• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Jordan * Giordania

jordan

The desire to escape, even if the years pass by quickly, is always extremely alive!
Fortunately, I have a very understanding husband (he knew my problem with the adventure even before I got married), so it gives me great pleasure to have him by my side even though sometimes the goals are particular.
Petra and her wonders had been on the waiting list for a long time. The political situation has always made me desist, even thinking about our children. Now that they are big and perfectly able to cope with life, with my husband I can “dare” a bit of pure adventure. I leave you with the images, then for a detailed story I send you to this page.

…oOo…

Il desiderio di evadere, seppure gli anni scorrono via velocemente, è sempre estremamente vivo!
Per fortuna ho un marito molto comprensivo (conosceva il mio problema legato all’avventura ancora prima di sposarmi), così mi fa estremo piacere poterlo avere al mio fianco anche se a volte le mete sono particolari.
Petra e le sue meraviglie erano sulla lista d’attesa da molto tempo. La situazione politica mi ha sempre fatto desistere, anche pensando ai figli. Ora che loro sono grandi e perfettamente in grado di destreggiarsi nella vita, con mio marito posso “osare” un po’ d’avventura allo stato puro.

Vi lascio con le immagini, poi per un racconto dettagliato vi mando a questa pagina.

 

 

Questo è il momento dell’onda verde anche in Ticino

Green Liberal party: they are gaining a lot of support from the Swiss citizens… Let them arrive at the goal: the Federal Government!
Il Partito dei verdi liberali sta guadagnando molto sostegno dai cittadini svizzeri… Facciamoli arrivare all’obiettivo: il Governo Federale

massimo mobiglia

L’ultimo barometro elettorale della SRG conferma le indicazioni di massima sulle tendenze di voto della popolazione elvetica per le prossime elezioni per il rinnovo delle camere federali.

Il dato più evidente è l’avanzata delle due formazioni verdi che assieme avanzerebbero di più del 6% attestandosi a livello nazionale attorno al 18%, una percentuale che, se raggiunta, deve spingere il mondo politico a ridiscutere gli attuali rapporti di potere. Al di là degli errori e le imprecisioni di un sondaggio, che a volte non sono confermati pienamente dal voto e che perciò devono sempre esser presi con prudenza, resta confermato il fatto importante che la discussione politica è molto orientata al tema del clima e sulle sue ripercussioni sul nostro ambiente di vita. In campagna elettorale si sono sentiti molti candidati di svariati partiti politici che si sono accorti dell’importanza del tema e si sono perciò espressi in modo favorevole all’ambiente.

View original post 246 more words

What you wouldn’t want to see * ciò che non vorresti vedere

Estratto dal blog  Serbian Animals Voice  see here for the English text – by Venus

“Il noto dolore al petto è tornato, posso solo camminare, loro non possono.”
(Jo-Anne McArthur, fotografa e investigatrice del benessere degli animali).
Gli attivisti che hanno esposto la crudeltà verso gli animali alla più grande fattoria di suini in Francia hanno riscontrato problemi…
Cosa sperimentano gli attivisti quando scoprono l’agonia animale, lo puoi vedere nel video!

Ecco come un attivista descrive l’azione in questo mattatoio:
“Negli ultimi giorni non avevo trovato parole per tutto quello che è successo, ho provato diverse volte a scrivere questo post e poi ho cancellato di nuovo le righe.
Cinque giorni fa ho partecipato all’azione di massa della disobbedienza civile #OccupyCarrefour e abbiamo occupato pacificamente una delle più grandi aziende di allevamento di suini in Francia.
Insieme ad altri attivisti mi sono incatenato il collo alle sbarre delle gabbie dove sono intrappolati i maiali, mentre altri attivisti hanno documentato le terribili condizioni per renderlo disponibile al pubblico.

Siamo stati sottoposti alla stessa violenza degli animali ogni giorno, siamo stati spinti e picchiati dai contadini e sono stato persino colpito in faccia da una sbarra di ferro.
Le persone che usano la violenza contro gli animali su base giornaliera non evitano la violenza contro gli umani. Mentre ero incatenato alla stessa altezza dei maiali, dovevo guardarli negli occhi tutto il tempo e potevo sentire le loro urla. Ma dovevo anche guardare negli occhi i miei amici – pieni di paura e dolore.

Abbiamo dovuto sperimentare com’è essere intrappolati lì ed eravamo impotenti in balia di questa violenza proprio come gli animali. Gli altri attivisti hanno cercato di proteggerci con i loro corpi, ma nessuno protegge gli animali. Un giovane agricoltore ha persino minacciato di spararci, c’era così tanto odio negli occhi di queste persone. Siamo stati fortunati a poter lasciare di nuovo vivi questo luogo crudele, ma gli animali sono in cattività per tutta la vita e alla fine vengono uccisi.

Immagina com’è essere rinchiuso in una piccola gabbia per il resto della tua vita, dove non puoi nemmeno voltarti. Immagina com’è quando i tuoi bambini vengono portati via poco dopo la nascita e non li vedi mai più.
Immagina com’è quando non puoi scappare dalla violenza, quando non puoi nemmeno provare a salvarti la vita.
Gli animali sono nati in questo inferno, non vedono la luce del giorno o la luce del sole per tutta la vita, non prendono aria fresca e vegetano solo fino al giorno della loro esecuzione. L’agricoltura umana o l’uccisione umana non esistono nella realtà.
Facciamo scelte consapevoli e poniamo fine allo sfruttamento sistematico.

Tali condizioni crudeli sono persino consentite dalla legge e la polizia monopolizza l’uso della forza che viene applicata contro le persone che si oppongono a questo sistema. La violenza e la repressione della polizia colpiscono quindi le persone sbagliate, che sono libere di denunciare il portatore di un messaggio invece di rispondere al messaggio stesso e cambiare qualcosa.
Il consumo di animali morti e di prodotti di origine animale non è solo moralmente riprovevole, ma anche ecologicamente inaccettabile in quanto contribuisce in modo significativo al consumo climatico di enormi quantità di acqua ed energia.

La prossima volta che acquisti carne o prodotti animali, pensa al suo viso. Pensa al loro destino e alla sofferenza che hanno vissuto. Pensa alla vita che non potrebbero mai vivere solo per i tuoi gusti. Nella società di oggi, mangiare carne non è più una necessità, ma una decisione. Una decisione per violenza, indifferenza, sofferenza e morte.
E una decisione contro compassione, amore, rispetto e libertà. È davvero ciò che noi come esseri umani vogliamo rappresentare?

È preoccupante quando le persone si arrabbiano con i vegani per aver evidenziato la sofferenza… piuttosto che arrabbiarsi con se stessi per averla causata.

L’unica cosa che questa industria teme così tanto è la verità e la verità è ciò che riveleremo. Solo perché qualcosa è legale, non significa che sia anche giusto. Se esiste una legge per legittimare e legalizzare la crudeltà verso gli animali, lo sfruttamento, l’oppressione, la discriminazione e la distruzione ambientale, allora è nostro dovere morale ignorare queste leggi ingiuste.
Quando l’ingiustizia viene accettata, la resistenza diventa un obbligo!

Ti preghiamo di riconsiderare le tue decisioni in futuro, hai almeno tre scelte al giorno. Non scusarti, fai qualcosa! Diventa attivo e parla per gli animali, non possono parlare da soli ”.
Azione diretta ovunque – DxE
Non c’è nulla su cui commentare, solo molto a cui pensare, ed è meglio prendere la tua decisione qui e oggi per smettere di cooperare con questo sistema di sfruttamento inumano. Questa è l’industria della carne e del latte. È tempo di farla finita
Ringraziamo moltissimo gli attivisti coraggiosi per il loro coraggio civile.

.

 

Acts of criminality towards animals * atti di criminalità verso animali

atti di criminalità verso animali indifesi - La Regione 2.9.2019

Published:  La Regione  Sept. 2nd. 2019

 

Published:  Corriere del Ticino  Sept. 16th, 2019 (integral)

 

We must protect them   *   Dobbiamo proteggerli

pianeta animale

I was quite shocked at reading an article that reported the poisoning of pets in Avegno (Ticino – Switzerland).
It often happens that you are confronted with the brutality expressed against a defenseless animal, and you are always bewildered. Many times it is the exploitation that leads to the death of these creatures, which we call animals or even worse, productive animals, which are kept in captivity within structures desired by human beings.
Other times, they are acts of criminality towards them, or acts of poaching where the victims are amputated to sell souvenirs or resold in full to unscrupulous buyers. These are acts of pure delinquency, not merely of “cowardice”, and therefore should be punished in an exemplary manner.
We do not minimize the question: a person who comes to that, must be deeply disturbed in his soul and consequently should be subjected to a serious psychiatric examination because he/she could also harm another human being.
With pets or companionship, in addition to the poisonings from which I took my cue, there are sometimes disappearances and killings of cats. How legendary is the feline meat dinner I don’t know…
Last winter I saw an announcement from a lady looking for witnesses because her cat was found in her garden, brutally amputated with a cutting weapon. The animal was bled to death in atrocious agony. Facts like these leave you speechless. I sincerely hope that the lady’s denunciation will allow her to arrest the debauched that has poisoned her two dogs, and then I hope that the law does justice, without coming in half terms.

 

La Salette e Laus tra le Alpi Francesi

2019

From May 30th to June 6th 2019 with my mother I made an exciting journey of a thousand kilometers, along the Italian and French Alps, to discover new spiritual emotions.
We spent the first night in Sant-Pierre at the Hotel Lo Fleyè, near Aosta in the homonymous valley. Arriving in the early afternoon, we took a ride in the town of Aosa, appreciating its beauty and ancient Roman and medieval monuments. Unfortunately we had not planned to spend more nights in the Valle d’Aosta, but certainly it would have been worth it, so it will be for another time!
The following day we continued our journey passing under the Mont Blanc to reach France, making a second stop in Lescheraines in the Wild Park of the Bauges Massif (B&B Eau Vive Base de Loisirs). In the middle of a protected area, we particularly appreciated the peaceful nature with woods and lakes, great for relaxing a little before resuming our journey to the south.
The following day we visited Chambéry, then arrived in the late afternoon in Les Côtes-de-Corps (B&B Au fil des Saisons), a town 10 km from our final destination: the Sanctuary of the Virgin of La Salette and the Sanctuary of the Madonna of the Laus.
In Les Cotes-de-Corps we stayed 3 nights with the aim of first spending an entire day at La Salette and another at Laus. The streets to reach both sites are quite tortuous and therefore the time cannot be quantified correctly because I prefer to travel at 50/60 km per hour and appreciate the beauty of the landscape.
Finally, we set off again for Alba in Piedmont (Cascina Baresane da Amabile) in the heart of the Langhe, where we spent the last two nights. This town is well known for its excellent culinary specialties: just mention truffles and wine. We visited the wine estate Cascina Principe by Federico Vacca in Neive; unfortunately, having to drive, I could not taste their wines but I trusted the advice of their winemaker. On the second day, we also made a stop in Asti to visit the historic center and literally “get lost” in its streets despite having GPS.

 

Dal 30 maggio al 6 giugno 2019 con mia mamma ho effettuato un viaggio emozionante di mille chilometri, lungo le Alpi Italiane e Francesi, alla riscoperta di nuove emozioni spirituali.
La prima notte l’abbiamo trascorsa a Sant-Pierre nell’Hotel Lo Fleyè, in prossimità di Aosta nell’omonima vallata. Arrivate nel primo pomeriggio, abbiamo fatto un giro nella cittadina di Aosa, apprezzando la sua bellezza ed antichi monumenti romani e medioevali. Purtroppo non avevamo programmato di passare più notti nella Valle d’Aosta, ma certamente ne sarebbe valsa la pena, sarà quindi per un’altra volta!
Il giorno seguente abbiamo continuato il nostro viaggio passando sotto il Monte Bianco per giungere in Francia, effettuando una seconda tappa a Lescheraines nel Parco selvatico del Massiccio del Bauges (B&B Eau Vive Base de Loisirs). Nel mezzo di una zona protetta, abbiamo particolarmente apprezzato la natura tranquilla con boschi e laghi, ottimo per rilassarsi un tantino prima di riprendere il nostro percorso verso sud.
Il giorno seguente abbiamo visitato Chambéry, per poi giungere nel tardo pomeriggio a Les Côtes-de-Corps (B&B Au fil des Saisons), località che dista 10 km dalla nostra destinazione finale: il Santuario della Vergine di La Salette e il Santuario della Madonna del Laus.
A Les Cotes-de-Corps abbiamo pernottato 3 notti con la finalità di prima passare una giornata intera a La Salette e un’altra a Laus. Le stradine per raggiungere entrambi i siti sono piuttosto tortuose e quindi il tempo non è quantificabile in modo corretto poiché io preferisco viaggiare a 50/60 km orari e apprezzare la bellezza del paesaggio.
Da ultimo siamo ripartire alla volta di Alba nel Piemonte (Cascina Baresane da Amabile) nel cuore delle Langhe, dove abbiamo trascorso due notti. Questa località è ben conosciuta per le sue ottime specialità culinarie: basti citare il tartufo ed il vino. Abbiano visitato la tenuta vinicola Cascina Principe di Federico Vacca a Neive; sfortunatamente, dovendo guidare, non ho purtroppo potuto assaggiare i loro vini ma mi sono fidata dei consigli della loro enologa. Il secondo giorno, abbiamo anche fatto una tappa ad Asti per visitare il centro storico e letteralmente “perderci” nelle sue stradine malgrado avessi il cellulare con il GPS.

Central America: Guatemala the land of volcanoes

WP_20190420_18_09_29_Pro

Volcán de Agua, Volcán de Fuego e Volcán Acatenango

 

The next day, in Antigua, I was delighted to see Tito, the writer friend whom I greatly appreciate for his huge literary talent, and we made the acquaintance of his wife Patricia. In Antigua, we were hosted in the country house of his friends Olivia and Noël and there we spent Saturday and Easter.
Among the foliage of the plants and shrubs of the park, hummingbirds and many other birds of various colors peeped out without being intimidated by our presence. Certainly in the Petén jungle in the north or in the region of Las Verapaces in the east, the multitude of birds would have allowed us to meet the Pavo Ocelado, the Cacho, the Chipe de Cabeza Rosada, the Tangar Cabanisi or even the wonderful Quetzal, which is the bird-symbol of Guatemala. Suffice it to say that in Guatemala there are 700 species of birds, of which 150 are endemic.

The ancient Mayan culture, following the conquest of the Spaniards was dominated by Catholicism which is very much felt in Guatemala, and perhaps more than in Italy or other nations of the old world. The Holy Week lasts for weeks (!), without considering the preparations that require months of planning. We were able to witness a couple of processions of heavy “carts” carried by men and women on their backs, one for each Saint and his/her relative Brotherhood, parading through the cobbled streets trampling beautiful “carpets” of colored sawdust wood and flowers. People, adults and children, work fervently on these “carpets” sometimes all night, and pure faith transpires at the end, in the truly unmissable result.

(see the full text and pictures at this link)

L’antica cultura Maya, a seguito della conquista degli spagnoli è stata sovrastata dal cattolicesimo che è molto sentito in Guatemala, e forse più che non in Italia o altre nazioni del vecchio continente. La Settimana Santa… dura settimane, senza considerare gli allestimenti che richidono mesei di preparativi. Abbiamo potuto assistere ad un paio di processioni di pesanti “carri” portati sulle spalle, uno per ogni Santo e la sua relativa Confraternita, sfilare nelle stradine acciottolate calpestando stupendi “tappeti” di segatura di legno colorato e fiori. La gente, adulti e bambini, lavora con fervore a queste vere o proprie opere d’arte a volte tutta una notte, e la fede pura traspare nel risultato finale davvero imperdibile.

Ma ad Antigua, vi è molto più da scoprire: è una cittadina dal centro coloniale fatto di palazzi massicci, chiese molto belle color canarino e dagli addobbi esterni di stucco bianco, ma anche di manufatti risalenti al XVI secolo in parte distrutti dai diversi sismi ed eruzioni vulcaniche che più volte hanno sconvolto le viscere della terra, e questa è la ragione per la quale i guatemaltechi decisero di trasferire la capitale del paese a Guatemala City. La Antigua è stata dichiarata patrimonio mondiale dall’UNESCO e tutt’ora vi sono in atto diversi lavori di restauro.

 

 

Tito Bassi scrittore svizzero-guatemalteco

:

 

Scelte sbagliate, dettate da paure ataviche (e dall’ignoranza)

vedi articolo apparso sulla stampa CdT 9.5.2019

 

Easier to break down wolves.  Wrong choices, dictated by atavistic fears (and ignorance)


Wolves and bears in the viewfinder: the Swiss National Council has decided to loosen the conditions of regulation of the great predators, making their killing easier. The deputies went beyond the Government’s demands. The attempts of the left to downsize the project are in vain. Some nature protection groups have already threatened the referendum; the WWF, for its part, speaks of a “killing law”. The dossier now returns to the States. The people should have the last word.

We are ready for the referendum! and we will fight until the last…

 

Lupo1

Lupo2

Lupo3

Lupo4

Lupo5

Lupo6

Lupo7

Lupo8

 

 

Notre Dame de Paris: inspiration in many of my writings

Notre_Dame

.
I’m still baffled, my daughter yells at me from her bedroom last night: “Mom Notre Dame is on fire”!
Looking at the images, those emotions that I felt every time I entered the magnificent cathedral came back to life. Paris has always been in my heart, since the first time I visited it in the 1970s.
Notre Dame, with its majestic and imposing Gothic grace, had repeatedly been the perfect setting for my stories. In the short stories set in Paris, they had always received space for a pictorial and romantic description of this cathedral.
Hator Var Darquen de Aguillar, protagonist of the novel The Annwyn’s Secret, had sneaked into it, in a scenario of futuristic destruction and abandonment, which now gives me the chills just thinking about it. It was not clairvoyance, but what I had described could be the current vision… a gutted cathedral and horribly disfigured in its intimate secular beauty.
…oOo…
.
Sono ancora sconcertata, ieri sera mia figlia mi urla dalla sua camera: “mamma Notre Dame è in fiamme”!
Guardando le immagini, sono riemerse quelle emozioni che avevo provato ogni volta che ero entrata in quella grandiosa cattedrale. Parigi è sempre stata nel mio cuore, fin dalla prima volta che l’avevo visitata negli anni ’70.
Notre Dame, con la sua maestosa ed imponente grazia gotica, era stata più volte la perfetta ambientazione per le mie storie. Racconti brevi ambientati a Parigi, avevano sempre ricevuto spazio per una descrizione pittorica e romantica di questa cattedrale.
Hator Var Darquen de Aguillar, protagonista del romanzo “Il Segreto degli Annwyn” vi era entrato di soppiatto, in uno scenario di distruzione e abbandono futuristico, che ora mi da i brividi al solo pensarci. Non era chiaroveggenza, ma ciò che avevo descritto potrebbe essere la visione attuale… una cattedrale sventrata e orribilmente deturpata nella sua intima bellezza secolare.
.
Notre_Dame_feu
.
.

The truth about 5G: a threat to health

5G

Video sur RTS (French)

Signatories: 171 scientists from 36 nations: 99 scientists from Europe and 72 from other nations.

Scientists warn of potential serious health effects of 5G

September 11, 2017

We the undersigned, more than 170 scientists from 37 countries, recommend a moratorium on the rollout of the fifth generation, 5G, for telecommunication until potential hazards for human health and the environment have been fully investigated by scientists independent from industry. 5G will substantially increase exposure to radiofrequency electromagnetic fields (RF-EMF) on top of the 2G, 3G, 4G, Wi-Fi, etc. for telecommunications already in place. RF-EMF has been proven to be harmful for humans and the environment. (Note: Blue links below are references.)

5G leads to massive increase of mandatory exposure to wireless radiation

5G technology is effective only over short distance. It is poorly transmitted through solid material. Many new antennas will be required and full-scale implementation will result in antennas every 10 to 12 houses in urban areas, thus massively increasing mandatory exposure. With ”the ever more extensive use of wireless technologies,” nobody can avoid to be exposed. Because on top of the increased number of 5G-transmitters (even within housing, shops and in hospitals) according to estimates, ”10 to 20 billion connections” (to refrigerators, washing machines, surveillance cameras, self-driving cars and buses, etc.) will be parts of the Internet of Things. All these together can cause a substantial increase in the total, long term RF-EMF exposure to all EU citizens.

Harmful effects of RF-EMF exposure are already proven

Over 220 scientists from more than 40 countries have expressed their “serious concerns” regarding the ubiquitous and increasing exposure to EMF generated by electric and wireless devices already before the additional 5G roll-out. They refer to the fact that ”numerous recent scientific publications have shown that EMF affects living organisms at levels well below most international and national guidelines”. Effects include increased cancer risk, cellular stress, increase in harmful free radicals, genetic damages, structural and functional changes of the reproductive system, learning and memory deficits, neurological disorders, and negative impacts on general well-being in humans. Damage goes well beyond the human race, as there is growing evidence of harmful effects to both plants and animals. After the scientists’ appeal was written in 2015 additional research has convincingly confirmed serious health risks from RF-EMF fields from wireless technology. The world’s largest study (25 million US dollar) National Toxicology Program (NTP), shows statistically significant increase in the incidence of brain and heart cancer in animals exposed to EMF below the ICNIRP (International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection) guidelines followed by most countries. These results support results in human epidemiological studies on RF radiation and brain tumour risk. A large number of peer-reviewed scientific reports demonstrate harm to human health from EMFs.

The International Agency for Research on Cancer (IARC), the cancer agency of the World Health Organization (WHO), in 2011 concluded that EMFs of frequencies 30 KHz – 300 GHz are possibly carcinogenic to humans (Group 2B). However, new studies like the NTP study mentioned above and several epidemiological investigations including the latest studies on mobile phone use and brain cancer risks confirm that RF-EMF radiation is carcinogenic to humans.

The EUROPA EM-EMF Guideline 2016 states that ”there is strong evidence that long-term exposure to certain EMFs is a risk factor for diseases such as certain cancers, Alzheimer’s disease, and male infertility…Common EHS (electromagnetic hypersensitivity) symptoms include headaches, concentration difficulties, sleep problems, depression, lack of energy, fatigue, and flu-like symptoms.”
Scientist Appeal for 5G Moratorium 2
An increasing part of the European population is affected by ill health symptoms that have for many years been linked to exposure to EMF and wireless radiation in the scientific literature. The International Scientific Declaration on EHS & multiple chemical sensitivity (MCS), Brussels 2015, declares that: “In view of our present scientific knowledge, we thereby stress all national and international bodies and institutions…to recognize EHS and MCS as true medical conditions which acting as sentinel diseases may create a major public health concern in years to come worldwide i.e. in all the countries implementing unrestricted use of electromagnetic field-based wireless technologies and marketed chemical substances… Inaction is a cost to society and is not an option anymore… we unanimously acknowledge this serious hazard to public health…that major primary prevention measures are adopted and prioritized, to face this worldwide panepidemic in perspective.”

Keep reading the article here and see the signatories: 171 scientists from 36 nations: 99 scientists from EU and 72 from other nations.

London a place to discover

See some more descriptions and pictures at this link

Actually, between 1985 and 1997 I had been hundred of times in London! When flying with the Airbus 310 (Swissair), the night’s stop in LHR were the great occasion to visit the city and attend to many musicals, or classical music concerts. I loved (and still love) London! It’s a cosmopolite city, full of interesting places to visit, without getting bored.

My daughter Sara Luna (for obvious reasons related to the Harry Potter saga) wished to see London, Station King Cross’s platform 9 3/4 and much more. The 2018 year-end holidays were the perfect opportunity! For me it was also the opportunity to meet Marianne… whom I had long wanted to meet in person. Unfortunately, Dina and her husband could not reach us because their lovely Sam was sick and had urgent surgery,  I was very sorry, but I’m sure there will be other occasions. England is a nation to be discovered… and you never have enough of it (Brexit apart)!!!

The last joke befor leaving:  LHR  Airport  – security control.
Did you know? It may seems a stupid joke but a muslim Security lady , with niqab and an awful makeup good for a disco drag-queen, considered the pots of marmelade to be “liquids”… (I buyied them from Fortnum&Mason, they were bearing a special seal).
Actually, maybe I’m wrong, but for me “liquid” means “fluid” and marmelade is “solid”.
It looks like that for the muslim officer is different, or maybe she only was frustrated and pissed off of her job and wanted to show her “woman’s-power”, the one which isn’t allowed in her culture.

…oOo…

In realtà, tra il 1985 e il 1997 ero stata centinaia di volte a Londra! Quando volavo con l’Airbus 310, il lay-over degli equipaggi Swissari a LHR era la grande occasione per visitare e vedere molti musical o concerti di musica classica. Ho amato (e amo ancora) Londra! È una città cosmopolita, piena di luoghi interessanti da vedere, senza mai annoiarsi.

Mia figlia Sara Luna (per ovvie ragioni legate alla saga di Harry Potter) desiderava vedere Londra, il binario 9 3/4 della Station King Cross e molto altro. Le vacanze di fine anno 2018 sono stata la perfetta occasione! Per me è stata anche l’opportunità di incontrare Marianna… che da tempo desideravo conoscere di persona. Purtroppo Dina e suo marito non hanno potuto raggiungeci poiché il loro Sam ha dovuto avere un’operazione d’urgenza, e questo mi è molto dispiaciuto, ma sono sicura che ci saranno altre occasioni. L’Inghilterra è una nazione tutta da scoprire… e non ne hai mai abbastanza (Brexit a parte)!!!

L’ultimo scherzo prima di partire:  Aeroporto LHR – controllo della sicurezza.
Lo sapevate? Può sembrare uno scherzo stupido, ma una mussulmana, impiegata della sicurezza, con niqab e un trucco orribile buono per una drag-queen, ha considerato i vasetti di marmellata come “liquidi”… (acquistati da Fortnum & Mason, perfettamente sigillati e impaccati).
In realtà, forse mi sbaglio, ma per me “liquido” significa “fluido” e la marmellata è “solida”.
Sembra che per l’ufficiale musulmana le notizioni di fisica sono diverse, o forse era solo frustrata e incazzata dal suo lavoro e voleva mostrare il suo “potere della donna”, quello che non le è permesso nella sua cultura.

 

 

Meet Robin… my new companion

Each Autumn, I receive a lovingly visit in our garden! But I’m not sure he’s the same one of the previous years.
It’s so strange, but I didn’t give him a name… maybe because a blog friend of mine, she had for several years the visit of Mir, a beautiful robin, and she now misses him very much.
I was quite sad, for many silly reasons, and Robin he was somehow conforting me.
It’s still quite warm here, and the bird loves to scratch the earth in the veggi-garden, searching for some insects or vorms.
If he would have let me, I could strech my hand and pat him… but I was too much enchanted looking at his beauty, so simple, so humble. I use to talk to animals, it is a lot easer to speak to them than with humans… sometimes.
I want to share Robin with you, asking not to forget our beautiful planet Earth… where many such loving little animals share it with us.
Protect Earth and the animal, with love and concern.

 

IMG_7487IMG_7490IMG_7496IMG_7497IMG_7498IMG_7499IMG_7502

Ogni autunno, ricevo una visita amorevole nel nostro giardino! Ma non sono sicura che sia lo stesso degli anni precedenti.
È così strano, ma non gli ho dato un nome… forse perché una mia amica di blog, ha avuto per diversi anni la visita di Mir, un bel pettirosso, e ora gli manca molto.
Ero piuttosto triste, per molte sciocche ragioni, e in qualche modollui  mi stava confortando.
È ancora abbastanza caldo qui, e il piccolino adora grattare la terra dell’orto alla ricerca  di insetti o vermi.
Se me lo avesse permo, avrei potuto allungare la mano e accarezzarlo… ma sono rimasto incantata a guardare la sua bellezza, così semplice, così umile. Io parlo con gli animali, è molto più facile parlare con loro che con gli umani… a volte.
Voglio condividere Robin con te, chiedendoti di non dimenticare il nostro bellissimo pianeta Terra… dove molti piccoli animali così amorevoli lo condividono con noi.
Proteggi il nosro pianeta e gli animali: fallo con amore e preoccupazione.

175 Signs-of-Justice from Around the Globe

by

Source Veganism: A Truth Whose Time Has Come
Posted by 

   

See all the pictures at this link-page:

Stand united against ALL oppression and injustice. In these brilliant signs from around the world, you’ll see many of the messages state that all oppression and injustice is connected. The signs speak of animal rights, women’s rights, racial rights, human rights, LGBT rights, climate justice,  gun reform, nonviolence, veganism, as well as the intersectionality of all oppression / discrimination. Each  
is a gem with a specific message, so enjoy them all.
175 beautiful photos to show that you can… make the difference!
…oOo…
Stare uniti contro ogni oppressione e ingiustizia. In questi brillanti segni provenienti da tutto il mondo, vedrete molti messaggi affermare che tutte le oppressioni e le ingiustizie sono collegate. I cartelloni parlano di diritti degli animali, diritti delle donne, diritti razziali, diritti umani, diritti LGBT, giustizia climatica, riforma delle armi, nonviolenza, veganismo e intersezione di ogni oppressione / discriminazione. Ogni cartellone è una gemma con un messaggio specifico, quindi goditeli tutti.
175 belle foto a dimostrare che si può… fare la differenza!
United Kingdom Animal Rights March

Amsterdam – Animal Rights March 2018

Los Angeles Animal Rights March 2017
United Kingdom Animal Rights March 2017
Animal Rights Activist, James Aspey wearing his sign.
Animal Rights March 2018 London
 
Animal Rights March San Diego 2018 – photo credit: Ana Levley
New York City Animal Rights March 2018 ~ Photo: VeganNewsNow
Berlin, Germany – Animal Rights March 2018 – Photo: Daniela Zysk 
Hong Kong Animal March
Auckland, New Zealand – Animal Rights March 2018

 

 

London 2016
Melbourne, Australia
 
End Animal Experimentation
Jews and Arabs march together for Animal Rights and Veganism
People’s Climate March
‘Friends of Animals ‘ Anti-Fur March in New York 
Signs in Arabic and Hebrew at the Arab-Jewish march for Animal Rights
 
 
Animal Rights / Global Warming Protest
Animal Rights Protest
Hansen and Goodman at P.E.T.A. Protest of Animal Experiments
VeganEasy Protest – Australia
London, U.K.
Melbourne, Australia
USA 
Northwest Animal Rights Network Protest
 
Animal Rights March – New York
U.K. Animal Rights March founded by Surge
 
DxE Protest California
Animal Rights March 2017
vegan/animal rights march
Animal Rights March – Miami – 2017 
 
 
Vegan Shift Parade Columbus, Ohio
Animal Rights March London 2016
 
The world’s largest Animal Rights March – Tel Aviv – 2017
 
 
Dublin, Ireland
March to Close all Slaughterhouses – Münster, Germany
Anti-Animal Experimentation – Dunedin, New Zealand
 
 
United Kingdom Demonstration
Animal Rights March 2018 – Philippines

Scotland – Animal Rights March 2018

 
Animal Rights March 2018 – 10,000 protesters marched through London
100 Vegan Doctors rallied in front of the white house in Washington, D.C.
 
Los Angeles Animal Rights March 2018

Photo credit: Karen Denton 

 

Clean Up Day…but it shoudn’t be necessary!

IMG_9137

To gather the garbage that others throw carelessly into nature… is certainly a very altruistic and admirable gesture. Even more beautiful would be if people brought respect to Nature, avoiding to throw around every kind of crap!

We collected two rusty bicycles, computer parts, road signs, table pedestals, eternit plates (with asbestos) in addition to the usual cans, pet bottles, glass bottles etc…
Where is respect? You do not learn it at the school desks, but rather from an early age, from your own family…

 

 

Raccogliere il pattume che altri gettano con noncuranza nella natura… è certamente un gesto molto altruistico e ammirevole. Ancora più bello sarebbe se la gente portasse rispetto alla natura, evitando di gettare in giro ogni tipo di schifezza!

Abbiamo raccolto due biciclette arruginite, dei pezzi di computer, cartelli stradali, piedistalli di tavoli, placche di eternit (con amianto) oltre alle solite lattine, bottiglie pet, bottiglie di vetro ecc…
Dov’è il rispetto? Non lo si impara sui banchi di scuola, ma bensì sin da piccoli, dalla propria famiglia…

The promise * La promessa

 

Crossing with the cinema time and imagination, Oscar winner Gabriele Salvatores signs for Almo Nature a contemporary fairy tale whose protagonists man, the wolf, and the dog.

A lovely short video to show us how to prove compassion and respect towards all the other species, as well…

…oOo…

 

Attraversando con il cinema il tempo e la fantasia, il premio Oscar Gabriele Salvatores firma per Almo Nature una fiaba contemporanea che ha per protagonisti l’uomo, il lupo e il cane.

Un bel video breve per mostrarci come provare compassione e rispetto verso tutte le altre specie…

Arosa – Graubünden

AROSA_LANGWIES

A volte ci mettiamo a programmare viaggi in terre lontane, oltre oceano e magari sopportando delle trasferte di giorni interi… quando in verità, abbiamo posti incantevoli ad un paio d’ore d’auto da dove viviamo.
A Sara Luna è stato offerto un corso di musica da camera di una settimana ad Arosa, nel canton Grigioni (avendo fatto un 2° premio al concorso svizzero di musica per la gioventù).
Per mio marito ed io è stata l’occasione per accompagnarla e regalarci qualche giorno in montagna.
Già in passato Emanuele Giosuè aveva avuto la possibilità di prendere parte a questi corsi molto interessanti organizzati dalla Kulturkreis Arosa, e due volte lo avevamo accompagnato, di conseguenza conosciamo Arosa relativamente bene.
Abbiamo preso in affitto un appartamento (anche se in una struttura molto grande e certamente non con caratteristiche tipicamente “alpine”) a 10 minuti dal posto dove si tenevano le lezioni e le prove d’assieme.
Sara Luna è stata anche lei molto contenta dell’esperienza che le ha permesso di conoscere altri giovani musicisti provenienti da tutta la Svizzera.
Arosa è un paese tranquillo, non molto affollato da turisti a differenza di St.Moritz o altri luoghi più eccentrici del canton Grigioni.
Ogni giorno abbiamo messo a dura prova le nostre gambe: camminando per 3 o 4 ore, principalmente su sentieri pianeggianti o in lieve declivio.
Considerando che ci sono molte funivie o teleferiche per raggiungere le vette a 2’653 m/s (Weisshorn), 2’496 m/s (Hörnli), Prätschalp sopra Maran e verso il Mattjishorn sopra Langwies, il ritorno ad Arosa lungo i pendii alpini riserba sempre un’esperienza fantastica. Questa volta mi sono sbizzarrita a fotografare la flora locale: impressionante la diversità, malgrado le zone a volte impervie.

 

 

Sometimes we start planning trips to distant lands, overseas and maybe enduring trips of whole days… when in truth, we have beautiful places a couple of hours drive from where we live.
Sara Luna was offered a week-long chamber music course in Arosa, in the canton of Graubünden (having made a 2nd prize in the Swiss youth music competition).
For my husband and I it was an opportunity to accompany her and give us a few days in the mountains.
In the past Emanuele Giosuè had the opportunity to take part in these very interesting courses organized by Kulturkreis Arosa, and twice we had accompanied him, so we know Arosa relatively well.
We rented an apartment (even if in a very large structure and certainly not with typical “alpine” features) 10 minutes walk from the place where the lessons and the rehearsals were held.
Sara Luna was also very happy with the experience that allowed her to meet other young musicians from all over Switzerland.
Arosa is a quiet village, not very crowded with tourists unlike St. Moritz or other more eccentric places in the canton of Graubünden.
Every day we put a strain on our legs: walking for 3 or 4 hours, mainly on flat trails or slightly sloping.
Considering that there are many cable cars or cableways to reach the peaks at 2’653 m / s (Weisshorn), 2’496 m / s (Hörnli), Prätschalp above Maran and towards Mattjishorn above Langwies, the return to Arosa along the slopes alpine meadows always was a fantastic experience. This time I went wild to photograph the local flora: impressive diversity, despite areas sometimes hardly accessible.

Roma e Calabria

On the road to Calabria, in the most southerly part of Italy, we stayed two nights in Rome.
The Eternal City has always fascinated me and every occasion for a visit is always welcomed with joy (see more photos here). But long-standing friends also live in Rome, and with Nunzia I share the passion of writing and manual work.
Going south on the SS18, we took a break near the “Spiaggia dell’Arco Magno”, along the coast on the Tyrrhenian Sea.
The final destination was Pizzo where we stayed for a week. From there, we visited Crotone on the Ionian Sea, at the extreme south Bova Marina and Tropea.
These areas of Italy I knew only from photographs, it was a pleasant surprise to discover very beautiful and little known places.
The beaches are still “clean”, perhaps more cared for tourism to take advantage of it. In Bova Marina I found Caterina, a dear friend I met in Catania about ten years ago. She has revealed to us the various problems related to local politics, which has a dramatic influence on the socio-cultural situation of Calabria. Not everything is as it appears … there is always a downside!

 

Sulla strada per la Calabria, nella parte più meridionale dell’Italia, ci siamo fermati due notti a Roma.
La Città Eterna mi ha da sempre affascinata ed ogni occasione per una visita è sempre accolta con gioia (qui vedi altre foto). Ma a roma vivono anche amici di lunga data, e con Nunzia condivido la passione della scrittura e dei lavori manuali.
Scendendo verso sud sulla SS18, abbiamo fatto una pausa in prossimità della “spiaggia dell’Arco Magno”, lungo la costa sul Mar Tirreno.
La destinazione finale era Pizzo dove abbiamo soggiornato per una settimana. Da lì, abbiamo visitato Crotone sul Mar Ionio, all’estremo sud Bova Marina e Tropea.
Queste zone d’Italia le conoscevo solo da fotografie: è stata una piacevole sorpresa scoprire luoghi molto belli e poco conosciuti.
Le spiagge sono ancora “pulite”, forse maggiormente curate affinché il turismo ne possa trarre vantaggio. A Bova Marina ho ritrovato Caterina, una cara amica conosciuta a Catania una decina d’anni or sono. Lei ci ha svelato le diverse problematiche legate alla politica locale, che influisce in modo drammatico sulla situazione socio-culturale della Calabria. Non tutto è come appare… c’è sempre un rovescio della medaglia!

Conference of the WWF Sections Switzerland * Conferenza delle sezioni WWF 2018

Once a year, all the Swiss WWF Sections meet to discuss topics and strategies, put priorities and get updated about the many projects going on especially in our Country. This weekend, I had the Chance to attend with my husband, President of the Swiss Italian part, and himself a “volunteer” too.
After the greetings of M. Daniel Perret WWF President for the Canton Vaud followed by the State Councilor Mme J. De Quattro and M. Kurt Schmid President of the WWF Foundation, the works started.
The actual situation about the review of the “hunting law” and of the “nature’s protection law”, was the most importante point to clear.

The Conference calls on the Foundation Board and the Direction of the WWF Switzerland to work and to fight, in association with the partner organizations, to prevent the implementation of the new proposal to amend the “hunting’s law” and the  “nature’s protection law”.
If the Federal Chambers (National Council) accepted the revision of the hunting law, the Foundation Council has already decided to launch a referendum so that the Swiss people can decide/express on the protection of wild animals (wolf, bear, lynx, beaver , etc.). The referendum will be in case launched at the end of the current year.
Another very important topic, although it currently concerns two cantons, is the land planning (LAT2 – RFG II). Furthermore, emphasis was placed on the fundamental importance that Pro Natura and WWF shall use synergies and coordination in the struggle to create conditions for working together.

In the afternoon, working groups were formed that leant on four specific themes: -sustainable farming, how to act at the cantonal level (Agridea); – sustainable areas (One Planet Living); -future of the Conference of the Sections; – WWF Events platform, tools to be used to engage members in the future.

There have been many interesting interventions under the various aspects, subjectively considered important, but not always feasible without having a broad-scale impact. Unfortunately, the various Lobbies have a predominant influence on the choices you can (want) to adopt, not always politically correct, but other alternatives are not currently present.
Perhaps just to be able to involve the citizens, the WWF appeals for the people to take action and support this NGO that is internationally doing everything possible to protect our planet, our “only” home, so that even the future generations can take up the challenge with responsibility of this legacy.

 

 

Una volta all’anno, tutte le sezioni svizzere del WWF si incontrano per discutere di argomenti e strategie, mettere le priorità e aggiornarsi sui numerosi progetti in corso soprattutto nel nostro Paese. Questo fine settimana ho avuto la possibilità di partecipare con mio marito, presidente del WWF della Svizzera italiana, e anche lui un “volontario”.
Dopo i saluti del p
residente del WWF per il Canton Vaud M. Daniel Perret, seguito dalla Consigliera di Stato Mme J. De Quattro e dal Presidente della Fondazione WWF M. Kurt Schmid, i lavori sono iniziati.
La situazione attuale in merito alla
revisione della “legge sulla caccia” e della “legge sulla protezione della natura”, era l’argomeno attuale a livello federale più scottante.

La conferenza chiede al Consiglio di Fondazione e alla Direzione del WWF Svizzera di adoperarsi e di lottare, in associazione con le organizzazioni partner, per impedire la messa in atto della nuova proposta di modifica della legge sulla caccia e sulla Protezione della Natura e del paesaggio.
Se le Camere Federali (Consiglio Nazionale) accettasse la revisione della legge sulla caccia, il Consiglio di Fondazione ha già deciso di lanciare un referendum affinchè il popolo svizzero possa decidere/pronunciarsi in merito alla protezione degli animali selvatici (lupo, orso, linci, castoro, ecc.). Il referendum sarà in caso lanciato alla fine del corrente anno.
Altro tema molto importante, seppure concerne attualmente due cantoni, è la pianificazione del territorio. Inoltre si ha posto l’accento sull’importanza fondamentale che Pro Natura e WWF utilizzino sinergie e coordinazione per affinché si creino condizioni per lavorare assieme.

Nel pomeriggio si sono formati gruppi di lavoro che si sono chinati su quattro tematiche specifiche: -agricoltura sostenibile, come agire a livello cantonale (Agridea); -quartieri sostenibili (One Planet Living); -futuro della Conferenza delle Sezioni; -piattaforma WWF Events strumenti da utilizzare per coinvolgere in futuro i membri.

Vi sono stati molti interventi interessanti sotto i vari aspetti, soggettivamente ritenuti importanti, ma non sempre attuabili senza avere un impatto ad amplia scala. Purtroppo le varie Lobby influiscono in modo preponderante sulle scelte che si possono (vogliono) adottare, non sempre politicamente corretto, ma non sono presenti al momento attuale altre alternative.
Forse proprio per poter maggiormente coinvolgere i cittadini, il WWF lancia un appello affinché la popolazione si attivi e sostegno di questa ONG che a livello mondiale sta facendo tutto il possibile per la salvaguardia del nostro pianeta: la nostra “unica” casa, affinché anche le generazioni future possano con responsabilità raccogliere la sfida di questo lascito.

Why let the hunters kill them? * perché lasciarli ammazzare?

10BBC_wolvestop_alamy

Non più specie “strettamente protetta”, ma solamente “protetta”. Il Consiglio degli Stati ha deciso martedì che sarà più facile abbattere i lupi, declassandone il grado di protezione. Con 29 voti contro 14 è stata respinta una proposta della sinistra di rinviare al Governo la modifica della legge federale sulla caccia. La revisione – di cui ora è in corso l’esame di dettaglio – prevede che la regolazione degli effettivi di alcune specie protette possa essere facilitata, al fine di impedire grossi danni o pericoli per l’uomo.

I Cantoni non saranno quindi più obbligati a provare un danno concreto. Previa consultazione dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), potranno effettuare “interventi regolatori negli effettivi” non soltanto per i lupi, ma anche per talune altre specie protette che sono fonte di controversie. Tra queste figurano lo stambecco e il cigno reale.

“Si direbbe quasi che la Svizzera abbia un solo problema: il lupo”, ha dichiarato la ministra dell’ambiente Doris Leuthard.

Si attende ora il lancio del referendum da parte delle associazioni animaliste.

.

 

https://www.rsi.ch/news/svizzera/Lupo-attento-alluomo-10549436.html

.

.

No longer “strictly protected”, but only “protected” species. The Council of States has decided on Tuesday that it will be easier to break down the wolves, downgrading their degree of protection. With 29 votes against 14 a proposal by the left to postpone to the Government the amendment of the federal hunting law was rejected. The review – which is now undergoing a detailed examination – provides that the regulation of the members of certain protected species can be facilitated, in order to prevent major damage or danger to humans.

The cantons will therefore no longer be obliged to prove concrete damage. After consulting the Federal Office for the Environment (FOEN), they will be able to carry out “regulatory interventions in the field” not only for wolves, but also for certain other protected species that are a source of controversy. These include the ibex and the mute swan.

“It would almost seem that Switzerland has only one problem: the wolf,” said environment minister Doris Leuthard.

The launch of the referendum by animal welfare associations is now awaited.

.
.

The protection of species in the target * La protezione delle specie nel mirino

WWF Stories:      La protezione delle specie nel mirino

Luchsmutter-mit-Jungem

copyright WWF

The beaver, the lynx, the wolf and many other threatened wildlife that populate Switzerland may soon lose the protection they enjoy. Parliament is debating the revision of the hunting law. Soon the regulation of the effects of different protected species and their preventive slaughter could be allowed. We believe all this intolerable!

On the occasion of the International Biodiversity Day, we want to reiterate that the balance between protection, regulation and hunting is vital for the native wildlife, which contributes significantly to keeping the ecosystem healthy. It is good for nature, but also for man!

You are also on our side to protect biodiversity. From May 24th to May 27th you can also take part in one (or more) of the events organized for the Festival.

lince con piccolo

 

Il castoro, la lince, il lupo e molti altri animali selvatici minacciati che popolano la Svizzera potrebbero presto perdere la protezione di cui godono. Il Parlamento sta dibattendo la revisione della legge sulla caccia. A breve potrebbero quindi essere ammessi la regolazione degli effettivi di diverse specie protette e il loro abbattimento preventivo. Riteniamo tutto questo intollerabile!

In occasione della Giornata internazionale della biodiversità, vogliamo ribadire che l’equilibrio tra tutela, regolazione e caccia è vitale per la fauna selvatica autoctona, che contribuisce in misura importante a mantenere in salute l’ecosistema. È un bene per la natura, ma anche per l’uomo!

Schierati anche tu al nostro fianco per proteggere la biodiversità. Dal 24 al 27 maggio partecipate anche voi a uno (o più) degli eventi organizzati in occasione del Festival.

Peace of mind and body in Kerala

More pictures here * ulteriori fotografie

 

I desperately needed rest, to recharge the batteries and to dedicate myself solely to my health and mind care.
With Nadia, a friend I’ve known for 40 years, I knew I could easily do this kind of experience.
Ayurveda is a complete science, thousands of years old, that I already had the opportunity to discover with my family few years ago.
Being able to do it alone, dedicating myself solely to physical and mental health, has become a necessity.
In this last period I have been confronted with deeply touching aspects, a sort of rejection towards the society in an advanced decay, it was the result. The insensitivity to animals, nature and everything connected to it, filled me with annoyance and pain. Moreover, the stress related to my activity and the impossibility of seeing possible future improvements, really put a strain on my immune system.
The need to “find myself” and to think only of myself and my priorities, allowed me to regain hope and confidence and to recharge the motivation to continue to fight for the animalist and naturalist causes… as well as to face the sad reality of the sector in which I deal in my professional activity. Nadia and I have visited an orphanage for girls, a little help is always precious for these young people without a family. I have also been to the extreme southern tip, Kanyakumari and we hiked on the Backwaters…

I shall cherish a vivid memory, full of fantastic flavors, scents and unforgettable therapy sessions that have really put me back into top form!

 

…oOo…

 

Avevo disperatamente bisogno di riposo, di ricaricare le batterie e di dedicarmi unicamente alla cura della salute e della mente.
Con Nadia, amica che conosco da 40 anni, sapevo di poter tranquillamente fare questo tipo d’esperienza.
L’ayurveda è una scienza completa, vecchia di migliaia d’anni, che già avevo avuto modo di sperimentare con la mia famiglia qualche anno or sono.
Poterlo fare da sola, dedicandomi unicamente alla salute fisica e mentale, è diventata una necessità.
In questo ultimo periodo sono stata confrontata con aspetti profondamente toccanti, una sorta di rigetto nei confronti della società in avanzato decadimento, è stato il risultato. L’insensibilità nei confronti degli animali, della natura e di ogni cosa ad essa collegata, mi ha colmata di fastidio e dolore. Inoltre, lo stress legato alla mia attività e all’impossibilità di vedere dei possibili miglioramenti futuri, mettono veramente a dura prova il mio sistema immunitario.
La necessità di “ritrovarmi” e di unicamente pensare a me ed alle mie priorità, mi ha permesso di riacquistare speranza e fiducia e di ricaricare la motivazione di continuare a lottare per le Cause animaliste e naturaliste… nonché affrontare la triste realtà del settore del quale mi occupo nell’attività professionale. Nadia ed io abbiamo visitato un orfanotrofio di ragazze, un piccolo aiuto è sempre prezioso per queste giovani senza famigia. Inoltre sono stata alla punta estrema sud, Kanyakumari e abbiamo fatto un’escursione sulle Backwaters…

Serberò un ricordo vivido, ricolmo di sapori fantastici, di profumi inebrianti e di sedute di terapia indimenticabili che mi hanno davvero rimessa in piena forma!

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 55,223 hits
  • Translate