• Semplicemente… donna

    Sara Luna e Claudine
  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • travelingabout.wordpress.com
  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Purity of the rain…

  • Categories

Biografia: Insubria verso nord Vol.1 – Ceresio, Monteceneri e i Tre Castelli” * “Insubria verso nord Vol.2 – Verbano e valli”

http://image.anobii.com/anobi/image_book.php?item_id=01a70088ae9102cb06

Tutto iniziò parecchi anni or sono…

Insubria verso nord: Parte 1

Seduto al lato del grande camino nel soggiorno dei nonni materni, il bambino Tito osserva con rispetto e curiosità l’imponente stucco rappresentante due putti…
Ombre scivolano silenziose, presenze arcane che riprendono vita, mentre il ticchettio del vecchio orologio scandisce il ritmo immutabile del tempo che scorre.

L’autore con il suo narrare autobiografico, a volte arzigogolato con dardi di crudo sarcasmo quasi autopunitivo, ci conduce attraverso la sua infanzia ed adolescenza.
Provvisto di un’impressionante memoria visiva, l’autore richiama dal suo passato riportando alla luce i fatti accaduti con sorprendenti particolari e dettagli che conferiscono alla narrazione un’eccellente sensazione di coinvolgimento.
Alcune vicende mi hanno fatto sorridere, pensando al candore infantile nel quale anche la madre di Tito, molto credente, ha invano cercato di allevarlo per trattenerlo “sulla retta e puritana via”.
Evidentemente la furbizia del protagonista nonché narratore, non aveva però fatto i calcoli con una miriade di dettagli che hanno, nel corso degli anni, influito sul suo sviluppo fisico e psichico.
La genuinità della sua infanzia, lo ha avvicinato alla natura, sempre presente lungo tutta la linea della narrazione; sulle montagne e pascoli alpini, tra capre e mucche, in luoghi irti di pericoli dove più di una volta si è davvero trovato al cospetto della morte. Vi è inoltre il crescendo dovuto alla sua maturazione fisica post-adolescenziale, dove sebbene egli fosse ricolmo di scaltrezza e determinazione, le frecce di Cupido non lo hanno risparmiato da diverse delusioni.
La sua ostilità verso le congetture della rozza politica perbenista nella quale la massa proletaria si trova a dover fare i conti, non trascura le descrizioni dei vari personaggi ricolmi d’arroganza e falsità.
Nella narrazione di Tito, seppure in modo rispettoso e a volte implicito, non mancano le caustiche allusioni (sempre solo con le iniziali dei malcapitati) a fatti poco edificanti. Una sorta di riscatto morale, per tante ingiustizie che egli ha dovuto subire sin dall’infanzia.
I passaggi che più mi hanno toccata, forse perché il coinvolgimento permetteva alla ponderatezza di tracimare, sono quelli del nonno in una fattoria nella Svizzera tedesca. L’orrore che i suoi occhi hanno testimoniato, lo hanno segnato nell’animo con intransigenza…
Poi ancora, fin nei grezzi dettagli, vi è la forza della natura che ha chiamato un povero caprone ad essere vittima d’un fulmine (al posto suo), lasciando anche in questa occasione un indelebile segno a livello psicofisico.
E la pesca della “Matrona” a mani nude? Quale più consone duello (quasi) ad armi pari, riuscire a catturare una trota di quelle dimensioni?
Ho quindi assaporato il susseguirsi di fatti personali e situazioni che coinvolgevano le genti di quei tempi, sempre avvinta e curiosa di penetrare ancora di più in queste testimoniane di un personaggio così speciale quanto ritenuto controverso dalle malelingue che devono sempre intromettersi per piantare qua e là la zizzania… ahhh erba così amata dal genere umano!
E questo era solo l’inizio: la seconda parte della biografia sarà ancora più coinvolgente (ed un tantino pepata), da consumarsi senza esagerare, come il buon vino, poco alla volta!

 

 

http://image.anobii.com/anobi/image_book.php?item_id=01f7f321394811d836

Insubria verso nord: Parte 2

Nel secondo tomo dell’autobiografia, la famiglia dell’autore trasloca nel locarnese e per il giovane Tito, la sfida si fa ancora più sentita.
La narrazione molto avvincente non segue più la linea del Tempo, per ragioni di narrazione, il ritmo è quindi scandito e suddiviso tra “passato” (in Ticino) e “futuro narrante” nei luoghi visitati dall’autore, con diverse citazioni del suo attuale paese di domicilio, il Guatemala.
Le svariate esperienze si fanno marcatamente più estrose (vedi viaggio con l’auto verso il Libano) portando alla narrazione una sorta di sentore passionale.
Le tensioni psicologiche, in un certo senso, fanno soffrire anche il lettore. Nei capitoli descrittivi della sua attività quale custode presso la capanna di Robiei, con momenti di cordoglio e dolore per le fatalità occorse, alle gare di staffetta sugli sci dove il suo innato “charme” aveva generato parecchi alterchi.
Ancora una volta la schiettezza dell’autore è disarmante: a tratti si vorrebbe che i particolari fossero più nitidi… ma forse questo è dovuto al fatto che io sono cresciuta negli stessi luoghi da lui descritti ed ho quindi conosciuto personalmente diversi dei personaggi che nel corso della narrazione brillano d’arguzia o di stupidità!
Se nel primo volume vi è radicata l’umile speranza di un bambino cresciuto con sani ideali, in questa seconda parte biografica, il giovane è smaliziato ed ha finalmente compreso che il mondo non si può cambiare ma bensì si deve cambiare il proprio approccio verso il mondo.
Nascono quindi mete ed obiettivi sempre più lungimiranti, che lo vedono salire sempre più su nella “gerarchia” mondana.
Gli ideali di gioventù s’insabbiano e seppure con un certo malessere che traspare dalle parole, l’astuzia lo porta a lucrare con vendite di libri antichi o arredi carpiti a buon prezzo dai solai o cantine dei loro proprietari.
Il senso dell’humour ci accompagna durante tutta la lettura, ogni tanto qualche stravagante confessione ci coglie impreparati (la signora che non voleva togliersi la pelliccia) come pure l’avventura con l’amico pittore all’Happyville.
Forse per punizione (divina?), ecco che la vecchia negromante contornata da un esercito di gatti, non ha voluto svelare ciò che gli asti interpellati le avevano rivelato: il futuro dell’allora giovane Tito.
Il suo fiuto per gli affari fiorisce in modo impressionante, anche se il suo apprendistato non era stato agevolato dal datore di lavoro un po’ troppo pieno di sé, la gavetta lo ha forgiato in modo ottimale!
Da quel momento in poi, il desiderio di emigrare diventa una costante, quasi un’irrefrenabile fissazione.

Arrivata all’ultima pagina, sorge dentro di me la spontanea domanda: e poi?
Mi sembra palese che per scrupolose ragioni letterarie la narrazione ha subito delle “limature” poiché in questo caso l’estro narrante dell’autore è certamente paragonabile al cilindro di un prestigiatore!
Quindi mi pregusto il proseguo di quest’avventura che troverà plauso certo da parte dei suoi affezionati lettori.
Un romanzo da non perdere!

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (not published)

  • Il Segreto degli Annwyn Edizioni Ulivo – Balerna ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • Chrysalis Bartók

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Donate… to help them!

  • Help PAWS in Mauritius

%d bloggers like this: