• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

Power of human brain? * Usiamo il cervello?

Brain synapses

In recent months I have repeatedly asked myself whether there is a relationship, albeit indirect, between the SARS-CoV-2 pandemic and global warming.
On the one hand, it is stated that there is still no scientific evidence, but many times reference is made to other viruses of the same Orthocoronavirinae family, for example SARS, for which a correlation with overheating of the planet had been confirmed.
Anthropogenic pressure with its mechanical actions designed to deforest to obtain more arable land (for extensive forage crops for “meat animals”), obliges the wild animals that live there to migrate: this is a threat, considering that they can be incubators of viruses.
In most cases there is no “species jump”, but in the case of an “appropriate” genetic mutation, a virus from the animal can be transmitted to the human.
A little revenge: all those who despised the “Fridays for Future” movement may have caught the message now… However, I am led to believe that everyone, apart from a few exceptions and without distinction of class or education, has realized that the phenomenon of global warming is not a lie. However, we must not forget that speciesism also has its part in the propagation of viruses: those who follow my blog will have already read several times that the exploitation of animals by humans has directly harmful effects (see wet markets, intense animal breeding for meat etc.)


Initially opponents of the “Fridays for Future” and other movements, as well as the well-known “Extinction Rebellion”, were babbling that climate change does not exist and that the exploitation of the soil and desertification for anthropogenic cause do no harm.
What I hoped for is greater growth in awareness, now that we have slowly returned to normal in post-covid-19, but unfortunately I realized that the huge fear had passed… people have already forgotten their good intentions.

Can we hope for a paradigm shift?
Of course, we no longer take a plane on Friday to visit Barcelona and then return to your home on Sunday. In addition, mobility has changed, and how! People are afraid to take public transportation and therefore use private cars, the tendency is to take holidays in their own country, which is also good for the local economy.
This, perhaps, is the only change that I see: okay, no one is robbing supermarkets by raiding toilet paper and mineral water, but we have returned exactly to the usual frenetic and selfish rhythms of before.
Ah, maybe I’m wrong, one thing has changed: first, on the sides of the streets or in city parks I found cans of beer or McDonald’s bags with polystyrene boxes, now the masks and sanitary gloves have been added.
This reminds us that SARS-CoV-2 is always out there, lurking, ready to infect us and that after it the list will continue to grow considering that the number of coronaviruses is growing rapidly.
The radical change was expected, with the smog blown away by the skies of the big cities during the lockdown, we were also deluded that something truly positive for the environment would happen.

But the tranquility of deserted roads in which even wild animals had returned to appear no longer frightened by the human presence, is now only a strange memory. Everything looks like something paradoxical, a déjà-vu that bounces off the walls of our brain alike in the REM phase.
In discussing with acquaintances, I realized that each of us lived this experience in a very different way. Some have been psychologically very touched in the absence of social contacts, others have used their time to devote themselves more to private matters and their own needs, still, others who have overcome it without making dramas.
Unfortunately, the estimate of the deaths due to covid-19 is over 500 thousand (28.6.2020), but the counting proceeds, SARS-CoV-2 has not taken a holiday and consequently, each person should keep “high guard” while keeping the “social distancing” and use of the mask in public environments, as well as other, recommended hygiene rules.

Gary Strokes (Ocean Asia) on Soko Island (foto Reuters)




In questi ultimi mesi mi sono più volte chiesta se c’è una relazione, seppure indiretta, fra pandemia da SARS-CoV-2 e riscaldamento globale. Da una parte si afferma che non ci sono ancora evidenze scientifiche, ma molte volte si fa riferimento ad altri virus della stessa famiglia Orthocoronavirinae, ad esempio la SARS, per la quale era stata confermata una correlazione con il surriscaldamento del pianeta. La pressione antropica con le sue azioni meccaniche atte a deforestare per ottenere maggiore terreno coltivabile (per coltivazioni estensive di foraggio per “animali da carne”), obbliga gli animali che vi abitano a migrare: questa è una minaccia, considerando che possono essere incubatori di virus.

Nella maggior parte dei casi non c’è un “salto di specie”, ma in caso di mutazione genetica “appropriata” un virus dall’animale può essere trasmesso all’umano. Una piccola rivincita: tutti quelli che disprezzavano il movimento “Fridays for Future” forse ora avranno colto il messaggio… Sono comunque portata a credere che tutti, a parte poche eccezioni e senza distinzione di ceto o formazione, si sono accorti che il fenomeno del riscaldamento globale non è una panzana.

Non bisogna però dimenticare che anche lo specismo ha la sua parte nella propagazione di virus: chi segue il mio blog avrà già più volte letto che lo sfruttamento di animali da parte dell’uomo ha influssi direttamente nefasti (vedi wetmarkets, allevamenti intensi di animali per carne ecc.) Inizialmente gli oppositori ai “Fridays for Future” ed altri movimenti come anche il ben noto “Extintion Rebellion”, andavano blaterando che i cambiamenti climatici non esistono e che lo sfruttamento del suolo e la desertificazione per causa antropica non recano alcun danno.

Ciò che speravo è una crescita maggiore della consapevolezza, ora che lentamente siamo tornati alla normalità nel post-covid-19, ma purtroppo mi sono resa conto che passata la grande paura… le persone si sono già dimenticate dei buoni propositi.

Possiamo sperare in un cambiamento di paradigma? Certo, ora non si prende più l’aereo il venerdì per visitare Barcellona e poi rientrare la domenica al proprio domicilio. Inoltre la mobilità è cambiata eccome! La gente ha timore a prendere mezzi di trasporto pubblici e quindi utilizza l’auto privata, la tendenza è quella fare vacanza nella propria nazione, che è anche un bene per l’economia locale.

Questo, forse, è l’unico cambiamento che visualizzo: va bene, più nessuno svaligia i supermercati facendo razzia di carta WC e acqua minerale, ma siamo tornati esattamente ai soliti ritmi frenetici ed egoistici di prima. Ah, forse mi sbaglio, una cosa è cambiata: prima ai lati delle strade o nei parchi cittadini trovato lattine di birra o sacchetti del McDonald’s con contenitori in polistirolo, ora si sono aggiunte le mascherine e guanti sanitari.

Questo a ricordarci che la SARS-CoV-2 è sempre là fuori, in agguato, pronta ad infettarci e che dopo di lei la lista continuerà ad ingrandirsi considerando che il numero dei coronavirus sta crescendo rapidamente. Si prospettava un cambiamento radicale, con lo smog spazzato via dai cieli delle grandi città durante il lockdown, ci si era anche illusi che qualcosa di veramente positivo per l’ambiente sarebbe accaduto.

Ma la tranquillità di strade deserte nelle quali pure gli animali selvaggi erano tornati a percorrere non più spaventati dalla presenza umana, è ora solo uno strano ricordo. Tutto appare come un qualcosa di paradossale, un déjà-vu che rimbalza sulle pareti del nostro cervello come nella fase REM.

Discutendo con conoscenti, mi sono accorta che ognuno di noi ha vissuto in modo molto diverso quest’esperienza. Chi è stato psicologicamente molto toccato in mancanza dei contatti sociali, altri che hanno utilizzato il loro tempo per dedicarsi maggiormente a sé stessi ed ai propri bisogni, altri ancora che lo hanno superato senza fare drammi. Purtroppo la stima dei morti a causa del covid-19 è di oltre 500mila (28.6.2020), ma il conteggio procede, SARS-CoV-2 non ha preso vacanza e di conseguenza ogni persona dovrebbe tenere “alta la guardia” mantenendo il distanziamento sociale e l’utilizzo della mascherina in ambienti pubblici, nonché le altre norme di igiene consigliate.

Holland: must kill 10,000 minks to stem SARS-CoV-2 cases

The above pictures are taken from the web, shows the pitiful state of the little animals, caged in small wire boxes. The horrible situation of stress which pushes the animals toward cannibalism and violence one against the other.

Devastating decision: more than 10,000 minks for fur, will be killed in Holland following the discovery of possible transmission of SARS-CoV-2 from animals to humans.
On a farm in Deurne in the south of the country, due to cases of infection of some animals, 1,500 minks have already been killed using carbon monoxide to prevent the spread of the virus.
And the undifferentiated killing of minks will continue until the suppression of all specimens, even puppies.
Despite the interventions of various animal welfare associations, the Dutch Food & Wares authority has been adamant and the Amsterdam Court has given the go-ahead to the massacre.
Claire Bass director of the Humane Society International UK, has asked that the 24 countries around the world that still allow the breeding of visions (for furs) to quickly assess the situation and evidence of what is happening in the Netherlands.
China, Denmark and Poland are the largest mink producers and annually kill 60 million animals for fur. In Holland, there are 140 mink farms that export 90 million euros of fur per year. But even in Italy there are farms in different regions… establishments where the poor animals are born and live in horrendous hygienic conditions in narrow spaces where infernal scenarios take place.
As long as there is “demand” from “consumers”, innocent animals will be bred in captivity to be killed for their furs.
Wearing fur from animals raised in pitiful conditions is a matter of ethics.
On the market we find imitations so perfect as to hardly distinguish them from real fur… they certainly cost less, they are free of suffering and if it is really necessary because of the rigid temperatures, they shelter optimally from the cold.

Refusing to generate suffering to other creatures is a personal matter, this is obvious. But I believe that those who wear this item of clothing are not sensitive to the topic and certainly not inclined to hear reasons.

migliaia di gabbie con le povere creature imprigionate

Devastante decisione: in Olanda saranno uccisi più di 10.000 visoni da pelliccia, a seguito della scoperta di possibile trasmissione del SARS-CoV-2 dagli animali all’uomo.
In una fattoria a Deurne nel sud del paese, a causa di casi d’infezione di alcuni esemplari, sono già stati soppressi utilizzando del monossido di carbonio, 1.500 animali per prevenire il dilagare del virus.
E gli abbattimenti indifferenziati dei visoni continueranno fino alla soppressione indistinta di tutti gli esemplari, anche i cuccioli.
Malgrado gli interventi di diverse associazioni animaliste, la Food&Wares authority olandese è stata irremovibile ed il Tribunale di Amsterdam ha dato il nulla osta alla strage.
Claire Bass direttore della Humane Society International UK, ha chiesto che i 24 paesi in tutto il mondo che consentono ancora l’allevamento di visioni (per pellicce) di valutare rapidamente la situazione e le prove di quanto sta accadendo nei Paesi Bassi.
Cina, Danimarca e Polonia sono i maggiori produttori di visoni e abbattono annualmente 60 milioni di animali per le pellicce. In Olanda, ci sono 140 allevamenti di visoni che esportano 90 milioni di euro di pellicce l’anno. Ma anche in Italia ci sono allevamenti in diverse regioni… stabilimenti dove le povere bestiole nascono e vivono in orrende condizioni igieniche in spazi angusti dove si svolgono scenari infernali.
Fin tanto che ci sarà la “richiesta” da parte dei “consumatori”, animali innocenti saranno allevati in cattività per essere ammazzati per le loro pellicce.
Indossare una pelliccia proveniente da animali allevati in condizioni pietose, è una questione di etica.
Sul mercato troviamo imitazioni così perfette da difficilmente distinguerle dal pelo vero… costano certamente meno, sono prive di sofferenza e se proprio è necessario a causa delle rigide temperature, riparano in modo ottimale dal freddo.

Rifiutarsi di generare sofferenza ad altre creature, è una questione personale, questo è ovvio. Ma credo che chi sfoggia questo capo di vestiario, non è sensibile alla tematica e certamente poco incline a sentire ragioni.

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 58,614 hits
  • Translate