• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Meet Robin… my new companion

Each Autumn, I receive a lovingly visit in our garden! But I’m not sure he’s the same one of the previous years.
It’s so strange, but I didn’t give him a name… maybe because a blog friend of mine, she had for several years the visit of Mir, a beautiful robin, and she now misses him very much.
I was quite sad, for many silly reasons, and Robin he was somehow conforting me.
It’s still quite warm here, and the bird loves to scratch the earth in the veggi-garden, searching for some insects or vorms.
If he would have let me, I could strech my hand and pat him… but I was too much enchanted looking at his beauty, so simple, so humble. I use to talk to animals, it is a lot easer to speak to them than with humans… sometimes.
I want to share Robin with you, asking not to forget our beautiful planet Earth… where many such loving little animals share it with us.
Protect Earth and the animal, with love and concern.

 

IMG_7487IMG_7490IMG_7496IMG_7497IMG_7498IMG_7499IMG_7502

Ogni autunno, ricevo una visita amorevole nel nostro giardino! Ma non sono sicura che sia lo stesso degli anni precedenti.
È così strano, ma non gli ho dato un nome… forse perché una mia amica di blog, ha avuto per diversi anni la visita di Mir, un bel pettirosso, e ora gli manca molto.
Ero piuttosto triste, per molte sciocche ragioni, e in qualche modollui  mi stava confortando.
È ancora abbastanza caldo qui, e il piccolino adora grattare la terra dell’orto alla ricerca  di insetti o vermi.
Se me lo avesse permo, avrei potuto allungare la mano e accarezzarlo… ma sono rimasto incantata a guardare la sua bellezza, così semplice, così umile. Io parlo con gli animali, è molto più facile parlare con loro che con gli umani… a volte.
Voglio condividere Robin con te, chiedendoti di non dimenticare il nostro bellissimo pianeta Terra… dove molti piccoli animali così amorevoli lo condividono con noi.
Proteggi il nosro pianeta e gli animali: fallo con amore e preoccupazione.

175 Signs-of-Justice from Around the Globe

by

Source Veganism: A Truth Whose Time Has Come
Posted by 

   

See all the pictures at this link-page:

Stand united against ALL oppression and injustice. In these brilliant signs from around the world, you’ll see many of the messages state that all oppression and injustice is connected. The signs speak of animal rights, women’s rights, racial rights, human rights, LGBT rights, climate justice,  gun reform, nonviolence, veganism, as well as the intersectionality of all oppression / discrimination. Each  
is a gem with a specific message, so enjoy them all.
175 beautiful photos to show that you can… make the difference!
…oOo…
Stare uniti contro ogni oppressione e ingiustizia. In questi brillanti segni provenienti da tutto il mondo, vedrete molti messaggi affermare che tutte le oppressioni e le ingiustizie sono collegate. I cartelloni parlano di diritti degli animali, diritti delle donne, diritti razziali, diritti umani, diritti LGBT, giustizia climatica, riforma delle armi, nonviolenza, veganismo e intersezione di ogni oppressione / discriminazione. Ogni cartellone è una gemma con un messaggio specifico, quindi goditeli tutti.
175 belle foto a dimostrare che si può… fare la differenza!
United Kingdom Animal Rights March

Amsterdam – Animal Rights March 2018


 

Women’s March on Washington 2017


Los Angeles Animal Rights March 2017
United Kingdom Animal Rights March 2017
Animal Rights Activist, James Aspey wearing his sign.

 

Vegan Actor; Joaquin Phoenix – Los Angeles ‘National Animal Rights Day’
Animal Rights March 2018 London
 
 
Animal Rights March 2017
 
Animal Rights March San Diego 2018 – photo credit: Ana Levley

New York City Animal Rights March 2018 ~ Photo: VeganNewsNow

London Animal Rights March 2018 Photo credit: Laura McKay

Berlin, Germany – Animal Rights March 2018 – Photo: Daniela Zysk


 
Hong Kong Animal March

Auckland, New Zealand – Animal Rights March 2018





London Animal Rights March 2018 – 10,000 people marched 

Los Angeles, California

United Kingdom Animal Rights March 2018

London 2016
United Kingdom – 2017 Animal Rights March

Melbourne, Australia
Paris France “Close the Slaughterhouses” Protest

Animal Rights Protest
End Animal Experimentation

Vegan against All Oppression ~ One Struggle; One Fight 
France
Jews and Arabs march together for Animal Rights and Veganism
People’s Climate March
Pamplona Spain – Protesting the “Running of the Bulls”
‘Friends of Animals ‘ Anti-Fur March in New York 

Vegans protest against all violence at Gun-Control March

Signs in Arabic and Hebrew at the Arab-Jewish march for Animal Rights

Vancouver, Canada
Croatia – Marching Against Animal Exploitation

Vegan/Animal Rights Protest

Animal Rights / Global Warming Protest

New York City Animal Rights March

DxE Protest

‘Dominion’ March – Australia – (Watch the movie Dominion)

Animal Rights Protest

Houston, Texas – March 2018
Hansen and Goodman at P.E.T.A. Protest of Animal Experiments

VeganEasy Protest – Australia

London, U.K.

Melbourne, Australia

USA 
Northwest Animal Rights Network Protest

World Trade Center Protest – Borneo, Indonesia, Asia
Paris, France – March to End All Slaughterhouses
Toronto, Canada

Animal Rights March – New York

Moral March – Raleigh, North Carolina – 2018

U.K. Animal Rights March founded by Surge

DxE Protest 
Portland, Oregon protesting a zoo

DxE Protest California

Animal Rights March 2017

vegan/animal rights march
Animal Rights March – Miami – 2017 

Protesting using animals for entertainment

Animal Rights March – Los Angeles – 2017

Vegan Shift Parade Columbus, Ohio

Animal Rights March London 2016

March to Close all Slaughterhouses – Toronto – 2017
Animal Rights Activists protest a zoo in Ottawa, Canada

The world’s largest Animal Rights March – Tel Aviv – 2017
Indonesian activists protest animal abuse in Jakarta

Animal Liberation March in San Francisco – 2018

Dublin, Ireland

March to Close all Slaughterhouses – Münster, Germany

Anti-Animal Experimentation – Dunedin, New Zealand

The Official Animal Rights March founded by Surge, U.K. 

 
London, U.K. 2016

United Kingdom Demonstration

Animal Rights March 2018 – Philippines

Animal Rights March 2017

Scotland – Animal Rights March 2018

Photo: Auckland Vegan Actions – 2018 Animal Rights March, Auckland New Zealand

Sydney, Australia Animal Rights March 

Animal Rights March 2018 – 10,000 protesters marched through London

100 Vegan Doctors rallied in front of the white house in Washington, D.C.

2018 Animal Rights March

Los Angeles Animal Rights March 2018

2018 Animal Rights March U.S.

Photo credit: Karen Denton 



Women’s March Washington D.C. 2017

Clean Up Day…but it shoudn’t be necessary!

IMG_9137

To gather the garbage that others throw carelessly into nature… is certainly a very altruistic and admirable gesture. Even more beautiful would be if people brought respect to Nature, avoiding to throw around every kind of crap!

We collected two rusty bicycles, computer parts, road signs, table pedestals, eternit plates (with asbestos) in addition to the usual cans, pet bottles, glass bottles etc…
Where is respect? You do not learn it at the school desks, but rather from an early age, from your own family…

 

 

Raccogliere il pattume che altri gettano con noncuranza nella natura… è certamente un gesto molto altruistico e ammirevole. Ancora più bello sarebbe se la gente portasse rispetto alla natura, evitando di gettare in giro ogni tipo di schifezza!

Abbiamo raccolto due biciclette arruginite, dei pezzi di computer, cartelli stradali, piedistalli di tavoli, placche di eternit (con amianto) oltre alle solite lattine, bottiglie pet, bottiglie di vetro ecc…
Dov’è il rispetto? Non lo si impara sui banchi di scuola, ma bensì sin da piccoli, dalla propria famiglia…

The promise * La promessa

 

Crossing with the cinema time and imagination, Oscar winner Gabriele Salvatores signs for Almo Nature a contemporary fairy tale whose protagonists man, the wolf, and the dog.

A lovely short video to show us how to prove compassion and respect towards all the other species, as well…

…oOo…

 

Attraversando con il cinema il tempo e la fantasia, il premio Oscar Gabriele Salvatores firma per Almo Nature una fiaba contemporanea che ha per protagonisti l’uomo, il lupo e il cane.

Un bel video breve per mostrarci come provare compassione e rispetto verso tutte le altre specie…

Arosa – Graubünden

AROSA_LANGWIES

A volte ci mettiamo a programmare viaggi in terre lontane, oltre oceano e magari sopportando delle trasferte di giorni interi… quando in verità, abbiamo posti incantevoli ad un paio d’ore d’auto da dove viviamo.
A Sara Luna è stato offerto un corso di musica da camera di una settimana ad Arosa, nel canton Grigioni (avendo fatto un 2° premio al concorso svizzero di musica per la gioventù).
Per mio marito ed io è stata l’occasione per accompagnarla e regalarci qualche giorno in montagna.
Già in passato Emanuele Giosuè aveva avuto la possibilità di prendere parte a questi corsi molto interessanti organizzati dalla Kulturkreis Arosa, e due volte lo avevamo accompagnato, di conseguenza conosciamo Arosa relativamente bene.
Abbiamo preso in affitto un appartamento (anche se in una struttura molto grande e certamente non con caratteristiche tipicamente “alpine”) a 10 minuti dal posto dove si tenevano le lezioni e le prove d’assieme.
Sara Luna è stata anche lei molto contenta dell’esperienza che le ha permesso di conoscere altri giovani musicisti provenienti da tutta la Svizzera.
Arosa è un paese tranquillo, non molto affollato da turisti a differenza di St.Moritz o altri luoghi più eccentrici del canton Grigioni.
Ogni giorno abbiamo messo a dura prova le nostre gambe: camminando per 3 o 4 ore, principalmente su sentieri pianeggianti o in lieve declivio.
Considerando che ci sono molte funivie o teleferiche per raggiungere le vette a 2’653 m/s (Weisshorn), 2’496 m/s (Hörnli), Prätschalp sopra Maran e verso il Mattjishorn sopra Langwies, il ritorno ad Arosa lungo i pendii alpini riserba sempre un’esperienza fantastica. Questa volta mi sono sbizzarrita a fotografare la flora locale: impressionante la diversità, malgrado le zone a volte impervie.

 

Sometimes we start planning trips to distant lands, overseas and maybe enduring trips of whole days… when in truth, we have beautiful places a couple of hours drive from where we live.
Sara Luna was offered a week-long chamber music course in Arosa, in the canton of Graubünden (having made a 2nd prize in the Swiss youth music competition).
For my husband and I it was an opportunity to accompany her and give us a few days in the mountains.
In the past Emanuele Giosuè had the opportunity to take part in these very interesting courses organized by Kulturkreis Arosa, and twice we had accompanied him, so we know Arosa relatively well.
We rented an apartment (even if in a very large structure and certainly not with typical “alpine” features) 10 minutes walk from the place where the lessons and the rehearsals were held.
Sara Luna was also very happy with the experience that allowed her to meet other young musicians from all over Switzerland.
Arosa is a quiet village, not very crowded with tourists unlike St. Moritz or other more eccentric places in the canton of Graubünden.
Every day we put a strain on our legs: walking for 3 or 4 hours, mainly on flat trails or slightly sloping.
Considering that there are many cable cars or cableways to reach the peaks at 2’653 m / s (Weisshorn), 2’496 m / s (Hörnli), Prätschalp above Maran and towards Mattjishorn above Langwies, the return to Arosa along the slopes alpine meadows always was a fantastic experience. This time I went wild to photograph the local flora: impressive diversity, despite areas sometimes hardly accessible.

Roma e Calabria

On the road to Calabria, in the most southerly part of Italy, we stayed two nights in Rome.
The Eternal City has always fascinated me and every occasion for a visit is always welcomed with joy (see more photos here). But long-standing friends also live in Rome, and with Nunzia I share the passion of writing and manual work.
Going south on the SS18, we took a break near the “Spiaggia dell’Arco Magno”, along the coast on the Tyrrhenian Sea.
The final destination was Pizzo where we stayed for a week. From there, we visited Crotone on the Ionian Sea, at the extreme south Bova Marina and Tropea.
These areas of Italy I knew only from photographs, it was a pleasant surprise to discover very beautiful and little known places.
The beaches are still “clean”, perhaps more cared for tourism to take advantage of it. In Bova Marina I found Caterina, a dear friend I met in Catania about ten years ago. She has revealed to us the various problems related to local politics, which has a dramatic influence on the socio-cultural situation of Calabria. Not everything is as it appears … there is always a downside!

 

Sulla strada per la Calabria, nella parte più meridionale dell’Italia, ci siamo fermati due notti a Roma.
La Città Eterna mi ha da sempre affascinata ed ogni occasione per una visita è sempre accolta con gioia (qui vedi altre foto). Ma a roma vivono anche amici di lunga data, e con Nunzia condivido la passione della scrittura e dei lavori manuali.
Scendendo verso sud sulla SS18, abbiamo fatto una pausa in prossimità della “spiaggia dell’Arco Magno”, lungo la costa sul Mar Tirreno.
La destinazione finale era Pizzo dove abbiamo soggiornato per una settimana. Da lì, abbiamo visitato Crotone sul Mar Ionio, all’estremo sud Bova Marina e Tropea.
Queste zone d’Italia le conoscevo solo da fotografie: è stata una piacevole sorpresa scoprire luoghi molto belli e poco conosciuti.
Le spiagge sono ancora “pulite”, forse maggiormente curate affinché il turismo ne possa trarre vantaggio. A Bova Marina ho ritrovato Caterina, una cara amica conosciuta a Catania una decina d’anni or sono. Lei ci ha svelato le diverse problematiche legate alla politica locale, che influisce in modo drammatico sulla situazione socio-culturale della Calabria. Non tutto è come appare… c’è sempre un rovescio della medaglia!

Conference of the WWF Sections Switzerland * Conferenza delle sezioni WWF 2018

Once a year, all the Swiss WWF Sections meet to discuss topics and strategies, put priorities and get updated about the many projects going on especially in our Country. This weekend, I had the Chance to attend with my husband, President of the Swiss Italian part, and himself a “volunteer” too.
After the greetings of M. Daniel Perret WWF President for the Canton Vaud followed by the State Councilor Mme J. De Quattro and M. Kurt Schmid President of the WWF Foundation, the works started.
The actual situation about the review of the “hunting law” and of the “nature’s protection law”, was the most importante point to clear.

The Conference calls on the Foundation Board and the Direction of the WWF Switzerland to work and to fight, in association with the partner organizations, to prevent the implementation of the new proposal to amend the “hunting’s law” and the  “nature’s protection law”.
If the Federal Chambers (National Council) accepted the revision of the hunting law, the Foundation Council has already decided to launch a referendum so that the Swiss people can decide/express on the protection of wild animals (wolf, bear, lynx, beaver , etc.). The referendum will be in case launched at the end of the current year.
Another very important topic, although it currently concerns two cantons, is the land planning (LAT2 – RFG II). Furthermore, emphasis was placed on the fundamental importance that Pro Natura and WWF shall use synergies and coordination in the struggle to create conditions for working together.

In the afternoon, working groups were formed that leant on four specific themes: -sustainable farming, how to act at the cantonal level (Agridea); – sustainable areas (One Planet Living); -future of the Conference of the Sections; – WWF Events platform, tools to be used to engage members in the future.

There have been many interesting interventions under the various aspects, subjectively considered important, but not always feasible without having a broad-scale impact. Unfortunately, the various Lobbies have a predominant influence on the choices you can (want) to adopt, not always politically correct, but other alternatives are not currently present.
Perhaps just to be able to involve the citizens, the WWF appeals for the people to take action and support this NGO that is internationally doing everything possible to protect our planet, our “only” home, so that even the future generations can take up the challenge with responsibility of this legacy.

 

 

Una volta all’anno, tutte le sezioni svizzere del WWF si incontrano per discutere di argomenti e strategie, mettere le priorità e aggiornarsi sui numerosi progetti in corso soprattutto nel nostro Paese. Questo fine settimana ho avuto la possibilità di partecipare con mio marito, presidente del WWF della Svizzera italiana, e anche lui un “volontario”.
Dopo i saluti del p
residente del WWF per il Canton Vaud M. Daniel Perret, seguito dalla Consigliera di Stato Mme J. De Quattro e dal Presidente della Fondazione WWF M. Kurt Schmid, i lavori sono iniziati.
La situazione attuale in merito alla
revisione della “legge sulla caccia” e della “legge sulla protezione della natura”, era l’argomeno attuale a livello federale più scottante.

La conferenza chiede al Consiglio di Fondazione e alla Direzione del WWF Svizzera di adoperarsi e di lottare, in associazione con le organizzazioni partner, per impedire la messa in atto della nuova proposta di modifica della legge sulla caccia e sulla Protezione della Natura e del paesaggio.
Se le Camere Federali (Consiglio Nazionale) accettasse la revisione della legge sulla caccia, il Consiglio di Fondazione ha già deciso di lanciare un referendum affinchè il popolo svizzero possa decidere/pronunciarsi in merito alla protezione degli animali selvatici (lupo, orso, linci, castoro, ecc.). Il referendum sarà in caso lanciato alla fine del corrente anno.
Altro tema molto importante, seppure concerne attualmente due cantoni, è la pianificazione del territorio. Inoltre si ha posto l’accento sull’importanza fondamentale che Pro Natura e WWF utilizzino sinergie e coordinazione per affinché si creino condizioni per lavorare assieme.

Nel pomeriggio si sono formati gruppi di lavoro che si sono chinati su quattro tematiche specifiche: -agricoltura sostenibile, come agire a livello cantonale (Agridea); -quartieri sostenibili (One Planet Living); -futuro della Conferenza delle Sezioni; -piattaforma WWF Events strumenti da utilizzare per coinvolgere in futuro i membri.

Vi sono stati molti interventi interessanti sotto i vari aspetti, soggettivamente ritenuti importanti, ma non sempre attuabili senza avere un impatto ad amplia scala. Purtroppo le varie Lobby influiscono in modo preponderante sulle scelte che si possono (vogliono) adottare, non sempre politicamente corretto, ma non sono presenti al momento attuale altre alternative.
Forse proprio per poter maggiormente coinvolgere i cittadini, il WWF lancia un appello affinché la popolazione si attivi e sostegno di questa ONG che a livello mondiale sta facendo tutto il possibile per la salvaguardia del nostro pianeta: la nostra “unica” casa, affinché anche le generazioni future possano con responsabilità raccogliere la sfida di questo lascito.

Why let the hunters kill them? * perché lasciarli ammazzare?

10BBC_wolvestop_alamy

Non più specie “strettamente protetta”, ma solamente “protetta”. Il Consiglio degli Stati ha deciso martedì che sarà più facile abbattere i lupi, declassandone il grado di protezione. Con 29 voti contro 14 è stata respinta una proposta della sinistra di rinviare al Governo la modifica della legge federale sulla caccia. La revisione – di cui ora è in corso l’esame di dettaglio – prevede che la regolazione degli effettivi di alcune specie protette possa essere facilitata, al fine di impedire grossi danni o pericoli per l’uomo.

I Cantoni non saranno quindi più obbligati a provare un danno concreto. Previa consultazione dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), potranno effettuare “interventi regolatori negli effettivi” non soltanto per i lupi, ma anche per talune altre specie protette che sono fonte di controversie. Tra queste figurano lo stambecco e il cigno reale.

“Si direbbe quasi che la Svizzera abbia un solo problema: il lupo”, ha dichiarato la ministra dell’ambiente Doris Leuthard.

Si attende ora il lancio del referendum da parte delle associazioni animaliste.

.

 

https://www.rsi.ch/news/svizzera/Lupo-attento-alluomo-10549436.html

.

.

No longer “strictly protected”, but only “protected” species. The Council of States has decided on Tuesday that it will be easier to break down the wolves, downgrading their degree of protection. With 29 votes against 14 a proposal by the left to postpone to the Government the amendment of the federal hunting law was rejected. The review – which is now undergoing a detailed examination – provides that the regulation of the members of certain protected species can be facilitated, in order to prevent major damage or danger to humans.

The cantons will therefore no longer be obliged to prove concrete damage. After consulting the Federal Office for the Environment (FOEN), they will be able to carry out “regulatory interventions in the field” not only for wolves, but also for certain other protected species that are a source of controversy. These include the ibex and the mute swan.

“It would almost seem that Switzerland has only one problem: the wolf,” said environment minister Doris Leuthard.

The launch of the referendum by animal welfare associations is now awaited.

.
.

The protection of species in the target * La protezione delle specie nel mirino

WWF Stories:      La protezione delle specie nel mirino

Luchsmutter-mit-Jungem

copyright WWF

The beaver, the lynx, the wolf and many other threatened wildlife that populate Switzerland may soon lose the protection they enjoy. Parliament is debating the revision of the hunting law. Soon the regulation of the effects of different protected species and their preventive slaughter could be allowed. We believe all this intolerable!

On the occasion of the International Biodiversity Day, we want to reiterate that the balance between protection, regulation and hunting is vital for the native wildlife, which contributes significantly to keeping the ecosystem healthy. It is good for nature, but also for man!

You are also on our side to protect biodiversity. From May 24th to May 27th you can also take part in one (or more) of the events organized for the Festival.

lince con piccolo

 

Il castoro, la lince, il lupo e molti altri animali selvatici minacciati che popolano la Svizzera potrebbero presto perdere la protezione di cui godono. Il Parlamento sta dibattendo la revisione della legge sulla caccia. A breve potrebbero quindi essere ammessi la regolazione degli effettivi di diverse specie protette e il loro abbattimento preventivo. Riteniamo tutto questo intollerabile!

In occasione della Giornata internazionale della biodiversità, vogliamo ribadire che l’equilibrio tra tutela, regolazione e caccia è vitale per la fauna selvatica autoctona, che contribuisce in misura importante a mantenere in salute l’ecosistema. È un bene per la natura, ma anche per l’uomo!

Schierati anche tu al nostro fianco per proteggere la biodiversità. Dal 24 al 27 maggio partecipate anche voi a uno (o più) degli eventi organizzati in occasione del Festival.

Peace of mind and body in Kerala

More pictures here * ulteriori fotografie

 

I desperately needed rest, to recharge the batteries and to dedicate myself solely to my health and mind care.
With Nadia, a friend I’ve known for 40 years, I knew I could easily do this kind of experience.
Ayurveda is a complete science, thousands of years old, that I already had the opportunity to discover with my family few years ago.
Being able to do it alone, dedicating myself solely to physical and mental health, has become a necessity.
In this last period I have been confronted with deeply touching aspects, a sort of rejection towards the society in an advanced decay, it was the result. The insensitivity to animals, nature and everything connected to it, filled me with annoyance and pain. Moreover, the stress related to my activity and the impossibility of seeing possible future improvements, really put a strain on my immune system.
The need to “find myself” and to think only of myself and my priorities, allowed me to regain hope and confidence and to recharge the motivation to continue to fight for the animalist and naturalist causes… as well as to face the sad reality of the sector in which I deal in my professional activity. Nadia and I have visited an orphanage for girls, a little help is always precious for these young people without a family. I have also been to the extreme southern tip, Kanyakumari and we hiked on the Backwaters…

I shall cherish a vivid memory, full of fantastic flavors, scents and unforgettable therapy sessions that have really put me back into top form!

 

…oOo…

 

Avevo disperatamente bisogno di riposo, di ricaricare le batterie e di dedicarmi unicamente alla cura della salute e della mente.
Con Nadia, amica che conosco da 40 anni, sapevo di poter tranquillamente fare questo tipo d’esperienza.
L’ayurveda è una scienza completa, vecchia di migliaia d’anni, che già avevo avuto modo di sperimentare con la mia famiglia qualche anno or sono.
Poterlo fare da sola, dedicandomi unicamente alla salute fisica e mentale, è diventata una necessità.
In questo ultimo periodo sono stata confrontata con aspetti profondamente toccanti, una sorta di rigetto nei confronti della società in avanzato decadimento, è stato il risultato. L’insensibilità nei confronti degli animali, della natura e di ogni cosa ad essa collegata, mi ha colmata di fastidio e dolore. Inoltre, lo stress legato alla mia attività e all’impossibilità di vedere dei possibili miglioramenti futuri, mettono veramente a dura prova il mio sistema immunitario.
La necessità di “ritrovarmi” e di unicamente pensare a me ed alle mie priorità, mi ha permesso di riacquistare speranza e fiducia e di ricaricare la motivazione di continuare a lottare per le Cause animaliste e naturaliste… nonché affrontare la triste realtà del settore del quale mi occupo nell’attività professionale. Nadia ed io abbiamo visitato un orfanotrofio di ragazze, un piccolo aiuto è sempre prezioso per queste giovani senza famigia. Inoltre sono stata alla punta estrema sud, Kanyakumari e abbiamo fatto un’escursione sulle Backwaters…

Serberò un ricordo vivido, ricolmo di sapori fantastici, di profumi inebrianti e di sedute di terapia indimenticabili che mi hanno davvero rimessa in piena forma!

(attempted) rescue of escaped cat * (tentato) salvataggio di un gatto fugitivo

I went out to buy a sandwich (the two cups of soup were not enough), on my way back to the office I see that there is a certain excitement in front of the Paolino bar, next to the Globus.
A big cat (probable a main coon) cream-orange color is sprawled on a chair near a table.
One man from the Animal Protection squad talks with another.
I approach, intrigued by the situation, while the cat (at least ten pounds) decides to go around under the arcades.
“The Animal Protection cannot, by law,” he wants to specify, “take a cat that is obviously in good health condition”.
“Why?” it’s lawful that I ask “and what if with the traffic of buses, taxis and cars, then he ends up flattened on the asphalt?”
Apparently, there is a law that prohibits the intervention of external if the cat is simply escaped, deciding to take a ride.
He checked, there is no microchip and the nice red anti-flea collar, does not carry any telephone indication.
It looks like a bad taste joke.
The cat, perhaps tired of wandering under the arcades, attracted by pigeons on the other side of the road… takes a run and, without looking to the right or left if there are cars or buses coming, he cross the road.
Fortunately, a car brakes, lets the cat pass on the other side of the road. The blood freezes in my veins.
Horrified, I start having cramps in my stomach and my hunger goes away in a couple of seconds.
I decide to go behind him; maybe I would come up with something.
The man with the orange sweatshirt of the Animal’s Protection, exclaims between his teeth: “here, he’s now going back to his house”.
“Nope, there are the pigeons that are more interesting than the windows of the shopping center Globus”. I answer him dryly.
And I sketch behind the cat, but first looking to the right and then the left, to avoid getting me pulled down on the pedestrian strips by some wretch who is typing on his cellphone.
On the other hand, a couple of ladies have already noticed him (the cat) in the garden next to the Locarno’s Casino.
“Unfortunately I am without the car… and I should go to work, otherwise I took him for safety to the vet!” I explain with a slightly altered voice; this, I think, is the problem of cat’s lover (bipeds who worship the Egyptian Goddess Bastet and her descendants). The older lady (who lives with her daughter at the top of the Valle Maggia -means very far away), looks for the phone number of her vet on her cell phone. Then she decides to go and take her car to park it nearby, just in case… Moments of panic, the cat moves between the bushes and plants. Then he stops, he lets himself be picked up but does not seem to like my compulsive attempt. I have to put it down to avoid some scratches or bites, even if it would be more than understandable, since this is our first close encounter. Then the daughter calls her mother, who does not arrive… From the discussion, I understand that the veterinarian has reported that he too (again because of some article of law) cannot keep a private cat, even in custody!
I start to get mad. Time is running out. The cat moves nimbly around. It’s almost two o’clock and I should, in practice, be already in the office.
What do I do? Am I going to take him to my office? Better not. I have appointments until 17:00 and I don’t think that the Direction would consent to a “rescue the cat” action of this type… without forgetting that just a couple of our departmental superiors are probably still in our building. At the end, I put a post on Instagram and FB with some pictures of the cat…
Perhaps, the reckless owner has noticed that the feline has run away to go and make four jumps in the city… I still have the doubt. Before returning home with the bus, tonight I did take a stroll around the casino and gardens. Fortunately the cat wasn’t there anymore, but still, I don’t know if he did reach his home…
One wonders:
– What is the use of Animal Protection Squad if they cannot take care of a cat without the owner’s permission?
– And for what reason a veterinarian cannot take delivery of an unharmed cat… but if he was smashed under a car, he could?

…oOo…

Sono uscita per prendermi un panino (le due tazze di zuppa non erano sufficienti), sulla via del rientro vedo che c’è una certa concitazione davanti al bar Paolino, al lato della Globus.
Un grosso gattone (probabile un main coon) color arancio-crema se ne sta in bellavista sdraiato su di una sedia vicino ad un tavolino.
Un signore della Protezione animali parla con un altro.
Mi avvicino, incuriosita dalla situazione, nel mentre il gattone (di almeno una decina di chili) decide di andarsene in giro sotto i portici.
“La Protezione animali NON può, per legge,” ci tiene a specificare, “prendere un gatto che è evidentemente in buone condizioni di salute”.
“Perché?” lecito che io chieda “e se qui con il traffico dei bus, taxi ed auto, poi finisce appiattito sull’asfalto?”
A quanto pare c’è una legge che vieta l’intervento di terzi nel caso il gatto è semplicemente scappato, decidendo di farsi un giretto.
Il tizio ha già verificato, non c’è microchip ed il simpatico collarino rosso anti-pulci, non porta nessuna indicazione telefonica.
Sembra uno scherzo di brutto gusto.
Il gatto, forse stufo di gironzolare sotto il porticato, attratto dai piccioni dall’altro lato della strada… prende la rincorsa e, senza guardare a destra o sinistra se ci sono auto o bus in arrivo, attraversa la strada.
Fortunatamente un’auto frena, lo lascia passare dall’altro. Mi si gela in sangue nelle vene.
Inorridita, mi vengono i crampi allo stomaco e la fame mi passa in un paio di secondi.
Decido di andarci dietro, forse mi sarebbe venuto in mente una qualche idea.
Il signore con la felpa arancione della Protezione, tra i denti, esclama: “ecco che adesso torna a casa sua”.
“Macché, ci sono i piccioni che sono più interessanti delle vetrine della Globus”. Gli rispondo incavolata. Il pomeriggio sarà snervante.
E schizzo dietro al gatto, guardando però prima a destra e poi a sinistra, onde evitare di farmi stendere proprio sulle strisce pedonali da qualche disgraziato che sta digitando sul cellulare.
Dall’altro lato, nel giardinetto di fianco al Casinò di Locarno, un paio di signore lo hanno già notato.
“Purtroppo sono senza l’auto… e dovrei andare al lavoro, altrimenti lo portavo per sicurezza dal veterinario!” Spiego, con la voce un tantino alterata (questo credo sia il problema dei gattari, bipedi che adorano la dea egizia Bastet ed i suoi discendenti).
La signora più anziana (che vive con la figlia in cima alla Valle Maggia), cerca sul cellulare il suo veterinario. Poi decide di andare a pendere l’auto per parcheggiarsi lì vicino, se del caso…
Momenti di panico, il gatto si sposta tra i cespugli e piante. Poi si ferma, si lascia prendere in braccio ma pare non gradire il mio tentativo coercitivo. Lo devo rimettere giù per evitare qualche graffiata o morso, anche se sarebbe più che comprensibile, visto che questo è il nostro primo incontro ravvicinato.
Poi, visto che la madre non arriva, la figlia la chiama… Dalla loro discussione al cellulare, deduco che pure il veterinario ha riferito (sempre per questioni di qualche articolo di legge) di non può tenere un gatto di un privato, neppure in custodia!
Inizio ad incavolarmi. Il tempo stringe. Il gatto agilmente si muove attorno. Sono quasi le due e dovrei, in pratica, già essere in ufficio.
Che faccio? Mi azzardo a portarlo nel mio ufficio? Meglio di no. Ho appuntamenti fino alle 17:00 e non credo che la direzione acconsentirebbe ad un’azione “rescue the cat” di questo tipo… senza dimenticare che proprio un paio dei nostri superiori del Dipartimento probabilmente è ancora nel nostro palazzo.
Alla fine metto un post su Instagram e FB con tanto di foto…
Forse l’incosciente proprietario si è accorto che il felino se l’è svignata per andare a fare quattro salti in città… ma resta il dubbio. Prima di tornare a casa con l’autobus, stasera ho fatto una passeggiata intorno al casinò e ai giardini. Per fortuna il gatto non c’era più, ma ancora, non so se ha raggiunto la sua casa…
C’è da chiedersi:
– A cosa serve la Protezione Animali se non può prendersi a carico un gatto fin tanto che i proprietari non si fanno vivi?
– E per quale motivo un veterinario non può prendere in consegna un gatto indenne… ma se fosse finito sotto una macchina, sì?

Caring for our body and soul * Prenderci cura di corpo e mente

plusminceplusjeune.org

Did you ever think about that “Knowing what to do”, and actually “doing it” are quite different things?
Caring for your body is like other aspects of ‘goodness’. If you work on developing your “moral compass”, then you will be able to apply it by doing the right thing for your body too.
Of course, sometimes your emotional response will win, and you won’t do the right thing but, with practice, you will get better at making sure that you take care of your body health.
You need to care not only about what you eat (nutritional factors) and how good is the quality of sleep or exercising (physical/mental rest), but as well is important to consider the “Ways of Living”.

Centuries ago, Aristotle suggested that there were six basic pursuits or ambitions that might shape individual lives.
• Pleasure, always looking for the ‘feel-good’ factor;
• Wealth and material things;
• Status, respect, and fame or influence;
• Power, and being able to persuade others of your point of view, or get your own way;
• Knowledge;
• A morally virtuous and ethical approach.

No life is going to be entirely shaped by any one of these, but it is likely that most of us will see one of those approaches as our dominant tendency.
Actually there is some kind of drawbacks, which might stop those following them from reaching their full potential.
For example, people seeking out only pleasure will have  no room left for thinking or reason…
Those who chose to pursue status might find that they were left high and dry when their followers deserted them, for whatever reason.
In consideration of that, it’s highly suggested that we should try to live and act thoughtfully.
We should, live in a way that enables us to explore and reflect on the ordinary happenings of life, as well as the extraordinary.
We should also try to act out ordinary things in an extraordinary way.

These are Aristotle’s Principles:

• Courage, and not cowardice or impulsiveness or extreme risk-taking acting;
• Self-control, instead of self-indulgence or selfishness;
• Generosity, and not wasted resources or opportunities;
• Friendliness and politeness, not rudeness, flattery or other unpleasantness towards others;
• Tact and discretion;
• Compassion and gratitude;
• Emotional Intelligence;
• Truthfulness and integrity;
• Good temper, even in the face of provocation
• Sense of humour;
• Fairness

To take care of my physical and mental health, next February and March, I will spend two weeks in an Ayurvedic clinic in Kerala … I will tell you!

Keralatourism.org

Kerala Tourism.org

 

Per prendermi cura della mia salute fisica e mentale, tra febbraio e marzo, passerò due settimane in una clinica ayurvedica nel Kerala… vi racconterò!

Hai mai pensato che “Sapere cosa fare” e “Farlo”  in realtà sono due cose alquanto diverse?
Prendersi cura del proprio corpo è come altri aspetti della “bontà”: se lavori sullo sviluppo della tua “bussola morale”, allora sarai in grado di applicarlo facendo anche la cosa giusta per il tuo corpo.
Certo, a volte la tua risposta emotiva vincerà e non farai la cosa giusta ma, con la pratica, migliorerai nel prenderti cura della salute del tuo corpo.
Devi preoccuparti non solo di cosa mangi (fattori nutrizionali) e quanto è buona la qualità del sonno o dell’esercizio (riposo fisico/mentale), ma è anche importante considerare i “modi di vivere”.

Secoli fa Aristotele suggeriva che esistevano sei ricerche o ambizioni di base che potevano modellare le vite individuali.
• Piacere, sempre alla ricerca del fattore “sentirsi bene”;
• Ricchezza e cose materiali;
• Status, rispetto, fama o influenza;
• Potere ed essere in grado di persuadere gli altri dal tuo punto di vista, o ottenere la tua strada;
• Conoscenza;
• Un approccio moralmente virtuoso ed etico.

Nessuna vita sarà interamente modellata da nessuno di questi, ma è probabile che la maggior parte di noi vedrà in uno di questi approcci come la nostra tendenza dominante.
In realtà c’è qualche tipo di inconveniente che potrebbe impedire a coloro che li seguono di raggiungere il loro pieno potenziale.
Ad esempio, le persone che cercano solo il piacere non avranno più spazio per pensare o ragionare…
Coloro che hanno scelto di perseguire lo status potrebbero scoprire che sono stati snobbati, quando i loro seguaci li hanno abbandonati, per qualsiasi ragione.
In considerazione di ciò, è altamente consigliato che dovremmo provare a vivere e ad agire “pensierosamente”.
Dovremmo, vivere in un modo che ci permetta di esplorare e riflettere sugli avvenimenti ordinari della vita, oltre che sullo straordinario.
Dovremmo anche provare a agire/fare le cose ordinarie in un modo straordinario.

Questi sono i principi di Aristotele:

• Coraggio, e non vigliaccheria o impulsività o recitazione ad alto rischio;
• autocontrollo, invece di auto-indulgenza o egoismo;
• Generosità e risorse e opportunità non sprecate;
• Cordialità e cortesia, non maleducazione, adulazione o altri spiacevoli per gli altri;
• tatto e discrezione;
• Compassione e gratitudine;
• Intelligenza emotiva;
• Verità e integrità;
• Buon umore, anche di fronte alla provocazione
• Senso dell’umorismo;
• Equità

Get to know the Wolf and start to protect him * impara a conoscere il Lupo per proteggelo

Amici del Lupo – Svizzera italiana

.

To all my beloved readers and follower…  I need your support!
Recently I opened a new blog with the desire to inform the public about the need to protect the Wolf.

I belong to a group of people who think that in Switzerland and in Ticino, there is also place for the wolf.
With us there are experts but also simple enthusiasts of Nature and fans of this beautiful animal.

In the face of prejudices, alarms and inaccurate news, when not even deliberately false, with this page we try to bring the Voice of common sense, based on scientific data. Right now, in Switzerland, the wolf risks losing its status as “absolutely protected animal”.

For Switzerland to kill the wolf would be a moral defeat, a demonstration of closure and inability to adapt, of international proportions.

We make our commitment for this not to happen! Help us to support this project, following the blog, spreading our Facebook account.
Thank you so much.

:-)claudine giovannoni

…oOo…

 

A tutti i miei lettori e seguaci… Ho bisogno del vostro sostegno!
Da poco ho sviluppato un nuovo blog con il desiderio di informare l’opinione pubblica in merito alla necessità di proteggere il Lupo.

Faccio parte di un gruppo eterogeneo di persone che pensano che in Svizzera ed in Ticino ci sia posto anche per il lupo.
Tra di noi ci sono esperti ma anche semplici appassionati della natura e fan di questo bellissimo animale.

Di fronte a pregiudizi, allarmismi e notizie inesatte, quando non addirittura volutamente false, con questa pagina cerchiamo di portare la Voce del Buonsenso, basandoci su dati scientifici. In questo momento, in Svizzera, il lupo rischia di perdere il suo status di “animale assolutamente protetto”. Per la Svizzera prendere a fucilate il lupo sarebbe una sconfitta morale, una dimostrazione di chiusura e incapacità di adattamento, di proporzioni internazionali.

Metteremo il nostro impegno affinché questo non accada! Aiutaateci a sostenere questo progetto, seguendo il blog, diffondendo il nostro account su Facebook.
Grazie di cuore.

:-)claudine giovannoni

 

Review of the Novel Miedo by Kevin Cooper

miedo_kevin_cooper1

Link to Kevin Cooper’s books on Amazon

“All good things must come to an end.”
The book tells a true story of a painful past that emerges from the depths of time, which continues to prick the memory of the man who recounts his childhood.
A novel that touches the heartstrings, rattling arcane emotions, in pure and naked sincerity dictated by the need to rework trauma and patterns that have influenced dramatically a life.
The author rewinds the time as if it were a ball of wool defeat from an old sweater. There are knots, ends tied after the thread is broken… wounded in the most intimate. Other times, the thread appears thin, slim and fragile, almost a metaphor of the moments where the mere fact of “being alive” appears as a condition of punishment.
The author takes us by the hand, accompanying us to meet the places of his childhood tormented by dark and devastating presences.
In the garden of the grandparents, the particularity of a sour apple prematurely fallen from the tree, and a sugar bowl was given to him by his grandmother for dipping the fruit and make it sweeter. On the other hand, the memories of the taste of a chocolate mint “After Eight”, carefully removed from the tin green color box.
The feeling of an insect that walks on his arm, the sadness of knowing that if a bumblebee stings you then he dies… Many small detailed descriptions that enrich the reader with sensations simple and so purest to make you reconnect with your own childhood.
Yet, the fish & chips, meatballs, and sausage sprinkled with vinegar, taken from the store where worked his grandmother.
The deep affection of the child towards his grandparents, to mitigate his great fear of the present and of the apparitions that at night arise in front of his bed. Then there are the plots and family intrigues, the pettiness of both sisters Liz and Chloe… other characters that come and go from the story, distant sounds of panaceas to the suffering that was always lurking.
Then a new change, the author is separated by his grandparents and is living in a new environment, a cold and lifeless house, everything he loved had been taken away… without notice… without asking him what he wanted. “All good things must come to an end.”
Then the presence of true friends, and those supposed met at school or at work, or the meeting with deep Faith will lead the author to new and radical changes.

“Suffering is mostly caused by fear, not by the circumstances themselves, but by my response to them” (Jan Frasier)

But I will not reveal more of the 440 pages that certainly will be anchoring you, making you a participant in the most intimate, making you even cry tears of bitterness.
A very good novel, honest and unfussy, which will certainly make the reader ponder!

…oOo…

“Tutte le cose belle devono avere una fine”
Il libro narra di una storia vera, di un passato doloroso che riemerge dagli abissi del tempo, che continua a pungere la memoria dell’uomo che racconta la sua infanzia.
Un romanzo che tocca le corde del cuore, facendo vibrare arcane emozioni, nella pura sincerità e senza veli dettata dalla necessità di rielaborare traumi e schemi che hanno influenzato in modo drammatico una vita.
L’autore riavvolge il tempo quasi si trattasse di un gomitolo di lana disfatta da un vecchio maglione. Ci sono nodi, estremità legate dopo che il filo si è spezzato… ferito nel più intimo. Altri tratti, il filo appare sottile, esile e fragile, quasi a metafora dei momenti dove il solo fatto di “essere vivo” appare come condizione punitiva.
L’autore ci prende per mano, accompagnandoci a conoscere quei luoghi della sua infanzia tormentata da presenze oscure e devastatrici.
Nel giardino dei nonni, la particolarità di una mela acerba caduta prematuramente dalla pianta, e la ciotola di zucchero datagli dalla nonna per immergervela e renderla meno aspra. O i ricordi del sapore di un cioccolatino alla menta “After Eight”, estratto con cura dalla scatola di latta color verde bottiglia.
La sensazione di un insetto che cammina sul suo braccio, la tristezza del sapere che se un bombo ti punge poi muore… Ovvero tante piccole descrizioni minuziose che arricchiscono il lettore di sensazioni semplici e così pure dal farti ricollegare con la tua stessa infanzia.
O ancora, delle fish&chips, polpettine e salsicce spruzzate d’aceto, prese allo spaccio dove lavorava la nonna.
Il profondo affetto del bambino nei confronti dei nonni, a mitigare la sua grande paura del presente e delle apparizioni che la notte si presentano davanti al suo letto. Poi ci sono gli intrecci ed intrighi famigliari, le meschinità delle sorelle Liz e Cloe… altri personaggi che vengono e vanno dal racconto, suoni lontani di panacee alla sofferenza che era sempre in agguato.
Poi un nuovo cambiamento, l’autore viene separato dai nonni e si trova a vivere in un nuovo ambiente, una casa fredda e senza vita, tutto ciò che lui amava gli era stato portato via… senza alcun preavviso… senza chiedergli ciò che lui desiderava. “Tutte le cose belle devono avere una fine”.
Poi la presenza di amici veri, e di quelli presunti, incontrati a scuola o sul lavoro, o l’incontro con la Fede profonda, porterà l’autore a dei cambiamenti nuovi e radicali.

“La sofferenza il più delle volte è causata dalla paura, non dalle circostanze stesse, ma bensì dalla nostra reazione verso esse” (Jan Frasier)

Ma non voglio svelare altro delle 440 pagine che certamente sapranno ancorarvi alla lettura, rendendovi partecipe nel più intimo, facendovi anche piangere lagrime d’amarezza.
Un bel romanzo, onesto e privo di fronzoli, che certamente farà riflettere il lettore!

kevin_cooper2

Link to Kevin’s books on Amazon

.

Fighting for the animal’s right * combattere per i diritti degli animali

Legendary animal-rights leader and Holocaust survivor Alex Hershaft, a member of the JVNA Board of Directors, explains in depth for the first time the connection between his ordeal in the Warsaw Ghetto and his advocacy for farmed animals.

hershaft_alex_copyright_pictures_yuval_chen

The video starts with a terrible and touching testimony of the cruelty of humans. There are no words to express the mixed feelings you get when looking at that 52 minutes video… The pictures from the past and these of nowadays, are awful.
A parallelism which your stomach tighten and your heart suffer. Humans are the worst animals, only men can act like this… against their own similars, against other living creatures.
Last year, I saw what happened in Ukraine in the years 1921-22, 1932-33 and 1946-47 with famine and hunger.
During 1932-33, 7 million of people, 1/3 were children, died of hunger (the Holodomor which was recognized only on 2008) since Stalin’s “process of transformation” started a depraved action by taking all the food, destroyed all the agriculture tools, took away all the animals from the Ukranian’s Kulaks.
Another story is hidden well, as thousand other similar stories happened and still happens right now in many countries of our planet.
How can men do such atrocity to other humans, to other living creature?
From the 31st. minute, you see all the valid reasons to become vegan… and fortunately, Mr. Hershaft doesn’t show us the slaughterhouses.
harshaft-holocausto3

Pictures copyright: Yuval Chen

Il leggendario leader di diritti degli animali e sopravvissuto all’Olocausto Alex Hershaft, un membro del Consiglio di Amministrazione JVNA, spiega in modo approfondito per la prima volta il collegamento tra il suo calvario nel ghetto di Varsavia e la sua difesa per gli animali da allevamento.

Il video inizia con una terribile e toccante testimonianza della crudeltà degli esseri umani. Non ci sono parole per esprimere i sentimenti contrastanti che si hanno quando si guarda il video di 52 minuti… Le immagini del passato e quelle di oggi, sono terribili.
Un parallelismo che ti stringe lo stomaco e soffoca il cuore. Gli esseri umani sono gli animali peggiori, solo gli uomini possono agire in questo modo… contro i propri simili, nei confronti di altri esseri viventi.
L’anno scorso, ho preso atto di quanto successo in Ucraina negli anni 1921-22, 1932-33 e 1946-47, con la carestia e la fame.
Durante il 1932-1933, 7 milioni di persone, 1/3 erano bambini, sono morti di fame (l’Holodomor è stato riconosciuto solo nel 2008), in quanto nel “processo di trasformazione” di Stalin ha avuto inizio un’azione depravata nei confronti dei Kulaki ucraini: fu levato loro tutto il cibo, distrutti gli stumenti per l’agricoltura e requisito tutti gli animali.
Un’altra storia che è stata nascosta bene, come mille altre storie simili avvenute e che tutt’ora accadono in questo momento in molti paesi del nostro pianeta.
Come possono fare gli uomini tale atrocità ad altri esseri umani, ad altri esseri viventi?

we do NOT need nuclear power plants

There are people who invest all their forces to improve living conditions on our planet… people who are convinced that there are intelligent and environmentally friendly alternatives … and one thing is certain: we do NOT need nuclear power plants to get electricity!
    …oOo…
Ci sono persone che investono tutte le loro forze per migliorare le condizioni di vita sul nostro pianeta… persone che sono convinte che ci sono alternative intelligenti e rispettose dell’ambiente… ed una cosa è certa: NON necessitiamo di centrali nucleari per il fabbisogno di energia elettrica!

massimo mobiglia

corriere-2016-11-09-mmax

View original post

End the cruel dog killing methods in Mauritius

.

International Animal Rescue  mnaskhgeenrjrdo-400x400-nopad

.

.

Take Action Against These Cruel Killing Methods

Sign the petition to urge the Mauritian government to end this horrific method of killing dogs and to introduce a humane spay/neuter program.

 I like to spend my vacations in Mauritius, and next December with the family I will return there for the six-time… but believe me, getting to know about this horrible practice, make me really sick and think about considering to get involved somehow in helping these poor animals… I am sure the government can do something intelligent and full of responsibility. To kill the animals, without a reason, is a vile gesture and a lot of tourists will not like it and I don’t dare to think about the negative impact on “tourism”… This gives a terrible image of Mauritius and his people, but Mauritians are kind and respectful people, not all are killers!
Please do something to change that and fast! Sign the petition to ask the government of Mauritius to stop this horrible method of killing dogs and introduce as soon as possible a national sterilization program.

…oOo…

Mi piace trascorrere le mie vacanze a Mauritius, e il prossimo dicembre con la famiglia tornerò lì per la sesta volta… ma credetemi, leggendo proprio questa sera la petizione su Change.org in riferimento a questi orribili fatti, mi ha messo sotto sopra lo stomaco.

Il viaggio è già pagato e non possiamo cambiare destinazione… ma ho considerato di coinvolgermi in qualche modo per aiutare questi poveri animali… sono certa che il governo può fare qualcosa di intelligente e in piena responsabilità, con rispetto . Uccidere gli animali, senza una ragione, è un gesto vile e a un sacco di turisti non piacerà venirne a conoscenza… non oso pensare all’impatto negativo sul “turismo”

Situazioni simili danno una terribile immagine di Mauritius e della sua la gente, ma i mauriziani sono persone gentili e rispettose, non tutti sono assassini!

Firmate la petizione per chiedere al governo di Mauritius di  interrompere questo metodo orribile di uccidere i cani e di introdurre al più presto un programma di sterilizzazione nazionale.

.

Dialect poems CD of Alberto Jelmini

poesie-alberto_copertina

Alberto Jelmini, voce narrante, ci regala quest’emozione di poter ascoltare le sue poesie nel dialetto di Lurengo – Valle Leventina.

Per chi desidera potersi riservare un CD firmato dall’autore, è possibile effettuare il versamento di fr. 15.- sul suo CCP 65-13341-0 (Jelmini Alberto, 6616 Losone CH82 0900 0000 6501 3341 0). Spedizione gratuita.

…oOo…

Alberto Jelmini, narrator, gives us this emotion to be able to listen to his poems in the italian dialect of LurengoValle Leventina.

For those who want to get a CD signed by the author, you can make the payment fr. 15.- on his CCP 65-13341-0 (Alberto Jelmini, 6616 Losone CH82 0900 0000 6501 3341 0). The shipping is free.

.

Getting to know bats with the WWF

I spent a day, as a volunteer, organized by the WWF, to accompany the children along a funinteractive path designed to bring greater knowledge of these graceful mammals.
Thanks to the efforts of the organizers of the  Centro protezione chirotteri Ticino we have learned to distinguish these small creatures
(only in Ticino there are 20 different types), in need of our sympathy and protection!

…oOo…

Un’occasione per conoscere i pipistrelli con il WWF Sezione Ticino.
Ho trascorso una giornata organizzata dal WWF, quale volontaria per accompagnare dei bambini lungo un percorso ludico-interattivo atto a portare maggiore conoscenza di questi graziosi mammiferi.
Grazie all’impegno degli organizzatori “Centro protezione chirotteri Ticino” abbiamo imparato a distinguere queste piccole creature (nel solo Ticino si contano una 20ina di diversi tipi), bisognose della nostra simpatia e protezione!

 

vespertilio_maggiore_myotis_myotis

Vespertilio maggiore (Myotis myotis)

In aprile dozzine o addirittura centinaia di femmine di Cespertilio maggiore si riuniscono in colonie nei cosidetti “rifugi di riprouzione”. Si tratta principalmente di solai, dove gli animali si appendono a testa in giù, pigiati gli uni accanto agli altri, generalmente lungo le travi del colmo e i listoni del tetto. I maschi preferiscono invece starsene soli, sovente in fessure o tra le tegole. Per maggiorni informazioni vedi link.

vespertilio_daubenton

Vespertilio di Daubenton  (Myotis daubentonii)

È una specie tra le più piccole presenti in Svizzera. Il suo peso raggiunge i 15 grammi, mentre l’apertura alare misura circa 27 cm. Le femmine partoriscono solo un piccolo all’anno, il cui peso alla nascita non supea i 2 gr. L’allattamento dura quattro settimane, dopo di che i giovani sono in grado di cacciare da soli. Per maggiori informazioni vedi link.

orecchione

L’Orecchione  (Plecotos auritus)

Gli Orecchioni occupano diversi tipi di rifugi. Si tratta spesso i solai spaziosi all’interno di chiese, fattorie e fabbricati. Siti di riproduzione possono trovarsi anche in soffitte semplici di edifici scolastici, palazzi e case monofamigliari. Rifugi di Orecchione sono segnalati anche nei campanili, nelle fessure dei muri e negli alberi cavi, come pure nelle cassette-nido per uccelli o per pipistrelli. In inverno si rifugiano invece in grote, miniere e cantine. È possibile creare dei rifugi per Orecchioni. Per maggiori informazioni vedi link.

 

pipistrello_nano

Pipistrello nano   (Pipistrellus pipistrellus)

Un pipistrello nano appena nato è grande quanto un’ape e da adulto pesa poco più di una zolletta di zucchero. Potrebbe addirittura riuscire a nascondersi in una scatoletta di fiammiferi. Con un’apertura alare di appena 20 cm. è infatti il più piccolo tra i nostri pipistrelli. Per maggiori informazioni vedi il link.

 

pipistrello_nathusius

Pipistrello Nathusius  (Pipistrellus  nathusii)

Il pipistrello di Nathusius pesa al massimo 9 grammi. Assomiglia al pipistrello nano e al pipistrello albolimbato, con i quali è facile confonderlo. Anch’esso è infatti una delle 26 specie indigene più piccole. Questi pipistrelli raggiungono il nostro paese verso metà agosto, provenienti in gran parte dai Paesi baltici e dalla Germani nord-orientale. Le distanze percorse da questi piccoli mammiferi durante le migrazioni superano quindi i 500-1000 chilometri. Per maggiori informazioni vedi link.

nottola

Nottola  (Nyctalus noctula)

Le ali della Nottola sono lunghe e strette. Il suo volo richiama quello delle rondini. Può raggiungere una velocità di 50 km/h. Con un’apertura alare di 40 cm. e un peso di circa 30 grammi la Nottola è uno dei più grandi tra i nostri pipistrelli. Le Nottole cacciano in luoghi molto ricchi di insetti I tipici ambienti di caccia sono le zone umide e i bordi dei boschi. Divoratori instancabili d’insetti, le Nottole cacciano spesso in gruppo anche in ambienti ben illuminati, quali strade e piazze. Per maggiori informazioni vedi link.

 …oOo…

Osservare i pipistrelli e imparare ad apprezzarli. In Svizzera vivono 26 specie i cui rifugi estivi, invernali e le zone di caccia hanno caratteristiche diverse tra loro L’osservazione dei pipistrelli è spesso facilitata dal fatto che tornano spesso a cacciare nei medesimi luoghi. Il pipistrello nano, la Nottola e il Vespertilio di Daubenton sono alla portata di tutti, in quanto vivono nelle città e nelle loro immedite vicinanze. Per maggiorni inforamzioni o richieste di documentazione (dalle quali sono tratti i testi parziali qui riportati), possono essere richiesti al  Centro protezione chirotteri Ticino – Dangio.

September 11th. 2001

 

A simple song, a few pictures of wonderful creatures which that terrible September 11th. 2001 have helped save dozens of survivors of the New York’s Twin Towers disaster.
Wonderful animals that have helped men to find survivors in the wreckage

Let us remember them all…

…oOo…

Una canzone semplice, qualche foto di magnifiche creature che quel terribile 11 settembre 2001 hanno aiutato a trovare decine di supestiti tra le macerie del disastroso attentato alle Torri Gemelle a NYC.

Ricordiamoci di tutti loro…

 

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in the spring of 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 47,283 hits