• Simply… woman

    Sara Luna e Claudine
  • I support ANIMAL RIGHTS

  • me and my girl :-)
  • Mi sento unicamente una "Cittadina del Mondo"
    figlia, madre, amica, compagna, donna...
    Ho viaggiato lungo rotte conosciute ed altre ignote, per lavoro ma anche per curiosità o solo per il desiderio di scoprire nuovi luoghi!
    L'esperienza a contatto con altri popoli, religioni e culture, mi ha insegnato a venerare Madre Natura ed ogni forma di vita che ci conduce a valutare precetti inconfutabili, ma che purtroppo troppi ignorano nel più assoluto egoismo.
    Vi apro le porte del mio mondo virtuale... seguitemi lungo l'itinerante scorrer d'acqua lasciando traccia di vissuto.

  • What to say about Claudine? She is passionate about living a present, balanced and authentic life, with a healthy dose of humor! She loves to travel the world, explore new places, people and food, but equally loves to retreat into silent solitude. She is a writer who follows a hidden path, into an unfamiliar world. If you just surrender and go with her on her eerie journey, you will find that you have surrendered to enchantment, as if in a voluptuous and fantastic dream. She makes you believe everything she sees in her fantasy and dreams. But as well you take a journey to the frozen mountain peaks of the north of Europe, to the crowded sweating streets of Mexico or Africa. Her characters are wonderfully real and wholly believable perfectly situated in her richly textured prose. She’s a lovely person and she writes with exquisite powers of description! She’s simply great! R. McKelley

    ***

    Chi è Claudine? Lei è appassionata nel vivere al presente una vita equilibrata e autentica, con una sana dose di humour! Ama viaggiare per il mondo, esplorare nuovi luoghi, persone e cibo, ma ugualmente ama ritirarsi in solitudine, nel silenzio. E' una scrittrice che segue un sentiero nascosto, verso un mondo sconosciuto. Se solo vi arrendete e andate con lei in questa spettacolare avventura, realizzerete che vi siete confidati all’incantevole, come in un sogno fantastico ed avvolgente. Vi farà credere ad ogni cosa che lei vede nei suoi stessi sogni e fantasie. Ma inizierete anche un viaggio verso le cime ghiacciate del nord Europa, verso le strade affollate del Messico o Africa. I protagonisti sono magnificamente reali e totalmente credibili stupendamente inseriti nella ricca trama di prosa. E’ una “grande” persona e scrive con uno squisito potere descrittivo. E’ semplicemente magnifica.

  • Read the Printed Word!
  • Protected by Copyscape Web Plagiarism Check
  • I'm an Ethical Author
  • Disclaimer

    Unless otherwise indicated, the images and multimedia products published are taken directly from the Web and are copyright of the individual authors. Their publication does not intend to violate any copyright; in the event that a violation has occurred, please report it to me and I will arrange for its immediate removal.

  • Categories

La Kitsune (romanzo) di Gian Paolo Marcolongo

La Kitsune

I state that since always I have had a strong connection with Japan and when I read the title of this novel, obviously, I was immediately extremely intrigued.
I know several Japanese legends, learned during the various trips I made between Tokyo, Osaka, and Kyoto. I must also admit that my daughter collects “manga” and “anime” and she has all the animēshon of Hayao Miyazaki, which are also my favorites.
The legend of the Kitsune no yomeiri (nine-tailed fox) is also known outside of Japan; great cleverness and intelligence are attributed to the Kitsune, as well as the ability to take human form to deceive people (in essence she is a shapeshifter).
Marcolongo’s novel recalls ideas from an ancient legend written by the monk Kyoukai between the 8th/9th century, but the author inserts other details with skill and strong suspense, a typical imprint of his particular writer’s style.
In the beautiful story, we find parallelism between an intense love story dating back to 1999 between Klaus and Amanda and that of 2009/2010 between Pietro and Elisa. While Pietro’s introspections sometimes distract us from the plot, making us understand even better the character of the protagonist.
Both stories are set in the same old hut isolated from the rest of the world, on the slopes of Mount Antelao in the Dolomites.
Following the common thread, I immersed myself in the immensity of the forest, stepping on the fragrant moss of wood and wet leaves: I was intrigued, very intrigued.
Behind every fir or larch, it seemed to me that I could see the Fox… but perhaps, the reddish flicker was only a shadow play at sunset when, like swords, the rays crossed the black foliage of the trees.
Marcolongo brings the reader back and forth in time by carrying out an in-depth analysis of the thoughts of Pietro, the main character. His lifestyle choices, disappointed expectations in the work field and uncertain expectations in the emotional field that despite his 35 years, had still kept him a virgin.
It all starts with a strange announcement that appeared in the Gazzettino di Belluno: “two thousand perches of wood on the slopes of Mount Antelao for sale …”

And Pietro’s life takes a definitive turn that will upset his every prognostic, every desirable idea of ​​what is really good for him.
Only towards the end of the story, do the pieces start to fit together and the plot again takes on a clarifying reversal. But nothing in this novel is given to chance since it was Pietro’s destiny to meet the Kitsune and to receive the magical gift that, again, would have changed his life.

© Alexandra Bochkareva

© Alexandra Bochkareva

 

Premetto che da sempre nutro una forte connessione con il Giappone, quando ho letto il titolo di questo romanzo, evidentemente, sono subito stata estremamente incuriosita.
Conosco diverse leggende giapponesi, apprese durante i diversi viaggi che ho fatto tra Tokyo, Osaka, e Kyoto. Devo poi anche ammettere che mia figlia colleziona “manga” e “anime” e ha tutti gli animēshon di Hayao Miyazaki, che sono anche i miei favoriti.
La leggenda della Kitsune no yomeiri (Volpe a nove code) è conosciuta anche fuori dal Giappone; alla Kitsune si attribuisce grande furbizia e intelligenza, nonché la facoltà di prendere sembianze umane per ingannare le persone (in sostanza ella è una mutaforma).
Il romanzo di Marcolongo richiama spunti da un’antica leggenda scritta dal monaco Kyoukai tra il VIII / IX secolo, ma l’autore vi inserisce altri particolari con abilità ed un forte suspense, impronta tipica del suo stile.
Nel bel racconto, ritroviamo un parallelismo tra un’intensa storia d’amore risalente al 1999 tra Klaus e Amanda e quella del 2009/2010 tra Pietro ed Elisa. Mentre le introspezioni di Pietro, a volte, ci distolgono dalla trama facendoci però comprendere ancora meglio il carattere del protagonista.
Entrambe le storie sono ambientate nella stessa vecchia baita isolata dal resto del mondo, sulle pendici del monte Antelao nelle Dolomiti.
Seguendo il filo conduttore, mi sono immersa nell’immensità della foresta calpestando il muschio profumato di legno e foglie bagnate: ero incuriosita, molto incuriosita.
Dietro ogni abete o larice mi sembrava di scorgere la Volpe… ma forse, il guizzo rossastro, era solo un gioco d’ombre al calar del sole quando come spade i raggi attraversavano le nere chiome degli alberi.
Marcolongo riporta il lettore avanti ed indietro nel tempo effettuando un’analisi approfondita dei pensieri di Pietro, il personaggio principale. Le sue scelte di vita, le aspettative deluse nel campo lavorativo e quelle incerte dell’ambito affettivo che malgrado i suoi 35 anni, lo avevano mantenuto ancora vergine.
Tutto inizia da uno strano annuncio apparso su Gazzettino di Belluno: “vendesi duemila pertiche di bosco sulle pendici del monte Antelao…” E la vita di Pietro prende una svolta definitiva che sconvolgerà ogni suo prognostico, ogni sua auspicabile idea di ciò che è veramente buono per lui.
Solo verso il finale della storia, i tasselli iniziano ad incastrarsi e la trama assume nuovamente una ribaltamento chiarificatore. Ma nulla in questo romanzo è dato al caso poiché era destino di Pietro incontrare la Kitsune e di ricevere il magico regalo che, nuovamente, gli avrebbe modificato la vita

Leave a comment

4 Comments

  1. Grazie. Sono veramente lusingato dalle tue parole e da come hai interpretato i miei pensieri.
    Un abbraccio forte.

    Reply
  2. Oh, that soundssuch a beautiful read!xxx

    Reply
  3. Interessante recensione, Claudine! un abbraccio e buona giornata!

    Reply
  1. Una gradita sorpresa… | Newwhitebear's Blog

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

  • Claudine’s novels * i miei romanzi

  • Piccoli passi nella Taiga (to be published soon)

  • Il Segreto degli Annwyn – Edizioni Ulivo ISBN 978 88 98 018 079

  • The Annwyn’s Secret Austin Macauley London ISBN 9781785544637 & ISBN 9781785544644

  • The Annwyn’s Secret

  • Silloge Poetica “Tracce” – Edizioni Ulivo Balerna

  • Il Kumihimo del Sole – Seneca Edizioni Torino

    ISBN: 978-88-6122-060-7
  • Il Cristallo della Pace – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-189-5
  • Nebbie nella Brughiera – Seneca Edizioni Torino

    ISBN 978-88-6122-055-3
  • I 4 Elementi – Macromedia Edizioni Torino

  • Cats are my inspiration!

  • Remember, transitioning to a plant-based diet that embraces compassion for the animals, your health and our planet isn’t really difficult. You just have to want to do it! For the sake of us all... :-)claudine
  • Amici del Lupo – Svizzera italiana

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Donate… to help them!

  • Blog Stats

    • 59,067 hits
  • Translate

%d bloggers like this: