni) abitato dalla famiglia Irvine. La parte più antica risale al 1300. Il Crathes Castle, nell’omonima cittadina, risale al 16mo. secolo; molto speciali i suoi giardini (con tassi secolari di particolare bellezza) ed una quantità enorme di piante provenienti da ogni continente. Risalendo la strada verso nord, troviamo il Craigievar Castle, deliziosamente fiabesco che ricorda quelli delle storie di Disney, nella tipica foggia “Scottish baronial architecture”. Mentre a Balmoral, castello della residenza estiva della regina Elisabetta… non abbiamo voluto pagare 10 sterline per fare delle foto. Il castello è immerso in un parco con vegetazione attorno talmente fitta da impedire la visione dalle sue mura. Il Braemar castle, per contro, è in semi-rovina. Appare particolarmente trascurato anche se nel 1900-20 era ancora abitato. Evidentemente i costi per la sua manutenzione saranno estremamente elevati. Anche il suo parco è un groviglio incolto. Forse la ragione è che in questa particolare zona, in inverno le temperature scendono fino a – 27°. Il viaggio continua verso sud, ma siccome è già tardi, ci fermiamo nel paesino di Blairgowie. Non avevamo fatto molti kilometri, ma con le visite ai castelli e le tante fermate, eravamo davvero stanchi. Fortunatamente troviamo il B&B Rosebank House: una casa molto grande in stile georgiano di proprietà dei sig.ri Sue e Charles Collings, persone molto gentili che ci forniscono tante informazioni dettagliate in merito alla cittadina e punto fluviale di grande importanza nello scorso secolo. A causa della grande siccità, Charles si lamenta che i suoi ospiti pescatori quest’anno non si sono fatti vedere.

Tuesday, July 23 We continue our journey south towards Perth and, as recommended by Charles, we stopped for a visit to the Scone Castle where was crowned James IV of Scotland. His crown as well as the famous “Stone of Destiny”, however, is exhibited in the museum of Edinburgh’s castle. Instead of collecting up new material for my novel (I had formed a certain idea on the “Stone of Destiny”) I picked up from the ground a lot of peacock feathers, the tail’s ones very desirable but also these sickle-shaped of the wings . The big birds were refugees on the high branches of the trees shouting shrill and intimidating cries. But it didn’t concern me: so only with the risk of receiving another type of “souvenir” rained from above, I immediately collected the feathers that were on the ground. Obviously we also had to experience the gloomy weather, typical of Britain, and behold, today it pours! We set aside our initial idea to leave our car in a Park-and-Ride to enter the city of Edinburgh by train. Sure that the luck would have accompanied us, we were immersed in a chaotic traffic made ​​even more annoying by the drive on the left! Massimo even managed to use a transit lane reserved for buses in an one-way area: but we took a fine because we parked without putting money in the machine since we didn’t have coins! After a tremendous “grazing in the rain” as the navigator on the i-pad was on the fritz and forced us to freaked out reversals, we were finally able to get one of the five-star B&B in the peripheral town of Currie. The Violet Bank House of Reta MacLennan is a little gem in which we would gladly remained longer. As for the Melfort House, every detail is taken care of in a surprising way, not to mention the breakfast of fresh fruit, yogurt thick and crusty bread. I’m sure that for those who appreciate the choice of a full British breakfast, with lots of bacon, ham, beans and all the rest, it would have been great. Being vegetarians, we stuck to the traditional continental breakfast. We let our things in the room and the car in the parking lot of the villa, we took the bus back into the city center for dinner and some “must have” shopping. Massimo has made a feast of clams in white wine, while I, being unfortunately allergic to shellfish, I chose a dish made of beans and cheese.

Martedì 23 luglio Proseguiamo il viaggio verso sud in direzione di Perth, come consigliato da Charles, ci siamo fermati per una visita allo Scone Castle dove era stato incoronato James IV di Scozia. La sua corona come pure la famosa “Pietra del Destino” è però esposta nel museo del castello di Edimburgo. Al posto di collezionare qualche nuova idea per il mio romanzo (mi ero fatta una certa idea sulla Pietra del Destino) ho raccolto da terra un bel po’ di piume di pavone, quelle della coda molto ambite ma anche quelle a forma di falce delle ali. I grandi volatili se ne stavano rifugiati sulle alte fronde degli alberi lanciando grida stridule ed intimidatorie. Ma non per la sottoscritta: così col solo rischio di ricevere un altro tipo di “ricordino” piovuto dall’alto, mi sono subito apprestata a raccogliere le penne che c’erano a terra. Evidentemente avremmo anche dovuto sperimentare il tempo uggioso, tipico della Gran Bretagna, ed ecco che oggi diluvia! Abbiamo accantonato la nostra idea iniziale di lasciare l’auto in un Park-and-Ride per entrare nella città di Edimburgo con il treno. Sicuri che la dea bendata ci avrebbe accompagnati, ci siamo immersi in un traffico caotico reso ancora più fastidioso dalla guida a sinistra! Massimo è persino riuscito ad utilizzare una corsia di transito riservata ai bus in una zona a senso unico: ma la multa l’abbiamo presa perché ci siamo posteggiati senza mettere i soldi nell’apposita macchinetta poiché non avevamo spiccioli! Dopo una tremenda pascolata sotto la pioggia siccome il navigatore sull’i-pad faceva le bizze e ci costringeva a rigiri fuori di testa, siamo riusciti a trovare uno dei B&B a cinque stelle nella periferica cittadina di Currie. La Violet Bank House di Reta MacLennan è un piccolo gioiello nel quale saremmo volentieri restati più a lungo. Come per la Melfort House, ogni dettaglio è curato in modo sorprendente, senza parlare della colazione a base di frutta fresca, jogurt denso e pane croccante. Sono sicura che anche per chi apprezza la scelta di una colazione completa britannica, con tanto di pancetta, prosciutto, fagioli e resto sarebbe stata eccellente. Essendo vegetariani, ci siamo accontentati della tradizionale colazione continentale. Lasciate le nostre cose in camera e l’auto nel parcheggio della villa, abbiamo preso l’autobus per ritornare in centro città per la cena e qualche acquisto d’obbligo. Massimo ha fatto una scorpacciata di vongole al vino bianco, mentre io, essendo purtroppo diventata allergica ai molluschi, ho scelto un piatto a base di legumi e formaggio di pecora.

Wednesday, July 24 Early in the morning we went back into town to take a guided city- tour aboard an “old-timer” double-decker bus. Although this type of tourism is not ranked among my favorites, sometimes it’s convenient to shorten the long walks. The city of Edinburgh, whatever you want, need more days to be visited in a convenient manner. Only in the castle and museums you can lose yourself for hours… Here is a place where I gladly would go back with the boys, with the plane from Zurich are a couple of hours flight and the city is easily accessible by the train. After returning to Currie to take the car and say goodbye to Mrs. and Mr. MacLennan, our route continues south. In order to view the following tourist sites: Soutra Hill, the Augustinian field on the Roman road of “Dere Street” it was a building that was used as a medieval hospital (what remains visible is only the chapel). There were also found several phyto-therapeutic “remedies” and medicinal herbs that have allowed the identification of various substances used in the Middle Ages as medicinal products. Smailholm Tower, owned by the Pringle’s family in the 14th. century, afterwards neglected. The writer Sir Walter Scott in the 18th. century, however, had convinced the then owner Duke of Buccleuch, to carry out work of restoration and recovery. Dryburgh Abbey, founded in 1150 by Hugh de Moreville and the Order of the remonstratensian (Norbertine). Despite the “church” was closed, we were suggested to take pictures over the wall of the eponymous Hotel. Melrose Abbey, in the 12th. century King David I founded, together with 15 religious houses and among these there was also Melrose, the feudal system in Scotland. The abbey was built by Cistercian monks in 1136. You reach the abbey passing through the town, our eyes are majestic ruins that rosy with the rays of the setting sun, acquire an aura of mysterious charm. Unfortunately, as it was for those of Dryburgh Abbey, the gates are closed. Before you lose out looking for a B & B for the night, hungry as wolves, looking for a restaurant. Surprisingly in the George & Abbotsford Hotel we are served a fillet of salmon with crusted erected on a bed of raw vegetables, really delicious. Jedburgh Abbey, is the last historic visit of the day. Nova church in ruins, unfortunately, it shows only part of the original structure as much has been destroyed six centuries of neglect. The B&B we find it in the same Jedburgh was the Allerton House of Chris and Carol Longden, a four stars.

Mercoledì 24 luglio Al mattino di buon ora siamo ritornati in città per effettuare un city-tour guidato, a bordo di un bus a due piani “old-timer”. Anche se questo tipo di turismo non è annoverato tra i miei preferiti, ogni tanto fa comodo per abbreviare delle lunghe passeggiate a piedi. La città di Edimburgo, che dir si voglia, necessita di più giorni per essere visitata in modo conveniente. Solo nel castello e musei ci si può perdere per delle ore… Ecco un posto dove volentieri torneremmo coi ragazzi, con l’aereo da Zurigo sono un paio di ore, e dall’aeroporto la città è comodamente raggiungibile con il treno. Dopo essere ritornati a Currie per riprendere l’auto e congedarci dai sig.ri MacLennan, la nostra rotta continua verso sud. In ordine di visione i seguenti luoghi turistici: Soutra Hill, campo augustiniano sulla Strada Romana di “Dere Street” si tratta di una costruzione che era adibita ad ospedale medievale (ciò che resta visibile è solo la cappella). Lì sono stati trovati anche diversi “rimedi” fito-terapeutici ed erbe medicinali che hanno permesso l’identificazione di diverse sostanze usate già nel medioevo come medicinali. Smailholm Tower, di proprietà della famiglia Pringle nel 14mo. secolo, in seguito negletta. Lo scrittore Sir Walter Scott nel 18mo. secolo, aveva però convinto, l’allora proprietario Duke of Buccleuch, ad effettuare lavori di restauro e ripristino. Dryburgh Abbey, fondata nel 1150 da Hugh de Moreville e dall’Ordine dei remonstratensian (Norbertine). Malgrado la “chiesa” fosse già chiusa, ci hanno suggerito di scattare delle foto oltre il muro di cinta dell’omonimo Hotel. Melrose Abbey, nel 12mo. secolo King David I fondò, unitamente a 15 case religiose e tra queste vi era anche Melrose, il sistema feudale in Scozia. L’abbazia è stata costruita da monaci dell’ordine cistercense nel 1136. Si raggiunge l’abbazia passando attraverso la cittadina, ai nostri occhi si presentano maestose rovine rosate che con i raggi del sole al tramonto, acquisiscono un’aura di misterioso fascino. Purtroppo come già per quelle dell’abbazia di Dryburgh, i cancelli sono chiusi. Prima di rimetterci alla ricerca di un B&B per la notte, affamati come lupi, cerchiamo un ristorante. Sorprendentemente nel George & Abbotsford Hotel ci viene servito un filetto di salmone con crosta d’erette su di un letto di crudità, veramente delizioso. Jedburgh Abbey, è l’ultima visita storica del giorno. Nova chiesa purtroppo in rovina, mostra solo una parte della sua struttura originale in quanto molto è andato distrutto sei secoli di incuria. Il B&B lo troviamo nella stessa Jedburgh la Allerton House di Chris e Carol Longden, un quattro stelle.

Thursday, July 25 On the way back to Wales (the boys weren’t to happy, however, to meet us again and go back home), we leave the border between Scotland and England. We choose to take the motorway, the M6​​, to speed up our trip. At one stop to fill up with petrol, I saw again the rubber boots that I had spotted at the beginning of our trip. I purchased one pair for me and one for Sara Luna, they’ll do a good service during the autumn rains also at the Ticino’s latitudes. We visit Conwy with its magnificent castle built by Edward I in the late 13th. century as a fortress against the attacks of the English. Within its walls, the citadel continues to live while out of it towards the sea, it extends the harbor. Everything is still in perfect condition and the walls as the buildings are restored and cared for. We pried a little around before stopping for the usual tea-time (with cappuccino) at four o’clock. For the night, we found the B&B Monravon Guest House of Joan and John Holyhead on Holy Isle in the north of Wales. We were on the westernmost tip of the island, which also features a lighthouse. Being an island, connected to the mainland by a long bridge, the wind was very strong and not at all hot. In The Lobster Pot, Steffan and Wendy Coupe in Church Bay, we consumed a delicious fish dinner. After dinner, we took a walk on the Irish Sea’s pebbly shore, where the low clouds up to its surface, gave it an amber color. In addition to some nice photos, I have been collecting some black stones that looked inviting… they will be displayed in a vase with some floating flowers.

Giovedì 25 luglio Sulla via del ritorno verso il Galles (i ragazzi non fremevano però troppo di rivederci per portarli a casa), lasciamo il confine tra Scozia ed Inghilterra. Scegliamo di prendere l’autostrada, la M6, per velocizzare il nostro viaggio. Ad una fermata per fare il pieno di benzina, ritrovo gli stivali di gomma che avevo adocchiato nei primi giorni. Acquistati per me e Sara Luna, ci faranno un buon servizio durante le piogge autunnali anche alle latitudini Ticinesi. Visitiamo Conwy ed il suo magnifico castello costruito da Edoardo I nel tardo 13mo. secolo quale fortezza contro gli attacchi degli inglesi. All’interno delle sue mura, la cittadella continua a vivere mentre fuori di essa verso il mare, s’estende il porto. Il tutto è ancora in perfetto stato e le mura come gli edifici sono restaurati e curati. Abbiamo curiosato un po’ attorno per poi fermarci per il solito tea-time (con cappuccino) delle 16:00. Per la notte, abbiamo trovato il B&B Monravon Guest House di Joan e John a Holyhead sulla Holy Isle (Isola Santa) nel nord del Galles. Siamo stati sulla punta più occidentale dell’isola dove è situato anche un faro. Essendo un’isola, collegata alla terra ferma per mezzo di un lungo ponte, il vento era fortissimo e per nulla caldo. Nel The Lobster Pot di Steffan e Wendy Coupe a Church Bay abbiamo consumato una deliziosa cena a base di pesce. Una passeggiata sulla riva ciottolosa del mare d’Irlanda, dove le nuvole basse fino alla sua superficie gli conferivano un colore ambrato. Oltre a delle belle fotografie, io ho fatto incetta di sassi neri che apparivano invitanti… faranno bella mostra in un vaso dove metterò a galleggiare dei fiori.

Friday, July 26 Leaving Anglesey, we went down again along the western part of Wales, a little in the inland. Llandovery was very close now. At Henllys Estate of James and Sarah McGill, we’ll remain two nights. It’s a large stone extended L-shaped house. There are no other buildings around, they were probably the stables or barns where the animals were kept. Outdoors, in the courtyard, there was a large space with a pair of round wooden tables, a big beautiful gray longhaired cat was the “king of the place”. A terrific place to enjoy nature and take walks in the woods around the residence. Since we had been invited to the “concert of teachers”, we went to the college at 20:00.

Venerdì 26 luglio Lasciata Anglesey, ridiscendiamo costeggiando la parte occidentale del Galles, un po’ nell’entroterra. Ormai Llandovery era vicinissima. Presso la Henllys Estate di James e Sarah McGill, resteremo due notti. È una grande casa in pietra a forma di L allargata. Ci sono altre costruzioni attorno, probabilmente erano delle stalle o fienili dove venivano tenuti gli animali. All’aperto, nella semi-corte, c’era un grande spazio con un paio di tavoli rotondi in legno, un grosso stupendo gattone grigio dal lungo pelo la faceva da padrone. Un luogo stupendo per immergersi nella natura e fare passeggiate nei boschi attorno alla residenza. Siccome eravamo stati invitati al “concerto dei docenti”, siamo scesi al college alle 20:00.

Saturday, July 27 The morning passed quickly, after a good breakfast, I took the time to organize my travel’s notes in the moleskine while Massimo read a bit. The long concert of the young musicians, will begin at 14:00 with a break for tea-time and another one for dinner. In essence it was very nice because the level of young musicians was medium-high (for the main instrument), many of them, as well as Sara Luna, they performed even playing their second instrument. With some pride, we collected the testimony of the various teachers, making a due account of how both boys have done a real progress. I couldn’t hold back the tears as Emanuele Giosuè  directed the string orchestra in a piece of Verdi and the one of a contemporary composer whose name escapes me. After the concert was organized a cold buffet where once again we were able to chat with the music teachers of  the different disciplines as well as with other participants in the campus.

Sabato 27 luglio La mattinata è trascorsa velocemente, dopo una bella colazione, mi sono presa il tempo per riordinare i miei appunti di viaggio nel moleskine mentre Massimo ha letto un po’. Il lunghissimo concerto dei giovani musicisti, inizierà alle 14:00 con una pausa per il tea-time e un’altra per la cena. In sostanza è stato molto bello poiché il livello dei giovani musicisti era medio-alto (per lo strumento principale); molti di loro, come anche Sara Luna, si sono esibiti anche suonando il loro secondo strumento. Con un certo orgoglio, abbiamo raccolto le testimoniante dei vari docenti, rendendoci in seguito conto di quanti progressi entrambi i ragazzi hanno fatto. Non sono riuscita a trattenere le lacrime quanto Emanuele Giosuè ha diretto l’orchestra d’archi in un pezzo di Verdi e di un compositore contemporaneo del quale mi sfugge il nome. Dopo il concerto è stato organizzato un buffet freddo dove ancora una volta abbiamo potuto chiacchierare con i docenti di musica delle diverse discipline come pure con gli altri partecipanti al campus.

Sunday, July 28 We left again Wales behind us, with the boys in a coma since they have done a virtually “sleepless-night” (granted to them as they have been able to demonstrate their skills). But the agitation is so great and they both tell us with great enthusiasm their summer’s vicissitudes. But we didn’t really want to talk, maybe even Massimo and I were aware that the holiday was coming to an end. We arrive at Melbury House of Jon and Carol Dayton in Salisbury, in the late afternoon. Massimo had made the reservation because with both guys it would not be easy to adapt to any offer of B&B. Even though already late, we decided to go to look at the archaeological site of Stonehenge: it was a lifetime I dreamed of seeing it! In order to enter the “cromlech” you would have to make a reservation in advance, because of that, this was ruled out. We stuck to observe it at the sun setting, while in the distance big rain clouds approached persistently being pushed by the wind that blew. It was a great feeling that will certainly help me in the preparation and continuation of the novel which I began several years ago and that still “snooze” in a folder on your PC. Back in Salisbury, we run into an Indian restaurant and we decided to take advantage of it once more.

Domenica 28 luglio Lasciato nuovamente il Galles alle nostre spalle, con i ragazzi in coma poiché hanno fatto praticamente la notte in bianco (concessa loro in quanto hanno saputo dimostrare la loro bravura). Ma l’agitazione è tanta ed entrambi ci raccontano con grande entusiasmo le loro vicissitudini estive. Ma noi non avevamo molta voglia di parlare, forse anche Massimo ed io eravamo consci che la vacanza stava per giungere al termine. Arriviamo alla Melbury House di Jon e Carol Dayton a Salisbury, nel tardo pomeriggio. Massimo aveva effettuato la riservazione poiché con entrambi i ragazzi non sarebbe stato semplice adattarsi a qualsiasi offerta di B&B. Anche se già tardi, abbiamo deciso di andare a guardare il sito archeologico di Stonehenge: era una vita che sognavo di vederla. Siccome per poter entrare nel “cromlech” si avrebbe dovuto effettuare una riservazione in anticipo, questo era da escludere. Ci siamo accontentati di osservarlo al calar del sole, mentre in lontananza grosse nuvole cariche di pioggia si avvicinavamo sospinte dal vento che soffiava con insistenza. È stata una bella emozione che certamente mi aiuterà nella stesura e continuazione di un romanzo iniziato diversi anni fa e che tutt’ora “dormicchia” in una cartella sul PC. Ritornati a Salisbury, incappiamo in un ristorante indiano e decidiamo di approfittarne ancora una volta.

