• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

dive into the universe * tuffo nell’universo

This image has an empty alt attribute; its file name is skystars.jpg
(c) pixabay – the Milky Way

By Silvana Marzari    Rio Abierto instructor (testo in italiano in basso)

There was a time when man lived at a respectful distance from heaven. The sky was represented by a huge blue vault that extended above the earth. It was the home of God. The sky was so vast, high and far away that only birds and mountains could touch it. Looking up to the starry night or the infinite blue during the day, men understood how small they were. Now we cross the sky with planes and rockets and leave our footprints on the moon. At this point, it is obvious, that the old image of the “sky” hardly manages to coexist with the modern idea of “space”.

But the cosmos is everyone’s story. The universe originated around 13.8 billion years ago. It came with a big bang. And our skies and our earth were not the only ones to be created: the solar system belongs to a galaxy of billions of stars, which in turn is only one of billions of galaxies.

We are surrounded by the cosmos. The earth and stars are sailing in the cosmos. A star is a celestial body that shines with its own light. Our ancestors knew how to read the stars, orient themselves with the help of the stars in the seas, in the deserts, everywhere.
The “all” is what we call the universe.
I want to ask you when was the last time you took the time to observe the stars?

This is precisely what will be proposed this week: look at the stars.

Proposal of workout:

You don’t need anything material to look at the stars. You need some time and a beautiful starry sky. Choose a place from where you can observe your starry sky.
Put yourself in a position that is comfortable for you, if you also lie down, with your face upwards, towards the stars.
Look up into this immensity, into this beauty. See also what you don’t see: All billions of galaxies, with billions of stars. The stars are so ancient and distant. Their light took millions, if not billions, of years to reach you. The stars speak to us of infinity, of mystery. Let yourself be enveloped by this enormity. You are part of this immense. The cosmos is everyone’s story.
In the night the sun rests and the stars and the moon watch over you too.

Please note: text prepared by Silvana Marzari instructor of Rio Abierto.

For more information about her work and Rio Abierto, contact Silvana!

This image has an empty alt attribute; its file name is centaurus_a_chandra.jpg
(c) Weschool – Centaurus A radiogalaxy

C’era un tempo in cui l’uomo viveva a rispettosa distanza dal cielo. Il cielo era rappresentato da un enorme volta blu che si estendeva al di sopra della terra. Era la dimora di Dio. Il cielo era così vasto, alto e lontano che solo gli uccelli e le montagne potevano toccarlo. Sollevando lo sguardo verso la notte stellata o il blu infinito durante il giorno gli uomini comprendevano quanto erano piccoli. Ora solchiamo il cielo con aerei e razzi e lasciamo le nostre impronte sulla luna. A questo punto, è ovvio, che la vecchia immagine del “cielo” difficilmente riesce a convivere con la moderna idea di “spazio”.

Ma il cosmo è la storia di tutti. L’universo è nato circa 13,8 miliardi di anni fa. È arrivato con un Big Bang. E i nostri cieli e la nostra terra non sono stati gli unici a essere creati: il sistema solare appartiene a una galassia di miliardi di stelle, che a sua volta è solo una fra miliardi di galassie.

Siamo circondati dal cosmo. La terra e le stelle stanno navigando nel cosmo. Una stella è un corpo celeste che brilla di luce propria. I nostri antenati sapevano leggere le stelle, orientarsi con l’aiuto delle stelle nei mari, nei deserti, ovunque.
Il “tutto” e ciò che noi chiamiamo universo.
Vi voglio chiedere quando è stato l’ultima volte che vi siete presi il tempo per osservare le stelle?Cappella degli Scrovegni with frescoes by Giotto XIV century – Padua

Proprio questo sarà la proposto di questa settimana: guardare le stelle.

Proposta di lavoro:
Per guardare le stelle non ti serve niente di materiale. Hai bisogno un po di tempo e un bel cielo stellato. Scegli un luogo da dove puoi osservare bene il tuo cielo stellato.
Mettiti in una posizione per te comoda, se voi anche sdraiata, col volto all’insù, verso le stelle.
Guarda su in questa immensità, in questa bellezza. Vedi anche quello che non vedi: Tutte le miliardi di galassie, con le miliardi di stelle. Le stelle sono così antiche e lontane. La loro luce ha impiegato milioni, se non miliardi, di anni per giungere a te. Le stelle ci parlano dell’infinito, del mistero. Lasciati avvolgere da questa enormità. Fai parte di questo immenso. Il cosmo è la storia di tutti.
Nella notte il sole riposa e le stelle e la luna vegliano, anche su di te.

N.B. testo rielaborato da Silvana Marzari istruttrice di Rio Abierto.

Per ulteriori informazioni, contattare Silvana!

To walk * Camminare

By Silvana Marzari    Rio Abierto instructor

bimba_che_cammina

Our ancestors had descended from the trees to live at ground level, where they moved like semi-quadrupeds, preparing the way for the vertical position with support on two feet. The vertical alignment of the body on two feet involves a continuous alternation of contraction and relaxation movements of the leg muscles, in order to maintain balance. A forward displacement with respect to the support base began the gait that is the action of moving one foot after the other to walk.
Walking is a meditation not only when we experience it as a form, but also every time we walk in daily life. If we want we can perceive every change and nuance of an activity that we mostly do without any attention. To walk is to leave the ground with one foot and hold the anchor with the other. Walking we take turns between earth and sky.

Walking through predetermined paths is an ancient practice in sacred traditions around the world. We think of pilgrimages: from Santiago de Compostela, to Mecca, to the sacred mountain of Kailash… These predetermined paths can have destinations like in the pilgrimage or they can be within a delimited space, such as in the cloister of a convent. Walking on these paths is a finalized going, dedicating a part of one’s lifetime, to connect to the sacred. It is a walk towards yourself.
This week we experience a conscious walk.

Proposal of workout: “Walking consciously”

Choose your path you want to take. It is a walk to be done alone. It’s about walking towards yourself. You are the destination.
• In conscious walking we feel what happens in every moment, we feel our body standing, we feel the movement, its richness, its complexity.
• The pace, the rhythm, the speed must be accorded to the quality of the body and heart present in the moment, to their needs.
• Sometimes, slowness helps to counteract the mind that runs too much, to invite it to pause, to tune it with the present moment. At other times, the slow pace can become hypnotic, a lullaby that creates automatism, and the pace must be awakened, refreshed with audacity, accelerating or instead slowing down to the maximum and remaining connected with the most subtle sensations.
• Do not look for meaning, just touch the ground with one foot, lift the other foot off the ground, take turns without getting busy. Being intimate with the earth and with the air, with the dance of the step, with the pace.
• And if thoughts ride us if they prevent us from being present, it remains anchored to the step and returns to the humility of the foot that feels the earth, that feels the detachment from the ground.

N.B. text reworked by Silvana Marzari instructor of Rio Abierto, freely taken from the beautiful book: “Silence is a living thing” by the writer and poet Chandra Livia Candiani.

.

santiago_de_compostela

 

I nostri antenati erano scesi dagli alberi per vivere al livello del suolo, dove si muovevano come semiquadrupede, preparando la via alla posizione verticale con appoggio su due piedi. L’allineamento del corpo in verticale su due piedi comporta un continuo alternarsi di movimenti di contrazione e di rilassamento dei muscoli delle gambe, allo scopo di mantenere l’equilibrio. Un sottile spostamento in avanti rispetto alla base di appoggio diede inizio alla deambulazione, overo l’azione di spostare un piede dopo l’altro, al camminare.

Camminare è una meditazione non solo quando lo sperimentiamo come forma, ma anche ogni volta che camminiamo nella vita quotidiana. Se vogliamo possiamo percepire ogni cambiamento e sfumatura di un’attività che per lo più facciamo senza alcuna attenzione. Camminare è lasciare con un piede la terra e con l’altro tenere l’ancora. Camminando ci avvicendiamo tra terra e cielo.
Camminare attraverso sentieri prefissati è una pratica antica nelle tradizioni sacre di tutto il mondo. Pensiamo ai pellegrinaggi: di Santiago di Compostela, alla Mecca, alla montagna sacra del Kailash… Questi sentieri prefissati possono avere delle mete come nel pellegrinaggio o possono essere all’interno di uno spazio delimitato, come per esempio nel chiostro di un convento. Camminare su questi sentieri è un andare finalizzato, dedicando una parte di tempo della propria vita, per connettersi al sacro. È un camminare verso se stessi.
Questa settimana sperimentiamo una camminata consapevole.

Proposta di lavoro:  Camminare consapevole”

Scegli il tuo percorso che vuoi intraprendere. È una passeggiata da fare in solitudine. Si tratta di camminare verso se stessi. La destinazione sei tu.
• Nella camminata consapevole sentiamo cosa accade in ogni istante, sentiamo il nostro corpo in piedi, sentiamo il movimento, la sua ricchezza, la sua complessità.
• L’andatura, il ritmo, la velocità vanno accordate alla qualità del corpo e del cuore presenti nel momento, ai loro bisogni.
• Certe volte, la lentezza aiuta a contrastare la mente che corre troppo, a invitarla a fare pausa, a intonarla con il momento presente.
• Altre volte, il passo lento può diventare ipnotico, una ninna-nanna che crea automatismo, e il passo va risvegliato, rinfrescato con audacia, accelerando o invece rallentando al massimo e restando connessi con le più sottili sensazioni.
• Non cercare un senso, solo toccare terra con un piede, sollevare da terra l’altro piede, avvicendarsi senza affaccendarsi. Essere intimi con la terra e con l’aria, con la danza del passo, con l’andatura.
• E se i pensieri ci cavalcano, se ci impediscono di essere presenti, resta ancorata al passo e torna all’umiltà del piede che sente la terra, che sente lo stacco da essa.

N.B. testo rielaborato da Silvana Marzari istruttrice di Rio Abierto, liberamente tratto dal bellissimo libro: “Il silenzio è cosa viva” della scrittrice e poetessa Chandra Livia Candiani.

Per ulteriori informazioni, contattare Silvana!

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 60,218 hits
  • Translate