• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Where love does miracles: Cat Shelter Felix

n felix-cat-shelter-1

I love to help out people who care about animals. I feel a real deep respect and admiration for humans who really take the trouble to help “the voiceless”… On this planet, millions of animals are mistreated, killed for a sadistic purpose, eaten, kept in cages or chained…
There are few organizations (PETA, WWF, Sea Shepherd, Franz Weber… just to name few) which are big and may count on the help of many of us. In the meantime, there are many other small ones or even single persons doing wonders to help animals. See the story of Cat Shelter Felix at these links:
https://www.facebook.com/CatShelterFelix/?hc_location=ufi

www.catshelterfelix.com

I wish to help them get some sustain from my followers’ readers. Please, share or even better, send them some money… each little gesture will help to save lives of this Sanctuary for cats in Serbia.  Thank you wholeheartedly!     🙂 claudine

Felinologic Association Felix is a non-profit non-governmental organization located in Serbia, and we run a registered and accredited cat shelter & sanctuary called Cat Shelter Felix. Felinologic Association Felix is registered in Serbian Business Registers Agency, ID No: 08841187, Tax ID No: 103793133. Cat Shelter Felix is a no-kill rescue shelter & lifetime sanctuary located in Subotica, Serbia. CSF combines natural and artificial habitats with lots of open spaces and cage-free environment. Cat Shelter Felix relies solely on private donations.

…oOo…

 

Mi piace aiutare le persone che si impegnano in favore degli animali. Provo un profondo rispetto e ammirazione per gli umani che si prendono davvero la briga di aiutare “i senza voce” … Su questo pianeta milioni di animali vengono maltrattati, uccisi per uno scopo sadico, mangiati, tenuti in gabbia o incatenati …
Ci sono diverse organizzazioni (PETA, WWF, Sea Shepherd, Franz Weber … solo per citarne alcune) che sono grandi e possono contare sull’aiuto di molti di noi. Nel frattempo, ci sono molti altri piccole organizzazioni o addirittura singole persone che fanno prodigi per aiutare gli animali.
Guarda la storia di Cat Shelter Felix a questi link:

https://www.facebook.com/CatShelterFelix/?hc_location=ufi

www.catshelterfelix.com

Desidero aiutarli a ottenere un sostegno dai miei lettori. Per favore, condividi o, meglio ancora, invia loro un aiuto finanziario… ogni piccolo gesto aiuterà a salvare i piccoli ospiti di questo Rifugio per gatti in Serbia. Grazie di vero cuore!   :-)claudine

Felinologic Association Felix è un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro con sede in Serbia,  gestiamo un rifugio per gatti e un santuario registrati e accreditati chiamato Cat Shelter Felix. Felinologic Association Felix è registrata nell’agenzia dei registri delle imprese serbe, n. ID: 08841187, codice fiscale: 103793133. Cat Shelter Felix è un rifugio per il salvataggio e un santuario a tempo indeterminato situato a Subotica, in Serbia. CSF combina habitat naturali e artificiali con molti spazi aperti e un ambiente privo di gabbie. Cat Shelter Felix si basa esclusivamente su donazioni private.

Why support such horror? * Perché sostenere questo orrore?

Boycott Pyeongchang_Spanish_1440x2160_p_sp

This is why you should have boycotted PyeongChang 2018 Winter Olympics or any trip to South Korea, A Dog and Cat Eating Nation!

National Olympic Committees: did they take a stand in PyeongChang 2018 against the dog and cat meat trade?

National Olympic Committees:

PyeongChang, South Korea, set to play host to the world in the 2018 Winter Olympics. An international gathering of elite athletes, sports fans, governments and businesses on such a grand scale is a unique platform for taking a meaningful stand against the widely condemned, barbaric and inhumane dog and cat meat trade in South Korea.

We know you are busy preparing for this epic sporting event. However, we urge you to spare just a few minutes of your time to watch this video, as fellow people with compassion for animals, whether they are raised for our consumption or as our companions, working partners and guardians, we know you will agree that the current practice and attitude of those involved in this medieval industry is completely unacceptable and abhorrent. http://youtu.be/3uR8R8Mu70Q https://youtu.be/uO7dTlnWE6M

No living being deserves such a torturous existence. Forced to endure the most extreme deprivation and unimaginable torment from the moment they are born until the day they are brutally slaughtered; dogs (our best friends) are battery farmed – imprisoned in cramped, rusty, raised cages all their lives with no protection from extreme elements. They have no access to water, exercise, or medical care. Their eardrums are often burst to prevent them from barking. Until, often in front of other live dogs, they are electrocuted, hanged, beaten skinned or burnt alive in the ignorant belief that such suffering will improve their taste. Could you imagine this happening to your best friend?

This industry is by no means small scale, thousands upon thousands of dogs are factory farmed in this way every day, there is no emphasis on even the most basic and cheapest humane farming methods in this operation. This trade has no basis in promoting “culture” or tradition of the Korean people, it is purely driven by greed and the profits that can be made in this severely under-regulated, tax free sector which in itself is highly unsanitary and a severe risk to both human and animal health.

Please do not look the other way, please do not see this issue as a ‘cultural difference’, we urge you to look at this issue with unbridled compassion and to use whatever means or methods you can to add your voice to the many already calling for change in south Korea. This petition is just a start, we urge you to add your voice to social media and other campaigns. Please use this unique opportunity to help change the lives of so many dogs and cats condemned to a life in the meat trade. If South Korea knows the world is watching and is asking for change, and if South Korea wants to be respected as a nation of conscience, South Koreans need to strengthen their abysmal and outdated animal welfare laws and permanently ban dog and cat consumption. Please help us to bring about this change!

…oOo…

 

Questo è il motivo per cui avresti dovuto boicottare le Olimpiadi Invernali PyeongChang 2018 o qualsiasi vacanza in Corea del Sud, una nazione che mangia cani e gatti!

Al Comitato Olimpico Nazionale:

Pyeongchang, Corea del Sud, si prepara ad accogliere i Giochi Olimpici Invernali nel 2018. Un raduno internazionale d’atleti d’ elite, fan sportivi, membri del governo e persone d’ affari a grande scala rappresenta una piattaforma unica per prendere significante posizione contro l’ ampiamente condannato, barbaro e inumano commercio di carne di cane e gatto in Corea del Sud.
Sappiamo bene che siete occupatissimi preparandovi per quet’epico evento sportivo.

Ciononostante, Vi preghiamo di riservare solo pochi minuti del vostro tempo per guardare questi video sul commercio di carne di cane, perché sappiamo che Voi, come persone compassionevoli per gli animali, sia che siano allevati per il nostro consumo, sia come animali da compagnia, o come compagni da lavoro o come guardiani, sarete d’ accordo che la pratica attuale e l’ atteggiamento delle persone implicate in quest’ industria primitiva è completamente inaccettabile e ripugnante. http://youtu.be/3uR8R8Mu70Q ;

https://youtu.be/uO7dTlnWE6M

Nessun essere vivente merita una vita così orribile. Obbligati a sopportare le deprivazioni più estreme e tormenti inimmaginabili dal momento in cui nascono fino al giorno in cui sono brutalmente massacrati, i cani, i nostri migliori amici, sono allevati in batteria in allevamenti industriali precari, imprigionati in gabbie sollevate da terra, ristrette e arrugginite, senza protezione dalle condizioni meteorologiche estreme. Non hanno nessun accesso ad acqua fresca, esercizio e attenzione veterinaria. I loro timpani vengono spesso fatti esplodere per evitare che abbaino, fino al giorno in cui, spesso, di fronte ad altri cani vivi, vengono folgorati, impiccati, bastonati, scuoiati o bruciati vivi, per l’ infondata credenza che il dolore e tormento estremi migliorino il sapore e le proprietà della carne. Potreste immaginare che ciò accada al vostro migliore amico ?

Quest’ industria è tutt’altro che limitata, infatti, innumerevoli migliaia di cani sono allevati ogni giorno in queste fabbriche, che non compiono nemmeno con le norme basiche e più economiche degli allevamenti industriali. Questo commercio non ha nessuna ragione per promuovere queste pratiche come “cultura” o “tradizione” del popolo coreano. È un commercio spinto unicamente dall’ avarizia e dagli alti profitti che derivano da questo settore senza regole, libero da tasse ed altamente insalubre che presenta un serio rischio per la salute tanto umana come animale.

Per favore, Vi preghiamo di non girarvi dall’ altra parte, considerando questa questione come semplice “differenza culturale”, Vi chiediamo di contemplare questo problema con genuina compassione e di usare qualsiasi mezzo o metodo in vostro possesso per aggiungere la Vostra voce alle molte che stanno già esercitando pressione per un cambio in Corea del Sud. Questa petizione è solo l’ inizio, Vi preghiamo di aggiungere la Vostra voce ai social media ed altre campagne. Per favore, usate quest’ opportunità unica per aiutare a cambiare la vita di milioni di cani e migliaia di gatti condannati all’ inferno di quest’ industria crudele. Se la Corea del Sud si rende conto che il mondo la sta osservando, spingendola a cambiare e se vuole essere rispettata come una nazione cosciente, i Sudcoreani devono irrigidire le loro medioevali e arretrate leggi di protezione animale e proibire permanentemente il consumo di cani e gatti. Per favore, aiutateci a realizzare questo cambio.

(attempted) rescue of escaped cat * (tentato) salvataggio di un gatto fugitivo

I went out to buy a sandwich (the two cups of soup were not enough), on my way back to the office I see that there is a certain excitement in front of the Paolino bar, next to the Globus.
A big cat (probable a main coon) cream-orange color is sprawled on a chair near a table.
One man from the Animal Protection squad talks with another.
I approach, intrigued by the situation, while the cat (at least ten pounds) decides to go around under the arcades.
“The Animal Protection cannot, by law,” he wants to specify, “take a cat that is obviously in good health condition”.
“Why?” it’s lawful that I ask “and what if with the traffic of buses, taxis and cars, then he ends up flattened on the asphalt?”
Apparently, there is a law that prohibits the intervention of external if the cat is simply escaped, deciding to take a ride.
He checked, there is no microchip and the nice red anti-flea collar, does not carry any telephone indication.
It looks like a bad taste joke.
The cat, perhaps tired of wandering under the arcades, attracted by pigeons on the other side of the road… takes a run and, without looking to the right or left if there are cars or buses coming, he cross the road.
Fortunately, a car brakes, lets the cat pass on the other side of the road. The blood freezes in my veins.
Horrified, I start having cramps in my stomach and my hunger goes away in a couple of seconds.
I decide to go behind him; maybe I would come up with something.
The man with the orange sweatshirt of the Animal’s Protection, exclaims between his teeth: “here, he’s now going back to his house”.
“Nope, there are the pigeons that are more interesting than the windows of the shopping center Globus”. I answer him dryly.
And I sketch behind the cat, but first looking to the right and then the left, to avoid getting me pulled down on the pedestrian strips by some wretch who is typing on his cellphone.
On the other hand, a couple of ladies have already noticed him (the cat) in the garden next to the Locarno’s Casino.
“Unfortunately I am without the car… and I should go to work, otherwise I took him for safety to the vet!” I explain with a slightly altered voice; this, I think, is the problem of cat’s lover (bipeds who worship the Egyptian Goddess Bastet and her descendants). The older lady (who lives with her daughter at the top of the Valle Maggia -means very far away), looks for the phone number of her vet on her cell phone. Then she decides to go and take her car to park it nearby, just in case… Moments of panic, the cat moves between the bushes and plants. Then he stops, he lets himself be picked up but does not seem to like my compulsive attempt. I have to put it down to avoid some scratches or bites, even if it would be more than understandable, since this is our first close encounter. Then the daughter calls her mother, who does not arrive… From the discussion, I understand that the veterinarian has reported that he too (again because of some article of law) cannot keep a private cat, even in custody!
I start to get mad. Time is running out. The cat moves nimbly around. It’s almost two o’clock and I should, in practice, be already in the office.
What do I do? Am I going to take him to my office? Better not. I have appointments until 17:00 and I don’t think that the Direction would consent to a “rescue the cat” action of this type… without forgetting that just a couple of our departmental superiors are probably still in our building. At the end, I put a post on Instagram and FB with some pictures of the cat…
Perhaps, the reckless owner has noticed that the feline has run away to go and make four jumps in the city… I still have the doubt. Before returning home with the bus, tonight I did take a stroll around the casino and gardens. Fortunately the cat wasn’t there anymore, but still, I don’t know if he did reach his home…
One wonders:
– What is the use of Animal Protection Squad if they cannot take care of a cat without the owner’s permission?
– And for what reason a veterinarian cannot take delivery of an unharmed cat… but if he was smashed under a car, he could?

…oOo…

Sono uscita per prendermi un panino (le due tazze di zuppa non erano sufficienti), sulla via del rientro vedo che c’è una certa concitazione davanti al bar Paolino, al lato della Globus.
Un grosso gattone (probabile un main coon) color arancio-crema se ne sta in bellavista sdraiato su di una sedia vicino ad un tavolino.
Un signore della Protezione animali parla con un altro.
Mi avvicino, incuriosita dalla situazione, nel mentre il gattone (di almeno una decina di chili) decide di andarsene in giro sotto i portici.
“La Protezione animali NON può, per legge,” ci tiene a specificare, “prendere un gatto che è evidentemente in buone condizioni di salute”.
“Perché?” lecito che io chieda “e se qui con il traffico dei bus, taxi ed auto, poi finisce appiattito sull’asfalto?”
A quanto pare c’è una legge che vieta l’intervento di terzi nel caso il gatto è semplicemente scappato, decidendo di farsi un giretto.
Il tizio ha già verificato, non c’è microchip ed il simpatico collarino rosso anti-pulci, non porta nessuna indicazione telefonica.
Sembra uno scherzo di brutto gusto.
Il gatto, forse stufo di gironzolare sotto il porticato, attratto dai piccioni dall’altro lato della strada… prende la rincorsa e, senza guardare a destra o sinistra se ci sono auto o bus in arrivo, attraversa la strada.
Fortunatamente un’auto frena, lo lascia passare dall’altro. Mi si gela in sangue nelle vene.
Inorridita, mi vengono i crampi allo stomaco e la fame mi passa in un paio di secondi.
Decido di andarci dietro, forse mi sarebbe venuto in mente una qualche idea.
Il signore con la felpa arancione della Protezione, tra i denti, esclama: “ecco che adesso torna a casa sua”.
“Macché, ci sono i piccioni che sono più interessanti delle vetrine della Globus”. Gli rispondo incavolata. Il pomeriggio sarà snervante.
E schizzo dietro al gatto, guardando però prima a destra e poi a sinistra, onde evitare di farmi stendere proprio sulle strisce pedonali da qualche disgraziato che sta digitando sul cellulare.
Dall’altro lato, nel giardinetto di fianco al Casinò di Locarno, un paio di signore lo hanno già notato.
“Purtroppo sono senza l’auto… e dovrei andare al lavoro, altrimenti lo portavo per sicurezza dal veterinario!” Spiego, con la voce un tantino alterata (questo credo sia il problema dei gattari, bipedi che adorano la dea egizia Bastet ed i suoi discendenti).
La signora più anziana (che vive con la figlia in cima alla Valle Maggia), cerca sul cellulare il suo veterinario. Poi decide di andare a pendere l’auto per parcheggiarsi lì vicino, se del caso…
Momenti di panico, il gatto si sposta tra i cespugli e piante. Poi si ferma, si lascia prendere in braccio ma pare non gradire il mio tentativo coercitivo. Lo devo rimettere giù per evitare qualche graffiata o morso, anche se sarebbe più che comprensibile, visto che questo è il nostro primo incontro ravvicinato.
Poi, visto che la madre non arriva, la figlia la chiama… Dalla loro discussione al cellulare, deduco che pure il veterinario ha riferito (sempre per questioni di qualche articolo di legge) di non può tenere un gatto di un privato, neppure in custodia!
Inizio ad incavolarmi. Il tempo stringe. Il gatto agilmente si muove attorno. Sono quasi le due e dovrei, in pratica, già essere in ufficio.
Che faccio? Mi azzardo a portarlo nel mio ufficio? Meglio di no. Ho appuntamenti fino alle 17:00 e non credo che la direzione acconsentirebbe ad un’azione “rescue the cat” di questo tipo… senza dimenticare che proprio un paio dei nostri superiori del Dipartimento probabilmente è ancora nel nostro palazzo.
Alla fine metto un post su Instagram e FB con tanto di foto…
Forse l’incosciente proprietario si è accorto che il felino se l’è svignata per andare a fare quattro salti in città… ma resta il dubbio. Prima di tornare a casa con l’autobus, stasera ho fatto una passeggiata intorno al casinò e ai giardini. Per fortuna il gatto non c’era più, ma ancora, non so se ha raggiunto la sua casa…
C’è da chiedersi:
– A cosa serve la Protezione Animali se non può prendersi a carico un gatto fin tanto che i proprietari non si fanno vivi?
– E per quale motivo un veterinario non può prendere in consegna un gatto indenne… ma se fosse finito sotto una macchina, sì?

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga will be published in the spring of 2019 by Edizioni ULIVO

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 47,250 hits