• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Purity of the rain…

  • Categories

Kiev

This slideshow requires JavaScript.

This was my first visit to Ukraine. In Kiev I already had several stopover, when I worked for the swiss national airline, but at that time were not provided overnight stays.
I did not know exactly what to expect and I had not time to do a search on the web… somehow I preferred to be surprised since the political turmoil didn’t let me indifferent.
The flight with Ukraine International Airlines was quiet and comfortable: no service is provided but on board you can buy drinks and food. The planes are new and clean, the cabin staff is multilingual and helpful.
Once in the city, we were greeted by a person who took us to our reserved taxi, which drove us to the hotel Natzionalni. The palace is an imposing structure, typical of the buildings of the Soviet Communist era.
We found some “stiffness of expression” in staff at the reception and service personnel (English is not widely spoken). Given the past history of this nation that has found independence from Russia in 1991, as well as the current hard political situation, we are perfectly aware of the difficulties that its inhabitants may have as well towards foreign visitors. But the room quite cozy and clean and allowed us a moment of rest … then we had dinner with Irina, the project manager with wohm my husband and his collegue are working.
The most striking of the city, is the architectural austerity, sometimes too “gloomy” and massive. The touch of absolute particularity is given by the many Orthodox churches, with their golden domes, which are standing out against the blue sky and the cobalt blue of the Dnieper River, which divides geologically into two, from North to South, the nation.
The domes are countless: just consideing the monastery and the cathedral of Kiev Pechersk Lavra (Monastery of the Caves in Kiev founded by monks Anthony and Theodosius on Mount Berestov) dating from the first century AD is today’s UNESCO World Heritage Site. In 17-18mo. century, the monastery underwent major expansion and renovations containing the most significant performances of Baroque and Rococo.
A guided tour of a day subsequently allowed us to get to know “the darker side”, and for many perhaps unimaginable, because nobody talks about it at all.
In 3 different periods, famine and hunger in the years 1921-22, 1931-33 and 1946-47, have decimated the population of what is now Ukraine. But of these disasters, that of 1932-33 was the most terrible.
Like what happened in other times and places where there were holocausts, the Holodomor of Kiev killed 7 million people of which 1/3 were children. These facts were “recognized” by the Parliament of Ukraine and 19 independent nations only in 2008.
The man behind this “crime against humanity” was Stalin, through the process of transformation which he wanted in the second half of the 1920s.
As the southern lands were the most productive in terms of agriculture (the current nation of Ukraine at that time provided 50% of the flour of the entire USSR), according to the design of the system, the wealth generated by agriculture was entirely transferred to industry, the real “engine” of the Stalinist planned economy .
The Ukrainian kulaks owned by long tradition agricultural farms. In the period between 1929-32 it was implemented two measures one of “collectivization” and another of “dekulakization”. The first involved the end of private ownership of land and all the farmers had to find work in the collective farms of the communist party. The dekulakization meant physical elimination (killing or deportation) of millions of peasants.
This is the other side of the coin: the Holocaust related to the facts of the famine induced by the Soviet-Communist policy, which obviously Russia, until the perestroika, tried to cover up.
But even if my feeling was very touched by discovering these facts dating back more than 80 years ago, I also could understand the reasons for the current problems in the south-eastern part of the country…
The hegemonic attempt of Putin’s Russia, in order to “regain” control of some countries of the former USSR (Ukraine is independent from August 1991), led to a civil war in the south-east of the country in the cities of Donetsk and Lugansk .
Openly are the pro-Russian and the pro-Europeans to rage one against the other… and who loses, are always those who sacrifice themselves in the name of high ideals.
Anyhow In the city of Kiev you can safely wander around by foot, but there are many military and police with armored vehicles, and in some streets there are points of the block. But I have not been afraid, even if in a couple of parks there were protesters who shouted their reasons. The people in the street and shops are very friendly and smile at you (specialy when you walk around with a city-map) even if very few of them speak english!
For the rest Kiev is an “Europeanized” city: in the shops you can find everything and the restaurants are like those of a crowded Rome or an exclusive Zurich. You can eat in restaurants with “weird” names where you order vegan or Japanese food, in other you may try syrniki or varenyki with cherries and sour cream. Then there are the fast-food restaurants, the Italian restaurants and French one with exorbitant prices.
On Friday we were in Zhytomyr (west of Kiev) for a guided tour to a kindergarden renovated according to the standards of energy conservation.

…oOo…

Questa è stata la mia prima visita dell’Ucraina. A Kiev avevo già fatto scalo diverse volte, quando lavoravo per la compagnia aerea di bandiera, ma non erano previsti pernottamenti.
Non sapevo esattamente cosa attendermi e non avevo avuto tempo per fare una ricerca sul web… ho preferito lasciarmi sorprendere.
Il volo con l’Ukraine International Airlines è stato tranquillo e comodo: nessun servizio è previsto ma si può acquistare bevande e cibo. Gli aerei sono nuovi e puliti, il personale di cabina è multilingue e disponibile.
Arrivati in città, siamo stati accolti da una persona che ci ha portati al nostro taxi riservato, che ci ha quindi trasportarci all’albergo Natzionalni. Il palazzo è di struttura è imponente, tipica delle costruzioni del periodo comunista sovietico.
Forse una certa “rigidità” d’espressione l’abbiamo riscontrata nel personale alla ricezione e negli addetti al servizio (l’inglese non è parlato correntemente). Considerando il passato storico di questa nazione che ha trovato l’indipendenza dalla Russia nel 1991, come pure l’attuale difficile situazione politica, siamo perfettamente coscienti delle difficoltà che i suoi abitanti possono avere nei confronti dei visitatori stranieri. Ma la camera molto accogliente e pulita, ci ha permesso un momento di ristoro… poi ci siamo trovati per la cena con Irina, la responsabile del progetto internazionale al quale lavora mio marito e la sua collega Jennifer.
Della città colpisce maggiormente l’austerità architettonica, a volte fin troppo “tetra” e massiccia. Il tocco di assoluta particolarità è dato dalle molte chiese ortodosse, con le loro cupole dorate, che si stagliano contro l’azzurro del cielo e il blu cobalto del fiume Dnieper che divide geologicamente in due, dal nord al sud, la nazione.
Le cupole sono innumerevoli: basti pensare al monastero e cattedrale di Kyevo Pečers’ka Lavra (monastero delle grotte di Kiev fondato dai monaci Antonio e Teodosio sul monte Berestov) risalente al primo secolo d.C che oggigiorno è patrimonio dell’umanità protetto dall’UNESCO. Nel 17-18mo. secolo, il monastero subì grande espansione e rinnovamenti contenenti le più significative rappresentazioni dell’architettura barocca e rococò.
Una visita guidata di un giorno ci ha in seguito permesso di conoscere anche il lato più oscuro, e per molti forse anche inimmaginabile, visto che non se ne parla per niente.
In 3 differenti periodi, le carestie e la fame negli anni 1921-22, 1931-33 e 1946-47, hanno decimato la popolazione di quella che oggi è l’Ucraina. Ma di queste catastrofi, quella del 1932-33 è stata la più terribile.
Al pari de quanto successo in altre epoche, dove vi furono olocausti, l’Holodomor di Kiev uccise 7 MIO di persone delle quali 1/3 erano bambini. Questi fatti furono “riconosciuti” dal parlamento dell’Ucraina e da 19 nazioni indipendenti solo nel 2008.
L’artefice ideatore di questo “crimine contro l’umanità” fu Stalin, attraverso il processo di trasformazione da lui voluto nella seconda metà degli anni 1920.
Siccome le terre meridionali erano quelle più produttive dal punto di vista agricolo (l’attuale Ucraina forniva il 50% della farina di tutta la URSS), secondo il progetto del regime, la ricchezza prodotta dall’agricoltura andava interamente trasferita all’industria, vero “motore” dell’economia pianificata staliniana.
I Kulaki ucraini possedevano da lunga tradizione fattorie agricole. Nel periodo tra il 1929-32 furono attuate le due misure di “collettivizzazione” e “dekulakizzazione” . La prima comportò la fine della proprietà privata della terra e tutti gli agricoltori dovettero trovare un lavoro nelle fattorie collettive del partito comunista. La dekulizakizzazione significò l’eliminazione fisica (uccisione o la deportazione) di milioni di contadini.
Questa è l’altra faccia della medaglia: l’olocausto legato ai fatti della carestia indotta dalla politica sovietico-comunista, che evidentemente la Russia, fino alla perestroika, cercò di insabbiare.
Ma anche se la mia sensibilità è stata molto toccata dallo scoprire questi fatti risalenti a più di 80 anni or sono, ho anche potuto comprendere le ragioni degli attuali problemi nel sud del paese.
Il tentativo egemonico della Russia di Putin, atto a “riprendere” il controllo su taluni ex paesi della URSS (l’Ucraina è indipendente dall’agosto 1991), ha generato una guerra civile nel sud del paese nelle città di Doneck e Lugansk.
Apertamente sono i filo-russi e gli europeisti ad accanirsi gli uni contro gli altri… e chi ci rimette, sono sempre quelli che si sacrificano in nome di grandi ideali.
Nella città di Kiev si può tranquillamente gironzolare a piedi, però ci sono molti militari e polizia con mezzi blindati, e in certe strade vi sono dei punti di blocco. Non ho però avuto timore, anche se in un paio di parchi c’erano dei manifestanti che gridavano le loro ragioni. La gente nelle strade e negozi sono molto gentili e sorridenti (specialmente quando si nota che sei un tursita dalla mappa della città in mano) anche se ne ho incontarti pochi che parlassere un inglese comprensibile!
Per il resto Kiev è una città “europeizzata”: nei negozi trovi di tutto ed i ristoranti sono come quelli di una Roma affollata o di una Zurigo esclusiva. Si può mangiare in ristornati dai nomi “strani” dove ordinare pietanze vegane o giapponesi, in altri assaggiare dei syrniki o dei varenyki con panna acida con ciliege. Poi ci sono i fast-food,  ristoranti italiani e francesi dai prezzi esorbitanti.
Il venerdì siamo stati a Zhytomyr (ad ovest di Kiev) per effettuare una visita guidata ad un silo nido ristrutturato secondo le normative del risparmio energetico.

Leave a comment

5 Comments

  1. Wow, what an informative and fascinating post, reading about the darker issues was hard, but it is what we need to hear, it happened, and was dreadful, let’s hope humanity learns from these horrific mistakes. I loved your pictures and found it all very intriguing! xxx

    Reply
  2. Your pictures are wonderful. Thanks for teaching us a little about Ukraine.

    Reply
  3. Greta

     /  August 7, 2015

    Quanta tristezza nel realizzare che atti così gravi vengano tenuti nascosti. Grazie per la condivisione di queste stupende fotografie, è certamente una città che vale la pena visitare. Greta

    Reply
  4. Such a sad history for Ukraine, and it is so recent which makes it almost more difficult to understand. The photo series you have uncovers such a diverse look at Kiev, from the gleaming cathedrals, the people to that wonderful shot of the lady hanging her laundry. What emotions they must have knowing that their political situation is very much uncertain – and what a trip it must have been for you to have experienced it so. Like you, sometimes I think it is best to not have a set itinerary or “guidebook understanding” of a place you are visiting, so you can explore and understand in real-time. Wonderful post and safe travels…

    Reply
  5. Thank you for showing me this post!

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: