• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

The Clock [thoughts from: The game of glass beads – Hermann Hesse]

The Casa Camuzzi in Montagnola – Collina d’Oro – Ticino, was built in the middle of the 19th century by the Ticino architect Agostino Camuzzi and was completed in 1853. The Nobel Prize winner Hermann Hesse from 1919 to 1931, as well lived there. The Glass Beads Game is one of Hesse’s notable works.

I walk with bowed head, looking at the tip of my gym shoes smeared with mud, as I fear that my steps might awaken the souls of the past who have stayed in this magical place. But I just leave confused traces where the grass does not cover the passage, which overlaps with those of a dog or perhaps a plump cat.

The scents of grass and wet earth are tinged, but most of all the acrid smell of smoke emerges. The clock overlooking the stairs to the park marks 2:00 but it is almost night. Who knows for how many years has stopped working? With the imagination I can imagine the noble women who were facing from the balcony, to spy who wandered down below in the park philosophizing. I smile at this bizarre idea while I try to remain vigilant, ready to flee at any sudden noise or shadow.

The yellowish façade’ plaster is crumbling, eroded by centuries while ivy is a reddish patch that looks like stale blood, violently clinging to the iron bars of the windows with half-closed shutters. Who knows what else is hidden from view of the curious sparrows that have woven bushy stems under those baggy parapets! Fragile nests, unusual homes of winged and ephemeral dreams. Those of once, those that will be, the same as ever, those of everyone.

And here everything is decadent and deprived of its original beauty: those Baroque frills are now just a tangle torn in several places. How could it be so neglected in the last century? What will become of this park? What will succeed in pursuing the thirst for wealth of those who wanted, even here, to speculate on a property even on the list of cultural heritage? The thought flows around and without effort sees the previous facts in the region… so many… too many!

The evening sun is hidden behind thick clouds dark and menacing, ready to be torn to unleash their liquid fury above the ground already soaked and slippery. The swallows fly low, almost to verge on the top of the old trees that will be soon cut.

I realize I’m shaking, sadness, anger… maybe. Or fear. Fear of what or whom?
The demolition company doesn’t works on Sundays and certainly no one else would dare to infringe peremptory orders that dominate the large sign: a warning to the wicked, or nostalgic. I hold in my hands the camera; I realize that the tremor became more intense.

I managed to get through the hole in the wall, where the twisted iron fence has already started to rust. It was an act dictated by the impulse, the desire to see it, once again, the mansion, despite the sign on the gate that prohibits the entrance to the non-professionals.

The big oleander wood and unpruned plane trees hinder the passage: I wonder how long a gardener has not set foot in this park, but Camuzzi house was a meeting place for enlightened minds, intellectuals forced into exile, artists in search of inner peace and, perhaps, were also frequented by madmen.
My grandfather used to tell me a story, when I was having fun sitting on his knees pulling his mustache to see how long they were. It was a strange story, for a child of six years old. He said, my grandfather, since 1919 had lived in that property a man who wrote stories full of wonderful humanitarian ideals and utopian visions.

He had known him, my grandfather, and a few times he met him walking below, toward Agra, in the woods which at that time were still immense. Since then it has been over century! Later, grandfather said, that gentleman was confined to his property isolating himself from the world.

They did not speak the same language, but understood each other because both were very wise. My grandfather knew the names of all the plants, all the birds that hovered in the air and all the fish that swam in the lake! My grandfather knew how to read the clouds and perceive in the wind if rain would come and he knew what was good for the land which he cultivated with great love. Of course, my grandfather was a very wise man… he loved animals and plants and respected them.

Many years later, when the memories just brought me back the words of my grandfather, I thought back to the writings of this man so special that he lived in this villa. I keep a particular booklet, gift of my grandfather for my twelfth birthday. A story that is somehow imbued with memories and adventures of the writer himself… and maybe these are the same that I now want to touch with curious and greedy eyes.

I turn around and the look runs along the wall, down below, to the side of the road. I want to make sure that no one has stealthily followed me: what I’m doing is cruel and at the same time prohibited. I’ll steal archetypes images, the universal ones, the same written in the Siddhartha, whom represent the dark side of the collective subconscious, as they were defined by a well-known psychoanalyst who upset Freud’s theories. These will be images to witness the abandonment and destruction of this shrine, wanted by the sacrilegious selfishness and greed, and then I’ll feed it to those who want to shout immorality!

I think of the gentry, whom at this very moment are sitting on the veranda sipping an aperitif before Sunday’s dinner, or those who are in the town’s bar gossiping and judging the most, just for the pleasure of persecuting, for no weighted reason. This is the human nature. Over this hill, over the wall of the house and beyond the recklessness of the big palaces built in bulk, the vision of the underlying arm of Ceresio’s Lake is a panacea of blue. One might wonder why they allowed it to erect on this ground, embraced between two streets. But times have changed and with them the vision of the people. Even the thick wood that came down to the lake no longer exists, already for some fifty years. Matter of political priorities, economic, silence and conspiracy of silence … a lot of it.

In my jacket pocket I perceive and gently touch the little book by its bluish cover, damaged on the corners and worn for too much wander around in its company. I stop, look up, and then over my shoulder. It is time, once again will resound my voice fragile by emotion. I’m looking for the page where the dry daisy acts as a bookmark:

“See, Govinda, this is one of my thoughts, the ones that I’ve found: wisdom is not communicable. The wisdom of a learned man, who tries to communicate to others, always has a sound of madness … “
Who knows, maybe he, the spirit of the writer, is there hidden somewhere… and he’s watching the self-extinguishing world. Then a meow surprises me. I smile and the sadness of the soul vanishes as if by magic. A rubbing of soft sweetness around my legs, his back arched, his eyes full of infinite’s reflections.

– Hey kitty, but what you’ve done? Did you follow me… we could both end up in a big mess, you know?
The booklet disappears in the pocket, with the hand I touch it to make sure that it stays with me: a memory? For now… Then I bowed and I take my cat in the arms. It’s time to go home, maybe it really is wisdom to let the memories remain as such… Humbly I retrace the path; turn once again and looked up at the clock.
Yes, it’s broken. Shows always 2:00… I smile… but even a stopped clock tells the right time twice a day.(1) 

(1) quote from: The Glass Bead Game, Hermann Hesse in 1943

Copyright © Claudine Giovannoni 2014

…oOo…

Cammino a testa china guardandomi la punta delle scarpe di ginnastica imbrattate di fango, quasi avessi timore che i miei passi possano risvegliare le anime del passato che hanno soggiornato in questo magico luogo. Ma lascio solo tracce confuse, dove l’erba non ricopre il passaggio, che si sovrappongono a quelle di un cane o forse di un paffuto gatto.

I profumi dell’erba umida e della terra sono soffusi, ma più di tutti affiora l’odore acre del fumo. L’orologio che sovrasta la scala d’accesso al parco, segna le 14:00 ma è quasi notte. Chissà da quanti anni ha smesso di funzionare. Con la fantasia riesco ad immaginare le nobili donne che si erano affacciate da quel balconcino, per spiare chi giù sotto girovagava nel parco filosofeggiando. Sorrido a questa bizzarra idea mentre cerco di restare vigile, pronta a scappare ad ogni rumore o ombra improvvisi.

L’intonaco giallognolo della facciata si sta sbriciolando, corroso dai secoli mentre l’edera rossiccia è una chiazza che assomiglia a sangue raffermo, violentemente avvinghiata alle inferriate delle finestre con le persiane chiuse. Chissà cos’altro è nascosto alla visione dei passeri curiosi che hanno intessuto steli cespugliosi sotto quei larghi parapetti! Nidi fragili, inconsuete dimore di sogni alati ed effimeri. Quelli di un tempo, quelli che saranno, quelli di sempre, quelli di tutti.

E qui ogni cosa è decadente, privata della sua originale bellezza: quei fronzoli in stile barocco sono ora solo un groviglio squarciato in più punti. Come ha potuto essere trascurato così in quest’ultimo secolo? Cosa ne diverrà di questo parco? Cosa riuscirà a perseguire la sete di ricchezza di chi ha voluto, anche qui, speculare su una proprietà che addirittura figura nella lista dei beni culturali? Il pensiero scorre intorno e non fatica a visualizzare i precedenti della regione … tanti … troppi!

Il sole della sera è nascosto dietro grosse nuvole oscure e minacciose, pronte a squarciarsi per liberare la loro furia liquida sopra la terra già inzuppata e scivolosa. Le rondini volano basse, quasi a rasentare la cima delle piante secolari che presto verranno tagliate.

Mi accorgo di tremare, la tristezza, lo sdegno … forse. O la paura. Timore di cosa o di chi?

L’impresa di demolizione non lavora di domenica e certamente nessun altro oserebbe contravvenire agli ordini perentori che troneggiano sul grosso cartello: un monito agli scellerati, o ai nostalgici. Stringo tra le mani la macchina fotografica, mi accorgo che il tremito si è fatto più intenso.

Sono riuscita ad entrare attraverso lo squarcio nel muro, dove la ramina contorta ha già iniziato ad arrugginire. È stato un atto dettato dall’impulso, dal desiderio di vederla, ancora una volta, la villa, malgrado il cartello posto sul cancello che vieta l’entra ai non addetti ai lavori.

Il grosso bosco di oleandri ed i platani non potati, ostacolano il passaggio: chissà da quanto tempo un giardiniere non ha più messo piede in questo parco, eppure casa Camuzzi era stata luogo d’incontro di menti illuminate, d’intellettuali costretti all’esilio, d’artisti alla ricerca della pace interiore e, forse, l’hanno frequentata anche dei pazzi.

Mio nonno soleva raccontarmi una storia, quando seduta sulle sue ginocchia mi divertivo a tirargli i baffi per vedere quant’erano lunghi. Era un racconto strano, per una bimba di sei anni. Diceva, il nonno, che dal 1919 in quella proprietà aveva vissuto un uomo che scriveva storie ricche di ideali umanitari e meravigliose visioni utopiche.

Lo aveva conosciuto, mio nonno, e un paio di volte lo aveva incontrato passeggiando più sotto, verso Agra, nel bosco che a quei tempi era ancora immenso. Da allora è trascorso più di un secolo! In seguito, diceva il nonno, quel signore si era rinchiuso nella sua proprietà isolandosi dal mondo.

Non parlavano la stessa lingua, ma si capivano poiché entrambi erano molto saggi. Mio nonno conosceva il nome di tutte le piante, di tutti gli uccelli che si libravano nell’aria e di tutti i pesci che nuotavano nel lago! Mio nonno sapeva leggere nelle nuvole e percepire nel vento se sarebbe arrivata la pioggia e sapeva ciò che era buono per la terra che coltivava con grande amore. Certo, mio nonno era molto saggio … amava gli animali e le piante e li rispettava.

Molti anni più tardi, quando solo i ricordi mi riportavano le parole del nonno, ho ripensato agli scritti di quell’uomo così speciale che ha abitato in questa villa. Serbo un libricino particolare, regalo del nonno per il mio dodicesimo compleanno. Una storia che in qualche modo è intrisa di ricordi e di vicissitudini dello stesso scrittore … e forse sono le stesse che ora voglio toccare con occhi curiosi e avidi.

Mi volto e lo sguardo corre lungo il muro di cinta, giù in fondo, verso il lato della strada. Desidero assicurarmi che nessuno mi abbia furtivamente seguita: ciò che sto per fare è crudele ed al contempo proibito. Ruberò immagini di archetipi, quelli universali, gli stessi ripresi nel Siddhartha, quelli che rappresentano il lato oscuro del subconscio collettivo, come vennero definiti da un noto psicanalista che sconvolse le tesi freudiane. Saranno immagini a testimonianza dell’abbandono e rovina di questo santuario, voluto dal sacrilego egoismo e dalla cupidigia, poi lo darò in pasto a chi vorrà gridare all’immoralità!

Penso alla gente perbene, che in quello stesso attimo se ne sta seduta nella veranda a sorseggiare un aperitivo prima della cena domenicale o a quelle persone che al bar del paese stanno spettegolando giudicando i più, solo per il diletto di infierire, senza nessuna ragione ponderata. Questa è l’indole umana. Sopra questa collina, oltre il muro di cinta della villa e al di là della sventatezza dei grossi palazzi edificati alla rinfusa, la visione del sottostante braccio del Ceresio è una panacea di blu. È lecito chiedersi perché abbiano permesso che si edificasse proprio su questo terreno, abbracciato tra due stradine. Ma i tempi sono cambiati e con essi la visione della gente. Anche il folto bosco che arrivava giù fino al lago non esiste più già da una cinquantina d’anni. Questione di priorità politiche, economiche, di silenzi e di omertà … tanta.

Nella tasca della giacca percepisco e tocco con delicatezza quel libricino dalla copertina azzurrina, rovinata sugli angoli e consunta per il troppo girovagare in sua compagnia. Mi fermo, guardo verso l’alto e poi oltre le mie spalle. È giunto il momento, ancora una volta potrà risuonare la mia voce fragile dall’emozione. Cerco la pagina, dove la margherita secca funge da segnalibro:

“Vedi, Govinda, questo è uno dei miei pensieri, di quelli che ho trovato io: la saggezza non è comunicabile. La saggezza che un dotto tenta di comunicare ad altri, ha sempre un suono di pazzia …”

Chissà, forse lui, lo spirito dello scrittore, è là nascosto da qualche parte … e sta osservando il mondo che si auto annienta.  Poi un miagolio mi sorprende. Sorrido e la tristezza dell’animo svanisce come per incanto. Uno strusciare di morbida dolcezza attorno alle gambe, la schiena arcuata, gli occhi pieni di riflessi d’infinito.

– Hei micio, ma che hai fatto? Mi hai seguito … potevamo finire entrambi in un grosso pasticcio, sai?

Il libricino sparisce nella tasca, con la mano lo tocco per essere sicura che resti con me: un ricordo? Per ora si … Poi mi chino e prendo il mio gattone tra le braccia. È ora di ritornare a casa, forse è davvero saggezza lasciare che i ricordi restino tali …  Umilmente ripercorro il vialetto, giro ancora una volta lo sguardo verso l’orologio.

Sì, è rotto. Segna sempre le 14:00 … sorrido … eppure anche un orologio fermo segna l’ora giusta due volte al giorno. (1)      

(1) citazione da: Il gioco delle perle di vetro, Hermann Hesse 1943

Copyright © Claudine Giovannoni 2014

Desert Dunes * Dune nel deserto

.

.

I completed the english translation…  have a lovely weekend…  into the myths and Claudine’s fantasies!

English text first   ***   in lingua intaliana alla fine

.

.

.

.

Desert Dunes

.

The look runs, following the thought’s outlines, driven down from the barren hill rolls up to reach the shores of the lake. On a late winter morning that still has the bitter taste of coffee, sipped with pleasure; it’s a new day in which the mind trapped in this body, will find its limits, fears… and will compare against the ancestral muse.

But for me everyday it’s like that. Rays imbued with soft amber, injure the eyes that shouldn’t look at those shiny swords made of flickers and dances among the palms’ branches.

But how to hold on your thought? It flies, fast, beyond the lake’s shores that now quiet as a mirror of slate, also disdain the wind blowing. Then passes through time and space, escapes to rummage through where memories are waiting of being awakened and then led out by the hand. Crosses the boundaries dictated by human dimension, there beyond, the infinite space of perceptions oblivious of constituency. Thus radiant, so hungry to relive feelings, the thought pushes me to grasp the emotion and then throw my conscience into the cheering arms of a dream of the past.

At first I rebelled, then I let myself be seduced by the sweet and passionate numbness that only the thought knows how to transmit. I smile to myself, aware, once again, to give in too easily to its flattery that inevitably bring me back to suffering. Every memory, carries with it the ineffable duality of good and evil. Both traces marked into focus on the skin of all Beings, sometimes handled inconsistently since they do not follow the course of virtuous wisdom but to the dissolute and disrespectful of the Passion. We are unable to learn from the mistakes of the past, we tend to always persevere in the dullness in a pattern that we carry saddled to our spirit… But already the thought starts to fly with the proper dignity of its nature, I abandon myself for a moment in a initial panic but then, as light as the inconsistency of the air, I grab it holding me clutched to its many nuances…

I close my eyes, I entrust to the its scent of fear and boundless pleasures as oblivion and peace of mind penetrates into myself. Then the memories of previous lives returns, scenes ever forgotten from my mind assume consistency; slowly I let myself enthrall, drag and gently fall asleep.

And in the dream, the sun arabesque the coolness of the palm trees embroidering on the sand long shadows. Resurface the horses with the manes to the wind and the knights-errant owners of the endless stretches of sand.

I observe the scene from a respectful distance, trying to hide the face with the long blue gauze wisely wrapped around the head. A single tiny slit, so that the eyes can look with marked amazement and curious admiration.

I should not be here. I was banned several times to move up the east bank of the Euphrates in search of hidden treasures. But my rebellious spirit makes no compromises, the pungent desire of escape and emotion is the price with which to pay a life of luxury and quirks between marble’s walls of the palaces with thousand rooms.

I’m what I’m, blessed with noble rank, but in these places I’m just a woman, who in the eyes of my people means submission.

The breeze has turned into piercing wind that with each gust fills with sand the folds of my dress, blinding me. But it’s too exciting to watch the riders, hear their cries praise “bism Allah” and “Allah Akbar” (God is great) I feel as if paralyzed and my eyes follow the frantic racing horses. Freedom at last! This sublime indescribable feeling that can’t be bought or bargained for, but rather only conquered with determination… and sometimes with death.

(To those who asked me the translation, here the  ENGLISH VERSION  of the whole story… I hope you enjoyed!)

Dune nel Deserto (racconto)

Lo sguardo corre, seguendo i contorni del pensiero, sospinto giù dalla brulla collina rotola fino a raggiungere le rive del lago. In un mattino di fine inverno che ha ancora il sapore del caffè amaro, sorseggiato con gusto e diletto; è un nuovo giorno dove la mente imprigionata in questo corpo, ritroverà i suoi limiti, le sue paure e si confronterà con le muse ancestrali.
Ma per me è così ogni giorno. Raggi intinsi di tenue ambra, feriscono occhi che non dovrebbero osservare quelle lucenti spade fatte di guizzi e danze tra le fronde delle palme.
Ma come poter trattenere il pensiero? Esso vola, veloce, oltre le sponde del lago che ora pacato come specchio d’ardesia, anche il soffio del vento disdegna. Poi attraversa tempo e spazio, sfugge a rovistare dove ricordi attendono d’esser risvegliati e poi condotti fuori per mano. Varca i confini dettati dalla dimensione umana, là ben oltre, lo spazio infinito delle percezioni dimentiche di circoscrizione. Raggiante quindi, assetato di sensazioni da rivivere, il pensiero mi sospinge ad afferrare l’emozione per poi scagliare la mia coscienza tra le braccia acclamanti d’un sogno del passato.

Inizialmente mi ribello, poi mi lascio sedurre da quel torpore dolce e passionale che solo il pensiero sa trasmettere. Sorrido a me stessa, conscia, ancora una volta, di troppo facilmente arrendermi alle sue lusinghe che inevitabilmente mi riconducono alla sofferenza.
Ogni ricordo, trascina con sé la dualità ineffabile del bene e del male. Entrambe tracce marcate a fuoco sulla pelle d’ogni Essere, gestite a volte in maniera incoerente dacché non seguono il corso virtuoso della saggezza ma bensì quello dissoluto ed irriverente della Passione.
Non possiamo imparare dagli errori del passato, sempre tendiamo a perseverare nelle ottusità seguendo uno schema che portiamo accollato al nostro spirito… Ma già il pensiero inizia a volare con dignità propria della sua natura, mi abbandono per un attimo in preda al panico iniziale ma poi, leggera come l’inconsistenza dell’aria, lo afferro trattenendomi avvinghiata alle sue molteplici sfumature…
Chiudo gli occhi, mi affido al suo odore di paure e piaceri sconfinati mentre penetra in me l’oblio della pace dei sensi. Ritornano quindi i ricordi di esistenze precedenti, scene mai obliate dalla mia mente assumono consistenza; lentamente mi lascio stregare, trascinare e dolcemente mi addormento.

E nel sogno, il sole arabesca la frescura delle palme che ricamano ombre allungate sulla sabbia. Riaffiorano i destrieri dalle criniere al vento ed i cavalieri erranti padroni delle distese di sabbia sconfinate.
Osservo la scena da rispettosa distanza, cercando di nascondere il viso con la lunga garza azzurra saggiamente avvolta attorno al capo. Un’unica fessura minuta, affinché gli occhi possano guardare con marcato stupore ed ammirazione curiosa.
Non dovrei trovarmi qui. Mi è stato più volte vietato di risalire la sponda orientale dell’Eufrate alla ricerca di tesori nascosti. Ma il mio spirito ribelle non accetta compromessi, il desiderio pungente di evasione ed emozione è lo scotto col quale pagare una vita di vezzi e lusso tra mura marmoree di palazzi dalle mille stanze.
Sono quella che sono, baciata da nobiltà di rango, ma in questi luoghi resto una donna, che agli occhi del mio popolo significa sottomissione.
La brezza si è trasformata in vento pungente il quale con ogni folata riempie di sabbia le pieghe del mio abito accecandomi. Ma è troppo eccitante guardare i cavalieri, sentire le loro grida inneggiare “Bism Allah”e “Allah Akbar” (Dio è grande) mi sento come paralizzata ed i miei occhi seguono concitati le corse dei destrieri. Libertà, infine! Questo indescrivibile sublime sentimento che non può essere acquistato o mercanteggiato, ma bensì unicamente conquistato con determinazione e… talvolta con la morte.

Qui trovi la continuazione del racconto, clicca per accedere!

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 59,822 hits
  • Translate