• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Memories * Memorie

(excerpt from my novel Mists on the Moor – Nebbie nella Brughiera)

The water flows. With it time, which only leaves traces on my body, in my spirit. While indelible memories re-emerge in the dreams of the night that is always too long. The long walks along the sea where the waves carry to the beach the tiny shells with such strange shapes… We were dreaming for hours, looking at the infinite blue and the whitish edges of vigorous waves that crashed against the coral reef. Even now, it seems to me that everything followed a precise pattern: you and me in an earthly paradise. Our Eden, discovered by chance during a sailing trip.
You always filled me with sweetness, you shaped me with your infinite tenderness… and I drowned in the green of your cat eyes.
– Who are you? – you always wanted to joke when you asked me seriously. Your mind was always racing too fast, like when you maxed out the sails and took the peak waves. You liked the sea. You compared me to your sea that you discovered inch by inch, while with trembling hands you walked the inlets of my body to reach your forbidden beach.
You were like the undertow, in the full moon, when love took on the contours of your big body on which the moon was reflected in silver flashes. You appeared immense to me, and I was so small and fragile. But you were sweet. From the taste of the sea, a taste of salt that stopped at the sides of the mouth, on the moist and warm lips that were waiting for you palpitating.
– Where will you go one day when you get tired of the sea? – you always wanted to dream. Unaware that I always adore the sea, as I adore the sky, and the earth, as well as I cannot live without fire.
The same fire I feel inside, just thinking about those moments, the green of the prairies reflected in your loving gaze. We returned several times to that beach, we knew that it took so little to be able to be together in heaven, on earth and in the sea. You were beautiful, charming… then when I adjusted your uniform’s tie, you always teased me: – Look, I’m in control of you, from here. You don’t have many passengers today and I, don’t forget, I’m always your superior! –
Feelings shared at ten thousand meters, as speed blunted the distances between continents and new frontiers opened up before us. It was love. A feeling of pure madness. Both were aware that everything was like a dream. Like the New Year in Hong Kong and the honeymoon in Sydney… while the water flowed and with it the time.
– Will you love me for eternity? – you asked in a voice broken by emotion, squeezing me tightly against your body. I remember the softness of your raven hair, while with my fingers I played with your nape with lips that sought yours.
– Until death separates us – I remember having answered you…

Italian translation

Scorre l’acqua. Con essa il tempo, che solo lascia tracce sul mio corpo, nel mio spirito. Mentre i ricordi, indelebili riemergono nei sogni della notte sempre troppo lunga.Ricordi? Le lunghe passeggiate lungo il mare dove le onde portano sulla spiaggia le minuscole conchiglie dalle forme così strane…Stavamo per ore a sognare, guardando l’azzurro infinito ed i bordi biancastri d’onde vigorose che s’infrangevano contro la barriera corallina. Anche ora mi sembra che tutto seguiva un disegno preciso: io e te in un paradiso terrestre. Il nostro Eden, scoperto per caso durante una gita in barca a vela.
Mi hai sempre riempita di dolcezze, mi hai plasmata con la tua tenerezza infinita… ed io affogavo nel verde dei tuoi occhi da gatto.
– Chi sei? – avevi sempre voglia di scherzare, quando con serietà me lo chiedevi. La tua mente correva sempre troppo veloce, come quando tiravi al massimo le scotte e prendevi le onde di punta. Ti piaceva il mare. Mi paragonavi al tuo mare che scoprivi centimetro dopo centimetro, mentre con mani tremanti percorrevi le insenature del mio corpo per raggiungere la tua spiaggia proibita.
Eri come la risacca, nel plenilunio, quando l’amore assumeva i contorni del tuo grande corpo sul quale la luna si rifletteva in guizzi argentei. Mi apparivi immenso, ed io così piccola e fragile. Ma eri dolce. Dal sapore di mare, gusto di sale che si fermava ai lati della bocca, sulle labbra umide e calde che ti attendevano palpitando.
– Dove andrai, un giorno, quando ti sarai stancata del mare? – avevi sempre voglia di sognare. Ignaro che io adoro sempre il mare, come adoro il cielo, e la terra, come pure non posso vivere senza il fuoco.
Lo stesso fuoco che provo dentro, al solo pensare a quei momenti, al verde delle praterie riflesse nel tuo sguardo innamorato. Siamo ritornati diverse volte su quella spiaggia, sapevamo che bastava così poco per riuscire a stare insieme in cielo, sulla terra e nel mare. Eri bellissimo, affascinante… quando poi aggiustavo la tua cravatta dell’uniforme sempre mi prendevi in giro: – Guarda che ti controllo, da qui. Oggi non hai molti passeggeri ed io, non scordarlo, sono sempre il tuo superiore! –
Sentimenti condivisi a diecimila metri, mentre la velocità smorzava le distanze tra i continenti e nuove frontiere si aprivano davanti a noi.Era amore. Un sentimento di pura follia. Entrambi consapevoli che tutto era come in un sogno. Come il capodanno ad Hong Kong e la luna di miele a Sidney… mentre l’acqua scorreva e con essa il tempo.
– Mi amerai per l’eternità? – chiedevi con voce rotta dall’emozione stringendomi forte contro il tuo corpo. Ricordo il morbido dei tuoi capelli corvini, mentre con le dita giocavo con la tua nuca con labbra che cercavano le tue.
– Fino a che la morte non ci separerà – ricordo d’averti risposto…

The Clock [thoughts from: The game of glass beads – Hermann Hesse]

The Casa Camuzzi in Montagnola – Collina d’Oro – Ticino, was built in the middle of the 19th century by the Ticino architect Agostino Camuzzi and was completed in 1853. The Nobel Prize winner Hermann Hesse from 1919 to 1931, as well lived there. The Glass Beads Game is one of Hesse’s notable works.

I walk with bowed head, looking at the tip of my gym shoes smeared with mud, as I fear that my steps might awaken the souls of the past who have stayed in this magical place. But I just leave confused traces where the grass does not cover the passage, which overlaps with those of a dog or perhaps a plump cat.

The scents of grass and wet earth are tinged, but most of all the acrid smell of smoke emerges. The clock overlooking the stairs to the park marks 2:00 but it is almost night. Who knows for how many years has stopped working? With the imagination I can imagine the noble women who were facing from the balcony, to spy who wandered down below in the park philosophizing. I smile at this bizarre idea while I try to remain vigilant, ready to flee at any sudden noise or shadow.

The yellowish façade’ plaster is crumbling, eroded by centuries while ivy is a reddish patch that looks like stale blood, violently clinging to the iron bars of the windows with half-closed shutters. Who knows what else is hidden from view of the curious sparrows that have woven bushy stems under those baggy parapets! Fragile nests, unusual homes of winged and ephemeral dreams. Those of once, those that will be, the same as ever, those of everyone.

And here everything is decadent and deprived of its original beauty: those Baroque frills are now just a tangle torn in several places. How could it be so neglected in the last century? What will become of this park? What will succeed in pursuing the thirst for wealth of those who wanted, even here, to speculate on a property even on the list of cultural heritage? The thought flows around and without effort sees the previous facts in the region… so many… too many!

The evening sun is hidden behind thick clouds dark and menacing, ready to be torn to unleash their liquid fury above the ground already soaked and slippery. The swallows fly low, almost to verge on the top of the old trees that will be soon cut.

I realize I’m shaking, sadness, anger… maybe. Or fear. Fear of what or whom?
The demolition company doesn’t works on Sundays and certainly no one else would dare to infringe peremptory orders that dominate the large sign: a warning to the wicked, or nostalgic. I hold in my hands the camera; I realize that the tremor became more intense.

I managed to get through the hole in the wall, where the twisted iron fence has already started to rust. It was an act dictated by the impulse, the desire to see it, once again, the mansion, despite the sign on the gate that prohibits the entrance to the non-professionals.

The big oleander wood and unpruned plane trees hinder the passage: I wonder how long a gardener has not set foot in this park, but Camuzzi house was a meeting place for enlightened minds, intellectuals forced into exile, artists in search of inner peace and, perhaps, were also frequented by madmen.
My grandfather used to tell me a story, when I was having fun sitting on his knees pulling his mustache to see how long they were. It was a strange story, for a child of six years old. He said, my grandfather, since 1919 had lived in that property a man who wrote stories full of wonderful humanitarian ideals and utopian visions.

He had known him, my grandfather, and a few times he met him walking below, toward Agra, in the woods which at that time were still immense. Since then it has been over century! Later, grandfather said, that gentleman was confined to his property isolating himself from the world.

They did not speak the same language, but understood each other because both were very wise. My grandfather knew the names of all the plants, all the birds that hovered in the air and all the fish that swam in the lake! My grandfather knew how to read the clouds and perceive in the wind if rain would come and he knew what was good for the land which he cultivated with great love. Of course, my grandfather was a very wise man… he loved animals and plants and respected them.

Many years later, when the memories just brought me back the words of my grandfather, I thought back to the writings of this man so special that he lived in this villa. I keep a particular booklet, gift of my grandfather for my twelfth birthday. A story that is somehow imbued with memories and adventures of the writer himself… and maybe these are the same that I now want to touch with curious and greedy eyes.

I turn around and the look runs along the wall, down below, to the side of the road. I want to make sure that no one has stealthily followed me: what I’m doing is cruel and at the same time prohibited. I’ll steal archetypes images, the universal ones, the same written in the Siddhartha, whom represent the dark side of the collective subconscious, as they were defined by a well-known psychoanalyst who upset Freud’s theories. These will be images to witness the abandonment and destruction of this shrine, wanted by the sacrilegious selfishness and greed, and then I’ll feed it to those who want to shout immorality!

I think of the gentry, whom at this very moment are sitting on the veranda sipping an aperitif before Sunday’s dinner, or those who are in the town’s bar gossiping and judging the most, just for the pleasure of persecuting, for no weighted reason. This is the human nature. Over this hill, over the wall of the house and beyond the recklessness of the big palaces built in bulk, the vision of the underlying arm of Ceresio’s Lake is a panacea of blue. One might wonder why they allowed it to erect on this ground, embraced between two streets. But times have changed and with them the vision of the people. Even the thick wood that came down to the lake no longer exists, already for some fifty years. Matter of political priorities, economic, silence and conspiracy of silence … a lot of it.

In my jacket pocket I perceive and gently touch the little book by its bluish cover, damaged on the corners and worn for too much wander around in its company. I stop, look up, and then over my shoulder. It is time, once again will resound my voice fragile by emotion. I’m looking for the page where the dry daisy acts as a bookmark:

“See, Govinda, this is one of my thoughts, the ones that I’ve found: wisdom is not communicable. The wisdom of a learned man, who tries to communicate to others, always has a sound of madness … “
Who knows, maybe he, the spirit of the writer, is there hidden somewhere… and he’s watching the self-extinguishing world. Then a meow surprises me. I smile and the sadness of the soul vanishes as if by magic. A rubbing of soft sweetness around my legs, his back arched, his eyes full of infinite’s reflections.

– Hey kitty, but what you’ve done? Did you follow me… we could both end up in a big mess, you know?
The booklet disappears in the pocket, with the hand I touch it to make sure that it stays with me: a memory? For now… Then I bowed and I take my cat in the arms. It’s time to go home, maybe it really is wisdom to let the memories remain as such… Humbly I retrace the path; turn once again and looked up at the clock.
Yes, it’s broken. Shows always 2:00… I smile… but even a stopped clock tells the right time twice a day.(1) 

(1) quote from: The Glass Bead Game, Hermann Hesse in 1943

Copyright © Claudine Giovannoni 2014

…oOo…

Cammino a testa china guardandomi la punta delle scarpe di ginnastica imbrattate di fango, quasi avessi timore che i miei passi possano risvegliare le anime del passato che hanno soggiornato in questo magico luogo. Ma lascio solo tracce confuse, dove l’erba non ricopre il passaggio, che si sovrappongono a quelle di un cane o forse di un paffuto gatto.

I profumi dell’erba umida e della terra sono soffusi, ma più di tutti affiora l’odore acre del fumo. L’orologio che sovrasta la scala d’accesso al parco, segna le 14:00 ma è quasi notte. Chissà da quanti anni ha smesso di funzionare. Con la fantasia riesco ad immaginare le nobili donne che si erano affacciate da quel balconcino, per spiare chi giù sotto girovagava nel parco filosofeggiando. Sorrido a questa bizzarra idea mentre cerco di restare vigile, pronta a scappare ad ogni rumore o ombra improvvisi.

L’intonaco giallognolo della facciata si sta sbriciolando, corroso dai secoli mentre l’edera rossiccia è una chiazza che assomiglia a sangue raffermo, violentemente avvinghiata alle inferriate delle finestre con le persiane chiuse. Chissà cos’altro è nascosto alla visione dei passeri curiosi che hanno intessuto steli cespugliosi sotto quei larghi parapetti! Nidi fragili, inconsuete dimore di sogni alati ed effimeri. Quelli di un tempo, quelli che saranno, quelli di sempre, quelli di tutti.

E qui ogni cosa è decadente, privata della sua originale bellezza: quei fronzoli in stile barocco sono ora solo un groviglio squarciato in più punti. Come ha potuto essere trascurato così in quest’ultimo secolo? Cosa ne diverrà di questo parco? Cosa riuscirà a perseguire la sete di ricchezza di chi ha voluto, anche qui, speculare su una proprietà che addirittura figura nella lista dei beni culturali? Il pensiero scorre intorno e non fatica a visualizzare i precedenti della regione … tanti … troppi!

Il sole della sera è nascosto dietro grosse nuvole oscure e minacciose, pronte a squarciarsi per liberare la loro furia liquida sopra la terra già inzuppata e scivolosa. Le rondini volano basse, quasi a rasentare la cima delle piante secolari che presto verranno tagliate.

Mi accorgo di tremare, la tristezza, lo sdegno … forse. O la paura. Timore di cosa o di chi?

L’impresa di demolizione non lavora di domenica e certamente nessun altro oserebbe contravvenire agli ordini perentori che troneggiano sul grosso cartello: un monito agli scellerati, o ai nostalgici. Stringo tra le mani la macchina fotografica, mi accorgo che il tremito si è fatto più intenso.

Sono riuscita ad entrare attraverso lo squarcio nel muro, dove la ramina contorta ha già iniziato ad arrugginire. È stato un atto dettato dall’impulso, dal desiderio di vederla, ancora una volta, la villa, malgrado il cartello posto sul cancello che vieta l’entra ai non addetti ai lavori.

Il grosso bosco di oleandri ed i platani non potati, ostacolano il passaggio: chissà da quanto tempo un giardiniere non ha più messo piede in questo parco, eppure casa Camuzzi era stata luogo d’incontro di menti illuminate, d’intellettuali costretti all’esilio, d’artisti alla ricerca della pace interiore e, forse, l’hanno frequentata anche dei pazzi.

Mio nonno soleva raccontarmi una storia, quando seduta sulle sue ginocchia mi divertivo a tirargli i baffi per vedere quant’erano lunghi. Era un racconto strano, per una bimba di sei anni. Diceva, il nonno, che dal 1919 in quella proprietà aveva vissuto un uomo che scriveva storie ricche di ideali umanitari e meravigliose visioni utopiche.

Lo aveva conosciuto, mio nonno, e un paio di volte lo aveva incontrato passeggiando più sotto, verso Agra, nel bosco che a quei tempi era ancora immenso. Da allora è trascorso più di un secolo! In seguito, diceva il nonno, quel signore si era rinchiuso nella sua proprietà isolandosi dal mondo.

Non parlavano la stessa lingua, ma si capivano poiché entrambi erano molto saggi. Mio nonno conosceva il nome di tutte le piante, di tutti gli uccelli che si libravano nell’aria e di tutti i pesci che nuotavano nel lago! Mio nonno sapeva leggere nelle nuvole e percepire nel vento se sarebbe arrivata la pioggia e sapeva ciò che era buono per la terra che coltivava con grande amore. Certo, mio nonno era molto saggio … amava gli animali e le piante e li rispettava.

Molti anni più tardi, quando solo i ricordi mi riportavano le parole del nonno, ho ripensato agli scritti di quell’uomo così speciale che ha abitato in questa villa. Serbo un libricino particolare, regalo del nonno per il mio dodicesimo compleanno. Una storia che in qualche modo è intrisa di ricordi e di vicissitudini dello stesso scrittore … e forse sono le stesse che ora voglio toccare con occhi curiosi e avidi.

Mi volto e lo sguardo corre lungo il muro di cinta, giù in fondo, verso il lato della strada. Desidero assicurarmi che nessuno mi abbia furtivamente seguita: ciò che sto per fare è crudele ed al contempo proibito. Ruberò immagini di archetipi, quelli universali, gli stessi ripresi nel Siddhartha, quelli che rappresentano il lato oscuro del subconscio collettivo, come vennero definiti da un noto psicanalista che sconvolse le tesi freudiane. Saranno immagini a testimonianza dell’abbandono e rovina di questo santuario, voluto dal sacrilego egoismo e dalla cupidigia, poi lo darò in pasto a chi vorrà gridare all’immoralità!

Penso alla gente perbene, che in quello stesso attimo se ne sta seduta nella veranda a sorseggiare un aperitivo prima della cena domenicale o a quelle persone che al bar del paese stanno spettegolando giudicando i più, solo per il diletto di infierire, senza nessuna ragione ponderata. Questa è l’indole umana. Sopra questa collina, oltre il muro di cinta della villa e al di là della sventatezza dei grossi palazzi edificati alla rinfusa, la visione del sottostante braccio del Ceresio è una panacea di blu. È lecito chiedersi perché abbiano permesso che si edificasse proprio su questo terreno, abbracciato tra due stradine. Ma i tempi sono cambiati e con essi la visione della gente. Anche il folto bosco che arrivava giù fino al lago non esiste più già da una cinquantina d’anni. Questione di priorità politiche, economiche, di silenzi e di omertà … tanta.

Nella tasca della giacca percepisco e tocco con delicatezza quel libricino dalla copertina azzurrina, rovinata sugli angoli e consunta per il troppo girovagare in sua compagnia. Mi fermo, guardo verso l’alto e poi oltre le mie spalle. È giunto il momento, ancora una volta potrà risuonare la mia voce fragile dall’emozione. Cerco la pagina, dove la margherita secca funge da segnalibro:

“Vedi, Govinda, questo è uno dei miei pensieri, di quelli che ho trovato io: la saggezza non è comunicabile. La saggezza che un dotto tenta di comunicare ad altri, ha sempre un suono di pazzia …”

Chissà, forse lui, lo spirito dello scrittore, è là nascosto da qualche parte … e sta osservando il mondo che si auto annienta.  Poi un miagolio mi sorprende. Sorrido e la tristezza dell’animo svanisce come per incanto. Uno strusciare di morbida dolcezza attorno alle gambe, la schiena arcuata, gli occhi pieni di riflessi d’infinito.

– Hei micio, ma che hai fatto? Mi hai seguito … potevamo finire entrambi in un grosso pasticcio, sai?

Il libricino sparisce nella tasca, con la mano lo tocco per essere sicura che resti con me: un ricordo? Per ora si … Poi mi chino e prendo il mio gattone tra le braccia. È ora di ritornare a casa, forse è davvero saggezza lasciare che i ricordi restino tali …  Umilmente ripercorro il vialetto, giro ancora una volta lo sguardo verso l’orologio.

Sì, è rotto. Segna sempre le 14:00 … sorrido … eppure anche un orologio fermo segna l’ora giusta due volte al giorno. (1)      

(1) citazione da: Il gioco delle perle di vetro, Hermann Hesse 1943

Copyright © Claudine Giovannoni 2014

On sale in Ascona… * in vendita ad Ascona…

La prossima domenica 9 aprile, in occasione degli Eventi Letterari Monte Verità, il mio ultimo romanzo Il Segreto degli Annwyn (in lingua italiana e inglese) sarà in vendita sul Lungolago di Ascona.

Un’occasione da non perdere per chi desidera acquistare una copia autografata!

The next Sunday, April 9, at the Literary Events Monte Verità, my latest novel The Annwyn’s Secret (in Italian and English) will be on sale on the lake shore of Ascona.

An opportunity not to be missed for those who want to buy an autographed copy!

You still have time… * Hai ancora tempo…

.
Per chi non avesse ancora conosciuto Chrysalis e Joshua… per fr./euro 28.- vi spedisco a casa vostra il romanzo, impachettato con carta-regalo!
Inserite i vostri dati personali al link soprastante e un’eventuale richiesta di dedica, il romanzo vi sarà inviato entro le 24 ore.
.
cover6
 And for those who had not yet met Chrysalis and Joshua… you may order the English version of the novel on Amazon
or you may receive it directly from the publisher:
.
Copertina_Inglese_The_Annwyn's_Secret
.
.

Getting ready

IMG_5023

Although many years are gone by, I awfully miss my previous job in the civil aviation.
I do travel around the globe each day… most of the time in a daydream… Quite good enough.
After a couple of months, back from some real vacation, inside me again arouses a strange deep need: unravel another place on earth I didn’t visit yet or wanted to visit again since it was a memorable spot.
The most interesting and evoking moments are those of preparing the next adventure! Since few weeks, at night, I search for details on  the internet and travel guides’ books, dreaming about those couple weeks I will spend in Nepal with my friend Nadia. And such panoramas are awaiting us… just enough to lose your mind!

And in Nepal, after the terrible earthquake in 2015… I am sure there is much to do to help!

 

…oOo…

Anche se molti anni sono passati, ho ancora terribilmente nostalgia del mio precedente lavoro nell’aviazione civile.
Sono sempre in viaggio, ogni giorno… e la maggior parte del tempo sogno ad occhi apertiNon è male. Ma dopo un paio di mesi, di ritorno da una qualche vacanza, dentro di me cresce una strana necessità: visitare un altro posto sulla terra che non ho ancora visto o che desidero rivedere poiché l’avevo trovato incantevole!
I momenti più piacevoli  sono quelli che rievocano esperienze passate, e quelli che passi a  preparare la tua prossima avventura! Da settimane, di notte, cerco i dettagli su internet e su guide di viaggio, sognando quelle due settimane che passerò in Nepal con la mia amica Nadia. E questi sono i panorami che ci attendono… sufficiente per farvi uscire di senno!

In seguito al terribile terremoto del 2015, c’è molto che si può fare per aiutare!

Books are pieces of dreams… I libri sono frammenti di sogni

Copertine_romanzi

Inside my novels, there is a common dream aiming to change the world for a better place for humankind… You will find appealing descriptions of places far away, you may travel with the characters on airplanes and sailboats, you will plunge into unrevealed mysteries and you will feel the shiver realizing that most of it are realities behind a closed door.
The last book “The Annwyn’s Secret” is available in English on Amazon.com, for the other books you can order them (Italian versions) directly here.

…oOo…

Tra le pagine dei miei libri, c’è un sogno comune di cambiare il mondo facendolo diventare posto migliore per l’umanità… Nei romanzi, troverete accattivanti descrizioni di luoghi lontani, viaggerete seguendo i personaggi su aerei e barche a vela, vi immergerete in misteri non rivelati e percepirete un brivido realizzando che la maggior parte di quanto scrivo sono realtà dietro una porta chiusa.
L’ultimo romanzo “Il Segreto degli Annwyn” è ora disponibile in inglese su Amazon.com, gli altri libri(versione italiana) puossono essere ordinati direttamente qui.

Do you want to meet her?

Chrysalis will tell you her story…
after the success of the original version in Italian, the novel “The Annwyn’s Secret” is purchasable on Amazon.com in English.
Don’t miss the chance for the special discounted price for £ 7.99! Get your copy now…

Get your copy here on Amazon.co.uk

Copertina_Inglese_The_Annwyn's_Secret

By the way… if you need the original version in Italian, click on the link below.

A proposito… se desideri ordinare la versione originale in lingua italiana, accedi al link

 

Per ordinare la versione italiana del romanzo

copertina_finale

.

A new family member… Tommy

Tommy

My husband and I we are “animal rights activists” …   and with our example, we hope to raise awareness and bring many others to behave compassionately towards these creatures that have exactly our  same rights!
This eight years old gorgeous boy is Tommy. He just arrived yesterday and still he is scared because of the new environment.
His previous human-companion gave him away since he didn’t have enough time to stay with him and the cat was confined in a little space, all day alone.
He will need some days before meeting the other felines living with us. Actually, we are a bit concerned since Cocoa (the Ukraine abandoned kitten saved by to special friends) is an Alpha cat… we put some diffuser Feliway with Pheromones hoping that will help to calm Tommy (but as well the other who will meet a new family member).

Unfortunately, there is not yet sufficient awareness in relation to all these creatures who share our planet Earth. Every gesture of love towards them is so basic and giving a good example is the thing that I consider the fairest.
Maybe someday humans will reconsider their attitude towards what we just simply call “animals”…

…oOo…

Mio marito ed io siamo degli “animalisti”…
Con il nostro esempio, speriamo di sensibilizzare l’opinione pubblica e portare tanti altri a comportarsi in modo compassionevole verso queste creature che hanno i nostri stessi diritti!
Questo magnifico gattone maschio si chiama Tommy. È arrivato ieri sera ed è ancora molto spaventato a causa del cambiamento.
Il suo precedente amico-umano lo ha dato via in quanto non poteva più occuparsi di lui; il micio era confinato in un piccolo spazio e sempre da solo.
Necessiterà qualche giorno prima di poter incontrare i nostri altri gatti. In verità mio marito ed io siamo un po’ preoccupati a causa di Cocoa (il gatto abbandonato in Ucraina salvato da due carissimi amici) è un micio Alfa…
Abbiamo messo dei diffusori di feromoni Feliway per calmare Tommy… ma anche gli altri, che hanno già sentito l’odore di un nuovo membro della famiglia.

Purtroppo non vi è ancora sufficiente presa di coscienza nei confronti di tutte queste creature che condividono con noi il nostro pianeta Terra. Ogni gesto d’amore nei loro confronti è quindi basilare e dare il buon esempio è la cosa che considero la più giusta.
Forse un giorno gli umani riconsidereranno il loro atteggiamento nei confronti di quelli che semplicemente chiamiamo “animali”…

 

 

The strength of Nature * la forza della Natura

Actually this is only a cartoon…
I have seen few dystopian movies, I’m Legend just to name one, where nature take back its place .
Others, like Divergent, Shaman, Hunger Games or Cloud Atlas, bring us into some mistic territory where you really have to open up your mind and accept the real possibility that we only are confined into a small space created by ourselves.
And all that is to enable us to manipulate our deepest feelings (to protect our inner soul), trying to escape the paralel reality: that everything is only a projection of our mind!

 

copyright Filmakademie Baden-Württemberg GmbH
.
In realtà questo è solo un cartone animato…
Ho visto diversi film distopici, Sono Leggenda per citarne uno, dove la natura riprendere il suo posto.
Altri come Divergent, Shaman, Hunger Games o Cloud Atlas, ci trasportano in un territorio mistico in cui
veramente necessitiamo d’aprire la mente e accettare la reale possibilità che noi siamo solo confinati in un piccolo spazio creato da noi stessi.
E tutto ciò per permetterci di manipolare i nostri sentimenti più profondi (per proteggere la nostra anima interiore), cercando di sfuggire alla realtà parallela: che tutto è solo una proiezione della nostra mente!
.

Avaaz Petition – Shut down the Yulin dog meat festival!

Together We Can Make a Change Please Sign ~ Let the Chinese Government Know….We Won’t Stop Singing Until They Stop The Killing!!!

https://secure.avaaz.org/en/stop_the_puppy_slaughter_loc/?tlGazab

via Avaaz – Shut down the Yulin dog meat festival!

 

Karma, our life’s composer

pentagramma

Possiamo paragonare la vita a uno spartito di musica il cui compositore è il nostro Karma.
A noi di suonare le note con musicalità, osservando la migliore tecnica possibile, interpretando le nostre variazioni o cadenze, laddove ci è dato modo…
Dobbiamo essere consapevoli che lo Spartito seguiterà a esistere anche dopo la nostra morte e che ci accompagnerà anche nella prossima reincarnazione, completato con tutto ciò che vi introdurremo in questa esistenza, nel positivo come pure nel negativo.
Perciò è importante non scordare che gli artefici del nostro Karma siamo unicamente noi stessi.    (copyright  Claudine)

We can compare Life to a music sheet whose composer is our Karma.
We play the notes with musicality, looking at the best possible technique, interpreting our variations or cadences, where we are given to do so…
We must be aware that the Music Sheet will continue to exist even after we die, and that will also accompany us in the next reincarnation, completed with all that we will introduce in this existence, in the positive as well as in the negative.
Therefore it is important not to forget that the architects of our Karma are only ourselves. (copyright Claudine)

 

I need a break

 

After thirty years, I have had the opportunity to revisit the island of Mauritius located in the south-western Indian Ocean.
The Republic of Mauritius is part of the Mascarene Islands, which are of volcanic origin, and is considered part of the African continent being at about 900 km from Madagascar. The isle measure 58 km from north to south and 47 km from east to west.  I met Penelope and her baby cat Cesare… and we will get both back to Switzerland next December 🙂

…ooOoo…

 Dopo una trentina d’anni, ho avuto la possibilità di rivisitare l’isola di Mauritius situata nell’oceano indiano sud occidentale.
La repubblica di Mauritius fa parte delle Isole Mascarene che sono di origine vulcanica, ed è considerata parte del continente africano essendo a circa 900 km dal Madagascar. Misura 58 km da nord a sud e 47 km da est a ovest. Mi sono affezionata a Penelope ed il suo gattino, li porteremo con noi in Svizzera il prossimo dicembre  🙂

See here for more pictures

 

.

Recensione di Marianna Altamura

Premessa di   M. Altamura
Il blog di Claudine Giovannoni è stato curiosamente il primo che  ho cominciato a seguire subito dopo aver aperto l’account su WordPress, qualche anno fa. Un incontro casuale. O for se no. A parte la questione del multilingua, che mi aveva attirata in un primo momento, nel suo blog ho riscontrato una grande sensibilità nel trattare alcuni temi a me cari: il viaggio, la letteratura, la musica e la natura. Dopo aver seguito virtualmente la presentazione del suo ultimo libro (non il primo) e dopo averci girato attorno per un po’, mi sono decisa a contattare l’autrice per poter acquistare una copia. Oltre alla questione dell’unicità del libro, sicuramente oggetto di attrazione per gli amanti dei libri (infatti, non è possibile acquistarlo nelle librerie, a meno che non ci si trovi in Svizzera), mi avevano incuriosito i temi che mi era sembrato di individuare: la mitologia, il viaggio e, il più importante, la natura. L’aspettativa era quella di ritrovare nel libro la raffinata sensibilità dell’autrice che avevo scorto fra gli articoli del blog; la lettura ha confermato la suddetta aspettativa ed è con piacere che ho deciso di dare il mio contributo di lettrice e presentare il suo libro in questo piccolo spazio. Quella che segue è l’interpretazione di una lettrice. Ringrazio Claudine per la gentilezza, per gli spunti (tanti) e per le emozioni che ha messo nel suo libro.

 

Aconteceu aqui, mas poderia ter sido em outra parte do mundo.
Ou talvez não. Talvez os acontecimentos estejam em fila,
ordenados, justos, esperando para colidir com as pessoas,
e as pessoas, iludidas, pensem que a colisão além de natural é aleatória.

 

È successo qui, ma sarebbe potuto succedere in un’altra parte del mondo.
O forse no. Chissà che gli eventi non stiano tutti in fila, in ordine,
aspettando giusto di entrare in collisione con gli individui
e quest’ultimi, illudendosi, pensano che tale collisione sia tanto naturale quanto casuale.
Ondjaki, E se Amanha o Medo.

 

Il 2022, una data molto vicina al lettore del 2016, è stato colpito da un terribile cataclisma ambientale che ha decimato gravemente la popolazione mondiale. I superstiti sono stati costretti a spostarsi nelle poche zone della terra ancora vivibili e si sono dovuti adattati a strette misure di sicurezza, al fine di poter rispondere adeguatamente a frequenti situazioni di emergenza.
copertina_finaleIl Segreto degli Annwyn, ambientato nel XXIII secolo, presenta al lettore un tempo probabilmente diverso da quello che ci si potrebbe immaginare nella meno negativa delle ipotesi. Forse deluderà le aspettative, d’altronde nello stesso modo in cui il XXI secolo deve aver deluso le aspettative delle generazioni precedenti, ma metterà il lettore davanti ad una cruda realtà: la distruzione della natura, un processo già in atto da molto tempo. Nel XXIII secolo molte cose sono cambiate e la tecnologia ha raggiunto livelli esorbitanti. Tuttavia, per molti altri aspetti l’umanità ha compiuto molti passi indietro: la natura ha subito danni irreversibili e molte specie viventi si sono estinte. Durante tutta la lettura del romanzo aleggia la macabra minaccia del disastro ambientale ed impera il monito del dover agire, subito, per cercare di arginare il cataclisma ormai prossimo; purtroppo non si tratta di finzione né di fantascienza.
Notevoli cambiamenti sono stati fatti in merito alla sfera politica e finanziaria del globo e il Potere Unificato è emerso come una sorta di partito unico (che mi ha ricordato i tratti del Grande Fratello di George Orwell), il quale si avvale del servizio per la sicurezza svolto dal corpo della Squadra Sperimentale. Se da una parte il Potere Unificato si è distinto per aver preso le redini del mondo in un momento di devastante confusione, dall’altra parte le sue decisioni hanno leso le basi della libertà dei suoi cittadini.

Le vicende del romanzo sembrano svolgersi seguendo cerchi concentrici, su cui si collocano molteplici personaggi e azioni parallele; essendo il centro occupato da un nucleo di tre protagonisti: il punto di partenza è ad Ascona, in Svizzera, dove vi sono Chrisa, suo fratello Joshua e il loro fedele amico irlandese Marius, il quale sembra aver sempre vissuto per mare e che, solo in un secondo momento, rivelerà la sua natura mitologica.
Fra Chrysa e Joshua, entrambi ventenni, c’è un amore incondizionato familiare condito con quell’ingrediente che solo fratelli e sorelle conoscono, un rapporto complice e perennamente puerile, ombreggiato però dalla morte prematura di entrambi i genitori, avvenuta pochi anni prima degli eventi qui narrati in circostanze oscure e mai chiarite.
Chrisa e Joshua, rimasti orfani, hanno deciso di vivere sulla barca di famiglia che la defunta madre aveva chiamato Avalon Mist, rievocando l’isola avvolta nella nebbi su cui re Artù fu trascinato dopo essere stato ferito in battaglia e dove, secondo alcune leggende, era stata fabbricata la sua spada.
Le vicende narrate nel libro si svolgono per mare, per terra e per aria, richiamando le parole che Claudine Giovannoni usa per presentarsi ai lettori:

«Avendo girato il mondo di terra, di mare e d’aria sempre alla ricerca di nuove emozioni e per conoscere nuove culture, mi piace definirmi “Una Cittadina del Mondo”».

Chrisa, sebbene nata da genitori mortali come suo fratello genetico, è un’Annwyn, ovvero fa parte di un gruppo di individui che l’autrice presenta con le seguenti parole:

«Questi “sognatori”, comunemente chiamati Annwyn, sono provvisti della stessa struttura molecolare umana nella finalità di proteggersi camuffando la loro presenza tra di noi, ma il potere della loro mente è incommensurabile.
Gli Annwyn iniziarono a giungere in gra numero sul pianeta Terra attorno alla fine del secondo millennio. Dapprima, a decorrere dal 1970, furono trattati come casi anomali […] Solo in un secondo momento, grazie alla scoperta di codici antichissimi si comprese il vero motivo della loro presenza sul pianeta: aiutare gli esseri umani a progredire spiritualmente e quindi salvarsi dall’imminente cataclisma planetario, predetto fin dall’antichità».

IMG_4204[1]Dunque, gli Annwyn sono dei sognatori che riescono ad andare oltre la realtà delle cose; essi sono in grado di viaggiare fuori dall’involucro corporeo in una dimensione metafisica nella fase di Rapid Eye Movement del loro sonno. Nella mitologia gallese Annwyn era il nome dato al regno dell’oltretomba; in alcune fonti mitologiche si legge che”[…] all’inizio non c’era nulla, solo Dio e l’Annwyn”, l’inizio dell’Universo.

In uno dei viaggi notturni, proprio quello che inaugura le vicende del libro, Chrisa inciampa (non casualmente) in un oggetto misterioso che raccoglie e che, successivamente e con l’aiuto di Marius, riesce a identificare come la Matrice Vibrazionale. Si tratta di uno strumento apparentemente inerte, ma che sembra possa essere messo in moto per rompere lo specchio della Proiezione e dissolvere il ciclo di nascita, morte e rinascita.
Una serie di eventi turba l’equilibrio iniziale. Un’indefinita minaccia, proveniente da non si sa bene dove, irrompe fra le pagine del libro e si ha la sensazione che per i protagonisti sia giunto il momento di fare qualcosa di estremamente importante. Intrigante e curiosa è la presenza di personaggi provenienti da altri mondi: Hator, che sembra esser stato legato a Chrisa sin da tante antecedenti vite, Lord Warden, un essere mitologico senza età con dei piani possibilmente malefici, Gwynn ap Nudd, ovvero il figlio bianco della notte, ed altri che qui non nominerò.
Così, minacciati da ciò che potrebbe mettere a repentaglio le proprie vita, Marius, Chrysa e Joshua volano in un’Irlanda ancora abbastanza simile a quella del passato (o del presente di noi lettori), conservatasi come protetta da un incantesimo, e si raccolgono attorno ad un luogo importante per la mitologia celtica, il monastero di Clonmacnoise.
Ben presto si attiva un triangolo energetico che collega Svizzera, Francia e Irlanda, in cui i riti pagani, le voci dell’antichità,forze ed energie sconosciute si uniranno per portare a termine un compito mistico e divino.
In realtà, il viaggio affrontato dai protagonisti è di tipo metafisico e procede nella  in direzione dell’assoluto

scuola di atene.gif

dell’essere, dell’infinito e dell’unità armonica. Si intrecciano in modo complesso le teorie filosofiche dell’essere e quelle religiose di matrice buddhista. “Come in basso, così in alto”, furono le parole di Ermete Trismegisto sulla tavola di smeraldo che, non casualmente, aveva lo stesso colore dominante della terra d’Irlanda.
Ha un ruolo rilevante la teoria fisica della meccanica quantistica, la quale dimostra che l’essere umano è un tutt’uno con l’universo: esiste una matrice (vibrazionale) che è il collante di tutto; la materia è vibrazione e la vibrazione è energia.
In effetti, la lettura del libro implica un esercizio mentale di comprensione, e in questo il lettore è molto vicino a Joshua, l’unico protagonista della triade completamente umano. Così come il giovane si ritrova a sfidare la sua facoltà mentale per poter seguire sua sorella in uno dei suoi viaggi notturni oltre la realtà, analogamente il lettore deve entrare nella giusta dimensione spirituale per poter seguire il viaggio dell’essere.

Il fulcro della questione orbita attorno uno dei più comuni temi nella letteratura: una volta compiuta la scissione (uomo/donna, male/bene, vita/morte e così via), la felicità e la pace sono svanite, perse nel mistero dell’essere. Così gli umani si affannano nella ricerca di qualcosa che non hanno (o che hanno perso), persino dominando e distruggendo per affermare il proprio io:

«C’era qualcosa di intrinseco, che si pensava fosse insito nel DNA degli umani: la presenza del diabolico! Da cui l’eterna lotta del bene contro il male! Lungo i secoli l’uomo progrediva per poi ricadere nel limbo della propria incoscienza, continuando ad errare e a generare orrore e distruzione attorno a sé».

Solo esseri superiori (Annwyn inclusi) riescono a cogliere il vero dono della vita umana, che é semplicemente l’estensione della natura stessa:

«Il nostro è un dono meraviglioso, Marius. Vedi qual é il nostro potere? Credo che ogni creatura abbia il suo posto in questo universo. Il problema subentra quando qualcuno mira all’egemonia ed al controllo sopra ogniforma vitale».

I protagonisti si affannano per cercare di sbrogliare gli enigmi in cui inciampano, dovendo trovare delle spiegazioni e fare delle scelte di capitale importanza. In tutto questo, a nulla serviranno gli sforzi dei membri della Squadra Sperimentale, che risulteranno essere tagliata fuori da questa specie di “dimensione magica”.

In verità, a mio avviso Il Segreto degli Annwyn lascia avvolte nel mistero molte questioni, fino alla fine. Però, se da un lato non vengono sciolti tutti i nodi delle vicende, dall’altro lato la narrazione fornisce gli indizi per una delle possibili chiavi di comprensione dell’esistenza.
Einstein dimostrò con una formula fisica che tutto è relativo, facendo sprofondare le certezze del mondo moderno nello sconforto. Tuttavia, gli esseri umani sono in grado di modificare le vibrazioni, ovvero le particelle subatomiche della materia (di cui essi stessi ne sono parte), sia con pensieri che con parole ed emozioni. Dunque, noi siamo fautori del nostro destino e nulla è dato al caso.

La scrittura del romanzo è molto fluida ma, nello stesso tempo, estremamente ricercata e attenta al dettaglio che potrebbe  suscitare nel lettore un’emozione. Si nota chiaramente che dietro la stesura del testo ci siano approfondite ricerche, sia in merito al materiale trattato (fra cui la mitologia e la filosofia), sia per la scelta delle parole e per la sintassi. Si mescolano elementi del fantasy con quelli del genere della favola, ma si rimane con i piedi per terra. Tuttavia, ho trovato che verso la fine del testo la scrittura cambi e si frammenti un po’ troppo con l’aumentare delle azioni parallele. Le sequenzedel racconto finiscono col coincidere con brevi capitoli che, per quanto descrittivi e per quanto aumentino il phatos della narrazione, talvolta si muovono talmente velocemente da frammentare il discorso.

Credo che spetti al lettore scoprire il segreto degli Annwyn, coloro che dovrebbero aiutare a far convogliare le vibrazioni del pianeta Terra nella giusta direzione. In fin dei conti, gli Annwyn sono fatti della stessa materia degli esseri umani ma, al contrario di questi ultimi, hanno una maggiore sensibilità e si concedono una maggiore libertà nel sognare.

 

 

Link: il blog del libro.

Sri Lanka: a leap into the ancient history

The intense desire to travel and do some good deed, does not leave me and from this Sinhalese’s adventure we learned something new.

L’intenso desiderio di viaggiare e di fare una buona azione, non mi abbandona…  e dall’avventura cingalese abbiamo imparato qualcosa di nuovo.

more pictures and the whole reportage  *  leggete la storia e guardate le foto

 

Regalare un’emozione…

 

ISBN  978 88 98018 07 09  

Si può ordinare in tutte le librerie in Svizzera… ma per esperienza è più veloce richiedere direttamente all’autrice  🙂

Al costo di  FRS 27.-  oppure EUR 27.- (incluse spese postali)   riceverete il romanzo   direttamente al vostro domicilio  in tutta l’Europa.

.

Per l’ordinazione, compilate il modulo sottostante, io riceverò per posta elettronica la vostra richiesta.   Per favore inserite nel “commento” il vostro indirizzo postale dove desiderate ricevere il libro e l’eventuale dedica (ad esempio il nome del destinatario del romanzo), la consegna sarà entro 7 giorni.

Per il pagamento: se utilizzate PAYPAL vi invierò una richiesta di pagamento.Per favore inserire il vostro indirizzo di posta elettronica nel riquadro-commento sottostante. A pagamento avvenuto, procederò con l’invio del romanzo all’indirizzo postale fornito.

Se preferite effettuare un pagamento bancario:   CH 83 0483 5050 2339 3000 0  Credit Suisse AG – Zurigo a favore di Claudine Giovannoni

.

 

.

Grazie per condividere!   Serene festività…    :-)claudine

.

I’m not afraid… * Non ho paura…

full-moon-in-night-sky-over-water
Copyright © Wild Retina & David Carillet

Lately I often find myself thinking about my past, to the nefarious adventures of youth, to the values that were and those that have strengthened pushing me towards a total dedication to the protection of animals and nature. Seeing everything around me change, it sometimes captures the anguish and the repressed fear rises even tormenting my sleep. After all I’m not afraid of death, but I worry about what I can’t change and for the affliction that I will leave to my children and to future generations. I could never tolerate superficiality and arrogance of the people, the false promises, the lies ill concealed, bigotry and selfishness… and the list goes on. I have a few real friends, and many people have marked my life and have shaped so that I became what I am today. Each time the memory takes me back in time, so I retrace the countless trips around the world I’ve been lucky enough to do, and I can only think back to all those people who have come and gone out of my life. If from the heart leaks out such strong emotions, the mind longs to find that constant equilibrium that allows you to somehow detach from what hurts you. In man there is evil. I shall never cease to whisper it, to write it. The dichotomy between the two values (good and evil) is very thin: control over your own actions can be facilitated only by becoming the observer of oneself; it is a demonstration of profound humility and wisdom and then a symbolic task.

..oOo..

Ultimamente mi ritrovo spesso a pensare al mio passato, alle avventure scellerate di gioventù, ai valori che sono rimasti e a quelli che si sono rafforzati spingendomi verso una totale dedizione nella protezione degli animali e della natura. Vedendo attorno a me ogni cosa cambiare, a volte mi coglie l’angoscia e quella paura repressa risorge tormentando anche i miei sonni. In fondo non ho paura della morte, ma mi cruccio per ciò che non potrò cambiare e per le afflizioni che lascerò ai miei figli e alle generazioni future. Non ho mai potuto tollerare la superficialità e arroganza della gente, le false promesse, le bugie mal celate, il bigottismo e l’egoismo… e la lista potrebbe continuare all’infinito. Ho pochi veri amici, e molte persone hanno segnato la mia esistenza e mi hanno plasmato affinché divenissi quella che oggi sono. Ogni tanto la memoria mi riporta indietro nel tempo, così ripercorro gli innumerevoli viaggi attorno al mondo che ho avuto la fortuna di fare, e non posso che ripensare a tutte quelle persone che sono entrate e uscite dalla mia esistenza. Se dal cuore trapelano emozioni così forti, la mente anela a ritrovare quell’equilibrio costante che ti permette in qualche modo di distaccarti da ciò che ti fa soffrire. Nell’umano vi è il diabolico. Non cesserò mai di bisbigliarlo, di scriverlo. La dicotomia tra le due valenze (bene e male) è sottilissima: il controllo sulle proprie azioni può essere facilitato unicamente dal divenire l’osservatore di se stessi, è una dimostrazione di profonda umiltà e sagacia e quindi un compito emblematico.
(25.10.2015)

Read other…

The scenario & the main character Chrysalis

Source: The scenario & the main character Chrysalis

 
The setting of a novel as well as the characters are really important even if as well the story requires a definite role.
In the blog of the novel and future movie “The Annwyn‘s Secret I will try to tell you what is hidden behind the choices of a writer!
L’ambientazione di un romanzo come pure i personaggi sono importantissimi… seppure anche la storia necessita di un preciso ruolo.
Nel blog del romanzo e futuro film  “The Annwyn’s Secret” cercherò di raccontarvi cosa è nascosto dietro le scelte di uno scrittore!

.

Chrysalis is back… and will soon be published in English in the UK

On the blog “The Annwyn’s Secret” you may follow all the updates: about the publishing of the novel in English and about the screenwriting and movie.

Sul blog “Il Segreto degli Annwyn” si può seguire tutti gli aggiornamenti: in merito alla pubblicazione del romanzo in ligua inglese e sulla sceneggiatura del film.

You are going to love this novel, for several reasons: it is not just a fantasy happening, this is what is really going to happen to humanity if we do not change our behavior versus the Planet Earth and its inhabitants.

Sono certa che questo romanzo vi intrigherà, per diversi motivi: non è una storia fantastica, questo è ciò che realmente accadrà all’umanità se non cambiamo il nostro comportamento nei confronti del Pianeta Terra e dei suoi abitanti.

.

Presentazione letteraria * literary presentation

String quartet  "I Fulmini"Un’occasione da non mancare: ascoltare dal vivo il  quartetto d’archi “I Fulmini”  (Francesca, Sara Luna, Valentina e Antonio) che ha conseguito un primo premio al concorso svizzero di Neuchâtel lo scorso mese di marzo.
Con la presentazione del mio ultimo romanzo “Il Segreto degli Annwyn”  che attualmente viene trasformato in una sceneggiatura per film… e vi parlerò della sua prossima pubblicazione lingua inglese a livello internazionale.

Vi attendo numerosi il giovedì 23 aprile 2015 dalle 17:30 presso la:

Biblioteca comunale di Giubiasco – Viale 1814  N°3 – 6512 Giubiasco

.

“La vita è fatta di tante emozioni…

e queste, le voglio condividere con voi!”

.

The world of “The Annwyn’s Secret” after the cataclysm of 2022

picture’s copyright  taylorsdigibramantyoibam.wordpress.com

 to receive updates, subscribe to the blog  *  per ricevere aggiornamenti, iscriviti al blog

The world of “The Annwyn’s Secret” after the cataclysm of 2022

Getting ready: with the Torino Film lab #AdaptLab#

adapt_labI admit it: I’m quite intrigued and curious. It is the first time that I face, on a professional level, the idea of seeing my novel transformed into a film scenography. Metaphorically I can compare it to a mother who brings her son for the first time to a birthday party… Chrysalis is a  young woman who introduced himself to me in a dream… she gave me the idea to write her story… Every event scrupulously described in the novel, is a sequence of sharp images that I viewed in my mind. The scriptwriter who will transpose, must be successfully empathic to “see” through my words. Her vision will still be different and influenced by her personal life, the flow of time and the upcoming of the events will intrigue her in a very singular and subjective way.

Here I’ll write for you the thrill, step by step, for as much as I’ll be involved…

 

Lo ammetto: sono parecchio curiosa ed intrigata. È la prima volta che mi confronto a livello professionale con l’idea di vedere trasformato un mio romanzo in una scenografia per film. Metaforicamente posso paragonare ciò ad una madre che porta suo figlio per la prima volta ad una festa di compleanno… Chrysalis è il personaggio che si è presentato a me durante un sogno… mi ha chiesto di scrivere la sua storia… ogni avvenimento scrupolosamente descritto nel romanzo, è una sequenza di immagini precise che ho visionato nella mia mente. La persona che effettuerà la trasposizione, dovrà riuscire a livello empatico a “vedere” attraverso le mia parole. La sua visione sarà comunque diversa e influenzata dal suo vissuto personale, lo scorrere del tempo e l’imminente degli eventi sarà il suo intrigo in un modo molto singolare e soggettivo.

Qui scriverò l’emozione, passo dopo passo, di quanto sarò coinvolta

See the blog    “The Annwyn’s Secret”

 

.

Me and my teddy bear * c’era una volta Orsetto

kid_teddy_bear

More than half a century ago, I made the acquaintance of “Teddy Bear”, the faithful friend that still accompanies me in my sleep and dreams!
My confession may seem a bit misplaced but I’m sure that many of my readers have special
and sweet memories  linked to the existence of a particular stuffed animal
From an early age children receive as a gift stuffed animals of many different materials. In the countries of the southern hemisphere, maybe the kids do not have the privilege of holding
and cuddle in their arms  “pelusches” but sometimes they do share their lives in close contact with the animals, the real ones, in flesh and blood.

This post could embrace many themes, but this time I linger to that one of education and awareness raising. We adults have the responsibility to instruct the children to look with love and respect the animals and nature in which we live. This could be the most important education so that growing up and becoming adults, respect and veneration of nature can remain steady and lead to meaningful actions, always aimed at the protection of one and the other. Planet Earth is our home unfortunately we all know what is happening and, paradoxically, this is irreversible.

Unfortunately many times the right education is not there and these children take the example from the adults who grow them, they follow the actions of the society in which they live, their priorities are then dictated by external conditions while their childish purity is changed to satisfy impositions and social policies in which they grow and become adults.
The baby with the sweet and affectionate temperament, following the examples that despite himself is to observe living in a not respectful
society, turns and becomes a conditioned being at times violent whose actions harm flora and fauna.

How can we bring changes? It’s not too late to save the situation? Firmly I believe that we can overturn the situation, but we must change our paradigms, break away from the archetypes followed by our ancestors we must look to nature and animals with greater respect, we must be aware of every action and each reaction that it can cause.
Certainly the ongoing wars, the follies dictated by research hegemonic power (in the name of a god or of the economy), will be contained and here is up to each one of us to try to limit this tsunami which appears invincible.
But we shall take action right now, we have to take position immediately, we need to support the referendum and help organizations that have memorable purposes, honest and without interest. I support many NGO’s campaigns in support of animals, sometimes an email may save the life of a living creature… even a little money can be used to support these associations.
The choice is yours!

Halong Bay BearsSave Halong bears

save  the  halong  bears

logoAnimalAsia

animalsasia.org

Più di mezzo secolo orsono feci conoscenza di “Orsetto”, l’amico fedelissimo che ancora oggi mi accompagna nel sonno e nei sogni!
La mia potrà sembrarvi una confessione un po’ fuori posto… ma sono sicura che molti tra i miei lettori hanno memorie speciali e dolci collegate all’esistenza di un particolare animale di pezza…
Fin dalla più tenera età i bambini ricevono in regalo animali imbottiti dei più disparati materiali. Nei paesi del sud del mondo, forse i bimbi non hanno il privilegio di stringere tra le braccia e coccolare dei pelusches ma a volte condividono la loro esistenza a strettissimo contatto con gli animali, quelli veri, in carne ed ossa.

Questo post potrebbe abbracciare molte tematiche,  ma questa volta mi soffermo su quella dell’istruzione e sensibilizzazione. Siamo noi adulti ad avere la responsabilità di istruire i fanciulli a considerare con amore e rispetto gli animali e la natura nella quale viviamo. Questo potrebbe essere la più importante istruzione affinché crescendo e diventando adulti, il rispetto e venerazione della natura possa resare saldo e condurli ad azioni sensate, sempre rivolte alla protezione degli uni e degli altri. Il Pianeta Terra è la nostra casa… purtroppo sappiamo tutti cosa sta accadendo e paradossalmente ciò è irreversibile.
Purtroppo molte volte la giusta istruzione non c’è e questi fanciulli prendono l’esempio dagli adulti che li crescono, seguono le azioni della società nella quale vivono, le loro priorità sono quindi dettate da condizioni esterne mentre la loro purezza infantile si modifica per appagare le imposizioni sociali e politiche nelle quali crescono e diventano adulti.
Il bimbo dall’indole dolce e affettuosa, seguendo gli esempi che suo malgrado si trova ad osservare vivendo in una società irrispettevole, si tramuta e diventa un essere condizionato a volte violento le cui azioni danneggiano flora e fauna.

Come possiamo portare dei cambiamenti? Non è troppo tardi per salvare il salvabile? Fermamente credo che possiamo stravolgere la situazione, ma bisogna modificare i nostri paradigmi, staccarci dagli archetipi seguiti dai nostri avi… guardare alla natura e animali con maggiore rispetto, dobbiamo essere consapevoli di ogni azione e di ogni reazione che essa può causare.
Certamente le guerre in corso, le follie dettate dalla ricerca egemonica del potere (in nome di un dio o dell’economia), dovranno essere contenute… e qui, spetta ad ogni singolo cercare di arginare questo tsunami che appare invincibile.

Ma dobbiamo prendere posizione immediatamente, dobbiamo sostenere referendum e aiutare le organizzazioni che hanno scopi memorabili, onesti e senza interessi personali. Personalmente sostengo molte campagne di ONG a sostegno degli animali, a volte un e-mail può salvare la vita di un animale… anche pochi soldi possono servire per sostenere queste associazioni.
A voi la scelta!

.

The snow came back last night * ieri notte è tornata la neve

The snow came back and the thermometer’s mercury reads O° celsius (32° Fahrenheit). I look around women in fur coats, young people wearing jackets with  hoods decorated with fur, men with thick padded goose down jackets 

Everyone should know the truth behind these items of clothing!

.

The farmer in this video casually describes ripping the bloody pelts off minks’ bodies, snapping the animals’ penis bones and using old pruning shears to cut off their paws.

Do you have friends or family members who still wear fur? Remind them that there is no federal humane slaughter protection for animals on fur farms–even the most cruel and barbaric killing methods are perfectly legal. In China, one of the world’s largest fur exporters, even cats and dogs are skinned alive for their fur, which is then mislabeled and sold to unsuspecting consumers in countries all over the world.

The fur industry would have you believe that fashion justifies such torture, but there is never any excuse for such barbaric treatment of animals.

Join PETA in protecting minks and other animals who are killed for fur. Share this video and encourage everyone you know to choose only animal-friendly clothing.

All around the world, at fur farms like this one, minks—as well as rabbits, foxes, and other animals—are crammed into barren cages and have the skin ripped off their bodies, all to make fur coats, collars, and trinkets. Fur farmers use the cheapest killing methods  available, including suffocation, electrocution, poisoning, and gassing. At this farm, the farmer grabs the minks by their sensitive tails and shoves them into a crude wooden “kill box” to be gassed with carbon monoxide. One mink in this video- like many animals killed for their fur- doesn’t die immediately. After admitting, “I see chests moving,” the farmer then tries to break the mink’s neck by slamming the animal against the side of the gas chamber.

Article appeared on PETA.ORG, please spread the word, for these creatures’ sake!

..oOo..

È tornata la neve ed e la colonnina del mercurio del termometro segna 0 gradi. Mi guardo attorno… donne impellicciate, giovani con giacche dai capucci decorati di pelliccia, uomini con grosse giacche imbottite di piume d’oca…
Ognuno dovrebbe sapere la verità dietro questi capi di vestiario!

Il contadino in questo video descrive casualmente che strappa le pelli sanguinose dai corpi dei visoni, rompendo via le ossa del pene degli animali e utilizzando vecchie cesoie per tagliare le loro zampe.

Avete amici o familiari che ancora indossano la pelliccia? Ricorda loro che non c’è una protezione federale per una macellazioneumanitaria” per gli animali in allevamenti da pelliccia, anche i metodi di uccisione più crudeli e barbarici sono perfettamente legali. In Cina, uno dei più grandi esportatori di pelliccia del mondo, anche i gatti e i cani sono scuoiati vivi per la loro pelliccia, che viene poi  venduta ai consumatori ignari nei paesi di tutto il mondo.

L’industria della pelliccia vorrebbe farvi credere che la moda giustifica tale tortura, ma non c’è mai alcuna giustificazione per tale trattamento barbaro degli animali.

Iscriviti a PETA per la protezione dei visoni e altri animali che vengono uccisi per la pelliccia. Condividi questo video e incoraggia tutti quelli che conosci a scegliere solo i vestiti “animal-friendly” (privi di prodotti derivanti dagli animali).

In tutto il mondo, in allevamenti come questo, visoni -così come conigli, volpi e altri animali- vengono stipati in gabbie sterili e hanno la pelle strappata dai loro corpi, il tutto per fabbricare pellicce, collari e ninnoli. Gli allevatori di animali per pelliccia, utilizzano i metodi di uccisione più economici disponibili, tra cui il soffocamento, folgorazione, l’avvelenamento e il gas. In questa fattoria, il contadino prende i visoni per la sensibile sensibile coda e li infila in un grezzo pezzo di legno “scatola per uccidere” per essere gasati con il monossido di carbonio. Un visone in questo video -come molti animali uccisi per il loro da pelliccia- non muore immediatamente. Dopo aver ammesso, “Vedo casse in movimento”, l’agricoltore cerca poi di rompere il collo del visone sbattendo l’animale contro il lato della camera a gas.

Articolo apparso su PETA.ORG, si prega di diffondere la parola per amore di queste creature viventi!

available—all of them cruel—including suffocation, electrocution, poison, or gas (as you see at this farm). Animals killed for their fur don’t always die immediately, and many suffer intensely as they struggle to survive.

Festival del Film Locarno – Pardo Life with Torino Film Lab

TorinoFilmLab

 PARDOLIVE.CH    *    TODAY AT THE FESTIVAL

.

The Annwyn secret: the thrill to become a movie

 

AdaptLab: from page to screen 

This year L’immagine e la parola (Images and words)  (19 – 22 March) will be joined by a session of AdaptLab, a workshop on the adaptation of literary works for the screen, developed by TorinoFilmLab and addressing industry professionals. This major initiative from TorinoFilmLab will take place at Locarno for the very first time. AdaptLab will hold its inaugural session from 19 to 25 March, a workshop for directors and screenwriters from around the world who want to work in the field of adapting literary works for the screen. 

Twelve specially selected participants will be working on screen adaptations involving their own projects or based on novels chosen in advance by TorinoFilmLab.  AdaptLab will follow every stage of the adaptation process, including by allowing participants to showcase their work to an audience of industry attendees at the next Meeting Event of TorinoFilmLab, scheduled for November. Participants will be mentored by three tutors who will be their guides along the complex adaptation pathway, fostering the exchange of ideas and the development of the various projects through group sessions and on-line networking.

Among the books already picked out for adaptation is local Swiss writer Claudine Giovannoni’s novel Il segreto degli Annwyn (published by Ulivo, 2013).

Nadia Dresti, Delegate to the Artistic Direction and Head of International, Festival del film Locarno: “The opportunity for L’immagine e la parola to host an event of international standing such as AdaptLab is a source of considerable satisfaction for us. Thanks to funding from the Region this year we are in a position to put on L’immagine e la parola in tandem with a major event for industry professionals, raising the profile of our spring program still further.”

Carlo Chatrian, artistic director of the Locarno Film Festival: “The coming of Pawlikowski to Locarno enriches and clarifies the meaning of this year that it intends to explore the porous borders that are between word and image in motion, between the narrator who writes and that who films, between the subject of a story and that of a film. Whether in fiction or documentary, at home or abroad, Pawlikowski preserves that glossy and disillusioned glance that allows his stories to become much more than just individual stories. ”

..oOo..

AdaptLab: dalla pagina allo schermo

Quest’anno L’immagine e la parola sarà affiancata da un’importante iniziativa del TorinoFilmLab destinata ai professionisti del settore, che per la prima volta si svolgerà a Locarno. Dal 19 al 25 marzo si terrà infatti la sessione inaugurale di AdaptLab, workshop per registi e sceneggiatori provenienti da tutto il mondo che desiderano lavorare nel campo dell’adattamento cinematografico di opere letterarie, con la presenza del regista polacco Pawel Pawlikowski.

Dodici i partecipanti selezionati che lavoreranno su adattamenti per il grande schermo attraverso un proprio progetto o lavorando su romanzi pre-selezionati dal TorinoFilmLab. AdaptLab seguirà l’intero processo di adattamento, dando la possibilità ai partecipanti di presentare i propri lavori di fronte a una platea di professionisti del settore durante il prossimo Meeting Event del TorinoFilmLab, in programma a novembre. Tre tutor affiancheranno i partecipanti, guidandoli nel processo di adattamento, promuovendo lo scambio di idee e lo sviluppo dei progetti grazie al lavoro di gruppo e a sessioni online.

Fra i libri selezionati figura anche Il segreto degli Annwyn (Ed. Ulivo, 2013) della scrittrice ticinese Claudine Giovannoni.

Nadia Dresti, Delegata alla Direzione artistica e Head of International: “Avere la possibilità di ospitare durante L’immagine e la parola un evento di caratura internazionale come AdaptLab è per noi motivo di grande soddisfazione. Grazie al sostegno della Regione possiamo quest’anno affiancare a L’immagine e la parola un importante appuntamento destinato ai professionisti del cinema, che conferisce ulteriore lustro al nostro evento primaverile.”

Carlo Chatrian, Direttore artistico del Festival del film Locarno: “La venuta di Pawlikowski a Locarno arricchisce e precisa il senso di questa edizione che intende esplorare le frontiere porose che stanno tra parola e immagine in movimento, tra l’io che scrive e quello che filma, tra il soggetto di un racconto e quello di un film. Che sia nella finzione o nel documentario, in patria o all’estero, Pawlikowski conserva quello sguardo lucido e disincantato che permette alle sue storie di diventare molto più che dei racconti individuali.”

See more informations and news about the novel

.

an act of Love * un’azione amorevole

I’m helping care for koalas burned by the bushfires by pledging to make mittens for injured koalas. As an IFAW supporter, I’m making a lifesaving difference for animals. You can help too.    Visit this link to lear how to do it too!

°°oOo°°

Mi impegno a confezionare dei guantini/muffole per la cura dei koala feriti e bruciati a causa degli incendi nelle foreste australiane. Come sostenitrice IFAW, sto facendo la differenza salvavita per gli animali.  Tu puoi anche impegnarti, visita questo link perr ottenere dettagli.

Updating January 14th, 2014

With the help of my mom Aide, tomorrow I’ll send to IFAW 64 mittens which will help healing from burns 16 koalas…  I’m so proud of my 81 yrs. old mother!

IMG_2101

Serenity  ❤ claudine

Keep dreamings * sempre sognando

Estratto dal romanzo Piccoli passi nella Taiga

 

Estratto dal romanzo Il segreto degli Annwyn

A time for reflection… * Un momento di riflessione…

With the flow of time, as a raging river toward its estuaryI grew older with the forces that crumbles like dry bread forgotten in a corner.  Maybe because of that, the reflections are becoming more intense, more pressing, even becoming a reason that brings me forward.

It is not easy for anyone, being an helpless spectator. When I bow my head to rest the cheek on one of the cats which are always close, their purr fills me with a new inner tranquility. When I write, they are always present: they influence me in any way, give me ideas to transcribe, motivate my endurance in doing what I do…

Few words, to leave to all of you an affectionate greeting to accompany you during the holiday, which should not only be a hymn to consumerism, but rather a time for deep reflections… about oneself, about the priorities in life, knowing how to give a little love to everything that surrounds us.   I love you, be serene  🙂 claudine

..oOo..

Con lo scorrere del tempo, come fiume in piena via via che arriva all’estuario… in là con gli anni e la forza che si sbriciola come pane secco dimenticato in un angolo, ecco che le riflessioni si fanno sempre più intense, più pressanti, fino a diventare una ragione che mi porta avanti.

Non è facile, per nessuno, l’essere spettatore a volte impotente. Quando chino il capo, per poggiare la guancia su uno dei gatti che sempre mi è vicino, ecco che le loro fusa mi riempiono di una nuova tranquillità interiore. Quando scrivo, loro sono sempre presenti: mi influenzano in qualche modo, mi forniscono idee da trascrivere, motivano la mia perseveranza nel fare ciò che faccio…

Poche parole, per lasciare a voi tutti un affettuoso saluto che vi accompagni durante le festività che non dovrebbero solo essere un inno al consumismo, ma bensì un tempo di profonda riflessione…  su se stessi, sulle proprie priorità nella vita, sul saper donare un po’ di amore a tutto ciò che ci circonda. Siate sereni, con affetto   🙂 claudine

 

.

About me…

IMG_1895

This time of the year, either because of the upcoming holidays as well as the usual fatigue accumulated during months, I don’t feel very creative.
Fortunately, with the arrival of Cocoa, although he has not taken the place of my beloved Ebony who died last September 17, my heart is filled with joy!
I should complete so many things unfinished I should make a list quite long by bringing the priorities, but this has never been my strong point.
Fortunately, the law of attraction works (and my karma urges) so even my latest creation (see the
graphic image on the wall of Taiga’s dream) is ready to be given at the mercy” of a publisher.
Keep your fingers crossed

*

In questo periodo dell’anno, vuoi a causa delle festività imminenti come pure della solita stanchezza accumulata durante mesi, non mi sento creativa.
Fortunatamente con l’arrivo di Cocoa, anche se non ha preso il posto della mia adorata Ebano morta lo scorso 17 settembre, il cuore mi si è riempito di gioia!
Dovrei portare a termine così tante cose incompiute… dovrei fare una lista parecchio lunga inserendo le priorità, ma questo non è mai stato il mio punto forte.
Fortunatamente la legge dell’attrazione funziona (ed il mio karma sollecita) così anche la mia ultima creazione (vedi sull’immagine il lavoro grafico di Piccoli passi nella Taiga) è pronta per essere data “in pasto” ad un editore.
Tenetemi le dita incrociate…

Cocoa sleepy

IMG_1914

IMG_1918

 

 

 

 

 

 

Cocoa is tired and he doesn’t want to leave the soft bed of his human friends!

Cocoa è stanco… e non ha voglia di lasciare il morbido letto dei suoi amici umani!

It has happened something amazing … * È accaduto qualcosa di fantastico…

During his train journey into the unknown, it was raining.
That picture of the cat looking out the train window had entered my heart and mind, the next day, I could not think of anything else.
Tricia’s post “Homeward Bound: A Homeless Ukrainian Kitten’s Incredible Journey “ I saw it by chance, it was a bit of time since I didn’t enter her blog.
Something escaped the cognition of randomness … I had looked many times at Cocoa’s pictures, thinking with great sadness at Ebano, our beloved cat who died on last September 17th.
Where is Lviv? Why those still blue eyes, typical of kittens a few months old, had attracted me in such a fatal way?
On October 27 I reply to Tricia’s post… I was sure that my husband, who loves animals (especially cats) would have given his consent to adopt Cocoa… if there had not been someone else to offer themselves before us for adoption!
I waited impatiently for Tricia’s news… we had to agree on how and where meet each other! I spent a few days in the feeling of anguish at the mercy of the weather conditions (snow in the Alps) and strikes in the German Federal Railways.
I was certainly very excited to know personally Tricia and her husband Shawn.

My first contacts with Tricia dated back on September 22nd 2012, she had answered me a couple of weeks later.
From her brief introductory story, she shone a huge sweetness of spirit and a passion for the same ideals of mines (even music!)
And last Sunday, accompanied by Sara Luna, I reached Lindau on the Constance Lake. For an hour and a half I have had the pleasure of sharing with them some very strong emotions, beautiful ones, specials ones… I wish more people in this world could have the opportunity to live such moments as I did…

Thank you, Tricia and Shawn, thank you wholeheartedly for your precious friendship and for giving us the opportunity to adopt Cocoa…
We look forward to soon see you here on holiday… and who knows that Tricia’s dream, to learn Italian and French but also to work in Europe, will become reality!

 

IMG_1912

 

Durante il suo viaggio in treno verso l’ignoto, pioveva.

Quell’immagine del gattino che guarda fuori dal finestrino del treno, mi era entrata nel cuore e nella mente, il giorno seguente, non riuscivo a pensare all’altro. Il post di Tricia “Di ritorno verso casa… l’incredibile viaggio di un gattino ucraino” lo avevo visto per caso, era da un po’ di tempo che non entravo nel suo blog.

Qualcosa sfuggiva alla cognizione della casualità… avevo riguardato più volte la fotografia di Cocoa, pensando con enorme tristezza ad Ebano, la nostra gattina morta lo scorso 17 settembre. Dov’era Lviv? Perché quegli occhi ancora azzurri, tipici dei gattini di pochi mesi, mi avevano attirato in modo così fatale?

Il 27 ottobre rispondo sul blog di Tricia… ero sicura che mio marito, che adora gli animali (gatti in special modo) avrebbe dato il suo consenso ad adottare Cocoa… sempre che non ci fosse stato qualcun altro ad offrirsi prima di noi per l’adozione! Aspettavo con impazienza notizie da Tricia… dovevamo accordarci su come e dove trovarci! Ho passato un paio di giorni d’angoscia nel sentirmi in balia delle condizioni meteorologiche (neve sull’arco alpino) e scioperi delle ferrovie federali tedesche. Ero certamente anche molto emozionata di conoscere personalmente Tricia e Shawn, suo marito. I primi contatti con Tricia risalivano al 22 settembre 2012, lei mi aveva risposto un paio di settimane più tardi. Dal suo breve racconto introduttivo, traspariva un’enorme dolcezza di spirito ed una passione per gli stessi ideali miei (anche la musica classica!)

E domenica scorsa, accompagnata da Sara Luna, per un’ora e mezza ho avuto il piacere di condividere con loro delle emozioni molto forti, belle, speciali… che vorrei più persone in questo mondo avessero l’opportunità di vivere.

Grazie, Tricia e Shown, grazie di vero cuore per la vostra preziosa amicizia e per averci dato la possibilità di adottare Cocoa… Vi attendiamo presto da noi in Ticino… e chissà che il sogno di Tricia (di imparare l’italiano ed il francese, ma anche di poter lavorare in Europa, non possa diventare realtà!)

 

Cioccolata_Lviv

Lviv is Cocoa’s hometown, known for its chocolate… and that’s the reason why the kitten is named Cocoa!

Lviv è la città natale di Cocoa, conosciuta per la sua cioccolata… per questo il gattino porta il nome Cocoa!

 

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 60,991 hits
  • Translate