Monday, July 29 After a quick breakfast, we set off from Salisbury at 10:00. On the way to Dover, we did say goodbye to Stonehenge, passing next to it on the other side. I’m sure I will be back soon, but next time I want to come inside the circle, without any doubt! There would also have been the famous cathedral of Salisbury on my list of interests… We arrive at the B&B Farthing Glow in the late afternoon, this time the room was better than the one offered us on July 13. We had dinner in the Italian restaurant “La Scala” in Dover: even though the wait was long, the food was great and served by the owner (an Italian) with great kindness. The next morning very early, we’ll board again the ferry that will take us to France.

Lunedì 29 luglio Dopo una rapida colazione, siamo partiti da Salisbury alle 10:00. Sul percorso verso Dover, facciamo però un ultimo saluto a Stonehenge, passandole accanto dall’altro lato. Sono sicura che ci ritornerò presto: ma la prossima volta vorrò entrare all’interno del cerchio, senza dubbio alcuno! Ci sarebbe anche stata la famosa cattedrale di Salisbury sulla mia lista d’interessi… Arriviamo al B&B Farthing Glow nel tardo pomeriggio, questa volta la camera è migliore di quella offertaci lo scorso 13 luglio. Abbiamo cenato nel ristorante italiano “La Scala” a Dover: anche se l’attesa è stata lunga, il cibo era eccezionale e servito dal proprietario (un italiano) con grande amabilità. Domani mattina molto presto riprenderemo il Ferry che ci trasporterà in Francia. Tuesday, July 30 The journey from Callais to Citeaux is long and boring, the kids complain, even in the throes of a deep sadness due to the separation from their young musician’s friends. We pass from the Cistercian abbey to check the opening hours, it’s already late and the visit was postponed until tomorrow. The B&B where we spent the night is a great colonial house type, with the interior completely covered with dark wood. A multitude of Africans’ finds catches me by surprise: I find out the next morning that the owners have long lived in Zaire and Algeria before they retired. We have dinner in a bistro in the village square, nothing extraordinary, but after three weeks without eating salad, I didn’t miss the chance. Martedì 30 luglio Il viaggio da Callais fino a Cìteaux è lungo e noioso; i ragazzi si lamentano, anche in preda ad una profonda tristezza dovuta al distacco dai loro giovani amici musicisti. Passiamo dall’abbazia cistercense per verificare gli orari di apertura, è già tardi e la visita è rinviata a domani. Il B&B dove abbiamo passato la notte è una grande casa tipo coloniale, con l’interno tutto ricoperto in legno scuro. Una moltitudine di reperti africani mi coglie di sorpresa: scoprirò il mattino seguente che i proprietari hanno a lungo vissuto in Zaire ed Algeria prima di pensionarsi. Ceniamo in un bistrot sulla piazza del paese, nulla di straordinario, ma dopo tre settimane senza mangiare insalata, non mi lascio scappare l’occasione.

Wednesday July 31 The visit to the Abbaye Notre-Dame de Citeaux was interesting in many ways, considering that one of the characters in my novel Mists in the Moor, Father Hubertus, was a Cistercian monk which in the year 1152 lived in this abbey. Unfortunately, from the entire original structure isn’t much left.

Mercoledì 31luglio La visita alla Abbaye Notre-Dame de Cîteaux è stata interessante, sotto vari aspetti, considerando che uno dei personaggi del mio romanzo Nebbie nella Brughiera, padre Hubertus, era un monaco cistercense che nel 1152 viveva in quest’abbazia. Purtroppo dell’intera struttura è andata distrutta e resta ben poco da vedere.

Leave a comment

2 Comments

  1. What a wonderful set of beautiful photos.

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: